2008, la Campania è tutta broad band

La promessa è del ministro all'Innovazione nella Pubblica Amministrazione, Luigi Nicolais, secondo cui la regione sarà la prima, in Italia, ad essere interamente coperta dalla banda larga

Roma – Il governo è prodigo di promesse in materia di banda larga: dopo aver reiterato quella secondo cui l’intera penisola vedrà la luce del broad band entro la fine della legislatura, ieri il ministro Luigi Nicolais ha voluto sottolineare che la prima regione ad essere integralmente coperta dai servizi banda larga sarà la Campania. E questo accadrà entro la fine dell’anno prossimo.

Nel corso di un convegno, il Ministro all’Innovazione nella PA ha dichiarato che “la larga banda è essenziale per trasformare la Pubblica Amministrazione in senso fully digital e la Campania dovrebbe essere la prima regione ad esserne dotata in tutto il territorio”.

Per garantire un obiettivo che certamente interesserà i molti campani oggi completamente esclusi dal broad band, il Governo mette sul piatto 50 milioni di euro . Si tratta di fondi che arrivano in buona parte dall’Unione Europea e che sono frutto di un progetto di coordinamento e sviluppo dell’area voluto dalla Regione e dagli uffici tecnici dello stesso Ministero all’Innovazione nella PA nonché degli Affari regionali.

“Per i primi mesi del 2008 – ha anche dichiarato Teresa Amato , assessore all’Innovazione della Campania – sarà pronto il piano regolatore della larga banda che toccherà entro l’anno prossimo il 98 per cento dei comuni campani”.

Una parte dello sviluppo della rete campana sarà evidentemente affidato al wireless e, in particolare, allo sviluppo dei servizi WiMax. Per questi ultimi, come noto, si sta attendendo ormai da lungo tempo la pubblicazione del bando di gara per l’assegnazione delle frequenze, bando che dal Ministero delle Comunicazioni con una periodicità di circa una volta alla settimana spiegano essere imminente .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nilok scrive:
    Diritti dei fruitori
    Dico solo che se una cosa non la voglio....non la prendo...e credo di aver così rispettato il mio "diritto di fruitore".Inoltre ti faccio presente che le Televisioni, quando trasmettono un Film (che da quel momento in poi si potrebbe TRANQUILLAMENTE considerare come "di tutti"), pagano un "Diritto d'Autore" RIDICOLO...paragonato a quanto un singolo individuo paga per il noleggio di un DVD!Non capisco perchè io non possa pagare la stessa cifra che paga Mediaset, per trasmettere MATRIX, per noleggiarne il DVD: e sto parlando di cifre così PICCOLE che non esistono monete per pagarle ( 0,000005...circa).Sei così SICURO che gli Autori sarebbero scontenti se la RAI pagasse 3 per ogni spettatore che guarda un Film che viene trasmesso via TV??????????...e da quel momento in poi CHIUNQUE POSSA possederne poi una copia????Forse ora mi sono spiegato meglio.
  • Nilok scrive:
    Ma dai!
    Chissà come mai sono proprio gli Autori che si lamentano di essere sfruttati dalle Lobby dell'industria dell'intrattenimento!Forse non sono stati PROPRIO loro, con l'aiuto di politici compiacenti, a fare quello che dici...Se lavori nel settore della DISINFORMAZIONE, ti consiglio di cambiare atteggiamento perchè, proprio con Internet e le nuove tecnologie, FINALMENTE, gli Autori potranno liberamente gestire i PROPRI Diritti e, nonostante i tuoi incubi negativistici, probabilmente, in questo piccolo ambito, la Società migliorerà....ma capisco che questo ti da un tremendo fastidio.....
  • Nilok scrive:
    Grazie
    Hai ragione....capisco che il razzismo esiste ancora.
  • Nilok scrive:
    Violazione dei Diritti Umani
    Ave.Il "Diritto d'Autore" è degli Autori.Nessuna "rappresentanza" diversa farà MAI gli interessi ESCLUSIVI degli Autori: sono loro e SOLO LORO che possono decidere.OGNI altra "iniziativa" potrebbe sfociare in flagranti violazioni dei Diritti Umani:http://it.youtube.com/watch?v=mhCeUmzTnEkA presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/http://it.youtube.com/Nilok1959
    • Izio scrive:
      Re: Violazione dei Diritti Umani
      - Scritto da: Nilok
      Ave.

      Il "Diritto d'Autore" è degli Autori.

      Nessuna "rappresentanza" diversa farà MAI gli
      interessi ESCLUSIVI degli Autori: sono loro e
      SOLO LORO che possono
      decidere.

      OGNI altra "iniziativa" potrebbe sfociare in
      flagranti violazioni dei Diritti
      Umani:

      http://it.youtube.com/watch?v=mhCeUmzTnEk

      A presto.

      Nilok
      http://informati.blog.tiscali.it/
      http://it.youtube.com/Nilok1959Ma figuriamoci!E' vero che nessun'altra rappresentanza farà mai gli interessi ESCLUSIVI degli autori, e per fortuna! Esistono anche i diritti dei fruitori, sai? Fair use, questo sconosciuto.L'UE ha multato l'Italia per via delle "violazioni" del diritto d'autore da parte delle biblioteche, per dirne una. Certo, gli autori & editori sarebbero felicissimi di introdurre il pay per view, e se a decidere fosse un'autorità che facesse i loro ESCLUSIVI interessi, perderemmo tutti i diritti di cui disponiamo oggi, evvai di DRM su tutto. A quando i libri che si cancellano se cambi lo scaffale su cui si trovano?Però, a questo punto, perché non applicare regole simili a TUTTO? Automobili dotate di licenza, che solo il proprietario è autorizzato a guidare. Trapani che funzionano solo in casa tua e se sei tu ad impugnarli. Tostapane che funzionano solo col pane del Mulino Verde.Io spero che qualcosa cambi, perché stiamo rotolando giù da una china.
    • Troll detected ! scrive:
      Re: Violazione dei Diritti Umani
      - Scritto da: Nilok
      Ave.

      Il "Diritto d'Autore" è degli Autori.

      Nessuna "rappresentanza" diversa farà MAI gli
      interessi ESCLUSIVI degli Autori: sono loro e
      SOLO LORO che possono
      decidere.usare il maiuscolo non cambiera' l'insuccesso dei tuoi desideri. gli Autori hanno deciso quali sono i loro interessi e sono anche riusciti a farli codificare nella legislazione da politici compiacenti:sfortunatamente per loro, la popolazione sta ignorando la legislazione.
      OGNI altra "iniziativa" potrebbe sfociare in
      flagranti violazioni dei Diritti
      Umani:

      http://it.youtube.com/watch?v=mhCeUmzTnEke' un video ridicolo, che dipinge la societa' ideale desiderata dalle lobby dell'industria dell'intrattenimento.nessuno rifiuta un film regalato da un amico perche' e' una copia pirata.nella societa' reale, canzoni e film vengono scambiate in maniera sistematica, su scala mondiale, a dispetto dei desideri delle aziende discografiche e cinematografiche.questo avveniva anche prima del digitale, e l'avvento delle nuove tecnologie ha solo permesso di avvantaggiarci dell'uso di internet e dei software di filesharing per rendere piu' efficiente la condivisione delle opere che ci piacciono.se lavori nell'industria dell'intrattenimento, ti consiglio seriamente di cambiare il tuo modello di business, perche' in questo modo stai mettendo a rischio il tuo posto di lavoro e il benessere della tua famiglia.
    • emmeesse scrive:
      Re: Violazione dei Diritti Umani
      Ho visto il filmatino. Buffo.Poi ho dato una occhiata al tuo blog. Scientology.Ora capisco.
  • frank hillary scrive:
    i nomi non servono a niente
    I nomi non servono a niente, dipende da cosa faranno in concreto.
    • bubba scrive:
      Re: i nomi non servono a niente
      - Scritto da: frank hillary
      I nomi non servono a niente, dipende da cosa
      faranno in
      concreto.chiaro. ma non spariamo subito giudizi cosi trancianti.Frontiere digitali dice che il primo approccio con Gambino e' stato positivo. Piu info in http://isotype.org/?page_id=42
    • nomecognome scrive:
      Re: i nomi non servono a niente
      - Scritto da: frank hillary
      I nomi non servono a niente, dipende da cosa
      faranno in
      concreto.cosa farà in concreto CHI ?i nomi servono ECCOME. se mi dici che non ha importanza se sono nomi noti, capisco. Ma io voglio sapere chi fa cosa.infatti in frontiere digitali non c'è scritto chi .
      • emmeesse scrive:
        Re: i nomi non servono a niente
        Credo che siano gli stessi nomi che firmano la lettera aperta gia' pubblicata anche da PI:Alessandro Bottoni - PiratpartietLorenzo De Tomasi Frontiere Digitali - Free Hardware FoundationArturo Di Corinto - docente Uni. Sapienza Cattedra di Comunicazione Mediata dal ComputerAthos Gualazzi - Associazione Partito PirataValeria Noli - Associazione Net-LeftMarco Scialdone - ComputerlawRoberto Tupone - Linux Club Italia
    • Troll detected ! scrive:
      Re: i nomi non servono a niente
      - Scritto da: frank hillary
      I nomi non servono a niente, dipende da cosa
      faranno in
      concreto.esiste forse qualche contesto in cui non e' cosi'?la conversazione puo' continuare senza le tue ovvieta'.
Chiudi i commenti