2011, attenti a quei tablet

Il nuovo anno porterà competizione e un mercato in espansione: gli e-reader si preparano a resistere con modelli a colori, mentre i netbook sembrano arrancare

Roma – Statistiche della società di analisi IDC definiscono un po’ più dettagliatamente il nascente mercato dei “media tablet”, anche se i numeri non sorprendono: dominio assoluto di iPad, che quest’anno dovrà vedersela con i nuovi arrivati fra i concorrenti in un mercato che si allargherà. Andando presumibilmente a soffocare del tutto i netbook.

La nuova categoria parla di “media tablet”. Essi sono definiti come “dispositivi con display a colori compresi tra 5 e 14 pollici e con un sistema operativo leggero (come iOS o Android) e basati o su processori x86 o ARM”. Si distinguono da device monotasking come gli e-reader per “diverse tecnologie di connettività e un’ampia gamma di applicazioni”. Questo nuovo settore è ancora segnato da iPad che detiene l’80 per cento del mercato del 2010 e che anche con l’avvento del primo vero concorrente, Galaxy Tab di Samsung, nell’ultimo trimestre del 2010 ha mantenuto tre quarti del settore.

Le altre categorie di device paragonabili ai media tablet, netbook e e-reader, non sembrano poter mantenere il loro ritmo di crescita, con i primi pronti quasi ad alzare bandiera bianca.
Anche Acer, infatti, sarebbe pronta a lanciarsi nel nuovo settore, con un tablet da 7 pollici e uno da 10 (basati su Android e la nuova linea di processori Intel Sandy Bridge ).

Per quanto riguarda invece i device monotasking , secondo i dati raccolti da IDC, sarebbero 2,7 milioni gli e-reader venduti nel terzo quarto 2010 , contro i 4,8 milioni raggiunti dai media tablet. Le proiezioni di dati per l’ultimo trimestre dell’anno, quello festivo, vedono mantenere la stessa proporzione con 9 milioni di media tablet venduti, contro 5 milioni di e-reader.

Le stime per il 2011 vedono un mercato dei media tablet in grande espansione , con i concorrenti di iPad che arriveranno sul mercato e gli e-reader (anch’essi in crescita) sempre destinati a rappresentare una minoranza, sostanzialmente 1 contro 2: i tablet arriveranno, nelle previsioni, a toccare quota 44,6 milioni di unità, mentre gli e-reader non cresceranno altrettanto velocemente, fermandosi a 14,7 milioni di unità.

Intanto si allarga l’offerta di device: tra i prodotti in arrivo NoteSlate e HP Palm Topaz. Il primo è un dispositivo che punta più al settore degli e-reader, dovrebbe infatti avere un display eInk touchscreen (utilizzabile sia con pennino che con le dita) da 13 pollici (759×1080 pixel) e in grado di mostrare fino a 4 colori . Atteso per giugno, dovrebbe partire da 99 dollari. Nelle versioni successive promette non solo il supporto di programmi di disegno, registrazione di note e lettore MP3, ma anche lettura di PDF e testo e il riconoscimento della scrittura a mano OCR. Il secondo è atteso per il 9 febbraio ed è un tablet da 9 pollici basato sul sistema operativo webOS e sembra adesso dover essere accompagnato da un modello da 7 pollici chiamato Opal .

Su Topaz sono circolate in questi giorni immagini che mostrano un dispositivo con fotocamera frontale, porta microUSB e nessun bottone fisico. Secondo indiscrezioni sia Topaz che Opal saranno dotati di processori da 1.2Ghz e connessione WiFi, AT&T 3G e Verizon LTE.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    Luca, bel titolo
    mi piace il titolo a doppio senso, stavolta l'hai azzeccata.
    • deactive scrive:
      Re: Luca, bel titolo
      peccato che l'uscita di OneNote sia vagamente in ritardo rispetto alle gia' numerose apps che si occupano della stessa cosa.Direi come sempre, in stile MS.Sbaglio o questa e' la prima app pubblicata da MS su App Store?
      • jjletho scrive:
        Re: Luca, bel titolo
        ma tu li leggi gli articoli o commenti a caxxo?live messenger? bing?ad ogni modo anche se ci sono applicazioni che fanno lo stesso non credo possano contare sulla base di installato che ha la suite di office.una buona notizia per gli utenti apple, onenoe è molto comodo
Chiudi i commenti