3 Italia: noi arriveremo prima del WiMax

Sul piatto 300 milioni di euro per portare la connettività mobile veloce nelle aree digital divise del paese, là dove l'ADSL è una chimera. A Punto Informatico 3 spiega: sarà molto meglio del WiMax per questo, questo e quest'altro motivo

Roma – Il digital divide italiano viene preso d’assalto su più fronti: se le politiche governative hanno dovuto cedere il passo al crollo del Governo, se il WiMax non arriverà che tra molto tempo nei luoghi più inaccessibili del paese, 3 Italia invece tenta il colpaccio. Vuole arrivare là dove nessun broad band è mai giunto prima. Per diffondere servizi di connettività mobile e spargere tra gli esclusi della banda larga il verbo dei propri piani tariffari.

3 Italia: noi arriveremo prima del WiMax Per farlo e anticipare tutti, 3 mette sul piatto 300 milioni di euro . Serviranno nei prossimi tre anni ad aumentare la capacità e la copertura della rete HDSPA dell’operatore. “Le aree coinvolte nel progetto – spiega 3 a Punto Informatico – sono quelle del Mezzogiorno, quelle non raggiunte dall’ADSL e oggi servite solo da banda stretta”. “Si parla – sostiene l’operatore – di un bacino di 20 milioni di persone”, quelle che oggi possono disporre solo di narrow band . Già oggi, dice l’azienda, 600 comuni italiani e 1,5 milioni di persone non coperti dall’ADSL sono raggiunti dalla banda larga mobile di 3 Italia.

Da qui e dalla necessità impellente di aziende e consumatori di poter contare su collegamenti veloci, tutta l’opportunità che 3 spera di cogliere a discapito dei propri competitor sul mobile e del wireless in generale. Tutto dipenderà dalla possibilità che la rete di 3 arrivi effettivamente nelle aree escluse, ma moltissimo dipenderà dalle tariffe . Quelle attuali per attività svolte sotto copertura 3 vanno dai 19 euro al mese per 5 giga di traffico (Tre.Dati) ai 9 euro al mese per navigare usando il cellulare come modem con 50 mega di traffico al giorno (Naviga 3) fino ai 3 centesimi di euro per megabyte (SuperWeb). C’è poi X-Series, pensata per utilizzare dal videofonino servizi di photosharing, Skype, eBay, instant messaging e via dicendo: inclusa di default in una serie di abbonamenti consumer e business, X-Series costa 1 euro al giorno oppure 3 alla settimana o 9 al mese.

Il punto chiave, la svolta che potrebbe dare a 3 una vera penetrazione sul territorio dei digital divisi , evidentemente, è però il varo di una tariffa dedicata , una X-Series rivista e corretta per consentire l’accesso a tutti i servizi di rete, una flat che aggiunga all’assenza di limiti sui dati scambiati i vantaggi della connettività mobile disponibile anche al di fuori delle mura domestiche, accessibile sia col cellulare che col computer. Per ora nessun annuncio del genere è pervenuto, nel frattempo però 3 lavora molto per far conoscere l’offerta dati. In particolare con “Prova 3 Gratis”, opzione che consente a 10mila persone per una settimana di sperimentare su Windows e Mac la banda larga di 3 utilizzando un modem USB dedicato.

Il fattore qualità gioca un ruolo fondamentale per creare attesa attorno alle offerte attuali e a quelle che verranno. In una nota diffusa ieri, Vincenzo Novari, amministratore delegato di 3 Italia, ha ricordato che la “banda larga in mobilità incondizionata garantita dall’HSDPA” è una “evoluzione dell’UMTS che permette di raggiungere già 7,2 Mbps in alcuni hot spot in Italia e 14,4 Mbps nel giro di 2 anni”.


la vecchia connettività
3 Italia sembra certa che il suo investimento rientrerà moltiplicato nelle sue casse e sostiene di non temere l’avvento del WiMax , la tecnologia su cui, come noto, l’Italia ora sembra puntare proprio per aggredire quel digital divide che 3 vuole trasformare in un’occasione commerciale. “Non temiamo la concorrenza del WiMax – spiega l’operatore a Punto Informatico – Gli operatori WiMax che hanno preso la licenza hanno piani di investimento comparabili ma su un arco temporale maggiore, di 4-5 anni, e puntano a realizzare inizialmente una infrastruttura che duplica la rete fissa ma non la rete mobile”.

Sulla carta, dunque, 3 sente di avere almeno tre anni per piazzare i suoi avamposti sul territorio senza sentirsi sul collo il fiato dei competitor. “Ad oggi – sottolinea a PI – lo stesso WiMax Forum indica nel 2009 la data di arrivo sul mercato di PDA e smartphone, adatti per la fascia alta di mercato”. Ma non è tutto qui: a fornire un vantaggio competitivo alla soluzione dell’operatore secondo i suoi responsabili sono anche le difficoltà e gli oneri della copertura WiMax . Spiega 3: “Le frequenze assegnate al WiMax in Italia (3,5 GHz, ndr) rendono la copertura territoriale capillare molto onerosa e difficile, non solo rispetto alla duplicazione della rete fissa, ma rispetto alle altre tecnologie radiomobili”.

L’azienda ostenta ottimismo dati alla mano: sul fronte della connettività mobile – dice – “si prevede che gli operatori mobili vendano complessivamente nel 2008 più di quello che hanno venduto nei 4 anni precedenti e le attivazioni di linee-dati mobili (1,4 milioni) superino quelle fisse (1,3 milioni)”. Non solo, continua l’azienda: “Un cliente 3 ogni mese supera 1,2 gigabyte di traffico dati in mobilità, mentre il traffico dati giornaliero transitato sulla rete è raddoppiato negli ultimi 6 mesi, passando dai 2,5 Terabyte/giorno del giugno 2007 ai 5 Terabyte/giorno raggiunti a gennaio 2008”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Grande Cagata
    8 megapixel se non supportati da dimensioni di almeno 1/2.50 pollici o meglio 1/1.7 pollici servono solo ad aumentare il rumore di fondo.Molto meglio una risoluzione allora di 3 - 4 megapixel. Immagino poi che l'oggetto abbia un obbiettivo a focale fissa di dubbia qualita', tanto per rendere meglio evidente l'inutilita' dell'aumento di risoluzione.
    • Nickmio scrive:
      Re: Grande Cagata
      - Scritto da: Enjoy with Us
      8 megapixel se non supportati da dimensioni di
      almeno 1/2.50 pollici o meglio 1/1.7 pollici
      servono solo ad aumentare il rumore di
      fondo.
      Molto meglio una risoluzione allora di 3 - 4
      megapixel. Immagino poi che l'oggetto abbia un
      obbiettivo a focale fissa di dubbia qualita',
      tanto per rendere meglio evidente l'inutilita'
      dell'aumento di
      risoluzione.Infatti NOKIA, anche nel suo nuovo N96, ha continuato a mettere lo ZEISS da 5MP del "vecchio" N95.
      • Jack scrive:
        Re: Grande Cagata
        - Scritto da: Nickmio
        Infatti NOKIA, anche nel suo nuovo N96, ha
        continuato a mettere lo ZEISS da 5MP del
        "vecchio"
        N95.Sarà, ma restando su nokia, ho un n70 e un 6600, e ho provato un N95...a parte determinati controluce che impallano il 6600, molto spesso le foto 640x480 mi piacciono (a monitor, non stampate) di più degli altri due...
  • yappo scrive:
    si ma quanta AREA ha il sensore?
    vojo dì ...eh.chissenefrega dei megapissele?se il sensore è PICCOLO tanto vale mettere direttamente un TAPPO davanti al sensore e generare un bel quadratone da 10 megapìssele tutto con dei bei puntini arancioni e verdi a caso, data la quantità di rumore presente.se l'area del sensore non aumenta ma aumentano i megapixel, si hanno solo immagini di grandi dimensioni, non di grande qualitàe poi che lenti usano? li risolvono gil 8mp?
  • mik.ud scrive:
    Più pixel o più qualità?
    8 megapixel in così poco spazio (pochi fotoni per pixel = molto rumore)? Complimenti, ci mancava proprio una macchina fotografica che accende il flash anche sotto al sole! Rimpiango la mia vecchia Sony 640x480 pochi ma buoni, e le 4 megapixel che ci potevi stampare anche gli ingrandimenti, e non avevano bisogno del flash appena passava una nuvola...
    • Renji Abarai scrive:
      Re: Più pixel o più qualità?
      senza contare che con le ottiche di zio paperino che montano il risultato è scandaloso comunque.
      • MESCAL. scrive:
        Re: Più pixel o più qualità?
        La corsa ai megapixel e' scandalosa... e' solo una questione di marketing. Inutile fare un sensore da 8 megapixel (giusto per dire... io ce l'ho piu' grosso) e poi avere ottiche scadenti o un sensore CCD che ti trasforma la foto da 8 megapixel in un "acquerello"...
        • Giocatore110 scrive:
          Re: Più pixel o più qualità?
          C'è poco da dire:PRENDETEVI MACCHINE FOTOGRAFICHE BUONE! E GLI 8 E PIU' MEGAPIXEL LI VEDRETE ECCOME, SENZA OTTICHE PESSIME E DISTORSIONI O RUMORI A ROMPERE!Scusate ma dovevo metterlo in chiaro.
Chiudi i commenti