A Singapore il wireless sfondamuro

Se l'ultrawideband che si testerà nell'isola convincerà le autorità, come pare destinato ad accadere, Singapore potrebbe essere il primo paese a fare del supera-ostacoli una chiave di sviluppo


Singapore – Arriva nell’ipertececnologica isola di Singapore la tecnologia wireless nota come UltraWideBand (UWB), capace di portare grandi quantità di dati anche attraverso muri ed ostacoli di vario genere in modo molto più efficiente che in passato.

La Infocomm Development Authority (IDA), in pratica una delle grandi agenzie che governano lo sviluppo tecnologico di Singapore e che sovrintendono anche alle telecomunicazioni, ha annunciato l’intenzione di introdurre l’UWB e di partecipare al suo sviluppo. Fino a questo momento l’UWB, che ha appena ottenuto il via libera anche della Federal Communication Commission americana, è stata sviluppata principalmente negli USA.

L’UWB è una tecnologia che sfrutta l’invio di milioni di impulsi al secondo di segnali radio a bassa potenza, caratteristiche che rendono questo sistema adatto non solo alle telecomunicazioni ma anche a sistemi radar e di localizzazione.

Alcune applicazioni, come la possibilità di ottenere rapidamente l’immagine di cose che si trovino sottoterra o dietro ad un muro, richiedono una supervisione regolamentare per evitare abusi. Da qualche tempo l’UWB viene peraltro utilizzata in sistemi noti come Ground Penetrating Radar, che consentono alle forze dell’ordine in casi di emergenza di individuare la posizione di persone che si trovino dietro, o sotto, ad un muro.

Ma le più importanti attese sull’UWB, sostiene IDA , riguardano la trasmissione di dati in ambienti circoscritti, come quello dei network locali, delle LAN aziendali e domestiche, delle comunicazioni da postazione a postazione. Altri utilizzi dell’UWB possono riguardare anche il calcolo continuo della distanza tra veicoli e dunque migliorare i sistemi di prevenzione degli incidenti.

I primi trial della UWB a Singapore saranno condotti nell’area del Science Park II, e consentiranno agli sviluppatori locali di realizzare le nuove applicazioni e verificarle sul campo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti