Acer abbraccia il nuovo Atom

Anche Acer, dopo Asus, ha presentato un netbook basato sulla nuova piattaforma Atom a 32 nanometri con prezzo nella fascia dei 300 dollari

Roma – Acer è tra i produttori di PC che in questi giorni hanno svelato un netbook basato sulla piattaforma Atom di nuova generazione . Il sistema, battezzato Aspire One AO532h, ha uno schermo da 10,1 pollici e utilizza la CPU N450.

Acer afferma che il nuovo Atom, abbinato al chipset NM10 Express, fornisce migliori performance e una più lunga durata della batteria. L’AO532h è in grado di funzionare ininterrottamente per un massimo di 8 ore con la batteria a 6 celle standard (4400 mAh) e fino a 10 ore con la batteria a 6 celle ad alta densità.

Il portatilino ha uno spessore di circa 2,5 cm e un peso di poco superiore agli 1,2 Kg. La sua dotazione hardware comprende 1 GB di memoria RAM DDR2, un hard disk SATA da 160 GB, un controller di rete Fast Ethernet, un modulo wireless 802.11n, una webcam e un card reader. Il touch pad supporta il multi-touch e le gesture, e la tastiera è quasi full-size (93% la dimensione di una tastiera standard).

Come ormai la maggior parte dei netbook di nuova produzione, anche sull’AO532h è installato Windows 7 Starter Edition. Il prezzo del sistema parte da 299 dollari.

Di seguito le specifiche integrali dell’Aspire One AO532h:
– CPU Intel Atom N450 (1,66 GHz, 512 KB di cache L2, FSB a 667 MHz)
– Display da 10,1″ WSVGA
– Chipset Mobile Intel NM10 Express
– Intel Graphics Media Accelerator 3150
– 1024 MB di RAM DDR2-667
– Hard disk SATA da 160 GB e 5400 RPM
– Multi-in-1 Digital Media Card Reader
– Acer InviLink Nplify 802.11b/g/Draft-N Wi-Fi
– 10/100 Fast Ethernet LAN (RJ-45)
– Webcam
– Touchpad con supporto multi-gesture
– 3 porte USB 2.0
– batteria a 6 celle Li-ion (4400 mAh)
– 1,25 Kg di peso
– Colori disponibili: Onyx Blue, Garnet Red e Silver Matrix

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Congestione
    Tradotto: non ci abbiamo i soldi per adeguare l'infrastruttura ai servizi che vendiamo, perciò diamo la colpa agli utenti.
Chiudi i commenti