Acer lancia un home server Atom-based

Il produttore taiwanese ha introdotto sul mercato un home server che utilizza un processore Atom e il sistema operativo Windows Mobile. Grazie a quattro bay, il sistema può supportare fino a 8 terabyte di spazio disco

Roma – Acer ha introdotto nella propria linea easyStore il suo primo home server Atom-based, un sistema a basso consumo rivolto soprattutto a quelle famiglie che possiedono più di un PC e necessitano di un dispositivo per l’archiviazione centralizzata dei propri file e backup.

la macchina L’Aspire easyStore Home Server, modello AH340-UA230N, monta di serie un hard disk da 1 terabyte ma, grazie alla presenza di quattro bay integrati da 3,5 pollici, l’utente può montare altri tre dischi in hot swap per una capacità massima complessiva di 7 TB (8 se si sostituisce l’hard disk fornito da Acer con un modello da 2 TB). Il sistema è poi equipaggiato con 2 GB di RAM, una porta eSATA, 4 porte USB 2.0 e una interfaccia di rete Gigabit Ethernet.

La CPU è costituita da un Atom 230 a 1,6 GHz, che si differenzia dal ben più noto N270 per il TDP più elevato (pari a 4 watt), il package più grande e il supporto ai 64 bit.

Grazie al suo home server, Acer afferma che i membri di una famiglia possono accedere ai propri contenuti digitali – foto, video, musica, documenti ecc – da qualunque luogo (sia interno che esterno alla casa) e in qualunque momento della giornata.

L’Aspire easyStore Home Server rivaleggia in modo abbastanza diretto con il server MediaSmart LX195 di HP, con cui ha in comune il processore e il sistema operativo Windows Home Server.

Attualmente l’home server di Acer è in vendita in USA al prezzo di 400 dollari. L’azienda taiwanese non ha ancora annunciato se e quando l’Aspire easyStore Home Server raggiungerà l’Europa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bucur Lucian scrive:
    Argomento da tesi
    Salve , mi chiamo Bucur Lucian e sono uno studente di Scienze politiche e Relazioni internazionali all' Universita' degli studi di Lecce.ho trovato su internet il Suo interessantissimo articolo, perche' sto cercando del materiale sulla manipolazione dell'essere umano a scopo militare, in quanto sare interessato ad usare tale argomento per la mia Tesi finale di bioetica.LA mia domanda,è se attualmente sull'argomento ci sono fonti e/o notizie ufficiali di qualsiasi genere per potermi dare una base per una tesi universitaria?La ringrazio in aticipo per la sua evntuale rispostaDistinti saluti,
    • krane scrive:
      Re: Argomento da tesi
      - Scritto da: Bucur Lucian
      Salve , mi chiamo Bucur Lucian e sono uno
      studente di Scienze politiche e Relazioni
      internazionali all' Universita' degli studi di
      Lecce.
      ho trovato su internet il Suo interessantissimo
      articolo, perche' sto cercando del materiale
      sulla manipolazione dell'essere umano a scopo
      militare, in quanto sare interessato ad usare
      tale argomento per la mia Tesi finale di
      bioetica.
      LA mia domanda,è se attualmente sull'argomento ci
      sono fonti e/o notizie ufficiali di qualsiasi
      genere per potermi dare una base per una tesi
      universitaria?
      La ringrazio in aticipo per la sua evntuale
      risposta
      Distinti saluti,Ti conviene mandare un messaggio privato o una mail alla redazione, un commento nel forum puo' sfuggire :http://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Alfonso+Maruccia
  • ufo1 scrive:
    Studi sui cervelli umani
    Andando avanti di questo passo, c'è da chiedersi fino a quando i nostri pensieri possono essere ritenuti tali. Come facciamo a sapere se nel frattempo, gli studi siano andati così avanti da indurci pensieri che non provengono dal nostro intimo?"http://salsadibit.blogspot.com/2009/05/nuova-arma-la-telepatia-in-battaglia.html"
    • 01234 scrive:
      Re: Studi sui cervelli umani
      aiuto :-(se fossimo così bravi a salvare vite umane come lo siamo a spegnerle, vivremmo tutti 120 anni e in salute :-(
      • pabloski scrive:
        Re: Studi sui cervelli umani
        ad Okinawa era normale vivere fino a 120 anni, poi arrivarono gli yankee con i loro Mcdonalds e di colpo la speranza di vita si abbassò di 40 anni
        • Polemik scrive:
          Re: Studi sui cervelli umani
          McDonalds... Una volta mangiai per fame un suo panino. Lo ricordo ancora.
          • Elf scrive:
            Re: Studi sui cervelli umani
            - Scritto da: Polemik
            McDonalds... Una volta mangiai per fame un suo
            panino. Lo ricordo
            ancora.L'ultima volta che ho mangiato da McDonald's ho avuto la diarrea per una settimana! Mai più!!!
    • koteko scrive:
      Re: Studi sui cervelli umani

      Come facciamo a sapere se nel
      frattempo, gli studi siano andati così avanti da
      indurci pensieri che non provengono dal nostro
      intimo?Facile, comprati le riviste scientifiche piu' importanti del settore, e leggile tu stesso. Informazione di prima mano, che e' quello che ci vuole in questo paese :
Chiudi i commenti