Acqua su Marte, base su Luna

Sono state trovate inedite evidenze sul Pianeta Rosso: in corso gli accertamenti che potrebbero portare a nuove clamorose decisioni sull'esplorazione spaziale. Nei giorni scorsi NASA ha annunciato il Progetto Moon

Houston – Sono le molte fotografie archiviate negli anni dalla NASA ad aver consentito in queste ore ai ricercatori dei laboratori spaziali di individuare un fatto inedito: la presenza di residui che potrebbero essere stati provocati dalla presenza di acqua e che solo pochi anni fa erano assenti.

Com’è comprensibile, i ricercatori sono molti cauti: la possibile presenza di riserve d’acqua sul Pianeta Rosso potrebbe portare ad un cambio di rotta radicale nelle attuali strategie dell’esplorazione spaziale.

Le novità arrivano da Space.com , dove si spiega che un team di scienziati di Malin Space Science Systems , uno dei soggetti che hanno realizzato il modulo di ricognizione Mars Orbiter , ha esaminato immagini di quelli che sono sempre apparsi come letti di fiumi che un tempo qualcuno ritiene scorrevano in certe zone. Paragonando le immagini più recenti a quelle già archiviate dal 2000 , sono stati raggiunti risultati sorprendenti. “Ciò che hanno trovato – scrive l’autorevole magazine – sono nuovi depositi che non sembrano essere nati da frane quanto invece dall’opera di ghiaccio, depositi di sale o da quelle prove a lungo ricercate del fluire, anche in epoca recente, di acqua su Marte”.

Sono gli stessi ricercatori però a gettare acqua sul fuoco : “Il nostro livello di certezza sul quale possiamo basare la risposta alla domanda se queste evidenze siano state formate dall’acqua è elevato, ma non estremamente elevato. Certo le prove sono assai suggestive”.

Alcune immagini Queste immagini , vedi qui a lato un esempio, scatenano naturalmente le speranze di molti: sebbene più volte siano stati individuati possibili evidenze della presenza di acqua nel remoto passato, il fatto che in questi anni si siano formate nuove evidenze suscita interesse. Non lo nascondono i ricercatori, secondo cui sarà necessario “vedere da vicino” queste formazioni per confermare o smentire tutto questo.

Nei giorni scorsi ha invece sollevato molta attenzione l’ annuncio con cui NASA ha descritto il futuro dell’esplorazione lunare, un futuro che prevede la creazione di una base permanente sulla Luna . L’idea è che, a partire dal 2020, missioni di sei mesi condotte da un pugno di astronauti potrebbero trovare “ospitalità” proprio nella base lunare, ampliandola e potenziandola col tempo. NASA non ha nascosto che potrebbe rappresentare il trampolino di lancio per l’esplorazione di Marte.

Una approfondita sezione del sito NASA è stata dedicata al progetto, con il titolo: “Perché tornare sulla Luna?”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ERIKA scrive:
    N. CARTA DI IDENTITA'
    SAPETE DIRMI QUALE E' IL NUMERO DI DOCUMENTO NELLE NUOVE CARTE DI IDENTITA' ELETTRONICHE ?GRAZIE
  • beyonce james scrive:
    carta d identita
    subito
  • Anonimo scrive:
    che belle le speculazioni
    ah.... ottimofinalmente anche la carta d'identità elettronica....che altro inventeranno... ah ma che stupido...e il bollo dell'assicurazione elettronico? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Non bravi in matematica

    Chi la vorrà dovrà pagare, segnala ADUC,
    il 400 per cento in più di quanto accade oggi
    ...
    poco più di 5 euro contro i 20 che
    richiederà il nuovo documento Il 400 percento IN PIU' sono 5 + 4x5 = 25.Forse il titolo doveva essere "il quadruplo" (senza "in piu'"), o si vuole fare sensazione proprio a tutti i costi?
  • Anonimo scrive:
    L'attenzione degli Inglesi...
    L'ultima volta che ho letto qualcosa di concreto circa l'attenzione degli inglesi è su un libro di storia: nel 1940 gli italiani in Libia disponevano di circa 250 mila militari, gli Inglesi 36 mila, in Egitto. Gli Inglesi ci guardarono con molta attenzione e non sono ancora riusciti a capire come hanno potuto vincere la campagna d'Africa. Sì, ci stanno guardando con la stessa attenzione.... avere la CI elettronica e disporre dei seguenti poteri:visualizzare che esisti;cambiare il titolo di studio;cambiare la professione;NON poter stampare un cavolo di certificato.E' proprio così, ci guardano e sorridono...
  • Anonimo scrive:
    A Pordenone c'è già da un bel pò...
    A PN la carta di identità elettronica viene rilasciata già da più di un anno; il costo del rilascio è di 5,40 euro e non serve la fototessera poichè viene fatta direttamente allo sportello...Vedere per crederehttp://www.comune.pordenone.it/comune/servizidemografici/cartaidentita
  • Anonimo scrive:
    Ma quali 5 Euro
    Non so se dover ringraziare Berlusconi o Albertini , ma a Milano 2 estati fa il rinnovo della carta di identita' mi e' costato circa 15 euro !(ma diciamo anche che il comune di Milano per queste cose non funziona proprio bene. Ad es. in altre occasioni mi ha imposto il rilascio di documenti in carta bollata quando avrei potuto usare anche quelli in carta semplice molto piu' economici !)Anche da 15 a 20 € e' pur sempre un aumento.Certo che se la carta sostituisse veramente altre carte di servizio i 20 € non sarebbero un problema (sia per i minor costi complessivi che per la maggior comodita' nell'avere una sola carta)Altrimenti e' un aumento poco digeribile.
  • Anonimo scrive:
    CIE: inutilità assoluta
    La CIE, se mai arriverà nelle tasche degli italiani, non servirà a niente: non esistono servizi web degni di nota che la sfruttino come sistema di autenticazione, ed in più in molte regioni subisce la concorrenza della Carta Regionale dei Servizi (un classico doppione all'italiana).In più, l'infrastruttura per il rilascio non è né economica (si parla di 20.000 euro a postazione di rilascio) né facilissima da implementare per gli 8000 comuni italiani.Sarebbe meglio lasciar perdere, ma ormai...
  • Bisco scrive:
    Plastica vs Carta tessuto
    Come fa un pezzo di carta a costare più di una carta tessuto, per giunta lavabile, come le banconote tanto per intenderci?La mia videoteca me la da gratis e io la dovrei pagare 20 euro. Per farci cosa poi? Già con il nuovo codice fiscale con integrata tessera sanitaria sono costretto a portare anche la vecchia tessera sanitaria, perchè (almeno a Roma) non accettano quella nuova, in futuro, quanto deve diventarmi grande questo benedetto portafoglio?Ad oggi scoppia! Tra tessere supermercati, bancomat, carta di credito (che si smagnetizzano e ancora non hanno inventato un c...o di chip - così come sono le tessere del telefono....) e attrezzi vari, il portafoglio è gonfio, gonfissimo, ma ben pochi soldi ci sono dentro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Plastica vs Carta tessuto
      Come già detto nn servirà a nulla o semmai a farmi comprare un portafoglio GIGANTESCO!!!lol lol lol lol lol lol lol lol
  • Anonimo scrive:
    Scommetto che...
    tra 2001 e 2006 per PI non è stato fatto nulla al riguardo!Oggettivitààà...dove seeiii?Ho la CIE da anni ormai...funziona e ci sono diversi servizi accessibili con password....ah ho pagato 5-10 euro per averla, non 20.Come sempre qualcuno cerca di dimuire le tasse (magari di poco) e qualcun altro le aumenta, credendo che siamo tutti ricchi.
  • Enjoy with Us scrive:
    20-30 Euro ?
    Ma che bello Visco e Padoa Schiappa non sono ancora contenti per tutte le nuove tasse gi' programmate, ne inventano di nuove!Personalmente mi guardero' bene dal fare un simile documento, gia' non mi sembra giusto pagare i 5 euro per la carta d'identita' normale, visto che e' un obbligo di legge, figuriamoci per qusta diavoleria elettronica da 20-30 euro, piuttosto li butto in un decoder DTT, piu' utile e meno pericoloso (li non ci sono conservate le mie impronte digitali almeno)
    • Anonimo scrive:
      Re: 20-30 Euro ?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma che bello Visco e Padoa Schiappa non sono
      ancora contenti per tutte le nuove tasse gi'
      programmate, ne inventano di
      nuove!Che è una fesseria siamo d'accordo, ma guarda che il tuo amico Berlusconi aveva fissato il costo a 40-50 euro prima delle elezioni ...
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: 20-30 Euro ?
        50 euro voleva Berlusconi?Nessuno è perfetto!Ma perseverare è diabolico!
        • Anonimo scrive:
          Re: 20-30 Euro ?
          Grande Berlusca! A lui 50 euro glieli avrei dati, almeno mi fa ridere più del mortadella!Mi ricordo ancora le ghignate grazie alla sua bandana ghghgh
    • Birzio scrive:
      Re: 20-30 Euro ?
      Non intendo aprire polemiche politiche, ma almeno informati prima di addebitare una tassa ad un ministro! (troll2)(troll2)Se cercassi le informazioni, noteresti che fu l'ex-Ministro Stanca ad emanare il DDL il 9 Maggio 2006. Guarda il link qui sotto:http://www.forumpa.it/archivio/3000/3400/3470/3474/puntocie-vicine.htmlPer quanto riguarda il DTT, be'...io non vedo ancora contenuti diversi dall'analogico! A parte il calcio :-oCiaoFab- Scritto da: Enjoy with Us
      Ma che bello Visco e Padoa Schiappa non sono
      ancora contenti per tutte le nuove tasse gi'
      programmate, ne inventano di
      nuove!
      Personalmente mi guardero' bene dal fare un
      simile documento, gia' non mi sembra giusto
      pagare i 5 euro per la carta d'identita' normale,
      visto che e' un obbligo di legge, figuriamoci per
      qusta diavoleria elettronica da 20-30 euro,
      piuttosto li butto in un decoder DTT, piu' utile
      e meno pericoloso (li non ci sono conservate le
      mie impronte digitali
      almeno)
  • Anonimo scrive:
    Io la carta elettronica ce l'ho
    Da ormai tre anni ho la carta d'identità sperimentale. Ha il formato di una carta di credito e ha una specie di banda magnetica più un chip. Le informazioni contenute nel chip sono, banalmente!, le mie impronte digitali.Per fare questa carta ci ho messo una cosa come un paio d'ore perchè il sistema del comune non riusciva a collegarsi con il ministero per trasferire i dati della carta(cadeva la linea).A parte il tempo a disposizione, non ho pagato nulla.Vantaggi? Al momento nessuno perchè i miei dati non sono integrati da nessuna parte, sono al ministero "custoditi".... e speriamo che non ci combinino mai nulla.Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe avere una tessera che facesse da carta di identità, patente, carta di credito, carta per i punti del distributore e del supermercato, carta per aprire la porta di casa, etc.
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Io la carta elettronica ce l'ho
      - Scritto da:
      Le informazioni contenute nel chip sono,
      banalmente!, le mie impronte
      digitali.Banalmente...Ma che se ne fanno delle tue impronte digitali esattamente? Qual'è lo scopo?
      e speriamo che non ci
      combinino mai
      nulla.Pensa che basta che un achero entri nel loro database (o anche un dipendente scontento se è per quello) e poi venda queste informazioni alla malavita... ti senti davvero così sicuro sapendo che hanno i tuoi dati incluse le tue impronte digitali?
      Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe
      avere una tessera che facesse da carta di
      identità, patente, carta di credito, carta per i
      punti del distributore e del supermercato, carta
      per aprire la porta di casa,
      etc.Così quando la perdi o la rompi:- Non puoi più entrare in casa- Non puoi pià accendere l'auto- Non puoi più guidare nessuna vettura- Nessuno sa più chi sei (serviranno dei testimoni per identificarti)- Non potrai più fare acquistiSi... solo vantaggi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la carta elettronica ce l'ho
        - Scritto da: Wakko Warner

        - Scritto da:

        Le informazioni contenute nel chip sono,

        banalmente!, le mie impronte

        digitali.

        Banalmente...
        Ma che se ne fanno delle tue impronte digitali
        esattamente? Qual'è lo
        scopo?


        e speriamo che non ci

        combinino mai

        nulla.

        Pensa che basta che un achero entri nel loro
        database (o anche un dipendente scontento se è
        per quello) e poi venda queste informazioni alla
        malavita... ti senti davvero così sicuro sapendo
        che hanno i tuoi dati incluse le tue impronte
        digitali?


        Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe

        avere una tessera che facesse da carta di

        identità, patente, carta di credito, carta per i

        punti del distributore e del supermercato, carta

        per aprire la porta di casa,

        etc.

        Così quando la perdi o la rompi:
        - Non puoi più entrare in casa
        - Non puoi pià accendere l'auto
        - Non puoi più guidare nessuna vettura
        - Nessuno sa più chi sei (serviranno dei
        testimoni per
        identificarti)
        - Non potrai più fare acquisti


        Si... solo vantaggi...Mi domando con quale criterio ti hanno dato un punteggio positivo e un commento UTILE per una serie di risposte banali e per nulla costruttive...Bah...
        • Wakko Warner scrive:
          [OT] Re: Io la carta elettronica ce l'ho
          - Scritto da:

          - Scritto da: Wakko Warner



          - Scritto da:


          Le informazioni contenute nel chip sono,


          banalmente!, le mie impronte


          digitali.



          Banalmente...

          Ma che se ne fanno delle tue impronte digitali

          esattamente? Qual'è lo

          scopo?




          e speriamo che non ci


          combinino mai


          nulla.



          Pensa che basta che un achero entri nel loro

          database (o anche un dipendente scontento se è

          per quello) e poi venda queste informazioni alla

          malavita... ti senti davvero così sicuro sapendo

          che hanno i tuoi dati incluse le tue impronte

          digitali?




          Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe


          avere una tessera che facesse da carta di


          identità, patente, carta di credito, carta
          per
          i


          punti del distributore e del supermercato,
          carta


          per aprire la porta di casa,


          etc.



          Così quando la perdi o la rompi:

          - Non puoi più entrare in casa

          - Non puoi pià accendere l'auto

          - Non puoi più guidare nessuna vettura

          - Nessuno sa più chi sei (serviranno dei

          testimoni per

          identificarti)

          - Non potrai più fare acquisti





          Si... solo vantaggi...

          Mi domando con quale criterio ti hanno dato un
          punteggio positivo e un commento UTILE per una
          serie di risposte banali e per nulla
          costruttive...

          Bah...Mi domando perché non rispondi alle mie domande banali e per nulla costruttive. Se te le ho poste magari mi aspetto che tu risponda.Bah...Edit: Aggiunto tag OT-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 dicembre 2006 23.06-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la carta elettronica ce l'ho
        - Scritto da: Wakko Warner

        - Scritto da:

        Le informazioni contenute nel chip sono,

        banalmente!, le mie impronte

        digitali.

        Banalmente...
        Ma che se ne fanno delle tue impronte digitali
        esattamente? Qual'è lo
        scopo?Io non lo so,ma ci vado ad intuito:Un particolare biometrico che serve all'identificazione.

        e speriamo che non ci

        combinino mai

        nulla.

        Pensa che basta che un achero entri nel loro
        database (o anche un dipendente scontento se è
        per quello) e poi venda queste informazioni alla
        malavita... ti senti davvero così sicuro sapendo
        che hanno i tuoi dati incluse le tue impronte
        digitali?Perchè adesso non possono farlo? I DB esistono cmq, a prescindere che la carta sia cartacea o digitale.

        Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe

        avere una tessera che facesse da carta di

        identità, patente, carta di credito, carta per i

        punti del distributore e del supermercato, carta

        per aprire la porta di casa,

        etc.

        Così quando la perdi o la rompi:
        - Non puoi più entrare in casaAnche se perdi le chiavi di casa!
        - Non puoi pià accendere l'autoAnche se perdi le chiavi di macchina!
        - Non puoi più guidare nessuna vetturaAnche se perdi la patente!
        - Nessuno sa più chi sei (serviranno dei
        testimoni per
        identificarti)Quando perdi la CI ti servono testimoni per rifarla? (rotfl)(Tra l'altro con le impronte digitali memorizzate...)
        - Non potrai più fare acquistiSenza carta di credito non puoi più comprare nulla? (rotfl)
        Si... solo vantaggi...No, ma se fatta come si deve può aiutare molto.
        • Wakko Warner scrive:
          Re: Io la carta elettronica ce l'ho
          - Scritto da:
          Io non lo so,ma ci vado ad intuito:
          Un particolare biometrico che serve
          all'identificazione.Ottima cosa certamente. Magari un giorno scriverai una lettera anonima, per qualunque ragione, a qualche politico... e loro riusciranno a sapere chi sei dalle impronte trovate sulla lettera/busta che potranno facilmente confrontare con il loro database.Questo naturalmente vale anche per le associazioni criminali che avranno facile accesso a questi dati.Senza contare che, avendo le tue impronte, è possibile tranquillamente falsificarle, magari per dare la colpa a te di qualcosa (chessò... metti che sei diventato scomodo per qualcuno).
          Perchè adesso non possono farlo? I DB esistono
          cmq, a prescindere che la carta sia cartacea o
          digitale.Certamente, ma al limite scoprono il mio indirizzo... non ci possono fare granché. Con le impronte digitali invece la cosa mi sembra decisamente peggiore.
          Quando perdi la CI ti servono testimoni per
          rifarla?Se hai altri documenti che ti identifichino non c'è problema... il problema si pone nel caso indicato dall'anonimo qui sopra in cui nel singolo documento ci sono tutti gli altri documenti identificativi.Certo tu dici, ma tanto hanno le mie impronte quindi è facile per loro reidentificarmi... questo è vero ma preferisco avere dei testimoni che mi identifichino piuttosto che dar loro le mie impronte.
          Senza carta di credito non puoi più comprare
          nulla?Dipende, se la carta contiene... chessò... anche il bancomat... (l'obiettivo indicato dall'anonimo qui sopra è quello di accorpare in una singola carta tutto il resto)... poi non hai nemmeno un documento valido per dire al cassiere "guarda che sono io, il conto è mio" a meno che non lo conosci ovviamente.

          Si... solo vantaggi...
          No, ma se fatta come si deve può aiutare molto.Vero, a cominciare dal NON richiedere le impronte digitali. Se mettono sta cosa facoltativa e se la carta non contiene altri dati tranne quelli che una CI normale contiene già (per esempio... chessò... la mia cartella clinica, ecc) allora mi va bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io la carta elettronica ce l'ho
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da:

            Io non lo so,ma ci vado ad intuito:

            Un particolare biometrico che serve

            all'identificazione.

            Ottima cosa certamente. Magari un giorno
            scriverai una lettera anonima, per qualunque
            ragione, a qualche politico... e loro riusciranno
            a sapere chi sei dalle impronte trovate sulla
            lettera/busta che potranno facilmente confrontare
            con il loro
            database.

            Questo naturalmente vale anche per le
            associazioni criminali che avranno facile accesso
            a questi
            dati.

            Senza contare che, avendo le tue impronte, è
            possibile tranquillamente falsificarle, magari
            per dare la colpa a te di qualcosa (chessò...
            metti che sei diventato scomodo per
            qualcuno).


            Perchè adesso non possono farlo? I DB esistono

            cmq, a prescindere che la carta sia cartacea o

            digitale.

            Certamente, ma al limite scoprono il mio
            indirizzo... non ci possono fare granché. Con le
            impronte digitali invece la cosa mi sembra
            decisamente
            peggiore.


            Quando perdi la CI ti servono testimoni per

            rifarla?

            Se hai altri documenti che ti identifichino non
            c'è problema... il problema si pone nel caso
            indicato dall'anonimo qui sopra in cui nel
            singolo documento ci sono tutti gli altri
            documenti
            identificativi.

            Certo tu dici, ma tanto hanno le mie impronte
            quindi è facile per loro reidentificarmi...
            questo è vero ma preferisco avere dei testimoni
            che mi identifichino piuttosto che dar loro le
            mie
            impronte.


            Senza carta di credito non puoi più comprare

            nulla?

            Dipende, se la carta contiene... chessò... anche
            il bancomat... (l'obiettivo indicato dall'anonimo
            qui sopra è quello di accorpare in una singola
            carta tutto il resto)... poi non hai nemmeno un
            documento valido per dire al cassiere "guarda che
            sono io, il conto è mio" a meno che non lo
            conosci
            ovviamente.



            Si... solo vantaggi...

            No, ma se fatta come si deve può aiutare molto.

            Vero, a cominciare dal NON richiedere le impronte
            digitali. Se mettono sta cosa facoltativa e se la
            carta non contiene altri dati tranne quelli che
            una CI normale contiene già (per esempio...
            chessò... la mia cartella clinica, ecc) allora mi
            va
            bene.È ovvio che il DB non deve essere accessibile a cani e porci.Chi progetta un sistema del genere lo fa con cognizione di causa, non a casaccio.Basta una banalissima crittografia a chiave asimmetrica per evitare che qualcuno legga in chiaro le tue impronte digitali o qualsiasi altro dato presente nel DB.E questo è solo uno dei metodi che vengono in mente a me, che non sono un esperto in sicurezza.
          • reXistenZ scrive:
            Re: Io la carta elettronica ce l'ho

            Senza contare che, avendo le tue impronte, è
            possibile tranquillamente falsificarle, magari
            per dare la colpa a te di qualcosa (chessò...
            metti che sei diventato scomodo per
            qualcuno).Se voglio incastrare qualcuno con le sue impronte, non ho bisogno di prelevarle dalla sua CIE, potendole prendere in mille altri posti diversi. Per esempio, sulla maniglia della porta del suo appartamento, o sulla portiera della sua macchina.Io non demonizzo così la cosa. Si chiama Carta d'Identità elettronica. E come altrimenti la comproveresti l'identità di una persona? Col possesso della CIE? In base a una striminzito quadratino 2x2cm dove compare la sua fotografia?
          • staza scrive:
            Re: Io la carta elettronica ce l'ho
            tutto vero quel che dive wakko, ma anche falso...o meglio, se guardiamo i lati negativi di ogni cosa, pure ancor oggi potrebbero (o fanno?) fare tutto quel che dici....certo, il documento digitale, o centralizzare tutti i propri dati "sensibili" in unico posto "avvantaggia" chi può essere interessato a fare "danni" o atti criminali....ma alla fine, che siano in unico posto, o in 500 posti diversi, ci metterebbero un poco di tempo in più... o forse nemmeno...inoltre, riguardo le impronte digitali, le mie già le hanno.... ai tempi della visita militare prima di partire, quindi sarei già fottuto :)riguardo al tempo di cui sopra, recentemente ho fatto il passaporto (digitale per gli usa), sono andato in questura, ho compilato un modulo, e sono tornato 3/4 settimane dopo, firmetta e ritirato il passaporto....in tutto questo in nessun caso mi han chiesto la carta di identità! quindi, le cose succedono pure oggi... volendo...io sono a favore di un unica carta, più che altro per non avere il portafoglio gonfio di plastica... però, d'altra parte, se togliessi questa collezione di carte, nel portafoglio non ci resterebbe più nulla... dandomi la sensazione di essere povero :) (visto e considerato che soldi non ve ne stanno giu poi molti :D)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la carta elettronica ce l'ho
        Infatti è un po' questo che non capisco, parlano di fare una carta elettronica che però non si capisce bene quale vantaggio possa dare se non quello di avere un documento più piccolo che sta nel portafogli...E le impronte... boh, con quello che ci hanno messo a mandarle al ministero può darsi che non le abbiano mai ricevute...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la carta elettronica ce l'ho
        Vacca warner.. ma vaaaaafff! :D
    • edipo scrive:
      Re: Io la carta elettronica ce l'ho
      Anche io ce l'ho! L'ho pagata come la vecchia carta di carta (perdonate il gioco di parole), ma ci ho messo una settima per farla... in comune si bloccava sempre il terminale perchè aveva dei problemi con la connessione con il ministero!Ma ora la mia CIE... (con la quale ho avuto dei codici che non sono mai stati utili a niente) andrà in pensione? La nuova carta che hanno proposto mi sembra diversa dalle CIE sperimentali che esistono di già!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io la carta elettronica ce l'ho
      - Scritto da:
      Da ormai tre anni ho la carta d'identità
      sperimentale. Ha il formato di una carta di
      credito e ha una specie di banda magnetica più un
      chip. Le informazioni contenute nel chip sono,
      banalmente!, le mie impronte
      digitali.
      Per fare questa carta ci ho messo una cosa come
      un paio d'ore perchè il sistema del comune non
      riusciva a collegarsi con il ministero per
      trasferire i dati della carta(cadeva la
      linea).
      A parte il tempo a disposizione, non ho pagato
      nulla.
      Vantaggi? Al momento nessuno perchè i miei dati
      non sono integrati da nessuna parte, sono al
      ministero "custoditi".... e speriamo che non ci
      combinino mai
      nulla.
      Nel futuro sinceramente non mi dispiacerebbe
      avere una tessera che facesse da carta di
      identità, patente, carta di credito, carta per i
      punti del distributore e del supermercato, carta
      per aprire la porta di casa,
      etc.È una ottima idea pensa che bello quando la perdi o te la rubano!Ti hano già proposto per il nobel?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Chi ci mangia?
    Chi si becca il mega-appalto delle smart card a prezzo stragonfiato?Mica chi penso io?Penso male?Faccio peccato?Ma ci azzecco? (cit.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi ci mangia?
      - Scritto da:
      Chi si becca il mega-appalto delle smart card a
      prezzo
      stragonfiato?
      Mica chi penso io?

      Penso male?
      Faccio peccato?
      Ma ci azzecco? (cit.)http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1801347&id=1800447&r=PI
  • Anonimo scrive:
    Costo
    20 euro invece di 5 euro sarebbe per l'esattezza il 300% (non il 400%) in più. O, più semplicemente, 4 volte tanto. Un'enormità!
  • Anonimo scrive:
    Carta d'identità
    Per tutti quelli che dicono che non rinnovano la carta d'identità perchè usano la patente:la patente non sostituisce la carta d'identità.La patente di guida è una abilitazione che consente di guidare un veicolo corrispondente alla categoria per la quale la patente è stata rilasciata e non un documento di riconoscimento!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Carta d'identità
      La patente vecchio tipo, quella rosa, è un documento di riconoscimento. Sono anni che vado a votare con quella.
    • Anonimo scrive:
      Re: Carta d'identità
      - Scritto da:
      Per tutti quelli che dicono che non rinnovano la
      carta d'identità perchè usano la
      patente:
      la patente non sostituisce la carta d'identità.
      La patente di guida è una abilitazione che
      consente di guidare un veicolo corrispondente
      alla categoria per la quale la patente è stata
      rilasciata e non un documento di
      riconoscimento!!Ignorante!http://dait.interno.it/codiceStrada/pdf/203Q20000314a.pdfma perche' non ti informi prima di fare certe affermazioni!SalutiDomenico
    • Anonimo scrive:
      Re: Carta d'identità
      - Scritto da:
      Per tutti quelli che dicono che non rinnovano la
      carta d'identità perchè usano la
      patente:
      la patente non sostituisce la carta d'identità.
      La patente di guida è una abilitazione che
      consente di guidare un veicolo corrispondente
      alla categoria per la quale la patente è stata
      rilasciata e non un documento di
      riconoscimento!!http://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/Consigli/Tematici/Giorno+per+giorno/Documenti/Il DPR n. 445 del 2000 stabilisce all'art. 35, comma 2, l'equipollenza dei documenti di riconoscimento con il documento d'identità per eccellenza: la carta d'identità. "Sono equipollenti alla carta d'identità: il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d'armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un'amministrazione dello Stato".
      • Anonimo scrive:
        Re: Carta d'identità
        E quindi della carta d'identità non me ne faccio nulla, ho il passaporto e la patente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Carta d'identità
          - Scritto da:
          E quindi della carta d'identità non me ne faccio
          nulla, ho il passaporto e la
          patente.QUesto non vale per la patente a tessera. Quella non è carta di riconoscimento. Abilita solo alla guida. Vai in banca e potrebbero farti storie se presenti la patente nuova invece della carta d'identità...a me è successo diverse volte. Poi ovviamente dipende da dove vai.
  • Anonimo scrive:
    Ma ci siete mai andati ...
    A fare un certificato in comune ? :)Voi fate la coda di fronte all'unico impiegato su 4 sportelli gli date la carta di identità originale lui copia il numero nel terminale, il terminale stampa il vostro documento e lui ve lo consegna.Con tutto il rispetto io mi troverei più a mio agio con un totem e pensavo che i lettori di una rivista come questa la pensassero allo stesso modo ...Diversi anni fa, prima della UE c'erano due carte di identità, quella da 5000 lire non valida per l'espatrio e quella da 16000 lire che facevano tutti.Oggi vi chiedono 20 euro invece di 5 per una carta servizi elettronica e vi lamentate ? Mah !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma ci siete mai andati ...
      Il punto e' che questa carta e' abilitata a servizi che ancora non ci sono per il semplice motivo che la buracrazia e le norme non sono ancora al passo con l'informatizzazione.
  • Anonimo scrive:
    Torino
    a Torino esiste da un po. Io ho preso appuntamente la settimana scorsa perchè rinnovando la ci volevo quella elettronica. Mi è stato detto che non è un problema ma che è in via sperimentale.Mi hanno dato appuntamento dopo un mese.Mi hanno già rilasciato un certificato di firma digitale (non vincolato alla carta in realtà) con il quale posso accedere a molti servizi di Torinofacile tutto a gratis.Il prossimo mese avrò la ci elettronica al solo costo di 5, cioà come una ci tradizionale, ma col vantaggio che non devo fare nemmeno le fototessere perchè me le fanno loro....non mi sembra male....
    • Anonimo scrive:
      Re: Torino

      a Torino esiste da un po. Io ho preso
      appuntamente la settimana scorsa perchè
      rinnovando la ci volevo quella elettronica. Mi è
      stato detto che non è un problema ma che è in via
      sperimentale.
      Mi hanno dato appuntamento dopo un mese.
      Mi hanno già rilasciato un certificato di firma
      digitale (non vincolato alla carta in realtà) con
      il quale posso accedere a molti servizi di
      Torinofacile tutto a
      gratis.
      Il prossimo mese avrò la ci elettronica al solo
      costo di 5, cioà come una ci tradizionale, ma
      col vantaggio che non devo fare nemmeno le
      fototessere perchè me le fanno
      loro....

      non mi sembra male....A Torino sui muri c'era una scritta:LA PECORA STA NEL DATABASEEvidentemente non l'hai letta o hai pensato che era la solita roba dei giovani dei centri sociali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Torino
        - Scritto da:

        a Torino esiste da un po. Io ho preso

        appuntamente la settimana scorsa perchè

        rinnovando la ci volevo quella elettronica. Mi è

        stato detto che non è un problema ma che è in
        via

        sperimentale.

        Mi hanno dato appuntamento dopo un mese.

        Mi hanno già rilasciato un certificato di firma

        digitale (non vincolato alla carta in realtà)
        con

        il quale posso accedere a molti servizi di

        Torinofacile tutto a

        gratis.

        Il prossimo mese avrò la ci elettronica al solo

        costo di 5, cioà come una ci tradizionale, ma

        col vantaggio che non devo fare nemmeno le

        fototessere perchè me le fanno

        loro....



        non mi sembra male....

        A Torino sui muri c'era una scritta:

        LA PECORA STA NEL DATABASE

        Evidentemente non l'hai letta o hai pensato che
        era la solita roba dei giovani dei centri
        sociali.Certo, perchè prima li tenevano a mente quelli della PA i suoi dati...Ma fammi il piacere!
        • Anonimo scrive:
          Re: Torino
          Non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Torino
            Non c'è peggior ragazzo di chi va in un centro sociale o che scrive sui muri...
        • Anonimo scrive:
          Re: Torino

          Certo, perchè prima li tenevano a mente quelli
          della PA i suoi
          dati...
          Ma fammi il piacere!Hai perfettamente ragione tanto piu che quelli che si scaldano tanto per i dati nel database,si dimenticano che:bancomat = Database bancacarta di credito = database banca e circuito di appartenenzapatente = database Dipartimento trasporti terrestrie potrei continuarepassaportotessera universitariaporto d'armischede sim del telefono già ma forse non hanno il telefoninoPersino per la linea dsl che usano per postare hanno dovuto dare i propri datiecc. ecc.bravi non fate la carta d'identità elettronica altrimenti vi schedano ehehehehehtrovate altri argomenti per opporvia proposito se avete fatto il servizio militare le vostre impronte digitali già le hanno.
  • garak scrive:
    La matematica, un'opinione
    A casa mia i conti si fanno così:20 - 5 = 1515 / 5 = 33 x 100 = 300quindi 300% in più, non 400%Attenzione: la differenza sta in quelle due paroline: "in più"
    • Morbius scrive:
      Re: La matematica, un'opinione
      Hai pienamente ragione; è come dire che quando rincariamo del 100% il prezzo di un prodotto/servizio lo facciamo pagare 1 volta (cioè = al prezzo di partenza) e non 2 volte, cioè il doppio. Aumentare del 400% significa quintuplicare (5X) e non quadruplicare come si vorrebbe dar ad intendere; visto che si considera un aumento del costo di un servizio pubblico da 5 a 20 l'aumento è pari al 300% , cioè i 15 in + che sono 3 volte il costo iniziale e che trasformano il prezzo finale in un importo pari a 4 volte quello iniziale. Il rincaro è del 300%, signori della redazione!
      • Anonimo scrive:
        Re: La matematica, un'opinione
        - Scritto da: Morbius
        Hai pienamente ragione; è come dire che quando
        rincariamo del 100% il prezzo di un
        prodotto/servizio lo facciamo pagare 1 volta
        (cioè = al prezzo di partenza) e non 2 volte,
        cioè il doppio. Aumentare del 400% significa
        quintuplicare (5X) e non quadruplicare
        come si vorrebbe dar ad intendere; visto che si
        considera un aumento del costo di un servizio
        pubblico da 5 a 20 l'aumento è pari al
        300% , cioè i 15 in + che sono 3 volte il
        costo iniziale e che trasformano il prezzo finale
        in un importo pari a 4 volte quello iniziale.
        Il rincaro è del 300%, signori della
        redazione! Guardate che il 400% lo ha detto l'ADUC, non la redazione.
  • Anonimo scrive:
    all'agip la card con chip la regalano
    mi chiedo come sia possibile che all'agip una carta simile per i punti della collezione la regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare 60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi facendo un grosso appalto ecc. Sono sicuro che se le cose venissero fatte a modo non costerebbe più di un 1 euro .
    • Anonimo scrive:
      Re: all'agip la card con chip la regalano
      - Scritto da:
      mi chiedo come sia possibile che all'agip una
      carta simile per i punti della collezione la
      regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare
      60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi
      facendo un grosso appalto ecc.


      Sono sicuro che se le cose venissero fatte a modo
      non costerebbe più di un 1 euro
      .1 Euro mi sembra impossibile. Comunque c'è smart card e smart card:http://it.wikipedia.org/wiki/Smart_card
    • Morbius scrive:
      Re: all'agip la card con chip la regalano
      Il prezzo della carta serve a coprire i costi della Pubblica Amministrazione, non la carta in sé.
      • Kirisuto scrive:
        Re: all'agip la card con chip la regalan
        - Scritto da: Morbius
        Il prezzo della carta serve a coprire i costi
        della Pubblica Amministrazione, non la carta in
        sé.Eh, no, porca miseria, quella ci costa già un'enormità di tasse e per di più millanta di essere informatizzata da anni, per lo meno i soldi sono già stati stanziati, cosa ne hanno fatto non si sa.
        • Anonimo scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan
          - Scritto da: Kirisuto

          - Scritto da: Morbius

          Il prezzo della carta serve a coprire i costi

          della Pubblica Amministrazione, non la carta in

          sé.

          Eh, no, porca miseria, quella ci costa già
          un'enormità di tasse e per di più millanta di
          essere informatizzata da anni, per lo meno i
          soldi sono già stati stanziati, cosa ne hanno
          fatto non si
          sa.Vorrai dire si sa, ma non si dice, prendiamo per esempio inchieste fatte arenare e mai giunte a condanne per attrezzature obsolete vendute a prezzi gonfiati alle Poste quando ancora erano statali.Già, perché esiste un certo imprenditore che a quanto pare è immune alle condanne, a volte addirittura ai processi, non li subisce e basta, ha più volte bruciato i risparmi dei piccoli azionisti impunito, ha venduto rottami a prezzi gonfiati a Stato e parastato, addirittura nonostante stesse per farsi svendere senza gara pubblica un pezzo di IRI, non hanno processato lui, ma i concorrenti che hanno fatto ricorso.
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da:
            Vorrai dire si sa, ma non si dice, prendiamo per
            esempio inchieste fatte arenare e mai giunte a
            condanne per attrezzature obsolete vendute a
            prezzi gonfiati alle Poste quando ancora erano
            statali.
            Già, perché esiste un certo imprenditore che a
            quanto pare è immune alle condanne, a volte
            addirittura ai processi, non li subisce e basta,
            ha più volte bruciato i risparmi dei piccoli
            azionisti impunito, ha venduto rottami a prezzi
            gonfiati a Stato e parastato, addirittura
            nonostante stesse per farsi svendere senza gara
            pubblica un pezzo di IRI, non hanno processato
            lui, ma i concorrenti che hanno fatto
            ricorso.Ok, adesso pero' parlaci del processo SME, IMI SIR, lodo Mondadori, etc etc + altri 200 processi pendenti, che stanno tutti finendo magicamente in prescrizione.Dai, pendiamo dalle tue spiegazioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Vorrai dire si sa, ma non si dice, prendiamo per

            esempio inchieste fatte arenare e mai giunte a

            condanne per attrezzature obsolete vendute a

            prezzi gonfiati alle Poste quando ancora erano

            statali.

            Già, perché esiste un certo imprenditore che a

            quanto pare è immune alle condanne, a volte

            addirittura ai processi, non li subisce e basta,

            ha più volte bruciato i risparmi dei piccoli

            azionisti impunito, ha venduto rottami a prezzi

            gonfiati a Stato e parastato, addirittura

            nonostante stesse per farsi svendere senza gara

            pubblica un pezzo di IRI, non hanno processato

            lui, ma i concorrenti che hanno fatto

            ricorso.

            Ok, adesso pero' parlaci del processo SME, IMI
            SIR, lodo Mondadori, etc etc + altri 200 processi
            pendenti, che stanno tutti finendo magicamente in
            prescrizione.

            Dai, pendiamo dalle tue spiegazioni.La prescrizione si ha quando l'accusa non riesce a produrre in tempi ragionevoli prove sufficienti alla condanna, se l'accusa non andasse a tentoni per partito preso contro un colpevole scelto a priori e producesse fin dall'inizio prove sufficienti e schiaccianti, nessuna tattica dilatoria della difesa salverebbe l'imputato.Nel caso SME, poi, il pool fu più volte avvisato che la competenza territoriale era di Perugia, hanno fatto di tutto per tenersi lo stesso il caso, ora non si lamentino se va tutto all'aria.Ma nel caso che dico io è stato fatto di peggio: tutto faceva pensare a una pastetta fra un alto dirigente IRI e un noto imprenditore, ma contro di loro la magistratura non volle né vedere, né sentire, né parlare e invece processò chi si era opposto alla pastetta, ottenendo una regolare asta grazie alla quale l'IRI ricavò più del doppio di quanto avrebbe fruttato la trattativa privata contestata.
        • Morbius scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan
          Non confondere le tasse con le imposte
    • Anonimo scrive:
      Re: all'agip la card con chip la regalan
      - Scritto da:
      mi chiedo come sia possibile che all'agip una
      carta simile per i punti della collezione la
      regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare
      60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi
      facendo un grosso appalto ecc.


      Sono sicuro che se le cose venissero fatte a modo
      non costerebbe più di un 1 euro
      .Eh eh...A te sembra che la AGIP te la dia gratis, ma in realta' l'AGIP compra una cosa importantissima: i tuoi dati come cliente.E ogni volta che fai il pieno con la carta, puo' tracciare perfettamente i tuoi acquisti, facendo statistiche della madonna e regolare il prezzo della benzina e gli investimenti di conseguenza, con strumenti di marketing avanzatissimi perche basati su basi di dati assolutamente attendibili e su numeri enormi.Loro ti chiedono i dati, che sui grandi numeri valgono molto piu' dei soldi cash della schedina ISO che ti regalano.Pensateci ogni tanto...
      • frk scrive:
        Re: all'agip la card con chip la regalan

        A te sembra che la AGIP te la dia gratis, ma in
        realta' l'AGIP compra una cosa importantissima: i
        tuoi dati come
        cliente.

        Loro ti chiedono i dati, che sui grandi numeri
        valgono molto piu' dei soldi cash della schedina
        ISO che ti
        regalano.Peccato che la carta Agip (e quella di moltre alte compagnie) sia anonima, quindi non sanno se io ho un motorino o una mercedes, e non sanno se io ho 18 o 60 anni... e se vivo a palermo o a bolzano (magari si può capire dalle zone dove faccio prevalentemente benzina,ma se viaggio molto un po' meno)...Quindi? Che cosa si sono comprati dandomi gratis la carta??La mia fedeltà.. e questo gli basta.Ai comuni invece bisogna essere fedeli per forza, quindi ce la fanno pagare! :p
        • Anonimo scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan
          - Scritto da: frk
          Peccato che la carta Agip (e quella di moltre
          alte compagnie) sia anonimaTi sbagli di grosso. Per rilasciare le card TUTTE le compagnie chiedono i propri dati e il consenso al trattamento dei dati per la legge 196, e' la regola, senno' sono illegali non si potrebbe.E' proprio i dati personali che gli dai che per loro hanno valore INESTIMABILE, volto piu' di 20 potenziali euro di card.
          • frk scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan

            Ti sbagli di grosso. Per rilasciare le card TUTTE
            le compagnie chiedono i propri dati e il consenso
            al trattamento dei dati per la legge 196, e' la
            regola, senno' sono illegali non si
            potrebbe.Ma ce l'hai la tessera Agip???Vai a una qualunque stazione di servizio e fatti dare una card.Vediamo se ti fanno compilare un modulo dove indichi NOME COGNOME e altre cose..la tessera è anonima e viene data dal benzinaio dietro semplice richiesta, quindi non c'è problema di privacy!!! La usi o non la usi.. nessuno se ne accorge e nessuno ti controlla.Informarsi.. prima di parlare no?
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da: frk


            Ti sbagli di grosso. Per rilasciare le card
            TUTTE

            le compagnie chiedono i propri dati e il
            consenso

            al trattamento dei dati per la legge 196, e' la

            regola, senno' sono illegali non si

            potrebbe.

            Ma ce l'hai la tessera Agip???

            Vai a una qualunque stazione di servizio e fatti
            dare una
            card.

            Vediamo se ti fanno compilare un modulo dove
            indichi NOME COGNOME e altre
            cose..

            la tessera è anonima e viene data dal benzinaio
            dietro semplice richiesta, quindi non c'è
            problema di privacy!!! La usi o non la usi..
            nessuno se ne accorge e nessuno ti
            controlla.

            Informarsi.. prima di parlare no?Quarda che devi dare i tuo dati e firmare.
          • frk scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da:

            - Scritto da: frk




            Ti sbagli di grosso. Per rilasciare le card

            TUTTE


            le compagnie chiedono i propri dati e il

            consenso


            al trattamento dei dati per la legge 196, e'
            la


            regola, senno' sono illegali non si


            potrebbe.



            Ma ce l'hai la tessera Agip???



            Vai a una qualunque stazione di servizio e fatti

            dare una

            card.



            Vediamo se ti fanno compilare un modulo dove

            indichi NOME COGNOME e altre

            cose..



            la tessera è anonima e viene data dal benzinaio

            dietro semplice richiesta, quindi non c'è

            problema di privacy!!! La usi o non la usi..

            nessuno se ne accorge e nessuno ti

            controlla.



            Informarsi.. prima di parlare no?
            Quarda che devi dare i tuo dati e firmare.Tu sei andato su un distributore Agip e alla richiesta di una carta ti hanno chiesto i dati?E dico AGIP non altre marche...
          • frk scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            Cito due frammenti di testo estratti dal regolamento Agip presente sul sito www.agip.it:[...]In nessun caso (essendo anonima la card) potranno essere recuperati i punti fino a quel momento accumulati. [...]Il Cliente, al momento della consegna a domicilio del premio, rilascerà apposita ricevuta liberatoria comprovante il ricevimento del premio stesso e contenente lInformativa sulla Privacy.[...]Oltre a confermare che la card è anonima, dicono chiaramente che l'informativa sulla privacy viene rilasciata al momento della consegna del premio non prima.Se la facessero firmare prima non ci sarebbe bisogno di farlo dopo!!!Quindi se non chiedi alcun premio la carta resta anonima. Se invece lo chiedi... beh.. per dartelo dovranno pure sapere chi sei!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 dicembre 2006 15.38-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da: frk
            Quindi se non chiedi alcun premio la carta resta
            anonima. Allora forse quella Agip e' anonima, francamente non lo so. So che ESSO e TOTAL chiedono i dati, o almeno a me lo hanno chiesto, la card arriva a casa, infatti.Cmq il discorso cambia poco: la card te la danno gratis perche' a loro conviene per fare proprozione dei loro distributori, un modo per fidelizzare i clienti. Tanto quasi nessun chiede lo sconto alla pompa 8perche i distributori neanche t elo dicono), ma puntano tutto su dei premi insulsi che Agip compra a 1 euro l'uno, a dire tanto.Il discorso quindi e' che la card costa sempre, ma se te la regalano e' perche' gli conviene, non perche' costi poco farlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            uso la carta agip da 3 o 4 anni, ne ho a casa un mazzetto e non ho mai compilato nulla.ho richiesto diversi premi (sconto in benza), senza comunicare nulla.ne ho diverse, perché quando me la dimenticavo ne chiedevo un'altra al gestore, che la pescava da un secchiello (già usate da altri)
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan


            Informarsi.. prima di parlare no?
            Quarda che devi dare i tuo dati e firmare.A me ne hanno date due senza firmare nulla. Agip.
          • reXistenZ scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan


            Peccato che la carta Agip (e quella di moltre

            alte compagnie) sia anonima

            Ti sbagli di grosso. Per rilasciare le card TUTTE
            le compagnie chiedono i propri dati e il consenso
            al trattamento dei dati per la legge 196, e' la
            regola, senno' sono illegali non si
            potrebbe.Falso. Io ne ho due e non ho compilato nulla. La legge 196 non c'entra nulla proprio perché, venendo rilasciata senza che ti chiedano come ti chiami, non c'è nessun trattamento di dati personali. Tant'è vero che se proprio dovessi perderla e qualche hacker trovarla, l'unico dato a cui può risalire sono luoghi e date dei miei pieni di benzina, non certo il mio nome.
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            - Scritto da: reXistenZ
            Falso. Io ne ho due e non ho compilato nulla. La
            legge 196 non c'entra nulla proprio perché,
            venendo rilasciata senza che ti chiedano come ti
            chiami, non c'è nessun trattamento di dati
            personali. Tant'è vero che se proprio dovessi
            perderla e qualche hacker trovarla, l'unico dato
            a cui può risalire sono luoghi e date dei miei
            pieni di benzina, non certo il mio
            nome.Rettifico: per rilasciare i premi (non carburante), tutte fanno firmare il consenso al trattamento dei dati.Questo discorso cmq non varra' per la carta Agip ma per molti altri si', verificato di persona (la carta ti arriva a casa).
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan
            Io ho fatto la card Agip semplicemente chiedendo "Ma come funziona la card? Devo firmare qualcosa?" Risposta: "No" tirando fuori un mazzetto di card, prendendo quella sopra la pila, infilandola nel lettore e inserendo il primo pieno, consegnandomi la card con "Arrivederci e grazie. Purtoppo non ha vinto"
      • Anonimo scrive:
        Re: all'agip la card con chip la regalan

        A te sembra che la AGIP te la dia gratis, ma in
        realta' l'AGIP compra una cosa importantissima: i
        tuoi dati come
        cliente.E che problema c'è?Se hanno i nostri dati come acquirenti possono capire meglio le nostre abitudini e necessità di consumatori. Non mi pare sbagliato. Poi sapere che tipo di acquisti faccio non è 'sto gran segreto di Stato.
        • Anonimo scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan
          - Scritto da:
          E che problema c'è?
          Se hanno i nostri dati come acquirenti possono
          capire meglio le nostre abitudini e necessità di
          consumatori. Non mi pare sbagliato. Poi sapere
          che tipo di acquisti faccio non è 'sto gran
          segreto di
          Stato.ROTFL!!!!!!!!Se uno accetta di usare le card, certamente, infatti quando la prendi devi firmare affinche loro possano usare i tuoi dati personali.Ma il sapere i dati dei consumatori per profilarli nella maniera piu' profonda ma legale possibile, e' il sogno recondito di tutte le imprese nella societa' dell'informazione.
        • ilgorgo scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan
          - Scritto da:

          A te sembra che la AGIP te la dia gratis, ma in

          realta' l'AGIP compra una cosa importantissima:
          i

          tuoi dati come

          cliente.
          E che problema c'è?
          Se hanno i nostri dati come acquirenti possono
          capire meglio le nostre abitudini e necessità di
          consumatori. Non mi pare sbagliato. Poi sapere
          che tipo di acquisti faccio non è 'sto gran
          segreto di
          Stato.E' il mio sogno arrivare all'iper e trovarmi il carrello della spesa già fatto. Tanto loro, grazie alla carta, sanno cosa compero.Però possono anche sapere quanti siamo in famiglia, se ho bambini, o anziani, se abbiamo qualche intolleranza alimentare, ecc, ecc...Ma è proprio una buona cosa?Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: all'agip la card con chip la regalan

            Non mi pare sbagliato. Poi sapere

            che tipo di acquisti faccio non è 'sto gran

            segreto di

            Stato.
            E' il mio sogno arrivare all'iper e trovarmi il
            carrello della spesa già fatto. Tanto loro,
            grazie alla carta, sanno cosa
            compero.
            Però possono anche sapere quanti siamo in
            famiglia, se ho bambini, o anziani, se abbiamo
            qualche intolleranza alimentare, ecc,
            ecc...
            Ma è proprio una buona cosa?Dove sta il problema? Non l'hai detto...hai solo elencato un vantaggio! ;-))
      • Anonimo scrive:
        Re: all'agip la card con chip la regalan
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        mi chiedo come sia possibile che all'agip una

        carta simile per i punti della collezione la

        regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare

        60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi

        facendo un grosso appalto ecc.





        Sono sicuro che se le cose venissero fatte a
        modo

        non costerebbe più di un 1 euro

        .

        Eh eh...

        A te sembra che la AGIP te la dia gratis, ma in
        realta' l'AGIP compra una cosa importantissima: i
        tuoi dati come
        cliente.

        E ogni volta che fai il pieno con la carta, puo'
        tracciare perfettamente i tuoi acquisti, facendo
        statistiche della madonna e regolare il prezzo
        della benzina e gli investimenti di conseguenza,
        con strumenti di marketing avanzatissimi perche
        basati su basi di dati assolutamente attendibili
        e su numeri
        enormi.

        Loro ti chiedono i dati, che sui grandi numeri
        valgono molto piu' dei soldi cash della schedina
        ISO che ti
        regalano.

        Pensateci ogni tanto...Lo Stato ha su di noi molti più dati e molto più potere del marketing.E ne abusa anche di più, siamo il popolo più spiato fra i paesi sviluppati.
        • Anonimo scrive:
          Re: all'agip la card con chip la regalan

          E ne abusa anche di più, siamo il popolo più
          spiato fra i paesi
          sviluppati.Siluppati? (newbie)(newbie)(newbie)(newbie)
      • Anonimo scrive:
        Re: all'agip la card con chip la regalan

        Loro ti chiedono i dati, che sui grandi numeri
        valgono molto piu' dei soldi cash della schedina
        ISO che ti
        regalano.

        Pensateci ogni tanto...Finalmente un pochino di buonsenso!Quoto tutto tranne l'ultima cosa "pensateci ogni tanto"...Se la gente pensasse ci sarebbero più post come il tuo!:'(:'(:'(:'(
    • midori scrive:
      Re: all'agip la card con chip la regalan
      - Scritto da:
      mi chiedo come sia possibile che all'agip una
      carta simile per i punti della collezione la
      regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare
      60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi
      facendo un grosso appalto ecc.


      Sono sicuro che se le cose venissero fatte a modo
      non costerebbe più di un 1 euro
      .La carta agip costa circa 50 centesimi compresa la stampa (se ne compri qualche decina di migliaia anche qualcosa di meno)giusto per fare un esempio:http://www.bit4shop.com/en/product_info.php?products_id=77La CIE ha tutto un altro costo perché oltre a avere una memoria 120 volte superiore (30Kb contro 256 byte) ha:- un processore (la agip è solo memoria protetta da un pin) - un micro sistema operativo- la certificazione del sistema operativo- una banda otticaLa banda ottica, la versione ottica della banda magnetica classica, è stata messa perché 5 anni fa, quando fu proposta la prima CIE, le carte avevano 8Kb di memoria, insufficienti per mettere la foto in formato elettronico.La banda ottica è brevettata ed il lettore costa una cifra mostruosa; è una delle poche porcherie che hanno fatto con la CIE...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 dicembre 2006 21.51-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      ma che paragoni....
      - Scritto da:
      mi chiedo come sia possibile che all'agip una
      carta simile per i punti della collezione la
      regalano e invece lo stato che ne dovrà stampare
      60 milioni non riesce ad ammortizzare i costi
      facendo un grosso appalto ecc.


      Sono sicuro che se le cose venissero fatte a modo
      non costerebbe più di un 1 euro
      .Ah, e te lo sei mai chiesto come mai la benzina la paghi all'Agip e per avere il premio della carta devi rifornirti di svariate decine di milioni di carburante? Ma lo accendete il cervello prima di fare certi confronti? Evidentemente no....
      • Anonimo scrive:
        Re: ma che paragoni....
        Anche la Q8 anni fa mi ha dato una card con microchip senza farmi compilare nulla. Vedo che qualcuno parla di accendere il cervello senza prima aver acceso il suo, non mi sono mai piaciute queste frasi offensive. Giusto per far notare che la Agip come altre compagnie in Italia opera in regime di "libera" concorrenza sui prezzi, se non sono d'accordo sul prezzo del suo prodotto vado altrove, con buona pace della "card multipremio" che può giacere in buona compagnia nel cassettino portaoggetti insieme a quelle di altre società.
  • Anonimo scrive:
    Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
    Sono ormai più di 20 anni che non rinnovo la carta d'identità' classica (la patente "vecchia" è un ottimo sostituto), non per una questione economica ma per una questione di principio.La carta d'identità' dovrebbe essere gratuita (o al limite pagare il prezzo di costo). Molto tempo fa si pagava anche un'ulteriore balzello per poter viaggiare nei paesi CEE (ora per fortuna scomparso) Questo dimostra da che razza di avvoltoi ci facciamo governare. Ragion per cui visto che a me la CI non serve (io so chi sono:), la CI serve a lor signori per identificarmi, tassarmi, tracciarmi etc.) che se la tengano pure visto che sicuramente diventerà' un altro strumento in mano al "grande fratello"-Lunga Vita e Prosperità-
    • Anonimo scrive:
      Re: Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
      Sono daccordo, da 5 euro a 20 euro? non la rinnovo più.in italia ho la patente come documento, e inizio a girare con il passaporto all'estero. risolto il problema.e se mi dicono che è indispensabile x la pubblica amministrazione, mi arrabbio, ho già il tesserino della salute, quello nuovo cjhe in teoria sostituisce anche il tesserino del codice fiscale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
        quoto in toto, patente e passaporto sono più che abbastanza, checché ne dicano certi funzionari pubblici ignoranti.l'unica informazione presente solo sulla C.I. è il riferimento all'atto di nascita, informazione che si può avere con un certificato di nascita (che tra l'altro non ha scadenza in quanto certifica un evento e non uno stato).
        • Birzio scrive:
          Re: Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
          Guarda che dalla riforma Bassanini il certificato di nascita può essere sostituito da un'autocertificazione che gli uffici pubblici DEVONO accettare.Quindi niente "balzello". I servizi che paghiamo servono a portare avanti la macchina statale: sono tasse, quindi non ha senso parlare di gratuità della CI; piuttosto chiediamoci se ci possa semplificare o migliorare il rapporto con la PA.CiaoFab- Scritto da:
          quoto in toto, patente e passaporto sono più che
          abbastanza, checché ne dicano certi funzionari
          pubblici
          ignoranti.

          l'unica informazione presente solo sulla C.I. è
          il riferimento all'atto di nascita, informazione
          che si può avere con un certificato di nascita
          (che tra l'altro non ha scadenza in quanto
          certifica un evento e non uno
          stato).

    • Anonimo scrive:
      Re: Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
      Qualcuno di voi sa risalire alla data d'introduzione del balzello di 30 euro per il rinnovo della carta d'identità? @^
      • Birzio scrive:
        Re: Un nuovo BALZELLO! : Se la tengano!
        - Scritto da:
        Qualcuno di voi sa risalire alla data
        d'introduzione del balzello di 30 euro per il
        rinnovo della carta d'identità?
        @^I 30 euro sono il risultato dell'innalzamento dai 4 euro precedenti di un decreto legge del precedente Ministro dell'Innovazione Stanca, pubblicato in gazzetta ufficiale il 17 Maggio 2006.Ciao ;)Fab
  • Anonimo scrive:
    IMHO Non è fisicamente possibile
    IMHO Non è possibile. I comuni sono in una situazione disastrosa, i collegamenti al backbone per trasferire i dati al ministero dell'interno funzionano a singhiozzo e se hai bisogno di assistenza per la configurazione e l'abilitazione devi passare mattinate intere a telefono per parlare con qualcuno e poi sentirsi dire: "devi richiamare domani". Per mettere su un meccanismo funzionante occorrono almeno 6 mesi, a patto che sia il ministero a fornire l'hardware ai comuni... altrimenti occorreranno parecchi anni!
    • redhotdandy scrive:
      Re: IMHO Non è fisicamente possibile
      A Prato c'è già, ce l'ho in mano. Il formato è stile carta di credito. Permette di accedere ad alcuni servizi del comune e basta, tipo pagare tasse e simili attraverso dei POS appositi. Per quanto riguarda la sincronizzazione con gli archivi centrali...si è molto lento, e infatti ho dovuto aspettare abbastanza. Inoltre la plastificazione è orrenda e viene via come niente, rovinando la foto.
      • Anonimo scrive:
        Re: IMHO Non è fisicamente possibile
        Spero che quando sarà attiva funzioni a dovere e soprattutto spero che gli uffici dei comuni funzionino a dovere... non come quelli delle motorizzazioni....
    • Anonimo scrive:
      Re: IMHO Non è fisicamente possibile
      CONCORDO.La situazione non si sbloccherà fino a quando:1) Qualche dipendente CARTA&PENNA non andrà a casa e lascerà il posto a qualcuno che SCRIVE su una tastiera.2)Non potenzieranno gli helpDesk con persone pagate in modo civile e giustamente formate.3)Non daranno i fondi necessari ai comuni (PICCOLI e MEDI) per supportare le variazioni alle infrastrutture anche tecnologiche necessarie.4)Assumeranno (magari) qualche tecnico informatico che supporti i lavori negli enti5) Non potenzieranno le infrastrutture di comunicazione dei sistemi centrali che OVVIAMENTE non reggono il carico.PS- OT: mi sono sempre chiesto perchè il Governo non abbia creato un gruppo composto da ragazzotti capaci (e l'Italia è piena) tra i quali non mi annovero, per la creazione di un sistema informativo ad hoc per le amministrazioni??? Molti non approveranno, ma sarebbe stato carino un sistema Open Source modellato sulle esigenze delle P.A. dai sistemi Server centrali a Sistemi distribuiti nella P.A. locali. Secondo me i risultati sarebbero stati:1) Lavoro per tecnici ITALIANI preparati.2) Software gestito in ITALIA3) Uniformità delle strutture informative proposte alle P.A.4) Sistemi che si aggiornano in rete ed installano automaticamente i software necessari per svolgere le varie fasi dei progetti.CHE NE PENSATE?? (NO FLAME)
      • reXistenZ scrive:
        Re: IMHO Non è fisicamente possibile

        PS- OT: mi sono sempre chiesto perchè il Governo
        non abbia creato un gruppo composto da ragazzotti
        capaci (e l'Italia è piena) tra i quali non mi
        annovero, per la creazione di un sistema
        informativo ad hoc per le amministrazioni???
        Molti non approveranno, ma sarebbe stato carino
        un sistema Open Source modellato sulle esigenze
        delle P.A. dai sistemi Server centrali a Sistemi
        distribuiti nella P.A. locali. Secondo me i
        risultati sarebbero
        stati:
        1) Lavoro per tecnici ITALIANI preparati.
        2) Software gestito in ITALIA
        3) Uniformità delle strutture informative
        proposte alle
        P.A.
        4) Sistemi che si aggiornano in rete ed
        installano automaticamente i software necessari
        per svolgere le varie fasi dei
        progetti.

        CHE NE PENSATE?? (NO FLAME)Che l'intento è ottimo, ma evidentemente non conosci la realtà della pubblica amministrazione. In quasi tutti i comuni di mediopiccole dimensioni c'è un dipendente che, con qualche conoscenza in più rispetto agli altri, gestisce la parte informatica, non necessariamente in un ruolo formalmente riconosciuto. Questo dipendente guarderà ogni suggerimento che arriva dall'esterno come un attacco al suo ruolo e alla sua persona, e farà di tutto per sabotarlo.Le cose nei comuni mediograndi non vanno meglio. Qui i dipendenti che stanno ai sistemi informativi gestiscono generalmente tutto in outsourcing, facendosi forza nei confronti dell'amministrazione del rolo ruolo di unici depositari dei rapporti con i fornitori e godendo delle attenzioni che questi ultimi riservano loro. Insomma, è sempre una questione di potere. Dei dipendenti, che più sono ignoranti e più cercano il potere come ruolo per affermare la loro sedicente professionalità.Non mi va di raccontare episodi vissuti in prima persona, ma ti credo di credermi se ti dico che conosco persone che hanno fatto spendere alla loro amministrazione centinaia di migliaia di euro in progetti faraonici già vecchi prima di partire, quando avrebbero potuto risparmiare anche il 30% o 40%, e giocando sull'ignoranza dell'amministrazione riescono ad accreditarsi come persone insostituibili.
        • Anonimo scrive:
          Re: IMHO Non è fisicamente possibile
          (..)
          Insomma, è sempre una questione di potere. Dei
          dipendenti, che più sono ignoranti e più cercano
          il potere come ruolo per affermare la loro
          sedicente
          professionalità.

          Non mi va di raccontare episodi vissuti in prima
          persona, ma ti credo di credermi se ti dico che
          conosco persone che hanno fatto spendere alla
          loro amministrazione centinaia di migliaia di
          euro in progetti faraonici già vecchi prima di
          partire, quando avrebbero potuto risparmiare
          anche il 30% o 40%, e giocando sull'ignoranza
          dell'amministrazione riescono ad accreditarsi
          come persone
          insostituibili.quoto tutto. E' inutile dire che non si deve fare di ogni erba un fascio, ma pero' ste cose, se hai a che fare con le P.A. , le vedi. Il peggio e' quando a) il responsabile informatico della p.a. e' discretamente competente b) l'outsourcer (che sarei io) e' bravo [ahem ;] MA per soliti,strani,contorti giochi di poltronaggio politico [es: responsabili di pari grado o superiore (ma incompetenti) boicottano, progetti concorrenti (inutili ma ben foraggati dall'alto), etc] mettono i bastoni tra le ruote anche a chi vorrebbe far qualcosa di decente.E mi e' gia andata grassa che sto in una regione "sana"...
        • Anonimo scrive:
          Re: IMHO Non è fisicamente possibile
          - Scritto da: reXistenZ

          PS- OT: mi sono sempre chiesto perchè il Governo

          non abbia creato un gruppo composto da
          ragazzotti

          capaci (e l'Italia è piena) tra i quali non mi

          annovero, per la creazione di un sistema

          informativo ad hoc per le amministrazioni???

          Molti non approveranno, ma sarebbe stato carino

          un sistema Open Source modellato sulle esigenze

          delle P.A. dai sistemi Server centrali a Sistemi

          distribuiti nella P.A. locali. Secondo me i

          risultati sarebbero

          stati:

          1) Lavoro per tecnici ITALIANI preparati.

          2) Software gestito in ITALIA

          3) Uniformità delle strutture informative

          proposte alle

          P.A.

          4) Sistemi che si aggiornano in rete ed

          installano automaticamente i software necessari

          per svolgere le varie fasi dei

          progetti.



          CHE NE PENSATE?? (NO FLAME)

          Che l'intento è ottimo, ma evidentemente non
          conosci la realtà della pubblica amministrazione.

          In quasi tutti i comuni di mediopiccole
          dimensioni c'è un dipendente che, con qualche
          conoscenza in più rispetto agli altri, gestisce
          la parte informatica, non necessariamente in un
          ruolo formalmente riconosciuto. Questo dipendente
          guarderà ogni suggerimento che arriva
          dall'esterno come un attacco al suo ruolo e alla
          sua persona, e farà di tutto per
          sabotarlo.
          Le cose nei comuni mediograndi non vanno meglio.
          Qui i dipendenti che stanno ai sistemi
          informativi gestiscono generalmente tutto in
          outsourcing, facendosi forza nei confronti
          dell'amministrazione del rolo ruolo di unici
          depositari dei rapporti con i fornitori e godendo
          delle attenzioni che questi ultimi riservano
          loro.

          Insomma, è sempre una questione di potere. Dei
          dipendenti, che più sono ignoranti e più cercano
          il potere come ruolo per affermare la loro
          sedicente
          professionalità.

          Non mi va di raccontare episodi vissuti in prima
          persona, ma ti credo di credermi se ti dico che
          conosco persone che hanno fatto spendere alla
          loro amministrazione centinaia di migliaia di
          euro in progetti faraonici già vecchi prima di
          partire, quando avrebbero potuto risparmiare
          anche il 30% o 40%, e giocando sull'ignoranza
          dell'amministrazione riescono ad accreditarsi
          come persone
          insostituibili.Beh, la realtà che conosco io è molto diversa da quella che descrivi. La realtà che conosco è quella di un ufficio sistemi informativi discretamente qualificato ed aperto alla sperimentazione di nuove tecnologie utili per migliorare il funzionamento dell'ente. Il problema viene piuttosto da dirigenti scarsamente competenti che sottovalutano l'importanza dei sistemi informativi e destinano una quantità di risorse drammaticamente insufficiente per farli funzionare a dovere. Al che l'ufficio si trova a lavorare in perenne situazione di emergenza senza potersi dare la minima programmazione di gestione. Senza poi contare gli interventi dall'alto (assessori e sindaco) volti a questioni puramente di facciata e mai di sostanza. Una situazione da sclero in cui tutto è affidato al senso di responsabilità dei dipendenti.
        • Anonimo scrive:
          Re: IMHO Non è fisicamente possibile
          - Scritto da: reXistenZ

          Che l'intento è ottimo, ma evidentemente non
          conosci la realtà della pubblica amministrazione.

          In quasi tutti i comuni di mediopiccole
          dimensioni c'è un dipendente che, con qualche
          conoscenza in più rispetto agli altri, gestisce
          la parte informatica, non necessariamente in un
          ruolo formalmente riconosciuto. Questo dipendente
          guarderà ogni suggerimento che arriva
          dall'esterno come un attacco al suo ruolo e alla
          sua persona, e farà di tutto per
          sabotarlo.
          Le cose nei comuni mediograndi non vanno meglio.
          Qui i dipendenti che stanno ai sistemi
          informativi gestiscono generalmente tutto in
          outsourcing, facendosi forza nei confronti
          dell'amministrazione del rolo ruolo di unici
          depositari dei rapporti con i fornitori e godendo
          delle attenzioni che questi ultimi riservano
          loro.

          Insomma, è sempre una questione di potere. Dei
          dipendenti, che più sono ignoranti e più cercano
          il potere come ruolo per affermare la loro
          sedicente
          professionalità.

          Non mi va di raccontare episodi vissuti in prima
          persona, ma ti credo di credermi se ti dico che
          conosco persone che hanno fatto spendere alla
          loro amministrazione centinaia di migliaia di
          euro in progetti faraonici già vecchi prima di
          partire, quando avrebbero potuto risparmiare
          anche il 30% o 40%, e giocando sull'ignoranza
          dell'amministrazione riescono ad accreditarsi
          come persone
          insostituibili.Quoto quanto da te espresso, anche se qualcuno, giustamente, riferisce di scenari differenti.Il punto e' sempre il solito, la PA e la PAL sono continuamente pervase dalla presenza delle politica e del modo con cui si muove la politica italiana, ovvero, per amicizie e parentele (molto generico ma da un senso alla questione, ed e' innegabile)Questo in primo luogo mina un ambito che dovrebbe essere il piu' possibile indipendente dalla Politica (come in Francia).In secondo luogo, non dimentichiamo che la PA e' la piu' grande azienda Italiana, e che tra dipendenti ed indotto ha un giro d'afari enorme, che non sempre equivale a spese fatte con criterio.Terzo, la PA ha una certa propensione agli investimenti ma un'altrettanta avversione per le spese correnti, in altre parole, all'interno di un bilancio della PA e' piu' facile far passare un investimento faraonico, piuttosto che un irrisorio ma utile capitolo di spesa per manutenzione.Quarto, in italia siamo tutti esperti, a parole, per cui le PA sono pervase da fantomatici ragazzaotti e consulenti di tutti i tipi e conoscenze, alcuni dei quali molto bravi, altri introdotti e con l'unico scopo di mungere il cliente, che si beve qualsiasi cosa, visto che chi prendera' le decisioni, non sono i dirigenti ma i politici i cui criteri di selezione non sono propriamente quelli necesari per valutare se un progetto informatico abbia o meno senso'; il cui senso dovrebbe essere esteso all'utilita' del paese/cittadino.Anche sul fronte dell'innovazione, si fa un errore in partenza, come quello dalla CIE, ovvero quello di confrontarsi solo con realta' universitarie, che sappaiamo essere fortemente politicizzate e di natura teoricam per cui nascono progetti, anche con tecnologie Open Source, belli sulla carta ma non pratici. L'esempio e' la CIE, o la famosa busta di eGov, per la cosidetta interoperabilita' delle PA. Ma entrambi i progetti sono stati sicuramente lasciati a qualche manipolo di laureandi non pagati, i quali si sono sbizzarriti con soluzioni fantasiose e poco applicate, ma soprattutto lontane anni luce dalla realta' dei fatti.Infine, si aggiunga la normativa che non e' sicuamente adeguata al tema. Vogliamo ofrire servizi al cittadino via carta CIE, o Carte Nazionali dei Servizi (ah c'e' da dire anche questo, che la CIE non e' l'unica carta servizi!!!), ma per problemi di privacy, sensibilita' del dato, ecc, ma soprattutto per questioni di responsabilita' che la gente non si prende, ecco che le piu' sane e valide proposte crollano banalmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: IMHO Non è fisicamente possibile
      Completamente d'accordo!Anche in considerazione del fatto che il Ministero si impegnava a fornire le postazioni per la emissione fisica della C.I.E. , svincolando i Comuni da un esborso non indifferente (si parla di cifre attorno ai 20.000). Ebbente a tutt'oggi di tali postazioni non ve ne è alcuna traccia o notizia
  • Anonimo scrive:
    e le smart card che fine faranno? :)
    dai, queste SONO smart card... probabilmente finiranno per avere gli stessi problemi che hanno ora le smart card se verranno usate come firme digitali...
  • Anonimo scrive:
    Sono queste le necessità?
    A detta loro, siamo un paese pieno di debiti che a malapena con un rincaro di tasse ed imposte, riusciamo a tirare avanti.Ma tutti questi denari servono per iniziative del genere? Possibile che accettiamo sempre muti queste iniziative atte solo a vangloriare qualche buonpensante?
  • Anonimo scrive:
    CI quale utilita'?
    Mi chiedo a cosa serva la carta d'identita', in UK hanno discusso sulla carta d'identita' non perche' fosse digitale ma perche' praticamente in UK la carta d'identita' non esiste nessuno ce l'ha!Io sono 10 anni che non ce l'ho, a cosa serve? Ho la mia bella patente e quando devo viaggiare all'estero ho il mio bel passaporto.Tra l'altro ho appena ricevuto il nuovo codice fiscale/tessera sanitaria. Fra un po' facciamo collezione.Negli states la patente fa da carta d'identita, serve per registrarsi a votare e una tonnelata di altre cose. Perche' dobbiamo fare collezione di carte?????
    • Anonimo scrive:
      Re: CI quale utilita'?

      Mi chiedo a cosa serva la carta d'identita', in
      Perche' dobbiamo fare collezione di
      carte?????A mio avviso dovrebbe proprio essere la CID ad essere il collettore di informazioni.Questo strumento se affiancato da servizi che ne sfruttano le potenzialità è utile, altrimenti rimane un pezzetto di plastica nel portafoglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: CI quale utilita'?
      spero che un giorno mi ritroverò con nel portafogli _una_ sola carta che fa da bancomat, da carta d'identità, da patente, da tesserino sanitario, da passaporto ecc..la tecnologia per fare una cosa simile c'e' tutta. credo che la carta d'identita' elettronica possa essere un passo avanti in questa direzione.sperem'..
      • ilgorgo scrive:
        Re: CI quale utilita'?
        - Scritto da:
        spero che un giorno mi ritroverò con nel
        portafogli _una_ sola carta che fa da bancomat,
        da carta d'identità, da patente, da tesserino
        sanitario, da passaporto
        ecc..
        la tecnologia per fare una cosa simile c'e'
        tutta. credo che la carta d'identita' elettronica
        possa essere un passo avanti in questa
        direzione.
        Fin quando non te la clonano, o non la perdi.
      • Anonimo scrive:
        Re: CI quale utilita'?
        Se la perdi, poi, non esisti più !
    • squeock scrive:
      Re: CI quale utilita'?
      Mah, avere un solo documento che fa tutto ha anche i suoi lati negativi, per esempio se perdi quello so razzi :@tuttavia anch'io sarei favorevole ad avere una carta unica che fa patente, carta credito, ecc...
      • Anonimo scrive:
        Re: CI quale utilita'?
        - Scritto da: squeock
        Mah, avere un solo documento che fa tutto ha
        anche i suoi lati negativi, per esempio se perdi
        quello so razzi
        :@è vero, ma tanto il 99,99% delle volte tieni tutto (carta di identità, patente, bancomat) nel portafoglio e quindi è la stessa cosa ;)
    • staza scrive:
      Re: CI quale utilita'?
      - Scritto da:
      Mi chiedo a cosa serva la carta d'identita', in
      UK hanno discusso sulla carta d'identita' non
      perche' fosse digitale ma perche' praticamente in
      UK la carta d'identita' non esiste nessuno ce
      l'ha!

      Io sono 10 anni che non ce l'ho, a cosa serve? Ho
      la mia bella patente e quando devo viaggiare
      all'estero ho il mio bel
      passaporto.

      Tra l'altro ho appena ricevuto il nuovo codice
      fiscale/tessera sanitaria. Fra un po' facciamo
      collezione.

      Negli states la patente fa da carta d'identita,
      serve per registrarsi a votare e una tonnelata di
      altre cose. Perche' dobbiamo fare collezione di
      carte?????perchè perchè.... perchè siamo in italia naturalmente... i soldi bisogna farli girare e soprattutto farli finire nelle tasche dei soliti (ig)noti...se vi fosse solo una carta per tutto, solo uno o due persone ci mangerebbero sopra... almeno in questo modo ce ne stanno 2 o 3 cento a mangiarci :)oltre agli innumerevoli posti di lavoro che si creano... pensiamo anche al popolino ogni tanto! :)P.S.: pure io sarei a favore di un unica carta.... e se la perdi/rubano/altro basta che vai in comune e te la rifanno al volo, e fare come con le sim dei cellulari, ovvero "disabilitare" il PIN della carta smarrita/rubata
  • Anonimo scrive:
    PER L'ADUC
    Per l'ADUC e per chi amplifica le loro lamentele:Capirai, 15 euro in più ogni 5 anni manderanno in rovina i consumatori. Si tratta di 3 euro all'anno. Non avete proprio niente di più importante da fare?
    • Anonimo scrive:
      Re: PER L'ADUC
      - Scritto da:
      Per l'ADUC e per chi amplifica le loro lamentele:

      Capirai, 15 euro in più ogni 5 anni manderanno in
      rovina i consumatori. Si tratta di 3 euro
      all'anno. Non avete proprio niente di più
      importante da
      fare?In effetti sono cosi' poche che non credo ti disturbera' pagare tu al posto mio.Aspetto al piu' presto questa cifra insigificante, grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: PER L'ADUC
      Tieni conto che la carta di identità la usi per tutto e ti serve anche ad esercitare il diritto di voto, sul fatto che per un indigente siano così pochi non ci conterei,c'è chi con quella cifra ci campa 7 gg.....
    • Anonimo scrive:
      Re: PER L'ADUC
      - Scritto da:
      Per l'ADUC e per chi amplifica le loro lamentele:

      Capirai, 15 euro in più ogni 5 anni manderanno in
      rovina i consumatori. Si tratta di 3 euro
      all'anno. Non avete proprio niente di più
      importante da
      fare?*sigh*Per un singolo possono non essere tantissimi, ma moltiplicali per ogni cittadino maggiorenne.Ora vediamo cosa costa _fare_ la card e facciamo la differenza con i 20 euro. Tale differenza e' il guadagno dell'azienda che la fa. Moltiplica per ogni cittadino.Ora, visto che un tale prelievo ogni tanto non e' 'sto gran che, una banca potrebbe anche decidere di aumentare di due o tre euro le spese dell'estratto conto annuale, o le assicurazioni aumentare il premio, eccetera, tanto non e' che si mandi in rovina l'utente, no?Gia' che ci siamo, visto che non si manda in rovina nessuno per tre euro all'anno, propongo che tutti i cittadini italiani versino su un certo conto un miserrimo euro all'anno (sconto del 66 percento). Se la cosa va in porto, la prossima volta vi scrivo da un IP delle Maldive...k1
      • Ubu re scrive:
        Re: PER L'ADUC
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Per l'ADUC e per chi amplifica le loro
        lamentele:



        Capirai, 15 euro in più ogni 5 anni manderanno
        in

        rovina i consumatori. Si tratta di 3 euro

        all'anno. Non avete proprio niente di più

        importante da

        fare?

        *sigh*

        Per un singolo possono non essere tantissimi, ma
        moltiplicali per ogni cittadino
        maggiorenne.

        Ora vediamo cosa costa _fare_ la card e facciamo
        la differenza con i 20 euro. Tale differenza e'
        il guadagno dell'azienda che la fa. Moltiplica
        per ogni
        cittadino.

        Ora, visto che un tale prelievo ogni tanto non e'
        'sto gran che, una banca potrebbe anche decidere
        di aumentare di due o tre euro le spese
        dell'estratto conto annuale, o le assicurazioni
        aumentare il premio, eccetera, tanto non e' che
        si mandi in rovina l'utente,
        no?

        Gia' che ci siamo, visto che non si manda in
        rovina nessuno per tre euro all'anno, propongo
        che tutti i cittadini italiani versino su un
        certo conto un miserrimo euro all'anno (sconto
        del 66 percento).

        Se la cosa va in porto, la prossima volta vi
        scrivo da un IP delle
        Maldive...

        k1Hai parlato con un esponete del popolo bue.Nati pecore, sono colmati di attenzioni, mungitura, tosatura, arrivano ad offendersi se qualcuno non ci sta, se qualcuno tenta di proteggerli, ne fanno una questione di principio, loro.
        • Anonimo scrive:
          Re: PER L'ADUC
          Siete proprio dei morti di fame.
        • Anonimo scrive:
          Re: PER L'ADUC

          Nati pecore, sono colmati di attenzioni,
          mungitura, tosatura, arrivano ad offendersi se
          qualcuno non ci sta, se qualcuno tenta di
          proteggerli, ne fanno una questione di principio,
          loro.Grazie ora che ci sei tu a proteggermi mi sento più tranquillo
          • Ubu re scrive:
            Re: PER L'ADUC
            - Scritto da:

            Nati pecore, sono colmati di attenzioni,

            mungitura, tosatura, arrivano ad offendersi se

            qualcuno non ci sta, se qualcuno tenta di

            proteggerli, ne fanno una questione di
            principio,

            loro.

            Grazie ora che ci sei tu a proteggermi mi sento
            più tranquilloIo proteggere chi?A me va bene che vi spellino, è sempre stato e sempre sarà, siete nati apposta.Semplicemente mi sono limitato a spiegare i meccanismi legati al culto della pecora.
      • Anonimo scrive:
        Re: PER L'ADUC
        20 euro qui ma non solo!Per rifare la patente una persona quanto paga?In televisione vi dicono 20 euro FALSO, sono molti di più!7,80 + 1,70 per un bollettino e l'altro da 35 euro + 1 in totale 45,50 euro mica male, no?Calcolando che poi fanno i bollettini apposta per nn capirci nulla (cosa bisogna mettere in cod.causale? Nulla, ma in motorizzazione nessuno ve lo dice xchè o sono in sciopero o in assemblea o non hanno le forze per rispondere al telefono) mi sento abbastanza preso per i fondelli.La nuova patente a che serve? A nulla, io ho quella vecchia e sto benissimo!!!
  • Anonimo scrive:
    Chissà nel chip cosa ci metteranno?
    Per adesso hanno promesso non inseriranno dati sensibili. Un domani la card che l'italiano medio oggi non vedo l'ora di avere potrebbe contenere le nostre impronte, quelle dell'iride, il nostro stato di salute, il nostro grado di terrorismo. Il 1984 immaginato da Orwell è sempre più vicino, si era solo sbagliato sulla data di nemmeno 100 anni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
      Cremona,rinnovata ieri carta d'identita', ora elettronica.Dentro ci sono i miei dati che il comune gia' aveva piu' la mia foto digitale piu' l'impronta del mio indice sinistro.Mi hanno anche dato dei codici tipo PIN per futuri utilizzi sui siti del comune..Costo dell'operazione 5,10
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
        - Scritto da:
        Cremona,

        rinnovata ieri carta d'identita', ora elettronica.
        Dentro ci sono i miei dati che il comune gia'
        aveva piu' la mia foto digitale piu' l'impronta
        del mio indice
        sinistro.L'impronta? E perchè?
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
        - Scritto da: popolo bue
        Cremona,

        rinnovata ieri carta d'identita', ora elettronica.
        Dentro ci sono i miei dati che il comune gia'
        aveva piu' la mia foto digitale piu' l'impronta
        del mio indice
        sinistro.
        Mi hanno anche dato dei codici tipo PIN per
        futuri utilizzi sui siti del
        comune..
        Costo dell'operazione 5,10Complimenti,adesso anche tu sei nel database.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
          - Scritto da:

          - Scritto da: popolo bue


          Cremona,



          rinnovata ieri carta d'identita', ora
          elettronica.

          Dentro ci sono i miei dati che il comune gia'

          aveva piu' la mia foto digitale piu' l'impronta

          del mio indice

          sinistro.

          Mi hanno anche dato dei codici tipo PIN per

          futuri utilizzi sui siti del

          comune..

          Costo dell'operazione 5,10

          Complimenti,

          adesso anche tu sei nel database.Perchè, prima non c'era?
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
        Mettere l'impronta del medio della mano destra no? ;D
    • Morbius scrive:
      Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
      I dati contenuti in una comune carta d'identità non sono semplicemente dati sensibili ma...sensibilissimi! :|
    • MandarX scrive:
      Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?

      Per adesso hanno promesso non inseriranno dati
      sensibili. Un domani la card che l'italiano medio
      oggi non vedo l'ora di avere potrebbe contenere
      le nostre impronte, quelle dell'iride, il nostro
      stato di salute, il nostro grado di terrorismo.il Trusted Computing farà il resto
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà nel chip cosa ci metteranno?
      Il fatto che i dati siano o meno nella carta di identità è irrilevante.Anche se fossero in un computer dall'altra parte della terra, sarebbero recuperabili con l'ID della carta elettronica o non elettronica che sia.OK ?!?
  • Anonimo scrive:
    A Mantova....
    ....la fanno da quasi 10 anni e non costa NULLA... Inoltre se prima dovevo spendere i soldi per le fototessere, adesso era gratuita anche quella!!
    • bluesummers scrive:
      Re: A Mantova....
      Stessa cosa a Trieste, dove la sperimentazione è in atto da un paio d'anni: il costo della carta è di 5 euro, è istantanea e la fotografia è 'compresa nel prezzo'
      • Anonimo scrive:
        Re: A Mantova....
        - Scritto da: bluesummers
        Stessa cosa a Trieste, dove la sperimentazione è
        in atto da un paio d'anni: il costo della carta è
        di 5 euro, è istantanea e la fotografia è
        'compresa nel
        prezzo'Solo a Como si paga tutto -_-
    • Anonimo scrive:
      Re: A Mantova....
      - Scritto da:
      ....la fanno da quasi 10 anni e non costa
      NULLA... Inoltre se prima dovevo spendere i soldi
      per le fototessere, adesso era gratuita anche
      quella!!insomma, 10 anni no, però da un paio d'anni sì :)
      • Anonimo scrive:
        Re: A Mantova....
        Ho lavorato con la ditta che segue il comune di Mantova.La sperimentazione è iniziata in pochissimi comuni nel 2000, personalmente ho avviato il comune di Piacenza in quegli anni.Mantova se non erro è partita 2 o tre anni fa con i comuni della seconda fase.
    • Anonimo scrive:
      Re: A Mantova....
      - Scritto da:
      ....la fanno da quasi 10 anni e non costa
      NULLA... Inoltre se prima dovevo spendere i soldi
      per le fototessere, adesso era gratuita anche
      quella!!Adesso che hanno tagliato i fondi ai comuni vedremo se la faranno ancora gratis. Magari si, ma i soldi te li gratteranno da qualche altra parte.
    • Anonimo scrive:
      Re: A Mantova....
      - Scritto da:
      ....la fanno da quasi 10 anni e non costa
      NULLA... Inoltre se prima dovevo spendere i soldi
      per le fototessere, adesso era gratuita anche
      quella!!Sì, ma se avessero scritto "continua il progetto sulla CIE" non avrebbero potuto fare pubblicità al governo...sai com'è. Fa figo dire che tra un mese arriva la CIE...quando pure io la ho da anni e anni. Tanto che a breve dovrò rinnovarla.La solita parzialità di PI.
      • Anonimo scrive:
        Re: A Mantova....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ....la fanno da quasi 10 anni e non costa

        NULLA... Inoltre se prima dovevo spendere i
        soldi

        per le fototessere, adesso era gratuita anche

        quella!!

        Sì, ma se avessero scritto "continua il progetto
        sulla CIE" non avrebbero potuto fare pubblicità
        al governo...sai com'è. Fa figo dire che tra un
        mese arriva la CIE...quando pure io la ho da anni
        e anni. Tanto che a breve dovrò
        rinnovarla.

        La solita parzialità di PI.Già peccato che solo PI abbia citato Bassanini (ds) che alla fine non ne fece niente.... Sei ideologizzato. Curati
  • Anonimo scrive:
    Non me ne faccio nulla
    Non me ne faccio nulla, mi tengo il modello vecchio per almeno i prossimi 20 anni, se non mi obbligano a cambiarla...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non me ne faccio nulla
      - Scritto da:
      Non me ne faccio nulla, mi tengo il modello
      vecchio per almeno i prossimi 20 anni, se non mi
      obbligano a cambiarla...... obbligano tipo ogni 5 anni perché scade?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non me ne faccio nulla
      - Scritto da:
      Non me ne faccio nulla, mi tengo il modello
      vecchio per almeno i prossimi 20 anni, se non mi
      obbligano a
      cambiarla...Devi cambiarla perché dopo x anni scade...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non me ne faccio nulla
        Presumo che lui indendesse dire che se manterranno ambedue i formati lui rimarrà al vecchio. E come dargli torto?
  • Anonimo scrive:
    Sarebbe un'ottima cosa..
    .. se fosse fatta come si deve.Per avre la sua utilità deve contenere tutti i dati della carta d'identità classica, più quelli del codice fiscale, più quelli della tessera sanitaria. In più dovrebbe contenere dati essenziali come allergie a farmaci, patologie importanti, nucleo familiare di appartenenza, e qualche dato biometrico.Purtroppo il 'bigottismo' ed il miraggio della privacy che in questi casi fa solo male.. renderà questo un progetto nato morto senza alcuna utilità reale, se non quella di far gongolare qualche politicante per l'aver realizzato 'la carta d'identità elettronica'... carta d'identità elettronica storpia, aggiungo io.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe un'ottima cosa..
      - Scritto da:
      .. se fosse fatta come si deve.

      Per avre la sua utilità deve contenere tutti i
      dati della carta d'identità classica, più quelli
      del codice fiscale, più quelli della tessera
      sanitaria. In più dovrebbe contenere dati
      essenziali come allergie a farmaci, patologie
      importanti, nucleo familiare di appartenenza, e
      qualche dato
      biometrico. Concordo con te, la CID deve diventare il documento unico di identificazione.In più oltre a contenere informazioni, occorre che enti pubblici e privati mettano in piedi servizi che sfruttano le potenzialità dello strumento... visto che si tratta di una "chiave" elettronica
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe un'ottima cosa..
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        .. se fosse fatta come si deve.



        Per avre la sua utilità deve contenere tutti i

        dati della carta d'identità classica, più quelli

        del codice fiscale, più quelli della tessera

        sanitaria. E fin qui... BTW, la nuova tessera sanitaria si identifica con il CF.

        In più dovrebbe contenere dati

        essenziali come allergie a farmaci, patologie

        importanti, nucleo familiare di appartenenza, eE' un tantino inutile sovraccaricare la carta con questi dati, tanto piu' mettendoli a rischio di essere letti da chi non ne ha diritto (che so, le simpaticissime compagnie di assicurazione?). E' molto piu' semplice mettere tali dati in un sistema informativo sanitario nazionale, accessibile solo agli operatori sanitari e identificati dal tesserino/CI.

        qualche dato

        biometrico.Beh, questo ha qualche senso, in termini di sicurezza.
        Concordo con te, la CID deve diventare il
        documento unico di
        identificazione.Negli States c'e' gia' (anche se non ufficialmente: usano il SSN) e hanno casini a non finire. http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=46845
        In più oltre a contenere informazioni, occorre
        che enti pubblici e privati mettano in piedi
        servizi che sfruttano le potenzialità dello
        strumento... visto che si tratta di una "chiave"
        elettronicaCertamente.E' idea non recente quella di un unico documento che serva per l'identificazione, per accedere ai servizi pubblici e sanitari; che riporti i dati della licenza di guida, che consenta di registrarvi ogni tipo di abbonamento (bus e/o treno, ad es); che serva da carta di credito o debito o tessera punti. Eccetera.Tutto molto bello, semplice, lineare, pulito.Punto fondamentale e' pero' la garanzia che i dati contenuti divengano disponibili _solo_ a chi ha diritto di accedervi. Non mi va proprio per niente che ogni ipermercato in cui entro sappia la mia eta', peso e altezza, se sono sposato o meno, se e quali assicurazioni ho stipulato, se soffro di qualche malattia cronica, se quel giorno sono in ferie o se ho qualche precedente penale.Altro punto fondamentale e' la garanzia che non sia possibile clonarla.Gia' oggi la gente sa che una carta di credito da' scarse garanzie e per questo preferisce evitarne l'uso, nonostante i rimborsi in caso di truffa/furto siano facilitati (primo, bisogna accorgersi di non aver fatto quella spesa, per chiedere il rimborso e, secondo, non e' detto che in futuro le cose non cambino). Fatto sta' che la carta di credito e' una manna per truffatori e ladri, fintanto che si limitano a piluccare un po' qui e un po' li'.Figuriamoci una carta che faccia da fulcro a tutta la nostra vita: una volta clonata, qualcuno potrebbe spacciarsi per noi e compiere qualunque illecito a nome nostro. Come la si rimborsa una cosa del genere?Insomma, l'idea in se' non e' malvagia, ma se la implementano o gestiscono come hanno fatto con tutte le cose che comportassero le nuove tecnologie (ossia alla organo sessuale di canide domestico), allora siamo negli escrementi fino al collo; e allora "xa morti chi fa l'onda".k1
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarebbe un'ottima cosa..

          collo; e allora "xa morti chi fa
          l'onda".
          k1Perfettamente d'accordo. L'idea sarebbe buonama temo che per l'implementazione non ci sia dafidarsi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarebbe un'ottima cosa..
          - Scritto da:

          Punto fondamentale e' pero' la garanzia che i
          dati contenuti divengano disponibili _solo_ a chi
          ha diritto di accedervi. Non mi va proprio per
          niente che ogni ipermercato in cui entro sappia
          la mia eta', peso e altezza, se sono sposato o
          meno, se e quali assicurazioni ho stipulato, se
          soffro di qualche malattia cronica, se quel
          giorno sono in ferie o se ho qualche precedente
          penale.Basterebbe criptare i dati con diverse chiavi, in modo che, ad esempio, gli enti privati possano accedere solo ai datti "in chiaro": nome, cognome e data di nascita; la polizia possa accedere anche a residenza, domicilio e precedenti penali; gli ospedali possano accedere anche ai tuoi dati clinici, e così via.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarebbe un'ottima cosa..
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            Punto fondamentale e' pero' la garanzia che i

            dati contenuti divengano disponibili _solo_ a
            chi

            ha diritto di accedervi. Non mi va proprio per

            niente che ogni ipermercato in cui entro sappia

            la mia eta', peso e altezza, se sono sposato o

            meno, se e quali assicurazioni ho stipulato, se

            soffro di qualche malattia cronica, se quel

            giorno sono in ferie o se ho qualche precedente

            penale.

            Basterebbe criptare i dati con diverse chiavi, in
            modo che, ad esempio, gli enti privati possano
            accedere solo ai datti "in chiaro": nome, cognome
            e data di nascita; la polizia possa accedere
            anche a residenza, domicilio e precedenti penali;
            gli ospedali possano accedere anche ai tuoi dati
            clinici, e così
            via.Poco comodo per la verità...Così servirebbero 5/10/20 chiavi diverse per ogni cittadimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarebbe un'ottima cosa..
            Io sono sempre dell'idea che vi siano cose più urgenti da sistemare a livello burocratico.Stile la riduzione degli impiegati statali in certe regioni...
    • Anonimo scrive:
      TROLL - Re: Sarebbe un'ottima cosa..

      Per avre la sua utilità deve contenere tutti i
      dati della carta d'identità classica, più quelli
      del codice fiscale, più quelli della tessera
      sanitaria. In più dovrebbe contenere dati
      essenziali come allergie a farmaci, patologie
      importanti, nucleo familiare di appartenenza, e
      qualche dato
      biometrico.

      Purtroppo il 'bigottismo' ed il miraggio della
      privacy che in questi casi fa solo male..Sei un TROLL o un pecorone genuflesso a novanta gradi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe un'ottima cosa..
      - Scritto da:
      .. se fosse fatta come si deve.

      Per avre la sua utilità deve contenere tutti i
      dati della carta d'identità classica, più quelli
      del codice fiscale, più quelli della tessera
      sanitaria. In più dovrebbe contenere dati
      essenziali come allergie a farmaci, patologie
      importanti, nucleo familiare di appartenenza, e
      qualche dato
      biometrico.

      Purtroppo il 'bigottismo' ed il miraggio della
      privacy che in questi casi fa solo male.. renderà
      questo un progetto nato morto senza alcuna
      utilità reale, se non quella di far gongolare
      qualche politicante per l'aver realizzato 'la
      carta d'identità elettronica'... carta d'identità
      elettronica storpia, aggiungo
      io.questa tessera esiste in alcune regioni e si chiama carta Regionale dei Servizi
  • Anonimo scrive:
    Meno male che...
    ... ho rinnovato la mia CI cartacea un mese fa. Per altri cinque anni starò fuori dalle grinfie di questa c*g*t* antiprivacy.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meno male che...
      Grande! Devo rifarla anche io allora.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meno male che...
      In ogni caso i tuoi dati nei database centrali la PA li ha... Sia che tu abbia la CI elettronica sia che tu abbia la CI cartacea...Non capisco dov'e' il problema "privacy"... se perdi la CI cartacea, come penso con l'elettronica, il malandrino ha a disposizione i tuoi dati completi di numero dell'atto di nascita...
  • Anonimo scrive:
    Non vedo l'ora
    Cosi' finalmente potro firmare documenti elettronici e mandarli con valore legale in giro. Basta con l'inquinamento e le complicazioni della carta, era ora!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vedo l'ora
      ma siamo sicuri che vale per quello ??
      • Anonimo scrive:
        Re: Non vedo l'ora
        Certo che vale. Io la ho da anni e funziona esattamente come certificato digitale per farsi riconoscere dalla PA e per firmare documenti.PI ora scrive che entro un mese ci sarà...un titolone per dire che continua il progetto avviato anni addietro e che per essere completato richiederà ancora svariati anni.COme si faccia a dire che arriverà tra un mese lo sanno solo i giornalisti di PI...
  • Anonimo scrive:
    costa troppo
    Ma che senso ha creare una carta di identità che costa l'ira di Dio rispetto a quella attuale? Tanto vale restare al vecchio sistema.
    • Anonimo scrive:
      Re: costa troppo
      - Scritto da:
      Ma che senso ha creare una carta di identità che
      costa l'ira di Dio rispetto a quella attuale?
      Tanto vale restare al vecchio
      sistema.Perche' a regime costera' meno, solo ora costa di piu'.Perche' semplifichera' immensamente una marea di pratiche burocratiche.Perche' dare maggiore certezze garanzie rispetto a quello le questioni legali legate alle firme, quindi niente piu' calligrafi che interpretano, ma consulenti che dicono una certa firma e' vera o flasa, in maniera abbastanza incontrovertibile.
      • Anonimo scrive:
        Re: costa troppo
        bla bla blaMa in realtà non serve a nulla...Semplificherà al massimo il lavoro di comuni ed enti statali ma mica il mio... quindi che lavorino un po' che gli fa bene ^^
        • Anonimo scrive:
          Re: costa troppo
          - Scritto da:
          bla bla bla
          Ma in realtà non serve a nulla...
          Semplificherà al massimo il lavoro di comuni ed
          enti statali ma mica il mio... quindi che
          lavorino un po' che gli fa bene
          ^^Se non riesci a capire quanto invece sara' importante per *te* avere un signature elettronica (per infinite ragione che e' inutile che ti spieghi), il problema non e' mio.
          • Anonimo scrive:
            Re: costa troppo

            Se non riesci a capire quanto invece sara'
            importante per *te* avere un signature
            elettronica (per infinite ragione che e' inutile
            che ti spieghi), il problema non e'
            mio.La segnatura elettronica, al contrario di una "firma falsa" e' molto piu' facile e immediata da ottenere.Non serve piu' un certo talento manuale (che possono avere piu' o meno in pochi) ma basta l'accesso ad un database (piu' o meno pubblico) e qualche nozione di informatica.Quando metteranno in giro la possibilita' di sfruttare solo questo genere di risorsa per interagire con la PA saranno cazzi amari (e bella vita per le associazioni mafiose !)
          • Anonimo scrive:
            Re: costa troppo
            - Scritto da:

            Se non riesci a capire quanto invece sara'

            importante per *te* avere un signature

            elettronica (per infinite ragione che e' inutile

            che ti spieghi), il problema non e'

            mio.


            La segnatura elettronica, al contrario di una
            "firma falsa" e' molto piu' facile e immediata da
            ottenere.
            Non serve piu' un certo talento manuale (che
            possono avere piu' o meno in pochi) ma basta
            l'accesso ad un database (piu' o meno pubblico) e
            qualche nozione di
            informatica.Ah si? Riesci a crackare una chiave asimmetrica con qualche nozione di informatica ?Sono curioso, illuminaci!
          • Anonimo scrive:
            Re: costa troppo

            Se non riesci a capire quanto invece sara'
            importante per *te* avere un signature
            elettronica (per infinite ragioneSe a suo tempo non sei riuscito a capire le nozioni di base della grammatica sento di diffidare delle tue opinioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: costa troppo
            Guarda che senza sta nuova carta d'identità non riesco a vivere, non posso nemmeno uscire di casa!!! ma lol
      • Ubu re scrive:
        Re: costa troppo
        Ciao Anonimo,- Scritto da:

        - Scritto da:

        Ma che senso ha creare una carta di identità che

        costa l'ira di Dio rispetto a quella attuale?

        Tanto vale restare al vecchio

        sistema.

        Perche' a regime costera' meno, solo ora costa di
        piu'.Una cosa del genere nasce a regime. Una cosa del genere serve per migliorare l'efficienza che di conseguenza porta una riduzione massiccia degli sprechi, delle incertezze e deve essere a prova d'errore, perché non ci sono altrimenti. Una cosa del genere deve portare risparmio per l'utente e per le istituzioni (i cui costi ricadono sempre sull'utente), ma se già il pezzettino di plastica costa 4 volte di più vuol dire che sono solo i soliti giochetti all'italiana.
        Perche' semplifichera' immensamente una marea di
        pratiche
        burocratiche.
        Perche' dare maggiore certezze garanzie rispetto
        a quello le questioni legali legate alle firme,
        quindi niente piu' calligrafi che interpretano,
        ma consulenti che dicono una certa firma e' vera
        o flasa, in maniera abbastanza
        incontrovertibile.Sei splendido :)! Mi spieghi che senso ha dire "abbastanza incontrovertibile"? è peggio di dire 'sono completamente d'accordo con te a metà' e tu non hai la scusante di essere un calciatore.
        • Morbius scrive:
          Re: costa troppo

          Una cosa
          del genere deve portare risparmio per l'utente e
          per le istituzioni (i cui costi ricadono sempre
          sull'utente), ma se già il pezzettino di plastica
          costa 4 volte di più vuol dire che sono solo i
          soliti giochetti
          all'italiana.
          Visto che facciamo i giochini di parola sappi che se da 5 passa a 20 , il costo della carta sarà di 4 volte ( e basta), cioè 3 volte d+.
          • Ubu re scrive:
            Re: costa troppo
            - Scritto da: Morbius

            Una cosa

            del genere deve portare risparmio per l'utente e

            per le istituzioni (i cui costi ricadono sempre

            sull'utente), ma se già il pezzettino di
            plastica

            costa 4 volte di più vuol dire che sono solo i

            soliti giochetti

            all'italiana.


            Visto che facciamo i giochini di parola sappi
            che se da 5 passa a 20 , il costo della carta
            sarà di 4 volte ( e basta), cioè 3 volte
            d+.Dirti che sei 4 volte più scarso della media è ingiusto, 3.
          • Morbius scrive:
            Re: costa troppo
            http://punto-informatico.it/pms.aspx?id=1800447&m_id=1801023&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: costa troppo
      - Scritto da:
      Ma che senso ha creare una carta di identità che
      costa l'ira di Dio rispetto a quella attuale?
      Tanto vale restare al vecchio
      sistema.Ha senso che compresa nel prezzo c'è una ricca commessa a prezzi gonfiati per un "illuminato" imprenditore ed editore di SX, che ovviamente ricambierà sostenendo il governo coi suoi giornali e magari assumendo un po' di amici degli amici.Niente di nuovo sotto il sole, i Co.Co.Co. sono farina del suo sacco e per lui i sindacati e un passato governo di centro-SX hanno accettato una cosa che non avrebbero concesso a nessun altro industriale, neppure Agnelli.
    • Anonimo scrive:
      Re: costa troppo
      mah,,, io non sarei troppo sicuro dei dati scritti nell'articolo, un mio amico l'ha fatta 2 settimane fa e l'ha pagata 5 euro, come le vecchie... gli hanno pure preso le impronte digitali.Per chi si preoccupava popco sopra della contraffattibilita' posso solo dirgli che se la guarda in controluce capira' che la cosa e' molto complicata ;)
  • Anonimo scrive:
    A chi serve un ID che non vale come ID ?
    Che senso ha emettere un nuovo documento di identita' che non e' valido per il riconoscimento ? La plastica puo' essere contraffatta piu' facilmente della carta ? esistono delle pellicole filigrane anche per la plastica.Che differenza c'e' rispetto al vecchio tesserino del codice fiscale ? Un po piu' di dati da metterci dentro, mi sfugge qualcosa...
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi serve un ID che non vale come
      C'è un sistema di cifratura, il tuo nome e cognome son associati ad una CHIAVE elettronica
      • Anonimo scrive:
        Re: A chi serve un ID che non vale come
        - Scritto da:
        C'è un sistema di cifratura, il tuo nome e
        cognome son associati ad una CHIAVE
        elettronicasi e la chiave sarà una roba tipo nomecognomeannodinascita... la troveranno in mezza giornata di tentativi...
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi serve un ID che non vale come
      - Scritto da:
      Che senso ha emettere un nuovo documento di
      identita' che non e' valido per il riconoscimento
      ?

      La plastica puo' essere contraffatta piu'
      facilmente della carta ? esistono delle pellicole
      filigrane anche per la
      plastica.
      Che differenza c'e' rispetto al vecchio
      tesserino del codice fiscale ? Un po piu' di
      dati da metterci dentro, mi sfugge
      qualcosa...La differenza e' abissale: con quella carta puoi firmare univocamente tutti i documenti elettronici. Non e' una cavolata, ma una cosa abbastanza fondamentale per esempio per la Posta elettronica certificata.
      • Anonimo scrive:
        Re: A chi serve un ID che non vale come


        Che differenza c'e' rispetto al vecchio

        tesserino del codice fiscale ? Un po piu' di

        dati da metterci dentro, mi sfugge

        qualcosa...

        La differenza e' abissale: con quella carta puoi
        firmare univocamente tutti i documenti
        elettronici. Non e' una cavolata, ma una cosa
        abbastanza fondamentale per esempio per la Posta
        elettronica
        certificata.Mi stai forse dicendo che, in caso di "clonazione" della carta, rischio di autorizzare spese ed operazioni di cui sono all'oscuro ? :DCaspiterina ! pericolosa questa nuova tecnologia, eh ! ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: A chi serve un ID che non vale come
          - Scritto da:


          Che differenza c'e' rispetto al vecchio


          tesserino del codice fiscale ? Un po piu'
          di


          dati da metterci dentro, mi sfugge


          qualcosa...



          La differenza e' abissale: con quella carta puoi

          firmare univocamente tutti i documenti

          elettronici. Non e' una cavolata, ma una cosa

          abbastanza fondamentale per esempio per la Posta

          elettronica

          certificata.


          Mi stai forse dicendo che, in caso di
          "clonazione" della carta, rischio di autorizzare
          spese ed operazioni di cui sono all'oscuro ?
          :D

          Caspiterina ! pericolosa questa nuova tecnologia,
          eh !
          ;)Come il Bancomat o la carta di credito d'altronde.Solo che clonare un chip è un tantinello più difficoltoso...
          • MandarX scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come

            Come il Bancomat o la carta di credito d'altronde.
            Solo che clonare un chip è un tantinello più
            difficoltoso...ma possibilee sta tranquillo che qualcuno riuscira ad approfittarne
          • Anonimo scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            - Scritto da: MandarX

            Come il Bancomat o la carta di credito
            d'altronde.

            Solo che clonare un chip è un tantinello più

            difficoltoso...


            ma possibile

            e sta tranquillo che qualcuno riuscira ad
            approfittarneRagazzi, non sapete di cosa parlate. Si usa la crittografia asimmetrica per la firma.A parte che clonarla e' difficilismo (perche' la chiave e' scritta in una zona leggibile solo da chi ha la passphrase), ma clonare un documento cartaceo e' INFINITAMENTE piu' semplice, quindi di cosa stiamo parlando?Pensate agli usi utilissimi di una cosa del genere. Le proprie firme avranno valore legale anche se mandate a distanza via rete.Ma vi rendete conto che potete firmare anche a decine di milgiaia di kilometri e il tutto ha valore legale perche una copia di quelle chiavi e' al ministero?E' comodissimo. Per far eun contratto non sara0 piu' necessario andare a firmare decine di fogli di carta, che poi non sono altro che alberi tagliati, che sono fatti per essere persi o degradarsi nel tempo.E' chiaro che le trufe si potrano fare pure con la firma digitale, ma e' piu' difficile, e cmq i vantaggi coprono diverse volte i rischi.
          • MandarX scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come

            E' chiaro che le trufe si potrano fare pure con
            la firma digitale, ma e' piu' difficile, e cmq i
            vantaggi coprono diverse volte i
            rischi.ok è questo che bisogna spiegare bene bene a chi di dovereho idea che c'è troppa ignoranza ed affidarsi a questi metodi non è un bene quando chi deve indagare o giudicare non ne capisce nulla
          • Anonimo scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            - Scritto da: MandarX

            Come il Bancomat o la carta di credito
            d'altronde.

            Solo che clonare un chip è un tantinello più

            difficoltoso...


            ma possibile

            e sta tranquillo che qualcuno riuscira ad
            approfittarneDovresti avere un'infarinatura almeno minima di sicurezza per capire che non è così semplice.E seppur possibile non è detto che sia fattibile in tempi "utili".Ci hanno studiato esperti di sicurezza, stai tranquillo che è certamente più sicuro del metodo cartaceo (sia come documento di identità che come firma)
          • Anonimo scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            A me non serve di certo ^^
          • Birzio scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            - Scritto da:
            A me non serve di certo ^^Con tutto il rispetto e senza vena polemica, ma credi che a qualcuno importi SE a te interessi o se ti possa servire?Le cose non si fanno perché a tutti interessa, ma se l'innovazione migliora la vita anche per qualcuno.CiaoFab
          • Anonimo scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            - Scritto da: MandarX
            ma possibile

            e sta tranquillo che qualcuno riuscira ad
            approfittarneE' possibile pure che ci caschi in testa un meteorite domani, o che il sole esploda, ma non mi pare che qualcuno ne tenga conto.
          • MandarX scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come

            E' possibile pure che [...] il sole esploda...di grazia come potrebbe accadere cio?
          • Anonimo scrive:
            Re: A chi serve un ID che non vale come
            - Scritto da: MandarX

            E' possibile pure che [...] il sole esploda...

            di grazia come potrebbe accadere cio?Missile a protoni dei Gamilonesi?
  • Anonimo scrive:
    20-30 euro di ID? Speriamo le finanzino!
    Boia.... ma sottroppi!!Speriamo facciano che ne so una specie di finanziamento, invece di spendere i soldi dello stato nei decoder del Digitale Terrestre che è una ciofeca di prima categoria... li potrebbero spendere qui e far tenere basso il prezzo!
    • Anonimo scrive:
      che strano
      - Scritto da:
      Boia.... ma sottroppi!!

      Speriamo facciano che ne so una specie di
      finanziamento, invece di spendere i soldi dello
      stato nei decoder del Digitale Terrestre che è
      una ciofeca di prima categoria... li potrebbero
      spendere qui e far tenere basso il
      prezzo!12 euro una birra ve li vedo sempre spendere, che strana tirchieria
      • Anonimo scrive:
        Re: che strano
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Boia.... ma sottroppi!!



        Speriamo facciano che ne so una specie di

        finanziamento, invece di spendere i soldi dello

        stato nei decoder del Digitale Terrestre che è

        una ciofeca di prima categoria... li potrebbero

        spendere qui e far tenere basso il

        prezzo!

        12 euro una birra ve li vedo sempre spendere, che
        strana
        tirchieria12e una birra???? che night frequenti?ps se facessero un solo distributore regionale o provinciale i costi di questa roba credo crollerebbero di molto.
      • Anonimo scrive:
        Re: che strano

        12 euro una birra ve li vedo sempre spendere, che
        strana tirchieriaHai mai provato a bere una carta?
        • Anonimo scrive:
          Re: che strano
          12 euro una birra?Con tutto il rispetto quel prezzo lo applicheranno a te guardandoti in faccia!!!EHEHEHEHEHEHEEHEHEHEH
    • Anonimo scrive:
      Re: 20-30 euro di ID? Speriamo le finanz
      Speriamo che riducano il prezzo.Come al solito in Italia c'è qualcuno che ci lucra sopra.20 euro per una banalissima smart card mi sembrano un pò eccessivi.Viva l'italia dei magna-magna
  • Anonimo scrive:
    Pagare il 400x100 in più?
    Ma sono scemi?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagare il 400x100 in più?
      - Scritto da:
      Ma sono scemi?!no, sono prodi, e per il passaporto stessa cosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagare il 400x100 in più?
        Te pareva che non ci fosse l'incxxata !Poi sono quindici anni che sento parlare di sta carta di identità elettronica , il passaporto e la firma digitale , si sti maroni .....Vedi il telepass , comodo è comodo , ma perchè devono pagarlo gli utonti quando i benefici dell'utilizzo di quest'ultimo lo hanno le società autostrade , che devono assumere meno personale ....In Italia paghiamo tutto , ricordatevelo .Che se la mettano ne sedere la carta di identità elettronica , magari ne traggono beneficio ....
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagare il 400x100 in più?

          Vedi il telepass , comodo è comodo , ma perchè
          devono pagarlo gli utonti quando i benefici
          dell'utilizzo di quest'ultimo lo hanno le società
          autostrade , che devono assumere meno personale
          ....Quoto tutto, il telepass proprio non lo mando giù, lo installerei volentieri se il costo fosse una tantum, ma pagare il pizzo tutti i mesi proprio no. Schifosi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagare il 400x100 in più?
            - Scritto da:

            Vedi il telepass , comodo è comodo , ma perchè

            devono pagarlo gli utonti quando i benefici

            dell'utilizzo di quest'ultimo lo hanno le
            società

            autostrade , che devono assumere meno personale

            ....

            Quoto tutto, il telepass proprio non lo mando
            giù, lo installerei volentieri se il costo fosse
            una tantum, ma pagare il pizzo tutti i mesi
            proprio no.
            Schifosi.Costa 12 euro all'anno.... va be' che se siete spilorci da fare storie su ogni cosa... 12 euro all'anno sono tanti eh.Mi piacete su questo forum perche' voi contate i centesimi per vivere e comprare le cose.Ovvio che se costasse meno sarebbe meglio, anzi se fosse gratis pure il pedaggio senza caselli e senza telepass.... magari pagare un costo fisso come in austria...ma cosa possiamo fare? queste sono le regole italiane e dato che in italia abbiamo anche lati positivi se vuoi goderti il bello dell'italia accetti anche le cose meno positive se no vai in inghilterra, vivi al freddo, mangi intrugli brodosi e patate lesse e esci a pub con le panzone e cavallone inglesi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagare il 400x100 in più?

            se no vai in inghilterra, vivi al
            freddo, mangi intrugli brodosi e patate lesse e
            esci a pub con le panzone e cavallone
            inglesi.Ecco resta in Italia, crepa di caldo, t'ingozzi di pasta ed esci con donne baffute e pelose. In più puoi anche suonare il mandolino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagare il 400x100 in più?
            - Scritto da:

            se no vai in inghilterra, vivi al

            freddo, mangi intrugli brodosi e patate lesse e

            esci a pub con le panzone e cavallone

            inglesi.

            Ecco resta in Italia, crepa di caldo, t'ingozzi
            di pasta ed esci con donne baffute e pelose. In
            più puoi anche suonare il
            mandolino.Inghilterra ?? Italia ?? Ma dico, vi siete bevuti il sentimento ??Via da qua ! Tropici ! Asia ! Africa !Il mondo e' bello, grande e vario ... S.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagare il 400x100 in più?
          Solo 15 anni? Di solito per certe cose si va avanti 20 o 30 anni, un governo la vuole e l'altro no, come il ponte sullo stretto.
    • newhyn scrive:
      Re: Pagare il 400x100 in più?
      Però stiamo parlando dei costi di produzione della carta non di quanto poi verrà a costare il suo utilizzo.Formazione utenti, apparati di lettura, database, gestione dati, backup, gestione privacy di dati elettronici.Risparmiando su gestione carta, archivi, spazi fisici, sistemi antincendio per la carta, errori, rapidità nel produrre documenti, migliore gestione del personale.Io, personalmente non sono in grado di valutarlo, e voi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagare il 400x100 in più?
        - Scritto da: newhyn
        Però stiamo parlando dei costi di produzione
        della carta non di quanto poi verrà a costare il
        suo
        utilizzo.
        Formazione utenti, apparati di lettura, database,
        gestione dati, backup, gestione privacy di dati
        elettronici.

        Risparmiando su gestione carta, archivi, spazi
        fisici, sistemi antincendio per la carta, errori,
        rapidità nel produrre documenti, migliore
        gestione del
        personale.

        Io, personalmente non sono in grado di valutarlo,
        e
        voi?Che c'entra, loro intanto giudicano e gettano fango sull'iniziativa!Che importanza ha se hanno le conoscenze per valutare o no?
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagare il 400x100 in più?
          - Scritto da: [...]
          Che c'entra, loro intanto giudicano e gettano
          fango
          sull'iniziativa!
          Che importanza ha se hanno le conoscenze per
          valutare o
          no?Non servono grosse conoscenze:qualunque iniziativa della PA italiana a qualunque livello, indipendentemente dalle intenzioni e dalle finalità dichiarate si trasforma ineluttabilmente in un banchetto dei soliti porci ai danni dei (pochissimi) cittadini onesti Va detto infatti che la PA italiana, caciarona, approssimativa, corrotta, bugiarda e truffaldina, è esattamente lo specchio della vostra società.ciao simpatici italiani :-)
    • Birzio scrive:
      Re: Pagare il 400x100 in più?
      - Scritto da:
      Ma sono scemi?!Onestamente con tutta la comprensione che posso avere per i costi che una innovazione comporti, ritengo che il 750% (da 4 a 30 euro) siano in effetti un po' troppi.Dai ragazzi, diciamo tutti un enorme GRAZIE all'ex-ministro Stanca!! (rotfl) @^CiaoFab
Chiudi i commenti