Addomestichiamo il P2P selvaggio

Lo propone un webmaster italiano che ha lanciato un progetto in rete per il quale cerca adesioni: sostiene che un P2P redditizio è possibile e che bisogna dimostrarlo anche alle major

Roma – Spett.le Punto Informatico, mi chiamo Lorenzo M. e vi scrivo perché da sempre avete avuto un occhio di riguardo per la tecnologia P2P. Dai tempi di Napster sono sempre stato affascinato da questa nuova tecnologia dalle potenzialità illimitate.

Ne abbiamo visti tanti di software, alcuni diventati dei compagni insostituibili, altri ci hanno lasciato indifferenti, altri ci hanno fatto arrabbiare per aver distorto il concetto di P2P. Credo che la tecnologia P2P sia sul punto di affermarsi anche se da molte parti del mondo ci giungono segnali opposti: utilizzo massiccio
dei DRM, leggi sempre più severe per chi utilizza software P2P senza scopo di lucro, denunce penali verso cittadini ed amministratori di siti, chiusura di software storici come WinMX, Bearshare.

Siamo ad un bivio, una svolta: i detentori dei diritti di copyright stanno perdendo, ogni giorno, milioni di dollari inseguendo i mulini a vento. Di contro il P2P selvaggio senza nessun controllo non porta a nulla.

Proprio per questo sto cercando di raccogliere un po’ di persone (siamo già in due) che credano in un nuovo progetto: creare un “nuovo” software BitTorrent che da un lato racchiuda tutte le caratteristiche di quelli attuali ma che si differenzia dalla gestione dei download in modo tale da essere “sicuri” che chi scarica abbia pagato un giusto prezzo (molto inferiore dei prezzi degli odierni DVD da negozio) senza sorprese di sorta (DRM, Bassa Qualità, Poca Scelta).

Il Blog ufficiale è qui (lo stiamo traducendo tutto in inglese per avere maggiore visibilità).

Per rompere il muro di scetticismo di tutti i detrattori della tecnologia P2P, bisogna dimostrargli, con i fatti, che il nuovo modello economico che il P2P impone è vincente e redditizio.

Il settore che storicamente ha sempre sperimentato le nuove tecnologie (come il videoregistratore e le videocassette VHS) è il porno. Se questo settore capirà ed attuerà il nuovo modello e dimostrerà di guadagnare cifre importanti, tutto il sistema si capovolgerà ed il vecchio concetto di copyright sarà solo un brutto ricordo. Ho già contattato alcune case di produzione, ricevendo poche risposte e molta indifferenza (come era prevedibile) ma se riuscissi a creare qualcosa di concreto tutto sarebbe visto con occhi diversi.

Spero che questo mio piccolo progetto possa aiutare tutta la comunità peer-to-peer ad utilizzare questa fantastica tecnologia senza timori di essere considerati dei ladri.

Cordiali saluti,
Lorenzo M.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Valeria scrive:
    E' un'ingiustizia, però...
    Due amici si incontrano al bar. Uno dice all'altro che ha appena pagato il canone rai e l'altro risponde che lui non lo paga perché non ha la tv.Il primo gli chiede "hai uno smartphone?" e il secondo "Sì" e il primo "allora devi pagare il canone, perché possiedi uno strumento atto o adattabile a ricevere la tv".Il secondo gli risponde "allora voglio l'assegno di paternità" e il primo: "Ma non hai figli!" e il secondo "Non ancora, ma ho uno strumento atto ad averli".
    • 2014 scrive:
      Re: E' un'ingiustizia, però...
      - Scritto da: Valeria
      Due amici si incontrano al bar. Uno dice
      all'altro che ha appena pagato il canone rai e
      l'altro risponde che lui non lo paga perché non
      ha la
      tv.
      Il primo gli chiede "hai uno smartphone?" e il
      secondo "Sì" e il primo "allora devi pagare il
      canone, perché possiedi uno strumento atto o
      adattabile a ricevere la tv".
      Il secondo gli risponde "allora voglio l'assegno
      di paternità" e il primo: "Ma non hai figli!" e
      il secondo "Non ancora, ma ho uno strumento atto
      ad averli".Peccato che pc e smartphone al momento non si paga il canone rai.
      • Valeria scrive:
        Re: E' un'ingiustizia, però...
        A giudicare dalla lettera riportata nell'articolo, non sembrerebbe.Inoltre, era solo una battuta che mi hanno raccontato e che rende l'idea della gravità della situazione: si definisce una tassa sul possesso di un bene, anzi, di una gamma di beni, che però serve a finanziare un'azienda (una S.p.A.), preferendola ad altre in un regime di liberalizzazione presunta, ma monopolio reale. Se l'unione europea ha detto che questo è lecito... stiamo freschi.
        • 2014 scrive:
          Re: E' un'ingiustizia, però...
          - Scritto da: Valeria
          A giudicare dalla lettera riportata
          nell'articolo, non sembrerebbe.Non l'ho letto, ho letto direttamente il sito rai:http://www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/ilCanoneOrdinari.aspx#Apparec1
          Inoltre, era solo una battuta che mi hanno
          raccontato e che rende l'idea della gravità della
          situazione: si definisce una tassa sul possesso
          di un bene, anzi, di una gamma di beni, che però
          serve a finanziare un'azienda (una S.p.A.),
          preferendola ad altre in un regime di
          liberalizzazione presunta, ma monopolio reale. Se
          l'unione europea ha detto che questo è lecito...
          stiamo freschi.E' molto peggio di cosi: per l'europa non dovremmo neanche avere un canale nazionale ma subappaltare le trasmissioni a privati, ovviamente paghiamo un sacco di multe per questo.
  • Sylvie Di Nunzio scrive:
    mai avuto la TV... come ho risposto
    Salve. Io non ho mai avuto la TV in vita mia, sia perché ho altro da fare che guardarla, sia perché non apprezzo il modello di società diffuso con questo mezzo. Ho ricevuto 2 o 3 lettere della RAI fino a questo punto della mia vita (ho 50 anni) alle quale ho risposto spiegando che non avevo la TV e che non mi interessa usurfruire di questo "servizio" che per me è ora un disservizio alla società, e chiedendo gentilmente di venire pure a controllare in casa mia che in effetti TV non ci stava. Per diversi anni poi mi lasciavano in pace.Il problema è ora che, mio figlio (non ama la TV e non la guarda) è patito di giochi video e ho speso diversi migliai di euros per sistemare e ricomprare computer o pezzi di esso, pur di non comprare la TV e farlo giocare sul computer (che i giochi rompono inevitabilmente). Alla fine mi sono arresa e ho comprato la X Box e una TV per farlo giocare senza avere questo problema. I canali non sono nemmeno impostati (possono venire a controllare a qualsiasi ora del giorno e della notte) e non la usiamo per guardare i programmi televisivi, è solo lo schermo sul quale mio figlio gioca ai video giochi.Ho appena ricevuto la famosa lettera della RAI... ma ora possiedo una TV in casa anche se nessuno la usa come TV...Ora come faccio a diffendermi!! Non mi sembra assolutamente giusto, perché per noi non è cambiato niente. Solo che non spendo più in riparazioni e pezzi di computer!
    • 2014 scrive:
      Re: mai avuto la TV... come ho risposto
      - Scritto da: Sylvie Di Nunzio
      Salve. Io non ho mai avuto la TV in vita mia, sia
      perché ho altro da fare che guardarla, sia perché
      non apprezzo il modello di società diffuso con
      questo mezzo. Ho ricevuto 2 o 3 lettere della RAI
      fino a questo punto della mia vita (ho 50 anni)
      alle quale ho risposto spiegando che non avevo la
      TV e che non mi interessa usurfruire di questo
      "servizio" che per me è ora un disservizio alla
      società, e chiedendo gentilmente di venire pure a
      controllare in casa mia che in effetti TV non ci
      stava. Per diversi anni poi mi lasciavano in
      pace.
      Il problema è ora che, mio figlio (non ama la TV
      e non la guarda) è patito di giochi video e ho
      speso diversi migliai di euros per sistemare e
      ricomprare computer o pezzi di esso, pur di non
      comprare la TV e farlo giocare sul computer (che
      i giochi rompono inevitabilmente). Alla fine mi
      sono arresa e ho comprato la X Box e una TV per
      farlo giocare senza avere questo problema. I
      canali non sono nemmeno impostati (possono venire
      a controllare a qualsiasi ora del giorno e della
      notte) e non la usiamo per guardare i programmi
      televisivi, è solo lo schermo sul quale mio
      figlio gioca ai video
      giochi.
      Ho appena ricevuto la famosa lettera della RAI...
      ma ora possiedo una TV in casa anche se nessuno
      la usa come
      TV...
      Ora come faccio a diffendermi!! Non mi sembra
      assolutamente giusto, perché per noi non è
      cambiato niente. Solo che non spendo più in
      riparazioni e pezzi di computer!Perchè hai preso una TV per la Xbox ? Non era meglio un qualsiasi monitor ? Ha la porta porta HDMI !
  • gig marzul scrive:
    raccolta firme
    c'e' qualcuno che sta raccogliendo firme x il referendum? perche' non organizzare una raccolta unitaria nella rete?
  • pinco palla scrive:
    canone rai
    mi hanno estorto una firma i funzionari rai anche se ho dichiarato di non possedere televisori !che faccio?
  • sandro gibotti scrive:
    tassa raichi sono i cretini
    il canone ra o tassa rai presenta piùanomaliese è già uns taassa perchè viene applicata l'iva?un'altra tassa mezza italia non la paga, i dati trovaboli injh internet ci dicono che il sud non paga guà a Roma non sanno cosa siamentreill paqese che paga di pià è porto Tolle prov. di Rovigo che strano, quella zona è dichiarata depressaed è abitata da persone che vive di agricoltura,cari cittadinoi di Porto olle se vale la regola dei furbi voi diete proprio dei cretinima il veneto non è la più Leghisti e quindi i più egoisti e pocosolidali, che stranoandatrre a vedere quelle zone,e capirete che non sono dei ricconi,ma + pino di gente povera ma onesta, rispttosi,ospitali,ma cretini, ma la leggeè -uguale per tutti è solo una bella frase che quarda caso la rai ci poropone nei vari servizi, cari dipendenti rai, un giorno anche voi avrete uno stipendio, ai vostri colleghi delle altre
  • angelo scrive:
    disdetta abbonamento rai per furto
    vorei sapere a seguito furto del televisore e non intendendo piu aerne un'altro cosa devo fare per disdire l'abbonamento tvgrazieprego inviarmi risposta alla mia email: agel6406@libero.itgrazie
  • Anonimo scrive:
    alla faccia...
    vorrei ricordare che il canone RAI viene ( in modo truffaldino ) fatto pagare solo ai cittadini del nord Italia mentre al centro e al sud Italia il canone RAI é un "consiglio" e i meridionali se ne fregano... in meridione nessuno va a controllare chi ha la TV e chi no... é tutto un magna-magna a scapito dell'onesto nord.
    • Anonimo scrive:
      Re: alla faccia...
      certo che finche ci sono persone razziste sto mondo andrà sempre peggio. I luoghi comuni sono cose che mi fanno paura, sopratutto perchè cambiano di continuo e li usano solo le persone con una scarsa cultura. "L'onesto nord" che riversa nel fiume PO chili di cocaina al giorno, l'onesto nord che è nato cresciuto e campato sulle spalle dei meridionali. Sono stato a Milano per 1 anno e non ho mai sentito parlare milanese. Sono stato a torino 4 mesi e le persone che ho conosciuto avevano tutte origini meridionali. Sto fantomatico Onesto Nord non è che si è fatto sui "disonessti" meridionali. Se ti piace il nord vai a vivere al polo nord ... che liberi l'italia da un deficente (deficere...)un disonesto cittadino del centro che paga le tasse.
    • Anonimo scrive:
      Re: alla faccia...
      Caro Polentone, la prossima volta che decidi di andare in ferie non venire ne al centro ne al sud.Staremo tutti quanti meglio!!!
  • grassman scrive:
    Anche un tostapane è adattabile
    Un tostapane, opportunamente modificato, è adattabile a ricevere trasmissioni radiotelevisive.(cfr. http://www.abbonamenti.rai.it/generici/rispFaq.asp?id=90)Percui tutti devono pagare il canone.Hai un videofonino? Canone!Hai una telecamera? Canone!Hai uno schermo vga? Canone!Hai una psp? Canone!Hai un videocitofono? Canone!Hai un computer? Canone!Hai un oscilloscopio? Canone!In ogni modo, è diffusa l'interpretazione che per un computer non si è tenuti al pagamento del canone, a meno che:- non abbia schede di acquisizione tv- non disponga di modem o altro dispositivo per collegarsi a internet- Il monitor non abbia ingressi PAL o VideocompositoPersonalmente ho verificato, con la collaborazione di mio cognato avvocato, che anche avendo un lettore dvd da tavolo e uno schermo televisivo privo di sintonizzatore è necessario pagare il canone.(cfr. http://www.abbonamenti.rai.it/generici/FAQ.asp?codarea=38)A questo punto farei un controllo semplicissimo: manderei delle ispezioni a tutti i sottoscrittori di abbonameni o contratti prepagati con operatori UMTS. Infatti tutti i videofonini cadono nell'obbligo di pagare il canone.Gli operatori lo sanno e vi dicono "concessione governativa gratuita fino al xx-xx" e dal giorno dopo vi trovate la cartella esattoriale nella buca della lettera.Esiste, tuttavia, un modo per non pagare il canone: usare dispositivi braille.PS: a proposito, anche i ciechi sono tenuti al pagamento del canone radiotelevisivo.Davvero, non scherzo: http://www.abbonamenti.rai.it/generici/rispFaq.asp?id=91-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2006 15.06-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Chi porta gli occhiali deve pagare??
    Una multinazionale coreana tempo fa ha brevettato un paio di occhiali le cui lenti funzionano come visori di immagini video:http://www.tecnocino.it/articolo/accupix-dmb-glass/1702/Se diamo retta alla legge del '38 dunque oggi CHIUNQUE PORTA GLI OCCHIALI E' ADATTABILE A RICEVERE I PROGRAMMI RAI!!! E QUINDI E' ASSOGETTABILE ALL'OBBLIGO DI CORRISPONDERE IL CANONE TELEVISIVO!!!Teniamo presente che gli stessi che fecero quella legge nel '38 erano, tanto per capirci, gli stessi che approvarono quella infame sulla razza! Non sarebbe ormai il caso di considerarli moralmente indegni di dettare legge, abrogando tutte quelle di quella stramaledetta epoca? O vogliamo forse ripristinare anche quella razziale?!??! Sfido poi un giudice a dimostrare che lo scopo di chi detiene un computer sia quello di usufruire dei programmi rai! Dopo l'avvento delle tv private questo non è più vero neppure per la televisione!E "adattabile" che diavolo significa? Potenzialmente anche la semplice presa murale dell'antenna è "adattabile": basta collegarci un televisore e l'hai adattata a ricevere!
    • grassman scrive:
      Re: Chi porta gli occhiali deve pagare??

      Teniamo presente che gli stessi che fecero quella
      legge nel '38 erano, tanto per capirci, gli
      stessi che approvarono quella infame sulla razza!A proposito... ma nel 38, in italia, c'era già la televisione (a me risulta il 54)?
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi porta gli occhiali deve pagare??
        - Scritto da: grassman


        Teniamo presente che gli stessi che fecero
        quella

        legge nel '38 erano, tanto per capirci, gli

        stessi che approvarono quella infame sulla
        razza!

        A proposito... ma nel 38, in italia, c'era già la
        televisione (a me risulta il
        54)?
        Allora riguardava la radio, ma con l'avvento della tv nulla è cambiato
  • Anonimo scrive:
    A proposito di Canone RAI
    Se è vero che il possesso di uno o piu' computer comporta il pagamento del canone RAI, perchè è adattabile alla ricezione di trasmissioni televisive, mi chiedo se tutte le aziende in Italia che sicuramente hanno un PC pagano il canone. A loro arriva la lettera della RAI?
  • Anonimo scrive:
    Privacy: fagli causa
    Chiedi alla Rai come ha avuto il tuo indirizzo: si tratta di un dato personale. La trascrizione nei pubblici registri immobiliari del tuo acquisto non rende il dato in questione un dato pubblico. O meglio: il dato è utilizzabile solo ai fini dei registri stessi e non per altri scopi. A meno che, beninteso, il legislatore non abbia previsto particolari facoltà a vantaggio della Rai (sinceramente non lo so e andrebbe controllato).Se il legislatore non ha previsto che la Rai possa legittimamente consultare questi registri, fa' immediatamente causa per violazione della privacy e togliti così un grande sfizio.I modelli per richiedere come hanno avuto i tuoi dati (tecnicamente: accesso ai dati) e quelli per domandarne la cancellazione li trovi sul sito del Garante: www.garanteprivacy.it.La richiesta alla Rai può costarti al massimo 10 euro e qualche centesimo. Ricordati che se non ti rispondono entro 15 giorni puoi fargli causa.Suggerimento: se tutti chiedessero alla Rai l'accesso ai dati nello stesso periodo per loro sarebbero cavoli amari. Mi pare un'inedita forma di protesta da sperimentare. Una sorta di Netstrike... offline.E.P.
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy: fagli causa
      La Rai in quanto ente pubblico ha legalmente accesso a diversi elenchi commerciali, nonchè a quelli dei comuni. Detto questo mi pare inappropriato fare causa per la privacy quando si possiede un televisore e non si paga il canone. Se si vuole seguire la strada della legalità va seguita fino in fondo.IL COMITATO CLIRT
  • Anonimo scrive:
    CANONE RAI : COMUNICATO DAL CLIRT
    La legge del 1938 inerente al pagamento del canone per le radioaudizioni parla molto chiaramente: il canone deve essere pagato da chi detiene un apparecchio atto o adattabile a ricevere. Se lei non possiede nessun apparecchio non è soggetto a nessun obbligo. Ricordiamo che si è sottoposti a questa legge anche se si è in possesso di un pc oppure se si usa la televisione solo per dvd o vhs.Ricordiamo inoltre che la stessa legge sancisce il diritto dei possessori del canone di disdettarlo.Per saperne di più contattateci al nostro sito www.clirt.it
    • Anonimo scrive:
      Legge fascista (1938), impugnabile
      la legge da voi citata del 1938 (dunque legge fascista) offre ampi spazi di impugnabilità giuridica, specialmente nel nuovo assetto repubblicano (Ehi, qualcuno ve lo avrà detto, no, che il fascismo non c'è più?).In particolare è evidente che la sua applicazione anche ai proprietari di personal computer si pone in violazione dell'art. 21 Cost., che tutela il diritto di manifestare liberamente il pensiero, e, secondo consolidata dottrina, anche il connesso e strumentale diritto di ricercare liberamente l'informazione. Ecco il punto: affrancarsi dall'informazione della Rai e cercarla su Internet, come fa il lettore di PI, costituisce proprio un esercizio di tale diritto.Ora, richiedere comunque la corresponsione del canone Rai diventa sotto questo profilo un'evidente penalizzazione economica di una scelta legittima e costituzionalmente tutelata.E' come dire: puoi scegliere tra A e B, ma se scegli B devi pagare anche A, e non viceversa. Puoi comprare il burro o la margarina, ma se compri la margarina devi comprarti anche il burro.E no, cari miei!Seconda osservazione: il concetto di "adattabile" non è in alcun modo definito dal legislatore, e questo è un punto debolissimo della legge. Quello che è certo è che la Rai non può furbamente giocare sull'indeterminatezza di tale concetto e applicarlo a qualsiasi cosa più o meno elettronica che, con l'aggiunta di apposito hardware, possa funzionare come un televisore. O le parole hanno un senso, e dunque un confine alla loro sfera di operatività, oppure è come se non fossero scritte.A voler concedere molto, si può legittimamente sostenere che l'unico caso in cui un pc può essere considerato un apparecchio "adattabile" è quello in cui sia dotato di apposita periferica (mai di serie) per la ricezione del segnale televisivo, perché solo in questo caso è equiparabile a un apparecchio televisivo pur non essendo un apparecchio televisivo.Vostro,E.P.Detto per inciso: ma che schifo che ci fa una Rai che campa sulle leggi del fascismo!Invito tutti a boicottarla come faccio io da anni.
  • Anonimo scrive:
    Se fossi in lui...
    ...mi procurerei gratis un vecchio televisore b/n scassato magari dalla cantina di qualche amico. A questo punto sono in possesso di un apparecchio "atto": si tratta di un televisore e riparandolo forse potrebbe ricevere i segnali RAI. A questo punto contatto l'ufficio RAI preposto e chiedo che vengano a sigillarmelo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se fossi in lui...
      Non è la RAI a procedere al suggellamento, bensì la guardia di finanza. La RAI si preoccupa solo di ricevere la disdetta.IL COMITATO CLIRT
  • Anonimo scrive:
    Disdetta RAI : ecco come fare.
    Esiste a Marostica un'associazione (CLIRT) votata ormai da anni ad aiutare coloro che vogliono liberarsi del canone/tassa RAI.Per coloro che fossero interessati l'indirizzo è: CLIRT via T. Vecellio nº5Marostica (VI)tel 0424/77385
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    bellissime parole, peccato che restino tali e che questo "canone" è un vero e proprio furto e denigrazione della libertà dell'individuo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      il canone sarà anche un furto...ma la persona che voglia sfruttare la legge vigente e non volesse pagarlo può fare la disdetta come previsto da legge e quindi non pagarlo.IL COMITATO CLIRT
  • Cavallo GolOso scrive:
    la vogliono mettere in bolletta ENEL!
    vedete un po' cosa dice l'Espresso n.22 (8 giugno 2006) a pagina 74, riquadro in basso a destra a firma "F.B." ... "per risolvere lo storico problema dell'evasione del canone, in Rai stanno pensando di affidarne la riscossione alle società elettriche " ...pensano sempre al modo di riscuotere, mai però al modo di permettere a chi dice "io non la guardo!!" di non pagare.io non voglio pagare la RAI, perchè diavolo devo pagarla se non la guardo?????Se la guardo, ok.
    • Anonimo scrive:
      Re: la vogliono mettere in bolletta ENEL
      - Scritto da: Cavallo GolOso
      vedete un po' cosa dice l'Espresso n.22 (8 giugno
      2006) a pagina 74, riquadro in basso a destra a
      firma "F.B."
      ...

      "per risolvere lo storico problema
      dell'evasione del canone, in Rai stanno pensando
      di affidarne la riscossione alle società
      elettriche
      "

      ...

      pensano sempre al modo di riscuotere, mai però al
      modo di permettere a chi dice "io non la
      guardo!!" di non
      pagare.

      io non voglio pagare la RAI, perchè diavolo devo
      pagarla se non la
      guardo?????

      Se la guardo, ok.I letturisti delle società elettriche possono entrarti in casa solamente per controllarti il contatore (durante il controllo possono allungare un po' lo sguardo). Se il contatore è esterno all'abitazione (i letturisti lo sanno) e il tipo vuole entrare in casa comunque, 112 o 113.Domani chiedo ad un tale che conosco che lavora all'ENEL per vedere se ne sa qualcosa
  • Anonimo scrive:
    La cosa si risolve italianamente.
    Io pago il canone Rai, non c'e' problema. Mi rifaccio evadendo l'Iva, con gli interessi.
    • Anonimo scrive:
      Re: La cosa si risolve italianamente.
      - Scritto da:
      Io pago il canone Rai, non c'e' problema. Mi
      rifaccio evadendo l'Iva, con gli
      interessi.Cosa ti fa pensare che i forum di PI non siano annusati dalle forze dell'ordine? Magari il tuo post è stato trovato interessante da Giochi di Fantasia http://www.gdf.it/ Potresti essere visitato da una loro rappresentanza ...[img]http://www.gdf.it/immagini/117.jpg[/img]
      • Angelone scrive:
        Re: La cosa si risolve italianamente.
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Io pago il canone Rai, non c'e' problema. Mi

        rifaccio evadendo l'Iva, con gli

        interessi.

        Cosa ti fa pensare che i forum di PI non siano
        annusati dalle forze dell'ordine? Magari il tuo
        post è stato trovato interessante da Giochi di
        Fantasia http://www.gdf.it/ Potresti essere
        visitato da una loro rappresentanza
        ...

        [img]http://www.gdf.it/immagini/117.jpg[/img]Se sono quì probabilmente non hanno di meglio da fare.Nel caso ricordo che ci sono millantamila politici condannati in via definitiva nel nostro parlamento. Iniziamo da loro per una volta?
    • Anonimo scrive:
      Re: La cosa si risolve italianamente.
      bella scusa del cacchio... per rifari di di 199 euri ne rubi a migliaia (a decine di migliaia) a me e agli altri che le tasse le pagano. un conto è l'odiato e iniquo canone rai, un altro è rubare direttamente nelle tasche di quelli che le altre tasse, dovranno pagarle al posto tuo.
      • Anonimo scrive:
        Re: La cosa si risolve italianamente.
        ma lol...se denunciassero una persona per un post su un forum ci sarebbero le carceri piene da anni...Ma soprattutto come fanno a sapere chi sei visto che esistono mille-mila punti di accesso alla rete assolutamente anonimi dove l'ip che viene registrato è quello di una società? Io ad esempio ora sto scrivendo da un'aula informatica di un università...come fanno a sapere chi è che ha postato questo commento? Dall'IP? Ma che bravi, abbiamo una rete con 800 pc, divise in diverse aule informatizzate, con router e firewall a più livelli che proiettano sull'esterno solo pochi indirizzi. La GdF non perde nemmeno tempo a leggere i forum, se deve fare un'indagine la fa seriamente controllando il traffico di una persona, non leggendo le stronz**e che scrive su un forum...
  • Angelone scrive:
    Chi ha anche solo un computer PORTATILE
    DEVE pagare il canone.Io ho un odio enorme verso quella che è denominata "televisione" Eppure quegli omuncoli mafiosi della rai mi hanno costretto a pagare il canone pur non possedendo un televisore e non avendo intenzione di installare sistemi atti a vedere quelle fesserie che mi propinano.Da quando lo pago però mi sono preso una tv ALMENO per sfruttare quello che pago.Siamo a livelli assurdi però
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
      Chi ha solo un portatilre e non ha un sintonizzatore non deve pagare nulla. Un computer portatile di suo non è nè atto nè adattabile a ricevere nulla.
      • Angelone scrive:
        Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
        Telefona alla rai e diglielo... ti prego e senti cosa ti dicono.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
          Quello che dicono ha scarsa importanza, dal momento che qualsiasi apparato puo' essere modificato per la ricezione delle trasmissioni televisive, basta dotarsi della opportuna elettronica. A questo punto chiunque puo' potezialmente acquistare un televisore o equivalente, e deve pagare anticipatamente il canone.
          • Angelone scrive:
            Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
            La legge è legge. Può essere sbagliata ma è quello ciò che dice.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
            Purtroppo la legge prescriverebbe non solo i portatili ma anche i pc fissi e i telefonini di ultima generazione. Da aggiungere inoltre che purtroppo l'assistenza che fornisce la RAI è spesso lacunosa e poco professionale. Ovviamente un'eventuale disdetta va comunque a coprire tutti gli apparecchi in possesso, quindi non si è più tenuti al pagamento di alcun canone (dopo la disdetta ovviamente) nè su cellulari nè su altro. Questo sempre se la disdetta viene fatta in maniera corretta.E' giusto avvertire che NON E' POSSIBILE chiedere la chiusura dei canali rai e qualsiasi disdetta che chiede la chiusura dei soli canali rai viene ritenuta ( a ragione ) non valida.La legge in merito parla molto chiaroIL COMITATO CLIRT
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
            Premesso che sono un tecnico e non un giurista, a mio parere la legge non è affatto chiara.Cosa vuol dire "atto" o "adattabile"?Se mi ci metto d'impegno anche la mia tazza del cesso può essere messa in grado di ricevere quello che trasmettono, e visto il livello di quanto trasmesso il paragone non è nemmeno così tanto azzardato...
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
        i Pc portatili sono apparecchi adattabili alla ricezione di trasmissioni televisive e pertanto rientrano negli apparecchi soggetti al canoneIL COMITATO CLIRT
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi ha anche solo un computer PORTAT
        premettendo che a casa mia il canone rai viene regolarmente pagato ... la cosa che non capisco è la pubblicita all interno dei programmi rai ... non gli basta il canone ??? perchè io devo pagare per vedermi anche la pubblicitò ??? cmq il problema di chi vuole usufruire del servizio oppure no esiste ma non si vuole fare ( basta criptare i segnali della rai sia via satellite ed ora anche via terrestre con il digitale terrestre ) ve lo immaginate quante disdette ci sarebbero in considerazione anche della scarsa qualita di MOLTISSINI programmi rai !!!
  • Anonimo scrive:
    Lettera da inviare alla RAI
    NON HO IL TELEVISORE E NON VI PAGOLettera da inviare raccomandata A/R quando si ricevono dall'Urar richieste di pagamento per il canone/tassa della Rai e non si possiede un televisoreSpett.le RAI -sede di............-.................,../../..OGGETTO: prot. APA/SA/SS/................Spettabile Direzione,In relazione alla Vostra datata Torino, ../../.., desidero specificare che la presunzione che in ogni abitazione debba obbligatoriamente esservi un apparecchio radiotelevisivo e' errata.Non essendo in possesso di alcun apparecchio tv (per quanto strano possa risultarvi), ritengo non abbia pregio la Vostra richiesta di pretendere da me il pagamento del canone, ne' che sia il caso, da parte mia, di pagare una tassa per qualcosa che non ho e che non utilizzo.Conseguentemente, Vi inviterei a voler comunicare quanto sopra alla sede di Torino, onde provvedere alla cancellazione del mio nominativo dai Vostri archivi centrali.Naturalmente, siete nel pieno diritto di pretendere un'ispezione, delegando cio' all'Amministrazione Finanziaria.Sono pero' costretto ad avvisarVi che, nel caso in cui doveste provvedere in tal senso, mi vedro' mio malgrado costretto ad adire le vie legali per ottenere il rimborso dei danni subiti a causa di un Vostro comportamento immotivato e lesivo (non ha legittimita' effettuare un controllo in assenza di elementi concreti che lascino presupporre un'evasione, essendo cosi' immotivato tale Vostro comportamento).In relazione al questionario da Voi allegato, mi permetto di suggerirVi di inserire anche la possibilita' -totalmente mancante- per chi, come me, non sia in possesso di tale apparecchio tassabile.Sperando di non dover ulteriormente ribadire quanto sopra e auspicando cosi' un pronto accoglimento delle mie richieste e affermazioni, che spero chiarificatrici, ma rimanendo comunque a disposizione per Vostre ulteriori richieste di chiarimento, porgoDistinti Saluti,
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera da inviare alla RAI
      Troppo disturbo!!!Anche io non ho la TV e appena ho cambiato residenza mi è arrivata l'immancabile cartolina.Nel primo spazietto bianco su di un lato ho scritto:"Non ho la TV. Non ho intenzione di acquistarla nè ora nè in futuro e di conseguenza non intendo pagare niente a voi.Saluti"Poi l'ho rimandata al mittente senza affrancarla: ora sono 12 anni e non mi hanno più scocciato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    La RAI fa tante storie che, speriamo, terminino a breve grazie al digitale terrestre: dovrebbe fare come SKY distribuendo ai propri abbonati la smat card in modo da limitare (per quanto possibile) la visioni abusive. Il canone di un qualsiasi servizio deve essere richiesto solo qualora qualcuno ne faccia richiesta. Attualmente la RAI sta adottando un sistema molto perfezionato tecnologicamente: il "Minority Report" e, come tutti noi sappiamo è difficile sfuggire al "destino"! Il sistema adottato non sbaglia mai, non fa errori, o forse si. Un saluto. L'ingiustizia continua.
  • Anonimo scrive:
    Minacce di controlli fiscali
    Ricevevo le odiose lettere minatorie da 3 anni, quando mi sono convinto a rispondere.Da premettere che io non posseggo un televisore poiché per lavoro viaggio spessissimo e cambio domicilio ogni 3 mesi. In pratica affianco uffici pubblici per il collaudo di tecniche, apparecchiature e software medici. Quindi le aziende mi affittano monolocali o camere d'albergo a pensione completa o mezza-pensione dove trovo già un televisore in dotazione con l'arredamento.L'unico PC laptop che possiedo mi è stato dato in comodato d'uso dalle aziende per cui lavoro, quindi non è di mia proprietà.Rispondendo alla cartolina con tali motivazioni dopo pochi mesi mi vedo arrivare un'altra lettera dove si diceva che se io ritenevo di non dover pagare il canone avrei comunque subito dei controlli fiscali in merito.Da allora non ho avuto più lettere.Dei controlli fiscali mi preoccupa solo una cosa, quasi 10 anni or sono ho acquistato un monitor videocomposito facendolo fatturare e utilizzandolo in un precedente lavoro di montaggi video.Il monitor l'ho poi regalato a degli africani vicini di casa che lo utilizzavano anche come TV collegato ad un videoregistratore e decoder satellite, prima di iniziare il lavoro che mi prota a viaggiare.Dei controlli fiscali quello che mi preoccupa è il fatto che si possa evincere l'acquisto di apparecchi atti alla ricezione di segnali televisivi da fatture di PC desktop, laptop, ecc. Ma quello che più sconsiglio caldamente a tutti perché prima o poi questi individui potrebbero mettersi in testa di fare controlli di questo tipo, è l'uso della carta di credito o del bancomat per il pagamento di PC, monitor, televisori, DVD, apparecchi TV. Poiché rimane traccia di un'associazione tipo di merce acquistata/titolare della carta.Pagare sempre in contanti questo tipo di prodotti e non dare la possibilità di fare controlli di questo tipo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Minacce di controlli fiscali
      Hai fatto male a rispondere.1) Una lettera non raccomandata non ha alcun valore.2) Se uno ti scrive una lettera non è che sei obbligato a rispondere.3) Sei un ingenuo se pensi che possano dar seguito alle cazzate che dicono.4) Se non fosse per le toghe rosse (dalla parte della RAI)si potrebbe denunciare la RAI per minacce aggravate.4) Io ricevo da 30 anni le stesse lettere, le cestino regolarmente da 30 anni, ora non le apro neanche più.5) Un giorno 28 anni fa circa, si è presentato un tizio che si è classificato "addetto della RAI", voleva entrare in casa mia. Non è ovviamente entrato perchè mia moglie lo ha gentilmente invitato a lasciare il condominio, pena l'arrivo dei carabinieri e denuncia per violazione. Se ne è andato e di esso non abbiamo saputo più nulla.ULTIMO) NON pagate il canone RAI non hanna alcuna possibilità di farvelo pagare, mai.
  • Anonimo scrive:
    La verità ? Gli "evasori" fanno comodo..
    Volendo la Rai potrebbe criptare il segnale anche domani e tagliar fuori tutti gli "evasori" veri o presunti. Dov'è il problema ? La riduzione del bacino d'utenza e la relativa riduzione degli utili pubblicitari. Un conto è dire ho 60.000.000 di spettatori un conto è dire ne ho 16.000.000.Inoltre in molti inizierebbero a chiedersi se vale veramente la pena pagare quel bollettino che viene automaticamente pagato ogni anno per qualcosa che è percepito come una tassa (lo so è un'imposta) e non come un servizio non richiesto.La vera paura è che la gente si getti com'è successo negli States su media non ortossi come internet e passi da fruitore passivo ad attore della comunicazione, con tanti saluti agli spot spremi-pollo.Guardate la Tv ? E' giusto che paghiate il canone ma se non la guardate avete tutto il diritto a non farvi trattare da presunti delinquenti.Quest' imposta patrimoniale è anacronistica e va cancellata.
    • Cavallo GolOso scrive:
      Re: La verità ? Gli "evasori" fanno comodo..

      Guardate la Tv ? E' giusto che paghiate il canone
      ma se non la guardate avete fermo, il canone è "canone RAI".io penso che "se non guardo la RAI" non devo pagare, no? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: La verità ? Gli "evasori" fanno como
        - Scritto da: Cavallo GolOso



        Guardate la Tv ? E' giusto che paghiate il
        canone

        ma se non la guardate avete


        fermo, il canone è "canone RAI".


        io penso che "se non guardo la RAI" non devo
        pagare, no?
        :)E' un'imposta di possesso sul dispositivo, se hai una tv va pagata. :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato.. RAI, la mia esperienza
    Sono un padre di tre figli che oggi hanno 22, 20 e 12 anni, circa otto anni fa la gestione della televisione in famiglia diventò impossibile per varie ragioni, non vi annoio, c'erano tutte quelle che potete immaginare... proprio tutte! (penso che la televisione lo strumento con cui alcune famiglie si suicidano)... l'abbiamo buttata (si, non è stata una grossa perdita tecnolgicamente prlando) con diverse attività burocratiche sono riuscito a "pulire" la mia fedina penale in RAI, devo anche aver pagato una cifra liberatoria perche la pratica è durata diversi anni e non è una pratica "prevista" per cui non bastano i raptus di buttare la TV dalla finestra.La nostra felicità di famiglia è notevolmete aumentata... vi garantisco che chi ha sofferto di più sono stato io nella mia parte pantofolaia... per la pratica c'erano allora siti e uffici RAI appositi ma probabilmente ora sarà tutto diverso.....Ora abiamo l'ADSL e governiamo meglio la cosa i ragazzi sono fuori casa tutta la settimana o più e mia figlia di 12 anni si scarica solo roba in inglese, ascoltiamo molta radio e leggiamo. Forse ci chiederanno il canone anche per la ardio... in tutti questi casi la mia parte legalitaria ha nettamente la peggio, ma che bello sarebbe poterli denunciare... agiscono veramente come il "Grande Fratello" di Orwell... come dimostrno alcune mail è ormai senso comune: chi non paga il canone TV è un evasore! sono riusciti a cambiarci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato.. RAI, la mia esperienza
      Nelle ultima riga, Lei dice che "sono riusciti a cambiarci": secondo me, soltanto chi non vuole reagire a prepotenze (legalizzate o no che siano)può essere...cambiato.Finché la "prepotenza di stato" , nazionale ed Europea, saranno lasciate libere di fare quello che loro aggrada, fatti come questi (o peggiori),saranno sempre più numerosi.Per far si che un cambiamento sia possibile, occorre la forte determinazione di tutti coloro che non sopportano più determinate situazioni oltre alla loro compattezza e organizzazione: questi fondamentali requisiti, li abbiamo tutti, senza distinzione? Oppure, i più mugugnano ma poi non fanno niente, per cercare di modificare in meglio la propria situazione, non solo per il canone della RAI? Personalmente, sinora ho pagato questa tassa televisiva, non certo perché sia convinto della giustezza della cosa ma ad un certo punto, la pazienza finisce...e in quel momento forse le cose cambiano. E' necessario essere tutti uniti dalla stessa finalità, per aver maggiore probabilità di vittoria, quale che sia il problema affrontato. Senza questa componente, nulla da fare. La saluto cordialmente per avermi dato modo di esprimere il mio punto di vista in merito. Il musico
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    io pago il canone rai ma non penso di aver mai visionato nulla negli ultimi 2 anni, ke bello spendere cosi 100 eurini all'anno gratis.xke' non fanno come il digitale terrestre se uno vuole vedere la rai si prende la sua bella smart card e paga il canone ... questa sarebbe liberta di scelta un vero abbonamento e la tanta agoniata liberta x tutti e forse un po di democrazia.Un saluto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Visto che siamo prossimi al digitale terrestre che ne dite di fare così?Vuoi vedere la RAI? paghi il canone e noi ti diamo la smart-card attiva per un anno per decriptare il segnale che altrimenti sarebbe oscurato per tutti gli altri "evasori fiscali"...Scommetto che nel giro di 6 mesi gli tocca a chiudere...
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Vorrei capire una cosa: se è una tassa statale di possesso per un apparecchio atto o adattabile a ricevere il segnale televisivo, perchè i soldi vanno alla RAI e non allo Stato? E perchè la RAI parla di abbonamento? Se fosse tale io potrei decidere se abbonarmi o meno a tale servizio, cosi' come posso avere un abbonamento ferroviario,al teatro, alla piscina etc. Questo non è un abbonamento ma un'imposta. Quindi gli spot della RAI che ogni anno ci avvisano sulla scadenza dell'abbonamento sono una pubblicità ingannevole.Ma allora, come mai non ci viene ricordato di pagare l'ICI o la tassa della spazzatura o il bollo auto?E le lettere che riceviamo, piu' che un invito a dichiarare la propria posizione assomigliano ad una minaccia mafiosa di pagare il pizzo per non avevre fastidi!Beh, di estremi per fare causa alla RAI ce ne sono, che dite ? :)
  • Anonimo scrive:
    Per un ALTRA TV
    proposta di legge di iniziativa popolare per la riforma del settore radiotelevisivohttp://www.perunaltratv.it/index.php?legge
    • Anonimo scrive:
      Re: Per un ALTRA TV
      - Scritto da:



      proposta di legge di iniziativa popolare per la
      riforma del settore
      radiotelevisivo


      http://www.perunaltratv.it/index.php?leggeI promotorihttp://www.capital.it/html/audiogallery/propostalegge/audiogallery.html
  • Anonimo scrive:
    Io la vedo così
    Il possesso di un apparecchio con sintonizzatore è l' elemento chiave per decidere se pagare o meno il canone RAI.Il pc, notebook o desktop che sia, senza scheda tv (satellitare o terrestre) non permette di ricevere alcun canale RAI.L' adattabilità non va confusa con la potenzialità. Infatti un simile pc è fisicamente impossibilitato a ricevere la tv, fino a quando non viene acquistato un altro componente, il sintonizzatore.Diverso è il caso di un videoregistratore che si può utilizzare anche come tuner. e quindi è equiparato ad un televisore.Ritenere il suddetto pc "adattabile" equivarebbe a dire che anche chi non ha un televisore dovrebbe pagare il canone solo perchè potrebbe (e qui entra in gioco la potenzialità), prima o poi, comprarlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io la vedo così
      - Scritto da:
      Il possesso di un apparecchio con sintonizzatore
      è l' elemento chiave per decidere se pagare o
      meno il canone
      RAI.
      Il pc, notebook o desktop che sia, senza scheda
      tv (satellitare o terrestre) non permette di
      ricevere alcun canale
      RAI.
      L' adattabilità non va confusa con la
      potenzialità. Infatti un simile pc è fisicamente
      impossibilitato a ricevere la tv, fino a quando
      non viene acquistato un altro componente, il
      sintonizzatore.
      Diverso è il caso di un videoregistratore che si
      può utilizzare anche come tuner. e quindi è
      equiparato ad un
      televisore.
      Ritenere il suddetto pc "adattabile" equivarebbe
      a dire che anche chi non ha un televisore
      dovrebbe pagare il canone solo perchè potrebbe (e
      qui entra in gioco la potenzialità), prima o poi,
      comprarlo.No. Si parla di apparecchi atto o adattabile. La potenzialità di acquisto non c'entra proprio nulla. Un forno non è adattabile, una lavatrice nemmeno. Un pc invece lo è acquistando un sempice tuner da collegare al pc. Inoltre già solo con pc e modem si possono ricevere i canali rai da internet.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la vedo così
        personalmente della spazzatura rai via internet non me ne puo fregar di meno, ma tornando alla questione, Che vuol dire che la lavatrice non è adattabile? Non è meno adattabile di un pc, cambia semplicemente la quantità di lavoro da svolgere e soldi da spendere. Non diciamo castronerie, con un PC non puoi ricevere alcun che fino a che non acquisti e non monti un tuner. Sempre di acquistare e montare un apparecchio supplementare si tratta. Allora anche una presa di corrente elettrica è adattabile, perche in un futuro potresti comprare una tv (acqusitare un pezzo supplementare) e attaccarla alla presa di corrente. Qua ci stiamo arrampicando sugli specchi, quella dell'adattabilità è una str0nz@ta bella e buona.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io la vedo così
          E' vero: io ho visto un frigorifero con schermo tv-lcd incorporato e non sto scherzando. Quindi un frigo è adattabile. Signore massaie e gelatai preparatevi :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io la vedo così
        Stupidaggini... anche la tazza del cesso è adattabile con un po' di buona volonta e, visti i programmi che trasmettono, il paragone non mi sembra neanche tanto azzardato!
  • Anonimo scrive:
    Videoregistratori - Tassa minima
    Una delle tante castronerie scritte nella letteruccia che ogni tanto ritorna su PI o su altri media riguarda i videoregistratori.Ebbene, come qualcuno forse saprà, per vedere una videocassetta si usa il vcr. Ma nel vcr è presente il tune analogico. Tale apparecchietto, che permette di registrare i canali televisivi è un apparecchio atto a ricevere canali tv. Quindi chi ha solo il vcr (e poi mi dovrebbe spiegare come guarda i film...tv, monitor?) DEVE GIUSTAMENTE pagare la tassa di possesso.Allo stesso modo chi ha un monitor o un pc dovrebbe pagare. Uso il condizionale, visto che non ci sono sentenze in merito, fa testo "solo" la legge.Altra cosa ancora, se si hanno due pc, una tv, 2 monitor, 1 vcr e altro ancora, mica si paga un canone per ciascun apparecchio! Si paga solo una volta per tutta la famiglia (come risulta dallo stato di famiglia) e stop. Ora, dato che mi pare incredibile che qualcuno sia senza tv, questo argomento è di importanza minima, visto che chi tutti già dovremmo pagare la tassa.Prodi ci ha fatto una testa tanta sull'evasione fiscale. Spero faccia qualcosa per ridurla in questo ambito, dove l'evasione è fortissima e i controlli per accertare l'esistenza di una tv in casa sono facilissimi.Pagassimo tutti il canone, il canone costerebbe MOLTO MOLTO MOLTO meno. Oppure potremmo avere più canali (in dtt, su sat o su web), oppure (ma questa spero di no) si potrebbero pagare di più i vari Pippo Baudo.Infine, fate una piccola comparazione fra l'Italia e il resto d'Europa. Qui si paga già molto meno che all'estero, soprattutto perché la rai ha alti ascolti, fa tv commerciale e tv di partito oltre che servizio pubblico, oltre che trasmettere pubblicità, che garantisce la metà degli introiti di mamma Rai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Videoregistratori - Tassa minima
      A me sembra incredibile che qualcuno voglia la Tv in casa !!!! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Videoregistratori - Tassa minima
      - Scritto da:
      Una delle tante castronerie scritte nella
      letteruccia che ogni tanto ritorna su PI o su
      altri media riguarda i
      videoregistratori.

      Ebbene, come qualcuno forse saprà, per vedere una
      videocassetta si usa il vcr.si possono leggere anche su videolettori, non solo videoregistratori.questo lo sai, no? Ma nel vcr èQuindi
      chi ha solo il vcr (e poi mi dovrebbe spiegare
      come guarda i film...tv, monitor?) una tv con l'antenna scollegata :)ovvio, se la legge dice "atto o adattabile" allora qualsiasi ingiustizia può essere perpetrata.DEVE
      GIUSTAMENTE pagare la tassa di
      possesso.giustamente una sega; legalmente.ma la legge la può fare anche un tiranno o può provenire da una lobby o fare comodo a pochi... c'è un giro di soldi, altro che "GIUSTAMENTE".giustamente una sega.
      Allo stesso modo chi ha un monitor o un pc
      dovrebbe pagare. Uso il condizionale, visto che
      non ci sono sentenze in merito, fa testo "solo"
      la
      legge.dovrebbe perchè lo dice la legge, ma non perchè sia giusto. La legge dovrebbe essere cambiata, questo si che sarebbe giusto.
      Altra cosa ancora, se si hanno due pc, una tv, 2
      monitor, 1 vcr e altro ancora, mica si paga un
      canone per ciascun apparecchio! Si paga solo una
      volta per tutta la famiglia (come risulta dallo
      stato di famiglia) e stop.bravo, così se io vivo con mia morosa dobbiamo pagare due canoni?e i ragazzi che vivono in 5, per 5 anni, in appartamenti mentre fanno gli studenti? che fanno, lo stato famiglia? ma fammi il piacere.
      Ora, dato che mi pare
      incredibile che qualcuno sia senza tv, che ti paia o meno, questo succede.a me pare incredibile che si debba pagare il canone RAI se NON SI GUARDA LA RAI
      questo
      argomento è di importanza minima, visto che chi
      tutti già dovremmo pagare la
      tassa.ma chi sei, il presidente del partito comunista sovietico?importanza minima? è di importanza massima.quello che va messo in discussione è se sia giusta o no quella legge, non se sia giusto seguire la legge. ovvio che seguire la legge è giusto.ma la legge va cambiata, cosicchè la Giustizia sia vera!
      Prodi ci ha fatto una testa tanta sull'evasione
      fiscale. Spero faccia qualcosa per ridurla in
      questo ambito, dove l'evasione è fortissima e i
      controlli per accertare l'esistenza di una tv in
      casa sono
      facilissimi.questo ragionamento è malato.l'evasione è sbagliata, ma se aumenti gli ambiti in cui imporre tassazioni, non sei Giusto, sei solo una sanguisuga.Se ci sono delle tasse giuste e ci sono i soliti 100.000 furbi che non le pagano, le devono pagare.ma il canone non è una tassa giusta. e' anacropnistica e troppo generica."atto o adattabile" è semplicmente assurdo!!!
      Pagassimo tutti il canone, il canone costerebbe
      MOLTO MOLTO MOLTO meno. sarebbe identico.
      Oppure potremmo avere più
      canali (in dtt, su sat o su web), oppure (ma
      questa spero di no) si potrebbero pagare di più i
      vari Pippo
      Baudo.sai che culo
      Infine, fate una piccola comparazione fra
      l'Italia e il resto d'Europa. Qui si paga già
      molto meno che all'estero, soprattutto perché la
      rai ha alti ascoltinegli USA invece la tv tipo la rai viene pagata solo da chi vuole e chi la guarda e infatti fa un ottimo lavoro, non come qui in cui è solo una copia stereofonica della roba che fanno negli altri network
      , fa tv commerciale e tv di
      partito oltre che servizio pubblico, oltre che
      trasmettere pubblicità, che garantisce la metà
      degli introiti di mamma
      Rai.hai uno strano senso della Giustizia, ma è il tuo e hai diritto ad averlo. Solo per favore, come non farò io, non considerarlo "IL" senso di giustizia. E' personalissimo, sia il mio che - evidentemente - il tuo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Videoregistratori - Tassa minima
      Tassare sempre di più!Ora ho capito chi ha votato Prodi!Esistono ancora degli ingenui che pensano che il solo allargamento della base imponibile possa portare ad una riduzione delle tasse!1. Bisogna ridurre gli sprechi2. Bisogna decidere quali sono le prestazioni essenziali da finanziare con le tasse. Es. Pensioni sociali a 500, quanto costa sostenerle; Medicinali gratuiti per alcune fasce; Prestazioni sanitarie gratuite o quasi per ampie fasce di popolazione (fra cui un oltre 20% delle prestazioni pseudourgenti erogate ad extracomunitari)..... 3. Si devono abbattere al massimo le aliquote fiscali4. Individuare dei meccanismi di detrazione che assieme a controlli mirati della GDF possano aumentare la base imponibile. Es. se posso scaricarmi dalla dichiarazione dei redditi al 100% il meccanico, l'idraulico, il parrucchiere ecc..., potete stare certi che la piaga dell'evasione sarebbe un ricordo.Mi auguro, comunque, che il primo compito di Prodi non sia proprio quello di perseguitare chi non paga il canone Rai o scarica materiale protetto attraverso il p2p.
    • Anonimo scrive:
      Re: Videoregistratori - Tassa minima
      Non esiste tassa di possesso, è solo un canone imposto da una legge fascista (1938) e mantenuta in vigore da una democrazia che si definisce antifascista.IL COMITATO CLIRT
  • Anonimo scrive:
    Riduzione degli spazi di libertà???
    "nella tua lettera esponi una serie di ottime argomentazioni, tra le quali quella più significativa è il contributo dell'imposizione del canone alla riduzione degli spazi di libertà dell'individuo."Qualcuno mi spiega da quanto una tassa di possesso, che nasce per garantire entrate certe ad una tv di servizio pubblico garante del pluralismo (articolo 21 della Costituzione), ora possa essere considerata addirittura come qualcosa che riduce la libertà dell'individuo?In realtà il canone rai aumenta la libertà di informazione. Non riduce nulla, se non il nostro portafoglio, peraltro come tutte le altre cose che si pagano.
  • Anonimo scrive:
    TASSA AL PRODUTTORE: il male minore
    Gabella x gabella, la meno "iniqua" (si fa per dire...) sarebbe tassare alla fonte la produzione/importazione di TV, schede TV, etc. come fatto per i supporti digitali.Chi compra una TV troverà ricaricata la gabella "alla fonte" (già pagata dal produttore/importatore).Certo... inizieranno ad arrivare i gommoni e le TV made in naples... inevitabile.Ma almeno si controllerebbero (pochi) soggetti e si diminuerebbero le spese di gestione.MA forse ci sono troppi generi, nuore, fratelli, nipoti, zii, amici, amici degli amici, picciotti, portatori di pizzini, figli di figli di figli di..., etc. che riempiono uffici URAR-RAI.Sia mai che si licenzi qualcuno (o che sia la volta buona che vanno a lavorare??)
    • Anonimo scrive:
      Re: TASSA AL PRODUTTORE: il male minore

      Gabella x gabella, la meno "iniqua" (si fa per
      dire...) sarebbe tassare alla fonte la
      produzione/importazione di TV, schede TV, etc.
      come fatto per i supporti
      digitali.La tua idea nelle intenzioni e' ottima ma non e' applicabile. Se facciamo finta che un tv duri in media 10 anni anche ammettendo che il canone si riduca a soli 50 euro significherebbe che per oettenere lo stesso guadagno servirebbe un aumento sul tv di 500 euro....E' un po come il bollino autostradale svizzero (circa 50 euro per un anno) da noi costerebbe un mutuo e mezzo:-) (certo loro hanno 4 autostrade in croce e nemmeno troppo belle)
  • Anonimo scrive:
    schiavitù catodica
    quello che infastidisce di certe tasse demenziali è il disprezzo per il cittadino. Si continua a chiamare canone rai una tassa che è di mero possesso dell'apparecchio televisivo.Ci si inventano pretesti sempre più bislacchi per spillare soldi al cittadino ma cercare di spiegare con la logica certe tasse è un esercizio del tutto inutile. Vogliono i soldi e basta. Almeno lo dicessero chiaro, senza voler dare una pervenza di legalità a quella che in realtà è una grassazione legalizzata, una schiavitù catodica statale.aghosthttp://aghost.wordpress.com/2006/03/23/i-forzati-del-canone/http://aghost.wordpress.com/2006/04/09/gli-ingordi/
    • Anonimo scrive:
      Re: schiavitù catodica

      Ci si inventano pretesti sempre più bislacchi
      per
      spillare soldi al cittadino ma cercare di
      spiegare con la logica certe tasse è un
      esercizio
      del tutto inutile. Vogliono i soldi e basta.Esatto, le entrate devono essere uguali a X e il nome che si dara' alla tassa e' puramente una formalita'.Certo ci sono tasse giuste e meno giuste (che fanno pagare in maniera proporzionale alla ricchezza) ma che bello sarebbe se si potesse fare la seguente cosa:Allo stato per tutti i suoi affari servono quest'anno X soldi, gli italiani sono in numero di Y quindi tutti pagheranno una tazza Z=X/Y.basta casini con le dichiarazioni e ricodati di pagare il bollo auto e il canone etc....FIGATA!
      • Anonimo scrive:
        Re: schiavitù catodica
        - Scritto da:


        Ci si inventano pretesti sempre più bislacchi

        per

        spillare soldi al cittadino ma cercare di

        spiegare con la logica certe tasse è un

        esercizio

        del tutto inutile. Vogliono i soldi e basta.


        Esatto, le entrate devono essere uguali a X e
        il nome che si dara' alla tassa e' puramente una
        formalita'.
        Certo ci sono tasse giuste e meno giuste (che
        fanno pagare in maniera proporzionale alla
        ricchezza) ma che bello sarebbe se si potesse
        fare la seguente
        cosa:
        Allo stato per tutti i suoi affari servono
        quest'anno X soldi, gli italiani sono in numero
        di Y quindi tutti pagheranno una tazza
        Z=X/Y.

        basta casini con le dichiarazioni e ricodati di
        pagare il bollo auto e il canone
        etc....

        FIGATA!Soprattutto per chi ha pochi soldi(anonimo)
      • Anonimo scrive:
        Re: schiavitù catodica

        Allo stato per tutti i suoi affari servono
        quest'anno X soldi, gli italiani sono in numero
        di Y quindi tutti pagheranno una tazza
        Z=X/Y.Berlusconi si stava avvicinando a questa cosa, volendo mettere due sole aliquote...sappiamo com'è finita, è stato castrato dalla sinistra che l'ha accusato di favorire i ricchi e dalla destra che l'ha accusato di fare il gioco della sinistra. Quel che dici in realtà esiste, non in Italia, e consiste nell'applicare una sola aliquota a tutti. Così si paga in proporzione al reddito. Chi ha di più paga di più. Mi pare venga applicata in Paesi che sono appena entrati nell'Ue, ma potrei sbagliare.In Italia invece se ha di più paghi molto di più, nel senso che la relazione è più che proporzionale.Quanto al canone rai, si può dare il nome che più si preferisce, ma la sostanza non cambia: VA PAGATO, perché con esso si finanzia la rai.E pure se la rai non ci piace, essa deve esistere, per ordine costituzionale (articolo 21 riguardante il pluralismo e sentenze della corte costituzionale).Mettiamoci l'anima in pace e apriamo il portafogli.
        • Anonimo scrive:
          Re: schiavitù catodica

          Quanto al canone rai, si può dare il nome che più
          si preferisce, ma la sostanza non cambia: VA
          PAGATO, perché con esso si finanzia la
          rai.e perchè mai devo essere obbligato a finanziare la rai? A stipendiare con oltre mezzo miliardo l'anno di stipendio "giornalisti" come galeazzi e giurato? A finanziare programmi demenziali con presentatori pagati a peso d'oro? Certo a loro fa comodo continuare a succhiare stipendi e liquidazioni d'oro, ma non vedo perché devono essere i cittadini a mantenere questo baraccone indecente. http://aghost.wordpress.com/
        • Anonimo scrive:
          Re: schiavitù catodica
          L'art 21 con la RAI non c'entra nulla, anzi per alcuni versi ne è la negazione ...
        • Anonimo scrive:
          Re: schiavitù catodica
          Guarda che nell'articolo 21 della costituzione non c'è scritto che la Rai deve avere tre canali, la pubblicità, i contratti miliardari, giochi a premi (tipo quello lanciato da Bonolis) dei Pacchi.Secondo me potrebbe bastare un unico canale, dedicato unicamente all'informazione (tipo Cnn) per intenderci. Se proprio non riuscisse a sostenersi con i soli proventi pubblicitari (cosa strana, visto che le TV private ci riescono benissimo e ci guadagnano pure bene), si potrebbe ammettere un finanziamento pubblico ridotto (50 - 100 milioni di euro all'anno per intenderci).In alternativa si potrebbero anche obbligare le TV private, a parziale compensazione delle frequenze pubbliche utilizzate, a riservare appositi spazi per utilizzarli per servizi di pubblica utilità.
  • IL RE DEI TROLL scrive:
    discussione sterile
    il canone rai, andrebbe piu' correttamente denominato canone radiotelevisivo.La dicitura canone rai, e' un vecchia nomenclatura ancora in voga , perche' quando questa tassa e' stata messa, esisteva solo la rai.il canone e' una tasa che va pagata in relazione al possesso di un dispositivo adatto o adattabile alla ricezione del segnale televisivo. quindi anche pc, e affini.E' indifferente dalla esistenza o meno della rai questa tassa serve anche a finanziare la'uditel ecc.Secondo una convenzione stipulato dal passato governo, la rai riceve una parte del canone in quanto azienda incaricata di fornire servizio pubblico con un contratto di 20 anni. I soldi vengono dati alla rai, non in quanto rai, ma in quanto erogatrice di servizio pubblico radiotelevisivo.Si potrebbe discutere invece che sul canone che ha tutti da fastidio pagare, su come questi soldi vengono sprecati... carlo conti, antonella clerici, music farm ecc. cmq il canon televisivo e' una realta' in moltissimi paesi del mondo, moltissimi europei e anche extra europei, ad esempio in korea, ogni sintonizzatore televisivo, analogico, digitale, terrestre o satellitare, bisogna pagare una tassa, nn mi ricordo pero' le modalita.
    • Anonimo scrive:
      Re: discussione sterile
      Il pc non è adattabile a ricevere il segnale televisivo se non ha un decoder integrato, o non viene montata una scheda tv, solo ed esclusivamente in quel caso diventa adattabile e passa ad adatto nel caso sia installato l'idoneo software.Il fatto che il canone si paghi altrove poi non è che lo renda automaticamente un'ideona, peraltro in Italia non si parla di una tassa di vendita ma di possesso, di fatto è una patrimoniale alquanto discutibile; insieme ad ICI e bollo auto è tra le "tasse" più odiose perchè vanno a colpire un bene e non una rendita.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Vorrei aggiungere a tutto quanto è stato detto che la RAI cripta già le proprie trasmissioni.Questo lo fa tramite l'erogazione tramite satellite. Infatti, siccome all'estero non pagano la TASSA allora certe trasmissioni (vedi partite, film e altro) vengono "oscurate", mentre i normali contenuti televisivi li fanno vedere.Allora, visto che a breve verrà imposto il digitale terrestre a tutti gli italiani, non vedo quale sia la difficoltà nel mandare a casa dei PAGANTI una tesserina da inserire nel caro decoder digitale per vedere senza interruzioni i contenuti di mamma RAI.Chi non paga il canone, perché giustamente non è interessato ad usufruire dei contenuti della RAI, semplicemente non vedrà quella o questa trasmissione criptata. FINE! La soluzione è molto semplice. Ma il problema è a livello ISTITUZIONALE come al solito.Credo che tutti quanti, come utenti lesi dovremmo fare pressioni sul governo, ministero delle telecomunicazioni, per far varare una legge che ponga fine alla questione.Ritengo che quanto esposto nell'articolo sia molto GRAVE. E' palese che una persona non abbia la libertà di non pagare una tassa perché non gli interessano i servizi per cui la tasse è emessa. O meglio, uno ha la libertà di non vedere la RAI, basta che paga la tassa :)Si potrebbe proprio, partendo dalla redazione di Punto Informatico, cercare di mettere in piedi una protesta corale e far pressioni nelle giuste sedi istituzionali.E' la massa che si deve far sentire, il povero singolo non verrà mai considerato.Saluti.Francesco
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI

      Allora, visto che a breve verrà imposto il
      digitale terrestre a tutti gli italiani,a tutti gli europei...e pure agli americani. Il dtt non è cosa da poco, non è ristretto a noi italiani come qualche disinformato voleva farci credere.
      non vedo
      quale sia la difficoltà nel mandare a casa dei
      PAGANTI una tesserina da inserire nel caro
      decoder digitaleLa difficoltà è che molti smetterebbero di vedere la rai pur di non pagare il canone e questo determinerebbe la scomparsa della rai.La rai invece deve esistere, un po' perché fa comodo a certi partiti, un po' perché fa da contraltare a Mediaset e a Berlusconi, un po' perché è una delle poche grandi imprese nazionali. Ci facciamo colonizzare pure nel settore televisivo? Uno dei pochi ancora in mano italiana?
      Chi non paga il canone, perché giustamente non è
      interessato ad usufruire dei contenuti della RAI,
      semplicemente non vedrà quella o questa
      trasmissione criptata.Il punto è che la rai va garantita a tutti, anche a chi non paga.
      E' la massa che si deve far sentireLa massa sbaglia.La tassa va pagata, perché con essa si finanzia un servizio di pubblica utilità. Così come paghi le tasse per avere le strade asfaltate o la tassa rifiui per il servizio connesso. O la tassa sulla benzina per garantire lo stipendio a chi guida i pullman.Non ti piace la tassa sul possesso? Possono pure chiamarla in un altro modo (l'han già cambiato una volta), ma la sostanza non cambia. La tassa va pagata.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vietato liberarsi della RAI
        - Scritto da:

        Allora, visto che a breve verrà imposto il

        digitale terrestre a tutti gli italiani,
        a tutti gli europei...e pure agli americani. Il
        dtt non è cosa da poco, non è ristretto a noi
        italiani come qualche disinformato voleva farci
        credere.


        non vedo

        quale sia la difficoltà nel mandare a casa dei

        PAGANTI una tesserina da inserire nel caro

        decoder digitale
        La difficoltà è che molti smetterebbero di vedere
        la rai pur di non pagare il canone e questo
        determinerebbe la scomparsa della
        rai.
        La rai invece deve esistere, un po' perché fa
        comodo a certi partiti, un po' perché fa da
        contraltare a Mediaset e a Berlusconi, un po'
        perché è una delle poche grandi imprese
        nazionali. Ci facciamo colonizzare pure nel
        settore televisivo? Uno dei pochi ancora in mano
        italiana?



        Chi non paga il canone, perché giustamente non è

        interessato ad usufruire dei contenuti della
        RAI,

        semplicemente non vedrà quella o questa

        trasmissione criptata.
        Il punto è che la rai va garantita a tutti, anche
        a chi non
        paga.


        E' la massa che si deve far sentire
        La massa sbaglia.

        La tassa va pagata, perché con essa si finanzia
        un servizio di pubblica utilità. Così come paghi
        le tasse per avere le strade asfaltate o la tassa
        rifiui per il servizio connesso. O la tassa sulla
        benzina per garantire lo stipendio a chi guida i
        pullman.
        Non ti piace la tassa sul possesso? Possono pure
        chiamarla in un altro modo (l'han già cambiato
        una volta), ma la sostanza non cambia. La tassa
        va
        pagata.Ma come mai Mediaset riesce a fare concorrenza alla Rai senza richiedere per questo un canone?Siamo sempre alle solite, in Italia chi ha successo deve essere punito, specie se non è di sinistra.Tassare sempre è il credo della sinistra, pensare di ridurre le tasse, di cercare di far pagare chi utilizza effettivamente un servizio (i trasporti pubblici si devono sostenere sui biglietti pagati da chi viaggia), di lasciar fallire quelle aziende che non riescono a stare sul mercato (Alitalia).Il ripianare i deficit Aziendali con i soldi pubblici è il miglior modo per aumentarne l'inefficienza e i costi di gestione. Perchè non privatizzare i trasporti pubblici nelle città? E' vero che si corre il rischio di aumenti ingiustificati dei prezzi (vedi Autostrade), ma è comunque una soluzione alla lunga sicuramente meno costosa per la società.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vietato liberarsi della RAI
        "La tassa va pagata, perché con essa si finanzia un servizio di pubblica utilità. Così come paghi le tasse per avere le strade asfaltate o la tassa rifiui per il servizio connesso. O la tassa sulla benzina per garantire lo stipendio a chi guida i pullman.Non ti piace la tassa sul possesso? Possono pure chiamarla in un altro modo (l'han già cambiato una volta), ma la sostanza non cambia. La tassa va pagata"Questo è vero...è giusto che si paghino le tasse, però è anche vero che le tasse che paghi ti devono mettere a disposizione servizi che tu puoi avere la possibilità di sfruttare!!Io abito in una zona che riceve solo segnale satellitare, pago regolarmente il canone Rai, ma mi vedo criptare il segnale in occasione appunto di partite o film. Ti sembra giusto??Non dovrebbe piuttosto fornire al momento del pagamento del canone una scheda di decodifica?
  • Anonimo scrive:
    Liberiamoci della RAI
    Vogliono il canone? Che riducano le reti da tre ad una, come era un tempo (e quando il canone avava un senso), e che ci trasmettano solo cose istituzionali e di servizio pubblico. Ovviamente con zero pubblicità.Vogliono tenersi la pubblicità? Io sono d'accordo, tanto il servizio pubblico lo fanno anche i privati, e non solo per spirito di cronaca. Però che non ci facciano pagare il canone.Vogliono tenersi pubblicità e canone? Va bene, ma solo se posso decidere di non guardare la RAI ma, do contro, poter continuare a guardare le altre reti televisive. Che si mettano anche loro a trasmettere in criptato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Liberiamoci della RAI

      Vogliono il canone? Che riducano le reti da tre
      ad una, come era un tempo (e quando il canone
      avava un senso), e che ci trasmettano solo cose
      istituzionali e di servizio pubblico. Ovviamente
      con zero
      pubblicità.E secondo te distruggiamo una azienda nazionale per far comodo a te?
      Io sono
      d'accordo, tanto il servizio pubblico lo fanno
      anche i privatiMediaset non è obbligata a fare servizio pubblico. Lo fa perché le riesce benissimo (vedi striscia, programma satirico di pubblica utilità fra i più seguiti in Italia, o il tg5).Ma ricordiamoci che le tre reti Mediaset non hanno sempre fatto servizio pubblico e non è detto che non possa tornare sui loro passi. Nessuno la obbliga.Lo Stato deve garantire un servizio informativo pubblico. E questo è svolto dalla rai.Che poi la rai si sia espansa tanto da soffocare il pluralismo è un altro discorso. Valido, ma quasi immodificabile, finché i politici non cambieranno idea.
  • Anonimo scrive:
    Canone RAI ... lo pagano i fessi
    Oltre a censurare i "comici" che preferisco ....mi tocca pagare il canone ...per una TV che vedo sempre meno a favore del tempo che passo su internettevisto che nessuno dice piu' niente a riguardo ...provo io :UN PINCO PALLINO QUALSIASI ...A FARE UNA PROPOSTA DI RIFORMA ...il problema bollo autoradio e' stato "brillantemente"risolto integrandolo con il bollo auto...(anche in quel caso ero uno dei "pochi fessi" a pagarlo)---------------------------------LA MIA PROPOSTA:1) mettere il canone televisivo direttamente sulla bolletta elettrica ,ovviamente ritoccando la tariffa in maniera sostanziosa verso il basso(pagare tutti per pagare meno)2) eliminare la ridicola tassa SIAE per gli esercizi commerciali e ristoro[non puoi mettere un televisore dal barbiere senza pagare oltre al canone laSIAE]----------------------------------Questa proposta non e' fascista ne comunista ....il nano pelato che ride sempre ..mi sta sulle balle a prescindere !!-- fumo_neroil gruchomarxista e' tornato
    • Anonimo scrive:
      Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi

      Questa proposta non e' fascista ne comunista ....
      il nano pelato che ride sempre ..
      mi sta sulle balle a prescindere !!

      --
      fumo_nero
      il gruchomarxista e' tornatoLa soluzione brillante al canone autoradio è stato abolirlo non integrarlo, finanziaria 98, per il canone RAI dovrebbero fare lo stesso.Per quale ragione chi usa la corrente elettrica debba pagare il canone RAI lo capisci solo tu.
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
        hihihihi poi mi tocca pure farmi staccare l'elettricità! (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
        la risposta e' in questo treehttp://groups.google.it/group/it.politica/browse_thread/thread/270e90b0d445c80c/52ed033b326261b1?lnk=st&q=fumo_nero+canone+rai&rnum=1&hl=it#52ed033b326261b1saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
          - Scritto da:
          la risposta e' in questo tree

          http://groups.google.it/group/it.politica/browse_t

          salutiPropongo di passare il costo della benzina sui cereali e la tassa sui rifiuti sulla pasta, l'ICI potremmo passarla come tassa sull'acqua e via dicendo... Ovviamente saranno tutte abbassate. La RAI va privatizzata, va tenuta una sola rete che faccia realmente servizio pubblico e che va pagata prendendo i soldi dalla fiscalità generale, tutto il resto via. Se uno vuol vedersi lost, l'isola dei famosi, quelli che il calcio, film e filmetti vari o si paga la pay o usa le commerciali.
          • Anonimo scrive:
            Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
            - Scritto da:
            RAI va privatizzata, va tenuta una sola rete che
            faccia realmente servizio pubblico e che va
            pagata prendendo i soldi dalla fiscalità
            generale, tutto il resto via. Se uno vuol vedersi
            lost, l'isola dei famosi, quelli che il calcio,
            film e filmetti vari o si paga la pay o usa le
            commerciali.tutto giusto tutto bello ma ...........Ce lo vedi Berlusca ad accettare che La RAIgli freghi una cospiqua quota di mercato pubblicitario ....in caso di privatizzazione ????GIA LO VEDO STARNAZZARE COME L'OCA DEL CAMPIDOGLIO:"E' un complotto per fare fallire Mediadiaset .....COMUNISTI ...COMUNISTI ....COMUNISTI !!!"Nei paesi civili la TV Pubblica e' finanziata dai cittadini su base VOLONTARIA !!!!Credi che l'italia sia un paese CIVILE ????IO NO !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            RAI va privatizzata, va tenuta una sola rete che

            faccia realmente servizio pubblico e che va

            pagata prendendo i soldi dalla fiscalità

            generale, tutto il resto via. Se uno vuol
            vedersi

            lost, l'isola dei famosi, quelli che il calcio,

            film e filmetti vari o si paga la pay o usa le

            commerciali.

            tutto giusto tutto bello ma ...........

            Ce lo vedi Berlusca ad accettare che La RAI
            gli freghi una cospiqua quota di mercato
            pubblicitario
            ....
            in caso di privatizzazione ????

            GIA LO VEDO STARNAZZARE COME L'OCA DEL
            CAMPIDOGLIO:

            "E' un complotto per fare fallire Mediadiaset
            .....
            COMUNISTI ...COMUNISTI ....COMUNISTI !!!"La privatizzazione della RAI era anche nel programma della cdl su questo punto ufficialmente son tutti d'accordo. Che poi ci siano interessi in gioco, sia a dx che a sx lo sappiamo tutti, altrimenti avrebbero privatizzato da un pezzo.

            Nei paesi civili la TV Pubblica e' finanziata dai
            cittadini su base VOLONTARIA
            !!!!
            Credi che l'italia sia un paese CIVILE ????

            IO NO !!!Si l'Italia è un paese civile e indicami questo paese dei balocchi dove i cittadini pagano le tasse su base VOLONTARIA ?!!!!Il problema della RAI è che non è un servizio pubblico ma un'attività commerciale pagata con soldi pubblici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
            - Scritto da:
            Si l'Italia è un paese civile e indicami questo
            paese dei balocchi dove i cittadini pagano le
            tasse su base VOLONTARIA
            ?!!!!U.S.A. ???(le donazioni vengono scalate dalle tasse)da Rai Report :"Nel caso della PBS abbiamo visto La sopravvivenza dei canali non è legata al numero, perché i cittadini americani possono decidere in qualunque momento di non tirare più fuori un dollaro per una tv che ritengono scadente o non obiettiva. Va anche detto che la sovvenzione la scalano dalle tasse."IMHOImproponibile in questo paese di mer....http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E95061,00.htmlP.S.Io mi accontenterei di togliere la RAI dalle grinfie dei politicicon un consiglio di amministrazione eletto dai cittadini che pagano il canone in modo di avere dei giornalisti veri ....non zerbini al servizio del potere di turno !!!Come sottolieneano in questi giorniSabina Guzzanti ,Beppe Grillo,Daniele Luttazzi,Paolo Rossi e tutti i "Buffoni" con delega all'informazionedi questi "travaglati" anni !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Si l'Italia è un paese civile e indicami questo

            paese dei balocchi dove i cittadini pagano le

            tasse su base VOLONTARIA

            ?!!!!

            U.S.A. ???
            (le donazioni vengono scalate dalle tasse)

            da Rai Report :
            "
            Nel caso della PBS abbiamo visto La sopravvivenza
            dei canali non è legata al numero, perché i
            cittadini americani possono decidere in qualunque
            momento di non tirare più fuori un dollaro per
            una tv che ritengono scadente o non obiettiva. Va
            anche detto che la sovvenzione la scalano dalle
            tasse.
            "


            IMHO
            Improponibile in questo paese di mer....


            http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0

            P.S.
            Io mi accontenterei
            di togliere la RAI dalle grinfie dei politici
            con un consiglio di amministrazione eletto
            dai cittadini che pagano il canone

            in modo di avere dei giornalisti veri ....
            non zerbini al servizio del potere di turno !!!


            Come sottolieneano in questi giorni
            Sabina Guzzanti ,
            Beppe Grillo,
            Daniele Luttazzi,
            Paolo Rossi
            e tutti i "Buffoni" con delega all'informazione

            di questi "travaglati" anni !!!
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Non è una tassa ma una donazione e negli States le donazioni si detraggono dalle tasse con notevole convenienza economica sia per i privati che per fondazioni e multinazionali, infatti :"SIGLA DI "WIDE ANGLE""Wide Angle" è stato largamente finanziato dalla Fondazione William e Flora Hewlett, dalla Fondazione Ford, dalla Fondazione John D. e Catherine T. MacArthur, dalla Fondazione Jacob Burns.Ulteriori finanziamenti sono giunti dalla Carnegie Corporation di New York e dalla Fondazione Miriam e Ira D. Wallach."Wide Angle" è possibile anche grazie alla Corporation for Public Broadcasting ai contributi donati al canale PBS dagli spettatori come voi. Grazie."Comunque negli States la Tv la fanno i network commerciali e la paytv.... In Italia, che tanto disprezzi, si fanno tantissime donazioni sia al pubblico che al privato per opere di beneficienza e questo nonostante non ci sia la convenienza economica che c'è negli Stati Uniti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi
        Ma sei pazzo? Così obbligano a pagare il canone Rai anche chi non ha un televisore!Tanto per farci male che ne diresti, per eliminare l'evasione, di farci pagare con la bolletta elettrica anche la tassa sulla spazzatura, sull'acqua potabile e sulla distillazione clandestina di Alcolici!
    • Anonimo scrive:
      Re: Canone RAI ... lo pagano i fessi

      il nano pelato che ride sempre ..
      mi sta sulle balle a prescindere !!Ma chi se ne frega delle tue idee politiche.
    • Anonimo scrive:
      Re: Canone RAI ... perchè pagarlo?
      Oggi gli strumenti ci sono, passi sul digitale terrestre e cripti tutto. Pagherà solo chi vuole vederla.Non ho mai pagato il canone Rai, nonostante tutte le loro lettere (finchè non mi mandano una raccomandata con ricevuta di ritorno, per me non è arrivato nulla), ne ho intenzione di farlo.L'averla trasformata da canone a tassa di possesso è secondo me una forzatura illegittima, quindi non pago. Voglio proprio vederli a casa mia con un bel mandato di perquisizione, potrò sempre dire che il televisore me lo ha passato il giorno prima un parente, e che stavo proprio per recarmi alla posta a regolarizzare la mia situazione. Secondo me l'importante è non ammettere mai:1. Mai pagare il canone, lo paghi una volta e poi è a vita2. Mai rispondere a lettere semplici, potresti sempre sostenere di non averle mai ricevute3. Non ho mai sentito di mandati di perquisizione autorizzati per il canone Rai N.B. non firmo l'articolo come mio solito per ovvie ragioni. L'IP registrato da P.I. non è ovviamente quello di casa mia (la prudenza in queste cose non è mai troppa!)
  • Anonimo scrive:
    La RAI dovrebbe uscire dall'auditel
    Grazie alla schiavitù delle percentuali auditel (il cosiddetto "share") la RAI continua a propinare al popolo bue caxxate come i "reality" show, che fanno tanta audience (e quindi più introiti pubblicitari) invece di programmi che sarebbero più adatti ad un servizio pubblico (documentari, film decenti, musica, ecc...).Quindi la soluzione sarebbe quella di uscire dal meccanismo dell'auditel.Ovviamente questo è pura utopia, visto che così la RAI dovrebbe dire addio alla pubblicità e finanziarsi solo con il canone. Ma non dovrebbe essere così, per una TV pubblica? Altrimenti il canone che senso ha, se la RAI si finanzia anche e soprattutto con la pubblicità?
    • Anonimo scrive:
      Re: La RAI dovrebbe uscire dall'auditel
      Quel che dici è utopia pura.L'auditel è della rai (e di Mediaset).Che fanno, escono da loro stesse?L'auditel serve per capire se un programma interessa o no. Se un programma, tipo Music Farm ha stufato, va tolto. E di questo ci si accorge solo con l'Auditel. Senza avremmo Music Farm a vita.
  • Anonimo scrive:
    Anche un forno a microonde o tradizional
    Anche un forno a microonde o tradizionale puo' essere adattato a ricevere trasmissioni RAI.Basta togliere tutta l'elettronica al suo interno, infilarci un televisore, collegarci un'antenna ed il gioco e' fatto, che ci vuole?Allo stesso modo anche un wc o un armadio. Quindi se possedete uno di questi oggetti e' giusto che paghiate, lo dice anche l'unione europea. (cylon)
  • rockroll scrive:
    Punto della situazione, Consigli.
    Riprendo quanto scritto da anonimo in precedenza (con piccole correzioni), per dargli il giusto risalto, in quanto le argomentazioni addotte mi paiono assolutamente interessanti.----------------------------------------- L'obbligo di corrispondere ad un Ente X una tassa di possesso di un'apparecchiatura Z per fruizione di servizi erogati da X ma anche, in parte preponderante e totalmente gratuita, da un insieme di altri Enti YY, condiziona in modo grave il diritto dell'utenza alla fruizione gratuita dei soli servizi erogati da YY. Se l'Ente X si configura come servizio pubblico deve erogare solo servizio pubblico non finalizzato a lucro, e solo chi lo utilizza può essere assoggettato a pagamento a favore del Pubblico Erario (e non certo di X) di un equo corrispettivo del servizio effettivamente goduto, indipendentemente da dubbie controversie sul possesso di apparecchiature Z. Se l'Ente X non si configurasse come servizio pubblico, o anche laddove il servizio di X assumesse di fatto le stesse caratteristiche di servizi privati forniti da Enti YY venendo meno alle regole di servizio pubblico, diventerebbe discriminatoria della libera concorrenza e implicitamente anticostituzionale qualsiasi legge proponente introiti a favore del solo operatore X e quindi a danno degli operatori YY.Allo stato dell'arte attuale, pagare solo X per detenere un sistema Z di fruizione dei servizi di X+YY è quanto meno ingiusto, monopolistico, anticoncorrenziale, iniquamente penalizzante gli Enti YY, oltre che disgustoso nella forma in cui è imposto. E' come se i proventi della tassa di circolazione auto li incamerasse per legge solo una certa azienda automobilistica nazionale... (a parte che la realtà non sarà molto diversa).---------------------------------------Premesso ciò, ed in attesa che le nuove tecnologie di Z trasformino le modalità di fruizione di detti servizi, rendendo possibili forme di pagamento basate sugli effettivi utilizzi di quanto erogato sia da X che da YY a condizioni liberamente accettate dall'Utenza, diamo una serie di consigli comportamentali, praticamente un prontuario per l'Utenza stessa.-----------------------------------------------Consigli comportamentali per l'Utenza.-----------------------------------------------Non possedete apparecchiature di tipo Z ossia soggette a versamento canone, e X insiste a chiedervelo sottintendendo che siete evasore e minacciandovi in conseguenza: inviate ad X raccomandata RR in cui dichiarate sotto Vs. responsabilità di non avere alcun possesso di Z marchingeni soggetti a canone, ma aggiungete che dimostrazione contraria spetta a X, restando voi disponibili a verifica ispettiva legalmente autorizzata, ma evidenziate che qualunque abuso in tal senso, come anche qualsiasi ulteriore insistenza di richieste accompagnata o meno da velate minacce o anche qualunque acquisizione illecita e/o non documentata di Vs. informazioni personali coperte da privacy verranno valutate in sede competente.Possedete un marchingeno Z soggetto a canone di cui già corrispondete ad X tassa di possesso, e desiderate liberarvene: idem come sopra, stessa procedura, stessa raccomandata RR, cambia solo la frase "dichiaro di non possedere" con la frase "dichiaro di non aver più in mio possesso". E' sufficente, garantito!Avete appena acquistato un apparecchio Z, o ve lo hanno regalato, o l'avete vinto alla lotteria, insomma ne siete in possesso, ma non lo avete ancora regolarizzato, ad esempio perchè non avete fatto in tempo in quanto ve lo ha da poco regalato un altro soggetto regolarmente abbonato, come vostro nonno non convivente. Ma intanto, come rapace falco, il sinistro ispettore dell'Ente X vi piomba alla porta tra capo e collo: prima di concedere l'accesso alla Vs. abitazione verificate bene l'attendibilità delle credenziali di chi pretende di ispezionarvi attraverso l'apertura parziale della porta bloccata dal catenino, e se la cosa non appare più che legittima o anche se solo la qualifica con cui si è definito inizialmente il personaggio non corrisponde perfettamente alle credenziali esibite, chiamate direttamente la Polizia (113) denunciando tentata violazione di domicilio e/o millantato credito, ma se non ve la sentite semplicemente chiudete la porta contestando l'intervento; eventualmente il 113 lo farete se il sinistro figuro prende a calci la porta... Se invece tutto è legalmente autorizzato (ed è improbabile), prima di togliere la catena dichiarate spontaneamente a priori il regalo, l'acquisto, la vincita o altro di X come cosa appena avvenuta, ed esternate la vostra intenzione di regolarizzarne il possesso appena possibile: l'ispettore di X ha raggiunto il suo scopo (assicurarsi la provvigione per acquisizione nuovo abbonato), vi farà firmare tale dichiarazione, vi consegnerà il modulo di abbonamento standard non maggiorato, e vedrete che si placherà senza neppure entrare. Chiaramente anche il giorno dopo potreste decidere di buttar via l'apparecchio Z in questione, disgustati dalla qualità dei programmi trasmessi ...! In tal caso procedete come al punto precedente.Non dovrebbero esseci altre casistiche (l'ultima va opportunamente interpretata).---------------------------------------Ovviamente, dopo aver ricevuto RR di ritorno relativa a raccomandata inviata ad X coi suddenti contenuti, potete permettervi di ignorare ulteriori comunicazioni; non state a mettere in campo altre sanguisughe per la soddisfazione di far zittire X, lasciate fare, siate superiori a queste beghe... Comunque è buona norma acquistare sempre Z in contanti, ed anche componenti isolati di Z, o comunque riconducibili a presenza di Z, in modo da non lasciar alcuna traccia dei Vs. acquisti; a meno che non vogliate divertirvi a mettere in crisi X, che vi piomberà addoso entro 6 mesi, e potete farlo accusando X di essere entrato in possesso di Vs. info coperte da privacy di cui non vi ha concesso preventiva documentazione di liceità e di identificazione delle fonti; ma sappiate che nel giro trascinate pure il punto vendita e la Vs. banca ... si sa benissimo chi è coinvolto. Però ripeto, certe soddisfazioni costano quintali di sanguisughe, secondo me molto di più della contropartita del sottile piacere che potreste gustare dopo anni. Date retta a me, siate superiori a queste beghe, e godetevi le Vs. risorse. In santa pace. A buon intenditor poche parole.Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 19.54-----------------------------------------------------------
    • Ics-pi scrive:
      Altra casistica: multitv
      Post interessante.L'ultima e piu' probabile casistica è:Ho 5 televisori, di cui 4 vecchi abbastanza (anni 95-2000) e uno appena acquistato con LCD e Tv tuner.Cosa gli racconto ai tizi del fisco che bussano da dietro alla porta? Non ci crederanno mai che IERI mi hanno regalato 5 televisori di cui 4 coperti di polvere e graffi e 1 nuovo di trinca!E poi:in quali casi devo aprire loro e in quali no, non ho mica ben capito. Chi per legge puo' entrare in casa mia e chi no. Da quello che so, solo le forze dell'ordine con un regolare documento firmato da un PM. I gabellatori potranno entrare? Mi sa di no...Fate chiarezza, pls
      • Anonimo scrive:
        Re: Altra casistica: multitv
        - Scritto da: Ics-pi
        Post interessante.
        L'ultima e piu' probabile casistica è:

        Ho 5 televisori, di cui 4 vecchi abbastanza (anni
        95-2000) e uno appena acquistato con LCD e Tv
        tuner.
        Cosa gli racconto ai tizi del fisco che bussano
        da dietro alla porta? Non ci crederanno mai che
        IERI mi hanno regalato 5 televisori di cui 4
        coperti di polvere e graffi e 1 nuovo di
        trinca!

        E poi:

        in quali casi devo aprire loro e in quali no, non
        ho mica ben capito. Chi per legge puo' entrare in
        casa mia e chi no. Da quello che so, solo le
        forze dell'ordine con un regolare documento
        firmato da un PM. I gabellatori potranno entrare?
        Mi sa di
        no...

        Fate chiarezza, plsC'e' poco da fare, se hai 5 televisori devi solo sperare che non vengano mai a bussare alla tua porta. Potresti fingere di non essere in casa, sempre che non stai ascoltando con il Dolby Digital un film d'azione che si propaga dalla tua finestra per l'intero isolato, e nottetempo trasferire tutto il tuo armamentario catodico in cantina in modo che il giorno successivo, quando i gentiluomini incaricati del controllo si ripresenteranno, potrai esibire fieramente una casa assolutamente vergine alla tecnologia.Per il secondo quesito la risposta e' facile, fai entrare a casa tua solo persone in possesso di un mandato del magistrato, che in genere e' di ISPEZIONE e non di PERQUISIZIONE.Cio' vuol dire che non possono aprire armadi, cassetti, ante, doppi fondi, botole.....Possono solo farsi un bel giro delle stanze e dei corridoi.
      • rockroll scrive:
        Re: Altra casistica: multitv
        - Scritto da: Ics-pi
        Post interessante.
        L'ultima e piu' probabile casistica è:

        Ho 5 televisori, di cui 4 vecchi abbastanza (anni
        95-2000) e uno appena acquistato con LCD e Tv
        tuner.
        Cosa gli racconto ai tizi del fisco che bussano
        da dietro alla porta? Non ci crederanno mai che
        IERI mi hanno regalato 5 televisori di cui 4
        coperti di polvere e graffi e 1 nuovo di
        trinca!A questo o questi tristi figuri non interessa applicarti penalità, ma conseguire la provvigione per nuovo abbonamento procurato, che usualmente è la loro sola forma di introito. Costoro non sono retribuiti dell'Ente Emittente, ma da un Ente che in subappalto si occupa di recupero abbonamenti. In ogni caso, la presenza di un'apparecchiature appena acquistata ed in procinto di essere dichiarata, rende lecita con la sua regolarizzazione la presenza di altre più vecchie apparecchiature. E comunque questi loschi individui, che se fai come ti ho detto ben difficilmente entreranno in caso ammesso che na abbiano il diritto, non hanno l'autorità di contestarti una tua dichiarazione di autocertifica, anche se essa parla di molte apparecchiature tutte improvvisamente ricevute in regalo. Toh, potrebbe essere espatriato ieri un ricco amico abitante in casa dei suoi..., non sei tenuto a specificare. In caso di regalo sei tenuto però a dichiarare le generalità del donatore, per cui tieniti sempre sottomano quelle di un amico o parente consenziente residente in alloggio coperto da abbonamento, che poche ore fa ti avrebbe donato tutto, cavoli suoi se è fatto così! Eventuali verifiche possono essere fatte solo da Ente Emittente, ma non approderebbero a nulla di fatto se l'amico/parente mantiene la tua versione: è nel suo pieno diritto di regalarti in blocco tutti i multimedia di cui dispone; anche lui avrebbe, per la precisione, l'obbligo di dichiarare l'alienazione a tuo favore e le tue generalità, ma se il regalo è appena avvenuto ... diamogli tempo ... che diamine!
        E poi:

        in quali casi devo aprire loro e in quali no, non
        ho mica ben capito. Chi per legge puo' entrare in
        casa mia e chi no. Da quello che so, solo le
        forze dell'ordine con un regolare documento
        firmato da un PM. I gabellatori potranno entrare?
        Mi sa di
        no...

        Fate chiarezza, plsAnche per quel che ne so io, le forze dell'ordine ma anche i "gabellatori " possono avere diritto di accesso per ispezione, ma sempre autorizzato da apposito mandato: un Ente gabellante per subappalto non ha sicuramente l'autorità di iniziative autonome in tal senso, ma l'Ente Emittente, in quanto Ente Statale, potrebbe averle se la sua azione è tesa a verificare illeciti di particolare gravità pregiudizievoli per la Sicurezza Pubblica. Questo dice la Costituzione, ma sappiamo che ad esempio la legge Urbani se ne fa un baffo della Costituzione, arrivando addirittura sul penale per lo scambio di qualche canzonetta... Normalmente le perquisizioni possono essere autorizzate solo da un PM a fronte di ragionevoli dubbi di violazioni perseguibili penalmente e suffragate dall'esito di indagini preventive, il che escluderebbe totalmente questa tipo di facoltà per l'Ente Emittente. Questa è la teoria, poi la leggi vengono adattate ad uso è consumo dei potenti, fregandosene altamente dell'incostituzionalitaà .... e noi sudditi li lasciamo fare....Ti ho detto quello che so, atri se sanno di più dicano la loro Bye.PS. Importante: ho letto di molti casi, specie negli anni scorsi, in cui i "gabellatori" erano privi di qualunque tipo di autorizzazione legale, e sono stati respinti con successo, ma se ne sono andati assicurando che sarebbero tornati con apposito "mandato" di perquisizione (addirittura) ... cosa che non è mai avvenuta.... questo te lo posso assicurare.Trai tu stesso le conclusioni! RiBye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 19.17-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Farsi sigillare la TV: chi ha provato?
    Salve a tutti,visto che una delle possibilità (più teorica che pratica) per non pagare il canone è il sigillamento della televisione, mi chiedevo se qualcuno l'avesse mai subito o sapesse, più in concreto, di cosa si tratti: se sia un'azione da compiere sul televisore, o sull'antenna, o cos'altro.Un paio d'anni fa ebbi ad interessarmi della rescissione dall'abbonamento RAI per un parente e un metodo che mi segnalarono al numero informazioni fu quello di autocertificare l'avvenuta distruzione del televisore. In pratica, voi scrivete alla RAI che certificate la distruzione del vostro televisore, e che quindi non avete più i mezzi per guardarla. Nel mio caso ha funzionato.Fatemi sapere, se conoscete qualcosa in merito!Francesco Minciotti
    • Anonimo scrive:
      Re: Farsi sigillare la TV: chi ha provato?
      - Scritto da:
      Salve a tutti,

      visto che una delle possibilità (più teorica che
      pratica) per non pagare il canone è il
      sigillamento della televisione, mi chiedevo se
      qualcuno l'avesse mai subito o sapesse, più in
      concreto, di cosa si tratti: se sia un'azione da
      compiere sul televisore, o sull'antenna, o
      cos'altro.

      Un paio d'anni fa ebbi ad interessarmi della
      rescissione dall'abbonamento RAI per un parente e
      un metodo che mi segnalarono al numero
      informazioni fu quello di autocertificare
      l'avvenuta distruzione del televisore. In
      pratica, voi scrivete alla RAI che certificate la
      distruzione del vostro televisore, e che quindi
      non avete più i mezzi per guardarla. Nel mio caso
      ha
      funzionato.

      Fatemi sapere, se conoscete qualcosa in merito!

      Francesco Minciotti Certo che funziona. Attualmente basta raccomandata RR con autocertifica di perdita di possesso o di assenza di possesso di "apparecchiatura soggetta a pagamento canone RAI-TV".Questa formula evita disquisizioni sul tipo di apparecchiature più o meno atte o adattabili a ricevere trasmissioni TV, ed il non possesso fisico dichiarato sotto propria responsabilità evita ulteriori prassi di "sigillamento" apparecchiature. Leggiti quanto dice "Punto sulla situazione. Consigli."
      • Anonimo scrive:
        Re: Farsi sigillare la TV: chi ha provato?
        Puoi anche recarti alla discarica o comunque al posto del tuo paese ove ritirano i rifiuti ingombranti. Porti un bel televisore in bianco e nero con il quale il tuo povero nonno guardava rischiatutto e ti fai fare una ricevuta di consegna ben specificata, nella quale dovra' evincersi chiaramente che tu hai consegnato un televisore per lo smaltimento.Dopodiche' darai disdetta dell'abbonamento alla RAI motivandolo con la perdita di possesso dell'apparecchio che si e' guastato e che tu hai deciso di non ricomprare.Conserverai gelosamente la ricevuta della discarica finche' il Signore non ti chiamera' con se e la invierai in fotocopia qualora qualcuno desideri ancora chiederti informazioni sul perche' tu non disponga di un televisore.Garantito!
    • Anonimo scrive:
      Re: Farsi sigillare la TV: chi ha provat

      visto che una delle possibilità (più teorica che
      pratica) per non pagare il canone è il
      sigillamento della televisione, mi chiedevo se
      qualcuno l'avesse mai subito o sapesse, più in
      concreto, di cosa si tratti: se sia un'azione da
      compiere sul televisore, o sull'antenna, o
      cos'altro.Si chiude il tv dentro un sacchetto e si ha l'obbligo di non riaprirlo. Se ti pescano dopo che l'hai aperto sono cazzi amari.
  • Anonimo scrive:
    beh io il canone me lo merito...
    io il canone me lo merito!io il canone lo voglio subito!io il canone me lo fumo subito.
  • Anonimo scrive:
    beh io il canone me lo merito...
    io il canone me lo merito!io il canone lo voglio subito!io il canone me lo fumo subito.
  • Anonimo scrive:
    AVVERTIMENTO
    Vi avverto che sto diffondendo le mie scoregge. Chiunque possieda un apparecchio atto a captarle mi deve cinque euro. Siete avvisati.
  • pppaolo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Contromisure possibili:(1) dare disdetta usando l'apposito modello con cui si chiede il sugellamento, probabilmente e' la soluzione piu' economica per chi ha un televisore, ed offre anche il grande vantaggio che sara' un dieci anni che si guardano bene dal mandare qualcuno a suggellare, per cui non si ha piu' l'obbligo di pagare il canone, ma quasi certamente si potra' continuare a guardare la TV (tenete conto che la RAI e le altre TV hanno interesse che la gente le guardi, tra le loro fonti c'e' non solo il canone RAI, ma, per tutte, la pubblicita', per cui gli conviene rinunciare al canone e tenersi uno spettatore oggetto di pubblicita' e di propaganda politica)(2) per il PC "adattabile" a ricevere programmi TV, far chiarire dalla RAI o dal ministero cosa si intenda per adattabile, per legge il ministero e' tenuto a rispondere, per lo meno alle associazioni dei consumatori, come ADUC etc, dopo di che comprare solo computer vecchi, se li si trova, o farseli montare da ComputerDiscount o CHL o altri in modo che siano esenti dal canone TV e magari anche non Trusted Computing, o ce li fanno come vogliamo o non li compriamo, e cosi' sara' contento anche Calamari.Paolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      Il monitor è comunque adattabile a ricevere trasmissioni televisive!
      • Anonimo scrive:
        Re: Vietato liberarsi della RAI
        - Scritto da:
        Il monitor è comunque adattabile a ricevere
        trasmissioni
        televisive!e anche il navigatore satellitare, il telefonino, la fotocamera digitale, pure l'aspirapolvere se mi ci metto di buona volontà (rotfl)
        • Phil Soryxu scrive:
          Re: Vietato liberarsi della RAI
          + il tostapane (vedere FreeBSD)
          • Anonimo scrive:
            Re: Vietato liberarsi della RAI
            - Scritto da: Phil Soryxu
            + il tostapane (vedere FreeBSD)Io ho adattato la tazza del cesso incollandoci sopra un sintonizzatore con generose dosi di mastice. Per il piacere dei gabbellatori che verranno a vistarmi (accompagnati da P.G. con decreto di ispezione firmato da un pm, altrimenti RAUS!)Tutto vero! :D
  • Anonimo scrive:
    Se la RAI non trasmettesse pubblicità...
    ...troverei più che giusto il canone: un finanziamento alla TV pubblica. Ma ormai la RAI trasmette più pubblicità dei canali privati, e addirittura ora vengono interrotti film, cosa che fino a qualche anno fa non succedeva. In pratica la RAI è passata gradualmente, negli anni, da 0 pubblicità a una quantità di spot superiore a quella di alcuni canali privati. Questo adeguando naturalmente il canone all'inflazione, invece di abolirlo.Bella la vita, eh? ora la RAI ha due modalità di finanziamento (pubblicità + canone), contro una sola dei canali privati.Ma poi che servizio pubblico è? Nemmeno lo sport, che è una delle cose più popolari che ci siano, viene più assicurato agli italiani. La finale degli internazionali di Roma di tennis è stata splittata su più canali, le partite di calcio importanti vengono difficilmente trasmesse dalla RAI, perchè costano troppo e i diritti se li aggiudicano le TV private. Ma allora il doppio finanziamento (pubblicità + canone) chi se lo mangia???
    • Anonimo scrive:
      Re: Se la RAI non trasmettesse pubblicit
      E le olimpiadi invernali con gli spettacoli di apertura e chiusura spezzettati, rimandati, cancellati ecc. ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Se la RAI non trasmettesse pubblicit
        Senza dimenticare che i mondiali prima ce li vedevamo TUTTI, quest'anno vedremo qualche partita perchè i diritti li ha Sky... quelli del canone son proprio soldi rubati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Se la RAI non trasmettesse pubblicit
          a per quello c è rimedio ed è tutto legale (sempre che paghi il canone RAI ATTO per il possesso della tv) basta prendere una parabola e puntarla su astra ... da li sintonizzi qualsiasi decoder digitale satellitare e cosi avrai RTL , ZDF e DAS Estre ( mi sembra che si scrivano cosi ) e ti vedi tutte le partite del modiale con il commento in tedesco (ma anche a questo si puo rimediare basta una radio ed un pc con cui puoi sincronizzare l audio di radio1 con le immagini)senza pagre un euro a sky ... è tutto legale poiche questi canali sono free to air cioè non sono criptati ... certo poi bisogna vedere ... forse il governo tedesco ti viene a chiedere il canone i canali suddetti poiche due sono canali pubblici tedeschi :D!!!ECCOVI ALCUNI LINK SU COME FARE:http://www.coolstreaming.us/forum/showthread.php?t=8645&highlight=satelliteC è scritto sat-analogico ma il discorso funziona anche per i sat-digitalihttp://scaistar.altervista.org/guide/ritardosat.htmIo l ho fatto e garantisco che funziona molto bene inoltre ho notato che durante le partite non ci sono spot di nessun genre !!!P.S. vorrei fare altre considerazioni ma potrei essere lesivo nei confronti di mamma rai !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se la RAI non trasmettesse pubblicità...
      Ma allora il doppio
      finanziamento (pubblicità + canone) chi se lo
      mangia???
      Semplice... vengono regalati nei vari programmi che per lo più sono spazzatura al 100% come MusicFarm e tutti gli altri reality stupidi!Oggi tra l'altro ho sentito dire da Amadeus all'"eredità" che finora son stati vinti una roba come 1,8 milioni di euro... eccoti la risposta! Ecco dove vanno a finire tutti i soldi del canone!
  • Anonimo scrive:
    Azienda con PC solamente
    Ho riletto l'articolo, quindi se io sono una azienda, con nessun televisore, ma ho solo pc senza scheda TV, devo pagare il canone come fossi un albergo giusto? Ma di quanto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Azienda con PC solamente
      - Scritto da:
      Ho riletto l'articolo, quindi se io sono una
      azienda, con nessun televisore, ma ho solo pc
      senza scheda TV, devo pagare il canone come fossi
      un albergo giusto? Ma di
      quanto?Mandali a scopare il mare, dai retta a me.
    • Anonimo scrive:
      Re: Azienda con PC solamente
      Secondo te quante aziende pagheranno una gabella del genere e quanti privati che hanno il solo pc ? Al primo tentativo di imporre una cosa del genere ci sarebbe la fila di fronte ai tribunali. Loro ci provano ma la richiesta non ha alcun fondamento. Un pc che non sia un pc con tuner integrato non è un dispositivo nè atto nè adattabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Azienda con PC solamente
      - Scritto da:
      Ho riletto l'articolo, quindi se io sono una
      azienda, con nessun televisore, ma ho solo pc
      senza scheda TV, devo pagare il canone come fossi
      un albergo giusto? Ma di
      quanto?Dipende. Se ti chiami Montezemolo dovresti pagare molti ma molti soldi (un centinaio di euro per qualche decina di migliaia di PC...), ma dubito fortemente che gli ispettori RAI vadano a discutere con la sorveglianza (armata...), e dubito anche che la RAI decida di invischiarsi in una causa legale dall'esito alquanto dubbio con una controparte ben dotata di avvocati...Se invece sei proprietario di una lavanderia ed utilizzi un PC per l'amministrazione allora potresti anche avere serie grane...
  • Anonimo scrive:
    LA SOLUZIONE E' PROSSIMA...
    Con l'avvento, sicuramente forzato ma fatto passare per una conquista straordinaria ed inalienabile, della tv digitale terrestre, passando per i soliti calciodipendeti in primis e i grandefratellisti poi, siamo prossimi al controllo dei clienti-utenti-ricevitori.Non serve essere geni, a meno che non si sia calciodipendenti ecc., per capire che l'avvento del digitale permetterà di far pervenire il segnale solo a chi paga.Lo sappiamo tutti che l'evoluzione tenconolica si sta trasformando in un boomerang colossale per i contribuenti-utenti che non avranno reali benefici ma solo una maggiore schiavitù gestita dai fornitori di "servizi".Tralasciamo che ci sarà chi cercherà di piratare il sistema appena questo diventerà totalitario, questo non è alla portata dei più.Quello che conta è che prima o poi il canone sarà legato al segnale criptato, a quel punto il possesso o meno di apparecchiature atte alla ricezione non sarà più fondmentale. A quel punto la RAI e/o chi per lei non avrà argomenti per stressare perché il mero possesso non giustifica assolutamente nulla.Chi ha scritto questa legge era ed è sicuramente in malafede, molto più in malafede di chi il canone cerca di schivarlo.Equiparare un computer ad un ricevitore costruito per un unico scopo è andare a cercare la famosa "aria" da far pagare.Non importa la correttezza, non importa il buonsenso, è inutile il rispetto...quello che conta è il fine ultimo...il DENARO.In nome del denaro si può calpestare tutto, dalla dignità umana alla vita stessa e detto tra noi:da questa manica di politicantucoli che cosa vi aspettate?Dobbiamo pagare per avere un servizio, ma se poi il servizio fa schifo...non te lo puoi più togliere dai piedi, meraviglioso.Non puoi nemmeno usare uno strumento(televisore) per cose diverse dalla mera ricezione perché altri hanno deciso che questo equivale evadere.Fantastico!!!A questo punto mi chiedo, ma questo Stato realmente a cosa serve? La Costituzione dice che lo Stato è al servizio del cittadino, tuttavia è da molti anni ormai che mi rendo conto dell'esatto contrario.Il canone RAI è una piccola parte dei soprusi che subiamo giornalmente, ce ne sarebbe da disquisire per mesi.Facciamo piuttosto qualcosa di concreto, al di fuori delle associazioni dei consumatori che valgono ben poco.Facciamo come in Francia, protestiamo con i metodi dovuti, al sopruso si risponde con la legittima difesa, direttamente proporzionale alla forza messa in campo dall'avversario.Facciamo vedere le p...eTanto lo so che è un parlare tanto per la voglia di farlo, noi italioti siamo bravi a protestare, ma solo al bar. Peccato però.YenA
    • Anonimo scrive:
      Re: LA SOLUZIONE E' PROSSIMA...
      Quando il digitale terrestre avra' preso piede e le trasmissioni analogiche saranno spente, pagherai per il possesso di un apparecchio atto o adattabile alla VISUALIZZAZIONE e/o alla DECODIFICA del segnale televisivo.Anche perche' in futuro il decoder sara' integrato nella TV.Non credo che il balzello sparira' molto presto.
  • Anonimo scrive:
    Io ho un mobiletto...
    ... dite che devo pagare il canone? Sono pazzo? O forse no....In effetti, comprando una TV piccola CRT con c.a. 80 euro il mobiletto diventa "atto o ad adattabile" alla ricezione di programmi TV.Tanto quanto deve spendere il possessore di un PC per una scheda TV. (ed il pc è adattabile..)Quindi secondo me il mobiletto è "atto o ad adattabile"......vediamo.. e se fossi un senzatetto?.. ah no, potrei avere un televisore a pile,... anzi più facile.. quasi ogni cellulare oggi può ricevere streaming TV!Vediamo...gli unici legittimamente autorizzati a non pagare il canone, che al momemento mi vengono in mente, devono essere almeno ciechi e sordi.Ma credo che a quel punto il canone sarebbe il problema minore.Che dire... squallido e vergognoso. Specie in relazione all'infimo servizio fornito.Io a luglio mi sgancio da casa.Ho un magnifico tritadocumenti.PS: Come acquisicono i dati questi signori? Rispettano il dlgs 196/03? Ho dubbi seri..
    • Anonimo scrive:
      Re: Io ho un mobiletto...
      ho qualche perplessità....e se fossero proprio quelli di SKY?Un paio di cosette che so mi portano a pensare proprio questo.Speriamo che non sia vero :(
    • yenaplyskyn scrive:
      Re: Io ho un mobiletto...
      e se fosse proprio SKY????-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 14.01-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Sono d'accordo nell'essere frustrato da questa situiazione, ma vorrei precisare che il cosiddetto "canone rai" nn è una tassa per vedere la rai (e mi pare un terzo vada a mediaset), ma è una tassa di possesso dell'apparecchio. La cosa strana è la storia del pc
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      -(e mi pare un terzo vada a mediaset)TU SEI FUORI DI TESTAchi ti ha detto questa corbelleria????
  • Anonimo scrive:
    Canone? No? Si? Dico canone a tutti !!
    Al di la' della questione del canene si o canone no, perche' non si ritorna al vecchio metodo?Cioe', finche' non si cambia la legge, il canone bisogna pagarlo. Perche' non si fa come prima e cioe' quando compri una tv devi firmare una documentazione che il venditore invia alla RAI per avere un censimento degli apparecchi, cosi' i soliti evasori la faranno finita?
    • LinoX scrive:
      Re: Canone? No? Si? Dico canone a tutti
      ..perché poi il televisore lo compri per vie traverse e lo stato oltre al canone ci perde anche l'iva...
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone? No? Si? Dico canone a tutti
        - Scritto da: LinoX
        ..perché poi il televisore lo compri per vie
        traverse e lo stato oltre al canone ci perde
        anche
        l'iva...Si stronca anche quello. Se fosse cosi', allora non esisterebbe catasto, ad esempio, e nessuno pagherebbe l'ici.
    • yenaplyskyn scrive:
      Re: Canone? No? Si? Dico canone a tutti
      io penso che invece di preoccuparci sempre e solo degli evasori forse è l'ora di preoccuparci dei diritti dei cittadini, prima e al di sopra di tutto e di tutti.Nessuno dovrebbe sindacare sull'uso che fai delle apparecchiature che acquisti, a meno che non commetti crimini, visto che ci paghi l'IVA e dai lavoro a molte persone arricchendo in questo modo anche lo stato e la sua economia.Se acquisto un televisore con l'unica necessità di vederci i DVD( acquistati o noleggiati, altri posti di lavoro e introiti per la sanguisuga), essendo alquanto difficile trovare monitor unicamente atti allo scopo e comunque a prezzi decisamente più elevati, non è eticamente ammissibile che si supponga da parte mia un uso illecito dello strumento.Punto.Tutti gli altri argomenti puntano solamente alla monetizzazione e alla prevaricazione dei diritti del singolo individuo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 14.13-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Canone? No? Si? Dico canone a tutti
        Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 14.13
        --------------------------------------------------
        • Rex1997 scrive:
          Re: Canone? No? Si? Dico canone a tutti
          In teoria è giusto, ma allo stato attuale se anche compri un semplice monitor, quindi solo un visualizzatore di immagini, non un sintonizzatore, *DEVI* comunque pagare la tassa di possesso in quanto atto a ricevere i segnali TV... come si dice cornuti e mazziati... :(
  • Anonimo scrive:
    Ma se uno ignora di continuo le lettere
    E (presumibilmente) non vengono fatte ispezioni per via del fatto che esistono a sto mondo cose più gravi, non è che in seguito cominciano ad arrivare messe in mora e cose sicuramente meno piacevoli ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se uno ignora di continuo le lett
      - Scritto da:
      E (presumibilmente) non vengono fatte ispezioni
      per via del fatto che esistono a sto mondo cose
      più gravi, non è che in seguito cominciano ad
      arrivare messe in mora e cose sicuramente meno
      piacevoli
      ?Dunque una ispezione può si arrivare, magari dopo molto tempo, ma può arrivare.Ma mi pare che fino a quel momento ti possono mettere in mora quanto vogliono, ma non sei tenuto a pagare. Se però arriva l'ispezione e non sei in regola allora paghi anche la mora.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se uno ignora di continuo le lett
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        E (presumibilmente) non vengono fatte ispezioni

        per via del fatto che esistono a sto mondo cose

        più gravi, non è che in seguito cominciano ad

        arrivare messe in mora e cose sicuramente meno

        piacevoli

        ?

        Dunque una ispezione può si arrivare, magari dopo
        molto tempo, ma può
        arrivare.

        Ma mi pare che fino a quel momento ti possono
        mettere in mora quanto vogliono, ma non sei
        tenuto a pagare. Se però arriva l'ispezione e non
        sei in regola allora paghi anche la
        mora.a me è arrivata addirittura una lettera che diceva che a seguito di controlli risultava che io ero in possesso di un apparecchio televisivo. Nel periodo in cui mi era arrivata abitavo da solo. Ora mi sono sempre chiesto se io non avessi potuto fare una controdenuncia, in quanto se non li ho fatti entrare io in casa per fare la verifica le cose sono 2:1. Avete forzato la serratura di casa mia.2. State raccontando un sacco di palle.Io le ho ignorate per anni, anche se non nascondo che avrei voluto aver per le mani il personaggio che si è inventato il testo subdolo di tutte le lettere che ho ricevuto.Il senso vero è proprio del fastidio è proprio quello che segnala l'autore dell'articolo, siamo colpevoli e basta, non ci viene data nemmeno la possibilità di dimostrare che siamo innocenti.Avete mai visto un numero verde con cui parlare?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma se uno ignora di continuo le lett
          Nei piccoli paesini e' statisticamente piu' possibile un controllo rispetto alle grandi citta'. Mai sentito comunque che qualcuno sia stato controllato. Ah, giusto per la cronaca ricevo lettere da 10 anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se uno ignora di continuo le lettere
      In teoria si', ma faresti meglio a leggeere il mio intervento delle 15.10.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se uno ignora di continuo le lettere
      - Scritto da:
      E (presumibilmente) non vengono fatte ispezioni
      per via del fatto che esistono a sto mondo cose
      più gravi, non è che in seguito cominciano ad
      arrivare messe in mora e cose sicuramente meno
      piacevoli
      ?IMHO la mora la possono pretendere, se prevista, solo se ti inviano raccomandate con ricevuta di ritorno
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Io le chiamo tasse vessatorie
    Le tasse sul possesso e la proprietà di un bene non redditizio. Canone RAI, tassa di possesso dell'automobile, ICI. Bizantinerie indegne di una società liberale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io le chiamo tasse vessatorie
      - Scritto da: Gatto Selvaggio
      Le tasse sul possesso e la proprietà di un bene
      non redditizio. Canone RAI, tassa di possesso
      dell'automobile, ICI. Bizantinerie indegne di una
      società
      liberale.Sono le tasse che si possono riscuotere con maggior sicurezza. Non esistono tasse giuste ma tasse da pagare.
  • Alessandrox scrive:
    Adattatori PC-TV
    CHE TASSINO QUELLI!Visto che sono condizione minima per ricevere un segnale TV da PC.Altrimenti secondo questa norma anche la rete metallica del mio letto o lo stendipanni metallico o le pentole della cucina andrebbero tassati, visto che ricevono benissimo le em!Anzi... il corpo umano stesso RICEVE le em e puo' fare da antenna :OChe furbi questi idioti... :@Ma lo sanno che il segnale non basta riceverlo per poterne usufruire?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 12.27-----------------------------------------------------------
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Adattatori PC-TV

      anche la rete
      metallica del mio letto andrebbe tassata, visto
      che riceve benissimo le em!Sostituiscila con le doghe di legno finché sei in tempo!
      • Alessandrox scrive:
        Re: Adattatori PC-TV
        - Scritto da: Gatto Selvaggio

        anche la rete

        metallica del mio letto andrebbe tassata, visto

        che riceve benissimo le em!

        Sostituiscila con le doghe di legno finché sei in
        tempo!Si l' ho da tempo sostituita con una a doghe in legno di faggio (sulla quale dormo anche meglio) ma ho sempre quella metallica X gli ospiti... la vendo? La butto? E poi ho sempre la batteria pentole e le posate che ricevono benissimo....le inferriate alle finestre (tempo fa mi sono entrati i ladri quindi ho preso provvedimanti)... i cancelli.... Tutta roba che riceve ottimamente.Qualsiasi conduttore riceve e (appunto) conduce le onde che contengono le trasmissioni.E' questa la fregatura e quindi va ABOLITA.
  • LinoX scrive:
    Io ho fatto così..
    Sono nella stessa situazione del signore che ha inviato la lettera!Ho ricevuto anche io la prima cartolina della RAI in seguito al cambio di residenza, cartolina che è stata ampiamente ignorata (si diceva di ignorare la cartolina qualora non si possedesse alcuna tv).Dopo 3 mesi ricevo la seconda e, infastidito dalla cosa ho usato la cartolina "allegata".Nello spazio relativo alle comunicazioni alla sezione RAI relativa alla riscossione del canone/gestione abbonamenti ho scritto:"Avete rotto il cazzo! Non possiedo alcun tv/decoder/videoregistratore/antenna e simili. Smettetela di rompere o vi denuncio per intimidazione, molestie e tentata estorsione!" e l'ho imbucata (era preaffrancata)...Non si sono fatti più vivi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io ho fatto così..
      - Scritto da: LinoX
      Sono nella stessa situazione del signore che ha
      inviato la
      lettera!
      Ho ricevuto anche io la prima cartolina della RAI
      in seguito al cambio di residenza, cartolina che
      è stata ampiamente ignorata (si diceva di
      ignorare la cartolina qualora non si possedesse
      alcuna
      tv).

      Dopo 3 mesi ricevo la seconda e, infastidito
      dalla cosa ho usato la cartolina
      "allegata".
      Nello spazio relativo alle comunicazioni alla
      sezione RAI relativa alla riscossione del
      canone/gestione abbonamenti ho
      scritto:
      "Avete rotto il cazzo! Non possiedo alcun
      tv/decoder/videoregistratore/antenna e simili.
      Smettetela di rompere o vi denuncio per
      intimidazione, molestie e tentata estorsione!" e
      l'ho imbucata (era
      preaffrancata)...

      Non si sono fatti più vivi!Sei stato troppo buono! ;-)Byexx..
    • Anonimo scrive:
      Re: Io ho fatto così..

      Nello spazio relativo alle comunicazioni alla
      sezione RAI relativa alla riscossione del
      canone/gestione abbonamenti ho
      scritto:
      "Avete rotto il cazzo! Non possiedo alcun
      tv/decoder/videoregistratore/antenna e simili.
      Smettetela di rompere o vi denuncio per
      intimidazione, molestie e tentata estorsione!" e
      l'ho imbucata (era
      preaffrancata)...

      Non si sono fatti più vivi!SEI UN GRANDEAPPLAUSI x TE!!!!
  • Anonimo scrive:
    RACCOMANDATE? C'E' DI MEGLIO
    Altro che raccomandate. Se si e' nel giusto, una bella denuncia per tentativo di estorsione e per molestie.Inoltre, in sede civile, anche il risarcimento del danno per il disagio arrecato.Quando il legislatore si muovera' in tal senso?
    • Anonimo scrive:
      Re: RACCOMANDATE? C'E' DI MEGLIO
      Se hai dieci anni della tua vita da regalare allo giustizia potrebbe essere un'idea :)
    • Anonimo scrive:
      Re: RACCOMANDATE? C'E' DI MEGLIO
      - Scritto da:
      Altro che raccomandate. Se si e' nel giusto, una
      bella denuncia per tentativo di estorsione e per
      molestie.

      Inoltre, in sede civile, anche il risarcimento
      del danno per il disagio
      arrecato.Brillante, faro' cosi' per ogni tassa :)Qualcosa alla fine mi leveranno :)La salute... :(
  • Anonimo scrive:
    Ma se è una tassa....
    perchè l'avviso di pagamento non ti arriva direttamente dall'agenzia delle entrate e perchè non mandano direttamante una cartella esattoriale ad ogni nuovo nucleo familiare?Un'altra questione da porsi potrebbe essere la seguente: la RAI (visto che titolare della lettera che arriva a casa è la RAi)è legittimata a chiedere il pagamento di una tassa?(cioè la RAI può essere ritenuta un soggetto atto alla riscossione dei tributi?), se così fosse deve essere responsabilizzata al mancato pagamento di una tassa dello stato come adesso succede a tutti i soggetti che hanno il compito di riscossione dei tributi:
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se è una tassa....
      - Scritto da:
      perchè l'avviso di pagamento non ti arriva
      direttamente dall'agenzia delle entrate e perchè
      non mandano direttamante una cartella esattoriale
      ad ogni nuovo nucleo
      familiare?
      Un'altra questione da porsi potrebbe essere la
      seguente: la RAI (visto che titolare della
      lettera che arriva a casa è la RAi)è legittimata
      a chiedere il pagamento di una tassa?(cioè la RAI
      può essere ritenuta un soggetto atto alla
      riscossione dei tributi?), se così fosse deve
      essere responsabilizzata al mancato pagamento di
      una tassa dello stato come adesso succede a tutti
      i soggetti che hanno il compito di riscossione
      dei tributi:La chiave della cosa sono "canone" e "abbonati".Evidentemente hanno degli interessi a chiamarlo canone cosi' finisce ad una voce di bilancio rispetto che ad un altra. In questo modo inoltre la rai non riscuote tributi (sappi comunque che ci sono societa' abilitate a farlo per conto dello sato) ma canoni dai propri abbonati.
  • Anonimo scrive:
    Sky + Parabola = DEVI avere una tv
    Chi ha un abbonamento a SKY secondo me è a rischio. Una "fuga di notizie" Sky -
    Rai potrebbe essere molto utile per capire chi realmente ha un televisore e chi no. Dopo tutto... è difficile che un abbonato Sky non usi una TV :D.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv
      Bhe...se guardi attualmente nei centri commerciali è facile trovare TV LCD o Plasma che in realtà non hanno neanche un tuner (che sia analogico o digitale). Quindi a questo punto dovrebbero permettere a Sky di disattivare, a chi non abbonato, i canali rai (tanto di guadagnato) cosi sono tutti più tranquilli e contenti ! ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv
      io sono abboanto sky ma la tv non ce l'ho, lo guardo sul pc
      • Anonimo scrive:
        Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv
        Quando anni fa la rai aveva il 10% di telepiu', che berlusconi era stato costretto a cedere dalla legge, i controlli incrociati tra abbonati telepiu' e evasori del canone erano frequentissimi.Adesso con sky sinceramente non lo so ma ci starei attento parecchio ad abbonarmi senza pagare il canone.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv
          Confermo il passaggio dei dati. La rai mi chiede il pagamento del canone dal mese di aprile 2005 (data di inizio dell'abbonamento sky). Come fanno a saperlo? Maledetto il giorno che ho dato il consenso sui dati personali!!!Se anche pagassi da adesso a dicembre (risparmiando 110 euro) cosa potrebbero contestarmi?Aspetto consigli.Ciao e grazieDen
    • Anonimo scrive:
      Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv
      - Scritto da:
      Chi ha un abbonamento a SKY secondo me è a
      rischio. Una "fuga di notizie" Sky -
      Rai
      potrebbe essere molto utile per capire chi
      realmente ha un televisore e chi no. Dopo
      tutto... è difficile che un abbonato Sky non usi
      una TV
      :D.Perche' usi il condizionale???La SKY Italia SRL passa regolarmente i dati degli abbonati alla Rai, lo ha fatto anche con i miei dati, anche se non avevo MAI firmato un contratto con loro (ero cliente Tele+)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sky + Parabola = DEVI avere una tv

      Chi ha un abbonamento a SKY secondo me è a
      rischio. Una "fuga di notizie" Sky -
      Rai
      potrebbe essere molto utile per capire chi
      realmente ha un televisore e chi no. Dopo
      tutto... è difficile che un abbonato Sky non usi
      una TVInfatti tutti quelli che hanno Sky rischiano alla grande. Il passaggio di nominativi avviene. Così come avviene quando si compra una tv (ad esempio con carta di credito o con fidelity card).Oppure la ra fa uso dei cambiamenti apportati alle ribriche telefoniche. I nuovi abbonati ricevono irrimediabilmente la letterina.Questo è giusto, per carità. Ma se non mandassero solo la cartolina e venissero proprio in casa a controllare, avremmo molti meno furbi che non pagano. E il canone costerebbe di meno. E nessuno si lamenterebbe...ma questo è un sogno, visto che i politici in campagna elettorale promettono controlli per l'evasione e poi non fanno nulla.
  • Anonimo scrive:
    ho capito male io?
    oppure e' tenuto a agare il canone rai anche chi non possiede alcun apparecchio televisivo ma solo un pc (senza scheda tv)? ma possono chiedere davvero il pagamento d'una tassa su un qualcosa che "potrei" fare??
    • Anonimo scrive:
      Re: ho capito male io?

      oppure e' tenuto a agare il canone rai anche chi
      non possiede alcun apparecchio televisivo ma
      solo un pc (senza scheda tv)? Anche se la tua zomberia non ha la scheda tvnon e' che ti capita di fare un salto ogni tantoal sito della rai no eh? con un sacco di archivi on-line.... il televideo.... la storia della tua nazione ( l'Italia) in video.....
      ma possono chiedere
      davvero il pagamento d'una tassa su un
      qualcosa
      che "potrei"
      fare??Guarda che per sbaglio hai messo due punti interrogativi, non e' che sei distratto perche' stai guardando la tele?
      • Anonimo scrive:
        Re: ho capito male io?
        - Scritto da:


        oppure e' tenuto a agare il canone rai anche chi

        non possiede alcun apparecchio televisivo ma

        solo un pc (senza scheda tv)?

        Anche se la tua zomberia non ha la scheda tv
        non e' che ti capita di fare un salto ogni tanto
        al sito della rai no eh?no
        con un sacco di archivi
        on-line.... il televideo.... la storia della
        tua
        nazione ( l'Italia) in
        video.....preferisco un libro

        ma possono chiedere

        davvero il pagamento d'una tassa su un

        qualcosa

        che "potrei"

        fare??

        Guarda che per sbaglio hai messo due punti
        interrogativi, non e' che sei distratto perche'
        stai guardando la
        tele?non posseggo apparecchi televisivi e continuo a ritenere assurdo il pagamento d'una tassa su un qualcosa che "potrei" fare; pensavo che in Italia esistesse la presunzione d'innocenza, evidentemente l'imposta siae sui supporti digitali e questa tassa sul canone dimostrano il contrario; siamo tutti colpevoli fino a prova contraria. Propongo di far varare una legge che faccia fare a tutti i cittadini un mese di galera, perche' siamo tutti atti o adattabili a commettere reati.
        • Anonimo scrive:
          Re: ho capito male io?
          Propongo di far varare una legge che
          faccia fare a tutti i cittadini un mese di
          galera, perche' siamo tutti atti o adattabili a
          commettere
          reati.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Applausi a scena aperta :)
        • Anonimo scrive:
          Re: ho capito male io?

          non posseggo apparecchi televisivi e continuo
          ritenere assurdo il pagamento d'una tassa su
          qualcosa che "potrei" fare; pensavo che in
          esistesse la presunzione d'innocenza,
          evidentemente l'imposta siae sui supporti
          digitali e questa tassa sul canone dimostrano il
          contrario; siamo tutti colpevoli fino a prova
          contraria....Sei uno dei pochi, pochissimi ad avere il diritto di non pagarla e se ti e' cosi' difficile far valere il tuo diritto non e' solo per la solita burocrazia ma anche per l'illegalita' diffusa che rende feroce la guerra all'evasione.Comunque sia l'italia vuole fornire ai cittadini la rai e come tutti i servizi dello stato la fa pagari agli italiani tramite una tassa che puo' essere mirata (come il canone) o generica (come l'iva).Quello che voglio dire e' che se non mi piace e non voglio usufruire del parco cittadino non e' che smetto di pagare l'ici o me la riduco sapendo che da quella prenderanno soldi per il parco.
          • Anonimo scrive:
            Re: ho capito male io?


            Comunque sia l'italia vuole fornire ai cittadini
            la rai e come tutti i servizi dello stato la fa
            pagari agli italiani tramite una tassa che puo'
            essere mirata (come il canone) o generica (come
            l'iva).
            L'Italia, cioè gli Italiani, non vuole nulla se vuoi il referendum consultivo lo facciamo anche domani. Per gli Italiani la RAI andrebbe privatizzata e i politici lo sanno benissimo, vedi promesse di Prodi e Berlusconi. Il problema è che una RAI privata non ti manda tutte le sere in onda Schifani, Angius, Diliberto e Nania, tanto per coprire tutto l'arco parlamentare :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: ho capito male io?
            - Scritto da: ...
            Sei uno dei pochi, pochissimi ad avere il diritto
            di non pagarla purtroppo no, perche', pur non possedendo apparecchi televisivi, posseggo dei pc (senza scheda tv) e secondo la legge essi sono "adattabili" a ricevere il segnale televisivo; questa e' la cosa assurda, tra le altre cose chi ha fatto la legge non ha parlato di sintonizzatore ma di ricevere il segnale, quindi volendo essere pignoli in questa categoria ricade qualsiasi oggetto conduttore (anche una forchetta)
          • Anonimo scrive:
            Re: ho capito male io?
            - Scritto da:

            - Scritto da:
            ...

            Sei uno dei pochi, pochissimi ad avere il
            diritto

            di non pagarla

            purtroppo no, perche', pur non possedendo
            apparecchi televisivi, posseggo dei pc (senza
            scheda tv) e secondo la legge essi sono
            "adattabili" a ricevere il segnale televisivo;
            questa e' la cosa assurda, tra le altre cose chi
            ha fatto la legge non ha parlato di
            sintonizzatore ma di ricevere il segnale, quindi
            volendo essere pignoli in questa categoria ricade
            qualsiasi oggetto conduttore (anche una
            forchetta)Un pc, senza scheda tv, non è adattabile a niente. Passasse questa linea dovrebbero pagare anche quelli che montano un sistema di videosorveglianza o comprano un'automobile. Il fatto che tu possa montare sopra altri dispositivi non lo rende adattabile in se.
          • Anonimo scrive:
            Re: ho capito male io?


            Quello che voglio dire e' che se non mi piace e
            non voglio usufruire del parco cittadino non e'
            che smetto di pagare l'ici o me la riduco sapendo
            che da quella prenderanno soldi per il
            parco.Facciano allo stesso modo con la Rai. Prendano i soldi da un'altra parte(niente tassa sul parco, niente canone Rai), e magari tutti gli italiani pagheranno allo stesso modo per vedere la Tv: sia che un nucleo familiare sia costituito da una persona sola che da più persone (un po' come succede quando si va al cinema, che si paga a persona)Enrico
  • Anonimo scrive:
    RAI Phishing
    Queste lettere minatorie che arrivano a volte con l'indirizzo sbagliato o col nome storpiato (come se si passassero gli indirizzi per telefono) hanno tanto del Phishing...
  • Anonimo scrive:
    Che ne dite di un bel referendum
    consultivo ? Essendo una tassa non si può abrogare ma al referendum consultivo nulla osta. Se un partito l'appoggia dubito ci sian problemi a trovare le firme.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che ne dite di un bel referendum
      Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in una vera repubblica delle banane.Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi senza tassarti e se le tasse le pagassero tutti....vabbe' che parlo a fare tanto siamo in italia: veline, moggi e furbacchioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che ne dite di un bel referendum
        - Scritto da:

        Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di
        tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in una
        vera repubblica delle
        banane.In Italia abbiamo un livello di tassazione assurdo perchè si coprono servizi non essenziali come la RAI.

        Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi
        senza tassarti e se le tasse le pagassero
        tutti....Utilissimo vedere l'isola dei famosi in tv, tutte le famiglie che non accedono ai nidi perchè non ci sono fondi ringraziano. Sbatteranno i figli di fronte alla TV...
        vabbe' che parlo a fare tanto siamo in italia:
        veline, moggi e
        furbacchioni.Tutti personaggi che la Tv di stato ha reso popolari indicandoli come modelli.Vuoi vedere Moggi e le veline in Tv ? Pagati l'abbonamento alla pay tv o guardati gli spot sulla Tv commerciale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che ne dite di un bel referendum
        - Scritto da:

        Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di
        tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in una
        vera repubblica delle
        banane.


        Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi
        senza tassarti e se le tasse le pagassero
        tutti....Non ha proposto di abolire l'IRPEF. Il referendum consultivo non è previsto dal nostro ordinamento. Lo fanno alcuni enti locali per quanto di loro competenza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che ne dite di un bel referendum
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di

          tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in
          una

          vera repubblica delle

          banane.





          Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi

          senza tassarti e se le tasse le pagassero

          tutti....

          Non ha proposto di abolire l'IRPEF. Il referendum
          consultivo non è previsto dal nostro ordinamento.
          Lo fanno alcuni enti locali per quanto di loro
          competenza.Il referendum consultivo si fa anche a livello nazionale volendo, non c'è norma che osta. Gli enti locali lo usano più spesso perchè di solito sono questioni che impattano direttamente sulla vita dei cittadini
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ne dite di un bel referendum

            Il referendum consultivo si fa anche a livello
            nazionale volendo, non c'è norma che osta. Gli
            enti locali lo usano più spesso perchè di solito
            sono questioni che impattano direttamente sulla
            vita dei
            cittadiniAhimè la norma che osta c'è eccome: il referendum non si può richiedere per alcuni tipi di leggi, tra cui quelle che riguardano tasse e imposte.Siccome il canone non è considerato un abbonamento, ma una tassa vera e propria deduco sia inabolibile per questa via.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ne dite di un bel referendum


            Ahimè la norma che osta c'è eccome: il referendum
            non si può richiedere per alcuni tipi di leggi,
            tra cui quelle che riguardano tasse e
            imposte.
            Siccome il canone non è considerato un
            abbonamento, ma una tassa vera e propria deduco
            sia inabolibile per questa
            via.Vale solo per i refendum abrogativi per evitare che si cancellino tasse e tassine.Nel caso del referendum consultivo il problema non si pone.PS.Per precisione :) il canone rai è un'imposta non una tassa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che ne dite di un bel referendum
        - Scritto da:

        Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di
        tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in una
        vera repubblica delle
        banane.


        Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi
        senza tassartiAlmeno lo facessero bene, senza cartelle pazze, tasse ivate, e tutte quelle gabelle che costano piu' tempo e soldi di quanto rendano...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che ne dite di un bel referendum


          Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi

          senza tassarti

          Almeno lo facessero bene, senza cartelle pazze,
          tasse ivate, e tutte quelle gabelle che costano
          piu' tempo e soldi di quanto
          rendano...Concordo pienamente ma non puoi partire dal presupposto "per adesso non pago poi se migliorate si vedra'"
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ne dite di un bel referendum
            - Scritto da:



            Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi


            senza tassarti



            Almeno lo facessero bene, senza cartelle pazze,

            tasse ivate, e tutte quelle gabelle che costano

            piu' tempo e soldi di quanto

            rendano...


            Concordo pienamente ma non puoi partire dal
            presupposto "per adesso non pago poi se
            migliorate si
            vedra'"Pretendere di migliorare però si!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ne dite di un bel referendum
            Perchè come libero professionista senza dipendenti devo pagare oltre all'Irpef (o Ire) anche l'Irap ?Vi sembra giusto che debba pagare di più di un altro lavoratore a parità di reddito ?E l'eguaglianza dei cittadini trispetto alla legge dove la mettiamo ?Questo solo per ribadire come certe leggi siano ingiuste e che quindi moralmente non mi sento colpevole di evadere il canone Rai, pur possedendo un televisore
      • Alessandrox scrive:
        Re: Che ne dite di un bel referendum
        Il problema non e' tanto il canone RAI che non mi trova contrario nel merito ma nel metodo con cui viene fatto pagare: questo e' da cambiare.- Scritto da:
        Si e gia' che ci sei abolisci anche un po di
        tasse a caso almeno ci troviamo ad abitare in una
        vera repubblica delle
        banane.
        Guarda che uno stato non puo' offrirti servizi
        senza tassarti e se le tasse le pagassero
        tutti....
        vabbe' che parlo a fare tanto siamo in italia:
        veline, moggi e
        furbacchioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che ne dite di un bel referendum
        E i servizi indispensabili per il cittadino sono la RAI, con i Pacchi di Bonolis?
    • Anonimo scrive:
      Re: Che ne dite di un bel referendum
      no abrogativo dell'articolo 29 della costituzione. In modo che cessati gli obblighi di pluralità dell'informazione, decada automaticamente l'imposizione della tassa x il canone Rai
    • Anonimo scrive:
      Re: Che ne dite di un bel referendum
      L'abbonamento RAI è un canone non una tassa. tra le altre cose già nel 1995 è stato fatto un referendum per far si che la rai fosse privatizzata.
  • Anonimo scrive:
    Le Richieste non le manda la RAI
    ma bensì delle società esterne a cui la RAI paga un tot per ogni nuovo abbonato che riescono ad accalappiare con questo modo di fare mafioso !!!queste società esterne violano leggi sulla privacy e minacciano la gente pur di ottenere un nuovo contratto e quindi soldi dalla RAI.il problema non è la legge in sè ma a monte ovvero le aziende che cercano di lucrarci da questa leggee lo stato che fa ? non ci tutela per niente !!!
  • Anonimo scrive:
    Anche per l'autoradio e per i radioamat!
    Va considerato che un tempo sul bollo di circolazione andava pagata la tassa sugli apparecchi radio-tv. Poi è stato tutto incorporato nel canone RAI.Quindi se hai un'autoradio che riceve i programmi della rai devi pagare un canone.Se vuoi avere una licenza di radioamatore (coi cellulari la razza è in via di estinzione) come è successo a me 10 anni fa, devi mostrare i bollettini del canone RAI pagati.Gianluca
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche per l'autoradio e per i radioa
      - Scritto da:
      Va considerato che un tempo sul bollo di
      circolazione andava pagata la tassa sugli
      apparecchi radio-tv. Poi è stato tutto
      incorporato nel canone
      RAI.
      Quindi se hai un'autoradio che riceve i programmi
      della rai devi pagare un
      canone.

      Se vuoi avere una licenza di radioamatore (coi
      cellulari la razza è in via di estinzione) come è
      successo a me 10 anni fa, devi mostrare i
      bollettini del canone RAI
      pagati.

      GianlucaSull'autoradio non si paga più da fine anni 90 la levò Visco a suo tempo. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche per l'autoradio e per i radioa
        - Scritto da:
        Sull'autoradio non si paga più da fine anni 90 la
        levò Visco a suo tempo.non la levò, la fuse insieme al bollo (tassa di posesso)
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche per l'autoradio e per i radioa
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Sull'autoradio non si paga più da fine anni 90
          la

          levò Visco a suo tempo.

          non la levò, la fuse insieme al bollo (tassa di
          posesso)No, no è stata proprio soppressa Legge 27 dicembre 1997 n. 449 (la finaziaria '98). Visco che levava una tassa ha fatto notizia :)
  • Anonimo scrive:
    Anche una torta!
    Nella norma non si parla di possesso di apparecchi che ricevono, ma di apparecchi *modificabili per ricevere*.Una torta, per esempio può essere adattata (tramite un normale antenninna da ricezione) per riceve il segnale televisivo.Poi la torta non potrà decodificarlo, ma questo non è richiesto dalla legge: si parla di ricevere.La torta è adattabile a ricevere, per cui chi ha una torta in casa deve pagare il canone.
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche una torta!
      - Scritto da:
      Nella norma non si parla di possesso di
      apparecchi che ricevono, ma di apparecchi
      *modificabili per
      ricevere*.

      Una torta, per esempio può essere adattata
      (tramite un normale antenninna da ricezione) per
      riceve il segnale
      televisivo.
      Poi la torta non potrà decodificarlo, ma questo
      non è richiesto dalla legge: si parla di
      ricevere.

      La torta è adattabile a ricevere, per cui chi ha
      una torta in casa deve pagare il
      canone.Se è per questo anche la tazza del cesso è adattabile (con le opportune modifiche) a ricevere trasmissioni televisive.Comunque, sono anni che le letterine della RAI finiscono nel cassonetto della carta della piattaforma ecologica del posto dove vivo
      • Rex1997 scrive:
        Re: Anche una torta!
        - Scritto da: [CUT]

        Se è per questo anche la tazza del cesso è
        adattabile (con le opportune modifiche) a
        ricevere trasmissioni
        televisive.
        Non dirlo troppo forte, altrimenti troverebbero la giustificazione al livello dei programmi trasmessi... :D
        Comunque, sono anni che le letterine della RAI
        finiscono nel cassonetto della carta della
        piattaforma ecologica del posto dove
        vivoO.T. Beh, uno scopo alla fine l'hanno raggiunto: è aumentato il riciclo della carta!
  • Anonimo scrive:
    Io pago anche per gli scrocconi!
    Che sia giusto o meno pagare il canone rairesta il fatto che rimane nelle intenzioniuna specie di tassa per la quale, si sa,come tutte le tasse , noi italiani abbiamo una certa repulsione.Io sono una persona onesta e le tasse le pagoquindi, escludendo chi non ha effettivamente il dovere di pagarla (secondo regolamento), vorrei ringraziare tutti gli altri facenti parte della categoria degli evasori per farmi pagare anche la loro parte.Grazie del contributo al mio personale sfascio economico e di tutte le persone oneste.p.s.salutatemi moggi ricucci e tutti i vostri idoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io pago anche per gli scrocconi!
      Prenditela con la RAI che non cripta il segnale. Lo facessero eliminerebbero immediatamente il problema. Vedersi arrivare a casa lettere intimidatorie con un sotteso ai limiti della calunnia è quanto meno offensivo.La tv a molti non interessa se non hanno tv ogni pretesa è assurda.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io pago anche per gli scrocconi!
        - Scritto da:
        Prenditela con la RAI che non cripta il segnale.Guarda che la rai esiste da molto prima che questa tecnica fosse economicamente accessibile
        Lo facessero eliminerebbero immediatamente il
        problema. Vedersi arrivare a casa lettere
        intimidatorie .......Probabilmente la rai cerca di farsi pagare anche da chi non e' in dovere di farlo (e sarebbe sbagliato) ma purtroppo io sento troppa gente dire che semplicmente non lo paga con le piu' svariate scuse tra le quali anche : "tanto non lo paga nessuno".Io credo sia una evasione delle tasse e aborro gli evasori, comunque sia se la maggior parte degli italiani ritiene ingiusto pagarla spero che si possa arrivare ad avere una vera scelta.Quando la rai sara' una tv commerciale qualsiasispariranno anche programmi come report, il diritto a vedere l'italia ai mondiali, l'educational e tutte le cose che non fanno un sacco di soldi
        • Anonimo scrive:
          Re: Io pago anche per gli scrocconi!
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Prenditela con la RAI che non cripta il segnale.

          Guarda che la rai esiste da molto prima che
          questa tecnica fosse economicamente
          accessibileOggi la tecnica è accessibilissima e con i decoder digitali, pagati con i soldi anche di chi la tv non la guarda, potrebbero iniziare anche domani. Certo ai tempi del regio decreto la situazione era diversa :)


          Lo facessero eliminerebbero immediatamente il

          problema. Vedersi arrivare a casa lettere

          intimidatorie .......

          Probabilmente la rai cerca di farsi pagare anche
          da chi non e' in dovere di farlo (e sarebbe
          sbagliato) ma purtroppo io sento troppa gente
          dire che semplicmente non lo paga con le piu'
          svariate scuse tra le quali anche : "tanto non lo
          paga
          nessuno".

          Io credo sia una evasione delle tasse e aborro
          gli evasori, comunque sia se la maggior parte
          degli italiani ritiene ingiusto pagarla spero che
          si possa arrivare ad avere una vera
          scelta.Su chi evade siam d'accordo ma che si passi per evasore chi non lo è non mi va bene.

          Quando la rai sara' una tv commerciale qualsiasi
          spariranno anche programmi come report, il
          diritto a vedere l'italia ai mondiali,
          l'educational e tutte le cose che non fanno un
          sacco di
          soldiQuesto non è vero il giornalismo di inchiesta lo fanno anche le tv commerciali. Se poi vogliamo parlare di qualità dei prodotti, la miglior tv che c'è in Italia è SKY. Il problema della RAI è che è una tv commerciale che usa la foglia di fico del servizio pubblico per stare fuori mercato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io pago anche per gli scrocconi!

            Questo non è vero il giornalismo di inchiesta lo
            fanno anche le tv commerciali. iene? striscia? mah...
            parlare di qualità dei prodotti, la miglior tv
            che c'è in Italia è SKY.Questo non lo so perche' non ho sky (diciamo per motivi ideologici) ma ti voglio credere e infatti per questa qualita' paghi.
            che è una tv commerciale che usa la foglia di
            fico del servizio pubblico per stare fuori
            mercato.Beh siamo in italia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io pago anche per gli scrocconi!
            - Scritto da:


            Questo non è vero il giornalismo di inchiesta lo

            fanno anche le tv commerciali.

            iene? striscia? mah...Terra, Matrix ...


            che è una tv commerciale che usa la foglia di

            fico del servizio pubblico per stare fuori

            mercato.

            Beh siamo in italia.E allora è il caso di cambiare. :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Io pago anche per gli scrocconi!
            Matrix non l'ho incluso apposta perche' per le puntate che ho visto io (2 sul codice da vinci e 2 sull'11 settembre ) non e' giornalismo d'inchietsa ma un talk show con servizi aggiuntivi a basso costo... le puntate sull'11 settembre erano copia incolla di roba che trovi in rete commentate da gente che ne puo' sapere come me e te.Ma ora sto andando OT e parlo di cose che conosco poco.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Io pago anche per gli scrocconi!
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Prenditela con la RAI che non cripta il
            segnale.



            Guarda che la rai esiste da molto prima che

            questa tecnica fosse economicamente

            accessibile


            Oggi la tecnica è accessibilissima e con i
            decoder digitali, pagati con i soldi anche di chi
            la tv non la guarda, potrebbero iniziare anche
            domani. Certo ai tempi del regio decreto la
            situazione era diversa
            :)






            Lo facessero eliminerebbero immediatamente il


            problema. Vedersi arrivare a casa lettere


            intimidatorie .......



            Probabilmente la rai cerca di farsi pagare anche

            da chi non e' in dovere di farlo (e sarebbe

            sbagliato) ma purtroppo io sento troppa gente

            dire che semplicmente non lo paga con le piu'

            svariate scuse tra le quali anche : "tanto non
            lo

            paga

            nessuno".



            Io credo sia una evasione delle tasse e aborro

            gli evasori, comunque sia se la maggior parte

            degli italiani ritiene ingiusto pagarla spero
            che

            si possa arrivare ad avere una vera

            scelta.


            Su chi evade siam d'accordo ma che si passi per
            evasore chi non lo è non mi va bene.







            Quando la rai sara' una tv commerciale qualsiasi

            spariranno anche programmi come report, il

            diritto a vedere l'italia ai mondiali,

            l'educational e tutte le cose che non fanno un

            sacco di

            soldi

            Questo non è vero il giornalismo di inchiesta lo
            fanno anche le tv commerciali. Se poi vogliamo
            parlare di qualità dei prodotti, la miglior tv
            che c'è in Italia è SKY. Infatti SKY costa (minimo) 22 euro al mese = 264 euro all'anno. La base. Che paragone sarebbe??? Il problema della RAI è
            che è una tv commerciale che usa la foglia di
            fico del servizio pubblico per stare fuori
            mercato.Hai mai visto Mediaset trasmettere le encicliche del Papa, o le partite dell'Italia in chiaro, o i TG regionali? Io no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io pago anche per gli scrocconi!
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Prenditela con la RAI che non cripta il

            segnale.





            Guarda che la rai esiste da molto prima che


            questa tecnica fosse economicamente


            accessibile





            Oggi la tecnica è accessibilissima e con i

            decoder digitali, pagati con i soldi anche di
            chi

            la tv non la guarda, potrebbero iniziare anche

            domani. Certo ai tempi del regio decreto la

            situazione era diversa

            :)










            Lo facessero eliminerebbero immediatamente
            il



            problema. Vedersi arrivare a casa lettere



            intimidatorie .......





            Probabilmente la rai cerca di farsi pagare
            anche


            da chi non e' in dovere di farlo (e sarebbe


            sbagliato) ma purtroppo io sento troppa gente


            dire che semplicmente non lo paga con le piu'


            svariate scuse tra le quali anche : "tanto non

            lo


            paga


            nessuno".





            Io credo sia una evasione delle tasse e aborro


            gli evasori, comunque sia se la maggior parte


            degli italiani ritiene ingiusto pagarla spero

            che


            si possa arrivare ad avere una vera


            scelta.





            Su chi evade siam d'accordo ma che si passi per

            evasore chi non lo è non mi va bene.













            Quando la rai sara' una tv commerciale
            qualsiasi


            spariranno anche programmi come report, il


            diritto a vedere l'italia ai mondiali,


            l'educational e tutte le cose che non fanno un


            sacco di


            soldi



            Questo non è vero il giornalismo di inchiesta lo

            fanno anche le tv commerciali. Se poi vogliamo

            parlare di qualità dei prodotti, la miglior tv

            che c'è in Italia è SKY.

            Infatti SKY costa (minimo) 22 euro al mese = 264
            euro all'anno. La base. Che paragone sarebbe???Per cui meglio pagare comunque tutti un servizio scadente ?!!! La questione è che se vuoi un servizio te lo paghi se non lo vuoi non lo paghi.Perchè far pagare a chi non usufruisce del servizio comunque un centinaio d'euro l'anno ?!!!


            Il problema della RAI è

            che è una tv commerciale che usa la foglia di

            fico del servizio pubblico per stare fuori

            mercato.

            Hai mai visto Mediaset trasmettere le encicliche
            del Papa, o le partite dell'Italia in chiaro, o i
            TG regionali? Io
            no.La messa te la da anche rete 4 che poi spararti un'enciclica papale sia servizio pubblico è tutto da discutersi. Di Tg regionali le tv locali sono strapieni e non costano NULLA al contribuente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io pago anche per gli scrocconi!
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Prenditela con la RAI che non cripta il segnale.

          Guarda che la rai esiste da molto prima che
          questa tecnica fosse economicamente
          accessibile


          Lo facessero eliminerebbero immediatamente il

          problema. Vedersi arrivare a casa lettere

          intimidatorie .......

          Probabilmente la rai cerca di farsi pagare anche
          da chi non e' in dovere di farlo (e sarebbe
          sbagliato) ma purtroppo io sento troppa gente
          dire che semplicmente non lo paga con le piu'
          svariate scuse tra le quali anche : "tanto non lo
          paga
          nessuno".

          Io credo sia una evasione delle tasse e aborro
          gli evasori, comunque sia se la maggior parte
          degli italiani ritiene ingiusto pagarla spero che
          si possa arrivare ad avere una vera
          scelta.

          Quando la rai sara' una tv commerciale qualsiasi
          spariranno anche programmi come report, il
          diritto a vedere l'italia ai mondiali,
          l'educational e tutte le cose che non fanno un
          sacco di
          soldi
          Ti quoto al 100 %, ma faglielo capire... proprio vero che per capire il valore di una cosa, devi prima perderla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io pago anche per gli scrocconi!
      C'e' anche chi come me la tv veramente non la usa mai; lo scorso anno ho visto solo 3 film e non in tv; figurarsi il resto.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Io pago anche per gli scrocconi!
      Non mi trovo d'accordo con te.il fatto che ci sia chi evade non giustifica che la rai minacci le persone a priori dando per scontato quello che non è scontato.Se ho un PC ed un collegamento ad internet POSSO collegarmi sul sito della rai e vedermi le puntate (ad esempio) di REPORT.....ergo devo pagare il canone perchè ho un mezzo atto a ricevere il materiale prodotto dalla rai.Questo è il problema.Poi qualcuno può mettersi a giocare coi tribunali...ma dubito che riuscirebbe ad aver risultati positivi.Ma sè ho ad esempio un pc a casa non collegato ad internet ed ho il telefono?Basta avere un modem e puff.....sei connesso.Quindi ho un mezzo adattabile alla ricezione....dei contenuti rai.Quindi mi possono chiedere il canone?Perchè?Perchè a priori potendo io violare la legge sono sicuri che ho fatto il furbo?Ma scherziamo? :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Io pago anche per gli scrocconi!
        vedi, il problema è che tu paghi il fatto di essere italiano. Ci vantiamo tanto di essere furbi, no? Questi sono i risultati. E comunque, a parte le battute, mi pare più che ovvio che la maggior parte degli evasori dice ESATTAMENTE le tue stesse parole, poi però la TV la guarda eccome. Quindi, devi pagare.- Scritto da:
        Non mi trovo d'accordo con te.
        il fatto che ci sia chi evade non giustifica che
        la rai minacci le persone a priori dando per
        scontato quello che non è
        scontato.
        Se ho un PC ed un collegamento ad internet POSSO
        collegarmi sul sito della rai e vedermi le
        puntate (ad esempio) di REPORT.....ergo devo
        pagare il canone perchè ho un mezzo atto a
        ricevere il materiale prodotto dalla
        rai.
        Questo è il problema.
        Poi qualcuno può mettersi a giocare coi
        tribunali...ma dubito che riuscirebbe ad aver
        risultati
        positivi.
        Ma sè ho ad esempio un pc a casa non collegato ad
        internet ed ho il
        telefono?
        Basta avere un modem e puff.....sei connesso.
        Quindi ho un mezzo adattabile alla
        ricezione....dei contenuti
        rai.
        Quindi mi possono chiedere il canone?
        Perchè?
        Perchè a priori potendo io violare la legge sono
        sicuri che ho fatto il
        furbo?
        Ma scherziamo? :@


    • yenaplyskyn scrive:
      Re: Io pago anche per gli scrocconi!
      daccordo con te sulla repulsioneè viscerale e non è solo una prerogativa italianaperò è assolutamente impensabile che se io non pago il canone questo si traduca in un immediato danno per te e tutti quelli che lo pagano.Il motivo è molto semplice e in Italia vale sicuramente molto di più che altrove, l'assunto "più grano nel granaio=più pane per tutti" NON è vero.Semplicemente il canone rimarrebbe lo stesso o comunque aumenterebbe ogni anno a seconda della percentuale permessa dal Garante.Maggiori introiti=migliore servizio?No e quando mai, guardiamo i risultati della privatizzazione delle N.U., costi quadruplicati e servizio più scadente.Io il canone lo pago, per inciso, però sinceramente chi evade il canone RAI ha tutta la mia simpatia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 17.23-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Io pago anche per gli scrocconi!

        però è assolutamente impensabile che se io non
        pago il canone questo si traduca in un
        immediato
        danno per te e tutti quelli che lo
        pagano.Forse non e' cosi' in pratica ma dovrebbe esserlo per logica.
        Io il canone lo pago, per inciso, però
        sinceramente chi evade il canone RAI ha tutta

        la mia simpatia.Beh il mondo e' bello pèrche' e' vario e difendero' le tue idee anche se non mi piacciono(non ricordo di chi fosse sta frase)pero' sappi che quella gente che evade non e' gente che non lo paga e poi fa di tutto perche' la tassa venga eliminata trovandola ingiusta.E' gente che non lo paga e poi pensa:" poveri imb***lli quelli che lo pagano".Prima si paga tutti poi pagando puoi fare tutte le guerre che vuoi (legali) e se riesci a vincere si elimina la tassa.Io la vedo cosi'Ciao
    • Anonimo scrive:
      E' chi paga che fa del male a tutti
      - Scritto da:
      Che sia giusto o meno pagare il canone rai
      resta il fatto che rimane nelle intenzioni
      una specie di tassa per la quale, si sa,
      come tutte le tasse , noi italiani abbiamo una
      certa
      repulsione.

      Io sono una persona onesta e le tasse le pago
      quindi, escludendo chi non ha effettivamente
      il dovere di pagarla (secondo regolamento),
      vorrei ringraziare tutti gli altri facenti parte
      della categoria degli evasori per farmi pagare
      anche la loro
      parte.


      Grazie del contributo al mio personale sfascio
      economico e di tutte le persone
      oneste.
      p.s.
      salutatemi moggi ricucci e tutti i vostri idoli.Se nessuno pagasse non avrebbero modo di controllare. E' colpa del fatto che la maggioranza paga, se la minoranza può essere controllata, quindi se quelli come te la smettessero di giocare agli onesti solo per leccare i piedi ai padroni e stare tranquilli (un po' come chi paga la protezione alla mafia) non ci sarebbero più problemi per tutti gli altri.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' chi paga che fa del male a tutti

        Se nessuno pagasse non avrebbero modo di
        controllare. Guarda che non sei in iraq ai tempi di saddam: da come parli sembra che ci sia un imperatore e sotto i sudditi.Quella gente li che ti fa pagare l'hai votata anche tu, in democrazia, se poi fa schifo o e' corrotta e' sempre colpa di chi l'ha votata e l'ha fatta arrivare negli anni a quei livelli;dopotutto e' meglio giocare con la psx che seguire la politica.
        E' colpa del fatto che la
        maggioranza paga, se la minoranza può essere
        controllata, Forse la maggioranza paga perche' e' giusto pagare e anche se non lo fosse, cosa e' giusto e cosa e' sbagliato in democrazia lo decide la maggioranza, a te l'onere e l'onore di far cambiare idea alla gente nel caso si sbagliasse.Anche a me piacerebbe andare a 180km/h in macchina ma non ci vado e se ci vado pago la multa e poi rimango a piedi ed e' giusto cosi' perche' alla riunione condominiale della palazzina italia si e' deciso cosi'...e c'ero pure io.
        quindi se quelli come te la
        smettessero di giocare agli onesti solo permmhhh.... tu invece giochi al disonesto?
        leccare i piedi ai padroni e stare tranquilliPadroni? non e' che sei uno di quelli che incendia le macchine dei poveracci operai e sfonda le vetrine dei panettieri alle manifestazioni? Mi pare di capire che te sei proprio contro lo stato. Ma scommetto che continui a usufruire di quello che lo stato ti offre (vai mai dal dottore?) Si parlava di canone rai e stiamo andando verso i massimi sistemi, cos si fa pur di non pagare...
  • Anonimo scrive:
    Cosa doveva rispondere...
    "Sono cieco, porco d*o!!!!"
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Ma io mi chiedo, lo stato ha incentivato il ogni modo il Digitale Terrestre. Ora solo i network privati hanno guadagni ed utilizzano in maniera (quasi) consapevole questo mezzo. Ma è cosi' utopico e complicato fare in modo che chi VUOLE pagare il canone RAI si compri una cavolo di tesserina da 99 Euro (cosi' come accade per le partite o altro) e ZAK sia attivato a vedere i canali RAI?Vuoi il servizio, paghi la tesserina e la democrazia e la libertà di scelta vince.Ma ovviamente cosi' non potrebbero più tassare tutti gli italiani per qualcosa che magari non utilizzano...
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      Vorrai mica che la gente inizi ad avere un minimo di consapevolezza ? Meglio lo spauracchio della gdf in casa...
      • Anonimo scrive:
        Re: Vietato liberarsi della RAI
        - Scritto da:
        Vorrai mica che la gente inizi ad avere un minimo
        di consapevolezza ? Meglio lo spauracchio della
        gdf in
        casa...Ciao zio/papà/cugino, come va'? Mi fa piacere che sei passato a trovarmi! :DPer qualcuno potrebbe andare così
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      - Scritto da:
      Ma io mi chiedo, lo stato ha incentivato il ogni
      modo il Digitale Terrestre.

      Ora solo i network privati hanno guadagni ed
      utilizzano in maniera (quasi) consapevole questo
      mezzo.

      Ma è cosi' utopico e complicato fare in modo che
      chi VUOLE pagare il canone RAI si compri una
      cavolo di tesserina da 99 Euro (cosi' come accade
      per le partite o altro) e ZAK sia attivato a
      vedere i canali
      RAI?
      Vuoi il servizio, paghi la tesserina e la
      democrazia e la libertà di scelta
      vince.

      Ma ovviamente cosi' non potrebbero più tassare
      tutti gli italiani per qualcosa che magari non
      utilizzano...Ma ragazzi, siamo seri... pensate davvero che se togliessero quei 99 euro, alla fine dell'anno pagheremmo meno tasse? Le distribuirebbero in un altro modo, ma alla fin fine sarebbe uguale. Non capisco tutto questo accanimento contro un servizio che, tutto sommato, qualcosa lo dà. Cosa dovremmo dire allora delle accise sulla benzina???
  • Anonimo scrive:
    Stesso problema...
    stessa famiglia ?L'unione fa la forza (cosi dicevano un tempo)per info:http://www.gladiatoriticinesi.com/ ;)
  • Anonimo scrive:
    Canone per i pc ? Veramente divertente
    Al di là dell'inconsistenza della richiesta voglio vederli a chiedere il canone a tutti gli uffici, industrie,università etc.. che ci sono in Italia. Peraltro molte di queste attività hanno i pc a disposizione del pubblico con conseguente aggravio del canone.... (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Guybrush scrive:
    Il canone si paga.
    Il canone e' una imposta sulla capacita' di ricevere, in qualche modo, segnali elettromagnetici.Riassumendo il testo della legge, questo si evince.In particolare al punto in cui si definisce "qualunque apparecchio atto o adattabile a" e' quell' "adattabile" che ci frega a tutti quanti.Perche'?Cos'e' un segnale elettromagnetico? Sono uno o piu' fotoni, di una certa lungezza d'onda (lambda) dotati di un codice, tramite il quale e' possibile veicolare informazione.Il fotone di cui sopra quando incontra un conduttore "sparisce" e genera nel conduttore stesso un identico segnale elettrico (in modo rozzo si puo' dire che il fotone e' entrato nel conduttore).Attenzione: ho parlato di conduttore, non di antenna, l'antenna e' un conduttore particolarmente efficace nel catturare fotoni di determinate lunghezze d'onda, ma non l'unico.Hai una forchetta? Un inferriata? Un pezzaccio di filo di rame? Fil di ferro? Faniente, tutto fa brodo, sono tutti apparecchi adattabili (se collegati ad un opportuno circuito elettrico).Alla peggio anche la pelle e' un (pessimo) conduttore e con un impianto sottopelle si potrebbe ricevere la TV sparandosela direttamente sulla corteccia visiva.Yeah.Vado a stringere:l'imposta e' sulla capacita' di ricevere il segnale, del quale il possesso di un appareccho e' solo una "prova" della suddetta capacita'.Quindi il non possedere l'apparecchio non implica il non dover pagare il canone. Cosa che mi fa LIEVEMENTE girare i cabbasisi. Il fatto di "sugellare l'apparecchio" in questo senso non dovrebbe esimere dal pagamento del canone, ma siamo in Italia dopotutto.
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Il canone si paga.
      - Scritto da: Guybrush
      l'imposta e' sulla capacita' di ricevere il
      segnale, del quale il possesso di un appareccho
      e' solo una "prova" della suddetta
      capacita'.Per fortuna ti sbagli. A norma di legge il canone non è un'imposta sull'antenna, ma sul sintonizzatore. Una forchetta, un'inferriata o un palo infilato nella tasca naturale non è un sintonizzatore.
      • DonChuck scrive:
        Re: Il canone si paga.

        Per fortuna ti sbagli. A norma di legge il canone
        non è un'imposta sull'antenna, ma sul
        sintonizzatore. Una forchetta, un'inferriata o un
        palo infilato nella tasca naturale non è un
        sintonizzatore.Secondo me sbagli tu, se l'imposta è sul sintonizzatore il testo non dovrebbe parlare di "adatto o adattabile" ma solamente di adatto, in quanto un sintonizzatore è adatto, se fosse adattabile non sarebbe un sintonizzatore.Il computer è paragonabile alla forchetta, quando non ha il sintonizzatore.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il canone si paga.
          - Scritto da: DonChuck
          Secondo me sbagli tu, se l'imposta è sul
          sintonizzatore il testo non dovrebbe parlare di
          "adatto o adattabile" ma solamente di adatto, in
          quanto un sintonizzatore è adatto, se fosse
          adattabile non sarebbe un
          sintonizzatore.
          Il computer è paragonabile alla forchetta, quando
          non ha il
          sintonizzatore.È vero, da un punto di vista tecnico il PC è uguale alla forchetta se non ha il sintonizzatore.Ma la legge, tra gli oggetti adattabili, elenca esplicitamente i computer e non le forchette.Come sempre il problema è che le leggi dello stato in tribunale valgono più delle leggi della natura.
          • Alessandrox scrive:
            Re: Il canone si paga.
            - Scritto da:
            È vero, da un punto di vista tecnico il PC è
            uguale alla forchetta se non ha il
            sintonizzatore.
            Ma la legge, tra gli oggetti adattabili, elenca
            esplicitamente i computer e non le
            forchette.No, dice "compresi computer ecc. ecc.", per cui non e' esplicitamente escluso cio' che non e' citato.
            Come sempre il problema è che le leggi dello
            stato in tribunale valgono più delle leggi della
            natura.Si... piu' che altro sfruttano le leggi dlla natura in maniera piuttosto estensiva e disinvolta....
        • Alessandrox scrive:
          Re: Il canone si paga.
          - Scritto da: DonChuck

          Per fortuna ti sbagli. A norma di legge il
          canone

          non è un'imposta sull'antenna, ma sul

          sintonizzatore. Una forchetta, un'inferriata o
          un

          palo infilato nella tasca naturale non è un

          sintonizzatore.
          Secondo me sbagli tu, se l'imposta è sul
          sintonizzatore il testo non dovrebbe parlare di
          "adatto o adattabile" ma solamente di adatto, in
          quanto un sintonizzatore è adatto, se fosse
          adattabile non sarebbe un
          sintonizzatore.
          Il computer è paragonabile alla forchetta, quando
          non ha il
          sintonizzatore.Piu' che altro l' inghippo non sta tanto nei termini "adatto o adattabile" ma nel termine "ricezione".... una trasmissione televisiva e' in definitiva un segnale... quale conduttore NON e' un oggetto adatto a ricevere e veicolare un segnale? Del resto il termine "apparecchio" non ne specifica le caratteristiche tecniche, basta che riceva. Quindi, benche' il buon senso ci induca ad escludere tutta una serie di oggetti, questa formulazione si presta anche ad interpretazioni piuttosto estensive ed applicabili in modo alquanto arbitrario....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 13.24-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Il canone si paga.
      - Scritto da: Guybrush
      Vado a stringere:
      l'imposta e' sulla capacita' di ricevere il
      segnale, del quale il possesso di un appareccho
      e' solo una "prova" della suddetta
      capacita'.
      Quindi il non possedere l'apparecchio non implica
      il non dover pagare il canone. Cosa che mi fa
      LIEVEMENTE girare i cabbasisi.
      Non è molto distante dalla tassa sull'aria
  • Anonimo scrive:
    Morto di fame?
    Non hai 200 euro da pagare per guardarti la tv? Te ne compri una da 2 soldi, sottomarca, te la nascondi sotto al letto se devi vantarti con gli amici intellettuali che non guardano la tv.E dato che l'80% degli italiani non paga il canone, che ne dici di fregartene come fanno gli altri e cestinare ste lettere?C'e' gente che con 3 plasma in casa non paga e tu senza niente di fai problemi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto di fame?
      - Scritto da:
      E dato che l'80% degli italiani non paga il
      canone, che ne dici di fregartene come fanno gli
      altri e cestinare ste
      lettere?

      C'e' gente che con 3 plasma in casa non paga e tu
      senza niente di fai
      problemi?E grazie a chi la pensa come te l'Italia crollerà come ha fatto l'Argentina
      • Anonimo scrive:
        Re: Morto di fame?


        E grazie a chi la pensa come te l'Italia crollerà
        come ha fatto
        l'ArgentinaVeramente le cause del crollo economico dell'argentina sono dovute a reati delle classi dirigenti. Non e' certo colpa del popolo.Sai fare interventi pertinenti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Morto di fame?

          Veramente le cause del crollo economico
          dell'argentina sono dovute a reati delle classi
          dirigenti. Non e' certo colpa del
          popolo.Certe classi dirigenti sono là perché ce le ha messe il popolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto di fame?
      - Scritto da:
      Non hai 200 euro da pagare per guardarti la tv?Se sono cosi' pochi, mandameli, li aspetto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho diversi PC, nessun TV
    Sono un consulente informatico, libero professionista. I computer li uso per lavorare. Vengano a rompermi i maroni e pretenderò di vedere le ricevute che anche le altre aziende il canone lo pagano, compresa la stessa RAI S.p.A. Se è una tassa come dicono loro, e non un abbonamento, è giusto che anche la RAI S.p.A paghi questa tassa, ma non a se stessa ma allo stato.Joakim
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho diversi PC, nessun TV
      - Scritto da:
      Sono un consulente informatico, libero
      professionista. I computer li uso per lavorare.
      Vengano a rompermi i maroni e pretenderò di
      vedere le ricevute che anche le altre aziende il
      canone lo pagano, compresa la stessa RAI S.p.A.
      Se è una tassa come dicono loro, e non un
      abbonamento, è giusto che anche la RAI S.p.A
      paghi questa tassa, ma non a se stessa ma allo
      stato.Ma chi vuoi che ci creda???????Tutti hanno almeno una tv in casa.E se non hai la tv hai almeno il tuner per pc.Non credo proprio che esistano famiglie senza tv. Se non quelle senza casa in cui vivere.Tu avresti tanti pc e non t'è mai capitato di comprare una tv? Ma chi t crede?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho diversi PC, nessun TV
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Sono un consulente informatico, libero

        professionista. I computer li uso per lavorare.

        Vengano a rompermi i maroni e pretenderò di

        vedere le ricevute che anche le altre aziende il

        canone lo pagano, compresa la stessa RAI S.p.A.

        Se è una tassa come dicono loro, e non un

        abbonamento, è giusto che anche la RAI S.p.A

        paghi questa tassa, ma non a se stessa ma allo

        stato.
        Ma chi vuoi che ci creda???????

        Tutti hanno almeno una tv in casa.
        E se non hai la tv hai almeno il tuner per pc.
        Non credo proprio che esistano famiglie senza tv.
        Se non quelle senza casa in cui
        vivere.
        Tu avresti tanti pc e non t'è mai capitato di
        comprare una tv? Ma chi t
        crede?Se sei così sicuro che il tale a cui hai risposto possiede una tv e non paga il canone vai dai finanzieri e sporgi regolare denuncia. Altrimenti muto
      • picchio9999 scrive:
        Re: Ho diversi PC, nessun TV

        Ma chi vuoi che ci creda???????

        Tutti hanno almeno una tv in casa.Primo errore: io non ce l'ho.
        E se non hai la tv hai almeno il tuner per pc.Secondo errore: non ho nemmeno questo.
        Non credo proprio che esistano famiglie senza tv.Invece c'e` almeno la mia.
        Tu avresti tanti pc e non t'è mai capitato di
        comprare una tv? Ma chi t
        crede?Gli credo io.I pc mi danno da mangiare, cosi` come al poster originario, mentre la tv serve solo ad annebbiare il cervello.-- saluti.
  • Anonimo scrive:
    Non sopporti di pagare per dimostrare?
    "non sopporto di dover pagare per dimostrare di essere "nel giusto", anche se si tratta di una spesa decisamente di poco conto."Praticamente hai detto.....che non sai vivere a questo mondo!Se per principio non paghi 5 euro per toglierti questo stress, vuol dire che sei messo proprio male (guarda che ci sono tv a 50 euro nei centri commerciali:)) Ti guardi un documentario, un telegiornale, un telefilm, paghi il canone e non rompi le balle a tutti noi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporti di pagare per dimostrare?
      Tu si che sei uno che sa farsi rispettare, vai al centro commerciale, compri un televisore da 50 euro e inizi z pagare il canone: un ragionamento da vera merdaccia
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sopporti di pagare per dimostrare?
        - Scritto da:
        Tu si che sei uno che sa farsi rispettare, vai al
        centro commerciale, compri un televisore da 50
        euro e inizi z pagare il canone: un ragionamento
        da vera
        merdacciaChi ha detto che inizio a pagare?:)Ma almeno se mi devono rompere le balle con le lettere, mi guardo un po' di tv!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non sopporti di pagare per dimostrar

          Chi ha detto che inizio a pagare?:)
          Ma almeno se mi devono rompere le balle con le
          lettere, mi guardo un po' di
          tv!quanto sei avanti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sopporti di pagare per dimostrare?
        - Scritto da:
        Tu si che sei uno che sa farsi rispettare, vai al
        centro commerciale, compri un televisore da 50
        euro e inizi z pagare il canone: un ragionamento
        da vera
        merdacciaVeramente e' chi non ha nemmeno 50 euro da spendere senza rompere al prossimo, la vera merdaccia
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporti di pagare per dimostrar
      - Scritto da:
      "non sopporto di dover pagare per dimostrare di
      essere "nel giusto", anche se si tratta di una
      spesa decisamente di poco
      conto."
      Praticamente hai detto.....che non sai vivere a
      questo
      mondo!

      Se per principio non paghi 5 euro per toglierti
      questo stress, vuol dire che sei messo proprio
      male (guarda che ci sono tv a 50 euro nei centri
      commerciali:)) Ti guardi un documentario, un
      telegiornale, un telefilm, paghi il canone e non
      rompi le balle a tutti
      noi.tieniti forte, quanto sto per dirti potrebbe sconvolgerti: esistono persone cui non puo' fregare di meno di guardare la televisione!!!E addirittura questi pazzi eversivi se hanno tempo libero preferiscono impiegarlo uscendo con amici/famiglia, leggendo un libro, facendo sport, ecc..
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporti di pagare per dimostrar

      Ti guardi un documentario, un telegiornale, un telefilm, paghi il canoneA che titolo?
  • scala40 scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Carissimi amici , io non condivido che sia giusto pagare una tassa annuale alla rai visto che è un bene cittadino e du cui è un bene di tutti noi cittadini Italiani , dove questo bene si potrebbe mantenere da solo con tutta la pubblicità che fa , poi secondariamente non condivido certi spechi di nostri soldi dati a persone che fanno programmi , perchè a tutto cè un prezzo e poi io responsabile Rai dovrei stare dentro con quello che guadagno spendo anzi un buon amministratore farebbe trovare anche guadagni e non chiederci la tassa sulla rai , poi se altre televisioni si mantengono con la pubblicità e in più anno guadagni mi dite perchè questa tassa sia giusta pagarla ? Vi invio un cielo di sorrisi che entrino nelle vostre case e nelle case di tutto il mondo :-D .Da una mamma di nome Angela
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      - Scritto da: scala40
      Carissimi amici , io non condivido che sia giusto
      pagare una tassa annuale alla rai visto che è un
      bene cittadino e du cui è un bene di tutti noi
      cittadini Italiani , dove questo bene si potrebbe
      mantenere da solo con tutta la pubblicità che fa
      , poi secondariamente non condivido certi spechi
      di nostri soldi dati a persone che fanno
      programmi , perchè a tutto cè un prezzo e poi io
      responsabile Rai dovrei stare dentro con quello
      che guadagno spendo anzi un buon amministratore
      farebbe trovare anche guadagni e non chiederci la
      tassa sulla rai , poi se altre televisioni si
      mantengono con la pubblicità e in più anno
      guadagni mi dite perchè questa tassa sia giusta
      pagarla ? Vi invio un cielo di sorrisi che
      entrino nelle vostre case e nelle case di tutto
      il mondo :-D .Da una mamma di nome
      AngelaE il megastipendio a "chi striscia non inciampa"(*) poi come glielo pagano?:'(:'(:'((*) Bruno Vespa, in RAI lo chiamano così 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Attendo fiducioso il sacco di juta...
    - Scritto da:
    L'anno scorso ho fatto disdetta del "canone RAI"
    con la classica raccomandata, corredata di tutti
    i dati e scartoffie. tanto arriverà uno e troverà un apparecchio ATTO O ADATTABILE A ... :)basta un monitor :)è adattabile!:)
  • Anonimo scrive:
    ma non è vero che non se ne parla :)
    ricordo anche questohttp://punto-informatico.it/p.asp?id=257572
  • Anonimo scrive:
    100%
    hai scritto quello che ho detto, dico, pensato e penso slla qustione. - Fabio
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    fermati subito:se hai una scheda televisiva sul pc sei in errore in quanto il computer e' diventato un dispositivoadattabile alle ricezioni televisive (basta che ci attacchi un'antenna) se non ce l'hai sei nel giusto e puoi continuare a fare la tua vita, la banda larga non e' un mezzo a tto a ricevere trasmissioni televisive (nel senso di etere), quindi non possono pretendere nulla da te.sono nella tua stessa situazione da 6 anni: cambiato casa, nessuna televisione e ogni anno mi arrivano le loro lettere minatorie; rido e le straccio, che mi mandino pure la guardia di finanza a casa.
    • opazz scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      Non direi.Un PC di suo è ADATTABILE per la ricezione di segnali videotelevisivi..http://www.demauroparavia.it/1817Che poi forse, non calcano la mano, può essere, ma volendo essere ligi all'italiano...Se hai una scheda TV, lo hai trasformato in un dispositivo ATTO a ricevere, quindi la situazione, in un certo senso, è ancora peggiore...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 10.13-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    anche i telefoni cellulari...
    ... o la psp o un gameboy può essere usato per vedere la TV? Dobbiamo pagare il canone anche per quelli?
  • Anonimo scrive:
    non possono entrare in casa tua
    Non possono entrare in casa tua senza un mandato di perquisizione firmato da un giudice. E un giudice non firma un mandato di perquisizione se non ha già delle prove certe che tu hai commesso un reato grave (che non è il mancato pagamento del canone). Quindi stai tranquillo: ignora le lettere (puoi dire di non averle mai ricevute perché non sono raccomandate) e se qualche ispettore-RAI ti suona il campanello digli che non lo fai entrare perché non ha il diritto di entrare e digli che non possiedi nessun apparecchio atto a ricevere immagini televisive (computer compreso). E se ti chiede perché hai l'ADSL, tu fai l'offeso e digli: «Io uso sempre i profilattici, faccio un controllo ogni sei mesi e non ho l'AIDSL!». Poi gli sbatti la porta in faccia arrabbiato! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: non possono entrare in casa tua
      NON sono sicuro, ma mi sembra che per motivi fiscali, POSSONO entrare in casa tua e tu DEVI farli entrare, non solo, possono anche metterti a testa in giù e darti una scrollata per vedere se hai un micro-televisore in tascaCiaoIngenuo 2001- Scritto da:
      Non possono entrare in casa tua senza un mandato
      di perquisizione firmato da un giudice. E un
      giudice non firma un mandato di perquisizione se
      non ha già delle prove certe che tu hai commesso
      un reato grave (che non è il mancato pagamento
      del canone). Quindi stai tranquillo: ignora le
      lettere (puoi dire di non averle mai ricevute
      perché non sono raccomandate) e se qualche
      ispettore-RAI ti suona il campanello digli che
      non lo fai entrare perché non ha il diritto di
      entrare e digli che non possiedi nessun
      apparecchio atto a ricevere immagini televisive
      (computer compreso). E se ti chiede perché hai
      l'ADSL, tu fai l'offeso e digli: «Io uso sempre i
      profilattici, faccio un controllo ogni sei mesi e
      non ho l'AIDSL!». Poi gli sbatti la porta in
      faccia arrabbiato!
      ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: non possono entrare in casa tua
        - Scritto da:
        NON sono sicuro, ma mi sembra che per motivi
        fiscali, POSSONO entrare in casa tua e tu DEVI
        farli entrare, non solo, possono anche metterti a
        testa in giù e darti una scrollata per vedere se
        hai un micro-televisore in
        tasca

        Ciao
        No non possono proprio entrare
        • Anonimo scrive:
          Re: non possono entrare in casa tua
          Se così fosse, i controlli fiscali non sarebbero possibili, ma sappiamo che non è così.La GdF non passa da un giudice per venire a mettere il becco nei tuoi affari, lo fa e basta.Se li metti alla porta fammi sapere quali conseguenze avrai dovuto subire.Ingenuo 2001- Scritto da:


          - Scritto da:

          NON sono sicuro, ma mi sembra che per motivi

          fiscali, POSSONO entrare in casa tua e tu DEVI

          farli entrare, non solo, possono anche metterti
          a

          testa in giù e darti una scrollata per vedere se

          hai un micro-televisore in

          tasca



          Ciao


          No non possono proprio entrare
          • Anonimo scrive:
            Re: non possono entrare in casa tua
            - Scritto da:
            Se così fosse, i controlli fiscali non sarebbero
            possibili, ma sappiamo che non è
            così.

            La GdF non passa da un giudice per venire a
            mettere il becco nei tuoi affari, lo fa e
            basta.La GdF può entrare nei negozi e nei locali pubblici, appunto perché sono pubblici. Dopo di che ha il diritto di controllare la partita e il registratore di cassa.Quando vogliono controllare direttamente un privato fanno prima delle indagini, ad esempio possono confrontare il reddito dichiarato con l'automobile posseduta. Se hai un Porsche e dichiari 8000 euro/anno allora non hanno difficoltà a ottenere un mandato.
            Se li metti alla porta fammi sapere quali
            conseguenze avrai dovuto
            subire.Purtroppo non posso rispondere direttamente alla tua domanda, ma posso assicurarti che la mia famiglia non ha mai posseduto un televisore, anche se possiede un PC da una dozzina d'anni. In 27 anni con un media di due lettere "minatorie" l'anno non è mai venuto nessuno a controllare.
          • Anonimo scrive:
            Re: non possono entrare in casa tua
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Se così fosse, i controlli fiscali non sarebbero

            possibili, ma sappiamo che non è

            così.



            La GdF non passa da un giudice per venire a

            mettere il becco nei tuoi affari, lo fa e

            basta.

            La GdF può entrare nei negozi e nei locali
            pubblici, appunto perché sono pubblici. Dopo di
            che ha il diritto di controllare la partita e il
            registratore di
            cassa.

            Quando vogliono controllare direttamente un
            privato fanno prima delle indagini, ad esempio
            possono confrontare il reddito dichiarato con
            l'automobile posseduta. Se hai un Porsche e
            dichiari 8000 euro/anno allora non hanno
            difficoltà a ottenere un
            mandato.


            Se li metti alla porta fammi sapere quali

            conseguenze avrai dovuto

            subire.

            Purtroppo non posso rispondere direttamente alla
            tua domanda, ma posso assicurarti che la mia
            famiglia non ha mai posseduto un televisore,
            anche se possiede un PC da una dozzina d'anni. In
            27 anni con un media di due lettere "minatorie"
            l'anno non è mai venuto nessuno a
            controllare.Se un ispettore RAI entra in una proprietà condominiale bypassando in qualche modo (trovato aperto, facendosi aprire da qualcuno con una scusa o peggio scavalcando) il cancelletto di accesso per farti la sorpresina commette un REATOreato -
            cp -
            magari galera
          • Anonimo scrive:
            Re: non possono entrare in casa tua
            Insieme agli ispettori -indovinate un po- della SIAE,quelli della RAI possono entrare.L unica limitazione è quella che non possono entrare in tutte le stanze.Cioè se vogliono,ad esempio dare un occhiata al bagno, ci si puo' opporre perchè quello' non è un posto usuale per una tv e dunmque sarebbe un approfittare per curiosare dove non si deve.-Sergius
          • Anonimo scrive:
            Re: non possono entrare in casa tua
            In un'abitazione privata un qualunque essere umano - vestito di divisa o meno - può entrare legalmente in due modi: a) con mandato di perquisizione firmato da un giudice; b) con il permesso del proprietario dell'abitazione.Al di fuori di questi due casi, è configurabile il reato penale di violazione di domicilio (tre anni di carcere per sigillare un televisore: quale tecnico rischierebbe tanto?).Tenete però conto che, una volta entrati in casa, i pubblici ufficiali possono contestarvi qualunque cosa: è fatto obbligo ai pubblici ufficiali di denunciare qualunque reato di cui vengano a conoscenza, per cui se si imbattessero per caso in una piantina di maria o in una serie di dvd copiati potrebbero in seguito denunciarvi; anche se non potrebbero mettersi ad indagare, ma solo entrare per ciò che sono venuti a fare ed uscire.Quindi, se chiedete il sigillamento della tv, meglio levare dal percorso portone-tv eventuali prove incriminanti @^Francesco Minciotti
          • Anonimo scrive:
            Re: non possono entrare in casa tua

            Tenete però conto che, una volta entrati in casa,
            i pubblici ufficiali possono contestarvi
            qualunque cosa: è fatto obbligo ai pubblici
            ufficiali di denunciare qualunque reato di cui
            vengano a conoscenza, per cui se si imbattessero
            per caso in una piantina di maria o in una serie
            di dvd copiati potrebbero in seguito
            denunciarvi;e invece no!Se si ottiene un mandato per cercare droga, quello devi cercare... se trovi DVD copiati ce li devi lasciare!
    • Anonimo scrive:
      Re: non possono entrare in casa tua
      - Scritto da:
      Non possono entrare in casa tua senza un mandato
      di perquisizione firmato da un giudice. E un
      giudice non firma un mandato di perquisizione se
      non ha già delle prove certe che tu hai commesso
      un reato graveah, ce ne sono anche di quelli che firmano tutto per tutti...
  • Ekleptical scrive:
    Denunciali per violazione della privacy
    Scusa, ma tu hai autorizzato qualcuno a dare alla RAI i tuoi dati?Non credo proprio!Dove li hanno presi e chi glieli ha passati?Ci sono tutti gli estremi per una denuncia per violazione della privacy! Qualcuno ha commesso un illecito! Chiedi i danni e con quelli paghi il canone! 8)La RAI è un'azienda, non ha nessun diritto legale ad accedere ai dati altrui!
    • Anonimo scrive:
      Re: Denunciali per violazione della priv
      - Scritto da: Ekleptical
      Scusa, ma tu hai autorizzato qualcuno a dare alla
      RAI i tuoi
      dati?
      Non credo proprio!

      Dove li hanno presi e chi glieli ha passati?

      Ci sono tutti gli estremi per una denuncia per
      violazione della privacy! Qualcuno ha commesso un
      illecito! Chiedi i danni e con quelli paghi il
      canone!
      8)

      La RAI è un'azienda, non ha nessun diritto legale
      ad accedere ai dati
      altrui!non è cosìla rai in questo caso si comporta come la finanza. non dimenticare che la rai è un'azienda STATALE, la legge indirettamente indica legale il reperimento delle tue informzioni personali per la questione del canone
      • Ekleptical scrive:
        Re: Denunciali per violazione della priv

        non è così
        la rai in questo caso si comporta come la
        finanza. non dimenticare che la rai è un'azienda

        STATALE, la legge indirettamente indica legale il
        reperimento delle tue informzioni personali per
        la questione del
        canoneIl fatto che la RAI sia un'azienda statale non vuole dire niente. Le aziende statali non hanno più diritti legali delle altre!Sulle autorizzazioni a reperire i dati per il canone vorrei sapere dove sta scritto? L'autorizzazione "indiretta" non è una categoria giuridica.
        • Guybrush scrive:
          Re: Denunciali per violazione della priv
          Uffa.Non e' la rai, la rai e' concessionaria per la riscossione di un tributo dello stato, concessione per la quale la rai paga un canone annuale.Lo stato indica i potenziali pagatori e poi la Rai, tramite le sue agenzie di riscossione, manda le letterine.
          GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Denunciali per violazione della priv
      L'abbonamento RAI va per nucleo familiare, e nel modulo viene richiesto di indicare anche i dati dei familiari dell'intestatario.Perciò se tizio caio si stacca dalla sua famiglia cambiando indirizzo e andando a vivere per conto suo, la RAI si accorge di questo nuovo "nucleo familiare", prende i dati della famiglia di provenienza e inizia a rompere le balle a Tizio per il nuovo abbonamento.L'unica è appellarsi alla legge sulla privacy e chiedere la rimozione dei propri dati personali dai database RAI, dichiarando di non possedere apparecchi atti o adattabili a ricevere il segnale televisivo (e qui ci si riallaccia a quel bel post che spiega tutto per filo e per segno.:
      Nime
  • Anonimo scrive:
    Basta andare ad un ufficio RAI e dire:
    non ho la TV. e ti cancellano senza tante storie...
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta andare ad un ufficio RAI e dir
      E' vero. Ho fatto così e hanno smesso di rompermi.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta andare ad un ufficio RAI e dir
        Vero,noi abbiamo fatto così...e non ci hanno + spedito il bollettino
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta andare ad un ufficio RAI e dir
          - Scritto da:
          Vero,
          noi abbiamo fatto così...
          e non ci hanno + spedito il bollettinobravo.e io dove lo trovo un ufficio RAI????se stai a BELLUNO dove lo trovi l'ufficio RAI?hai mai provato a telefonare??????
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta andare ad un ufficio RAI e dir
      - Scritto da:
      non ho la TV. e ti cancellano senza tante
      storie...Piu' semplice ancora, non rispondere; rimanderanno lo stessa posta una volta l'anno all'infinito e finita li'.
  • Anonimo scrive:
    Re: Equo compenso
    "Tassare il possesso di un apparecchio che potrebbe - ma che non può, attualmente non può ? carpire alcuna programmazione RAI, questo tipo di tassa ha tutto l'aspetto di una "tassazione preventiva" (potremmo chiamarla in questo modo?!)"Mi ricorda l'equo compenso su CD, DVD, Hard-Disk ecc.
  • Anonimo scrive:
    Imposta o tassa? Possibile duplicazione
    Una volta avevo letto un'interessante discussione sulla natura del canone rai.Una persona sosteneva che fosse un'imposta e non una tassa (questa presume che a fronte di un corrispettivo ci sia un servizio reso dallo stato)Se così fosse, cioè se fosse un'imposta, invito tutti a guardare nel bollettino cosa pagate, ragonando in ottica di duplicazione d'imposta (che nel nostro ordinamento non può esistere....) ;)...meditate...tristemente_famoso
    • Anonimo scrive:
      Re: Imposta o tassa? Possibile duplicazi
      - Scritto da:
      Una volta avevo letto un'interessante discussione
      sulla natura del canone
      rai.

      Una persona sosteneva che fosse un'imposta e non
      una tassa (questa presume che a fronte di un
      corrispettivo ci sia un servizio reso dallo
      stato)
      Se così fosse, cioè se fosse un'imposta, invito
      tutti a guardare nel bollettino cosa pagate,
      ragonando in ottica di duplicazione d'imposta
      (che nel nostro ordinamento non può esistere....)
      ;)

      ...meditate...

      tristemente_famosoil canone RAI è un'imposta te lo dice anche la RAI :Cos'è e chi deve pagareChiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un'imposta sul possesso o sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive.http://www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/canone.asp
  • Anonimo scrive:
    Basta non far entrare gli ispettori!
    Occhio che girano degli ispettori, che chiedono di entrare in casa per controllare gli eventuali apparecchi TV. BASTA NON FARLI ENTRARE.Un'altro consiglio, per l'amor del cielo, NON PAGATE, NON PAGATE MAI, altrimenti una volta pagato anche un solo bollettino, non c'e' santo che tenga, siete ufficialmente fregati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta non far entrare gli ispettori!
      - Scritto da:
      Occhio che girano degli ispettori, che chiedono
      di entrare in casa per controllare gli eventuali
      apparecchi TV. BASTA NON FARLI
      ENTRARE.

      Un'altro consiglio, per l'amor del cielo, NON
      PAGATE, NON PAGATE MAI, altrimenti una volta
      pagato anche un solo bollettino, non c'e' santo
      che tenga, siete ufficialmente
      fregati.Diciamo che una scappatoia c'è: basta inviare una raccomandata dicendo di aver regalato il televisore ad altra persona che paga il canone con tutta la documentazione necessaria (fotocopia documento , fotocopia ultimo bollrttino pagato ecc ecc)In questo modo per qualche tempo si stà tranquilli poi riprendono le lettere minatorie da strappare immediatamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta non far entrare gli ispettori!
        qualche anno fa mio nonno è venuto a stare da noi per via della salute e abbiamo trasmesso in tempo utile alla rai, la raccomandata di cessione della sua tv a mia mamma (sua figlia) che gia paga. dopo 1 anno è morto e dal 2004 arrivano lettere di pagamento del canone rai a nome di mio nonno. puntualmente ignorate eSSe continuano!
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta non far entrare gli ispettori!

          di pagamento del canone rai a nome di mio nonno.
          puntualmente ignorate eSSe
          continuano!Secondo me l'autore della lettera di oggi inviata a PI continuerebbe a pagare la tassa anche x il nonno con la testa che si ritrova...A me sa tanto che vuole fare il moralmente corretto e poi si fa problemi per evadere 200 euro:))Cosa fa se entra in bus senza biglietto, 20 ave maria?
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta non far entrare gli ispettori!
            - Scritto da:


            di pagamento del canone rai a nome di mio nonno.

            puntualmente ignorate eSSe

            continuano!

            Secondo me l'autore della lettera di oggi inviata
            a PI continuerebbe a pagare la tassa anche x il
            nonno con la testa che si
            ritrova...
            A me sa tanto che vuole fare il moralmente
            corretto e poi si fa problemi per evadere 200
            euro:))
            Cosa fa se entra in bus senza biglietto, 20 ave
            maria?Sei proprio un COGLIONE!
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta non far entrare gli ispettori!
      - Scritto da:
      Occhio che girano degli ispettori, che chiedono
      di entrare in casa per controllare gli eventuali
      apparecchi TV. BASTA NON FARLI ENTRARE.4 anni fa ho lasciato casa dei miei genitori per trasferirmi in un'altra città. Un mese dopo aver fatto il cambio di residenza mi si presentò al citofono un tale che alla domanda classica "chi è?" rispose "vigili". Visto che io aspettavo comunque una visita della Polizia Municipale per le verifiche di rito sula residenza ho aperto e non ci ho nemmeno pensato su.Costui mi è praticamente piombato in casa dicendo "lei non ha l'abbonamento alla televisione, come mai?".Ormai era li... anche non farli entrare non è così semplice, quando mentono nel qualificarsi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta non far entrare gli ispettori!
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Occhio che girano degli ispettori, che chiedono

        di entrare in casa per controllare gli eventuali

        apparecchi TV. BASTA NON FARLI ENTRARE.

        4 anni fa ho lasciato casa dei miei genitori per
        trasferirmi in un'altra città. Un mese dopo aver
        fatto il cambio di residenza mi si presentò al
        citofono un tale che alla domanda classica "chi
        è?" rispose "vigili". Visto che io aspettavo
        comunque una visita della Polizia Municipale per
        le verifiche di rito sula residenza ho aperto e
        non ci ho nemmeno pensato
        su.
        Costui mi è praticamente piombato in casa dicendo
        "lei non ha l'abbonamento alla televisione, come
        mai?".
        Ormai era li... anche non farli entrare non è
        così semplice, quando mentono nel
        qualificarsi.Già il reato penale di millantato credito per essersi spaccaiato per vigeile, quando non lo era, sarebbe sufficente per un intervento da parte della magistratura....
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta non far entrare gli ispettori!
        Basta buttarlo fuori subito dopo e negare tutto, se Lui mente per entrare Tu puoi benissimo mentire sulla presenza della TV
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta non far entrare gli ispettori!
      - Scritto da:
      Occhio che girano degli ispettori, che chiedono
      di entrare in casa per controllare gli eventuali
      apparecchi TV. BASTA NON FARLI
      ENTRARE.Certo, però sposta solo il problema. La prossima volta si presenteranno con un mandato.Soluzione molto migliore:(1) Fare ufficialmente richiesta di sigillo del televisore; 5 euro non mandano in fallimento nessuno. Eventualmente sollecitare il sigillo del televisore mediante raccomandata. Nel frattempo, ci saremo muniti di un vecchio televisore da lasciare bene in vista e avremo provveduto a far opportunamente sparire tutti gli apparecchi eventualmente atti a ricevere trasmissioni televisive (PC, videoregistratori, etc.)(2) Se tutto va bene, nessuno si presenterà e saremo in regola agli occhi della legge pur non avendo pagato.(3) Se si presentano per sigillare la TV saremo totalmente collaborativi e mostreremo la nostra unica e vecchia TV che non usiamo più da tempo, dichiarandola come l'unico dispositivo presente in casa capace di ricevere trasmissioni televisive. Ci faremo la figura dei trogloditi ma chissenefrega?! (cylon)
      Un'altro consiglio, per l'amor del cielo, NON
      PAGATE, NON PAGATE MAI, altrimenti una volta
      pagato anche un solo bollettino, non c'e' santo
      che tenga, siete ufficialmente
      fregati.No, non si é fregati, solo che la procedura esposta sopra impiega probabilmente più tempo a realizzarsi (riceveremo una bella mole di solleciti malgrado la richiesta di sigillo) e quasi sicuramente verranno a sigillare la TV.Se si vuole un aiuto nella realizzazione dei vari passi per la disdetta ci si può rivolgere al CLIRT di Marostica (VI), via T. Vecellio nº5, tel 0424/77385.
  • Anonimo scrive:
    BENVENUTO NEL CLUB
    Benvenuto nel club.Queste lettere le hanno ricevute tutti e tutti sono rimasti un po` "scocciati" del tono MAFIOSO in cui sono scritte.Probabilmente la RAI pensa che gli italiani capiscano solo quel linguaggio.Se vai sul sito della ADUC (www.aduc.it) trovi di tutto, comprese le risposte degli avvocati.Il vero salto di qualità si è avuto quando un noto ministro di cui non voglio fare il nome ha cambiato la frase "possesso di un apparecchio televisivo", con "apparecchio atto a ricevere segnale televisivo o MODIFICABILE a tale scopo", ivi compresi asciugacapelli, lavastoviglie eccetera, dimostrando di non sapere assolutamente di cosa stava scrivendo.Probabilmente il fastidio è proprio quello di una Società per Azioni che :- raccoglie impropriamente ed imprecisamente dati sui cittadini senza che questi gli abbiano dati alcun consenso (violazione di legge sulla privacy)-li minaccia con linguaggio violento e li rimanda a numeri 899 per chiedere spiegazioni (molestie)- gli manda un bollettino postale dicendo che va pagato senza che vi siano stati i relativi accertamenti e con linguaggio non immediatamente comprensibile (truffa)e ci dice che i delinquenti siamo noi (calunnia) .Altro che canoni europei.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Cestina la lettera e tutto finisce lì.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI

    innanzi tutto il tono schiettamente minatorio e
    intimidatorio (i vantaggi che offre un pagamento
    spontaneo e quindi bonario dell'imposta... e
    quindi senza ulteriori aggravi di sanzioni e
    spese).si. e allora ? ti lamenti di questo ? MA IN CHE MONDO VIVI ??
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      Forse e' il caso di abolire il canone e prelevare lo stesso importo direttamente dalla fiscalita' generale (IRE, etc..) visto che secondo le statistiche il canone e' pagato da 16 milioni di famiglie su 20. Inoltre si risparmierebbero i costi legati alla ricerca degli "evasori" reali o meno, spese di spedizione dei bollettini, etc..
      • Anonimo scrive:
        Re: Vietato liberarsi della RAI
        Assolutamente geniale!Visto che la maggior parte degli Italiani paga per qualcosa, facciamola pagare a tutti!Es. La maggior parte ha una macchina? tutti gli italiani paghino il bollo di circolazione;La maggior parte ha il telefono? Facciamo pagare il canone a tuttiecc....
    • Anonimo scrive:
      Re: Vietato liberarsi della RAI
      - Scritto da:

      innanzi tutto il tono schiettamente minatorio e

      intimidatorio (i vantaggi che offre un pagamento

      spontaneo e quindi bonario dell'imposta... e

      quindi senza ulteriori aggravi di sanzioni e

      spese).

      si. e allora ? ti lamenti di questo ? MA IN CHE
      MONDO VIVI
      ??Evidentemente non si e' ancora assuefatto ad essere trattato da suddito. Tu si?
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Ma ti pare!Pagare un botto per vedere tutti i giorni preti lirica e Giurato! Solo quelli...aaah scusa c'è anche la prova del cuoco.Che tristezza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    L'obbligo di corrispondere ad un Ente X una tassa di possesso di un'apparecchiatura per fruizione di servizi erogati da X ma anche, in parte preponderante e totalmente gratuita, da un insieme di altri Enti YY, condiziona illegalmente il diritto alla fruizione gratuita dei soli servizi erogati da YY. Tale tassa sarebbe accettabile al limite se l'importo ricadesse proporzionalmente su tutti i fornitori X+YY del servizio, o se scaturisse da esplicita richiesta dell'utente di godere del servizio di X, o se fosse configurata come generica forma di entrata fiscale a beneficio del Pubblico Erario, tutto sempre a fronte di importi commisurati all'effettivo servizio reso e non dispersi in sciupii o a copertura di altro. Pagare solo X per detenere un sistema di fruizione dei servizi di X+YY è quanto meno ingiusto, monopolistico, anticoncorrenziale, iniquamente penalizzante gli Enti yy, oltre che disgustoso nella forma in cui è imposto. E' come se i proventi della tassa di circolazione auto li incamerasse per legge solo una certa azienda automobilistica nazionale... (a parte che la realtà non sarà molto diversa). Dura lex, sed lex, dicevano i latini. Questa è la dura legge, e bisogna rispettarla, se vogliamo scegliere il male minore. Se una legge, o tassazione, o imposizione, è palesemente ingiusta e vessatoria, la si può combattere nelle forme legali previste dalla costituzione (anche se significa fare un buco nell'acqua), ma finchè è in vigore bisogna rispettarla. Questo vale per il canone TV, per il bollo auto, per l'ICI ecc ecc ... (Pensate che va rispettata addirittura, finchè non salta, la legge che incrimina per associazione a delinquere finalizzata allo ... scambio di n. 3 canzonette ....Veniamo al sodo.Non possedete apparecchiature soggette a canone TV, e X insiste a chiedervelo sottintendendo che siete evasore e minacciandovi in conseguenza: inviate ad X raccomandata RR con cui dichiarate sotto Vs. responsabilità di non avere possesso di marchingeni soggetti a canone, ma aggiungete che dimostrazione contraria spetta a X, voi siete disponibili a verifica ispettiva sotto specifica autorizzazione, ma qualunque abuso in tal senso, come anche qualsiasi insistenza di richieste accompagnata o meno da velate minacce o anche qualunque illecita acquisizione di Vs. informazioni personali coperte da privacy verranno valutate in sede competente.Possedete un marchingeno soggetto a canone di cui già corrispondete ad X tassa di posseso e desiderate liberarvene: idem come sopra, cambia solo la frase "dichiaro di non possedere" con "dichiaro di non aver più in mio possesso".Avete appena acquistato un apparecchio soggetto a canone, o ve lo hanno regalato, o l'avete vinto alla lotteria, insomma ne siete in possesso, e non avete ancora fatto in tempo a regolarizzarlo presso X, ed X vi manda un'ispezione tra capo e collo: verificate il diritto dell'ispettore ad introdursi a casa vostra (ci vuole un'autorizzazione da parte della magistratura per qualsiasi forma di perquisizione in un'abitazione privata); se il magistrato è arrivato a tanto non vi resta che dichiarare a priori il regalo, l'acquisto, la vincita o altro appena avvenuto e la vostra intenzione di stipulare l'abbonamento in immediato a favore di X: l'ispettore di X ha raggiunto il suo scopo, vi fa firmare tale dichiarazione, vi consegna modulo di abbonamento non maggiorato, e si placa senza neppure entrare. Chiaramente il giorno dopo potreste decidere di buttar via l'apparecchio in questione, visti i programmi trasmessi ...!Non dovrebbero esseci altre casistiche.---------------------------------------Chiaramente dopo aver mandato ad X raccomandata RR coi toni suddetti potete permettervi di ignorare ulteriori comunicazioni, non state a mettere in campo altre sanguisughe per la soddisfazione di far zittire X, lasciate fare, siate superiori a queste beghe. Comunque è buona norma acquistare sempre in contanti, anche componenti isolati, a meno che non vogliate divertirvi a mettere a crisi X, che vi piomberà addoso entro 6 mesi, accusandol di essere entrato in possesso di Vs. info coperte da privacy; sappiate che nel giro trascinate pure il punto vendita e la Vs. banca ... si sa benissimo chi è coinvolto. Ma ripeto, certe soddisfazioni costano chili di sanguisughe, secondo me molto di più della contropartita in piacere gustato. Date retta a me, siate superiori e godetevi le Vs. risorse. in santa pace. A buon intenditor poche parole.
  • Anonimo scrive:
    tutti i lettori di PI non hanno la TV?
    Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere i commenti su PI la televisione non ce l'ha nessuno e chi ce l'ha non la guarda. Misteri dell'agglutinazione anomala :)
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
      credo che la maggior parte di quelli che leggono qui, abbiano scelto altri sistemi di informazione (internet) con caratteristiche in termini di interazione, velocità e volume di dati del tutto superiori alla 'vecchia' TV.Comunque anche per quelli non informatici, mi pare che di solito non ci sia poi molto da vedere ...
      • Anonimo scrive:
        Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
        io di televisori ne ho 3 + 2 decoder satellitari + scheda sat nel pc ma il canone non lo pago per il semplice motivo che se posso guardare la pubblicità dai canali mediaset senza che questa mi chieda soldi non vedo perchè devo pagare per vedere la stessa pubblicità.....cmq non guardo nè i canali mediaset nè rai visto che ho un abbonamento a sky e i film non vengono interrotti da comunicati commerciali.ciao a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
          Meglio finanziare RAI che finanziare SKY ... la morte della televisione.
          • Anonimo scrive:
            Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
            W il Berlusca e Mediaset! Facciamolo santo quest'uomo... anche se in 5 anni di governo non ci ha levato il canone rai comunque si è battuto per noi! ;) ( e soprattutto non ha mai mangiato bambini... almeno che io sappia)
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la TV?
      - Scritto da:
      Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere i
      commenti su PI la televisione non ce l'ha nessuno
      e chi ce l'ha non la guarda. Misteri
      dell'agglutinazione anomala
      uso esclusivo del mio televisore: connesso al pc con cavo composito per visionare dvd, non so se sai cos'è ma ho smontato anche il sintonizzatore.
      • Anonimo scrive:
        Re: tutti i lettori di PI non hanno la TV?

        uso esclusivo del mio televisore: connesso al pc
        con cavo composito per visionare dvd, non so se
        sai cos'è ma ho smontato anche il
        sintonizzatore.Ecco un bell'esempio di come sprecare la qualita' di un DVD: cavo composito e magari casse del PC.BLEAH!Tanto vale che ti guardi le VHS, se devi fruire di un DVD in questo modo barbaro.
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la TV?
      - Scritto da:
      Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere i
      commenti su PI la televisione non ce l'ha nessuno
      e chi ce l'ha non la guarda. Misteri
      dell'agglutinazione anomala
      :)No, certo che no, ma tutti quelli che non ce l'hanno scrivono un commento a questa notizia.In altre parole confondi il fenomeno con la causa ;-).
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
      - Scritto da:
      Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere i
      commenti su PI la televisione non ce l'ha nessuno
      e chi ce l'ha non la guarda. Misteri
      dell'agglutinazione anomala
      :)perche' una persona sana di mente dovrebbe guardare la tv?
      • Alessandrox scrive:
        Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere
        i

        commenti su PI la televisione non ce l'ha
        nessuno

        e chi ce l'ha non la guarda. Misteri

        dell'agglutinazione anomala

        :)
        perche' una persona sana di mente dovrebbe
        guardare la
        tv?Ci sono anche programmi interessanti e intelligenti e utili, non e' tutta spazzatura.
        • Anonimo scrive:
          Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
          Programmi, guardacaso, o fatti da La7, che del canone non prende un goccio, o dalla RAI alle tre di notte sulla terza rete. Bel servizio pubblico.
          • Alessandrox scrive:
            Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
            - Scritto da:
            Programmi, guardacaso, o fatti da La7, che del
            canone non prende un goccio, o dalla RAI alle tre
            di notte sulla terza rete. Bel servizio
            pubblico.Ma per esempio Report e' fatto dalla RAI, va in onda alle 21:30 ed e' un utilissimo programmaE ce ne sono altri...
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la TV?
      - Scritto da:
      Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere i
      commenti su PI la televisione non ce l'ha nessuno
      e chi ce l'ha non la guarda. Misteri
      dell'agglutinazione anomala
      :)In compenso tutti i lettori del sito del grande fratello non capiscono una cippa di computers, anzi, accanto a loro anche il piu' utonto dei winari sembra un hacker.Fai tui.
      • Anonimo scrive:
        Re: tutti i lettori di PI non hanno la T
        - Scritto da:


        - Scritto da:

        Certo, statisticamente è un'anomalia: a leggere
        i

        commenti su PI la televisione non ce l'ha
        nessuno

        e chi ce l'ha non la guarda. Misteri

        dell'agglutinazione anomala

        :)

        In compenso tutti i lettori del sito del grande
        fratello non capiscono una cippa di computers,
        anzi, accanto a loro anche il piu' utonto dei
        winari sembra un
        hacker.

        Fai tui.E l'internette è un covo di pedofili. Parola di Don F.
    • Anonimo scrive:
      Re: tutti i lettori di PI non hanno la TV?
      Potrebbere dipendere dal fatto che chi usa Internet va a cercarsi, leggere e scrivere quello che vuole, mentre il telespettatore e' uno che si siede davanti a un pezzo di vetro e guarda quello che gli propinano. Due razze diverse, insomma.
  • Anonimo scrive:
    Tassa sul possesso di apparecchio
    Come si è oramai intuito il "canone RAI" è in realtà una tassa per il possesso di un apparecchio "adatto o adattabile" alla ricezione... Non mi risulta, dalle mie ultime "spulciate" di leggi e leggine, che i PC siano elencati negli apparecchi "atti...". In effetti quella definizione non ha più senso tecnico, e cercherò di farlo presente in ogni occasione che mi presenterà.Concordo sul tono minatorio: è francamente inaccettabile, ma basta ignorarlo... Quello che non è chiaro è se il lettore possieda o non possieda un televisore.Comunque si va verso l'abolizione del "canone RAI" essenzialmente per motivi pratici: gli evasori sono 5 milioni e da calcoli effettuati personalmente basterebbe "caricare" nella dichiarazione dei redditi di tutti una manciata (fino a 5 euro) per eliminare tutto l'ambaradan burocratico che sta dietro a questo regio residuo.PS vi ricordo però che per "televisione" non si devono intendere i programmi rai tipo "isola dei famosi", facilmente contestabili. Pensate a come potrebbe essere la vostra vita senza una rete di trasmissione in grado di dare notizie in caso di bisogno... e questa rete è garantita per contratto (il contratto di servizio pubblico) che non è affatto scontato sia per sempre stipulato con l'azienda RAI, soprattutto in funzione del suo assetto societario futuro.federico rocchi
  • Anonimo scrive:
    bastava una raccomandata
    Quella lettera da parte della rai è un pro-forma che arriva a tutti quelli che si intestano una nuova linea telefonica, devi dire grazie a telecom se ti ha incluso negli elenchi, la rai poi ci prova con tutti, spende i soldi della lettera e incita la gente, magari sparando nel mucchio qualcuno ci casca.Esistono comunque sportelli rai dove andare a informarsi personalmente e risolvere il caso, ma potevi anche fare al pc una semplice lettera dove spiegavi il tutto e la indirizzavi alla rai, non vedo perchè impuntarsi a non voler pagare le 5.16 euro, quando avresti risolto subito, e avresti avuto anche una prova da esibire in caso di contestazioni.Per quanto riguarda l'estendibilità del canone rai anche ai pc o ai cellulari eventualmente, mi pare una gran stupidata, nel primo caso andrebbe dimostrato che il pc esce con la scheda tv tuner, nel secondo le ridotte dimensioni dell'apparecchio fanno si che il godimento della trasmissione sia danneggiato, quindi non vedo che c'è da pagare, anche se teoricamente è applicabile a questi apparecchi. All'atto pratico non mi risulta sia mai successo nè credo un giudice sano di mente potrebbe mai far applicare una cosa del genere.Figurarsi, i cellulari da noi hanno preso piede perchè senza abbonamenti, se tutti diventano tassabili sfasciano il mercato, nah, non può accadere senza una consistente perdita di utenti di telefonia mobile.
    • Anonimo scrive:
      Re: bastava una raccomandata
      Daglieli te 5,16 euro... :p5 euro per rispondere a gente che ha una programmazione di terza categoria...5 per contestare multe prese da altri e che invece sono state recapitate a te...altri 5 per chiedere la cancellazione dagli elenchi dati di qualche azienda che nn si sa perchè abbia i tuoi dati...Lo stipendio che lo piglio a fare per pagare loro?Ma che chiudano tutto e si autofinanzino una buona volta!
      • Anonimo scrive:
        Re: bastava una raccomandata
        all'atto dell'abbonamento a telecom italia, nel contratto, si può richiedere di non essere inseriti nei loro elenchi telefonici, di conseguenza nessuno saprà mai che hai il telefono e non manderà presunte richieste di canone rai (loro si immaginano la nascita di un nucleo familiare, si dicono: han messo il telefono, avranno anche la tv ora)per le multe che ti arrivano e non ti competono, ci stanno i vari comandi delle forze dell'ordine..io comunque resto del mio parere, tra i due mali meglio il minore, cioè pagare la raccomandata e poterla usare per contestare in seguito
    • Anonimo scrive:
      Re: bastava una raccomandata
      - Scritto da:
      Quella lettera da parte della rai è un pro-forma
      che arriva a tutti quelli che si intestano una
      nuova linea telefonica, devi dire grazie a
      telecom...Esatto, grazie telecom.
      Esistono comunque sportelli rai dove andare a
      informarsi personalmente e risolvere il caso, ma
      potevi anche fare al pc una semplice lettera
      dove spiegavi il tutto e la indirizzavi alla rai,
      non vedo perchè impuntarsi a non voler pagare le
      5.16 euro, quando avresti risolto subito, e
      avresti avuto anche una prova da esibire in caso
      di contestazioni.Gia', concordo, pagare NO, scrivere si, ma questo:http://www.aduc.it/dyn/sosonline/modulistica/modu_mostra.php?Scheda=40167NON HO IL TELEVISORE E NON VI PAGO lettera da inviare raccomandata A/R quando si ricevono dall'Urar richieste di pagamento per il canone/tassa della Rai e non si possiede un televisoreSpett.le RAI -sede di............-.................,../../..OGGETTO: prot. APA/SA/SS/................Spettabile Direzione,In relazione alla Vostra datata Torino, ../../.., desidero specificare che la presunzione che in ogni abitazione debba obbligatoriamente esservi un apparecchio radiotelevisivo e' errata.Non essendo in possesso di alcun apparecchio tv (per quanto strano possa risultarvi), ritengo non abbia pregio la Vostra richiesta di pretendere da me il pagamento del canone, ne' che sia il caso, da parte mia, di pagare una tassa per qualcosa che non ho e che non utilizzo.Conseguentemente, Vi inviterei a voler comunicare quanto sopra alla sede di Torino, onde provvedere alla cancellazione del mio nominativo dai Vostri archivi centrali.Naturalmente, siete nel pieno diritto di pretendere un'ispezione, delegando cio' all'Amministrazione Finanziaria.Sono pero' costretto ad avvisarVi che, nel caso in cui doveste provvedere in tal senso, mi vedro' mio malgrado costretto ad adire le vie legali per ottenere il rimborso dei danni subiti a causa di un Vostro comportamento immotivato e lesivo (non ha legittimita' effettuare un controllo in assenza di elementi concreti che lascino presupporre un'evasione, essendo cosi' immotivato tale Vostro comportamento).In relazione al questionario da Voi allegato, mi permetto di suggerirVi di inserire anche la possibilita' -totalmente mancante- per chi, come me, non sia in possesso di tale apparecchio tassabile.Sperando di non dover ulteriormente ribadire quanto sopra e auspicando cosi' un pronto accoglimento delle mie richieste e affermazioni, che spero chiarificatrici, ma rimanendo comunque a disposizione per Vostre ulteriori richieste di chiarimento, porgoDistinti Saluti,---Dal sito ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatorihttp://www.aduc.it/Vedere ancheSUGGELLAMENTO DEL TELEVISOREhttp://www.aduc.it/dyn/sosonline/modulistica/modu_mostra.php?Scheda=40168
      Per quanto riguarda l'estendibilità del canone
      rai anche ai pc o ai cellulari eventualmente, mi
      pare una gran stupidata, nel primo caso andrebbe
      dimostrato che il pc esce con la scheda tv tuner,Qui c'e' un area grigia nella parola adattabile. Non e' chiaro se quindi anche un pc senza scheda rientri nella normativa. probabilmente la cosa e' voluta.Se ne discusse su PI anni fa e se ne riparlera' oggi, ma di fatto non c'e' chiarezza.
      nel secondo le ridotte dimensioni
      dell'apparecchio fanno si che il godimento della
      trasmissione sia danneggiatoLa legge non parla di dimesioni e godimento, ma di apparecchi atti a ricevere - anche se non ricevono. Anche spenti. Anche in cantina con la spina staccata, magari rotti.Solo insaccare e sigillare un apparecchio che contiene un sintonizzatore e' garanzia per la legge, che l'apparecchio non riceva.Un monitor senza sintonizzatore e un riproduttore DVD o VHS senza sintonizzatore invece, nascendo cosi' di fabbrica, non sono ne adatti ne adattabili, per cui esclusi dalla tassazione
  • mister_xyz scrive:
    Eliminare il canone RAI
    Io approverei l'idea di Sartori:Togliere completamente la pubblicità dai canali RAI ed eliminare la tassa sul televisore.Le reti private nazionali otterrebbero così un forte aumento di valore dei loro spazi pubblicitari. Quindi di conseguenza imporrei loro di dare la metà dei loro introiti alla tv di stato. Così il cittadino non avrebbe più il canone da pagare e la RAI potrebbe veramente fare servizio pubblico anziché mostrare programmi ultracommerciali con la paranoia dell'auditel.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eliminare il canone RAI

      Quindi di conseguenza imporrei loro di dare la metà dei loro introiti alla tv di stato.Ma sei uscito di testa? Metà degli introiti a che titolo? Furto con scasso legalizzato? Rapina a mano armata istituzionale? Nel 2006 dobbiamo ancora leggere cerce boiate?
      • mister_xyz scrive:
        Re: Eliminare il canone RAI
        - Scritto da:
        Ma sei uscito di testa? Metà degli introiti a che
        titolo? Furto con scasso legalizzato? Rapina a
        mano armata istituzionale? Nel 2006 dobbiamo
        ancora leggere cerce
        boiate?Magari se ti calmi e rispondi più civilmente...No, non sono fuori di testa. D'altro canto ho scritto che è una proposta di Giovanni Sartori che fuori di testa non lo è di certo. E' una persona stimata sia a destra che a sinistra.La "metà degli introiti" è dovuta al fatto che se la RAI rinuncia agli spazi pubblitari, quelli delle reti private aumentano notevolmente di valore, perché un'azienda per mostare degli spot potrà andare solo da loro.Inoltre non ci sarebbero più cittadini che pagano il canone (come il sottoscritto) e altri che se ne fregano. Perché il canone non lo dovrà pagare più nessuno: SEMPLIFICAZIONE DEI RAPPORTI COL CITTADINO!Oltre a questo ci sarebbe il vantaggio che la RAI non dovrebbe più fare l'Isola dei famosi o La Vita in Diretta, ma potrebbe concentrarsi nella produzione di programmi tipo Report: OVVERO OFFRIRE VERAMENTE SERVIZIO PUBBLICO. Non sarebbe male poi rendere la RAI indipendente dal potere politico, un po' come avviene per la BBC.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 02.25-----------------------------------------------------------
      • reXistenZ scrive:
        Re: Eliminare il canone RAI


        Quindi di conseguenza imporrei loro di dare la
        metà dei loro introiti alla tv di
        stato.

        Ma sei uscito di testa? Metà degli introiti a che
        titolo? Furto con scasso legalizzato? Rapina a
        mano armata istituzionale? Nel 2006 dobbiamo
        ancora leggere cerce
        boiate?Se ci sono società che hanno sborsato migliaia di milioni (***migliaia di milioni***) di euro per una licenza UMTS, perché non dovrebbero farlo anche le emittenti televisive?
  • SkZ scrive:
    un po' di misconception sul canone
    Il famoso canone rai non e' da riferirsi solo a chi guarda la rai. Sarebbe un contributo per la realizzazione di una televisione di qualita' (contenuti e ricezione) fornita dallo stato. Se tu decidi di non guardarla e gurdare i canali privati, questi sono affari tuoi, ma comunque ce l'hai disponibile. In teoria pagando il canone hai diritto ad poter vedere bene programmi televisivi effettuati con cura che trattino di vari argomenti che tengano cura degli interessi del pubblico e ad un servizio giornalistico efficiente e completo.Quindi non e' la tassa tanto da cambiare, quanto e' da migliarare la Rai e il sistema di trasmissione garentendo una buona copertura. Comunque la cosa assurda che generalmente i televisori attuali senza antenna non pigliano niente, almeno quelli "grandi". Non ho mai provato ma non penso che uno schermo LCD/plasma riesca a mostrare i programmi televisivi senza antenna, quindi e' il possesso di un'antenna che dovrebbe obbligarti il pagamento del canone televisivo. Col DTT dovrebbe andare meglio perche' senza il decoder non pigli niente, quindi se non hai quello non puoi usufruire del servizio televisivo pubblico. Se ce hai il decoder, lo puoi avere "solo" per guardare i programmi televisivi (in teoria il DTT e' usabile anche per accedere a servizi informativi che sono pero' decisamente inferiori come qualita' e velocita' rispetto a quelli gia' disponibili in rete e secondo me non avranno un grosso futuro). Cio' e' ben diverso dal possesso di uno schermo LCD che e' semplicemente un visualizzatore di segnali audio/video esterni.
    • Anonimo scrive:
      Re: un po' di misconception sul canone

      Il famoso canone rai non e' da riferirsi solo a chi guarda la rai. Sarebbe un contributo per la realizzazione di una televisione di qualita' (contenuti e ricezione) fornita dallo stato.Ci prendi per il culo? E da quando lo Stato si deve occupare di fare televisione?
      • Anonimo scrive:
        Re: un po' di misconception sul canone
        - Scritto da:

        Il famoso canone rai non e' da riferirsi solo a
        chi guarda la rai. Sarebbe un contributo per la
        realizzazione di una televisione di qualita'
        (contenuti e ricezione) fornita dallo
        stato.

        Ci prendi per il culo? E da quando lo Stato si
        deve occupare di fare
        televisione?nella maggior parte delle nazioni europee lo fa dagli anni 50alcuni settori come l'informazione , l'energia ecc. sono strategici e non é irragionevole che uno stato sovrano intervenga nella loro gestionel'irragionevole e' che la maggior parte dei documentari la compri e non la produca, le inchieste giornalistiche le condizioni al gradimento politico, si metta a fare reality show e soap operain questo caso imho hai perfettamente ragione: lo stato non deve fare intrattenimento finalizzato solo all'ascolto
        • Anonimo scrive:
          Re: un po' di misconception sul canone
          L'informazione di stato non dà notizie, dà solo propaganda. Scusate se non ci tengo a vedere la Pravda in televisione. Il servizio pubblico televisivo in che cosa consiste? Se mi dite che consiste in quattro documentari vecchi come il cucco posso dar ragione alla RAI.
    • Anonimo scrive:
      Re: un po' di misconception sul canone

      Comunque la cosa assurda che generalmente i
      televisori attuali senza antenna non pigliano
      niente, almeno quelli "grandi". Non ho mai
      provato ma non penso che uno schermo LCD/plasma
      riesca a mostrare i programmi televisivi senza
      antenna, quindi e' il possesso di un'antenna che
      dovrebbe obbligarti il pagamento del canone
      televisivo.Le antenne non c'entrano nulla, cio' che fa la discriminante tra un apparecchio atto a ricevere e uno non atto, e' il sintonizzatore. Un monitro con antenna e' in grado di mostrarti la televisione tanto quanto un quarto di burro con antenna.
      Col DTT dovrebbe andare meglio
      secondo me non avranno un grosso futuro). Cio' e'
      ben diverso dal possesso di uno schermo LCD che
      e' semplicemente un visualizzatore di segnali
      audio/video
      esterni.Appunto, ovviamente un monitor privo di sintonizzatore non e' atto a ricevere segnali radiotelevisivi.
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: un po' di misconception sul canone
        - Scritto da:
        Appunto, ovviamente un monitor privo di
        sintonizzatore non e' atto a ricevere segnali
        radiotelevisivi.Quindi quello da tassare è il tuner, analogico o digitale che sia.Altrimenti, con l'interpretazione attuale, anche un moderno pannello di segnalazione degli arrivi in una stazione o aeroporto, è "adattabile", in quanto può visualizzare anche immagini.Che tassino quindi i tuner, interni o esterni, digitali o analogici, terrestri o satellitari, per PC o per monitor TV, ma che tassino quelli e solo quelli.
    • Alessandrox scrive:
      Re: un po' di misconception sul canone
      - Scritto da: SkZ
      Il famoso canone rai non e' da riferirsi solo a
      chi guarda la rai. Sarebbe un contributo per la
      realizzazione di una televisione di qualita'
      (contenuti e ricezione) fornita dallo stato. Se
      tu decidi di non guardarla e gurdare i canali
      privati, questi sono affari tuoi, ma comunque ce
      l'hai disponibile. In teoria pagando il canone
      hai diritto ad poter vedere bene programmi
      televisivi effettuati con cura che trattino di
      vari argomenti che tengano cura degli interessi
      del pubblico e ad un servizio giornalistico
      efficiente e
      completo.
      Quindi non e' la tassa tanto da cambiare, quanto
      e' da migliarare la Rai e il sistema di
      trasmissione garentendo una buona copertura.Ma se uno sceglie di non usufruire di un servizio perche' lo deve pagare?Comunque non e' questo il problema: la tassa va anche bene me andrebbe trasformata in tariffa (da imporre in base all' uso del servizio) ed e' il modo in cui e' imposta da cambiare....
      Comunque la cosa assurda che generalmente i
      televisori attuali senza antenna non pigliano
      niente, almeno quelli "grandi". Non ho mai
      provato ma non penso che uno schermo LCD/plasma
      riesca a mostrare i programmi televisivi senza
      antenna, quindi e' il possesso di un'antenna che
      dovrebbe obbligarti il pagamento del canone
      televisivo. L' antenna e un sintonizzatore.. con l' antenna e basta ci fai una cippa.... e poi qualsiasi pezzo di metallo o altro conduttore e' un' antenna.... facciamo pagare anche per la detenzione di una canna da pesca in fibra di carbonio (sarebbe un eccellente antenna) ?
  • Anonimo scrive:
    Anche per i videotelofonini.....
    ...è previsto il pagamento del canone se non si detengono apparecchi televisivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche per i videotelofonini.....
      Ogni azienda con PC "adattabili" alla ricezione del segnale televisivo dovrebbe pagare il canone?Anche le amministrazioni publiche?
  • Anonimo scrive:
    NESSUN TELEVISORE
    Anch'io non posseggo un televisore. Trovo che la televisione sia offensiva, un oltraggio all'intelligenza delle persone. Così più di due anni fa, quando mia sorella se n'è andata a vivere in un altro appartamento e si è portata via la tv io, che già la guardavo pochissimo, ho rinunciato ad acquistarne una nuova. I risultati in questi anni sono notevoli. Ne elenco qualcuno:1. sono molto più informato, visto che per le notizie utilizzo internet (e i quotidiani); un tg fa passare solo una decina di notizie in mezz'ora2. sono molto più consapevole, perché ragiono di più con la mia testa e non subisco le influenze martellanti del piccolo schermo3. sono un consumatore più attento, dal momento che per acquistare beni di consumo uso tutti e cinque i sensi, in luogo degli unici due ampiamente sfruttati dalla tv (vista e udito)4. non conosco i volti dei personaggi della tv, e nemmeno i programmi che danno (cosa di cui vado abbastanza fiero), il che crea spesso situazioni divertenti con i miei interlocutori (un giorno per la strada ho incrociato una ragazza carina, l'ho fermata e mi sono messo a chiacchierare con lei senza sapere chi fosse. Era una nota (ma a chi?) cantante vincitrice di un Sanremo e io non lo sapevo (non faccio il suo nome per galanteria)... Divertente. Stessa cosa mi è capitata parlando con uno che poi mi hanno spiegato essere il "poeta catartico" (non ricordo il suo nome) di Zelig5. non ho più una cassa da morto nera nel soggiorno, molto ingombrante e invasiva6. la mia casa è notevolmente più silenziosa e i miei gatti ringraziano7. risparmio sulla bolletta della luce (la posizione di standby ha consumi non trascurabili) e, conseguentemente, inquino meno8. posso disporre come meglio credo i mobili del soggiorno, magari anche in modo più "conviviale", con i divani uno di fronte all'altro invece che girati verso "il mostro"9. a casa mia tra amici si dialoga di più e con le ragazze si fa più sesso10. produco molte più idee, la mia creatività è più libera e dirompente: quando smetti di ricevere passivamente, cominci a produrre11. se suona il telefono mentre guardo qualche film, documentario o altri contenuti disponibili in rete, chi mi chiama non è più un seccatore perché posso interrompere la visione in qualunque momento e riprenderla successivamenteOvviamente, c'è anche qualche svantaggio anche se, almeno per me, è del tutto trascurabile:1. gli eventi sportivi mi sono pressoché preclusi (ma senza sport, tutto sommato, si vive bene comunque), tranne quando c'è qualche raduno a casa di amici2. ogni volta che ho un'ospite nuova, devo spiegarle tutto da capo (colgo il momento per evangelizzarla)3. le case altrui con la tv accesa sono molto fastidiose, l'udito non ha tregua4. messo davanti a molti programmi tv sono molto più irritabile e insofferente di quanto lo fossi primaRagazzi, pensateci!!! Non avere la tv, a parte produrre tutti i vantaggi di cui sopra, fa anche figo con le ragazze e desta in loro una sorta di "strana ammirazione". La gente vi guarderà come un alieno e, davanti alla qualità del vostro livello di informazione autocostruita, sarete trattati come dei veri e propri "guru".La tv come la concepiamo ora, cioè con un palinsesto, ha gli anni contati. Io prevedo che le compagnie dei telefoni e dei servizi di connettività prenderanno il suo posto con contenuti on-demand. Le ore di fruizione televisiva diminuiranno e così anche gli investimenti pubblicitari. Con meno soldi, la tv dovrà puntare su altri contenuti e, con un po' di fortuna, la tv morirà onorevolmente, contribuendo, negli ultimi istanti della sua vita, a elevare le masse, proprio come quando nacque.ciao a tutti,buttatela via,WizPSSe volete, potete cominciare per gradi, ruotando di 180 gradi il televisore in modo che lo schermo sia rivolto verso la parete. Fate la prova: la tv è più interessante dall'altra parte! Un altro consiglio è di guardare i programmi della lavatrice. Alcuni, tipo "lana e delicati" oppure "mezzo carico, ciclo breve" sono delle pizze, lo ammetto, ma "bianchi molto sporchi" e "centrifuga" sono dei capolavori da Oscar. :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      Haha grande...quasi quasi copio il tuo messaggio, lo modifico un pochino, lo stampo e lo appendo alla TV che ho in sala ;)Prima di tutto l'aspetto negativo n°4 è tutto tranne che negativo: significa semplicemente che ora sei diverso da tutta quella massa di lobotomizzati dalla tv...inoltre gli eventi sportivi se hai almeno l'adsl li puoi vedere anche gratis, se sai dove cercare...iptv ti dice nulla? Prova il sito coolstreaming.us...certo siamo ancora di fronte ad una tecnologia "acerba", ma che sta facendo passi da gigante...Esclusi questi due dfetti da te citati potrei aggiungere anche altri aspetti positivi al tuo elenco, ora che ci penso...ciao;)
      • Anonimo scrive:
        Re: NESSUN TELEVISORE
        - Scritto da:
        Haha grande...quasi quasi copio il tuo messaggio,
        lo modifico un pochino, lo stampo e lo appendo
        alla TV che ho in sala
        ;)Fai pure: le idee magari non sono PER tutti, ma certamente sono DI tutti.
        Prima di tutto l'aspetto negativo n°4 è tutto
        tranne che negativo: significa semplicemente che
        ora sei diverso da tutta quella massa di
        lobotomizzati dalla tv...inoltre gli eventi
        sportivi se hai almeno l'adsl li puoi vedere
        anche gratis, se sai dove cercare...iptv ti dice
        nulla? Prova il sito coolstreaming.us...certo
        siamo ancora di fronte ad una tecnologia
        "acerba", ma che sta facendo passi da
        gigante...Sentito, sentito... Però non ho mai provato.
        Esclusi questi due dfetti da te citati potrei
        aggiungere anche altri aspetti positivi al tuo
        elenco, ora che ci
        penso...ciao;)Aggiungi, aggiungi, così poi facciamo un "manifesto neo-futurista" e tiriamo fuori un sito internet di contropropaganda, tipo "notv.it" o altro. Raccogliamo le testimonianze di tutti gli "obiettori totali" e creiamo un movimento che scuota un po' quelli del piccolo schermo. Magari si svegliano!
    • Ugo Limone scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      Da questo discorso si evince che sei un gran putxaniere, tv a parte.Ugo- Scritto da:
      Anch'io non posseggo un televisore. Trovo che la
      televisione sia offensiva, un oltraggio
      all'intelligenza delle persone. Così più di due
      anni fa, quando mia sorella se n'è andata a
      vivere in un altro appartamento e si è portata
      via la tv io, che già la guardavo pochissimo, ho
      rinunciato ad acquistarne una nuova. I risultati
      in questi anni sono notevoli. Ne elenco
      qualcuno:

      1. sono molto più informato, visto che per le
      notizie utilizzo internet (e i quotidiani); un tg
      fa passare solo una decina di notizie in
      mezz'ora
      2. sono molto più consapevole, perché ragiono di
      più con la mia testa e non subisco le influenze
      martellanti del piccolo
      schermo
      3. sono un consumatore più attento, dal momento
      che per acquistare beni di consumo uso tutti e
      cinque i sensi, in luogo degli unici due
      ampiamente sfruttati dalla tv (vista e
      udito)
      4. non conosco i volti dei personaggi della tv, e
      nemmeno i programmi che danno (cosa di cui vado
      abbastanza fiero), il che crea spesso situazioni
      divertenti con i miei interlocutori (un giorno
      per la strada ho incrociato una ragazza carina,
      l'ho fermata e mi sono messo a chiacchierare con
      lei senza sapere chi fosse. Era una nota (ma a
      chi?) cantante vincitrice di un Sanremo e io non
      lo sapevo (non faccio il suo nome per
      galanteria)... Divertente. Stessa cosa mi è
      capitata parlando con uno che poi mi hanno
      spiegato essere il "poeta catartico" (non ricordo
      il suo nome) di
      Zelig
      5. non ho più una cassa da morto nera nel
      soggiorno, molto ingombrante e
      invasiva
      6. la mia casa è notevolmente più silenziosa e i
      miei gatti
      ringraziano
      7. risparmio sulla bolletta della luce (la
      posizione di standby ha consumi non trascurabili)
      e, conseguentemente, inquino
      meno
      8. posso disporre come meglio credo i mobili del
      soggiorno, magari anche in modo più "conviviale",
      con i divani uno di fronte all'altro invece che
      girati verso "il
      mostro"
      9. a casa mia tra amici si dialoga di più e con
      le ragazze si fa più
      sesso
      10. produco molte più idee, la mia creatività è
      più libera e dirompente: quando smetti di
      ricevere passivamente, cominci a
      produrre
      11. se suona il telefono mentre guardo qualche
      film, documentario o altri contenuti disponibili
      in rete, chi mi chiama non è più un seccatore
      perché posso interrompere la visione in qualunque
      momento e riprenderla
      successivamente

      Ovviamente, c'è anche qualche svantaggio anche
      se, almeno per me, è del tutto
      trascurabile:
      1. gli eventi sportivi mi sono pressoché preclusi
      (ma senza sport, tutto sommato, si vive bene
      comunque), tranne quando c'è qualche raduno a
      casa di
      amici
      2. ogni volta che ho un'ospite nuova, devo
      spiegarle tutto da capo (colgo il momento per
      evangelizzarla)
      3. le case altrui con la tv accesa sono molto
      fastidiose, l'udito non ha
      tregua
      4. messo davanti a molti programmi tv sono molto
      più irritabile e insofferente di quanto lo fossi
      prima

      Ragazzi, pensateci!!! Non avere la tv, a parte
      produrre tutti i vantaggi di cui sopra, fa anche
      figo con le ragazze e desta in loro una sorta di
      "strana ammirazione". La gente vi guarderà come
      un alieno e, davanti alla qualità del vostro
      livello di informazione autocostruita, sarete
      trattati come dei veri e propri
      "guru".

      La tv come la concepiamo ora, cioè con un
      palinsesto, ha gli anni contati. Io prevedo che
      le compagnie dei telefoni e dei servizi di
      connettività prenderanno il suo posto con
      contenuti on-demand. Le ore di fruizione
      televisiva diminuiranno e così anche gli
      investimenti pubblicitari. Con meno soldi, la tv
      dovrà puntare su altri contenuti e, con un po' di
      fortuna, la tv morirà onorevolmente,
      contribuendo, negli ultimi istanti della sua
      vita, a elevare le masse, proprio come quando
      nacque.

      ciao a tutti,
      buttatela via,
      Wiz

      PS
      Se volete, potete cominciare per gradi, ruotando
      di 180 gradi il televisore in modo che lo schermo
      sia rivolto verso la parete. Fate la prova: la tv
      è più interessante dall'altra parte! Un altro
      consiglio è di guardare i programmi della
      lavatrice. Alcuni, tipo "lana e delicati" oppure
      "mezzo carico, ciclo breve" sono delle pizze, lo
      ammetto, ma "bianchi molto sporchi" e
      "centrifuga" sono dei capolavori da Oscar.
      :-D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 15.41-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: NESSUN TELEVISORE
        - Scritto da: Ugo Limone
        Da questo discorso si evince che sei un gran
        putxaniere, tv a
        parte.

        Ugo
        Buon per lui :p
        - Scritto da:

        Anch'io non posseggo un televisore. Trovo che la(cut)
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      Ottimo, noi abbiamo un vecchio televisore che guardiamo si e no una ora alle settimana per notizie importanti, quando ci sono. Non abbiamo neanche l'antenna, usiamo il "baffo" in dotazione.Ovviamente non caghiamo neanche il canone RAI.
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE

      1. sono molto più informato, visto che per le
      notizie utilizzo internet (e i quotidiani); un tg
      fa passare solo una decina di notizie in
      mezz'ora
      2. sono molto più consapevole, perché ragiono di
      più con la mia testa e non subisco le influenze
      martellanti del piccolo
      schermoma così ti manca un'informazione fondamentale: quali informazioni la società dello spettacolo vuole fornirti e si capisce molto da cosa viene taciuto o minimizzato...
      3. sono un consumatore più attento, dal momento
      che per acquistare beni di consumo uso tutti e
      cinque i sensi, in luogo degli unici due
      ampiamente sfruttati dalla tv (vista e
      udito)ma come fai se non guardi la pubblicità a scegliere i prodotti da non comprare ;-) ?
      4. non conosco i volti dei personaggi della tv, e
      nemmeno i programmi che danno (cosa di cui vado
      abbastanza fiero), il che crea spesso situazioni
      divertenti con i miei interlocutori (un giorno
      per la strada ho incrociato una ragazza carina,
      l'ho fermata e mi sono messo a chiacchierare con
      lei senza sapere chi fosse. Era una nota (ma a
      chi?) cantante vincitrice di un Sanremo e io non
      lo sapevo (non faccio il suo nome per
      galanteria)... Divertente. Stessa cosa mi è
      capitata parlando con uno che poi mi hanno
      spiegato essere il "poeta catartico" (non ricordo
      il suo nome) di
      Zeligvedi ? se ll riconoscevi li evitavi..poi ti registri i films e li guardi senza ingrassare brokbuster e senza che la finanza ti venga a casa perchè ti vede sempre collegato al P2P
      Un altro
      consiglio è di guardare i programmi della
      lavatrice. Alcuni, tipo "lana e delicati" oppure
      "mezzo carico, ciclo breve" sono delle pizze, lo
      ammetto, ma "bianchi molto sporchi" e
      "centrifuga" sono dei capolavori da Oscar.
      :-Dio preferisco "45° ciclo lungo", (canale "colorati molto sporchi" sui decoder Kandy), in particolare mutande stinte
      • Anonimo scrive:
        Re: NESSUN TELEVISORE
        - Scritto da:

        1. sono molto più informato, visto che per le

        notizie utilizzo internet (e i quotidiani); un
        tg

        fa passare solo una decina di notizie in

        mezz'ora

        2. sono molto più consapevole, perché ragiono di

        più con la mia testa e non subisco le influenze

        martellanti del piccolo

        schermo

        ma così ti manca un'informazione fondamentale:
        quali informazioni la società dello spettacolo
        vuole fornirti e si capisce molto da cosa viene
        taciuto o
        minimizzato...Su questo ti dò ragione. Purtroppo però il tempo è quello che è e io non ne ho per mettermi alla lavagna a segnare i buoni e i cattivi. Quello che viene taciuto, comunque, lo so: basta interagire con le persone per capire quello di cui vengono informati o non informati.

        3. sono un consumatore più attento, dal momento

        che per acquistare beni di consumo uso tutti e

        cinque i sensi, in luogo degli unici due

        ampiamente sfruttati dalla tv (vista e

        udito)

        ma come fai se non guardi la pubblicità a
        scegliere i prodotti da non comprare ;-)
        ?Non sono così radicale. Sono i miei sensi che mi dicono che cosa comprare. Che il prodotto sia o non sia pubblicizzato in tv non mi importa, basta che sia buono.

        4. non conosco i volti dei personaggi della tv,
        e

        nemmeno i programmi che danno (cosa di cui vado

        abbastanza fiero), il che crea spesso situazioni

        divertenti con i miei interlocutori (un giorno

        per la strada ho incrociato una ragazza carina,

        l'ho fermata e mi sono messo a chiacchierare con

        lei senza sapere chi fosse. Era una nota (ma a

        chi?) cantante vincitrice di un Sanremo e io non

        lo sapevo (non faccio il suo nome per

        galanteria)... Divertente. Stessa cosa mi è

        capitata parlando con uno che poi mi hanno

        spiegato essere il "poeta catartico" (non
        ricordo

        il suo nome) di

        Zelig

        vedi ? se ll riconoscevi li evitavi..Sulla lei hai ragione, su lui non saprei... Abbiamo parlato di organizzazioni benefiche e mi pareva tuto a posto.

        poi ti registri i films e li guardi senza
        ingrassare brokbuster e senza che la finanza ti
        venga a casa perchè ti vede sempre collegato al
        P2PNon ho molto tempo per guardare film. Ne guarderò due o tre ogni mese. Però mi piacciono i contenuti politici, scientifici e storici dell'archivio Rai.

        Un altro

        consiglio è di guardare i programmi della

        lavatrice. Alcuni, tipo "lana e delicati" oppure

        "mezzo carico, ciclo breve" sono delle pizze, lo

        ammetto, ma "bianchi molto sporchi" e

        "centrifuga" sono dei capolavori da Oscar.

        :-D


        io preferisco "45° ciclo lungo", (canale
        "colorati molto sporchi" sui decoder Kandy), in
        particolare mutande
        stinteEheheh!
        • Anonimo scrive:
          Re: NESSUN TELEVISORE
          - Scritto da:
          Non ho molto tempo per guardare film. Ne guarderò
          due o tre ogni mese. Però mi piacciono i
          contenuti politici, scientifici e storici
          dell'archivio
          Rai.www.raiclick.it
    • interceptor scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE

      3. sono un consumatore più attento, dal momento
      che per acquistare beni di consumo uso tutti e
      cinque i sensi, in luogo degli unici due
      ampiamente sfruttati dalla tv (vista e
      udito)Sarai anche più attento, ma rischi di acquistareprodotti che martellano con pubblicità, mentreio invece tendo ad escluderli.
      Ragazzi, pensateci!!! Non avere la tv, a parte
      produrre tutti i vantaggi di cui sopra, fa anche
      figo con le ragazze e desta in loro una sorta diSe per fare il "FIGO" con le ragazze devi direche non hai il televisore, bhe, mi sa che seiun po' scarsino di argomenti.
      "strana ammirazione". La gente vi guarderà come
      un alieno e, davanti alla qualità del vostro
      livello di informazione autocostruita, sarete
      trattati come dei veri e propri
      "guru".Pensa che io sono a un livello superiore. ;)La TV ce l'ho e seleziono cosa guardare e decidoquali programmi meritano e quali no.Penso sia molto più critico, e faccia lavoraremolto di più il cervello che la privazione assoluta.
      La tv come la concepiamo ora, cioè con un
      palinsesto, ha gli anni contati. Io prevedo che
      le compagnie dei telefoni e dei servizi di
      connettività prenderanno il suo posto con
      contenuti on-demand. Opinabile, per ora tutti i mezzi di di trasmissione alternativi alla TV stanno proponendo gli stessi palisesti su media diversi. (vedi DTT e videofonini)Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: NESSUN TELEVISORE

        Pensa che io sono a un livello superiore. ;)
        La TV ce l'ho e seleziono cosa guardare e decido
        quali programmi meritano e quali no.
        Penso sia molto più critico, e faccia lavorare
        molto di più il cervello che la privazione
        assoluta.Perché? Pensi che prima di liberarmente mi facessi flebo di tv? Ti dico che dopo più di due anni la differenza si sente eccome. Il cervello lavora di più senza tv. Almeno il mio.Devi fare attenzione: quello di cui parli si chiama "l'illusione della scelta". Scegli A, B o C? Qualunque cosa tu scelga tra A, B e C, è la tv che te li fa scegliere. E ti perdi tutte le altre lettere dell'alfabeto che la tv esclude.Sei a un livello superiore ai teledipendenti, magari. È un primo passo, continua così e sii ancora più critico.
        • Anonimo scrive:
          Re: NESSUN TELEVISORE
          imho , buttare la TV , NO. Può essere utile per guardare i film/navigare/giocare stando seduti sul divano invece che sulla sedia d'avanti al pc :D. Poi chi può permettersi un buon videoproiettore, allora a quel punto puoi anche rinunciare alla tv.
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      Quoto tutto.., però devo dire che io quando dico alle persone "non ho una tv" più che incuriosirli mi guardano come se fossi un etraterrestre o un matto.Devo trovare un discorso per fargli capire che ad essere non normale è chi la tv la guarda, e non il contrario... forse che la TV è una centrale del lavaggio del cervello? che con i suoi programmi cretini giorno dopo giorno cerca di annullare il nostro senso critico in modo da farci "bere" qualsiasi cosa e comprare i prodotti pubblicizzati? che l'audience televisiva è assimilabile ad una vacca venduta al macellaio (gli inserzionisti) con i diversi pezzi già segnati a gessetto (grazie all'auditel che individua i target).... immaginate questa conversazione tra un venditore di spazi pubblicitari e un manager della azienda che produce un detersivo: "ma dai, con Beautiful ti do non meno di 6 milioni di casalinghe al giorno per 4 mesi, vuoi che questo non valga 2 Mln di Euro?" altri esempi base di cosa vende cosa: calcio-
      macchine, dopobarba, alcoolicicartoni animati-
      giocattoliRendetevi conto, teledipendenti... siete un prodotto che viene venduto a lotti ai pubblicitari.
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      "9. a casa mia tra amici si dialoga di più e con le ragazze si fa più sesso"Mi sembra una motivazione più che sufficiente a buttare la tv dalla finestra... :DHo trovato il mio nuovo "guru"...(cylon)J.J.
      • Anonimo scrive:
        Re: NESSUN TELEVISORE
        - Scritto da:
        "9. a casa mia tra amici si dialoga di più e con
        le ragazze si fa più
        sesso"

        Mi sembra una motivazione più che sufficiente a
        buttare la tv dalla finestra...
        :D
        Ho trovato il mio nuovo "guru"...soprattutto per quanto riguarda la parte che segue la "e", vero? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: NESSUN TELEVISORE
      - Scritto da:
      9. a casa mia tra amici si dialoga di più e con
      le ragazze si fa più sesso

      WizPiù ragazze contemporaneamente ?(newbie)
  • Anonimo scrive:
    Io ho i miei dubbi
    Non sono esperto in giurisprudenza, però il fatto che siano inclusi i PC nella categoria di apparecchi "atti o adattabili" alla ricezione dei canali RAI la vedo per lo meno una questione di interpretazione. Dato di fatto: un normale pc non è atto a ricevere il segnale televisivo della RAIE' adattabile? L'adattabilità o meno di un dispositivo a ricevere i canali RAI è tutta una questione di interpretazione.Interpretato alla lettera, quasi qualsiasi dispositivo dei giorni odierni può essere adattato per ricevere i canali RAI. Qualsiasi dispositivo dotato di display, avendo a disposizione opportune competenze, fondi e strumentazioni può essere adattato alla ricezione della TV.Avrebbe senso un'interpretazione del genere? Credo proprio di no.IMHO un dispositivo è adattabile se con normali mezzi e conoscenze è possibile adattarlo alla ricezione del segnale televisivo. E' possibile questo per le TV normali? Certo, poiché di base, anche senza antenna esterna, possono ricevere e visualizzare (anche se disturbato) il segnale televisivo. E comunque creare un'antenna rudimentale in casa è un'impresa facile.Per un PC? E' adattabile in casa? No, assolutamente no. Il PC richiede per forza di cose l'acquisto di una ulteriore dispositivo per la ricezione, dispositivo che non è possibile costruire in nessun caso con semplici strumenti. Quindi, per conto suo, un PC è tutto tranne che adattabile alla ricezione del segnale televisivo.
  • Anonimo scrive:
    La legge va corretta!
    Bisogna aggiungere i videofonini e pure l'IPOD, chi ha l'ipod deve pagare il canone eh! un canone per ogni ipod e più ipod per tutti! :Dps. pure per il nano, non ci provate! :D
  • Anonimo scrive:
    Criminaleeee! :)
    se tutti facessero come te forse non potremmo vedere l'isola dei "famosi" o music farm o ancora i pacchi di bonolis, non potremmo dare 1 miliardo a John Travolta per massaggiare i piedi alla Cabello... eccheccacchio! :Dps. per me dovrebbero decidere, o canone o pubblicità. Personalmente se ci fosse solo il canone sarebbe la cosa migliore e la Rai non sarebbe legata alle logiche commerciali, magari Grillo potrebbe pure tornare anche a fare una trasmissione di 10 minuti... ;)
  • Dark-Angel scrive:
    Tassa di Circolazione, tassa di possesso
    caro amico, è la stessa identica situazione delle automobiliprima c'era la cosiddetta "tassa di circolazione", cioè, poichè era garantita la circolazione delle auto (lol) e tu usufruivi di questo servizio, allora dovevi pagarein merito a ciò, molti contestarono dicendo: "c'è gente che l'auto la usa poco, o non la usa affatto, e deve pagare comunque come chi la usa per tutto il giorno", protestarono e protestarono, e ottennero la dichiarazione di illegittimità di quella tassaallora lo stato (o chi per lui) che fesso non è, cambiò (come è successo anche per la legge urbani) qualche "parolina" qui e lie la tassa divenne di "possesso"ossia: non conta piu che tu l'auto la usi molto o poco, conta che ce l'hai e quindi devi pagare una tassa sul possibile uso che ne faraigli automobilisti si sono trovati di nuovo fregati e i soliti grassocci ancora piu grassicon la tv è lo stesso: il canone rai era ciò che il nome stesso dice: un canonema molti contestavano, dicendo che la rai non era una tv seguita da loro, con l'avvento delle televisioni indipendentiinsomma, arrivarono al punto di dire: noi la rai non la vogliamo, se continuiamo a riceverla sono problemi vostri, ma del canone non ne vogliamo sapere!e la rai, approfittando delle solite collusioni di cui tutti sanno e nessuno parla, si fece fare una modifica di legge ad hocora il canone non è piu una cosa che paghi per un servizio che ricevi (la visione di rai uno, due e tre), ma una tassa che paghi per il "privilegio" di poter vedere il segnale radiotelevisivo su "qualsiasi apparecchio in grado di farlo"e quest'ultima cosa è una finezza terrificante: anche un tostapane, opportunamente modificato, ti permette di vedere la tvanche i gameboy, anche l'ipod, volendo...ed una cosa terrificante (un altra ancora) è che continuino a chiamarlo Canone RAIperchè se lo chiamassero "Tassa Radiotelevisiva" allora dovrebbero ammettere la presa per i fondelli, provocando una sicura reazione tra i tantissimi "abbonati" (come li chiamano loro)ma soprattutto, chiamandola cosi, non avrebbero piu il titolo di riceverne solo loro, perchè a quel punto gli introiti di tale tassa andrebbero divisi tra tutte le principali stazioni televisive nazionali e locali, e se ne perderebbe tutto lo scopo...quindi, loro lo chiamano canone, cosi gli "abbonati" sono felici e tassati, gli avversari non ciucciano nulla, e con la modifica ad hoc tassano chiunque abbia qualcosa con un minimo di tecnologia "compatibile"spero proprio che il famoso DIGGITALE TERRESTRE (con due g apposta) gliela metta a quel serviziosono profondamente contrario al dtt, e quando sarà d'obbligo passerò al satellitare... una piattaforma sicuramente piu standard e collaudataperò, con la possibilità del decoder, e delle smart card, di interdire la visione di alcuni canali anzichè altri, non avranno PIU NESSUNA SCUSA per imporci questa tassa oscena"dobbiamo" pagarti una tassa per vedere i tuoi canali, rai? non vogliamo, bloccaceli sul decoder e siamo tutti piu felici e contentiche poi, con tutto il patrimonio posseduto dalla rai (parlo di patrimonio culturale), potrebbe essere una delle piu grandi tv del mondo, invece è strumento e artefice di governi e manipolatori...bah
    • Anonimo scrive:
      Re: Tassa di Circolazione, tassa di possesso

      che poi, con tutto il patrimonio posseduto dalla raiAd esempio, parliamo di paesi CIVILI (cioè non l'Italia), la BBC rende disponibili a tutti i cittadini inglesi (ovviamente fanno una verifica del numero IP, per cui l'ho già provato, non va dall'Italia ), sul sito Internet della BBC è possibile scaricare liberamente un'infinità di video, e hanno in programma di rendere, nei prossimi anni, tutto il loro archivio liberamente disponibile.Questo vuole dire RESTITUIRE un servizio a fronte del canone, che pagano pure loro, ma almeno hanno qualcosa indietro. No, in ItaGlia, la RAI pretende il canone, produce spazzatura per fare concorrenza alle reti commerciali, e visto che i soldi del canone se li sono già fumati in stipendi, si RIVENDONO l'archivio dei programmi a Fastweb (RAI Click), cioè privatizzano nuovamente una cosa che è stata pagata con i soldi pubblici, per cui l'utente che ci vuole accedere, alla fine l'ha pagata due volte...Proviamo a lanciare questa proposta: Accesso libero all'intero archivio RAI via Internet come Video on Demand per i soli utenti che pagano il canone.Dato che ci sono circa 5 milioni di evasori, se anche solo 500 mila si rimettessero in regola, i soldi per fare questa cosa ci sono sicuramente, e avanzano anche...
      • Anonimo scrive:
        Re: Tassa di Circolazione, tassa di possesso
        - Scritto da:

        che poi, con tutto il patrimonio posseduto dalla
        rai

        Ad esempio, parliamo di paesi CIVILI (cioè non
        l'Italia), la BBC rende disponibili a tutti i
        cittadini inglesi (ovviamente fanno una verifica
        del numero IP, per cui l'ho già provato, non va
        dall'Italia ), sul sito Internet della BBC è
        possibile scaricare liberamente un'infinità di
        video, e hanno in programma di rendere, nei
        prossimi anni, tutto il loro archivio liberamente
        disponibile.

        Questo vuole dire RESTITUIRE un servizio a fronte
        del canone, che pagano pure loro, ma almeno hanno
        qualcosa indietro.In Giappone i giapponesi odiano il canone quanto noi e cacciano gli incaricati della raccolta fondi con qualche scusa, e adesso sempre piu' volentieri dato che sono emersi spesso scandali di esattori che si tenevano tutti i soldi.Ma la televisione nazionale giapponese fornisce ogni giorno programmi didattici di vario tenore e levatura: lingue straniere (inglese, francese, italiano, tedesco, arabo, russo, coreano, cinese, indonesiano, spagnolo, portoghese, giapponese per stranieri, inglese per gli affari, inglese per bambini, ideogrammi per bambini), e poi chimica, matematica, fisica, geometria, algebra, informatica, e un vasto numero di programmi educativi estremamente vari, per esempio come costruire giocattoli, come funziona l'enegia eolica, le notizie della settimana spiegate in maniera semplice per i bambini, documentari su piante, animali, robot, cucina, immondizia, energia, geografia, ecc. poi cose piu' futili come scacchi cinesi, go e altro ancora.Affianca a questa programmazione i telegionali, molti sceneggiati televisivi, spesso si vedono rappresentazioni teatrali, sport (baseball, maratone sportive e sumo principalmente), giochi a premi, non mancano i programmi sciocchi o paticolarmente inutili, ma complessivamente si puo' dire che ci sia una fortissima componente educativa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Tassa di Circolazione, tassa di possesso
          - Scritto da:
          educativi estremamente vari, per esempio come
          costruire giocattoli, come funziona l'enegia
          Ieri mi sono visto su video.google.com come nasce un disco in vinile
          • Anonimo scrive:
            OT -Tassa di Circolazione, tassa di
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            educativi estremamente vari, per esempio come

            costruire giocattoli, come funziona l'enegia


            Ieri mi sono visto su video.google.com come nasce
            un disco in
            vinileInteressante.Puoi darmi qualche riferimento per trovarlo? URL, parole chiave usate...
  • Anonimo scrive:
    TASSA DA ABOLIRE SUBITO
    Altro che ici...Qui c'e' questa tassa assurda, appunto sul possesso di praticamente qualsiasi cosa, anche un banale cellulare.E poi e' veramente scandaloso e anacronistico che la Rai che gia' *vende* dei suoi pacchetti sul satellite, non sia in grado di fare altrettanto sul terrestre, mettendo un banale sistema di accesso condizionato come smart card o smili, cosi' chi la vuole vedere paga, chi non la vuole vedere NO, senza limitare la liberta' di nessuno che vuole possere una Tv o simili.Bella lettera, avete fatto bene a pubblicarla: fatelo piu' spesso!
  • Anonimo scrive:
    NON Vietato liberarsi della RAI
    Guarda qui cosa devi fare !http://www.aduc.it/dyn/sosonline/modulistica/modu_mostra.php?Scheda=40167Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: che tristezza, in 4 lingue diverse
    ho ricevuto anch'io quella ridicola lettera, e come Stefano Azzolini ho fatto un salto quando ho visto che venivano inclusi i PC. ma quello che più mi ha irritato è stato scoprire che le stesse cose (un po' riassunte, x la verità) erano scritte anche in altre 4 lingue: inglese, francese, arabo e cinese (credo). Adesso non ricordo più (perché l'ho stracciata subito), ma mi pare che mancasse lo spagnolo, cosa curiosa visto che tutta la tiritera riguarda soprattutto le coabitazioni, molto diffuse tra gli emigranti presenti in Italia...
  • Anonimo scrive:
    Tassa da abolire
    cosa mi offre la RAI?qualche film, trasmissioni piene di raccomandati e altre schifezze. In più mi devo sorbire anche la pubblicità.Meglio mediaset, almeno non pago per vedere pubblicità e le trasmissioni sono mediamente migliori (eccetto de filippi e reality ma tanto ci sono i cloni anche in rai)
  • HomoSapiens scrive:
    mandano le lettere pure ai morti
    a me arrivano ancora le lettere minatorie della rai indirizzate a mio nonno buon'anima.. all'inizio mio padre ha dovuto pagare 2 canoni perchè non ha fatto in tempo a cancellare l'abbonamento.. non so quante volte ce l'abbiamo detto che non c'è più e quelli insistono "a criminale, non mi paghi più significa che evadi. però siamo magnanimi! e ti diamo la possibilità di pagarci".. mi mandino l'omino a controllare .......-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 giugno 2006 00.44-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: mandano le lettere pure ai morti
      - Scritto da: HomoSapiens
      a me arrivano ancora le lettere minatorie della
      rai indirizzate a mio nonno buon'anima..
      all'inizio mio padre ha dovuto pagare 2 canoni
      perchè non ha fatto in tempo a cancellare
      l'abbonamento.. non so quante volte ce l'abbiamo
      detto che non c'è più e quelli insistono "a
      criminale, non mi paghi più significa che evadi.
      però siamo magnanimi! e ti diamo la possibilità
      di pagarci".. mi mandino l'omino a controllare
      .......Paga o pignoriamo la bara :@Omino RAI
    • Anonimo scrive:
      Re: mandano le lettere pure ai morti
      Verissimo...mandano le lettere almeno per 5 anni...anche se li informi che il titolare e deceduto e nessuno abita nella casa....l'omino della rai farebbe meglio a non passare.
      • Anonimo scrive:
        Re: mandano le lettere pure ai morti
        - Scritto da:
        Verissimo...mandano le lettere almeno per 5
        anni...anche se li informi che il titolare e
        deceduto e nessuno abita nella casa....l'omino
        della rai farebbe meglio a non
        passare.Purtroppo, stando in Cielo, le trasmissioni RAI le riceve anche meglio
        • Anonimo scrive:
          Re: mandano le lettere pure ai morti
          - Scritto da:


          - Scritto da:

          Verissimo...mandano le lettere almeno per 5

          anni...anche se li informi che il titolare e

          deceduto e nessuno abita nella casa....l'omino

          della rai farebbe meglio a non

          passare.

          Purtroppo, stando in Cielo, le trasmissioni RAI
          le riceve anche
          meglioE quelli finiti all'inferno?(newbie)
          • Anonimo scrive:
            Re: mandano le lettere pure ai morti
            - Scritto da:
            E quelli finiti all'inferno?(newbie)la ricevono male però devono comunque pagare il canone (rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: mandano le lettere pure ai morti
      Si va bene, ma cosa aspettate a denunciarli questa è intimidazione ergo "violenza o minaccia" e nella minore delle ipotesi diffamazione e/o violazione della privacy.Provate a mandare una lettera in stile "legale" vedrete che poi la smetteranno d'intimidirvi..Possibile che la gente non conosce i propri diritti?Tra l'altro come è stato appurato le lettere in questione provengono da società terze di recupero credito i cui modi di agire sono tutt'altro che leciti.
  • Anonimo scrive:
    Devi essere un pivello
    Fregatene di quelle lettere minatorie della RAI.Sono i soliti messaggi sinistri mafiosi di minacce.
  • avvelenato scrive:
    ricezione delle trasmissioni televisive
    ovvero di em. E ogni conduttore riceve le em. di conseguenza nessuno si salva.Non è specificato da nessuna parte che la ricezione dev'esser decodificata/demodulata e visualizzata.Ergo: legge idiota.
  • Anonimo scrive:
    Re: Vietato liberarsi della RAI
    Sono ormai 7 anni che ricevo quella lettera li'. La prima volta o anche risposto chiedendo pure di essere cancellato dai loro elenchi in nome dela privasi. Poi ho rinunciato, se hanno voglia di perdere tempo e denaro a chiedermi sghei che facciano pure. E' venuto anche l'omino RAI a trovarci a casa ma mica gli ho aperto (pero' ha torchiato il mio vicino per sapere se cio' la TV).
  • Anonimo scrive:
    tubo catodico
    un tubo catodico (si', solo il tubo) e' adattabile a ricevere il segnale rai.Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho un oscilloscopio) devo pagare il canone rai?
    • HomoSapiens scrive:
      Re: tubo catodico
      - Scritto da: munehiro
      un tubo catodico (si', solo il tubo) e'
      adattabile a ricevere il segnale
      rai.
      Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho
      un oscilloscopio) devo pagare il canone
      rai?
      perchè, non pagavi il canone??!?!? criminale evasore!! (rotfl)(rotfl)(rotfl) ;) ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: tubo catodico
      - Scritto da: munehiro
      un tubo catodico (si', solo il tubo) e'
      adattabile a ricevere il segnale
      rai.
      Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho
      un oscilloscopio) devo pagare il canone
      rai?
      dannazione, speravo che i portatili si salvassero dalla scheda tv ma ho visto che ci sono quelle usb!
      :POmissis (apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: tubo catodico
      - Scritto da: munehiro
      un tubo catodico (si', solo il tubo) e'
      adattabile a ricevere il segnale
      rai.
      Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho
      un oscilloscopio) devo pagare il canone
      rai?
      In irlanda la tassa la paghi anche se hai della attrezzatura per la ricezione del segnale televisivo.E ricadono sotto questa categoria:- La borchia della tv via cavo, anche se non hai il televisore- Una parabola personale o condominiale, anche se non hai il televisore- Una antenna sul tetto, anche se non hai il televisore.Ho letto di qualcuno che ha scritto per chiedere qualcosa tipo:'Ho uno stendino metallico per i panni, questo stendino e' in grado di captare il segnale televisivo e se lo collegato ad un televisore (ho fatto la prova con quello di mio zio), ricevo i canali senza problemi.Devo pagare anche io il canone?'Ovviamente non gli hanno risposto.Tremate comunque perche' l'andazzo e' quello di spingere per tassare anche PC+connessione in banda larga: si fruisce di trasmissioni in streaming.Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: tubo catodico

        Tremate comunque perche' l'andazzo e' quello di
        spingere per tassare anche PC+connessione in
        banda larga: si fruisce di trasmissioni in
        streaming.Ma certo! Perche' altrimenti introdurre quel "adattabile"?Altro che legge idiota come scrive Avvelenato altrove, e' una norma furbissima, vaga come un oroscopo che si adatta ad ogni situazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: tubo catodico
          - Scritto da:


          Tremate comunque perche' l'andazzo e' quello di

          spingere per tassare anche PC+connessione in

          banda larga: si fruisce di trasmissioni in

          streaming.

          Ma certo! Perche' altrimenti introdurre quel
          "adattabile"?
          Altro che legge idiota come scrive Avvelenato
          altrove, e' una norma furbissima, vaga come un
          oroscopo che si adatta ad ogni
          situazione.va beh, ma è chiaro... se basta mettere una scheda pc-tv ... l'evasione è facilissima.
      • rockroll scrive:
        Re: tubo catodico
        - Scritto da:

        .......................................

        Tremate comunque perchè l'andazzo è quello di
        spingere per tassare anche PC+connessione in
        banda larga: si fruisce di trasmissioni in
        streaming.

        Saluti. Per carità, zitti, non diciamo queste cose, il nemico ci ascolta: il nemico non è così fine da pensare e capire queste cose da se, ma se gliele diciamo proprio noi è la fine!
    • Anonimo scrive:
      Re: tubo catodico
      - Scritto da: munehiro
      un tubo catodico (si', solo il tubo) e'
      adattabile a ricevere il segnale
      rai.
      Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho
      un oscilloscopio) devo pagare il canone
      rai?
      si.scrivi alla rai e ricordaglielo, magari se n'erano scordati :)
    • Anonimo scrive:
      Re: tubo catodico
      ROTFL
    • Anonimo scrive:
      Re: tubo catodico
      - Scritto da: munehiro
      un tubo catodico (si', solo il tubo) e'
      adattabile a ricevere il segnale
      rai.
      Quindi se ho un tubo catodico in casa (perche' ho
      un oscilloscopio) devo pagare il canone
      rai?
      No quella è la legge precedente.Fino a fine anni '80 il canone era legato al possesso di un tubo catodico poiché l'unica tecnologia che permetteva la costruzione di un televisore era il tubo a vuoto.Poi venne cambiata perché erano numerosi i casi di possesso di tubo catodico che non poteva ricevere segnali televisivi (monitor PC, oscillosopi, ecc.) e quindi si spostò il canone sul possesso di un gruppo RF (Radio Frequenza). In teoria questa dovrebbe essere la forma più corretta di legge. Perché è il modulo RF in determinate bande di frequenza che permette a qualsiasi apparecchio predisposto di poter ricevere segnali televisivi.Poi arrivò qualche dirigente ingordo insieme col solito politico pezzo di mer%a corrotto. E si è introdotta la definizione di apparecchio predisposto. Il che comprende un enorme ventaglio di prodotti, dai monitor videocompositi o VGA ai computer. In teoria perfino gli stumenti di lavoro di un qualsiasi fotografo video operatore matrimoniale usati ovviamente solo per lo svolgimento del proprio lavoro, obbligherebbero al pagamento del canone.Per fortuna la legge attuale non dovrebbe comprendere gli oscilloscopi finché questi non abbiano interfacce di ingresso talmente generiche da poter utilizzare il tubo catodico per visualizzare un segnale in standard PAL/NTSC. In tal caso rientra tra gli strumenti atti o predisposti.Purtroppo la normativa è stata pensata diabolicamente generica ed interpretabile a piacimento per far pagare il canone ad una fetta più ampia possibile di individui per compensare la quantità di evasori.
Chiudi i commenti