Agcom lo sceriffo? Via alle consultazioni

60 giorni per valutare la delibera AGCOM che applica il Decreto Romani. Il testo ora divulgato è sostanzialmente identico a quello già circolato per vie non ufficiali

Roma – Avviato il periodo di consultazione pubblica di 60 giorni sul testo in materia di tutela del diritto d’autore approvato dal Consiglio di AGCOM all’unanimità.

Per le necessità di consultazione è stato naturalmente divulgato il testo, finora anticipato solo dalle dichiarazioni di intenti di coloro che l’avevo redatto e da fonti non ufficiali : secondo i primi osservatori , è quasi identico al testo trapelato nei giorni scorsi.

Il testo, nelle parole del presidente dell’Autorità Garante nelle Comunicazioni Corrado Calabrò, trova una “sintesi efficace tra le contrapposte esigenze” in campo, e in particolare il “diritto dei cittadini alla privacy”, l’accesso alla cultura e alla Rete e la tutela del diritto d’autore. Questo periodo rappresenta una premessa per l’eventuale trasformazione in legge del pacchetto di iniziative adottate su indicazione del Decreto Romani: l’Autorità intende in questi due mesi acquisire informazioni e documentazioni da parte dei diretti interessati , i quali potranno inviare, rispettando la modalità richiesta , le proprie comunicazioni all’indirizzo di posta certificata agcom@cert.agcom.it .

Nell’atto che avvia la consultazione specificate anche le domande cui l’AGCOM è interessata ad avere risposta .

Sistema di notice-and-takedown , il ruolo di AGCOM come sceriffo del suo corretto funzionamento e iniziative per favorire la diffusione del download legale, il tutto senza arrivare a controllare il singolo utente: starà ora alle parti che aderiranno alla consultazione pubblica valutare se il testo proposto dall’Authority rispetti le promesse della vigilia e sia o meno affine al testo trapelato .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Sono Gloria...
    ... ho lasciato la patente sul tavolo, vicino alla frutta (cit.)
    • FinalCut scrive:
      Re: Sono Gloria...
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      ... ho lasciato la patente sul tavolo, vicino
      alla frutta
      (cit.)Per la stazione?! :D[yt]-dYZn9yjWR4[/yt]
  • Paolino scrive:
    Geniale!
    Rimango sempre stupito da come certe persone riescono a creare qualcosa di veramente innovativo e, soprattutto, completamente inutile!Credo che questa sia la cosa più inutile da quando ho sentito parlare di ombrello ad aria.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Geniale!
      - Scritto da: Paolino
      Rimango sempre stupito da come certe persone
      riescono a creare qualcosa di veramente
      innovativo e, soprattutto, completamente
      inutile!
      Credo che questa sia la cosa più inutile da
      quando ho sentito parlare di ombrello ad
      aria.Che tanto che funziona bene, richiede anche un impermeabile: http://static.tuttogratis.it/software/fotogallery/432X326/17043/air-umbrella-in-azione.jpgE poi comunque, assai meglio questo sinceramente: http://wiki.yubico.com/wiki/index.php/Applications:Yubihome_-_Access_Control_to_building, un apriporta realizzato con una soluzione OTP :D
  • andrea del priore scrive:
    e se
    Alla vecchia maniera:"din don""chi e'?""sono tizio del terzo piano""ah, ok, entri" -
    preme un pulsante-
    la porta si apreOggi:"ho lasciato il telefono a casa" -
    non posso entrare in ufficio"il router si e' impallato e devo resettarlo" -
    non posso entrare in ufficio"il sito non e' raggiungibile" -
    non posso entrare in ufficio.Conosco metodi piu' semplici per complicarsi la vita
    • dancan scrive:
      Re: e se
      e tutti sotto windows
      • Ciccione scrive:
        Re: e se
        Perchè il router sotto Linux non si impalla?Il telefono non te lo dimentichi mai?I siti con il router di Linux sono perennemente raggiungibili?
    • Redpill scrive:
      Re: e se
      - Scritto da: andrea del priore
      Alla vecchia maniera:
      "din don"
      "chi e'?"
      "sono tizio del terzo piano"
      "ah, ok, entri" -
      preme un pulsante-
      la porta si
      apre

      Oggi:
      "ho lasciato il telefono a casa" -
      non posso
      entrare in
      ufficio
      "il router si e' impallato e devo resettarlo" -

      non posso entrare in
      ufficio
      "il sito non e' raggiungibile" -
      non posso
      entrare in
      ufficio.

      Conosco metodi piu' semplici per complicarsi la
      vitaAnche: un tizio ti frega il cellulare ed entra in ufficio.
      • Guybrush scrive:
        Re: e se
        - Scritto da: Redpill
        - Scritto da: andrea del priore[...]
        Anche: un tizio ti frega il cellulare ed entra in
        ufficio.Ci riesce anche meglio col badge che hai perso sulla metropolitana.GT
  • peppe scrive:
    cosa vecchia
    l'ho già fatto io mille anni fa... senza complicazioni di foursquare o internet...uno squillo ad un numero voip gratuito e il portone si apre se il numero combacia.
    • vuoto scrive:
      Re: cosa vecchia
      in effetti quello che descrivi e` semplice efficiente e con minori rischi per la privacy... quindi non decollera` mai ;)
Chiudi i commenti