AIBO abbaia di nuovo

Le indiscrezioni si rincorrono, e gli appassionati sperano che si rincorrano presto anche i nuovi AIBO

Roma – AIBO tornerà a scorazzare nelle case di geek e tecnomaniaci? Lo sperano in tanti dopo che Gamespot con due righe buttate là ha dato il via alle danze, sostenendo che non solo presto AIBO tornerà sugli scaffali, ma sarà anche controllabile da remoto via Playstation3 e PSP.

il robocoso Riprende il tutto Engadget che parla del robodoggie più famoso come di un affare che sarà dotato di sensori di movimento tutti nuovi e di una cam ad alto rendimento, capace di funzionalità di riconoscimento del volto e di sparare via WiFi sul sistema dell’utente quanto riprende. Il che implica per AIBO la possibilità di fungere anche da “guardiano domestico”.

AIBO si chiamerà AIBO PS, precisa Ubergizmo , secondo cui è possibile che, associato alla Play, il cagnobot faccia il suo dovere nello stimolarne le vendite.

Ma arriverà sul serio? Difficile dirlo. Quel che è certo è che la comunità di appassionati che da lungo tempo piange la scomparsa di AIBO ha riaperto un occhio. La loro speranza è di poter riaprire al più presto anche l’altro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il gelato che uccide scrive:
    Li capisco ...
    Si va bene, non è bello usare NTFS per un disco destinato ad andare su tutti i sistemi operativi ma cosa dovevano fare ?Usare FAT32 come tutti ... e i files più grandi di 4G ? Chi li splitta ?Dovevano usare il file system di MAC OS, così non li leggeva Windows ?NTFS è un'ottima scelta, specialmente se si usa Linux visto che dopo che sono riusiti a cacciare i driver in user space, il supporto è così completo che non servono più nemmeno le utility di ripartizionamento.Per l'altro problema invece è la solita disgustosa questione dell'ACPI e dei dischi ... possibile che l'ACPI con certi tipi di hardware non funzioni mai senza un workaround software ? Non c'era qualche standard da qualche parte ?Mah !
  • Di ME scrive:
    Linux al Tappeto
    Prima che arrivi il solito trollazzo rompi b.... Faccio notare a chiunque voglia commentare che il problema e' di Linux che Linux utilizza correttamente le periferiche di mass-storage usb da anni, senza problemi, HD USB, pendrive, lettori di flash card non sono MAI stato un problema. Quindi a sgarrare e' stata seagate che ha costruito un device fuori standard, quindi se la pirelli mi vende dei pneumatici ovali non e' colpa della mia auto se quando vado saltello.Esorto i windows fan boy dal trattenersi a lasciare meccomenti a riguardo perche' qualsiasi argomento sarebbe fuori luogo, la colpa e' di segante che ha inserito un firmware bacato dentro quel device. Punto e basta.
    • Petengy scrive:
      Re: Linux al Tappeto
      hai fatto bene ad avvisare,,,, stavo per replicare con le miriadi di incompatibilità che ho riscontrato usando Vista.... ma sono convinto che questi problemi verrano risolti (per tutti e 2 gli OS).
      • ... scrive:
        Re: Linux al Tappeto
        - Scritto da: Petengy
        hai fatto bene ad avvisare,,,, stavo per
        replicare con le miriadi di incompatibilità che
        ho riscontrato usando Vista.... ma sono convinto
        che questi problemi verrano risolti (per tutti e
        2 gli
        OS).'Miriadi di incompatibilità'... sarà che normalmente uso Linux, ma ad essere sincero io con Vista di incompatibilità ne ho trovate solo 3... la cosa curiosa è che in due casi si tratta di programmi Microsoft e nel terzo si tratta di condivisione di risorse con un altro PC con Windows 2000... cosa vuoi che ti dica... è inutile discutere di chi sia la colpa...
  • valentino scrive:
    boh
    ma sta cazza..a non se la poteva risparmiare?NTFS-3G legge/scrive meglio di XP e Vista sui HDD.
  • /dev/null scrive:
    Linux al tappeto!
    Prima che arrivi qualche troll a dirlo... (rotfl)
  • nessuno.itaca scrive:
    possiamo scegliere
    Mi chiedo come mai, nonostante le offerte fatte da numerosi guru del kernel linux di sviluppare i driver per i dispositivi, le varie aziende (questa volta è seagate, la prossima chissa...) siano così restie a dare un supporto alla comunità open-source. Io personalmente uso linux dal 1998 (dalla cara e vecchia redhat 5.3) e per quanto riguarda le varie periferiche ho sempre scelto in base alla compatibilità con linux. Purtroppo l'unica arma che un consumatore di prodotti ha per sollecitare un'azienda a fare qualcosa è quella di ... scegliere qualcun'altro che faccia quello che vogliamo. Un'ultima considerazione: chissa come mai si tiene sempre in grossa considerazione gli utenti mac sebbene quelli linux siano molti di più (su quest'ultima considerazione non ho fonti ufficiali, però penso di non venire smentito)
    • FuSioN scrive:
      Re: possiamo scegliere
      - Scritto da: nessuno.itaca
      Un'ultima
      considerazione: chissa come mai si tiene sempre
      in grossa considerazione gli utenti mac sebbene
      quelli linux siano molti di più (su quest'ultima
      considerazione non ho fonti ufficiali, però penso
      di non venire
      smentito)perchè linux lo usano i "nerd rivoluzionari", Mac viene utilizzato anche in ambito lavorativo (principalmente grafico/montaggio video, dove comunque vengono spesi nMila euro di attrezzature)p.s. - sono un "linuxaro" pure io, il post non vuole essere trolloso ma realistico :)
      • Infatti... scrive:
        Re: possiamo scegliere
        - Scritto da: FuSioN
        perchè linux lo usano i "nerd rivoluzionari", :o (rotfl)(rotfl)
        Mac
        viene utilizzato anche in ambito lavorativo
        (principalmente grafico/montaggio video, dove
        comunque vengono spesi nMila euro di
        attrezzature)(rotfl)(rotfl)
        p.s. - sono un "linuxaro" pure io, il post non
        vuole essere trolloso ma realistico
        :)Certo, certo.
        • FuSioN scrive:
          Re: possiamo scegliere
          - Scritto da: Infatti...

          perchè linux lo usano i "nerd rivoluzionari",

          :o (rotfl)(rotfl)Utile il reply monofaccina.

          p.s. - sono un "linuxaro" pure io, il post non

          vuole essere trolloso ma realistico

          :)

          Certo, certo.Libero di non credermi, non è che me ne viene in tasca qualcosa.Fammi un esempio di aziende che utilizzino Linux in ambito WORKSTATION. E che abbiano un buon giro di soldi, un buon fatturato.Se parliamo di server il discorso è diverso, infatti la maggior parte dei vendor di hardware per server (vedi controller, piastre madri, unità di backup, ecc ecc) il 90% delle volte sono compatibili e certificate linux. Di solito distro come RHEL. E guarda un po', checchè tu ne dica, anche qui la scelta è dettata da scelte commerciali e di $$$. Perchè debian non è QUASI MAI certificata dai produttori di HW?La storia dei "nerd rivoluzionari" era chiaramente in chiave ironica, comunque.Attendo un altro reply monofaccina :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2007 10.51-----------------------------------------------------------
          • Infatti... scrive:
            Re: possiamo scegliere
            - Scritto da: FuSioN
            Attendo un altro reply monofaccina :)(linux)Contento?
          • CognomeNome scrive:
            Re: possiamo scegliere
            - Scritto da: FuSioN
            Se parliamo di server il discorso è diverso,
            infatti la maggior parte dei vendor di hardware
            per server (vedi controller, piastre madri, unità
            di backup, ecc ecc) il 90% delle volte sono
            compatibili e certificate linux. Di solito distro
            come RHEL. E guarda un po', checchè tu ne dica,
            anche qui la scelta è dettata da scelte
            commerciali e di $$$. Perchè debian non è QUASI
            MAI certificata dai produttori di
            HW?Beh non è sempre cosi cmq, Dell e HP ad esempio danno un supporto per debian fornendo pacchetti e informazioni, poi è chiaro che a farla da padrona sono gli accordi commerciali tra i produttori e i 2 grandi ossia red hat e novell, però è piacevole vedere che se decidi di utilizzare debian non sei proprio lasciato solo
          • FuSioN scrive:
            Re: possiamo scegliere
            - Scritto da: CognomeNome
            - Scritto da: FuSioN

            il 90% delle volte sono

            compatibili e certificate linux. Di solito distro

            come RHEL.
            però è piacevole
            vedere che se decidi di utilizzare debian non sei
            proprio lasciato
            solosiam d'accordo.. infatti sono fido utilizzatore sia di debian che di gentoo.. ma numerose volte mi son trovato cmq a sbattere con driver forniti solo in RPM da diventar stupidi a compilarli su altre distro, o ancora peggio direttamente i moduli binari e ciao ciao...
      • /dev/null scrive:
        Re: possiamo scegliere
        Vabbé ma i soldi sono sempre quelli, non è che i loro valgano di più.
      • The_GEZ scrive:
        Re: possiamo scegliere
        Ciao FuSioN !
        perchè linux lo usano i "nerd rivoluzionari", Mac
        viene utilizzato anche in ambito lavorativo
        (principalmente grafico/montaggio video, dove
        comunque vengono spesi nMila euro di
        attrezzature)Semmai il contrario ...http://www.linuxjournal.com/article/9653In fondo linux non se la cava poi così male con la grafica ...:)
        • FuSioN scrive:
          Re: possiamo scegliere
          - Scritto da: The_GEZ
          Semmai il contrario ...
          http://www.linuxjournal.com/article/9653
          In fondo linux non se la cava poi così male con
          la grafica
          ...
          :)Beh, certe volte essere smentito è un piacere :) Ma di certo non si può parlare di "standard" :(
          • krane scrive:
            Re: possiamo scegliere
            - Scritto da: FuSioN
            - Scritto da: The_GEZ

            Semmai il contrario ...

            http://www.linuxjournal.com/article/9653

            In fondo linux non se la cava poi così male con

            la grafica

            ...

            :)

            Beh, certe volte essere smentito è un piacere :)
            Ma di certo non si può parlare di "standard" :(Dipende dal livello : http://www.ansys.com/services/ansys-requirements110.htmQuesto e' uno standard quando Autocad non basta piu' ad esempio.
    • pentolino scrive:
      Re: possiamo scegliere
      Lancio una risposta un po' provocatoria; il cliente mac è di fatto un cliente che è disposto a spendere di più per avere qualcosa di qualità (o almeno per quello che crede sia di qualità; personalmente io uso sia Leopard che Ubuntu e li ritengo nel complesso equivalenti, ognuno ha forze e debolezze) quindi molte aziende cercano di accontentarlo; prova ne sia che per mac esistono una miriade di software a pagamento (anche 20 o 30 dollari, non parlo di photoshop e compagnia bella) che sono belli da vedere, facili da usare e funzionano bene, mentre per Linux ce ne sono meno perchè semplicemente non avrebbero mercato, un po' perchè in molti campi le applicazioni open non hanno nulla da invidiare, un po' perchè l' utente Linux tende ad essere più oculato nelle spese.Sul fatto che gli utenti linux siano molti di più di quelli mac non so, è difficile fare una stima degli utenti linux, anche perchè rappresentano una categoria difficilmente inquadrabile per la sua enorme varietà di esigenze.Poi se questo drive della seagate sia meglio di altri non ho idea, magari è tale e quale ai concorrenti!
      • FuSioN scrive:
        Re: possiamo scegliere
        - Scritto da: pentolino
        mentre per Linux ce
        ne sono meno perchè semplicemente non avrebbero
        mercato, un po' perchè in molti campi le
        applicazioni open non hanno nulla da invidiare,
        un po' perchè l' utente Linux tende ad essere più
        oculato nelle
        spese.Ecco qualcuno che ha colto il punto in maniera seria.Io non sto dicendo che il comportamento di Seagate o altri vendor sia giusto/corretto o altro. Ma come quasi ogni azienda punta al fatturato e non di sicuro alla gloria della comunità open source. Continuo ad insistere comunque che di solito (e in maniera errata) si punta al software open quando si ha bisogno di risparmiare."eh sai.. ho un vecchio scassone.. devo solo navigarci su internet.. ci metto linux"Tecnicamente la scelta è più che perfetta. Ma voglio vedere chiunque qui a convincere un ufficio che viene aperto ex-novo, nel quale si utilizza (ad esempio eh..) un software contabile che si basa su database SQL microsoft, e si fa progettazione CAD, ad utilizzare software open. Dimenticare.La colpa non è di sicuro tutta dalla parte degli utenti, anzi. Ma è un po' un cane che si morde la coda... non ci sono soluzioni facili.
        • pentolino scrive:
          Re: possiamo scegliere
          quoto in pieno; usare linux offre molti vantaggi, tra cui il fatto della gratuità, tuttavia in certi contesti specifici non è semplicemente all' altezza ora come ora e forse non lo sarà mai (non che questo sia nemmeno un problema basta saperlo prima e siamo tutti a posto)
        • vrms scrive:
          Re: possiamo scegliere
          - Scritto da: FuSioN
          - Scritto da: pentolino

          mentre per Linux ce

          ne sono meno perchè semplicemente non avrebbero

          mercato, un po' perchè in molti campi le

          applicazioni open non hanno nulla da invidiare,

          un po' perchè l' utente Linux tende ad essere
          più

          oculato nelle

          spese.

          Ecco qualcuno che ha colto il punto in maniera
          seria.
          Io non sto dicendo che il comportamento di
          Seagate o altri vendor sia giusto/corretto o
          altro.

          Ma come quasi ogni azienda punta al fatturato e
          non di sicuro alla gloria della comunità open
          source.

          Continuo ad insistere comunque che di solito (e
          in maniera errata) si punta al software open
          quando si ha bisogno di
          risparmiare.

          "eh sai.. ho un vecchio scassone.. devo solo
          navigarci su internet.. ci metto
          linux"

          Tecnicamente la scelta è più che perfetta. Ma
          voglio vedere chiunque qui a convincere un
          ufficio che viene aperto ex-novo, nel quale si
          utilizza (ad esempio eh..) un software contabile
          che si basa su database SQL microsoft, e si fa
          progettazione CAD, ad utilizzare software open.
          Dimenticare.

          La colpa non è di sicuro tutta dalla parte degli
          utenti, anzi. Ma è un po' un cane che si morde la
          coda... non ci sono soluzioni
          facili.Invece esiste e si chiama hardware open.Il giorno in cui qualcuno prenderà il coraggio a due mani e inizierà a produrre hardware con specifiche aperte, avremo il vero "quantum leap" nel campo del free software.
        • krane scrive:
          Re: possiamo scegliere
          - Scritto da: FuSioN
          - Scritto da: pentolino

          mentre per Linux ce ne sono meno perchè

          semplicemente non avrebbero mercato, un

          po' perchè in molti campi le applicazioni

          open non hanno nulla da invidiare,

          un po' perchè l' utente Linux tende ad

          essere più oculato nelle spese.
          Ecco qualcuno che ha colto il punto in maniera
          seria.
          Io non sto dicendo che il comportamento di
          Seagate o altri vendor sia giusto/corretto o
          altro.
          Ma come quasi ogni azienda punta al fatturato e
          non di sicuro alla gloria della comunità open
          source.
          Continuo ad insistere comunque che di solito (e
          in maniera errata) si punta al software open
          quando si ha bisogno di
          risparmiare.

          "eh sai.. ho un vecchio scassone.. devo solo
          navigarci su internet.. ci metto
          linux"

          Tecnicamente la scelta è più che perfetta. Ma
          voglio vedere chiunque qui a convincere un
          ufficio che viene aperto ex-novo, nel quale si
          utilizza (ad esempio eh..) un software contabile
          che si basa su database SQL microsoft, e si fa
          progettazione CAD, ad utilizzare software open.
          Dimenticare.Intanto se l'ufficio e' aperto ex novo si puo' usare un altro software contabile; inoltre se il problema fosse solo chi deve usare Autocad o Photoshop non staremmo neanche qui a parlarne.
          La colpa non è di sicuro tutta dalla parte degli
          utenti, anzi. Ma è un po' un cane che si morde la
          coda... non ci sono soluzioni facili.Si: soprattutto se parti dal presupposto che un ufficio ex novo sia gia' legato a M$ come dici tu (rotfl)
      • nessuno.itaca scrive:
        Re: possiamo scegliere
        rimane cmq. il fatto che è quantomeno difficile da capire perchè produttori di hw "abbastanza standardizzati" come gli hd esterni non si avvalgano di persone al top della competenza (quali sono i kernel guru) per estendere l'utilizzo dei loro prodotti ad un'ulteriore fetta di mercato. Cioè capisco che un produttore di schede video (vedi ATI e nVidia (che infatti rilasciano i loro driver proprietari)) sia riluttante a svelare le peculiarità del proprio prodotto... ma un hd esterno ... che cosa mai potrà vantare di così rivoluzionario da non poter essere svelato? boh!
        • pentolino scrive:
          Re: possiamo scegliere
          su questo ti quoto in pieno, ci sono tanti che sarebbero ben contenti di fare i driver per certe periferiche avendone le specifiche e non si capisce proprio perchè come dici tu tali specifiche debbano essere closed per delle periferiche molto standardizzate come appunto i dischi.Rimane il fatto però che molte industrie di Linux se ne sbattono semplicemente perchè anche se lo sforzo sarebbe minimo non ne avrebbero comunque un ritorno economico apprezzabile, tutto qui e posso anche capirlo dato che sono aziende a scopo di lucro...
  • Ossimoro scrive:
    Seagate non ha mai detto...
    che i Free Agent siano compatibili con Linux. Se poi nonostante ciò li si vuol usare lo stesso con tale SO non la si può biasimare se qualcosa non va.http://www.seagate.com/docs/pdf/datasheet/disc/ds_fa_desktop_us.pdf
    • pentolino scrive:
      Re: Seagate non ha mai detto...
      quoto, se uno vuole usare linux (come il sottoscritto) può semplcemente orientarsi verso altre marche/modelli
  • pentolino scrive:
    Che se li tengano allora
    Non funzionano bene su linux? Che se li tengano, siamo a posto così(linux)(apple)
  • Fabrizio scrive:
    Non forniamo supporto
    a utenti che pagano la stessa cifra ma che non usano il nostro sistema operativo preferitoche schifo
    • Zarbon scrive:
      Re: Non forniamo supporto
      - Scritto da: Fabrizio
      a utenti che pagano la stessa cifra ma che non
      usano il nostro sistema operativo
      preferito

      che schifoogni azienda decide come vuole, se non ti sta bene cambi azienda..
      • vrms scrive:
        Re: Non forniamo supporto
        - Scritto da: Zarbon
        - Scritto da: Fabrizio

        a utenti che pagano la stessa cifra ma che non

        usano il nostro sistema operativo

        preferito



        che schifo
        ogni azienda decide come vuole, se non ti sta
        bene cambi
        azienda..Posizione fondata sull'erroneo presupposto che esista un "libero mercato" nel quale l'utente ha ampia possibilità di scelta, sia in termini di HW che di SW.Sarebbe stato più realistico rispondergli: "Fonda la tua startup e inizia a produrre HW con specifiche open".
  • sherpya scrive:
    Re: disinformazione e basta
    beh veramente ubuntu ha ntfs-3getch no, ma sid siquindi non e' del tutto falsa la cosa :Dbeh io parlo di default, se le metti a mano e' diverso :)
  • Banana Joe scrive:
    Re: disinformazione e basta
    - Scritto da: pippopluto
    sdparm e' utilizzato da anni.ho tre dischi esterni, due sono anche firewire, linux li supporta, su un mac con openfirmware fai anche il boot di linux da firewire, il bios del mio pc invece richiede il boot usb.x la cronaca il wd ha il miglior sistema di sleep e ho usato hdparm su tutti e tre per evitare fsck all'avvio e guadagnare qualche reserved block, ma mai ho avuto bisogno di alterare i parametri per un semplice uso.Il fatto che ci siano problemi su questioni che dovrebbero essere consolidate puzza molto di spinta all'upgrade del SO, ma piu' che a linux penserei a xp -
    vista.Ovvio che un produttore che non fa drives che mi funziano ovunque non vede i miei soldi neanche di striscio.
  • pippetta scrive:
    Re: disinformazione e basta

    "Certe distribuzioni" non supportano ntfs... Ma
    cosa diavolo andate dicendo? Imparate a usare
    linux al posto che installarvi ubuntu perche' fa
    figo e poi lamentarvi che out of the box la tal
    cosa non
    funziona...a parte che a fare il troll son bravi quasi tutti.a parte che ubuntu legge ntfs e ci scrive senza installare niente di aggiuntivo.a parte che potevi risparmiarti il tono saccente di chi scrive di cose che non sa e si ritrova le travi negli occhi ...
Chiudi i commenti