Android 3.0 fa l'occhiolino ai tablet

Sul Web sono trapelate nuove indiscrezioni sulla futura major release di Android, il cui rilascio è stato apparentemente fissato per ottobre. Android 3.0 sarà più esoso in termini di hardware e supporterà nativamente risoluzioni più elevate

Roma – Mentre Google sta distribuendo Android 2.2 ( Froyo ) come aggiornamento over-the-air agli utenti di Nexus One, sul Web hanno fatto capolino nuove indiscrezioni su Android 3.0, nome in codice Gingerbread (pan di zenzero).

Secondo quanto riportato in questo podcast del blogger russo Eldar Murtazin, Gingerbread verrà rilasciato intorno alla metà del prossimo ottobre, e il primo smartphone basato su questa nuova versione di Android raggiungerà i negozi poco prima del periodo natalizio.

Come taluni si aspettavano, Android 3.0 ha requisiti hardware più elevati rispetto a quelli dei predecessori: Murtazin parla di CPU a 1 GHz, 512 MB di RAM e display con diagonale di almeno 3,5 pollici ( UPDATE : nelle scorse ore Murtazin ha puntualizzato che si tratta di “requisiti consigliati”, e non di requisiti minimi come aveva inizialmente riportato). Come conseguenza, solo l’ultima generazione di smartphone Android avrebbe le carte in regola per ricevere un eventuale aggiornamento ufficiale a Gingerbread: tra questi terminali si possono citare il Google Nexus One, l’HTC Desire, il Samsung Galaxy S e l’Acer Liquid E. Questo probabilmente non impedirà alla comunità hacker di portare Android 3.0 anche su modelli meno dotati, magari eliminando gli orpelli grafici.

Gingerbread supporterà poi nativamente la risoluzione di 1280 x 760 pixel, rendendo così questa piattaforma ancor più adatta ai tablet, e introdurrà un’interfaccia grafica profondamente rivista, simile – afferma Murtazin – a quella che oggi caratterizza la Gallery App integrata in Nexus One.

Il blogger russo sostiene che la nuova GUI rappresenterà la fine delle shell grafiche di terze parti, come la celebre Sense di HTC o TouchWiz di Samsung. Murtazin non è stato molto chiaro in questo senso, ma è probabile si riferisse al fatto che la nuova interfaccia è così graficamente ricca e completa di funzioni da rendere superfluo ogni altro front-end. Meno plausibile l’interpretazione offerta da altre fonti, come jkOnTheRun , secondo le quali Gingerbread impedirà (via API? via licenza?) l’uso di interfacce alternative.

Apparentemente Android 2.2 e 3.0 sono destinati a coesistere per l’intero arco della loro vita: il primo verrà indirizzato agli smartphone di fascia bassa, il secondo agli smartphone di fascia alta e ai tablet. Questa scelta consentirà ai produttori di utilizzare la versione di Android più adatta all’hardware dei loro dispositivi, ma nel contempo rischierà anche di incrementare la confusione tra i consumatori ed esacerbare quella frammentazione della piattaforma di cui Google nega ostinatamente l’esistenza. Ars Technica paragona questa scelta con quella di Nokia di usare MeeGo sui tablet e sugli smartphone di fascia alta e Symbian sugli smartphone di fascia bassa.

Nel recente passato le indiscrezioni relative ad Android 3.0 parlavano anche del supporto nativo al formato video WebM e al formato audio FLAC, ad un miglioramento delle funzionalità di copia e incolla e all’inclusione di una nuova versione dell’Android Market integrante un music store.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    La crisi e la cautela
    Per forza, il periodo di crisi e recessione fa essere le aziende molto caute.Per ora guardano alle intuizioni altrui, a cosa farà iPad e come andranno certi prodotti che stanno tastando nuovi mercati.Poi ci si butteranno in massa sicuri di avere ognuno la sua fetta.
  • sapio scrive:
    peccato per l'ELSE
    mi piaceva davvero, pratico, essenziale, davvero SMART. a dimostrazione che si può fare qualcosa di ottimo senza per forza seguire le mode e i presunti "must"... che l'ha detto che uno smartphone dev'essere multitouch? l'ELSE aveva dimostrato che si può costruire un'interfaccia rapida, piacevole, intuitiva, innovativa, senza multitouch.se fosse uscito, sarebbe stato senz'altro il mio primo smartphone.
    • sadness with you scrive:
      Re: peccato per l'ELSE
      - Scritto da: sapio
      mi piaceva davvero, pratico,onestamente, dai video che ho visto, non mi pare pratico
      essenziale, davvero
      SMART. a dimostrazione che si può fare qualcosa
      di ottimo senza per forza seguire le mode e i
      presunti "must"... che l'ha detto che uno
      smartphone dev'essere multitouch?nessuno, ma se per rinunciare al multitouch devo prevedere degli artifizi che ne riducono la praticità, qual'è il vantaggio?
      l'ELSE aveva
      dimostrato che si può costruire un'interfaccia
      rapida, piacevole, intuitiva, innovativa, senza
      multitouch.
      se fosse uscito, sarebbe stato senz'altro il mio
      primo smartphone.se non è uscito, ci sarà un motivo...
      • sapio scrive:
        Re: peccato per l'ELSE
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: sapio

        mi piaceva davvero, pratico,

        onestamente, dai video che ho visto, non mi pare
        praticomah... il mondo è bello perché è vario


        essenziale, davvero

        SMART. a dimostrazione che si può fare qualcosa

        di ottimo senza per forza seguire le mode e i

        presunti "must"... che l'ha detto che uno

        smartphone dev'essere multitouch?

        nessuno, ma se per rinunciare al multitouch devo
        prevedere degli artifizi che ne riducono la
        praticità, qual'è il
        vantaggio?e sarebbero ,questi artifici? la GUI a raggera senza icone? geniale


        l'ELSE aveva

        dimostrato che si può costruire un'interfaccia

        rapida, piacevole, intuitiva, innovativa, senza

        multitouch.

        se fosse uscito, sarebbe stato senz'altro il mio

        primo smartphone.

        se non è uscito, ci sarà un motivo...nessuno l'ha voluta rischiare.... lo smartphone è per eccellenza il prodotto consumer sensibile alle mode.ho espresso il mio parere, da fanboy di nessuno quale sono, purtroppo i più non resistono ai richiami dei marchi "prestigiosi"
        • sadness with you scrive:
          Re: peccato per l'ELSE
          - Scritto da: sapio


          mi piaceva davvero, pratico,



          onestamente, dai video che ho visto, non mi pare

          pratico

          mah... il mondo è bello perché è variomica tanto, visto che l'ELSE è stato "cassato"


          essenziale, davvero


          SMART. a dimostrazione che si può fare qualcosa


          di ottimo senza per forza seguire le mode e i


          presunti "must"... che l'ha detto che uno


          smartphone dev'essere multitouch?



          nessuno, ma se per rinunciare al multitouch devo

          prevedere degli artifizi che ne riducono la

          praticità, qual'è il vantaggio?

          e sarebbero ,questi artifici? la GUI a raggera
          senza icone?
          genialeGli arifizi sono le pressioni prolungate e le strade inutilmente lunghe per arrivare al dunque... tutto tempo perso

          se non è uscito, ci sarà un motivo...

          nessuno l'ha voluta rischiare...o forse tutti hanno capito che sarebbe stato un flop
          lo smartphone è
          per eccellenza il prodotto consumer sensibile
          alle mode.
          ho espresso il mio parere, da fanboy di nessuno
          quale sono, purtroppo i più non resistono ai
          richiami dei marchi "prestigiosi"Mah...
  • sadness with you scrive:
    As usual
    tutti che si affrettano a presntare qualcosa prima di Apple, ma l'unica a fare qualcosa di concreto e rivoluizionario è stata Apple con l'iPad... per ora tutto il resto sono stati solo annunci, smentite, e rimandi al 2011
    • JosaFat scrive:
      Re: As usual
      "rivoluzionario" LOLiPad è innovativo come un cucchiaio di legno
      • sadness with you scrive:
        Re: As usual
        - Scritto da: JosaFat
        "rivoluzionario" LOL
        iPad è innovativo come un cucchiaio di legnoMi fa piacere che tu sorrida: si sa che "il riso abbonda..."
  • ruppolo scrive:
    La solita strategia a breve termine
    Fare annunci per contrastare la concorrenza (Apple, nella fattispecie) non avendo nulla di pronto.Strategia a breve termine, come stiamo constatando (in cui Microsoft è maestra)
    • gips scrive:
      Re: La solita strategia a breve termine
      nono, m$ ha fatto di meglio: ha anche presentato gli smartphone KIN, morti in pochi mesi....lolerano inguardabili, soprattutto il kin1...
    • Funz scrive:
      Re: La solita strategia a breve termine
      - Scritto da: ruppolo
      Fare annunci per contrastare la concorrenza
      (Apple, nella fattispecie) non avendo nulla di
      pronto.

      Strategia a breve termine, come stiamo
      constatando (in cui Microsoft è
      maestra)Potevano sbatterci sopra un LCD qualunque come ha fatto Apple, e allora ecco che il QUE sarebbe uscito in tempo.E invece si intestardiscono a voler innovare... :p
      • JosaFat scrive:
        Re: La solita strategia a breve termine
        Già, ma per uno che ha gli occhi foderati di buccia di mela, LCD è meglio perché hai i colori!!!Peccato per il Que che pare scontare la mancanza di appoggio da parte di chi dovrebbe costruirci sopra sofware e servizi enterprise. Dovrebbe beneficiare alla grande dei problemi della iRex, invece non ci riesce. Purtroppo è molto più facile scrivere il programmino scemo per iCrap piuttosto che un'applicazione business.Peccato anche per la tecnologia di base è ottima, a parte l'OS Windows, quella indubbiamente una pessima scelta da parte di Plastic Logic.
    • sapio scrive:
      Re: La solita strategia a breve termine
      - Scritto da: ruppolo
      Fare annunci per contrastare la concorrenza
      (Apple, nella fattispecie) non avendo nulla di
      pronto.

      Strategia a breve termine, come stiamo
      constatando (in cui Microsoft è
      maestra)il fatto che un grande idea (vedi l'else) non entri in produzione non la squalifica.oggi WW produce i cogeneratori ideati da un ingengere italiano 35 anni fa...quindi...l'industria in genere non è lungimirante. l'industria consumer IT poi non vede a un palmo dal suo naso.
  • senex scrive:
    msPad
    E vi ricordate anche lo slate presentato in pompa magna da Microsoft, con Steve Ballmer in persona, e HP? (se non lo ricordate: http://xxiluna.blogspot.com/2010/01/msslate-critiche.html)Anch'esso cancellato.
Chiudi i commenti