Android One, Google prepara il debutto USA?

A Mountain View starebbero pensando a un cambio di strategia. Occupare tutte le fasce di mercato, compresa quella attorno ai 200 dollari, potrebbe essere conveniente

Milano – Si tratterebbe di un vero cambio di pelle per quello che era nato come un semplice esperimento per i paesi in via di sviluppo: Android One sarebbe pronto a fare il suo debutto sul suolo americano , con una chiara intenzione da parte di Google di puntare a presidiare tutte le fasce di prezzo del mercato così da cambiare anche gli equilibri di un mercato – quello degli smartphone – che si fa sempre più acceso e in cui le vecchie alleanze sembrano contare sempre meno.

Android One nasce di fatto in Asia, un progetto pensato per realizzare terminali economici e con un software facile da aggiornare in modo tale da aumentare la base potenziale di clienti e utenti di Android nel mondo. Inizialmente Android One prevedeva anche specifiche tecniche precise da rispettare , con addirittura Google tentata di lavorare a chip su misura per gestire completamente sia il lato hardware che software del proprio prodotto: nel tempo il programma si è fatto più morbido e si è pian piano allargato ad altri paesi emergenti (in Africa), ma anche a Spagna e Regno Unito tanto per non farsi mancare nessuna possibilità.

Una discesa in campo di Google negli USA con Android One potrebbe scardinare alcune alleanze (o semplici desistenze) che fino a qui hanno consentito una certa collaborazione pacifica tra Mountain View e i produttori di smartphone : tutto nasce dalla decisione di non mettere a disposizione di terzi l’ultima versione del software di assistenza prodotto per Android (Google Assistant), tanto da spingere Huawei a siglare un accordo con Amazon per avere un prodotto simile (Alexa) a bordo della sua ammiraglia Mate 9 appena fatta debuttare negli Stati Uniti. La nascita di Pixel , inoltre, va a incidere sulla fascia alta del mercato: in questo modo i terminali di Google “rubano” quote di mercato significative ai suoi partner OEM, e lo fa in un segmento ad alto valore aggiunto che significa molto in termini di fatturato e di utili.

Il rapporto tra Google e le varie Samsung, LG, HTC, Sony e ogni altro marchio produttore di terminali Android, di fatto, è andato cambiando ed evolvendosi: a Google sta molto a cuore l’aggiornamento in termini di sicurezza (e di funzionalità) dei terminali, processo che non sempre viene curato al meglio dagli OEM anche a causa della complessità delle certificazioni degli aggiornamenti da effettuare di concerto con gli operatori. Il risultato è che la lotta di Google per ridurre la frammentazione dell’ecosistema non ottiene i risultati sperati. Pixel risponde all’esigenza di mostrare cosa un terminale di fascia alta è in grado di fare con la dovuta cura, Android One potrebbe svolgere lo stesso compito nella fascia media.

Senza contare che con un prodotto di buona qualità, in vendita a 200 o massimo 300 dollari, Google potrebbe puntare a vendere i suoi smartphone senza passare per gli operatori : un business per larga parte inesplorato nel mercato a stelle e strisce, che potrebbe rivelarsi anche interessante economicamente.

Tutto sommato, dunque, ci sono molte buone ragioni per pensare a un debutto di Android One negli Stati Uniti. Se le notizie riferite da The Information , testata non nuova a scoop sul tema, saranno confermate non resterà che aspettare solo qualche mese per vedere che destino potrà avere Android sul mercato americano.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ma bbasta scrive:
    Astensione
    "Configuriamo e compiliamo Samhain"astenersi winari e macachi
    • Passavo di qua. scrive:
      Re: Astensione
      - Scritto da: ma bbasta
      "Configuriamo e compiliamo Samhain"

      astenersi winari e macachiLa prossima volta configura e compila in silenzio.
      • ma bbasta scrive:
        Re: Astensione


        La prossima volta configura e compila in silenzio.ma anche si: non c'e' bisogno di strillare ovunque con il marketing come fanno winari e macachi la loro fuffa cambiando il nome a quella vecchia un intenditore di vino non guarda l'etichetta ma lo assaggia e ne da un giudizio, il fuffaro prima guarda il prezzo e marchio poi l'etichetta dorata sbrilluccicosa e in base a quello ne da un parere
Chiudi i commenti