Anti-laser, una mano santa per la nanofotonica

Un team di ricercatori statunitensi realizza per la prima volta un dispositivo in grado di assorbire la luce a specifiche lunghezze d'onda. Previste applicazioni per l'elettronica

Roma – Per la prima volta un team di ricercatori della Yale University ha realizzato un “anti-laser”, un dispositivo che funziona secondo un principio esattamente opposto a quello dei laser tradizionali e che potrebbe – in un futuro poi non molto lontano – favorire enormemente lo sviluppo della nanofotonica applicata all’informatica.

Se un laser “standard” è pensato per emettere un fascio di fotoni dopo aver amplificato la sorgente di energia in una apposita “camera” di amplificazione, un anti-laser è in grado di fare esattamente il contrario assorbendo la gran parte dei fotoni di due fasci energetici emessi con particolari frequenze elettromagnetiche .

L’idea dell’anti-laser era stata inizialmente definita da Douglas Stone alla Yale University nel 2010, e ora un team guidato da Hui Cao – anch’egli al lavoro presso la prestigiosa università USA – ha messo in pratica la teoria di Stone facendo uso di una “camera assorbente” al silicio larga appena 110 micrometri.

La novità del lavoro di Cao è stata in realtà assemblare un materiale che fosse in grado di assorbire la luce “sparata” a una frequenza elettromagnetica ben definita, che nel caso in oggetto è 998,5 nanometri cioè molto vicina alla lunghezza d’onda della luce infrarossa. Due fasci di laser convergenti sono stati focalizzati sul materiale in silicio, che è stato infine in grado di assorbire il 99,4 per cento dell’energia luminosa trasformandola in calore .

Quali sono i potenziali scenari applicativi della nuova tecnologia sperimentata dai ricercatori di Yale? Douglas Stone ci tiene a sottolineare che l’anti-laser non potrà mai dare vita a una sorta di “scudo” contro le armi energetiche – vista la sublimazione dei fasci di fotoni in calore – ma che piuttosto potrà dare una mano a quanti, come IBM, sperano di integrare il mondo dei transistor al silicio con la trasmissione dei dati attraverso la luce.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti