Antitrust Android, accordo russo

Google rinuncerà all'esclusiva sulle preinstallazioni e incoraggerà gli utenti a scegliere il proprio motore di ricerca: l'accordo stipulato da Mountain View con le autorità russe avrà valore solo sul mercato locale

Roma – Google si impegnerà a garantire agli sviluppatori terzi di applicazioni uno spazio su Android, allentando i vincoli di esclusività imposti ai produttori di dispositivi a aprendo in Russia uno spazio per il mercato delle preinstallazioni: è questo l’esito del contenzioso che si trascina da anni con le autorità antitrust russe.

Il caso era stato sollevato dalle segnalazioni di Yandex, motore di ricerca che in Russia detiene la fetta più consistente del mercato del search e che compete con Google sul fronte di diversi servizi. Yandex contestava a Google come il Mobile Application Distribution Agreement (MADA), il contratto che Mountain View impone ai produttori di dispositivi che adottino Android, vincolasse gli OEM all’installazione di servizi di Google come il search e Play Store, parte del pacchetto Google Mobile Services (GMS), con l’obbligo di collocazione delle icone in posizioni privilegiate sullo schermo: il Servizio Federale Antimonopolio (FAS), a seguito delle proprie indagini, aveva riconosciuto che Mountain View, forte della propria posizione, avesse ostacolato la competizione sul mercato . Aveva concesso a Google un ultimatum per la modifica delle proprie condizioni, ma la Grande G aveva scelto di non adeguarsi, depositando una richiesta di appello, respinta . La multa del FAS si era abbattuta su Google ad agosto del 2016: la sanzione di 468 milioni di rubli, circa 6,5 milioni di euro, si accompagnava alle richieste di accantonare i comportamenti frutto dell’abuso di posizione dominante.

Proprio riguardo a queste richieste Google ha continuato a negoziare con il FAS, raggiungendo ora un accordo che, nelle parole dell’antitrust russo, “contribuirà ad eliminare le violazioni della legge contro i monopoli e assicurerà la competizione sui mercati delle applicazioni mobile, in particolare quello del search”. Sulla base dell’accordo, in Russia Google rinuncerà all’esclusiva dell’installazione delle proprie applicazioni sui dispositivi Android e non potrà impedire la preinstallazione di app di terze parti , anche in posizione rilevante sullo schermo o come strumento di ricerca di default.

Oltre a rispettare questi impegni, per garantire la libertà di scelta nell’ambito del search, Google metterà a disposizione degli utenti russi di dispositivi Android una finestra che nel contesto del browser Chrome consentirà di impostare il motore di ricerca di default . Nei prossimi mesi, poi, i nuovi dispositivi in commercio che continueranno a montare il pacchetto Google Mobile Services, verranno equipaggiati con un widget che al primo avvio consentirà agli utenti di selezionare il motore di ricerca desiderato fra quelli sviluppati dagli attori che ne faranno richiesta. In ogni caso, gli utenti avranno la possibilità di modificare le impostazioni in qualsiasi momento.

Google, che non aveva in alcun modo contestato la sanzione irrogata, ma si era voluta premurare di stipulare un accordo risolutivo in cui avesse voce in capitolo, si è dichiarata soddisfatta dell’esito delle negoziazioni. Yandex, alla luce dell’accento posto dall’accordo sul search e probabilmente alla luce delle nuove partnership commerciali stipulate con Google, accoglie l’esito del procedimento con entusiasmo, ringraziando Google per “aver riconosciuto il valore della openness” di un mercato che ha contribuito a creare e a far evolvere, a tutto vantaggio della stessa Yandex.

L’accordo stipulato con il FAS avrà valore per 6 anni e 9 mesi sul solo territorio russo. L’ Unione Europea , che si sta confrontando con Google sulla base di accuse simili , per il momento, resta a guardare.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Il copyright va difeso
    Ragazzi dopo essermi consultato con Beppe ho capito che il copyright va difeso :)
    • ... ... scrive:
      Re: Il copyright va difeso
      - Scritto da: panda rossa
      Ragazzi dopo essermi consultato con Beppe ho
      capito che il copyright va difeso
      :)"Consultato" é un parolone , ti ha "ordinato cosa dire" é più credibile.
      • panda rossa scrive:
        Re: Il copyright va difeso
        - Scritto da: ... ...
        - Scritto da: panda rossa

        Ragazzi dopo essermi consultato con Beppe ho

        capito che il copyright va difeso

        :)

        "Consultato" é un parolone , ti ha "ordinato cosa
        dire" é più
        credibile.No dai è una posizione che ho preso almeno al 49% per conto mio :)
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Se il giudice ti ordina di rimuovere i video devi cancellare i file e sovascrivere l'hard disk molte volte in modo che non possano essere recuperati mai più! Altrimenti sono tutte chiacchiere e DEVI essere perseguibile penalmente! @^
    • svizzero scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video
      Se il giudice ti ordina di rimuovere i video devi
      cancellare i file e sovascrivere l'hard disk
      molte volte in modo che non possano essere
      recuperati mai più! Altrimenti sono tutte
      chiacchiere e DEVI essere perseguibile
      penalmente!
      @^Il mio hard disk, invece, è PIENO di video e film scaricati in violazione dei tuoi diritti. Ma nessuno è mai venuto a chiedermi di rimuovere o cancellare alcunché...
      • panda rossa scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: svizzero
        - Scritto da: Pianeta Video

        Se il giudice ti ordina di rimuovere i video
        devi

        cancellare i file e sovascrivere l'hard disk

        molte volte in modo che non possano essere

        recuperati mai più! Altrimenti sono tutte

        chiacchiere e DEVI essere perseguibile

        penalmente!

        @^

        Il mio hard disk, invece, è PIENO di video e film
        scaricati in violazione dei tuoi diritti. Ma
        nessuno è mai venuto a chiedermi di rimuovere o
        cancellare
        alcunché...Ma quali suoi diritti?Quello li' non ha alcun diritto.E' solo un intermediario parassita che pretendeva di avere una esclusiva di distribuzione e ingrassare senza far niente.
  • AxAx scrive:
    I giudici...
    tutto ed il contrario di tutto.
    • collione scrive:
      Re: I giudici...
      - Scritto da: AxAx
      tutto ed il contrario di tutto.ma se sono arrivati a condannare gente che si difende da rapinatori violenti ed armati fino ai denti...in Italia c'e' bisogno di una bella legge sulla responsabilita' civile dei magistrati, che peraltro ci dovrebbe gia' essere dato che a stabilirlo fu un referendum del '92 ( da li' a poco i giudici avrebbero scatenato l'inferno contro i due partiti di governo )meditate gente, meditate
      • sdfdthyj scrive:
        Re: I giudici...


        in Italia c'e' bisogno di una bella legge sulla
        responsabilita' civile dei magistrati, che
        peraltro ci dovrebbe gia' essere dato che a
        stabilirlo fu un referendum del '92 ( da li' a
        poco i giudici avrebbero scatenato l'inferno
        contro i due partiti di governo
        )
        Sarebbe meglio una legge sulla responsabilità dei politici.Ci sono Leggi scritte malissimo dove non si capisce niente e si lasciano a mille interpretazioni diverse. Servono leggi chiare. Se hai delle leggi che mille magistrati possono interpretare in mille modi diversi il pasticcio è assicurato (e infatti...).In un paese ridicolo come questo con una infinità di leggi non puoi mai sapere cos'è legale oppure no, ci sono leggi nuove e vecchissime. Tutte scritte male in tempi diversi, piene di toppe sulle toppe. In conflitto tra di loro. Leggi che aggiungono eccezzioni e smentiscono altre leggi...ma solo in certi casi determinati da altre leggi ecc. E quasi tutte queste leggine sono mal scritte.Che colpa ne ha un magistrato? più l'avvocato è furbo e scava e porta in superficie questi pastrocchi più puo' estorcere a un giudice la sentenza che vuole! Con questo pasticco intrecciato di leggi puo' saltare fuori qualsiasi sentenza immaginabile.
        ma se sono arrivati a condannare gente che si
        difende da rapinatori violenti ed armati fino ai
        denti...Infatti anche qui ti confondi. La legge in questione (eccesso di legittima difesa) è stata fatta dai POLITICI in parlamento non dai magistrati (giudici) in tribunale.I magistrati applicano le leggi. Se ci sono leggi del caxxo non mi sorprendo se sembra che siano i magistrati a fare delle caxxate, ma non è così! La colpa è di chi ha scritto una legge del caxxo. Non di chi è COSTRETTO ad applicare quella legge. Giudici e PM sono vittime della malpolitica elitaria che in questa situazione ci sguazza allegramente (tanto i soldi per pagare avvocati e trovare ogni trucco per vincere le cause loro li trovano sempre).
        • 600f4296f25 scrive:
          Re: I giudici...
          Vero solo in parte. Le leggi sono scritte male e a rischio di interpretazione, ma questo sistema lascia tante porte aperte agli abusi che la tentazione di approfittarsene per i magistrati è forte. Può capitare la sentenza che spinge troppo sull'interpretazione, però non in questo caso.
        • Il Fuddaro scrive:
          Re: I giudici...
          - Scritto da: sdfdthyj



          in Italia c'e' bisogno di una bella legge
          sulla

          responsabilita' civile dei magistrati, che

          peraltro ci dovrebbe gia' essere dato che a

          stabilirlo fu un referendum del '92 ( da li'
          a

          poco i giudici avrebbero scatenato l'inferno

          contro i due partiti di governo

          )



          Sarebbe meglio una legge sulla responsabilità dei
          politici.
          Ci sono Leggi scritte malissimo dove non si
          capisce niente e si lasciano a mille
          interpretazioni diverse. Servono leggi chiare. Se
          hai delle leggi che mille magistrati possono
          interpretare in mille modi diversi il pasticcio è
          assicurato (e
          infatti...).
          In un paese ridicolo come questo con una infinità
          di leggi non puoi mai sapere cos'è legale oppure
          no, ci sono leggi nuove e vecchissime. Tutte
          scritte male in tempi diversi, piene di toppe
          sulle toppe. In conflitto tra di loro. Leggi che
          aggiungono eccezzioni e smentiscono altre
          leggi...ma solo in certi casi determinati da
          altre leggi ecc. E quasi tutte queste leggine
          sono mal
          scritte.
          Che colpa ne ha un magistrato? più l'avvocato è
          furbo e scava e porta in superficie questi
          pastrocchi più puo' estorcere a un giudice la
          sentenza che vuole! Con questo pasticco
          intrecciato di leggi puo' saltare fuori qualsiasi
          sentenza
          immaginabile.


          ma se sono arrivati a condannare gente che si

          difende da rapinatori violenti ed armati
          fino
          ai

          denti...

          Infatti anche qui ti confondi. La legge in
          questione (eccesso di legittima difesa) è stata
          fatta dai POLITICI in parlamento non dai
          magistrati (giudici) in
          tribunale.
          I magistrati applicano le leggi. Se ci sono leggi
          del caxxo non mi sorprendo se sembra che siano i
          magistrati a fare delle caxxate, ma non è così!
          La colpa è di chi ha scritto una legge del caxxo.
          Non di chi è COSTRETTO ad applicare quella legge.
          Giudici e PM sono vittime della malpolitica
          elitaria che in questa situazione ci sguazza
          allegramente (tanto i soldi per pagare avvocati e
          trovare ogni trucco per vincere le cause loro li
          trovano
          sempre).Quanto sei ingenuo. :O
      • Nome e cognome scrive:
        Re: I giudici...
        - Scritto da: collione
        in Italia c'e' bisogno di una bella legge sulla responsabilità civile dei magistrati [img]http://uploads.disquscdn.com/images/1c5dd885b3f4fd015ef86b3735a8b7cf92bf0f3dea3f6ad1d4e196ecad0161f5.gif[/img]
        • 600f4296f25 scrive:
          Re: I giudici...
          - Scritto da: Nome e cognome
          - Scritto da: collione


          <b
          in Italia c'e' bisogno di una bella legge
          sulla responsabilità civile dei
          magistrati </b



          [img]http://uploads.disquscdn.com/images/1c5dd885bCome la legge Cirami. Certe leggi sono molto utili per le persone giuste.
          • Izio01 scrive:
            Re: I giudici...
            - Scritto da: 600f4296f25
            - Scritto da: Nome e cognome

            - Scritto da: collione




            <b
            in Italia c'e' bisogno di
            una bella
            legge

            sulla responsabilità civile dei

            magistrati </b







            [img]http://uploads.disquscdn.com/images/1c5dd885b

            Come la legge Cirami. Certe leggi sono molto
            utili per le persone giuste.Non esiste solo Berlusconi in Italia. Ma andremo avanti fino al 23°secolo a menarla con il presunto ventennio berlusconiano, o possiamo guardare avanti?Di gente che ha subito sentenze assurde, di sentenze che si contraddicono l'una con l'altra, sono pieni i giornali, e a me, come semplice cittadino, queste cose danno il voltastomaco.Giusto per fare un esempio che mi irrita: l'italiano con l'AIDS che ha fatto sesso con un sacco di persone diffondendo l'HIV, rischia l'ergastolo. I trans brasiliani con l'AIDS che si prostituiscono e hanno rapporti non protetti, invece, non solo non vanno in galera, ma non possono nemmeno essere allontanati dall'Italia perché hanno diritto alle cure gratuite che il loro paese non offre.https://www.cronacaqui.it/rubriche/innocenti-colpevoli/contagio-57-luntore-dellaids-rischia-lergastolo.htmlhttp://www.corriere.it/cronache/11_febbraio_03/focarete-viados-sieropositivi_e3f7aaee-2f6a-11e0-a474-00144f02aabc.shtmlNon c'entra la politica, ma è lampante che si tratti di due pesi e due misure completamente diversi. E' giusto?
          • ... scrive:
            Re: I giudici...
            Ah riecco il solito coglione fascista.
          • 600f4296f25 scrive:
            Re: I giudici...


            Non esiste solo Berlusconi in Italia. Ma andremo
            avanti fino al 23°secolo a menarla con il
            presunto ventennio berlusconiano,Il problema non è Berlusconi, ma quella mafia che ha messo al potere Berlusconi e che ancora controlla il paese.
            o possiamo guardare avanti?Purtroppo no. Comandano ancora loro.
            Di gente che ha subito sentenze assurde, di
            sentenze che si contraddicono l'una con l'altra,
            sono pieni i giornali, e a me, come semplice
            cittadino, queste cose danno il
            voltastomaco.I giornali non sono liberi, Quelle storie sono vere, ma ben scelte, ben studiate e presentate in modo da dare il voltastomaco.Quando ci sono migliaia di sentenze ogni anno i casi estremi saltano fuori facilmente.
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: I giudici...
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: AxAx

        tutto ed il contrario di tutto.

        ma se sono arrivati a condannare gente che si
        difende da rapinatori violenti ed armati fino ai
        denti...

        in Italia c'e' bisogno di una bella legge sulla
        responsabilita' civile dei magistrati, che
        peraltro ci dovrebbe gia' essere dato che a
        stabilirlo fu un referendum del '92 ( da li' a
        poco i giudici avrebbero scatenato l'inferno
        contro i due partiti di governo
        )

        meditate gente, meditateVerissimo, se c'è da essere dubbiosi, e proprio su quella categoria che bisogna avercene di grossi! E se ci fate caso sono SEMPRE di parte, qualsiasi gli renda vantaggi, quella è la loro parte.Peggio dei mafiosi sono, loro possono distruggere anche gente innocente(vedi enzo tortora), ma loro non pagano mai. :)
      • 2ae9d57c5db scrive:
        Re: I giudici...


        in Italia c'e' bisogno di una bella legge sulla
        responsabilita' civile dei magistrati,Finirebbe per diventare come la legge Cirami.Una legge utile solo per per quelli che hanno l'avvocato giusto.
  • Izio01 scrive:
    Quindi...
    ...se i video musicali sono vietati in Turchia per motivi religiosi, Google dovrebbe rimuoverli per tutto il resto del mondo?Non ho grande simpatia per i giudici.
    • panda rossa scrive:
      Re: Quindi...
      - Scritto da: Izio01
      ...se i video musicali sono vietati in Turchia
      per motivi religiosi, Google dovrebbe rimuoverli
      per tutto il resto del
      mondo?
      Non ho grande simpatia per i giudici.Siamo alla follia pura.A quando l'applicazione rigorosa della legge coranica anche nei paesi non musulmani?
      • ... scrive:
        Re: Quindi...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Izio01

        ...se i video musicali sono vietati in
        Turchia

        per motivi religiosi, Google dovrebbe
        rimuoverli

        per tutto il resto del

        mondo?

        Non ho grande simpatia per i giudici.

        Siamo alla follia pura.
        A quando l'applicazione rigorosa della legge
        coranica anche nei paesi non
        musulmani?ci arriveremo.per il rispetto del diverso tra un po metteranno fuori legge i matrimoni eterosessuali, la guida a destra, i cartelli "io aspetto fuori" per i cani, tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici, calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia del "politically correct".
        • 4c5831624ec scrive:
          Re: Quindi...


          ci arriveremo.
          per il rispetto del diverso tra un po metteranno
          fuori legge i matrimoni eterosessuali, la guida a
          destra, i cartelli "io aspetto fuori" per i cani,
          tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici,
          calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia del
          "politically
          correct".Politically correct, diritti LBGT e cose simili sono diventati ottimi strumenti di potere.Invece di unire allargano il solco tra chi la pensa in maniera diversa, ma soprattutto porta il discorso a livelli tali che alla fine le persone non parlano più di politica tra di loro ed è più facile influenzarle tramite i mezzi di comunicazione.
        • Izio01 scrive:
          Re: Quindi...
          - Scritto da: ...

          ci arriveremo.
          per il rispetto del diverso tra un po metteranno
          fuori legge i matrimoni eterosessuali, la guida a
          destra, i cartelli "io aspetto fuori" per i cani,
          tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici,
          calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia del
          "politically correct".Tu probabilmente scherzi, ma io sono veramente preoccupato dalla mole di commenti stile: "Libertà di parola non vuol dire libertà di offendere" che leggo ormai ovunque. Gente che non si rende apparentemente conto di quanto soggettivo sia il concetto di "offesa", e toglierebbe volentieri il diritto di parola a chi osa dire qualcosa di sgradito. Ma è possibile concepire la censura in nome della tolleranza e non accorgersi dell'ossimoro!?
          • ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: ...



            ci arriveremo.

            per il rispetto del diverso tra un po
            metteranno

            fuori legge i matrimoni eterosessuali, la
            guida
            a

            destra, i cartelli "io aspetto fuori" per i
            cani,

            tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici,

            calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia del

            "politically correct".

            Tu probabilmente scherzi, ma io sono veramente
            preoccupato dalla mole di commenti stile:
            "Libertà di parola non vuol dire libertà di
            offendere" che leggo ormai ovunque. Gente che non
            si rende apparentemente conto di quanto
            soggettivo sia il concetto di "offesa", e
            toglierebbe volentieri il diritto di parola a chi
            osa dire qualcosa di sgradito. Ma è possibile
            concepire la censura in nome della tolleranza e
            non accorgersi dell'ossimoro!?Per divendere il diritto di tutti toglieremo i diritti a tutti. tutti uguali, tutti zitti ad ubbidire al Manovratore. il sogno di ogni dittatura.rivendico il diritto di dire "frocio", "negro", "ebreo", "cieco", "grassone", "vecchio", "storpio", "nano", "gobbo", "piddino", "berlusconiano" e cosi' via.
          • lasilo nonbasta scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ...
            Per divendere :
          • ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: lasilo nonbasta
            - Scritto da: ...

            Per divendere

            :"v" e "f" sono vicine sulla tastiera.Si chiama "refuxo", coglione.(non so se l'hai capita).
          • lasilo nonbasta scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ...
            "v" e "f" sono vicine sulla tastiera(rotfl)
          • rockroll scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: ...





            ci arriveremo.


            per il rispetto del diverso tra un po

            metteranno


            fuori legge i matrimoni eterosessuali, la

            guida

            a


            destra, i cartelli "io aspetto fuori" per i

            cani,


            tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici,


            calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia del


            "politically correct".



            Tu probabilmente scherzi, ma io sono veramente

            preoccupato dalla mole di commenti stile:

            "Libertà di parola non vuol dire libertà di

            offendere" che leggo ormai ovunque. Gente che
            non

            si rende apparentemente conto di quanto

            soggettivo sia il concetto di "offesa", e

            toglierebbe volentieri il diritto di parola a
            chi

            osa dire qualcosa di sgradito. Ma è possibile

            concepire la censura in nome della tolleranza e

            non accorgersi dell'ossimoro!?

            Per divendere il diritto di tutti toglieremo i
            diritti a tutti. tutti uguali, tutti zitti ad
            ubbidire al Manovratore. il sogno di ogni
            dittatura.

            rivendico il diritto di dire "frocio", "negro",
            "ebreo", "cieco", "grassone", "vecchio",
            "storpio", "nano", "gobbo", "piddino",
            "berlusconiano" e cosi'
            via. Il diritto ce l'hai, ma chi è oggetto delle tue invettive ha altrettanto diritto di farti passare la voglia di esercitarlo. Tu mi puoi offendere come vuoi, puoi addiritture apstrofarmi come juventino, il che è il massimo, ma se io non ti querelo la passi liscia. Però tutto ha un limite: se mi chiami juventino non vorrei essere nei tuoi panni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 aprile 2017 19.22-----------------------------------------------------------
          • ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: rockroll
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: Izio01


            - Scritto da: ...







            ci arriveremo.



            per il rispetto del diverso tra un po


            metteranno



            fuori legge i matrimoni eterosessuali, la


            guida


            a



            destra, i cartelli "io aspetto fuori"
            per
            i


            cani,



            tuti gli attrezzi per destrorsi (forbici,



            calibri, ecc) e cosi' via. E' la follia
            del



            "politically correct".





            Tu probabilmente scherzi, ma io sono veramente


            preoccupato dalla mole di commenti stile:


            "Libertà di parola non vuol dire libertà di


            offendere" che leggo ormai ovunque. Gente che

            non


            si rende apparentemente conto di quanto


            soggettivo sia il concetto di "offesa", e


            toglierebbe volentieri il diritto di parola a

            chi


            osa dire qualcosa di sgradito. Ma è possibile


            concepire la censura in nome della tolleranza
            e


            non accorgersi dell'ossimoro!?



            Per divendere il diritto di tutti toglieremo i

            diritti a tutti. tutti uguali, tutti zitti ad

            ubbidire al Manovratore. il sogno di ogni

            dittatura.



            rivendico il diritto di dire "frocio", "negro",

            "ebreo", "cieco", "grassone", "vecchio",

            "storpio", "nano", "gobbo", "piddino",

            "berlusconiano" e cosi'

            via.

            Il diritto ce l'hai, ma chi è oggetto delle tue
            invettive ha altrettanto diritto di farti passare
            la voglia di esercitarlo.


            Tu mi puoi offendere come vuoi, puoi addiritture
            apstrofarmi come juventino, il che è il massimo,
            ma se io non ti querelo la passi liscia. Però
            tutto ha un limite: se mi chiami juventino non
            vorrei essere nei tuoi panni.il punto e' un altro: se sei juvenntino ho il diritto di appellarti come tale in quanto e' la presa d'atto di un dato di fatto.Se dico "Cecchi paone e' frocio", "berlusconi e' un puttaniere", "Ray charles e' negro", "woody allen e' ebreo", "leonardo da vinci era mancino" non capisco cosa abbiano da rompere i coglioni.
          • 8caba0513d1 scrive:
            Re: Quindi...

            Tu probabilmente scherzi, ma io sono veramente
            preoccupato dalla mole di commenti stile:
            "Libertà di parola non vuol dire libertà di
            offendere" Questo concetto è sempre esistito, anche prima dell'era del politically correct, e le leggi per metterlo in pratica già ci sono.
            Gente che non
            si rende apparentemente conto di quanto
            soggettivo sia il concetto di "offesa", e
            toglierebbe volentieri il diritto di parola a chi
            osa dire qualcosa di sgradito.I soliti giornalisti prezzolati e i quattro fessi che ci credono non sono "la gente".
          • Il Fuddaro scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: 8caba0513d1

            Tu probabilmente scherzi, ma io sono
            veramente

            preoccupato dalla mole di commenti stile:

            "Libertà di parola non vuol dire libertà di

            offendere"

            Questo concetto è sempre esistito, anche prima
            dell'era del politically correct, e le leggi per
            metterlo in pratica già ci
            sono.


            Gente che non

            si rende apparentemente conto di quanto

            soggettivo sia il concetto di "offesa", e

            toglierebbe volentieri il diritto di parola
            a
            chi

            osa dire qualcosa di sgradito.

            I soliti giornalisti prezzolati e i quattro fessi
            che ci credono non sono "la
            gente".Ma la grande massa invece si! Quella lo è.
    • pippero scrive:
      Re: Quindi...
      sono d'accordo, però se vogliamo venirne fuori bisogna togliere la discrezionalità dei giudici con leggi chiare, non con carrozzoni di 50 anni fa riveduti corretti e interpretati alla luce della nuova realtà.
    • moreno scrive:
      Re: Quindi...
      Calma, una cosa sono le violazioni di copyright un'altra le censure. Il caos in esame è una violazione di copyright, quella da te richiesta è censura.Non incociamo cose totalmente diverse
      • Izio01 scrive:
        Re: Quindi...
        - Scritto da: moreno
        Calma,
        una cosa sono le violazioni di copyright un'altra
        le censure. Il caos in esame è una violazione di
        copyright, quella da te richiesta è
        censura.
        Non incociamo cose totalmente diverseQua abbiamo uno stato, l'Italia, che si permette di contestare le violazioni avvenute in altri paesi. Se questo principio si dovesse applicare al copyright, perché non dovrebbe essere applicato a tutto il resto?
        • 600f4296f25 scrive:
          Re: Quindi...


          Qua abbiamo uno stato, l'Italia, che si permette
          di contestare le violazioni avvenute in altri
          paesi. No.Secondo la sentenza rimuovendo il contenuto in questo modo non impedisce l'accesso dall'Italia. Basta un proxy.
          • Izio01 scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: 600f4296f25



            Qua abbiamo uno stato, l'Italia, che si
            permette

            di contestare le violazioni avvenute in altri

            paesi.

            No.
            Secondo la sentenza rimuovendo il contenuto in
            questo modo non impedisce l'accesso dall'Italia.
            Basta un proxy.E la stessa identica cosa vale per un contenuto che sia vietato in Turchia, come nel mio esempio. Oppure lì un proxy non basta?
          • ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: 600f4296f25





            Qua abbiamo uno stato, l'Italia, che si

            permette


            di contestare le violazioni avvenute in
            altri


            paesi.



            No.

            Secondo la sentenza rimuovendo il contenuto
            in

            questo modo non impedisce l'accesso
            dall'Italia.

            Basta un proxy.

            E la stessa identica cosa vale per un contenuto
            che sia vietato in Turchia, come nel mio esempio.
            Oppure lì un proxy non
            basta?Mi sa che tra poco non basterà piú purtroppo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: 600f4296f25



            Qua abbiamo uno stato, l'Italia, che si
            permette

            di contestare le violazioni avvenute in altri

            paesi.

            No.
            Secondo la sentenza rimuovendo il contenuto in
            questo modo non impedisce l'accesso dall'Italia.
            Basta un
            proxy.Questo e' il modo con cui si sono sempre oscurati i siti con provvedimenti di oscuramento.Inibiscono a livello di DNS, e noi lo veniamo a sapere da PI quando scrive un articolo che sono stati oscurati.Come mai questa volta non va bene piu'?
          • rockroll scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: 600f4296f25



            Qua abbiamo uno stato, l'Italia, che si
            permette

            di contestare le violazioni avvenute in altri

            paesi.

            No.
            Secondo la sentenza rimuovendo il contenuto in
            questo modo non impedisce l'accesso dall'Italia.
            Basta un
            proxy.Sappiamo benissimo che tutte le interdizioni messe in opera in Italia e per l'Italia sono aggirabili, non solo via proxy. E delle furbate di aggiramento che spuntano come i funghi non può essere ritenuto responsabile l'intermediario. Il discorso è: devo rendere inaccessibile a tutto il mondo (in pratica cancellare), o devo farlo solo per l'Italia, perchè evidentemente l'Italia non ha il diritto di impedire l'accesso al resto del mondo, o quanto meno non esiste richiesta di rimozione da parte del resto del mondo? In ogni caso è il Giudice, in base a leggi assurde, vecchie, ridicole e di parte quanto si vuole, che può imporre il modo di operare al fornitore del servizio, ben sapendo i limiti tecnici di soluzioni "solo per l'Italia".
      • panda rossa scrive:
        Re: Quindi...
        - Scritto da: moreno
        Calma,
        una cosa sono le violazioni di copyright un'altra
        le censure. Il caos in esame è una violazione di
        copyright, quella da te richiesta è
        censura.
        Non incociamo cose totalmente diverseE' UGUALE.C'e' uno che mette cose in reteC'e' un altro che strilla che non le vuoleGli vengono oscurate (senza alcun regolare processo, quindi arbitrariamente, solo perche' strilla)Non gli basta e pretende un oscuramento maggiore.Che le cose messe in rete sono insulti, critiche, copyright o altro e' del tutto incidentale.
        • ... scrive:
          Re: Quindi...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: moreno

          Calma,

          una cosa sono le violazioni di copyright
          un'altra

          le censure. Il caos in esame è una
          violazione
          di

          copyright, quella da te richiesta è

          censura.

          Non incociamo cose totalmente diverse

          E' UGUALE.

          C'e' uno che mette cose in reteIl problema si pone quando chi le mette in rete non ha nessun diritto di farlo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ...

            Il problema si pone quando chi le mette in rete
            non ha nessun diritto di
            farlo.Ovviamente il provider non puo' e non deve sapere se chi mette in rete ha o non ha i diritti.Questa e' una questione privata tra il detentore dei diritti (che deve dimostrare davanti ad un giudice di esserlo veramente) e chi mette in rete il contenuto, che deve poter esporre al giudice le sue ragioni.E' per questo che esiste una magistratura.Proprio per evitare la legge del taglione o la legge di chi urla piu' forte.Altrimenti con la scusa del copyright, qualunque contenuto fastidioso puo' essere fatto oscurare scavalcando la valutazione di un giudice.
          • ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ...



            Il problema si pone quando chi le mette in
            rete

            non ha nessun diritto di

            farlo.

            Ovviamente il provider non puo' e non deve sapere
            se chi mette in rete ha o non ha i
            diritti.
            Questa e' una questione privata tra il detentore
            dei diritti (che deve dimostrare davanti ad un
            giudice di esserlo veramente) e chi mette in rete
            il contenuto, che deve poter esporre al giudice
            le sue
            ragioni.

            E' per questo che esiste una magistratura.
            Proprio per evitare la legge del taglione o la
            legge di chi urla piu'
            forte.

            Altrimenti con la scusa del copyright, qualunque
            contenuto fastidioso puo' essere fatto oscurare
            scavalcando la valutazione di un
            giudice.E quanto millisecondi ci vogliono a capire che il Sig. Rossi di Via degli Sfrattati 4 ad Appiano Gentile non ha i diritti di pubblicare il film Avatar ?Dai su , non offendere oltre la tua giá poca intelligenza.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            ottimo esempio, ora ho capito dove avevo sbagliato :)
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ... ...
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ...





            Il problema si pone quando chi le mette
            in

            rete


            non ha nessun diritto di


            farlo.



            Ovviamente il provider non puo' e non deve
            sapere

            se chi mette in rete ha o non ha i

            diritti.

            Questa e' una questione privata tra il
            detentore

            dei diritti (che deve dimostrare davanti ad
            un

            giudice di esserlo veramente) e chi mette in
            rete

            il contenuto, che deve poter esporre al
            giudice

            le sue

            ragioni.



            E' per questo che esiste una magistratura.

            Proprio per evitare la legge del taglione o
            la

            legge di chi urla piu'

            forte.



            Altrimenti con la scusa del copyright,
            qualunque

            contenuto fastidioso puo' essere fatto
            oscurare

            scavalcando la valutazione di un

            giudice.

            E quanto millisecondi ci vogliono a capire che il
            Sig. Rossi di Via degli Sfrattati 4 ad Appiano
            Gentile non ha i diritti di pubblicare il film
            Avatar
            ?Non lo so e non mi interessa.Non sono mica io quello che deve verificare i diritti e neanche google.Perche' tu la fai facile a usare Avatar come esempio, ma se fosse la poesia di un autore poco conosciuto?Questo non puo' mica mettersi a strillare "La mia poesia! Ladri!"Questo deve dimostrare davanti ad un giudice di essere l'avente diritto.E a quel punto il giudice prende provvedimenti.
            Dai su , non offendere oltre la tua giá poca
            intelligenza.Non offenderla tu.La legge protegge tutti in egual misura, non solo Avatar.
          • Izio01 scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ... ...

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: ...







            Il problema si pone quando chi le
            mette

            in


            rete



            non ha nessun diritto di



            farlo.





            Ovviamente il provider non puo' e non
            deve

            sapere


            se chi mette in rete ha o non ha i


            diritti.


            Questa e' una questione privata tra il

            detentore


            dei diritti (che deve dimostrare
            davanti
            ad

            un


            giudice di esserlo veramente) e chi
            mette
            in

            rete


            il contenuto, che deve poter esporre al

            giudice


            le sue


            ragioni.





            E' per questo che esiste una
            magistratura.


            Proprio per evitare la legge del
            taglione
            o

            la


            legge di chi urla piu'


            forte.





            Altrimenti con la scusa del copyright,

            qualunque


            contenuto fastidioso puo' essere fatto

            oscurare


            scavalcando la valutazione di un


            giudice.



            E quanto millisecondi ci vogliono a capire
            che
            il

            Sig. Rossi di Via degli Sfrattati 4 ad
            Appiano

            Gentile non ha i diritti di pubblicare il
            film

            Avatar

            ?

            Non lo so e non mi interessa.
            Non sono mica io quello che deve verificare i
            diritti e neanche
            google.
            Perche' tu la fai facile a usare Avatar come
            esempio, ma se fosse la poesia di un autore poco
            conosciuto?
            Questo non puo' mica mettersi a strillare "La mia
            poesia!
            Ladri!"
            Questo deve dimostrare davanti ad un giudice di
            essere l'avente
            diritto.
            E a quel punto il giudice prende provvedimenti.


            Dai su , non offendere oltre la tua giá
            poca

            intelligenza.

            Non offenderla tu.
            La legge protegge tutti in egual misura, non solo
            Avatar.No, ti sbagli di grosso.Quando una grossa azienda ruba il lavoro di un privato, i giudici le danno ragione.https://petapixel.com/2016/11/22/1-billion-getty-images-lawsuit-ends-not-bang-whimper/E' solo il sig. Rossi (o Jammie Thomas) a prendere cento biriliardi di multa per aver scaricato una canzone!"La legge protegge tutti in egual misura"? Tutti gli animali sono uguali... ma qualcuno è più uguale degli altri :)
          • ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Questo deve dimostrare davanti ad un giudice di
            essere l'avente
            diritto.
            E a quel punto il giudice prende provvedimenti.Se lui é il poeta e quella é la sua poesia , dimostrarlo davanti ad un giudice , é la cosa giuridicamente meno impegnativa.Non sono mica tutti scemi come te che ci dicono di avere il coraggio di dire davanti alle autoritá che una cosa é sua a sproposito ?!
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ... ...
            - Scritto da: panda rossa

            Questo deve dimostrare davanti ad un giudice
            di

            essere l'avente

            diritto.

            E a quel punto il giudice prende
            provvedimenti.

            Se lui é il poeta e quella é la sua poesia ,
            dimostrarlo davanti ad un giudice , é la cosa
            giuridicamente meno
            impegnativa.Meno impegnativa?Si tratta di produrre una prova.Se il poeta/regista/produttore puo' provare di essere lui l'autore dell'opera, allora ha il diritto di chiedere rimozione e danni.Se non lo e' non puo' richiedere niente.Non c'e' assolutamente nulla di impegnativo.
            Non sono mica tutti scemi come te che ci dicono
            di avere il coraggio di dire davanti alle
            autoritá che una cosa é sua a sproposito
            ?!Che c'entra il coraggio?L'altro dovra' produrre prove a proprio favore, se le ha.Se non le ha, il giudice fara' le sue valutazioni.Hai mai fatto un sinistro stradale, dove tu credevi di aver ragione e l'altro pure?Ognuno spiega alla stradale il suo punto di vista e se la stradale non riesce ancora a capire, fa i rilievi e poi ricostruisce la dinamica.Ma forse tu vivi a paperopoli dove le cose funzionano diversamente.
          • ... ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Meno impegnativa?
            Si tratta di produrre una prova.
            Se il poeta/regista/produttore puo' provare di
            essere lui l'autore dell'opera, allora ha il
            diritto di chiedere rimozione e
            danni.
            Se non lo e' non puo' richiedere niente.
            Non c'e' assolutamente nulla di impegnativo.
            Contratto di copyright e carta d'identitá dovrebbero bastare.
            Che c'entra il coraggio?
            L'altro dovra' produrre prove a proprio favore,
            se le
            ha.
            Se non le ha, il giudice fara' le sue valutazioni.
            Ma produrre cosa ? Se l'opera é sua e ha un contratto di copyright non serve produrre altro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ... ... ...
            - Scritto da: panda rossa

            Meno impegnativa?

            Si tratta di produrre una prova.

            Se il poeta/regista/produttore puo' provare
            di

            essere lui l'autore dell'opera, allora ha il

            diritto di chiedere rimozione e

            danni.

            Se non lo e' non puo' richiedere niente.

            Non c'e' assolutamente nulla di impegnativo.



            Contratto di copyright e carta d'identitá
            dovrebbero
            bastare.


            Che c'entra il coraggio?

            L'altro dovra' produrre prove a proprio
            favore,

            se le

            ha.

            Se non le ha, il giudice fara' le sue
            valutazioni.



            Ma produrre cosa ? Se l'opera é sua e ha un
            contratto di copyright non serve produrre
            altro.Esatto.Ma deve produrre al giudice, mica al posteggiatore.
          • ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Esatto.
            Ma deve produrre al giudice, mica al
            posteggiatore.Altro esempio "automobilistico .... se tu ti presenti ad una gara di rally senza patente da rally vai nelle grane tu e chi ti ha permesso di farlo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa

            Esatto.

            Ma deve produrre al giudice, mica al

            posteggiatore.

            Altro esempio "automobilistico .... se tu ti
            presenti ad una gara di rally senza patente da
            rally vai nelle grane tu e chi ti ha permesso di
            farlo.Ma nessuno mi proibisce di fare corse d'auto cronometrate nel cortile di casa mia.
          • ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: panda rossa


            Esatto.


            Ma deve produrre al giudice, mica al


            posteggiatore.



            Altro esempio "automobilistico .... se tu ti

            presenti ad una gara di rally senza patente
            da

            rally vai nelle grane tu e chi ti ha
            permesso
            di

            farlo.

            Ma nessuno mi proibisce di fare corse d'auto
            cronometrate nel cortile di casa
            mia.Rigorosamente a porte chiuse e senza che nessuno possa entrare.
          • hit paradise scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ...



            Il problema si pone quando chi le mette in
            rete

            non ha nessun diritto di

            farlo.

            Ovviamente il provider non puo' e non deve sapere
            se chi mette in rete ha o non ha i
            diritti.Così come il proprietario del parcheggio non può e non deve sapere se tu sei il proprietario o meno della tua auto che ti è appena stata rubata :D
            Questa e' una questione privata tra il detentore
            dei diritti Questa è una questione tra te.... :D
            (che deve dimostrare davanti ad un
            giudice di esserlo veramente) (che devi dimostrare davanti ad un giudice che l'auto è tua :D )
            e chi mette in rete
            il contenuto, .....e il ladro che ha parcheggiato la tua auto alla mercè di altri suoi colleghi :D
            che deve poter esporre al giudice
            le sue
            ragioni.....che dirà che l'aveva trovata abbandonata in un altro parcheggio o che gliel'ha prestata un suo amico a vita :D
            E' per questo che esiste una magistratura.Si è per questo: per dare la possibilità a panda rossa di dimostrare che l'auto è sua :D
            Proprio per evitare la legge del taglione o la
            legge di chi urla piu'
            forte.Giusto, nel frattempo con la tua auto il ladro ci porta in vacanza la famiglia e gli amici (rotfl)
            Altrimenti con la scusa del copyright, Altrimenti con la scusa che tu sei il proprietario.... :D
            qualunque
            contenuto fastidioso puo' essere fatto oscurare...impedisci a chiunque di potere circolare liberamente con la tua auto :D
            scavalcando la valutazione di un
            giudice.....che serve qualora sia necessario dimostrare che sei il proprietario, nel frattempo...buone vacanze (rotfl)
          • Izio01 scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: hit paradise
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ...





            Il problema si pone quando chi le mette in

            rete


            non ha nessun diritto di


            farlo.



            Ovviamente il provider non puo' e non deve
            sapere

            se chi mette in rete ha o non ha i

            diritti.

            Così come il proprietario del parcheggio non può
            e non deve sapere se tu sei il proprietario o
            meno della tua auto che ti è appena stata rubata
            :D
            Tutto il tuo delirio è privo di senso.Ti rubano l'auto e tu ti rivolgi al proprietario del parcheggio? Il proprietario del parcheggio generalmente non ne risponde, è indicato nelle condizioni del biglietto che acquisti per parcheggiare lì.Tu ti devi rivolgere alla polizia, che può verificare la tua identità e la proprietà dell'auto; ti farà scrivere regolare denuncia, che verrà immediatamente archiviata e tanti saluti alla tua auto, a meno che non venga ritrovata abbandonata da qualche parte.Altre false equivalenze?
          • hit paradise scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: Izio01
            Tutto il tuo delirio è privo di senso.Davvero ? :D
            Ti rubano l'auto e tu ti rivolgi al proprietario
            del parcheggio? Eh....dipende.... :D
            Il proprietario del parcheggio
            generalmente non ne risponde, Generalmente....o magari ne risponde, che ne sai ? http://punto-informatico.it/4383167/PI/News/film-senza-limiti-limite-della-condanna.aspx
            è indicato nelle
            condizioni del biglietto che acquisti per
            parcheggiare
            lì.Appunto è indicato lì e metti anche il caso che qualcun altro ha "parcheggiato" la tua auto per te a tua insaputa.... :D
            Tu ti devi rivolgere alla polizia, che può
            verificare la tua identità e la proprietà
            dell'auto; Per questo esiste la proprietà intellettuale :D
            ti farà scrivere regolare denuncia,
            che verrà immediatamente archiviata e tanti
            saluti alla tua auto, Che è quello che succede oggi coi contenuti protetti da proprietà intellettuale :DRicordatelo quando ruberanno l'auto a te così non piangerai disgrazia :D
            a meno che non venga
            ritrovata abbandonata da qualche
            parte.Si, ritrovata da qualcun altro che pure ne usufruisce liberamente magari :D
            Altre false equivalenze?Ci devo pensare.... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: hit paradise
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ...





            Il problema si pone quando chi le mette in

            rete


            non ha nessun diritto di


            farlo.



            Ovviamente il provider non puo' e non deve
            sapere

            se chi mette in rete ha o non ha i

            diritti.

            Così come il proprietario del parcheggio non può
            e non deve sapere se tu sei il proprietario o
            meno della tua auto che ti è appena stata rubata
            :DNon confonderti.Quella volta la' eri tu che avevi lasciato il mercedes nel parcheggio e poi sono arrivato io, ho fatto credere al parcheggiatore di aver perso le chiavi, lui ovviamente ci ha creduto e non ha avuto niente da dire quando ho rotto il finestrino per entrare, e portarmi via l'auto.Gli ho pure lasciato 50 euro di mancia.A proposito, quando sei tornato e il tuo mercedes non c'era piu', hai ringraziato il posteggiatore per avermi aiutato a portarlo via?

            Questa e' una questione privata tra il detentore

            dei diritti

            Questa è una questione tra te.... :D


            (che deve dimostrare davanti ad un

            giudice di esserlo veramente)

            (che devi dimostrare davanti ad un giudice che
            l'auto è tua :D
            )


            e chi mette in rete

            il contenuto,

            .....e il ladro che ha parcheggiato la tua auto
            alla mercè di altri suoi colleghi
            :DPer i furti d'auto ci si rivolge alla polizia, non ai parcheggiatori.

            che deve poter esporre al giudice

            le sue

            ragioni.

            ....che dirà che l'aveva trovata abbandonata in
            un altro parcheggio o che gliel'ha prestata un
            suo amico a vita
            :DPuo' dire quello che vuole.E' a questo che servono i processi: a ricostruire i fatti e determinare la verita'.

            E' per questo che esiste una magistratura.

            Si è per questo: per dare la possibilità a panda
            rossa di dimostrare che l'auto è sua
            :DE per impedire a te di far finta che sia tua.

            Proprio per evitare la legge del taglione o la

            legge di chi urla piu'

            forte.

            Giusto, nel frattempo con la tua auto il ladro ci
            porta in vacanza la famiglia e gli amici
            (rotfl)E allora?Puoi sempre rinunciare all'auto e girare in taxi, se temi i furti d'auto.

            Altrimenti con la scusa del copyright,

            Altrimenti con la scusa che tu sei il
            proprietario....
            :DEsatto. Con la scusa che tu sei il proprietario magari fai oscurare contenuti che ti danno fastidio.

            qualunque

            contenuto fastidioso puo' essere fatto oscurare

            ...impedisci a chiunque di potere circolare
            liberamente con la tua auto
            :DE' proprio quello che faccio coi contenuti che non voglio divulgare.

            scavalcando la valutazione di un

            giudice.

            ....che serve qualora sia necessario dimostrare
            che sei il proprietario, nel frattempo...buone
            vacanze
            (rotfl)E' NECESSARIO DIMOSTRARLO!Il mondo e' pieno di contaballe, a cominciare da te.
          • ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Non confonderti.
            Quella volta la' eri tu che avevi lasciato il
            mercedes nel parcheggio e poi sono arrivato io,
            ho fatto credere al parcheggiatore di aver perso
            le chiavi, lui ovviamente ci ha creduto e non ha
            avuto niente da dire quando ho rotto il
            finestrino per entrare, e portarmi via
            l'auto.
            Gli ho pure lasciato 50 euro di mancia.

            A proposito, quando sei tornato e il tuo mercedes
            non c'era piu', hai ringraziato il posteggiatore
            per avermi aiutato a portarlo
            via?
            .... e poi ti lamenti se qualcuno ti da del ladro .... :-o
            E' NECESSARIO DIMOSTRARLO!
            Il mondo e' pieno di contaballe, a cominciare da
            te.Ha parlato il "fantastico sviluppatore italico" , nel senso che ce ne vuole di fantasia per accostarti all'IT.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ... ...
            - Scritto da: panda rossa

            Non confonderti.

            Quella volta la' eri tu che avevi lasciato il

            mercedes nel parcheggio e poi sono arrivato
            io,

            ho fatto credere al parcheggiatore di aver
            perso

            le chiavi, lui ovviamente ci ha creduto e
            non
            ha

            avuto niente da dire quando ho rotto il

            finestrino per entrare, e portarmi via

            l'auto.

            Gli ho pure lasciato 50 euro di mancia.



            A proposito, quando sei tornato e il tuo
            mercedes

            non c'era piu', hai ringraziato il
            posteggiatore

            per avermi aiutato a portarlo

            via?



            .... e poi ti lamenti se qualcuno ti da del ladro
            ....
            :-oIo mi lamento se qualcuno pretende che il posteggiatore faccia anche il pubblico ufficiale.
          • ... ... ... scrive:
            Re: Quindi...
            Tu pretendi di poter parcheggiare un'auto rubata , senza pagare il parcheggio e senza neanche ringraziare il posteggiatore.
          • panda rossa scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: ... ... ...
            Tu pretendi di poter parcheggiare un'auto rubata
            , senza pagare il parcheggio e senza neanche
            ringraziare il
            posteggiatore.Tu invece pretendi di bombardare il mondo intero per impedire che io parcheggi la macchina che ancora non hai dimostrato che e' tua.
          • hit paradise scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Tu invece pretendi di bombardare il mondo intero
            per impedire che io parcheggi la macchina che
            ancora non hai dimostrato che e'
            tua.E' quello che dirà il ladro quando ti ruberà l' auto e tu protesterai mentre lo vedrai parcheggiare :D
          • hit paradise scrive:
            Re: Quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            Non confonderti.Cioè ? :D
            Quella volta la' eri tu che avevi lasciato il
            mercedes nel parcheggio e poi sono arrivato io,Ah !! :D
            ho fatto credere al parcheggiatore di aver perso
            le chiavi, Si poi ? :D
            lui ovviamente ci ha creduto Ovviamente !! (rotfl)
            e non ha
            avuto niente da dire quando ho rotto il
            finestrino per entrare, Ma certo !! Nessuno avrebbe avuto niente da dire nel vedere un finto proprietario di un auto sfondare il finestrino !! (rotfl)
            e portarmi via
            l'auto.....che avevo chiesto in prestito a tuo fratello, quello ricco, il discografico che non ti parla da una vita perchè sei uno scarricone parassita p) :D
            Gli ho pure lasciato 50 euro di mancia.....al mio amico che si è finto parcheggiatore, poi siamo andati in pizzeria a mangiare e brindare alla tua salute :D
            A proposito, quando sei tornato e il tuo mercedes
            non c'era piu', ...quella di tuo fratello vorrai dire, che adesso ha un motivo in più per non parlarti :D
            hai ringraziato il posteggiatore
            per avermi aiutato a portarlo
            via?Si l'ho ringraziato perchè siamo andati in pizzeria a tue spese.... :D poi abbiamo chiamato la polizia denunciando un tizio che era sceso da una panda rossa, aveva sfondato il finestrino di una mercedes e l'aveva rubata. :DQuella panda rossa, la tua, :D è rimasta al parcheggio con tanto di targa e documenti all'interno, :D un colpaccio degno del nome di: panda rossa (rotfl)
            Per i furti d'auto ci si rivolge alla polizia,
            non ai
            parcheggiatori.Dipende....se sono tuoi complici....o te lo fanno credere.... :D
            Puo' dire quello che vuole.E' quello che dirà la polizia quando ti avrà beccato con le mani nel sacco e tu cercherai di dare spiegazioni :D
            E' a questo che servono i processi: a ricostruire
            i fatti e determinare la
            verita'.Esatto e il mio amico finto parcheggiatore testimonierà che sei stato tu a rubare l'auto :DSpera nella clemenza di tuo fratello, quello a cui stai tanto sui maroni perchè gli rubi i soldi oltre alla macchina :D

            Si è per questo: per dare la possibilità a
            panda

            rossa di dimostrare che l'auto è sua

            :D

            E per impedire a te di far finta che sia tua.Ma soprattutto per impedire a panda rossa di far finta che la mercedes sia sua :D
            E allora?
            Puoi sempre rinunciare all'auto e girare in taxi,
            se temi i furti
            d'auto.E' quello che dirai a tuo fratello per convincerlo a non denunciarti ? :DO è quello che ti dirà la polizia quando andrai a denunciare il furto della tua auto ? :D
            Esatto. Con la scusa che tu sei il proprietario
            magari fai oscurare contenuti che ti danno
            fastidio.Così come con la "scusa" che sei proprietario fai oscurare i finestrini della panda perchè ti dà fastidio se qualcuno guarda dentro e vede te che navighi per siti porno col tuo smartphone mentre ti trastulli l'arnese :D
            E' proprio quello che faccio coi contenuti che
            non voglio
            divulgare......ma anche se oscuri i finestrini il blocco accensione rimane lì e il ladro lo sa bene... :D

            ....che serve qualora sia necessario
            dimostrare

            che sei il proprietario, nel
            frattempo...buone

            vacanze

            (rotfl)

            E' NECESSARIO DIMOSTRARLO!Cosa ? Che il ladro se ne va in vacanza con la tua auto ? Perchè ? Vuoi gli scontrini e poi gli fai il rimborso spese ? (rotfl)
            Il mondo e' pieno di contaballe, a cominciare da
            te.Mi hai convinto, la fiducia è una cosa seria....ti faccio avere gli scontrini per il rimborso, nel frattempo buone vacanze a te !! (rotfl)
Chiudi i commenti