Anziano in carcere si difende su web

L'uomo si rifiuta di cancellare il proprio sito, dove se la prende con i gestori di una casa di riposo che lo hanno espulso. In galera ormai da mesi. Accade negli USA


Roma – Ha 70 anni l’uomo che pur di non cancellare quanto ha scritto su un proprio sito web preferisce rimanere in carcere, dove il tribunale ha deciso di farlo rinchiudere non essendo riuscito ad ottenere una “ritrattazione” dall’anziano. La questione è delicata e ha già mobilitato giornalisti di rilievo e l’organizzazione dei reporter americani per la libertà di stampa .

Paul Trummel sostiene di aver attivamente ricercato le prove di discriminazione e corruzione che coinvolgerebbero la casa di riposo dalla quale è stato allontanato perché “disturbava”. Trummel proprio per questo aveva già cessato la pubblicazione di una propria newsletter ma aveva continuato a pubblicare online le proprie accuse, arrivando a descrivere i gestori della casa di riposo alla stregua di terroristi come Osama Bin Laden.

Per questo il tribunale, dopo aver ritenuto diffamanti certe “considerazioni”, ha imposto all’uomo di rimuovere dal proprio sito certe affermazioni, che però non sono state rimosse nonostante la multa di 100 dollari al giorno stabilita dal tribunale qualora fossero rimaste online.

Dunque ora Trummel è in prigione, dove si trova da tre mesi e dove rimarrà almeno fino al 17 giugno quando il suo caso tornerà in tribunale. Dalla sua, tutti coloro che lo hanno difeso spiegando che c’è il Primo Emendamento negli Stati Uniti che protegge la libertà di espressione….

L’intera questione è approfondita in un articolo pubblicato dall’associazione dei reporter americani che ha dato ampio spazio alla questione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ricordate Cuore?
    Cuore le pubblicava sempre!eppure gli scanners erano vietati anche allora!
  • Anonimo scrive:
    Purtoppo, solo una (1) voce nel silenzio ...
    ... visti i tempi di super-pericoli (tali o presunti che siano) dove quasi tutto e' concesso, in favore di una super-presunta tutela di tutti noi, e quello che ancora non lo e', presto , sicuramente, lo diventera'! Armi della paura, in mano a chi ne sapra' di certo far buon uso, per estendere i propri poteri di controllo e di sorveglianza e contemporaneamente ridurre l?inalienabile diritto di tutti noi che consiste nel semplice non voler vivere in un mondo dalle fattezze orwelliane.Dunque forza Rodota', magari sarai solo una(1) voce, ma sei la voce di tanti di Noi, che voce per replicare, sempre, non hanno.
    • Anonimo scrive:
      Io intanto non posso vedere le ultime tre cifre***
      Io intanto, non posso vedere le ultime tre cifre, oscurate dagli *** nella mia bolletta telefonica, perchè la legge sulla privacy me lo impedisce!MA LA BOLLETTA DEL TELEFONO E' LA MIA!!!Grazie Rodotà.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io intanto non posso vedere le ultime tre cifr
        - Scritto da: Utonto ***
        Io intanto, non posso vedere le ultime tre
        cifre, oscurate dagli *** nella mia bolletta
        telefonica, perchè la legge sulla privacy me
        lo impedisce!

        MA LA BOLLETTA DEL TELEFONO E' LA MIA!!!

        Grazie Rodotà. Ma guarda che la legge sulla privacy e il caro Rodota' non centrano un piffero con il tabulato delle telefonate fatte dalla tua linea verso l'esterno, visto che Io essendo abbonato alla Adriacom, per quel che riguarda il traffico telefonico ricevo il tabulato non solo con tutti i numeri in chiaro, ma anche, con dei simpatici grafichetti ed istogrammi riguardanti le statistiche delle mie telefonate(il numero che ho chiamato + spesso, le telefonate urbane, extraurbane, cellulari, ecc).Dunque se vuoi proprio prendertela con qualcuno per la scomparsa delle tre ultime cifre dal tabulato in Tuo possesso, prenditela almeno, con chi ne e' responsabile, ovvero, Mamma Telecom!Stammi bene
        • Anonimo scrive:
          Re: Io intanto non posso vedere le ultime tre cifr

          Dunque se vuoi proprio prendertela con
          qualcuno per la scomparsa delle tre ultime
          cifre dal tabulato in Tuo possesso,
          prenditela almeno, con chi ne e'
          responsabile, ovvero, Mamma Telecom!
          Stammi benesei MALE INFORMATO. La legge che IMPONE ai gestori l'oscuramento delle ultime tre cifre e' il d. l. 171/98, che ha fotografato il mascheramento gia' praticato da Telecom, rendendolo obbligatorio per tutti i gestori.Rodota' ha avallato piu' volte il mascheramento.Ma c'e' di peggio: proprio lui, che ora fa la vergine, ha esentato nella sua legge sulla privacy 675/96 Telecom Italia dal richiedere il consenso per il trattamento agli abbonati!!!E' il massimo dell'ipocrisia!!!VERGOGNA!
          • Anonimo scrive:
            Re: Io intanto non posso vedere le ultime tre cifr
            - Scritto da: Wild56

            Dunque se vuoi proprio prendertela con

            qualcuno per la scomparsa delle tre ultime

            cifre dal tabulato in Tuo possesso,

            prenditela almeno, con chi ne e'

            responsabile, ovvero, Mamma Telecom!

            Stammi bene

            sei MALE INFORMATO. Io saro' pure male informato, non e' una colpa cosi' grave, ma resta il fatto che il tabulato della Albacon, adesso Elitel, avente sede nel FriuliVeneziaGiulia, percio' fino a prova contraria in Italia, NON ha nessuna cifra (ne una ne due ne tre) oscurata da nessun asterisco o altro carattere, ci sono invence al loro posto le ultime tre cifre del numero di telefono chiamato, e dunque, il numero nella sua interezza!Tu che ne sai di +, spiegamelo se ci riesci, TU!!!Ciao
            La legge che IMPONE ai
            gestori l'oscuramento delle ultime tre cifre
            e' il d. l. 171/98, che ha fotografato il
            mascheramento gia' praticato da Telecom,
            rendendolo obbligatorio per tutti i gestori.
            Rodota' ha avallato piu' volte il
            mascheramento.
            Ma c'e' di peggio: proprio lui, che ora fa
            la vergine, ha esentato nella sua legge
            sulla privacy 675/96 Telecom Italia dal
            richiedere il consenso per il trattamento
            agli abbonati!!!
            E' il massimo dell'ipocrisia!!!

            VERGOGNA!
Chiudi i commenti