AP, a volte ritornano

Nuovi contenuti dell'agenzia di stampa sono apparsi sul news aggregator di Google. In corso un accordo di licenza i cui termini sono riservati. Intanto, CNN tenta di fare a meno di Associated Press

Roma – Che siano tornati ad essere buoni amici? Nuovi contenuti dell’agenzia di stampa Associated Press hanno fatto la loro recente comparsa sul palcoscenico online di uno dei più contestati aggregatori di notizie web, Google News. Nuovi articoli dunque, dopo un’assenza di circa due mesi dai meandri linkabili del servizio made in Mountain View .

La diatriba si protraeva ormai da lungo tempo. Molti esponenti dell’editoria avevano puntato il dito contro motori di ricerca e news aggregator , colpevoli di attività vampiresca nei confronti dei contenuti originali prodotti dal mondo dell’informazione. Uno di loro era Tom Curley , attuale CEO di AP.

Gli accordi di licenza tra l’agenzia di stampa e Google erano terminati lo scorso dicembre. AP, in anticipo rispetto alla data ultima, aveva previsto la rimozione dei suoi articoli dai risultati di Google News. Poi, dopo quasi due mesi , sull’aggregatore sono ricomparsi i primi nuovi contenuti firmati Associated Press .

Alcune fonti hanno quindi provato a contattare gli uffici di Mountain View per ottenere alcune dichiarazioni a caldo. Ma la risposta di un portavoce non è stata particolarmente esaustiva: “Abbiamo un accordo di licenza con AP che ci permette di ospitare i suoi contenuti. Ma i termini di questo accordo sono in corso di discussione e non ci saranno qui ulteriori commenti”.

AP non ha fatto altro che accodarsi alle dichiarazioni di Google. Ma quindi è vero, c’è un accordo in corso tra AP e BigG . Accordo che sembrava piuttosto nebuloso, nello stesso momento in cui l’agenzia di stampa stringeva la mano al noto motore in viola, Yahoo!. E si sapeva già da tempo del rapporto privilegiato con il search engine di Sunnyvale.

Chi non sembra desiderare più un rapporto privilegiato con Associated Press è il broadcaster CNN, che ha reso nota la sua intenzione di fare a meno dei suoi canali d’informazione per adottare i propri. Sarà una sorta di prova di una settimana, affinché CNN dimostri di potercela fare, di saper gestire il flusso senza dipendere da fonti esterne come AP . Che Associated Press non possa invece fare a meno di Google?

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • abc scrive:
    Ridicolo.
    Non so che altro dire.. Ridicolo.
  • the_m scrive:
    Apple = patent troll
    Non è la prima volta che Apple brevetta roba inventata da tempo da altri, ma c'è chi continua a criticare Nokia per la recente vicenda...
    • ciao scrive:
      Re: Apple = patent troll
      Puoi inventare quello che vuoi ma se non lo brevetti poi non ti puoi lamentare.
      • ephestione scrive:
        Re: Apple = patent troll
        ma che dici... i brevetti non funzionano così, ed anche se Apple ha la faccia di bronzo in questo caso, è l'ufficio brevetti che l'ha fatta grossa.Se esiste una "prior art", che sia essa brevettata o meno, tu non puoi ottenere un brevetto sulla stessa cosa.Se io invento il tavolo con 5 gambe anziché 4, e lo rilascio liberamente alla comunità, ad apple non può essere consentito di registrare un brevetto sul tavolo a 5 gambe, punto.
    • ciao scrive:
      Re: Apple = patent troll
      ... e se le regole non ti piacciono , o cambi gioco , o fai cambiare le regole
  • rudy scrive:
    brevettare le mensole
    e giacche ci siamo anche il risotto alla milanese, se vuoi fartelo, poi devi darmi i diritti..
Chiudi i commenti