Apple, anche Safari è in preview

Cupertino si fa convincere dei test anticipati per le nuove release di Safari: il browser ora dovrebbe "mostrarsi" al pubblico di utenti e sviluppatori anche in versioni non completamente definite

Roma – Apple ha annunciato Safari Technology Preview (TP), un nuovo programma di beta testing pensato per permettere al pubblico di testare le ultime novità in sviluppo sul browser di Cupertino prima della effettiva distribuzione della major release successiva.

La versione TP di Safari è un’applicazione separata rispetto alla versione stabile del browser già installata su OS X, dice Apple, e include tecnologia all’avanguardia che utenti ordinari e sviluppatori possono provare fornendo poi un appropriato feedback alla corporation.

Assieme alla versione più recente del layout engine WebKit, la prima Technology Preview di Safari permette quindi di provare sul campo una delle “più complete implementazioni” di ECMAScript 6 (lo standard di scripting alla base di JavaScript) in circolazione, il compilatore JS JIT (Just-in-Time) B3, una versione rinnovata di IndexedDB più stabile e rispettosa dello standard, il supporto per Shadow DOM.

Safari Technology Preview rappresenta l’ennesima apertura al pubblico di Apple, una corporation tradizionalmente gelosa del proprio software che negli ultimi anni ha reso sempre più accessibili le versioni beta dei suoi sistemi operativi e ha persino rilasciato il linguaggio Swift sotto licenza open source .

In fatto di browser la novità è meno sorprendente, visto che la distribuzione di versioni alpha e beta delle ultime release di Firefox e Chrome è un fatto conclamato da tempo e gli utenti del programma Insider hanno potuto osservare i progressi nello sviluppo di Microsoft Edge prima ancora dell’uscita ufficiale di Windows 10.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti