Apple e Microsoft, nuovi OS nell'aria

La casa di Cupertino rilascia la seconda anteprima di Lion per gli sviluppatori, mentre Microsoft rende disponibile agli OEM una versione preliminare di Windows 8

Roma – Lion, il nuovo sistema operativo dei computer Apple, verrà mostrato ufficialmente al pubblico durante la WWDC , tra il 6 e il 10 giugno. Nel frattempo l’azienda di Cupertino ha rilasciato una seconda anteprima dedicata a sviluppatori e beta-tester. Secondo i bene informati , il progetto è prossimo alla fase “Golden Master”, quindi nei laboratori Apple ci sarebbe già una versione perfettamente stabile del sistema, completa di ogni funzionalità.

La data d’uscita del nuovo Mac OS X 10.7, che sarà fondamentale per spingere l’azienda verso servizi in the cloud, è fissata per questa estate. La nuova versione beta (Build 11A419) distribuita mercoledì corregge una serie di bug ma è ancora piuttosto instabile . Per esempio, non supporta i dispositivi Thunderbolt , non può riprodurre video acquistati su iTunes, entra in crisi con iPhoto 9 e in “kernel panic” quando si tenta di accedere ad un volume esterno formattato in NTFS.

Tra le novità introdotte si segnala invece un nuovo look per certe applicazioni installate di serie: il nuovo iCal 5.0 è molto più simile alla versione iPad, mentre la versione 6.0 di iChat supporta Yahoo Messenger di default e consente di raggruppare tutti i vari contatti sotto la stessa ala, in maniera simile a quanto accade con il software di messaggistica Adium.

La nuova anteprima svela che Apple introdurrà anche lo Screen Sharing multi-utente in Lion. La nuova funzione, che strizza l’occhio al Terminal Services Microsoft, consentirà la gestione in remoto del Mac divisa per account. Più utenti potranno quindi collegarsi ad un server VNC per accedere allo stesso computer e utilizzare lo stesso software, contemporaneamente.

Nel frattempo, qualcosa comincia a muoversi anche dalle parti di Redmond. A quanto pare Microsoft ha iniziato a distribuire la seconda milestone di Windows 8 agli assemblatori partner. Il sito russo winreview.ru conferma che non si tratta di un rumor, pubblicando le immagini che mostrano proprio l’aggiornamento al nuovo sistema, partendo da Seven. A questo punto, un primo “leak” potrebbe spuntare online da un momento all’altro.

Tra le poche caratteristiche del nuovo Windows trapelate fino ad ora, si parla di una interfaccia utente 3D Ready e di una misteriosa funzione System Reset con cui ripristinare il sistema alle impostazioni iniziali, in un paio di minuti.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    la *solita* vergogna
    la WIPO si lagna di enormi cybersquatting (e giu' di avvocati) per un reato che hanno INVENTATO loro... perche' e' dei mercanti l'idea che un nome a dominio deve essere l'equivalente di un trademark (ed essere protetto x gli stessi principi)... BEN noto da noi e' il caso della tipografia Armani... e infatti se si va a vedere bene, certe vere cause legali NON sono portate avanti e vinte x il cosidetto cybersquatting (che esiste ed e' odioso, ma per altri motivi) MA per contraffazione/truffa...Detto in altro modo : se io tecnicamente posso, xche arrivo prima, e mi registro cocacola.it E CI FACCIO un sito per collezionisti di oggetti cocacola... e' evidente che non sto facendo contraffazione o concorrenza sleale a cocacola company, quindi va a cagher... peggio ancora il caso della tipografia armani... se vogliono e IO voglio, mi compreranno il domain.Il VERO cybersquatting sono i buffoni stile vecchio grauso che si comprano 10000 domini alla volta, non facendoci una mazza ,se non rivenderli o farne un ricettacolo di pubblicita' "casuale" rimanendo in parking (domain tasting & co)... fastidioso (e banalmente si poteva gestire evitando di vendere paccate di domain a un singolo & altre norme. Roba che in parte esiste negli US,ma che poi hanno bypassato) ma che NON c'entra con la contraffazione o pubblcita' ingannevole, che si stronca con le leggi proprie A PRESCINDERE da internet
    • BLah scrive:
      Re: la *solita* vergogna
      Sì in effetti mi piacerebbe sapere se esista un modo per denunciare e sfrattare, con un iter semplice e veloce, quelli che si appropriano di domini e li parcheggiano per poi rivenderli a 10.000 USD. Anche presentando magari il progetto del proprio sito che si vuole mettere in quel dominio (a dimostrazione che sarebbe utilizzato correttamente, per un business esistente), facendo quindi guadagnare il diritto di averlo.
Chiudi i commenti