Apple Music, Cupertino non si spiega la cancellazione a mezzo cloud

Apple ammette l'esistenza di un problema con iTunes: quelle collezioni musicali cancellate e sostituite con le repliche sterilizzate del cloud non vanno bene. Presto un update, anche se il bug non è stato ancora replicato

Roma – Il caso di James Pinkstone e dei suoi 122 Gigabyte di file audio cancellati ha sollevato ancora una volta il problema della rigidità del cloud di Cupertino, e questa volta Apple sembra intenzionata a mettere nuovi paletti difensivi fra le collezioni musicali degli utenti e la tendenza di iTunes a spazzarle via sostituendole con versioni telematiche.

I file audio cancellati e sostituiti a forza dallo streaming di Apple Music sono un’eventualità che riguarda “un numero estremamente piccolo di casi”, tiene a precisare Cupertino , e il problema è figlio di un bug in iTunes che la corporation non è stata fin qui in grado di replicare per conto suo.

La testimonianza “virale” di Pinkstone ha fatto rumore, a quanto pare, e poco dopo l’utente è stato contattato direttamente da Apple che ha offerto ulteriore assistenza e ha fornito rassicurazioni sul fatto che iTunes non è programmato – o non dovrebbe essere programmato – per cancellare file senza permesso.

Che si tratti di un “semplice” problema di interfaccia confusionale o di bug cancella-Gigabyte, Apple ha detto di voler rilasciare una versione aggiornata del software inclusiva di “difese aggiuntive” per impedire l’entrata in funzione della sostituzione finora imposta.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti