Apple: ora fuori i nomi delle talpe

La Mela vince in California e il tribunale costringe i siti che avevano pubblicato succose anteprime a rivelare i nomi di chi ha consegnato loro segreti industriali


San Jose (USA) – Era ormai solo questione di tempo e l’attesa sentenza è finalmente arrivata: nessun diritto di alcuni siti web di garantire la riservatezza alle proprie fonti quando queste portano alla pubblicazione di segreti industriali. E? il succo della decisione di un tribunale distrettuale californiano attorno al celebre caso che oppone Apple agli editor di alcuni siti web.

Come si ricorderà, questi ultimi hanno pubblicato sui propri siti, ThinkSecret , Apple Insider e PowerPage , materiali che per Apple rappresentavano un segreto industriale, ovvero notizie sul Mac mini prima della sua presentazione ufficiale. Notizie che sono state fornite loro dall’interno dell’azienda e che hanno indotto Apple a presentare denuncia anche per capire chi dei propri dipendenti avesse tradito la propria fiducia.

La Mela già si era mossa denunciando 25 lavoratori la cui condotta, a suo dire, aveva violato la legge sui segreti industriali ed ha ora ottenuto la possibilità di farsi dire dai gestori dei siti chi ha fornito loro le informazioni.

La questione è tutt’altro che secondaria. Secondo i sostenitori dei diritti digitali, e tra questi la Electronic Frontier Foundation (EFF) , essere costretti a rivelare le fonti potrebbe comprimere notevolmente le capacità dei media di riportare notizie di rilievo. Secondo il giudice, però, così non è perché si parla di segreti industriali. “Il diritto di mantenere e conservare informazioni proprietarie – ha spiegato il magistrato – è un diritto che le normative della California e i tribunali da lungo tempo hanno sostenuto e che è fondamentale per il futuro della tecnologia e più in generale dell’innovazione”.

I tre siti ricorreranno in appello e, secondo EFF, questo è necessario perché “la sentenza dovrebbe preoccupare tutti i reporter di ogni settore, specialmente quelli del mondo finanziario e del commercio che ogni giorno si occupano delle imprese e dei loro prodotti”. Da parte sua Apple ha invece applaudito alla sentenza spiegando che non può essere data a nessuno licenza di “violare le leggi”. Inutile invece parlare dello sconforto dei redattori, secondo cui Apple approfitta del fatto che nessuno di loro ha le risorse finanziarie per opporsi a diffide e denunce come quella presentata dalla Mela. Va detto che le posizioni dei tre siti sono tra loro diverse, perché solo ThinkSecret.com è denunciato direttamente mentre gli altri due si sono difesi dalle diffide inviate da Apple ai rispettivi provider, ma sono differenze che vengono sostanzialmente a cadere con la decisione del tribunale: entro 14 giorni dovranno essere rivelati tutti i nomi dei coinvolti.

C’è però un altro risvolto della faccenda estremamente interessante. I reporter avevano infatti rigettato le diffide di Apple sostenendo che in qualità di giornalisti le proprie fonti erano protette. A sua volta Apple aveva reagito sostenendo in tribunale che non si trattava di giornalisti, in quanto riprendevano meramente notizie di prodotti senza un “vero” lavoro giornalistico alle spalle. Ed è interessante che il giudice di questo non abbia voluto occuparsi, spiegando che “definire cosa sia un giornalista è divenuto sempre più complicato con l’espansione dei nuovi media. Ma anche se si tratta di giornalisti, questo non vuol dire che possano fare come vogliono”. Come noto in Italia chi e cosa sia un giornalista è stabilito dalla legge e dalle procedure del relativo Ordine, che esiste solo in una manciata di paesi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anna scrive:
    prova
    priva
  • Anonimo scrive:
    musica,giochi?
    rilasciavano solo appz
  • ryoga scrive:
    Cavoli... l'estradizione ad un warez....
    ... in Italia ci sono tantissimi casi di brigatisti all'estero ( o comunque di gente che ha a suo carico diversi capi d'imputazione per omicidio, strage etc.etc. ), ma non si riesce a farli rimpatriare.....E' proprio vero.... chi cracca un software commette un reato + grosso di chi ammazza 1 uomo.ke schifo
    • Anonimo scrive:
      Re: Cavoli... l'estradizione ad un warez
      - Scritto da: ryoga
      ... in Italia ci sono tantissimi casi di
      brigatisti all'estero ( o comunque di gente che
      ha a suo carico diversi capi d'imputazione per
      omicidio, strage etc.etc. ), ma non si riesce a
      farli rimpatriare.....

      E' proprio vero.... chi cracca un software
      commette un reato + grosso di chi ammazza 1 uomo.
      Come diceva Orwell, i maiali sono più uguali degli altri:prova a rapinare una banca o truffare un'assicurazione e vai in galera, se una banca ti truffa e ti rapina non le succede niente, se lo fa un'assicurazione addirittura le fanno un bel decreto salvacompagnie ad hoc per renderti più difficile rivalerti, se poi a rapinare e truffare è la SIAE ogni partito fa a gara a chi le fa più favori.
  • HotEngine scrive:
    Domanda...
    Ma è disoccupato perchè passa il suo tempo a craccare o cracca per protesta perchè è disoccupato? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda...
      - Scritto da: HotEngine
      Ma è disoccupato perchè passa il suo tempo a
      craccare o cracca per protesta perchè è
      disoccupato? ;-)Probabilmente risulta disoccupato davanti alla legge e tutti i soldi se li guadagnava col traffico di software pirata...
  • Riot scrive:
    Ma il vero problema è...
    possibile estradare un proprio cittadino per un reato minore come questo? Agli USA poi!L'Australia penso stia lottando con noi per ottenere il titolo di primo umettatore di deretani e con questa mossa ha ottenuto il vantaggio.Pensiamo alle conseguenze di questo precendente, potremmo essere estradati in Cina per essere stati su siti pornografici, in Arabia Saudita per aver parlato male della famiglia reale, a Guantanamo per aver parlato male di Bush!La realtà è che il poveretto non è MAI stato sul suolo americano, quindi la richiesta di estradizione non poteva neppure essere emessa, figuriamoci accettata!P.S. mi piacerebbe sapere con che frequenza l'estradizione di sospetti dall'America viene ammessa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma il vero problema è...

      possibile estradare un proprio cittadino per un
      reato minore come questo? Agli USA poi!già...ma se proprio vogliamo vedere dovremmo iniziare con l'interrogarci sul fatto che sia giusto o meno che la violazione dei diritti d'autore sia un reato se non è a scopo di lucro (piuttosto che come prima un semplice illecito amministrativo)
      P.S. mi piacerebbe sapere con che frequenza
      l'estradizione di sospetti dall'America viene
      ammessa.Risposta: insieme vuoto
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma il vero problema è...
        - Scritto da: Anonimo

        possibile estradare un proprio cittadino per un

        reato minore come questo? Agli USA poi!

        già...

        ma se proprio vogliamo vedere dovremmo iniziare
        con l'interrogarci sul fatto che sia giusto o
        meno che la violazione dei diritti d'autore sia
        un reato se non è a scopo di lucro (piuttosto che
        come prima un semplice illecito amministrativo)Mah come ho scritto nell'altro thread secondo me questo col traffico di wazzo ci campava, altrimenti non mi spiego come potesse risultare a 42anni disoccupato e residente presso i genitori... mi sa che quindi questo potrebbe proprio essere uno dei casi a fine di lucro
  • Anonimo scrive:
    Lo metteranno al lavoro per la CIA....
    uno così è molto più utile alla CIA che in galera.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo metteranno al lavoro per la CIA..
      si, ma è anche vero che potrebbe essere moooooooolto recidivoPaolo
      • Anonimo scrive:
        Re: Lo metteranno al lavoro per la CIA..
        - Scritto da: Anonimo
        si, ma è anche vero che potrebbe essere
        moooooooolto recidivoMeglio per la CIA: magari si sono stufati che quando sbagliano è tutta colpa loro e quando ne fanno una giusta è tutto merito di Jorgiño e Sodomeeza, hanno una ghiottissima occasione di vendicarsi senza avere morti sulla coscienza.
  • Anonimo scrive:
    Free Griffiths!!!!!!
    Dal sito della Polizia Doganale USA:"What is the motivation of these groups? Do they do it for money? DrinkOrDie and other Warez groups steal software for the mere challenge and fun of it. Reputation is everything to them. Earning an online reputation as the fastest to steal, "crack," and release high-quality, pirated software over the Internet is most important to them. Groups compete against each other in these efforts. Some even have web sites celebrating their greatest pirating feats. They also view themselves as Robin Hood figures -- pirating new software so it can be distributed freely over the Internet"... Sono degli eroi, meriterebbero un monumento, altro che persecuzione giudiziaria...
    • Anonimo scrive:
      Re: Free Griffiths!!!!!!
      Sono dei ladri e basta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Free Griffiths!!!!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Sono dei ladri e basta.A me sono venuti i ladri in casa tre volte in città e una in campagna, mia madre è stata scippata due volte e solo una volta ha recuperato il maltolto perché la folla solidale ha chiesto all'autista del bus di non aprire le porte fino all'arrivo della polizia e il ladro si è disfatto di quello che aveva rubato e nessuna polizia, italiana, americana o australiana ha fatto qualcosa di più di mettere qualche timbro su qualche foglio in burocratese poliziesco stretto.D'altra parte se il ladro è clandestino, come ormai avviene nell'80% dei casi, può sparire senza lasciare traccia (non che la cosa debba andare necessariamente a suo vantaggio @^)
        • Anonimo scrive:
          Re: Free Griffiths!!!!!!
          - Scritto da: Anonimo
          D'altra parte se il ladro è clandestino, come
          ormai avviene nell'80% dei casi,
          può sparire senza lasciare traccia (non che la cosa debba
          andare necessariamente a suo vantaggio @^)Per la serie: una nuotatina nell'acido non si nega a nessuno.Per caso di cognome fai Borghezio?
          • Anonimo scrive:
            Re: Free Griffiths!!!!!!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            D'altra parte se il ladro è clandestino, come

            ormai avviene nell'80% dei casi,


            può sparire senza lasciare traccia (non che la
            cosa debba

            andare necessariamente a suo vantaggio @^)
            Per la serie: una nuotatina nell'acido non si
            nega a nessuno.

            Per caso di cognome fai Borghezio?Più che altro pensavo alle mie povere piante bisognose di sostanze azotate, sana decomposizione naturale, acidificarli dovrebbe servire solo per azalee, camelie e rododendri.Eh, quando si ama il verde... O:-)
  • Anonimo scrive:
    Australiani calabrache
    Come si può scendere così in basso e asservirsi a questo modo agli interessi delle multinazionali di un altro paese?Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?
    • TPK scrive:
      Re: Australiani calabrache
      - Scritto da: Anonimo
      Come si può scendere così in basso e asservirsi a
      questo modo agli interessi delle multinazionali
      di un altro paese?
      Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?Discendenti di criminali europei?
    • Anonimo scrive:
      Re: Australiani calabrache
      - Scritto da: Anonimo
      Come si può scendere così in basso e asservirsi a
      questo modo agli interessi delle multinazionali
      di un altro paese?
      Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?Peggio. Sono Australiani!
      • Anonimo scrive:
        Re: Australiani calabrache
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Come si può scendere così in basso e asservirsi
        a

        questo modo agli interessi delle multinazionali

        di un altro paese?

        Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?
        Peggio. Sono Australiani!Però dall'Australia vengono anche cose belle: pensa a Megan Gale o a Vanessa Kelly.
        • Anonimo scrive:
          Re: Australiani calabrache
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Come si può scendere così in basso e
          asservirsi

          a


          questo modo agli interessi delle
          multinazionali


          di un altro paese?


          Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?

          Peggio. Sono Australiani!
          Però dall'Australia vengono anche cose belle:
          pensa a Megan Gale o a Vanessa Kelly.E ti vai a scordare proprio Nicole Kidman?Che però, pensandoci bene, è scientologa, insomma se a una delle loro più strafighe manca qualche rotella non stanno messi tanto bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: Australiani calabrache
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Come si può scendere così in basso e

            asservirsi


            a



            questo modo agli interessi delle

            multinazionali



            di un altro paese?



            Cosa sono, irlandesi? O addirittura europei?


            Peggio. Sono Australiani!

            Però dall'Australia vengono anche cose belle:

            pensa a Megan Gale o a Vanessa Kelly.
            E ti vai a scordare proprio Nicole Kidman?
            Che però, pensandoci bene, è scientologa, insomma
            se a una delle loro più strafighe manca qualche
            rotella non stanno messi tanto bene.Ecco chi mi ero dimenticato!
  • Anonimo scrive:
    just for fun
    Riporto dal sito della polizia doganale americana:"DrinkOrDie and other Warez groups steal software for the mere challenge and fun of it."Speriamo solo che i giudici ne tengano conto...
    • Vurdak scrive:
      Re: just for fun
      Ormai i giudici tengono solo conto del numero di avvocati per imputato...
    • Anonimo scrive:
      Re: just for fun
      Se spacchi una vetrina solo "per divertimento" non è una scusante e la vetrina la paghi per intero: anzi, c'è l'aggravante della futilità del gesto.
      • Anonimo scrive:
        Re: just for fun

        Se spacchi una vetrina solo "per divertimento"
        non è una scusante e la vetrina la paghi per
        intero: anzi, c'è l'aggravante della futilità del
        gesto.questo assomiglia al solito esempio dellaFerrari rubata come esempio per la copiadi un software/di una canzonequando rompi una vetrina hai danneggiatofisicamente il bene di qualcuno, quando togliuna protezione il bene originale rimane integro
        • Anonimo scrive:
          Re: just for fun
          - Scritto da: Anonimo
          questo assomiglia al solito esempio della
          Ferrari rubata come esempio per la copia
          di un software/di una canzone

          quando rompi una vetrina hai danneggiato
          fisicamente il bene di qualcuno, quando togli
          una protezione il bene originale rimane integroin compenso se consideri che la tua versione wazza e' usata da 10.000 persone e di quelle 10.000 persone anche solo 2 l'avrebbero comprata se non fosse stata disponibile per altre vie, hai comunque un danno dovuto al mancato guadagno...
          • Anonimo scrive:
            Re: just for fun

            in compenso se consideri che la tua versione
            wazza e' usata da 10.000 persone e di quelle
            10.000 persone anche solo 2 l'avrebbero comprata
            se non fosse stata disponibile per altre vie, hai
            comunque un danno dovuto al mancato guadagno...ne convengo, ma in punta di diritto per quale emotivo questo presunto mancato guadagno deve essere di fatto equiparato ad un furto?
      • Anonimo scrive:
        Re: just for fun
        - Scritto da: Anonimo
        Se spacchi una vetrina solo "per divertimento"
        non è una scusante e la vetrina la paghi per
        intero: anzi, c'è l'aggravante della futilità del
        gesto.Vero, ma per quel che riguarda la vetrina!Se io prendo un Software commerciale e lo rendodisponibile a chiunque Gratuitamente, e dunquesenza fine di lucro alcuno, credo che dovrei veniraccusato e giudicato in modo ben diverso da chispacca una vetrina perche' non ha nulla di meglioda fare. Se poi devo costituire esempio da esibiresulla forca come spauracchio per il resto del mondo,beh allora tutto il resto non conta.(autore del post-seed)
  • Anonimo scrive:
    Forcolandia -nt-
    -nt-
  • Anonimo scrive:
    a quando
    l'estradizione in Cina per il porno?
  • Anonimo scrive:
    No please!
    Se lo estradano negli USA quegli infojati di giudici USA son capaci di seppellirlo x sempre a Guantanamo!
Chiudi i commenti