Apple parla di soldi

Conferenza stampa per spiegare cosa fare con i 100 miliardi di contanti in banca. Dividendi per gli azionisti, investimenti o acquisizioni?

Roma – Apple si fa i conti in tasca e decide di parlare delle possibilità (e delle intenzioni) di investimento del suo contante : 100 miliardi di dollari, di cui 34 miliardi detenuti negli Stati Uniti e il resto da sussidiarie estere. Il tutto senza contare i nuovi contanti generati da operazioni aziendali varie.

Gli osservatori si aspettano la redistribuzione dei dividendi agli azionisti, una cosa che Apple aveva fatto l’ultima volta nel 1995 e che le permetterebbe di attirare nuovi tipi di investitori. Con dividendi pari a 14,64 dollari ad azione Cupertino potrebbe limitarsi ad attingere ai fondi a stelle e strisce senza intaccare i soldi detenuti all’estero, azione che avrebbe costi non trascurabili legati al movimento internazionale di capitale.

La conference call imminente del CEO di Apple Tim Cook e del CFO Peter Oppenheimer è l’occasione per parlare di questa scelta: le alternative sono un grande acquisto (magari una startup) o la costruzione di nuove infrastrutture. Apple potrebbe anche decidere di tenersi i soldi per qualunque obiettivo futuro, come assicurarsi l’esclusiva per la fornitura di alcuni componenti dei suoi device. ( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti