Apple Store, in Italia fanno 10

Cupertino fa cifra tonda con il secondo punto vendita nella Capitale. Una strategia fino a questo punto diversa da quella seguita all'estero

Roma – La Mela ha scelto il natale di Roma, 21 aprile, per inaugurare il secondo punto vendita ufficiale nella Capitale: consueta cerimonia di apertura delle porte con appassionati in fila dalla sera precedente per accaparrarsi il posto, t-shirt regalate ai primi 1.000 avventori e (inediti) cori da stadio.

Il secondo Apple Store di Roma ha aperto in un centro commerciale a 5 anni di distanza dal primo (che, casualmente, è stato anche il primo Apple Store dell’Europa continentale): rispetto al precedente non sembra essere cambiato granché, la superficie complessiva è pressoché identica, gli spazi dedicati a Genius Bar e esposizione analoghi. L’unica differenza sembra essere l’angolo dedicato ai bambini, dove ora fanno mostra di sé degli iPad in luogo dei più grossi e meno amichevoli iMac.

In Italia Cupertino sta portando avanti una politica differente dal resto del Mondo: fino a questo punto sono stati privilegiati i grandi centri commerciali (fa eccezione solo il negozio bolognese), punti di attrazione dello shopping del weekend ma che non sempre si sposano con l’appeal di un marchio modaiolo come quello della Mela Morsicata. All’estero, soprattutto nelle capitali europee, fino a questo punto Apple ha invece aperto i suoi store nei luogi più eleganti e frequentati del centro: non è escluso che prima o poi lo stesso possa accadere anche a Roma e Milano.

L’apertura del nuovo punto vendita romano ha visto una inaspettata cerimonia di apertura condita da stornelli e balletti, con coreografie tutt’altro che improvvisate. Per quello che è stato possibile verificare, l’iniziativa sarebbe partita direttamente dal personale (saranno circa 100 i commessi che si alterneranno a rotazione nel negozio): idea riuscita, visto che a partire dalle 9:30 si è radunata una piccola folla davanti al negozio e nelle sone prospicienti, con i frequentatori del centro commerciale del sabato mattina (tipicamente famiglie) attirati e un po’ spiazzati dalla musica e dal baccano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ridicolo scrive:
    moglie e buoi
    ...il bue che dice cornuto all'asino
  • Dottor Stranamore scrive:
    Guardiamola in un altro modo
    Un conto è spostare la produzione all'estero facendo in paesi con i sindacati deboli facendo perdere i posti di lavoro in Italia. Altra cosa è fare come Google che cerca di pagare meno tasse in modo lecito, ma con i soldi risparmiati offre un sacco di servizi gratuiti al cittadino, creando cose che lo stato non sarebbe mai in grado di mettere in funzione, basta vedere Italia.it che fine ha fatto. E su molti di questi servizi neanche ha un guadagno, servono solo a rafforzare il brand.Quindi alla fine lo stato riscuote meno tasse, ma il cittadino riceve lo stesso qualcosa in cambio.
    • una b.er scrive:
      Re: Guardiamola in un altro modo
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      [...]sì guardiamola in un altro modo: non hai minimamente capito di cosa parla l'articolo...
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Guardiamola in un altro modo
        - Scritto da: una b.er
        - Scritto da: Dottor Stranamore

        [...]

        sì guardiamola in un altro modo: non hai
        minimamente capito di cosa parla
        l'articolo...Affatto, io ho ripreso questa parte: <i
        Un esempio solo che riguarda tutti è quello spesso citato della tassazione dei guadagni delle aziende internet (Amazon, Apple e Google in testa) che sono da tempo al centro di molte discussioni. Giornalisti ed economisti guardano con fastidio le triangolazioni fiscali che consentono a simili aziende di pagare le tasse nei paesi dove esse sono più basse (in Europa tipicamente Lussemburgo o Irlanda)...No, il punto riguarda invece noi stessi, utilizzatori dei servizi di Google o Amazon e la nostra considerazione verso simili soggetti, dai quali, banalmente ci saremmo attesi una nuova idea di economia e sostenibilità tout court che, oltre all'auto che si guida da sola, ai libri elettronici digitalizzati gratuitamente in ogni biblioteca del mondo e a mille altre cose che renderanno il mondo formidabile, riguardasse anche, banalmente, lo spregio per i paradisi fiscali anche quando tecnicamente eleggibili a propria dimora. </i
    • mr_caos scrive:
      Re: Guardiamola in un altro modo
      Gratuiti... guarda che Google fattura migliardi di dollari, da dove credi che arrivino?Il fatto che tu non paghii direttamente Google, non fa si che, come per magia, questi soldi si materializzino dal nulla.Li cacciamo sempre noi, indirettamente, attraverso i prodotti che compriamo ogni giorno, e che poi le aziende reinvestono in marketing.Google è Mediaset 2.0, nulla piu'.
      • 8080 scrive:
        Re: Guardiamola in un altro modo
        - Scritto da: mr_caos
        Gratuiti... guarda che Google fattura migliardi
        di dollari, da dove credi che
        arrivino?

        Il fatto che tu non paghii direttamente Google,
        non fa si che, come per magia, questi soldi si
        materializzino dal
        nulla.

        Li cacciamo sempre noi, indirettamente,
        attraverso i prodotti che compriamo ogni giorno,
        e che poi le aziende reinvestono in
        marketing.

        Google è Mediaset 2.0, nulla piu'.Offfrono un sacco di servizi su cui non hanno un guadagno. Lo stesso youtube tu lo puoi usare per mettere video senza pubblicità.
        • mr_caos scrive:
          Re: Guardiamola in un altro modo
          - Scritto da: 8080

          Offfrono un sacco di servizi su cui non hanno un
          guadagno. Lo stesso youtube tu lo puoi usare per
          mettere video senza pubblicità.Che ingenuo.
          • 8080 scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: mr_caos
            - Scritto da: 8080



            Offfrono un sacco di servizi su cui non
            hanno
            un

            guadagno. Lo stesso youtube tu lo puoi usare
            per

            mettere video senza pubblicità.

            Che ingenuo.Sarò ingenuo ma io ho un centinaio di video educativi senza pubblicità che a me non costano niente.
          • mr_caos scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            Se tu sfrutti molto i servizi Google, allora puoi trovarli convenienti, ma scusami, pensare che siano gratuiti è da ingenuo.Semplicemente c'è un sacco di gente che non li usa affatto che mette la propria parte anche per te.
          • 8080 scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: mr_caos
            Se tu sfrutti molto i servizi Google, allora puoi
            trovarli convenienti, ma scusami, pensare che
            siano gratuiti è da
            ingenuo.

            Semplicemente c'è un sacco di gente che non li
            usa affatto che mette la propria parte anche per
            te.Ma questo discorso lo puoi fare per un servizio basato sulla pubblicità. Dove apparentemente è gratuito.Ma se io metto video senza pagare banda o spazio. Se chi li guarda non deve vedere nessuna pubblicità, allora è un servizio gratuito sì.Che poi Google faccia soldi altrove è un altro paio di maniche.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2012 16.11-----------------------------------------------------------
          • mr_caos scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: 8080

            Ma questo discorso lo puoi fare per un servizio
            basato sulla pubblicità. Dove apparentemente è
            gratuito.
            Ma se io metto video senza pagare banda o spazio.
            Se chi li guarda non deve vedere nessuna
            pubblicità, allora è un servizio gratuito
            sì.
            Che poi Google faccia soldi altrove è un altro
            paio di
            maniche.No scusa, il fatto che il servizio nello specifico sia gratuito, senza pubblicità o meno, non cambia nulla.Google è un'azienda di pubblicità. Anche il servizio gratuito, è pagato con una percentuale aggiuntiva sul prezzo di ogni prodotto di ogni azienda che fa marketing con Google. Quando compri uno qualsiasi di questi prodotti al supermercato, stai pagando Google.Poi come dicevo, se sfrutti molto i loro servizi, il tuo bilancio con Google potrebbe essere positivo. Ma questo solo grazie al fatto che tanti altri pagano senza sfruttare.
          • 8080 scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: mr_caos
            - Scritto da: 8080



            Ma questo discorso lo puoi fare per un
            servizio

            basato sulla pubblicità. Dove apparentemente
            è

            gratuito.

            Ma se io metto video senza pagare banda o
            spazio.

            Se chi li guarda non deve vedere nessuna

            pubblicità, allora è un servizio gratuito

            sì.

            Che poi Google faccia soldi altrove è un
            altro

            paio di

            maniche.

            No scusa, il fatto che il servizio nello
            specifico sia gratuito, senza pubblicità o meno,
            non cambia
            nulla.Un servizio è o non è gratuito. Non è che se viene finanziato grazie ai guadagni su altre attività allora non può essere definito tale.

            Google è un'azienda di pubblicità.

            Anche il servizio gratuito, è pagato con una
            percentuale aggiuntiva sul prezzo di ogni
            prodotto di ogni azienda che fa marketing con
            Google. Quando compri uno qualsiasi di questi
            prodotti al supermercato, stai pagando
            Google.
            Qualsiasi prodotto gratuito che ha un costo per essere creato c'è grazie a soldi che arrivano da altre parti. La limitazione che dai tu a cosa possa essere definito gratuito non c'è da nessuna parte.
            Poi come dicevo, se sfrutti molto i loro servizi,
            il tuo bilancio con Google potrebbe essere
            positivo. Ma questo solo grazie al fatto che
            tanti altri pagano senza
            sfruttare.
          • mr_caos scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            Non sto cercando di definire gratuito. Sto dicendo che nessun servizio Google è gratuito. Cosi' come non è gratuito nessun servizio di nessun'altra azienda di pubblicità.Perchè Google non è altro che una grande Mediaset globalizzata 2.0?Le trasmissioni Mediaset sono gratuite? No, le paga ognuno di noi, ogni volta che acquista un prodotto che fa pubblicità in TV. Anche se non hai la televisione in casa.Stessa cosa per Google.
          • 8080 scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: mr_caos
            Non sto cercando di definire gratuito.
            Sto dicendo che nessun servizio Google è
            gratuito. Cosi' come non è gratuito nessun
            servizio di nessun'altra azienda di
            pubblicità.Il servizio che uso io è gratuito. Se dici il contrario allora stai sì cercando di dare una nuova definizione a ciò che può essere definito gratuito.

            Perchè Google non è altro che una grande Mediaset
            globalizzata
            2.0?
            Le trasmissioni Mediaset sono gratuite? No, le
            paga ognuno di noi, ogni volta che acquista un
            prodotto che fa pubblicità in TV. Anche se non
            hai la televisione in
            casa.
            Stessa cosa per Google.Mediaset mette la pubblicità. Se il servizio che uso io per trasmettere dei contenuti non ha pubblicità e io non pago niente non può essere paragonato a Mediaset.
          • mr_caos scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            Mi dichiaro sconfitto
          • Case scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            IL problema, banalmente, è che google profila gli utenti e grazie a questo vende meglio la pubblicità.Semplificando: sul tuo video non c'è pubblicità, ma google saprà che io ho visto il tuo video e che presumibilmente sono interessato a quegli argomenti.In base a questo google, in altre pagine (non il tuo video) mi proporrà pubblicità molto attinente ai miei interessi.Grazie a questo sistema di profilazione può vendere la pubblicità a costi più alti perché più efficace.In questo senso anche te (e io che vedo il tuo video) "pago" google in maniera indiretta.buona serata
          • 8080 scrive:
            Re: Guardiamola in un altro modo
            - Scritto da: Case
            IL problema, banalmente, è che google profila gli
            utenti e grazie a questo vende meglio la
            pubblicità.
            Semplificando: sul tuo video non c'è pubblicità,
            ma google saprà che io ho visto il tuo video e
            che presumibilmente sono interessato a quegli
            argomenti.
            In base a questo google, in altre pagine (non il
            tuo video) mi proporrà pubblicità molto attinente
            ai miei
            interessi.

            Grazie a questo sistema di profilazione può
            vendere la pubblicità a costi più alti perché più
            efficace.

            In questo senso anche te (e io che vedo il tuo
            video) "pago" google in maniera
            indiretta.

            buona serataSì peccato che quel servizio se lo prendo privatamente mi costa migliaia di euro all'anno, quindi hai voglia a farmi vedere pubblicità altrove prima di recuperare.Mentre gli utenti possono vederli anche senza avere un account e quindi senza essere profilati.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Guardiamola in un altro modo
        - Scritto da: mr_caos
        Gratuiti... guarda che Google fattura migliardi
        di dollari, da dove credi che
        arrivino?

        Il fatto che tu non paghii direttamente Google,
        non fa si che, come per magia, questi soldi si
        materializzino dal
        nulla.

        Li cacciamo sempre noi, indirettamente,
        attraverso i prodotti che compriamo ogni giorno,
        e che poi le aziende reinvestono in
        marketing.

        Google è Mediaset 2.0, nulla piu'.Scusa ma a me cosa me ne frega dei miliardi che fa Google quando mi offre un ottimo servizio?Meglio a Google che a Scilipoti per come la vedo io.
    • 8080 scrive:
      Re: Guardiamola in un altro modo
      Non ho capito il tuo discorso, è vero che offrono dei servizi utili, ma mica puoi sostituire lo stato con Google-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2012 15.03-----------------------------------------------------------
      • 8080 scrive:
        Re: Guardiamola in un altro modo
        ++++++++++++++++++++++++-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2012 15.03-----------------------------------------------------------
  • mcmcmcmcmc scrive:
    walled garden
    dire che la chiusura sia contro internet mi pare molto ovvio. Non vedo come non si possa dire il contrario.A parte che pare che il Brin abbia detto anche my thoughts got particularly distorted in a way that distracts from my central tenets, in che maniera Google può essere considerato chiuso?
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: walled garden
      - Scritto da: mcmcmcmcmc
      dire che la chiusura sia contro internet mi pare
      molto ovvio. Non vedo come si possa dire il
      contrario.
      A parte che pare che il Brin abbia detto anche
      my thoughts got particularly distorted in a way
      that distracts from my central tenets, in che
      maniera Google può essere considerato
      chiuso?
    • collione scrive:
      Re: walled garden
      boh!!! magari nel senso che occulta il deep web?però scremare i risultati è la funziona di un motore di ricercasenza quella scrematura non esisterebbe nemmeno la ricercase google ha creato un walled garden, non l'ha fatto certo di proposito
Chiudi i commenti