Apple, un futuro di realtà aumentata?

Secondo indiscrezioni Cupertino starebbe investendo sulla realtà aumentata di prossima generazione. Nel 2018 saranno in commercio i primi occhiali con il logo della Mela? Al momento vige il massimo riserbo

Roma – Apple starebbe vagliando l’idea di dedicarsi alla produzione di occhiali digitali simil Google Glass. Secondo fonti vicine all’azienda, alcuni dipendenti avrebbero parlato di un nuovo dispositivo da lanciare sul mercato nel 2018. A diffondere tale informazione è Bloomberg . L’acquisto di display solitamente utilizzati nella produzione di occhiali digitali testimonierebbero l’interesse di Apple verso la realtà aumentata. Poiché il portavoce dell’azienda, Trudy Muller, ha rifiutato di rilasciare commenti, le voci sono da considerarsi non ancora confermate. Anche il portavoce di Carl Zeiss , presunto partner commerciale secondo Robert Scoble dell’azienda Upload VR, ha risposto no comment .

Apple Glass

Quel che è certo è che a partire dal 2013 Apple ha acquisito aziende coinvolte nella produzione di dispositivi per la realtà aumentata come PrimeSense (la stessa azienda che ha sviluppato la tecnologia motion-sensing alla base del sistema di gioco Kinect di Microsoft ) e ancora Metaio lo scorso anno e Flyby Media quest’anno. Apple ha registrato inoltre brevetti relativi alla realtà aumentata da spendere in funzionalità di “street view” nelle applicazioni di mapping, ma anche per utilizzi quotidiani nella realtà “non virtuale”; qualcuno ha visto delle affinità con il mondo videoludico pensando a Pokémon Go, ma le potenzialità sono da ricercare anche in altri ambiti.

Lo stesso Tim Cook ha più volte affermato l’interesse di Cupertino verso questa tipologia di dispositivi, elogiando la realtà aumentata . A luglio durante una conferenza con gli analisti aveva detto: “La realtà aumentata può essere qualcosa di veramente grande. Abbiamo investito molto in questa tecnologia e continueremo a farlo. Siamo pronti per la corsa alla realtà aumentata. Pensiamo che siano disponibili grandi cose per i consumatori e un’importante opportunità commerciale”.

Proprio a inizio di questo mese è stato depositato un brevetto che ha come oggetto lo sviluppo di un visore VR compatibile con smartphone (identificato nel documento come Head-Mounted Display Apparatus For Retaining A Portable Electronic Device With Display). Si tratterebbe di un sistema in grado di visualizzare più fotogrammi ridondanti così da riprodurre una visione stereografica. La temporizzazione o l’adozione di tecniche di dual frame sono adottate per creare un miglior effetto di visualizzazione.

“La realtà aumentata ha bisogno di tempo, perché le sfide tecnologiche sono tante, ma si avvererà. E in una maniera forte; e quando succederà ci chiederemo come abbiamo fatto a vivere senza. Proprio come ci chiediamo come facevamo a vivere quando non avevamo il telefono” – sostiene Tim Cook.
Esagerato? Forse, ma il mercato va in questa direzione. Anche Snapchat, l’app del momento, ha lanciato i suoi occhiali con videocamera la scorsa settimana. È Google, nonostante abbia fatto da precursore nel 2012 con i Google Glass (ormai dismessi), che dovrebbe essere fuori dai giochi.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • claudio scrive:
    bleah
    La peggiore azienda AV aquista il miglior audio del pianeta.Prossimamente scompariranno i tweeter e le casse rimaste le chiameranno subiwofer mmegapixel Mavaff dopo aver disintegrato il mercato del tv, orai e' impossibile comprate un tv che faccia un'immagine anziche' macchie colorate solarizzate, avremo la scomparsa dell'HiFi
Chiudi i commenti