Armi stampate in casa? Stratasys dice no

Una startup è impegnata nel design di armi da costruire con una stampante 3D. Il produttore dell'apparecchio interviene e blocca tutto. Ritirando l'hardware in leasing

Rp,a Nuovo stop forzato per il progetto Wiki Weapons, controversa idea di Cody Wilson e della sua Defense Distributed (DD) che intende favorire la produzione di armi da fuoco funzionanti grazie all’uso della stampa 3D . Chi ha fornito la stampante in leasing dice ora di non voler più continuare il rapporto di collaborazione. E chiede il rientro dell’apparecchio.

Wilson, studente laureato dell’Università del Texas, si stava infatti servendo di una stampante 3D fornita da Stratasys per il design e la produzione dell’arma da fuoco fatta in casa. Ma Stratasys ha in seguito inviato proprio personale presso la sede di DD per requisire la stampante precedentemente concessa senza problemi.

Il problema c’è, e Stratasys lo identifica con il potenziale impiego della sua stampante 3D per scopi illegali: vale a dire la produzione di armi da fuoco senza il possesso di adeguata licenza fornita dalle autorità statunitensi.

Wilson, che in precedenza aveva dovuto far fronte alla scarsità di fondi rivolgendosi ai donatori di denaro elettronico (BitCoin), professa sicurezza e dice che Stratasys era solo uno dei contatti del network attivato per la realizzazione del progetto Wiki Weapons. Male che vada chiederemo la concessione della licenza per la produzione delle armi, conclude.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • glizzi63 scrive:
    non lo userò prima di 10 anni
    Seee ma già explorer s'impicca con javascript .... figurati se passo a typescript
  • Alessandro scrive:
    non mi è chiara una cosina
    Dall' articolo:...gli script TS contengono tutte le annotazioni necessarie affinché un browser (o altro client di esecuzione) compatibile con JavaScript "interpreti" il codice e lo traduca al volo in un listato JavaScript eseguibile senza complicazioni.Che cooooosa???Io un browser del genere non ce l' ho! Forse parli di una interprete on the fly che ogni utente dovrebbe scaricarsi ed installare? Se così fosse sarebbe drammatico.
    • Anonimo come una funzione anonima scrive:
      Re: non mi è chiara una cosina
      Ah! Mi ero dimenticato di quel pezzo dell'articolo, e ora finalmente mi sono chiari tanti commenti che non capivo... :) forse si è sbagliato, ma è solo il mio modestissimo parere... Non nella parte della compatibilità col JavaScript che è giusta, infatti TypeScript a differenza per esempio di Dart non richiede altro che un classico motore JavaScript. La parte sbagliata sarebbe "on-the-fly", perché la compilazione da TypeScript a JavaScript avviene nell'IDE e non nel browser. Questo per il presente (l'articolista parla al presente), per il futuro nessuno può dire. Comunque, se una VM nativa (e non per esempio implementata in JavaScript come nel caso dell'interprete dei tag text/coffeescript) ci sarà, sono del parere come altri che non sarà per un incremento di prestazioni perché quella è una filosofia di Dart e non di TypeScript, ma per altri motivi che al momento mi sfuggono (per esempio il fatto che è standard?)
      • Anonimo come una funzione anonima scrive:
        Re: non mi è chiara una cosina
        D'accordo, avviene nel compilatore che sta dietro le quinte dell'IDE... ci siamo capiti ;) E certo, se non compilasse non si chiamerebbe compilatore
        • Alessandro scrive:
          Re: non mi è chiara una cosina
          Hai ragione ho visto il sito, il comp produce dei .js. E' a tutti gli effetti uno script di virtualizzazione per fornire ereditarietà, polimorfismo etc. ma alla fine si parla pur sempre di distribuire dei file javascript(.ts -
          .js).
          • mauromol scrive:
            Re: non mi è chiara una cosina
            In pratica si sono rifatti GWT in casa (più o meno)...
      • metro scrive:
        Re: non mi è chiara una cosina
        - Scritto da: Anonimo come una funzione anonima
        Ah! Mi ero dimenticato di quel pezzo
        dell'articolo, e ora finalmente mi sono chiari
        tanti commenti che non capivo... :)Leggere prima di commentare, oggi hai imparato qualcosa di nuovo :D
        • Anonimo come una funzione anonima scrive:
          Re: non mi è chiara una cosina
          Ho scritto "dimenticato", non "perso". L'avevo letto ma non sapevo ancora del TypeScript per potermi accorgere che era (per me) errato. Più che consigliarti di leggere i miei commenti prima di commentarli, ti do un consiglio più utile, non venire qui a fare flame e niente commenti all'articolo... anzi, non sono io che te lo consiglio ;)
        • Anonimo come una funzione anonima scrive:
          Re: non mi è chiara una cosina
          E poi, ad aver letto ho letto e pure non poco, se consideriamo anche le notizie su altri siti. Sono tutto fuorché uno che commenta senza leggere sull'argomento. Ed è l'ennesima volta in mesi che dico: "mi ero dimenticato del perché non scrivevo più su PI, ora ricordo"... :)
          • metro scrive:
            Re: non mi è chiara una cosina
            - Scritto da: Anonimo come una funzione anonima
            E poi, ad aver letto ho letto e pure non poco, se
            consideriamo anche le notizie su altri siti. Sono
            tutto fuorché uno che commenta senza leggere
            sull'argomento. Ed è l'ennesima volta in mesi che
            dico: "mi ero dimenticato del perché non scrivevo
            più su PI, ora ricordo"...
            :)ah ecco perchè: memoria bacata :D
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: non mi è chiara una cosina
            Bacata? Forse, però con un ottimo debugger 8)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: non mi è chiara una cosina
        contenuto non disponibile
  • Alessandro scrive:
    Un altro strumento che non userà nessuno
    Jquery framework is the answer. Elegante, conciso, potente, performante e market leader.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Un altro strumento che non userà nessuno
      ma anche fondamentalmente inutile come tutti i javascript sul web
      • Alessandro scrive:
        Re: Un altro strumento che non userà nessuno
        spiegati meglio...
        • metro scrive:
          Re: Un altro strumento che non userà nessuno
          - Scritto da: Alessandro
          spiegati meglio...immagino si riferisca a tutti gli script aggiunti per fornire effeti speciali ASSOLUTAMENTE inutili
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Un altro strumento che non userà nessuno
            è così
          • Alessandro scrive:
            Re: Un altro strumento che non userà nessuno
            Scusa, non avevo inteso che per "...inutile come tutti i javascript sul web"stessi parlando di effetti tipo fadein/fadeout etc, che rappresentano circa il 2% del framework, e che comunque molti sviluppatori(se non tutti) non usano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un altro strumento che non userà nessuno
        Quindi anche TypeScript è inutile, visto che alla fine produce del javascript.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Un altro strumento che non userà nessuno
          si .
          • Anonimo scrive:
            Re: Un altro strumento che non userà nessuno
            Dire oggi che js è inutile per il web equivale a non capire il tipo di evoluzione che nel web sta avvenendo.Il tempo di Flash, Silverlight etc. è scaduto.
      • ilmionick scrive:
        Re: Un altro strumento che non userà nessuno
        Disabilita javascript dal tuo browser e poi fatti un giro in rete, magari su Facebook, così ti puoi rendere conto della XXXXXXX che hai detto trollone.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Un altro strumento che non userà nessuno
      - Scritto da: Alessandro
      Jquery framework is the answer.
      Elegante, conciso, potente, performante e market
      leader.Ma non c'entra con l'obiettivo di TypeScript. Inoltre TypeScript supporta JQuery.
    • ilmionick scrive:
      Re: Un altro strumento che non userà nessuno
      Concordo con te, è il top e lo dice anche il mercato.
    • ilmionick scrive:
      Re: Un altro strumento che non userà nessuno
      Concordo è il top, ed ormai quasi uno standard del web 2.0.
    • ilmionick scrive:
      Re: Un altro strumento che non userà nessuno
      Concordo, è il top e difficilmente superabile.
  • Anonimo come una funzione anonima scrive:
    Post Scriptum
    Dimenticavo, mi sembra sicuramente meglio di CoffeeScript per chi lavora già in un team di sviluppatori JavaScript, che sarebbero restii al passaggio a CoffeeScript, più complicato per loro. Nonostante io sia un fan e utente linux, non sono integralista. :)
  • Anonimo come una funzione anonima scrive:
    CoffeeScript
    Non conosco ancora questo TypeScript, però ho programmato in CoffeeScript. Così, a occhio, la sintassi sembra meno espressiva e "potente" di CoffeeScript, ma la (apparentemente) migliore potenzialità di refactoring di TypeScript, controllo tipi (come dice il nome del linguaggio), e più in generale la buona integrazione con le funzionalità tipiche di un IDE, potrebbero compensare questo (apparente) difetto, o addirittura sovra-compensarlo. Imparare entrambi i linguaggi non guasta, e so che almeno CoffeeScript si impara facilmente :)
    • Anonimo come una funzione anonima scrive:
      Re: CoffeeScript
      Sono tutto orecchie su cosa ne pensate voi altri del refactoring e del controllo tipi di TypeScript, e gli altri pregi decantati. Mi avete fatto venire qualche (altro) dubbio coi vostri commenti.
      • collione scrive:
        Re: CoffeeScript
        da quel che ho visto è un clone di Dartalla fine ha gli stessi problemi, cioè costringe ad essere più verbosi e meno flessibilibisogna capire che javascript è amato dai suoi sviluppatori proprio perchè poco formale e lascia molta libertà ( anche di fare XXXXXte )ci sono linguaggi che aggiungono molto di più ai linguaggi che cercano di sostituire ( mi riferisco a Erlang, Go, Haskell ), eppure sono poco utilizzatisenza contare che ci sono fior fiori di framework per javascript e ovviamente c'è il problema che l'interprete per questo linguaggio va implementato nei browser ( i quali già adesso consumano un botto di ram )c'è troppo lavoro e troppi investimenti su javascript, perchè qualcuno possa seriamente pensare di sostituirlo con qualcos'altro
        • Anonimo come una funzione anonima scrive:
          Re: CoffeeScript
          Se ho ben capito le annotazioni di tipo sono opzionali, quindi questo darebbe meno costrizioni.Hai ragione, ci sono molti investimenti su JavaScript, volenti o nolenti (per me, nolenti... sono gusti). Proprio Microsoft (quindi fonte di parte) critica la filosofia di Dart di voler al contrario rompere con JavaScript. non conosco Dart e se tu dici che questo è un clone di Dart avrai le tue buone ragioni. Ma la filosofia (che è l'unica cosa che deduco di Dart da Wikipedia :) ) mi sembra meno radicale in TypeScript rispetto a Dart, e forse proprio il fatto di TypeScript di non aggiungere cose rivoluzionarie (nel 2012 forse era ora che il client-side scripting avesse un tooling negli IDE migliorato...), paradossalmente, potrebbe essere positivo.
          • collione scrive:
            Re: CoffeeScript
            notare che però la critica è venuta dal team javascript di ms "Some examples, like Dart, portend that JavaScript has fundamental flaws and to support these scenarios requires a 'clean break' from JavaScript in both syntax and runtime. We disagree with this point of view."mi chiedo cosa avrebbero da dire su typescriptcomunque se guardi un esempio di dart e uno di typescript, trovi moltissime somiglianzenotare pure che "Dart is a class-based, single inheritance, object-oriented language with C-style syntax. It supports interfaces, abstract classes, reified generics, and optional typing. "al massimo typescript non aggiunge i generics?
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Neanche i generics, perché si dice che una futura versione di TypeScript li aggiungerà :)Hai centrato il punto: di TypeScript direbbero che non rompe con JavaScript riguardo alla sintassi, a differenza di Dart. E questo, scusa se ripeto, paradossalmente potrebbe essere un vantaggio su Dart, perché come hai detto ci sono molti investimenti in JavaScript (anche per formare gli sviluppatori, aggiungo io).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: CoffeeScript
            contenuto non disponibile
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Non trovo notizia di una macchina virtuale TypeScript che un discorso come il tuo (che esclude la VM JavaScript) sottintenderebbe... Al contrario su Stack Overflow un perfetto sconosciuto dice che una VM non esiste e non esisterà. Sicuro quindi che non ti sei confuso con la macchina virtuale di Dart che viene citata nel 99% delle notizie odierne su TypeScript? In caso contrario chiedo venia.Certamente, comunque, una macchina virtuale a parte come quella di Dart (e che mi auguro anche in TypeScript come opzione futura) ha tra i vantaggi quelli prestazionali, e questo sembrerebbe uno svantaggio di TypeScript in teoria: in pratica invece, la cosa di sostituire la VM essendo abbastanza "radicale" potrebbe avere più svantaggi che vantaggi, lo dico però da inesperto di Dart
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: CoffeeScript
            contenuto non disponibile
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Sono d'accordissimo con te SE mi parli di dare in pasto al browser direttamente del codice TypeScript e non il codice JavaScript che viene sputato fuori dall'IDE nella compilazione del TypeScript suddetto. Mi spiego meglio, per esempio la mancanza nei browser odierni di una VM CoffeeScript fa sì che per usare il famoso tag SCRIPT type="text/coffeescript" noi dobbiamo includere nella pagina web un interprete CoffeeScript sotto forma di file JavaScript, alquanto lento rispetto a una ipotetica macchina virtuale CoffeeScript pre-installata in ogni browser ed è per questo che sono d'accordo. Mutatis mutandis, lo stesso vale per TypeScript. Ma CoffeeScript ha avuto una buona diffusione senza VM, quindi la diffusione di Visual Studio e altre cose potrebbero far sì che lo stesso accada per TypeScript. Staremo a vedere, di certo il fatto che sia Microsoft non piace a un fan di Linux quale sono, ma non lo boccio a priori...
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: CoffeeScript
            Da come l'ho capita io hai ragione tu: scrivi codice in TypeScript e l'IDE genera JavaScript. Il browser esegue JavaScript. Ovvero una VM TypeScript non serve. Questo è un vantaggio non da poco perché non richiederebbe alcuna modifica ai browser.E, in questo modo, potrebbe anche essere adottato solo da un gruppo di programmatori (quindi non da tutti).
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Non c'è uno solo che ha ragione, oltre a ciò che ho scritto io è anche vero come scrive lui che SE ci fosse una VM TypeScript si aprirebbero possibilità nuove in termini di prestazioni, che senza VM non sarebbero neppure sognabili. Ma avendo esperienza in CoffeeScript non vedo ciò come una bocciatura a priori.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: CoffeeScript
            TypeScript è dichiaratamente "zucchero sintattico" per JavaScript. Non penso che l'obiettivo sia creare una VM. E, sinceramente, non penso che porterebbe a grandi aumenti di prestazioni visto le scelte tecniche effettuate.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: CoffeeScript
            Aggiungo che TypeScript è una derivazione del lavoro del comitato ECMAScript. Quindi è più probabile che ci sarà una VM ECMAScript in futuro.
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Pensandoci bene ho detto una mezza cavolata nel senso che, affinché i miei discorsi su una VM TypeScript avessero senso (ovvero il codice nativo veramente più veloce di quello JS compilato), il linguaggio stesso avrebbe dovuto adottare scelte più radicali che non fa, tipo abbandonare la corrispondenza 1 a 1 con JavaScript. Come d'altronde ha fatto Dart (almeno credo), e non ha fatto invece CoffeeScript.Comunque, al di là delle prestazioni, se qualcuno tanto per fare un esempio si è messo a fare una VM CoffeeScript (per Rubinius), qualche senso che ora mi sfugge ce l'avrà comunque... :)
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            Forse il senso di una ipotetica VM TypeScript l'hai detto tu: è lo stesso senso di una VM ECMAScript (che ha senso perché è un linguaggio standard), visto che di fatto una VM TypeScript E' una VM ECMAScript... :)
          • Non Registrato scrive:
            Re: CoffeeScript
            O mio dio, un compilatore!- Scritto da: Zucca Vuota
            Da come l'ho capita io hai ragione tu: scrivi
            codice in TypeScript e l'IDE genera JavaScript.
            Il browser esegue JavaScript. Ovvero una VM
            TypeScript non serve. Questo è un vantaggio non
            da poco perché non richiederebbe alcuna modifica
            ai
            browser.

            E, in questo modo, potrebbe anche essere adottato
            solo da un gruppo di programmatori (quindi non da
            tutti).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: CoffeeScript
            contenuto non disponibile
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: CoffeeScript
            - Scritto da: unaDuraLezione
            sì, ma manca il passaggio che convinca lo
            sviluppatore, ovvero, tradurre un linguaggio in
            altro = perdita di
            prestazioni.Secondo me non si perde in prestazioni. Guarda bene la definizione del linguaggio: aggiunge un po' di type checking che è utile all'IDE ma in runtime non lavora diversamente da JavaScript.
          • Zizzo scrive:
            Re: CoffeeScript
            La vm mettiamola come plugin o components activex,, per non scaricare filr tropo pesanti comprimiamoli e chiamiamo il linguaggio oo tipizzato actionscript ed ecco che abbiamo...
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            TypeScript rispetto ad ActionScript ha un'arma commerciale che si chiama Visual Studio, che domina il market share degli IDE insieme a Eclipse. Che piaccia o (nel mio caso) no
          • Anonimo come una funzione anonima scrive:
            Re: CoffeeScript
            TypeScript rispetto ad ActionScript ha un'arma commerciale che si chiama Visual Studio, che domina il market share degli IDE insieme a Eclipse, che piaccia o (nel mio caso) no
          • collione scrive:
            Re: CoffeeScript
            - Scritto da: Anonimo come una funzione anonima
            Neanche i generics, perché si dice che una futura
            versione di TypeScript li aggiungerà
            :)e allora il verdetto è lo stesso del suo socio Dart
  • Thescare scrive:
    Tanto per non smentirsi
    Notare l'utilizzo di innerText nel codice di esempio....
  • Umme scrive:
    ancora #2
    Ancora un altro strumento che non userà nessuno?Silverlight già è noioso sulle loro pagine web.Open? Voglio proprio vedere.
  • benkj scrive:
    ANCORA?
    La Microsoft ci ripropone ancora la sua maledetta strategia "embrace, extend and extinguish". Spero che almeno stavolta gli sviluppatori non abXXXXXXXX
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ANCORA?
      contenuto non disponibile
      • panda rossa scrive:
        Re: ANCORA?
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: benkj

        La Microsoft ci ripropone ancora la sua
        maledetta

        strategia "embrace, extend and extinguish".
        Spero

        che almeno stavolta gli sviluppatori non

        abXXXXXXXX

        se c'è da estinguere javascript... dov'è che si
        firma?Prima di estinguere js, mi devi proporre una alternativa valida, libera e gratuita, interpretabile da tutti i browser.
    • ciko scrive:
      Re: ANCORA?
      pensavo lo stesso... anche altre compagnie creano nuovi linguaggi, vedi google con go o dart ad esempio. Il discorso potrebbe essere esteso a loro (qualcuno potrebbe dire: perchè di google invece ti fidi?), ma chi come me ha vissuto nell'incubo dello sviluppo web guidato da un 90% di market share internet explorer non può che essere scettico circa l'openness di microsoft.Ci abbiamo messo 10 anni a toglierci dalle scatole quel modello di sviluppo, complice l'inadeguatezza o noncuranza di microsoft nel rinnovare il proprio prodotto, mi unisco alla speranza che "non abXXXXXXXX gli sviluppatori".
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: ANCORA?
        contenuto non disponibile
        • collione scrive:
          Re: ANCORA?
          potevano usare la BSD, invece della loro licenza ;)finchè si ostineranno a fare le cose a modo loro, nessuno si fiderà mai completamentea che serve una licenza pseudo-open, non approvata dagli organismi ufficiali del free software, quando hai già una miriade di licenze open? google usa la apache, non si è inventato la "google open license"a pensar male si fa peccato, ma ....
  • Axel scrive:
    MAH!
    in informatica NON ESISTE il "senza complicazioni"... chi è un informatico vero (non un semplice utonto), lo sa bene, perchè provato sulla propria pelle!
    • Superunknow n scrive:
      Re: MAH!
      QUOTONE!!!
    • P.Inquino scrive:
      Re: MAH!
      :D :D :D vero!
    • yogavidya scrive:
      Re: MAH!
      Certo, non ci sono complicazioni né effetti collaterali, ed alla fine dell'arcobaleno c'è un bel pentolone d'oro!
    • panda rossa scrive:
      Re: MAH!
      - Scritto da: Axel
      <<"interpreti" il codice e lo traduca al volo in
      un listato JavaScript eseguibile senza
      complicazioni.



      in informatica NON ESISTE il "senza
      complicazioni"... Che c'entra l'informatica adesso?L'articolo dice "microsoft" quindi si parla di fuffa, mica di informatica.E nella fuffa, il "senza complicazioni" e' una condizione imprescindibile.
Chiudi i commenti