Ascoltavano la voice mail dei reali inglesi

UK: quattro mesi ad un reporter e sei ad un investigatore privato, dimissioni di un direttore di giornale e scandalo che rischia di allargarsi. Il grande orecchio non è solo un fatto italiano

Londra – Bisogno di scoop, di far rumore e rialzare le quotazioni della propria carriera: queste le motivazioni che, riporta il Guardian , avrebbero spinto il redattore di un celebre tabloid domenicale britannico a fare il passo più lungo della gamba, e attivare un sistema di spionaggio sulle caselle vocali del personale al servizio della famiglia reale inglese .

L’idea di Clive Goodman, giornalista del più venduto foglio scandalistico britannico, News of the World , è stata quella di ingaggiare con 12mila sterline un investigatore privato, Glenn Mulcaire, per ottenere i contenuti delle segreterie telefoniche di una serie di funzionari, scaricandoli prima che questi ne avessero accesso .

la regina britannica In questo modo i due avrebbero intercettato più di 600 messaggi , molti dei quali direttamente collegati alle attività dei reali, tutto materiale utile per costruire scoop e gossip normalmente schiaffati in prima pagina dal tabloid.

L’inchiesta sulla loro attività prosegue, ieri si è saputo che Goodman rimarrà in galera per quattro mesi, si è dimesso il direttore del giornale, mentre Mulcaire, coinvolto anche in altre operazioni, starà dietro le sbarre per sei mesi. Le indagini, suggerisce qualcuno, potrebbero rivelare nuovi imbarazzanti dettagli sulla scarsa sicurezza dei sistemi di comunicazione a disposizione della famiglia reale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Raf Sal scrive:
    Specifiche PDF
    Ma esistono delle specifiche da seguire per creare un file in formato PDF ???Se si dove le posso trovare ???Grazie
  • Anonimo scrive:
    Ma andassero affanculo
    Loro e chi cazzo li usa quei pdf di merda.Un software in più da installare (con la solida valanga di merda insieme) solo per leggere un tipo di file.. ma che si autoinculassero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma andassero affanculo
      (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)(troll4)(troll3)(troll2)(troll1)(troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma andassero affanculo
      - Scritto da:
      Loro e chi cazzo li usa quei pdf di merda.
      Un software in più da installare (con la solida
      valanga di merda insieme) solo per leggere un
      tipo di file.. ma che si
      autoinculassero.La mia interfaccia grafica è basata da anni su PDF. Non ho dovuto aggiungere proprio niente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma andassero affanculo
      - Scritto da:
      Loro e chi cazzo li usa quei pdf di merda.
      Un software in più da installare (con la solida
      valanga di merda insieme) solo per leggere un
      tipo di file.. ma che si
      autoinculassero.Mettiti foxit reader 2.0 lo ha recensito anche PI qualche tempo fa... leggero e si apre in un baleno e occupa pochissimo ...se nn vuoi installare adobe....
    • Anonimo scrive:
      Senza insulti
      - Scritto da:
      Loro e chi cazzo li usa quei pdf di merda.Ci proponi gentilmente un formato alternativo e pubblico adatto a gestire le informazioni in visualizzazione e stampa ragionevolmente indipendente dal device di output?
      Un software in più da installare (con la solida
      valanga di merda insieme) solo per leggere un
      tipo di file.. Se le specifiche diventano ISO, qualsiasi software applicativo potrà gestire il file PDF (se vorranno inserirne il codice sw adeguato), così non dovrai installare un reader apposta. Mi sembra un fatto positivo.Per inciso, ogni tipo di file richiede un sw adatto per essere letto e aggiornato: nel tempo alcuni formati sono diventati talmente diffusi che tutti gli applicativi (e a volte tool del sistema operativo) hanno aggiunto la gestione pertinente in input/output (import, visualizzazione, modifica, stampa, export in altro formato, ecc.). Finché i formati sono proprietari questo è più difficile o almeno costoso (documentazione inesistente o royalties da pagare), mentre passando da ISO c'è la "tassa sul macinato" dell'acquisto della documentazione dall'ente - che per me dovrebbe essere quasi simbolica - e poi sei a posto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma andassero affanculo
      Wow! Bonjour finesse! Oxford ? Cambridge ?(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma andassero affanculo
      Mi scusi, signor conte, mi sembra che le sia caduta per terra la tessera del golf club...
  • Anonimo scrive:
    Diventa libero?
    Se diventa uno standard ISO verranno fatte cadere le limitazioni al suo uso? O obbligheranno per legge a pagare Adobe per produrre un documento qualsiasi, o non cambierà assolutamente niente?
    • Anonimo scrive:
      a pagamento
      a parte ovviamente il fatto che si dovranno pagare 300 per vedere la specifica, come da tradizione ISO (magari con lo stesso identico documento offerto gratis legalmente da un'altra fonte)
      • Anonimo scrive:
        Re: a pagamento
        - Scritto da:
        a parte ovviamente il fatto che si dovranno
        pagare 300 per vedere la specifica, come da
        tradizione ISO (magari con lo stesso identico
        documento offerto gratis legalmente da un'altra
        fonte)Cioè la specifica già liberamente scaricabile dal sito Adobe?
    • Anonimo scrive:
      Re: Diventa libero?
      Non c'entra nulla.
  • Anonimo scrive:
    Ma in sostanza cosa cambia?
    Ci sono dei vantaggi per gli utenti e gli sviluppatori se pdf diventa ISO?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in sostanza cosa cambia?
      - Scritto da:
      Ci sono dei vantaggi per gli utenti e gli
      sviluppatori se pdf diventa
      ISO?
      Si, che non è più proprietario, e quindi Adobe rinuncia ad ogni tipo di controllo sulle future evoluzioni del formato e a qualsiasi tipo di royalty o rivendicazione
Chiudi i commenti