Aspetti il bus? Intanto ti spammano

Succede in Australia, dove in certe fermate dell'autobus un nodo sparaspam approfitta della connessione Bluetooth per pubblicizzare una trasmissione televisiva, un reality show

Roma – Se a Londra la pubblicità la fanno ancora con le locandine postsovietiche , nella terra dei didgeridoo gli spot hanno invece valicato nuovi confini: in Australia si è giunti alla diffusione ossessivo-compulsiva di messaggi non richiesti, “sparati” negli smartphone da 20 delle più trafficate fermate degli autobus della città di Perth .

Pubblicità che non ha nulla a che vedere con il trasporto pubblico o il Comune, ma solo con la televisione. A Perth quei messaggini in stile Grande Fratello servono a promuovere uno show che, guarda caso, si chiama proprio Big Brother , in un corto circuito che sa di furbata da marketing ma anche di rischio assuefazione alla pervasività del monitoraggio e del tracking di ogni movimento, ogni percorso, ogni sosta.

Incaricata dal network televisivo Channel TEN di promuovere l’ennesimo episodio dell’epopea televisiva universale della “carne in scatola” Big Brother 2008 , l’agenzia di advertising Marketforce ha sparso per le fermate degli autobus un misto di classici manifesti pubblicitari e stazioni trasmittenti via Bluetooth, istruite all’invio di un paio di sms verso qualunque cellulare capitato in zona , ovvero qualsiasi telefonino con Bluetooth attivato.

Il primo messaggio recita testualmente “Ti sto guardando”, e cita la pensilina di pertinenza per rafforzare l’idea di controllo e incuriosire – almeno idealmente – gli spettatori-attori. Che vengono coinvolti nel gioco e, dopo circa 40 secondi, “informati” con un altro messaggio della messa in onda dell’edizione 2008 dell’ irreality televisivo per eccellenza.

Dinamiche inusuali che contano appunto sulla presa che il Grande Fratello televisivo ha sulle masse di spettatori e sul pubblico delle serate passate davanti alla TV, opera dei “creativi” Ryan Albuino e Andrew Chu di Marketforce. Show, spot e “giochini” partecipativi che contribuiscono indirettamente a distogliere l’attenzione dai Grandi Fratelli reali , già attivi o in via di costruzione in ogni parte del mondo, per un monitoraggio che non invia “messaggini” ma colleziona ogni sorta di informazioni su cittadini, utenti e consumatori. Per un bene superiore, o magari un business model ben definito.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dani scrive:
    AJAX?
    Pero' AJAX continua a non essere supportato...niente XMLHttpRequest...qualcuno ha idea del perche'?
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: AJAX?
      Ciao Dani, il motivo principale è che Opera Mini non è un vero browser, con un proprio motore di rendering, ma un semplice client che si limita a visualizzare, in forma statica, quanto "predigerito" da un server remoto: è dunque il software sul server, e non il client, a interpretare le pagine web, compresi eventuali script, banner Flash ecc. Ne consegue che Opera Mini non ha un collegamento diretto con i siti web, ma per ogni richiesta si deve appoggiare ad un proxy: questo lo rende incapace di visualizzare (se non in forma statica, come accade con le animazioni Flash) contenuti dinamici e interattivi come quelli AJAX. In futuro questa limitazione potrebbe essere risolta, ma questo non senza incrementare sensibilmente la complessità del software lato server e il traffico generato tra questo e il client.- Scritto da: Dani
      Pero' AJAX continua a non essere
      supportato...niente XMLHttpRequest...qualcuno ha
      idea del
      perche'?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 maggio 2008 16.08-----------------------------------------------------------
      • Dani scrive:
        Re: AJAX?
        Grazie per la spiegazione.Visto che sei informato ne approfitto ;): Opera Mobile - a differenza di Opera Mini - dovrebbe invece essere un client puro. Nonostante cio' anche lui pecca relativamente ad AJAX. Esiste un browser per dispositivi mobili con supporto ad AJAX?
        • Alessandro Del Rosso scrive:
          Re: AJAX?
          - Scritto da: Dani
          Grazie per la spiegazione.

          Visto che sei informato ne approfitto ;): Opera
          Mobile - a differenza di Opera Mini - dovrebbe
          invece essere un client puro. Nonostante cio'
          anche lui pecca relativamente ad AJAX. Esiste un
          browser per dispositivi mobili con supporto ad
          AJAX?Eh... la piena implementazione di AJAX nei browserini mobili è ancora ardua... ma ormai dovrebbe mancare poco ;-)
Chiudi i commenti