Assolti quelli dei Nuremberg Files

Avevano pubblicato online la lista dei medici abortisti e dopo un omicidio erano stati condannati per minacce in un caso storico per le libertà digitali. Ora un tribunale d'Appello ha clamorosamente rovesciato la sentenza


New York (USA) – Il caso dei “Nuremberg Files”, cioè liste di medici, assistenti e operatori sanitari abortisti pubblicate sul Web, ha avuto nelle scorse ore una nuova clamorosa svolta. Un tribunale d’appello americano ha infatti stabilito che la pubblicazione di nomi e dettagli su chi pratica l’aborto non costituisce una minaccia ma anzi si tratta di espressione protetta dal Primo Emendamento.

La decisione è clamorosa, visto il grande interesse che aveva circondato lo strano caso della ACLA (American Coalition of Life Advocates), associazione antiabortista che nel 1995 aveva messo in piedi un sito che condannava l’aborto. Sul sito erano stati pubblicati una serie di nomi di medici abortisti, definiti alla stregua di uno squadrone della morte.

Nel tempo quella lista, che intanto guadagnava attenzione sui media, si allargò fino ad inserire un sempre maggior numero di operatori sanitari e di dettagli fino a costituire un database di “abortisti” a cui la ACLA diede il nome di “Nuremberg Files”.

Nel 1998, uno dei medici inseriti nella lista venne ucciso e poche ore dopo una grande croce rossa comparve sopra il suo nome. Successivamente, altri due di quei medici furono uccisi ed altri furono minacciati.

Su queste basi un tribunale di Portland, in Oregon, stabilì che quella lista costituiva una “vera minaccia” e impose la chiusura dei Nuremberg Files ordinando un risarcimento di 107 milioni di dollari per danni. Come spesso è accaduto, anche in quell’occasione il sito dei Nuremberg Files fu “catturato” e riproposto in siti-mirror in diversi paesi.

Ora la Corte d’Appello ha deciso che quanto accaduto va rivisto e che quella lista poteva essere pubblicata. E questo perché la lista in sé non incita alla violenza ed è dunque protetta dal Primo Emendamento. “Sebbene siano pungenti – hanno scritto i giudici d’appello – e anche molto offensivi, i commenti della ACLA evitano accuratamente di minacciare i dottori, nel senso che non ci sono frasi che incitano alla violenza contro i nomi segnalati”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'IMEI si può modificare
    La modifica dell'IMEI dei telefonini è una cosa semplicissima. L'unica barriera potrebbe essere l'acquisto del cavo ke kollega il CEL al PC (50000 £ire ca. =;-). www.floorwarez.cjb.net
  • Anonimo scrive:
    Mi pare un pesce d'aprile.
    Visto che si può risalire al numero della nuova carta utilizzata sul telefono rubato mi pare più logico rintracciare e arrestare il ricettatore... gli mandano gli sms per avvertirlo di sbarazzarsi del telefono invece? Esilerante :)
  • Anonimo scrive:
    CHE COGLIONI GLI SBIRRI OLANDESI!L'IMEI SI CAMBIA!
    CHE COGLIONI GLI SBIRRI OLANDESI!L'IMEI SI CAMBIA!ESISTONO MIGLIAIA DI CODICI, DI SW CHE PERMETTONO DI FARLO, SPERIAMO CHE UNA COSA DI QUESTE NON VENGA FATTA IN ITALIA....
  • Anonimo scrive:
    bah cambiare scheda no??
    E se uno cambia la scheda no?Come fanno a mitragliarli... la scheda la buttano.
    • Anonimo scrive:
      Re: bah cambiare scheda no??
      - Scritto da: uno che ci sta dentro..troppo dentro
      E se uno cambia la scheda no?
      Come fanno a mitragliarli... la scheda la
      buttano.La polizia utilizza il numero identificativo del cellulare, non della scheda. Quindi qualsiasi scheda tu inserisci, risalgono al tuo numero e mandano il messaggio.
  • Anonimo scrive:
    Ma sapete quanto costa???
    Senza buttare fango gratuito su Polizia e Carabinieri... e senza voler fare polemiche...Qualcuno di voi sa cosa costa allo stato l'accertamento definito "semplice" da qualcuno?? 5.000.000 tondi tondi al giorno per IMEI, moltiplicatelo per i gestiori di telefonia e vedete un po' quanto costa allo stato trovare chi vi ha rubato il cellulare...L'importo varia da gestore a gestore (che di solito affidano ala cosa ad una società esterna) 5 mil. sono una buona approssimazione...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma sapete quanto costa???
      - Scritto da: CiSC(1)

      Senza buttare fango gratuito su Polizia e
      Carabinieri... e senza voler fare
      polemiche...
      Qualcuno di voi sa cosa costa allo stato
      l'accertamento definito "semplice" da
      qualcuno?? 5.000.000 tondi tondi al giorno
      per IMEI, moltiplicatelo per i gestiori di
      telefonia e vedete un po' quanto costa allo
      stato trovare chi vi ha rubato il
      cellulare...

      L'importo varia da gestore a gestore (che di
      solito affidano ala cosa ad una società
      esterna) 5 mil. sono una buona
      approssimazione...Ohibo !!!!Chi lo avrebbe mai detto che fare una SELECT su un DataBase costa cosi' tanto.Pensa tu come rende gestire le reti di cellulari in Portogallo dove questo controllo lo fanno gia'.(vedi articolo su Repubblica di circa 1 mese fa)Queste informazioni ti arrivano da qualche Gestore che ha paura di perdere un po' di traffico?Ciao, Oscar
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma sapete quanto costa???

        Chi lo avrebbe mai detto che fare una SELECT
        su un DataBase costa cosi' tanto.Non io, ma sembra che la questione sia più complicata :-(
        Pensa tu come rende gestire le reti di
        cellulari in Portogallo dove questo
        controllo lo fanno gia'.
        (vedi articolo su Repubblica di circa 1 mese
        fa)Probabilmente in Portogallo hanno leggi più serie...

        Queste informazioni ti arrivano da qualche
        Gestore che ha paura di perdere un po' di
        traffico?E' una media fatta sulle "tariffe" reali dei gestori che giustificano la cosa dicendo che sono quelle praticate dalle società esterne che fanno queste "SELECT"...
        Ciao, OscarCiao CiSCO(1)
  • Anonimo scrive:
    Re: lo sanno benissimo l'imei
    A conferma di quanto detto da Zio, vi ricordo la scorsa estate quando scomparve in Sardegna il figlio di un Senatore (lui era scappato per via di debiti), ma la polizia batteva tutte le tracce ed immediatamente beccarono il poveretto che aveva acquistato il cellulare dal figlio del Senatore.Per quanto riguarda la precisisione con cui avviene la localizzazione questa dipende dalla densità delle celle e fino a quando si rimane all'interno di una stessa cella si è in un punto qualsiasi di quella cella ma non appena ci si sposta e si passa in un'altra e poi un'altra ancora diventa evidente che percorso si sta seguendo e con che mezzo e allora non solo si sa dove sta il cellulare ma anche dove sarà di li a qualche minuto.E se per caso vi rubano la macchina dite sempre che dietro c'era vostro figlio di 1 anno.Salve a tutti Frank G.
  • Anonimo scrive:
    Servirebbe la collaborazione dei gestori!
    A me hanno rubato 2 gsm e sono sempre andato a denunciare il furto specificando il numero IMEI nella denuncia. La Polizia NON mi ha riso in faccia, ci mancherebbe altro! Ovviamente sulla possibilità di trovarlo è ovvio.Basterebbe che i gestori inibissero qualsiasi tipo di telefonata a tutti gli IMEI che risultano nelle denunce e nessuno avrebbe piu' motivo di rubare nulla...ma evidentemente anche un telefono rubato genera traffico e quindi soldi...e quindi?e quindi ci perdiamo un'altro piccolo tassello dei nostri diritti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Servirebbe la collaborazione dei gestori!
      - Scritto da: francesco
      A me hanno rubato 2 gsm e sono sempre andato
      a denunciare il furto specificando il numero
      IMEI nella denuncia. La Polizia NON mi ha
      riso in faccia, ci mancherebbe altro!
      Ovviamente sulla possibilità di trovarlo è
      ovvio.
      Basterebbe che i gestori inibissero
      qualsiasi tipo di telefonata a tutti gli
      IMEI che risultano nelle denunce e nessuno
      avrebbe piu' motivo di rubare nulla...ma
      evidentemente anche un telefono rubato
      genera traffico e quindi soldi...e quindi?
      e quindi ci perdiamo un'altro piccolo
      tassello dei nostri diritti.Concordo pienamente in quanto tu dici.Anche mia moglie ha perso il suo C35i, in ogno caso chi trova un cellulare e NON LO RESTITUISCE RUBA!!!Sono i gestori che dovrebbero intervenire, infatti ogni volta che accendi il telefono, gli viene inviato il codice IMEI, sarebbe quindi semplice rifiutare la connessione nel caso di IMEI non sicuri.In Portogallo i 2 gestori attuano questa politica, condividendo la black list degli IMEI rubati.In Italia nel 1999 ci furono alcune riunioni fra i gestori, per condividere la black list ma tutto rimase sulla carta.Mia moglie ha intavolato una lunga discussione con la TIM ma non ha concluso niente.Ciao, Oscar
    • Anonimo scrive:
      Re: Servirebbe la collaborazione dei gestori!
      Per i gestori e' lavoro in piu' quindi soldi , dato che i gestori non sono enti di beneficenza e' logico che se nessuno glielo impone non lo facciano. La polizia una volta ricevuta la denuncia dovrebbe fare il suo lavoro che consiste nell'indagare e acciuffare il colpevole. In questo caso l'indagine e' di una semplicita' esemplare perche' lo standard stesso e' stato concepito per evitare i furti degli apparecchi ma la spiego chissa' mai che ci sia qualcuno della polizia informatica . Mi rubano il cellulare e faccio denuncia ,non ricordo l'imei ma so benissimo il mio numero di telefono.Il poliziotto si presenza dal mio gestore e chiede a che imei era assegnato il numero X fino al giorno Y (con Y data antecedente la denuncia) ,l'operatore del gestore sotto richiesta dell'autorita' giudiziaria esegue la ricerca. A questo punto l'investigatore chiede dal giorno Y in poi l'IMEI e' mai stato in carico presso il vostro database? SI/NO ... se si ,ottiene il numero di telefono del ladro/ricettatore se no prende la fiat uno 45 di servizio e si reca presso il secondo gestore dove ripete la domanda. Diciamo che in una mattinata di lavoro si risale al numero del ladro/ricettatore ... a questo punto con tutta probabilita' si ottiene l'indirizzo senza nessuna complicata triangolazione dato che la SIM e' probabilmente intestata alla persona . Ma se non fosse possibile appena il cellulare viene acceso si sa da quale cellula e' stato preso in carico quindi si sa anche la posizione con un'ottima approssimazione e dai dati che i cellulare scambia con la radiobase sanno anche se e' all'aperto o al chiuso,si aspetta che sia all'aperto . Quindi si provvede a chiamare il numero a ripetizione e l'investigatore avvisa una pattuglia in zona di controllare un po' a chi sta suonando il cellulare ...tutto questo senza mettere in campo sistemi x triangolare o palle varie.che dite? Costa 5.000.000 sta cosa? - Scritto da: francesco
      A me hanno rubato 2 gsm e sono sempre andato
      a denunciare il furto specificando il numero
      IMEI nella denuncia. La Polizia NON mi ha
      riso in faccia, ci mancherebbe altro!
      Ovviamente sulla possibilità di trovarlo è
      ovvio.
      Basterebbe che i gestori inibissero
      qualsiasi tipo di telefonata a tutti gli
      IMEI che risultano nelle denunce e nessuno
      avrebbe piu' motivo di rubare nulla...ma
      evidentemente anche un telefono rubato
      genera traffico e quindi soldi...e quindi?
      e quindi ci perdiamo un'altro piccolo
      tassello dei nostri diritti.
  • Anonimo scrive:
    sarebbe semplice bloccarli...
    ma ai produttori non importa loro volgliono vendere e basta per questa storia degli sms una volta che il cell e pieno non li riceve piu
  • Anonimo scrive:
    Più che le forze dell'ordine...
    ..sono i gestori a cui non frega niente. A Maggio 2000 solo Omnitel attivava la blacklist ma questo vuol dire che bloccavano le chiamate dal cellulare rubato se usato con carta omnitel. Non si sono mai messi d'accordo tra loro, non hanno un database condiviso. E poi rimangono comunque i ladri di merda il problema, io li menerei di brutto se li trovo, non giudicatemi male.
    • Anonimo scrive:
      Re: Più che le forze dell'ordine...
      - Scritto da: Fernet
      ..sono i gestori a cui non frega niente. A
      Maggio 2000 solo Omnitel attivava la
      blacklist ma questo vuol dire che bloccavano
      le chiamate dal cellulare rubato se usato
      con carta omnitel. Non si sono mai messi
      d'accordo tra loro, non hanno un database
      condiviso. E poi rimangono comunque i ladri
      di merda il problema, io li menerei di
      brutto se li trovo, non giudicatemi male.Il problema è che i cellulari rubati li compra la gente "onesta". Basta girare per il mercato di Porta Portese la domenica mattina per rendersene conto! Gli stranieri che offrono in vendita cellulari di dubbia provenienza, sono letteralmente accerchiati da gente qualunque che, pu di risparmiare un paio di centinaia di mila lire alimenta questo sporco mercato. Premesso questo, a chi daresti le botte al "marocchino" di turno o al suo cliente con giacca e cravatta completo di pargolo alla mano?CiaoSysop
  • Anonimo scrive:
    CAmbio IMEI
    ...ma non esistono in rete dei software che ti permettono di modificare l'imei?...comunque almeno loro stanno cercando di fare qualcosa,qui in Italia ci distinguiamo SEMPRE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: CAmbio IMEI
      non solo puoi cambiare l'IMEI con una procedura semplice che ha ogni produttore dell'HARDWARE telefonico...ma puoi telefonare senza farti rintracciare... ricordati una cosa niente è impossibile nel mondo delle TELECOMUNICAZIONI e dell'INFORMATICA... by wabaaing.inf.
  • Anonimo scrive:
    \/\/ NOKIA
    Ciao a tutti,la Nokia ha il piu' bel sistema anti-furto della storia dei cellulari ... ma non lo pubblicizza ...Basta bloccare l'IMEI del telefonino sul seriale della SIM e in questo modo, senza codice, non si puo' cambiare la SIM rendendo il telefono inutilizzabile salvo portarlo in qualche centro ... ma li' dovrebbero controllare gli IMEI ... dovrebbero.Per attivarlo ... dal 2110 al 9110i basta scaricare un semplice software (SPLock.exe) dauno dei 1000 siti che lo distribuiscono gratis.Salutoni a tuttie ancora \/\/ NOKIA.F.
    • Anonimo scrive:
      Re: \/\/ NOKIA
      Già ma sempre gratuitamente da internet si può scaricare un programma (ce ne sono molti, anche logomanager) che ti dice subito questo codice, è sufficente un cavo (costo circa 50.000)... quindi poi tanto sicuro non è...- Scritto da: F.
      Ciao a tutti,
      la Nokia ha il piu' bel sistema anti-furto
      della storia dei cellulari ... ma non lo
      pubblicizza ...

      Basta bloccare l'IMEI del telefonino sul
      seriale della SIM e in questo modo, senza
      codice, non si puo' cambiare la SIM rendendo
      il telefono inutilizzabile salvo portarlo in
      qualche centro ... ma li' dovrebbero
      controllare gli IMEI ... dovrebbero.

      Per attivarlo ... dal 2110 al 9110i basta
      scaricare un semplice software (SPLock.exe)
      da
      uno dei 1000 siti che lo distribuiscono
      gratis.

      Salutoni a tutti
      e ancora \/\/ NOKIA.

      F.
      • Anonimo scrive:
        Re: siemens uguale
        almeno sull's25, e nn c sono programmi ke svelano la pw, almeno nn usando s25 explorer e altri ke usociao- Scritto da: Mista
        Già ma sempre gratuitamente da internet si
        può scaricare un programma (ce ne sono
        molti, anche logomanager) che ti dice subito
        questo codice, è sufficente un cavo (costo
        circa 50.000)... quindi poi tanto sicuro non
        è...

        - Scritto da: F.

        Ciao a tutti,

        la Nokia ha il piu' bel sistema anti-furto

        della storia dei cellulari ... ma non lo

        pubblicizza ...



        Basta bloccare l'IMEI del telefonino sul

        seriale della SIM e in questo modo, senza

        codice, non si puo' cambiare la SIM
        rendendo

        il telefono inutilizzabile salvo portarlo
        in

        qualche centro ... ma li' dovrebbero

        controllare gli IMEI ... dovrebbero.



        Per attivarlo ... dal 2110 al 9110i basta

        scaricare un semplice software
        (SPLock.exe)

        da

        uno dei 1000 siti che lo distribuiscono

        gratis.



        Salutoni a tutti

        e ancora \/\/ NOKIA.



        F.
    • Anonimo scrive:
      Re: \/\/ NOKIA
      Gia' 5 anni fa sui cellulari Bang & Olufsen Beocom 9500 (fondamentalmente Ericsson modificati) se cambiavi la SIM dovevi reintrodurre un codice di 11 cifre, al terzo tentativo sbagliato il telefono si bloccava per 24 ore e cosi via fino alla morte per decrepitezza...uesto non ha impedito che mi rubassero il telefono (che la b&O mi ha sostituito) ha impedito che qualcun'altro lo riutilizzasse.
  • Anonimo scrive:
    polizia postale
    a Genova, il nucleo di POLIZIA POSTALE è particolarmente esperta nel campo informatico e si occupa tra l'altro del furto di telefoni cellulari; anche a me i carabinieri mi hanno riso in faccia quando ho detto di aver perso il mio telefono, accettando solo la denuncia di smarrimento.Successivamente sono venuto a conoscenza da un negoziante (quasi nessuno ne è a conoscenza) di questo reparto, il quale mi ha fatto presentare la denuncia contro ignoti, affermando che se il magistato da l'ok, sarebbero senz'altro risaliti al nuovo utilizzatore, a condizione che questi sia ancora nel territorio italiano.mi sembra già un passo in avanti; l'importante è non lasciare perdere anche se si trattasse di un telefono di valore irisorio.
  • Anonimo scrive:
    e in italia?
    alla mia ragazza hanno rubato la borsa coi documenti e col telefonino. alla polizia le hanno sconsigliato di fare la denuncia: hanno detto che anche se avessero preso il ladro, certo non sarebbe andato in galera e anzi, conoscendo i dati della mia ragazza (dai documenti rubati), si sarebbero potuti vendicarew per la denuncia.Non solo: abbiamo scoperto che i ladri usavano la scheda sim rubata, trasferendo su un altro numero le chiamate in entrata (trasf. di chiamata);avendo contattato il gestore della scheda (quello di megan gale) la signorina ha detto che la scheda si poteva bloccare, ma che per risalire al numero su cui venivano trasferite le chiamate (cioè a quello del ladro), era necessaria la richiesta di un magistrato, il che, come lei stessa mi ha fatto notare, era praticamente fantascienza. Riassumendo: pur conoscendo il ladro, nessuno si sarebbe smosso per arrestarlo. Paese di merda.
    • Anonimo scrive:
      Re: e in italia?
      - Scritto da: l'incazzato
      alla mia ragazza hanno rubato la borsa coi
      documenti e col telefonino. alla polizia le
      hanno sconsigliato di fare la denuncia:
      hanno detto che anche se avessero preso il
      ladro, certo non sarebbe andato in galera e
      anzi, conoscendo i dati della mia ragazza
      (dai documenti rubati), si sarebbero potuti
      vendicarew per la denuncia.
      Non solo: abbiamo scoperto che i ladri
      usavano la scheda sim rubata, trasferendo su
      un altro numero le chiamate in entrata
      (trasf. di chiamata);avendo contattato il
      gestore della scheda (quello di megan gale)
      la signorina ha detto che la scheda si
      poteva bloccare, ma che per risalire al
      numero su cui venivano trasferite le
      chiamate (cioè a quello del ladro), era
      necessaria la richiesta di un magistrato, il
      che, come lei stessa mi ha fatto notare, era
      praticamente fantascienza. Riassumendo: pur
      conoscendo il ladro, nessuno si sarebbe
      smosso per arrestarlo. Paese di merda.io avevo smarrito il cellulare, dopo 4 mesi arriva una chiamata alla mia ragazza...era un tipo che aveva comprato il cellulare 'nuovo' e sulle ultime 10 chiamate c'era il numero della mia ragazza...e pensava di provarci con lei ;) piu' chiaro di cosi' si muore no? vado ai carabinieri per raccontare il tutto...lascio anche il numero di telefono dell'acquirente...risultato: dopo 5 mesi archiviato il tutto!!!! che roba! in effetti mi interessava piu' far scoprire il giro che c'era dietro che recuperare si e no 200mila del telefono
      • Anonimo scrive:
        Re: e in italia?

        - Scritto da: l'incazzato

        alla mia ragazza hanno rubato la borsa coi

        documenti e col telefonino. alla polizia
        le

        hanno sconsigliato di fare la denuncia:e èperchè non si dovrebbe fare denucia? Bella stronzata questa...

        hanno detto che anche se avessero preso il

        ladro, certo non sarebbe andato in galera
        e

        anzi, conoscendo i dati della mia ragazza

        (dai documenti rubati), si sarebbero
        potuti

        vendicarew per la denuncia.andiamo avanti così allora... non denuciamo più niente e facciamoci giustiza da soli ...
      • Anonimo scrive:
        Re: e in italia?
        Che disastro, l'unica cosa è proteggersi per i caxxi propri, mettere una bella pw lunga alla sim e ovviamente anke al cello e se oramai c si trova a gioki fatti e si viene kiamati dall'attuale possessore di quest'ultimo fare in modo di poterlo incontrare d pesona ;)ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: e in italia?
          - Scritto da: okkioxokkio
          Che disastro, l'unica cosa è proteggersi per
          i caxxi propri, mettere una bella pw lunga
          alla sim e ovviamente anke al cello e se
          oramai c si trova a gioki fatti e si viene
          kiamati dall'attuale possessore di
          quest'ultimo fare in modo di poterlo
          incontrare d pesona ;)

          ciao
          Se ti rubano o smarrisci (rubato lo stesso), il tuo telefono accesso lo sai che fine fanno le tue protezioni?
          • Anonimo scrive:
            Re: e in italia?
            No... x esempio.. ammettiamo ke rimangono 20 minuti di autonomia.. dimmi.. ke succede????
            Se ti rubano o smarrisci (rubato lo stesso),
            il tuo telefono accesso lo sai che fine
            fanno le tue protezioni?

          • Anonimo scrive:
            Re: e in italia?
            - Scritto da: okkioxokkio
            No... x esempio.. ammettiamo ke rimangono 20
            minuti di autonomia.. dimmi.. ke succede????La maggior parte dei cellulari non ha protezioni per accedere ai menu', ed in ogni caso pochi le abilitano.E' quindi molto semplice per il ladro, prima di spegenerlo, andare nel menu di sicurezza e disabilitare le protezioni, operazione di pochi secondi che in generale, non richiede la conoscenza di codice segreti.Per quanto riguarda la paura delle telefonate a scrocco, basta chiamare il call center del gestore e farsi disabilitare la SIM del telefono scomparso.In questo modo si ottiene il duplice scopo di salvare il credito residuo o di evitare ulteriori addebiti e di riavere a costo zero una SIM sostitutiva. Almeno per Tim e Omnitel sono sicuro, provare per credere, funziona cosi', nel caso che un loro utente segnali la scomparsa del suo cellulare.
    • Anonimo scrive:
      Re: e in italia?
      - Scritto da: l'incazzato
      alla mia ragazza hanno rubato la borsa coi
      documenti e col telefonino. alla polizia le
      hanno sconsigliato di fare la denuncia:
      hanno detto che anche se avessero preso il
      ladro, certo non sarebbe andato in galera e
      anzi, conoscendo i dati della mia ragazza
      (dai documenti rubati), si sarebbero potuti
      vendicarew per la denuncia.
      Non solo: abbiamo scoperto che i ladri
      usavano la scheda sim rubata, trasferendo su
      un altro numero le chiamate in entrata
      (trasf. di chiamata);avendo contattato il
      gestore della scheda (quello di megan gale)
      la signorina ha detto che la scheda si
      poteva bloccare, ma che per risalire al
      numero su cui venivano trasferite le
      chiamate (cioè a quello del ladro), era
      necessaria la richiesta di un magistrato, il
      che, come lei stessa mi ha fatto notare, era
      praticamente fantascienza. Riassumendo: pur
      conoscendo il ladro, nessuno si sarebbe
      smosso per arrestarlo. Paese di merda.Invece di "incazzarti" fatti rispettare. Presentare la denuncia è un tuo diritto e riceverla, per la polizia, è un obbligo. Altro che accogliere i cittadini con consigli "del cazzo"!Spero che la prossima volta tu sia più fortunato.CiaoSysop
  • Anonimo scrive:
    Re: lo sanno benissimo l'imei

    .....Senza contare che sanno con
    ottima approssimazione dove si trova il
    cellulare (se vogliono riescono a trovarlo
    con precisione quasi assoluta).l'approssimazione è di circa 300 mt, e con nuove cellule qualcuno sostiene si possa scendere sotto i 100 mt tanto da poterlo puntare con apparecchiature sattellitari
    A questo punto le opzioni sono tantissime ma
    se si volesse realmente arginare il fenomeno
    invece di sta cazzata della mitragliata di
    sms si risalirebbe al possessore del
    cellulare rubato e lo si accuserebbe di
    furto e/o ricettazione. basterebbero due casi ben pubblicizzati e stai certo che la stragrande maggioranza degli avventori di questa merce non la comprerebbero più
    • Anonimo scrive:
      ma qualcuno di voi sa quanto costa???
      Senza buttare fango gratuito su Polizia e Carabinieri... e senza voler fare polemiche...Qualcuno di voi sa cosa costa allo stato l'accertamento definito "semplice" da qualcuno?? 5.000.000 tondi tondi al giorno per IMEI, moltiplicatelo per i gestiori di telefonia e vedete un po' quanto costa allo stato trovare chi vi ha rubato il cellulare...L'importo varia da gestore a gestore (che di solito affidano ala cosa ad una società esterna) 5 mil. sono una buona approssimazione...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma qualcuno di voi sa quanto costa???
        E allora? Quei soldi di chi credi che siano? Che spendano pure i 5.000.000 (poi non diciamo cazzate ,la posizione di un cellulare e' nota istantaneamente appena viene acceso e preso in carico dalla radiobase) . La blacklist e' un servizio gia definito nello standard GSM e puo' essere tutto fatto automaticamente. Basta volerlo. Il problema poi e' che buttano miliardi per inseguire due contrabbandieri fino alle coste albanesi per poi tornare indietro oppure per scortare l'onorevole di turno a fare la spesa o ancora per portare in giro le troupe della rai in elicottero ...a questo punto buttate pure una 50 ina di milioni per ritrovare 10 cellulari.- Scritto da: CiSC(1)


        Senza buttare fango gratuito su Polizia e
        Carabinieri... e senza voler fare
        polemiche...
        Qualcuno di voi sa cosa costa allo stato
        l'accertamento definito "semplice" da
        qualcuno?? 5.000.000 tondi tondi al giorno
        per IMEI, moltiplicatelo per i gestiori di
        telefonia e vedete un po' quanto costa allo
        stato trovare chi vi ha rubato il
        cellulare...

        L'importo varia da gestore a gestore (che di
        solito affidano ala cosa ad una società
        esterna) 5 mil. sono una buona
        approssimazione...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma qualcuno di voi sa quanto costa???
          Non credo che l'amico dica cazzate! I costi per questi accertamenti sono spesso sproporzionati rispetto a quello che ogni comune mortale possa pensare. I modi in cui li giustificano le compagnie telefoniche sono diversi a partire dal fatto che chi materialmente fa l'accertamento non è la compagnia stessa ma una società a cui è affidato questo tipo di incarico e che va quindi pagata. Il fatto è che in questo tipo di cose non ci si può rivolgere altrove. I dati li hanno loro e basta e quindi fanno un pò come vogliono.Speriamo che presto il governo stabilisca un "equo" indennizzo per le prestazioni a fini di giustizia che metta finalmente fine a questa anarchia!CiaoSysop- Scritto da: Zio
          E allora? Quei soldi di chi credi che siano?
          Che spendano pure i 5.000.000 (poi non
          diciamo cazzate ,la posizione di un
          cellulare e' nota istantaneamente appena
          viene acceso e preso in carico dalla
          radiobase) . La blacklist e' un servizio gia
          definito nello standard GSM e puo' essere
          tutto fatto automaticamente. Basta volerlo.
          Il problema poi e' che buttano miliardi per
          inseguire due contrabbandieri fino alle
          coste albanesi per poi tornare indietro
          oppure per scortare l'onorevole di turno a
          fare la spesa o ancora per portare in giro
          le troupe della rai in elicottero ...a
          questo punto buttate pure una 50 ina di
          milioni per ritrovare 10 cellulari.


          - Scritto da: CiSC(1)





          Senza buttare fango gratuito su Polizia e

          Carabinieri... e senza voler fare

          polemiche...

          Qualcuno di voi sa cosa costa allo stato

          l'accertamento definito "semplice" da

          qualcuno?? 5.000.000 tondi tondi al giorno

          per IMEI, moltiplicatelo per i gestiori di

          telefonia e vedete un po' quanto costa
          allo

          stato trovare chi vi ha rubato il

          cellulare...



          L'importo varia da gestore a gestore (che
          di

          solito affidano ala cosa ad una società

          esterna) 5 mil. sono una buona

          approssimazione...
  • Anonimo scrive:
    Il codice giusto è *#06# (aster+cancel+06+cancel
    Il codice nell'articolo non è corretto.Il codice numerico per far comparire il MEI è*#06#Ossiaaster+cancelletto+0+6+cancelletto
    • Anonimo scrive:
      grazie
      mille adesso me lo scrivo - Scritto da: n
      Il codice nell'articolo non è corretto.

      Il codice numerico per far comparire il MEI è
      *#06#
    • Anonimo scrive:
      Re: Il codice giusto è *#06# (aster+cancel+06+cancel
      - Scritto da: n
      Il codice nell'articolo non è corretto.

      Il codice numerico per far comparire il MEI è
      *#06#

      Ossia
      aster+cancelletto+0+6+cancellettoNaturalmente ;-)Grazie mille... corretto!Ciao!!
Chiudi i commenti