Atom sposa Vista su un UMPC palmare

Sharp e Willcom hanno sviluppato congiuntamente quello che definiscono il più piccolo hand held basato sul nuovo processore Atom di Intel. Più compatto della stragrande maggioranza di MID e UMPC, il device fa girare Windows Vista

Tokyo – L’infante processore Atom di Intel non ha ancora i requisti necessari per salire a bordo dei dispositivi mobili più piccoli, come i telefoni cellulari, ma le sue dimensioni francobollo gli permettono comunque di trovare posto su computer hand held davvero molto compatti. Ne è un esempio il nuovo MID (Mobile Internet Device) D4 della giapponese Willcom , progettato da quest’ultima in stretta collaborazione con Sharp (che lo produce per conto della partner col nome formale di WSO16H).

Willcom D4 Le due aziende giapponesi affermano che Willcom D4 è il dispositivo Atom-based più compatto e leggero sul mercato : le sue dimensioni sono di 18,8 x 8,4 x 25,9 millimetri, mentre il suo peso è di 470 grammi. Il D4 è anche uno dei primi MID ad offrire, grazie ad un modulo opzionale W-SIM e un auricolare Bluetooth, funzionalità di telefonia cellulare : queste si appoggiano alla rete mobile giapponese Personal Handy-phone System ( PHS ), di cui Willcom è un operatore.

Il D4 adotta un design simile ad altri MID e UMPC sul mercato, con il display che può essere fatto scivolare verso l’esterno, in senso orizzontale, a scoprire una tastiera QWERTY da 64 tasti . Lo schermo touchscreen ha una diagonale di 5 pollici , una risoluzione di 1024 x 600 punti, il supporto a 262mila colori e un sistema di retroilluminazione a LED. Sotto la scocca si cela una CPU Atom a 1,33 GHz , 1 GB di RAM DDR2-533, un hard disk da 1,8 pollici e 40 GB di capacità, moduli WiFi 802.11b/g e Bluetooth. Le interfacce con l’esterno sono costituite da una porta USB, uno slot Micro SD, uno slot W-SIM (per la rete cellulare PHS) e un ingresso microfono.

La presenza di una generosa quantità di RAM e spazio disco suggerisce fin da subito che il sistema operativo installato sull’hand held di Sharp e Willcom è Windows, e per la precisione Vista Home . Per il momento non sembrano esserci piani per vendere versioni Linux-based del D4, ma Engadget fa notare come Willcom figuri tra le aziende che stanno sperimentando la piattaforma open source Android : questo potrebbe aprire la possibilità, in futuro, ad un D4 (o un suo derivato) con Linux a bordo.

Il Willcom D4 debutterà sul mercato giapponese il prossimo giugno al prezzo di 128.600 yen, pari a circa 800 euro . L’azienda, che in madre patria detiene circa il 4% del mercato dei telefoni cellulari, prevede di vendere dalle 50 alle 100mila unità D4 all’anno.

Le specifiche tecniche del Willcom D4 sono riportate in calce a questa pagina (tradotta dal giapponese). Di seguito un video promozionale che mostra alcune caratteristiche del dispositivo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mi scoccio di loggare scrive:
    Ma Lol...
    "Il nostro team sta utilizzando sviluppi d'avanguardia nelle tecnologie e nell'architettura del search per creare un nuovo paradigma nel settore, e ora abbiamo le risorse per portarci al prossimo livello".----Il primo round è fruttato 8 milioni di dollari, il secondo 25 milioni di dollari e loro sono pronti per il terzo.... Quanto frutterà?Notate bene, che sono stati finanziati 33 milioni di dollari senza aver "provato" nulla...Ahhh l'America... :D
Chiudi i commenti