Attenbourugh: viva Google Earth

Il celeberrimo divulgatore approva e sostiene l'uso delle mappe di Google per finalità non profit e conservazioniste

Londra – C’è tutta la stima che circonda Sir David Attenborough dietro l’iniziativa di Google per fornire alle agenzie non profit, alle ONG e più in generale alle associazioni non profit che ne hanno bisogno la possibilità di interagire con i suoi strumenti di mapping per creare servizi dedicati. Attenbourugh ha infatti ufficialmente dichiarato di ritenere Google Earth Outreach uno sforzo degno di nota che va sostenuto con forza.

il celebre naturalista Il celeberrimo naturalista e divulgatore ha spiegato di capire quale ruolo possano giocare certe nuove tecnologie e strumenti come Outreach che è “visuale, facile da capire e rappresenta un altro passo importante nell’aiutarci a capire che senza cura e conservazione molte delle nostre incredibili piante ed animali saranno presto perduti per sempre”.

Per Outreach il supporto di Attenbourugh può significare una ulteriore espansione del programma che già viene impiegato per monitorare l’impatto di attività illegali in un’area della foresta amazzonica, un progetto avviato in collaborazione con una tribù locale.

Attenbourugh non è nuovo a sostenere progetti che legano tecnologia e ambiente ed è un supporter del progetto ARKive , una notevolissima raccolta di immagini, foto e video delle specie a rischio, realizzata da Wildscreen , che già utilizza i servizi di Google.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea scrive:
    Complimenti per l'articolo
    Oggetto molto interessante, costasse attorno ai 120 euro sarebbe da prendere ad occhi chiusi.
    • enneci scrive:
      Re: Complimenti per l'articolo
      - Scritto da: Andrea
      Oggetto molto interessante, costasse attorno ai
      120 euro sarebbe da prendere ad occhi
      chiusi.A quel prezzo trovi le solite cinesate.
  • Luca69 scrive:
    Manca supporto x iPod
    ...ma come non hanno messo il dongle per l'iPod? Allora ne venderanno pochi ;)
  • ferrarelle scrive:
    finalmente non le solite creative
    era ora che si cominciasse a parlare anche di altre marche, in giro si vedono solo le creative. Esiste anche altro.Belle le foto.
  • sonoio scrive:
    ottimo articolo
    Complimenti per l'articolo, è interessante e ben fatto!
  • enneci scrive:
    Taccagni?
    Se è buono come dite il prezzo è allineato. Un paio di diffusori decenti arrivano senza problema a 1000.
Chiudi i commenti