Atteso per l'estate il Samsung L870

Nelle prossime settimane il produttore coreano presenterà un telefonino multimediale ma non troppo

Roma – È previsto a breve, da parte di Samsung , l’annuncio di un nuovo cellulare multifunzione dotato di sistema operativo Symbian S60. Il nuovo smartphone si chiamerà L870 .

Samsung L870 Compatto, con form factor slide, sarà un terminale Triband GSM/GPRS con supporto UMTS/HSDPA. Sarà dotato di un display da 2,3 pollici con risoluzione QVGA a 262mila colori, sotto il quale spiccherà un piccolo touchpad. A bordo ci saranno il sistema operativo Symbian 9.3 con interfaccia S60 third edition, doppia fotocamera (una principale, posteriore, con risoluzione da 3 megapixel, e una secondaria, sul frontale, con risoluzione VGA per le videochiamate). Immancabili il player multimediale, la radio FM (con RDS), la connettività Bluetooth v2.0, la memoria interna espandibile con schede MicroSD.

Il modello differisce leggermente – e probabilmente solo per alcuni dettagli – dall’esemplare di cui il sito olandese Mobilecowboys aveva fornito alcune anticipazioni un mese fa. Le sue dimensioni saranno di 102x50x13,5 millimetri.

Per le sue caratteristiche di telefonino “multimediale ma non troppo” potrebbe inserirsi nel segmento di mercato medio. Attualmente non è però possibile avere ulteriori informazioni – anche commerciali – sul nuovo Samsung, ma la sua presentazione è prevista nelle prossime settimane.

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • roberto scrive:
    sorpresi gli incompetenti
    l'assenza di un rapporto di causa effetto e' evidente.su questo metodo si puo sostenere qualsiasi cosa, scavando tra i dati, di congetture ne vengono fuori a volonta. Qui pero' e' evidente: con sorpresa degli stessi ricercatori.. : appunto poiche si dicono "sorpresi", si sentono in diritto di fare congetture senza alcun razionale= senza alcuna analisi di causa effetto. A mio parere questa e' incompetenza.mi chiedo perche la gente dia il consenso a usare i propri dati per studi di questo tipo. la pericolosita di questi studi sta nei paragoni -solo lievemente meno pericolosa del fumo o dell'alcool in gestazione !!!- se voi sapete cosa fa l'alcool in gestazione: cosi uno continua a bere ma non usa il cellulare. bella idiozia.pessimo
  • Alternato scrive:
    Vivere?
    Vivere fa male: porta alla morte!
  • mythsmith scrive:
    Causa-effetto un po' labile
    Molto incuriosito dallo studio... In primo luogo perché il bambino è ad una distanza molto grande dal telefono.Inoltre non mi è chiara la correlazione cellulare-problemi sociali.Forse chi aveva il cellulare già in quegli anni aveva una vita molto movimentata, con responsabilità lavorative superiori alla media, e tutto ciò che può giustificare l'acquisto così precoce di un gingillo tecnologico allora costosissimo e piuttosto scomodo. Di conseguenza, il tempo per stare con i propri figli è probabile sia stato poi minore alla media.Oltre alle "onde killer" mi viene da pensare a ciò che sente il bambino nella pancia... cioè conversazioni "a metà", con solo la voce della mamma e nessuna risposta... è assodato che i bambini sentono e ascoltano moltissimo mentre sono nella pancia, quindi queste interazioni dimezzate possono avere un peso. Ma allora lo avrebbero anche quelle a telefoni tradizionali.Il ché, di nuovo, potrebbe aver senso: chi usava il cell a quell'epoca è probabile tenesse conversazioni telefoniche di qualsiasi tipo molto + frequentemente di altri.È concreto il rischio che questo studio non stia misurando la correlazione tra una causa (il cell) ed un effetto (problemi sociali), ma piuttosto tra due effetti la cui causa risiede nello stile di vita tenuto durante (conversazioni dimezzate) o, più ragionevolmente, dopo la gravidanza (poco tempo per i figli, grande mobilità...).
  • jango scrive:
    Molto strano
    Pensateci... Il cellulare è una ricetrasmittente di segnali radio come molte altre cose... Com'è possibile che utilizzandolo, e ponendolo pure lontano dagli interessati (i feti in questo caso) possa causare danni? In più anche all'epoca si era immersi di radiazione radio artificiale, come quella TV e radio, per non contare quella del sole che c'è da sempre. Quindi anche chi non usava i cellulari era sotto l'effetto delle onde radio.Eppure c'è da considerare che è statisticamente rilevante il risultato ottenuto... Non è trascurabile... Che ne pensate?
    • Mahji scrive:
      Re: Molto strano

      Eppure c'è da considerare che è statisticamente
      rilevante il risultato ottenuto... Non è
      trascurabile... Che ne
      pensate?Il risultato statistico e' probabilmente corretto ma valutare un CARATTERE e' puramente empirico, per cui dipende con che metro giudichi una persona attiva/poco-attiva o introversa/estroversa. Cambiando questo metro, cambia anche il rapporto statistico.
    • sugo scrive:
      Re: Molto strano
      il cellulare ha cambiato la vita delle persone (es. genitori). Se ho capito bene la misurazione è avvenuta su bambini abbastanza grandi, c'è da chiedersi: "I genitori come hanno cresciuto i propri figli?".Potrebbe esserci una relazione tra cellulare e comportamento sociale derivato dall'uso (conoscenza delle possibilità e metodologie che il cellulare implica), senza andare a scomodare le onde elettromagnetiche.
    • fry_s scrive:
      Re: Molto strano
      Non voglio entrare in merito alla questione se le onde elettromagnetiche di un cellulare facciano male o no, però qui mi sembra che si stia considerando solo UNO degli aspetti particolari legati all'uso di un telefono. Perché omettere tutti gla altri (ansia trasmessa dall'interlocutore, difficoltà di esprimersi con la sola voce, disagio nell'uso delle tecnologie, ecc.)? E' un pò come fare uno studio sulle fumatrici in gravidanza e dedurne che gli accendini sono dannosi alla salute.
    • Edmondo Scola scrive:
      Re: Molto strano
      Ma no, qui non si parla di radiazioni!Si parla del comportamento della madre che viene avvertito dal bimbo già prima di nascere!Se la mamma prova gioia, tristezza, se litiga col marito, se parla a telefono esprimendo emozioni, ecc...Edmondo
      • cxar scrive:
        Re: Molto strano
        Ma che vuol dire "non si parla di radiazioni", se fosse solo per le emozioni trasmesse durante la conversazione, i telefoni con il filo esistevano anche prima, cade del tutto l'ipotesi del campione eterogeneo derivato dall'avvento da un certo punto in poi della telefonia mobile per la massa.. da almeno un 50 anni a questa parte le donne hanno sempre portato la telefonia fissa ai suoi estremi limiti! =)E poi, non c'è bisogno di un telefono per essere ansiosi, anzi, io trovo molto più ansiogeno il fatto di non sapere, di stare all'oscuro, di non poter raggiungere qualcuno al telefono e togliermi un dubbio.
        • Edmondo Scola scrive:
          Re: Molto strano
          Infatti, da quello che ho capito, il discorso vale anche per il telefono a filo. Solo che oggi ormai non si usa quasi più.Poi, non è detto che veve essere una cosa negativa parlare al telefono. Infatti, si parla di interazioni, influenze sui nasciturni, ma non mi sembra che viene detto che queste influenze sono negative o positive.Mi sembra di capire, non ho letto proprio attentamente l'articolo...
Chiudi i commenti