Attivazione? Rivoglio Windows 3.11

Lo sostiene un anziano lettore, che ha dovuto fare i salti mortali per riuscire ad adoperare il suo nuovo portatile equipaggiato con Windows XP


Roma – E’ vero io lo scelgo, ma in questo caso è una scelta dettata da una infinità di fattori difficilmente discutibili. Windows è un sistema diffusissimo, si trovano moltissimi software in offerta anche al supermercato, i miei figli hanno vecchi giochi del vecchio computer, e per quel che serve a me in casa sa fare bene il suo dovere (vedere qualche film in Dvd, raramente navigare e posta elettronica, qualche fax, scaricare la macchina fotografica digitale e poco altro).

Ho recentemente comprato un nuovo Pc portatile, ma mi viene detto che per sfruttarlo al meglio sarebbe meglio passare a WindowsXP invece di installarci il mio anziano e regolare Windows98. Convinto e contento arrivo a casa con il sistema installato dal venditore, ed uso il computer con soddisfazione.

Ogni tanto una noiosa finestrina mi ricorda che una cosa che io ho comprato deve essere “autorizzata” o meglio “attivata” anche se, a tutti gli effetti, mi sembra che il sistema funzioni completamente e al 100%. Non gli manca niente, tutte le funzioni… funzionano! Parlandone con amici e colleghi scopro che in realtà io non compro Windows, ma la sua “licenza d’uso” che va attivata. Praticamente compro il codice, ma fin qui… non mi sembra niente di nuovo rispetto al vecchio “98”.

Passa un mese e, durante un ponte di vacanza, mi viene impedito l’accesso al mio sistema, ai miei dati, ai miei programmi, ai film che potevo gustarmi in vacanza, ai giochi dei miei figli. In pratica per un problema non mio, ma dell’azienda che lo produce, questo sistema ha una “protezione contro la pirateria” che impedisce a me, che l’ho comprato, di usufruirne. E contemporaneamente non impediscono alle bancarelle per la strada di venderne copie pirata a 5 euro. Non ci vuole Einstein insomma per capire che quella protezione non ha nessuna validità.

Trovo non solo tutto questo paradossale ma noioso e frustrante, un po? come se il tipo che mi installa l’antifurto a casa mi desse un dispositivo per sbloccarlo (un “numero”) che vale solo per un mese. Passato quel mese devo rivolgermi di nuovo al tipo degli antifurti per farmi… riattivare il dispositivo bloccato !?! NESSUNO comprerebbe un antifurto di questo tipo e fra l’altro, in questo caso, il furto non riguarda me che ho comprato il prodotto, ma casomai l’azienda che viene danneggiata dalla Pirateria.

E’ come se l’antifurto dei vicini di casa mi impedisse di entrare nella mia casa! Non è un mio problema, ma devo risolverglielo io.

Procedo: leggendo le istruzioni a video sembra una cosa facile ma… essendo in vacanza non ho una connessione telefonica, e trovo quantomeno ridicolo andare in giro a chiedere a vicini e parenti “scusi mi fa connettere per usare il mio Windows regolarmente comprato?”

Tutto qui? Magari!
La procedura guidata mi invita a telefonare ad un numero verde, anche se continuo a trovare profondamente seccante e noioso starmi a leggere delle istruzioni a video invece di accedere ai miei dati, o telefonare ad un numero verde invece di vedermi un film.
E via! Telefoniamo anche al numero verde, che per fortuna è gratuito. Secondo una perversione che non è di questa terra, ma di burocrati d’altri tempi o tecnocrati fuori dalla realtà delle cose, dovrei digitare una CINQUANTINA di cifre – per poi ottenerne un’altra CINQUANTINA da inserire nelle apposite caselle!

qualcosa come 438596 538472 3420432 910395 837263 847321 238495 8432950!!!

Non è nè scienza, nè fantascienza. Ma qualcosa che ci fa rima. Già trovo esasperanti le SEDICI cifre necessarie per la ricarica di un telefonino, ma NOVANTASEI cifre da digitare, per risolvere un problema non mio, paradossalmente indispensabili per accedere ad un prodotto che ho comprato un mese fa, mi sembrano una esagerazione. Anche perchè l’errore di digitazione è sempre dietro l’angolo.

Mi sento ridicolo e con tutta la famiglia intorno che mi guarda come un pirata commentando “ma babbo, perchè non l’hai comprato originale?” col portatile davanti fermo su una schermata blu (il colore degli errori di Windows, e non è un caso! l’attivazione a 100 cifre E’ un bug).. Spiego ad uno dei miei figli che è come se gli compro un motorino, e dopo un mese il motorino si ferma. Allora deve telefonare o connettersi al sito del concessionario che me l’ha venduto, dargli un numero del telaio di 50 cifre, ed il concessionario gli detterà altre 50 cifre per continuare il viaggio. Ride e fa commenti che trovo educato non trascrivere.

Davvero nel 2005 non esiste un metodo meno noioso e più comodo e che sia soprattutto dalla parte del cliente che compra, e soprattutto che non sia a carico del cliente?
Mi dicono anche, ma stento a crederlo, che la procedura di attivazione vada ripetuta ogni volta che modifico l’hardware, e al quinto tentativo devo telefonare per forza e farmelo sbloccare?!

E il tutto per usare, non acquistare, una licenza incorporea. Amici più informatici di me mi dicono che questa dell’attivazione non è una moda passeggera, ma una tendenza di mercato. Beh.. se devo passare i pomeriggi a dettare centinaia di cifre ai numeri verdi di aziende che non sanno proteggersi dalla Pirateria… rivoglio il mio Win311 col numero scritto sui dischetti!

Un anziano lettore

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Re: E se non fosse così?
    Succederebbe semplicemente che a fare affari d'oro nella vendita di mp3 player sarebbero quei paesi della C.E. che non applicano soprattasse sui player mp3.O che applicano soprattasse relativamente piu' basse (pochi cent per giga).Invece in quei paesi la' prenderebbero piede i player "driveless", ma muniti di connettore USB, Firewire e slot per vari tipi di smartcard.
    GT
  • Anonimo scrive:
    LA mafia della Siae
    Ancora hanno il coraggio di parlare?Che aspetta il governo a mettere mano ad una profonda riorganizzazione della materia?Gli artisti non sono tutelati per niente,la Siae tutela se stessa arrichendosi alle spalle altrui....Andatevi a vedere una vecchia puntata di Report sulla Siae...Massimo
    • Anonimo scrive:
      Re: LA mafia della Siae
      - Scritto da: Anonimo
      Ancora hanno il coraggio di parlare?Che aspetta
      il governo a mettere mano ad una profonda
      riorganizzazione della materia?Gli artisti non
      sono tutelati per niente,la Siae tutela se stessa
      arrichendosi alle spalle altrui....
      Andatevi a vedere una vecchia puntata di Report
      sulla Siae...

      MassimoQuoto !
      • Anonimo scrive:
        Re: LA mafia della Siae - Report
        Quella puntata di report la ho vista pure io, solo che ho visto anche quando ne giravano delle scene, e vi garantisco che in televisione il montaggio era fatto ad arte per sputtanare l'intervistato (frasi tagliate, etc.).Dopo questa esperienza ho smesso di guardare il programma della Gabanelli, perche' metto in dubbio TUTTO quello che vedo.Peccato, mi piaceva report, adsso mi sembra il "forse non tutti sanno che" della settimana enigmistica...Triste
  • Anonimo scrive:
    Io ho un sogno.........
    Vedere le persone della Fimi e della Siae per strada a dormire su una panchina !Cosa per altro che se si continua cosi , faranno molti lavoratori atipici un giorno !
  • Anonimo scrive:
    L'importante è non cadere...
    ...dalla padella nella brace.Ben venga la fine del monopolio SIAE, purché non divenga un oligopolio, dobbiamo invece arrivare alla totale libertà di affidarsi o meno a un tale ente.E occorre anche una regolamentazione che stabilisca che in caso alla produzione di un'opera concorrano persone fisiche o giuridiche assistite da diversi enti riscossori, prevalga quello della maggioranza relativa, o in caso di parità, dell'autore principale, salvo per motivi organizzativi questo deleghi l'incombenza all'ente che assiste un altro dei fruitori dei diritti.Ovviamente occorrerà anche stabilire una percentuale massima che l'ente riscossore può trattenere come rimborso spese sulla parte di diritti da ridistribuire agli altri enti.Ma la cosa più importante sarà comunque la libertà di affidarsi o meno a queste nuove SIAE.Ne deriverà automaticamente anche la fine dell'imposizione automatica dei diritti di esecuzione: SIAE e c. potranno mettere becco e pescare nel portafoglio solo se saranno coinvolti in qualche modo, autori, orchestrali, editori, o altro dei loro iscritti e dovrà finire lo scandalo dei diritti sgraffignati a tutti e ridistribuiti solo ai soliti noti.Va anche imposto un cambiamento che faccia cessare la truffa SIAE che gli permette di accampare come scusa qualsiasi imprecisione o scarsa leggibilità nei borderò per defraudare gli aventi diritto non facenti parte del club dei privilegiati e far confluire nel calderone quello che gli spetterebbe.
  • Anonimo scrive:
    ma lo sapevate che.....
    Da una recente trasmissione radiofonica che va in onda su RIN alle ore 18.00 e che si chiama Il Ballo Di San Vito, ho sentito una cosa estremamente paurosa:sapete quando fattura la SIAE ogni Anno? ve lo dico io qualcosa come + o -300.000.000 di Euro!!! e sapete quanti soldi vedono gli autori? Ve lo ridico io qualcosa come 60.000.000 di ?uro!!!!E gli altri 240.000.000 che fine faranno? mah....E sapete come vengono distribuiti? buona parte vanno solamente ai primi 10 nelle varie classifiche quindi vuol dire se tu paghi una multa alla SIAE per violazione del diritto d'autore poichè ti sei scaricato l'album di uno sconosciuto cantante/gruppo locale i tuoi soldi non vanno a rimpinguare le casse del suddetto cantante/gruppo (che sarebbe anche lecito)ma vanno solamente ai primi 10 in classifica!!!! Quest'ultima parte l'ho sentita da un amico che canta in un gruppo, non sò se sia effettivamente così però mi vien da pensare...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma lo sapevate che.....
      non e' cosi', e' pure peggio:il dossier qui riportato comincia a essere datato ma se interpretiamo i segnali di questi giorni la situazione e' ancora peggiore di allora:http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=82
  • Anonimo scrive:
    nel resto del mondo...
    esistono societa che si occupano del diritto d'autore... ma mai solo una... in america ne esistono tante ... in italia invece solo una che fa il bello e il cattivo tempoquindi quando leggo:"Enzo Mazza, direttore generale di FIMI, aveva chiesto nei giorni scorsi che il Parlamento mettesse mano all'articolo 180 della normativa sul diritto d'autore, articolo che in sostanza affida alla SIAE la gestione in esclusiva dei corrispondenti diritti."non posso che chiedermi: "a chi giova che ci sia solo la SIAE?!?!?!" .... perche mi sembra proprio che non giovi ne ai consumatori... ne ai cantanti/musicisti/varie
    • Anonimo scrive:
      Re: nel resto del mondo...
      - Scritto da: Anonimo
      ... ne ai cantanti/musicisti/varieErrato: giova ad alcuni cantanti/musicisti/variehttp://www.report.rai.it/2liv.asp?s=82
  • Anonimo scrive:
    la siae è nel mirino
    dell'Unione Europea che la considera un organo illegittimo and obsoleto inadeguato alle normative europee in itinere. Ergo verrà presto smantellata e sbucciata come una pera e fagocitata da altri più idonei enti tassatori più potenti.
    • The_GEZ scrive:
      Re: la siae è nel mirino
      Ciao Anonimo !
      dell'Unione Europea che la considera un organo
      illegittimo and obsoleto inadeguato alle
      normative europee in itinere. Ergo verrà presto
      smantellata e sbucciata come una pera e
      fagocitata da altri più idonei enti tassatori più
      potenti.Già ... come i brevetti sul software ..."Mi ha detto mio cugggino che domani chiudono la SIAAAAEEEEE !! ...."
  • Anonimo scrive:
    Tutti a mangiare sulle nostre schiene!!!
    Tutti a mangiare sulle nostre schiene!!!altro che autori ed editori,sono loro le associazioni a delinquere,finalizzare a tassare a più non posso il cliente,il fruitore,e anche chi non usufruisce proprio!!!una parola sola ABOLIRLE ENTRAMBE a favore di una vera tutela del diritto d'autore!!!e una difesa della lobby!!!
  • Anonimo scrive:
    e i prezzi di cd e dvd vergini sono radd
    oppiati, ve ne siete accorti? Ma con che razza di gente abbiamo a che fare. Sono costretto a non comprarli più. Figuratevi se posso comprare le canzoni o i film in dvd.
    • The_GEZ scrive:
      E' FALSO !!
      Ciao Anonimo !
      oppiati, ve ne siete accorti? Ma con che razza diSe ti riferisci ai supporti vergini ti dico che la tua affermazione che i prezzi sono raddoppiati è FALSA !!!!......I prezzi sono QUADRUPLICATI !!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: E' FALSO !!
        - Scritto da: The_GEZ
        Ciao Anonimo !


        oppiati, ve ne siete accorti? Ma con che razza
        di

        Se ti riferisci ai supporti vergini ti dico che
        la tua affermazione che i prezzi sono raddoppiati
        è FALSA !!!!
        .
        .
        .
        .
        .
        .
        I prezzi sono QUADRUPLICATI !!!!!!!Consiglio a tutti di acquistare i supporti vergini via Internet da negozi tedeschi. Così facendo, pagate regolarmente la tassa per "diritto di copia privata", ma alla "siae" tedesca, che ha adottato delle aliquote molto più oneste di quelle applicate dagli avvoltoi nostrani.
    • Anonimo scrive:
      Re: e i prezzi di cd e dvd vergini sono
      Veramente no : ultimamente ho comprato fuori l'Italia.Saluti,Piwi
  • HotEngine scrive:
    Ma come caspita funziona???
    Ho risposto al thread "aggrappattevi" immettendo il testo:..con una t sola...Riferendomi all'errore commesso sia nel titole che nel testo. Un minuto dopo tale risposta era finita del forum dei troll!!! Ma cos'è? Un filtro automatico un po' sballato o cosa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come caspita funziona???

      Ho risposto al thread "aggrappattevi" immettendo
      il testo:

      ..con una t sola...Postare per correggere l'ortografia e' contro la netiquette, lo era sulle BBS, credo che il t1000 di PI ragioni cosi' :D
  • Morpheus255 scrive:
    La guerra dei connessi
    sarebbe carino che Mazza spiegasse come, dove e chi rilascerà poi le licenze per lavorare nell'intrattenimento, nel broadcating, nello spettacolo ecc... magari racconterà la barzaletta che così, aumentando la concorrenza, caleranno i prezzi?massimo
    • The_GEZ scrive:
      Re: La guerra dei connessi
      Ciao Morpheus255 !
      sarebbe carino che Mazza spiegasse come, dove e
      chi rilascerà poi le licenze per lavorare
      nell'intrattenimento, nel broadcating, nelloPoi salteranno fuori eventi di vario genere "mutilati" perchè i vari enti "protettori" (volevo dire tutelanti ma il termine che ho usato credo si addica di più) non andranno d'accordi sul concedere i loro "pupilli"
      spettacolo ecc... magari racconterà la barzaletta
      che così, aumentando la concorrenza, caleranno i
      prezzi?Cosa VERISSIMA, come si è visto in tutti i campi dove è stata promossa la "concorrenza" ... i prezzi si sono abbassati di botto .. o no ?:@
      • Morpheus255 scrive:
        Re: La guerra dei connessi
        già proprio così a me capita che oggi beni e servizi me li danno gratis, anzi mi danno pure dei soldi !Molti non hanno capito cosa c'è dietro questa mossa e lo si legge dai post qui, è un vero peccato. Mi auguro che non si ceda agli appettiti delle major
  • Anonimo scrive:
    Sig. Profita mi dice il suo stipendio?
    Sarebbe interessante da sapere per un operaio della Fiat o per un ragazzo con contratto temporaneo, che deve sborsare 20 euro per sentire 3 canzoni in croce, di cui magari bella 1/2.Lancio una proposta, chiudiamo i P2P, ma se un disco non piace rifondate l'acquirente (iva inclusa).Non vi piace? alternativa: fissate il prezzo a ? 5,90.Assicuro pirateria distrutta e le vostre tasche piene ugualmente.Se Panorama riesce a darmi un DVD a 9,90 xchè voi non riuscite ?La verità e che siete incapaci come l'80 percento dei manager in italia, avete stipendi miliardari e tra le orecchie il vuoto pneumatico, chi mi da da gestire le Ferrovie ?Come stipendio non voglio nulla, solo 1% dell'utile.(adesso è in rosso ovviamente.....)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sig. Profita mi dice il suo stipendio?
      guarda che Panorama ti da i cd e i dvd che gli danno le major fesso
    • Anonimo scrive:
      Re: Sig. Profita mi dice il suo stipendio?
      MAh, sicuramente meno di quello che prende Cofferati o qualnuque consigliere di amministrazione di HERA...
  • Anonimo scrive:
    AHAHAHAHHA
    Più che le giuste rimostranze dei più, possono i soldi dei meno.....Italietta da galera !!!
  • Anonimo scrive:
    lotta di potere?
    Queste lotte di potere in cui ognuno schiera i propri padrini politici ed in cui lo scopo non è fare il bene dei propri rappresentati ma solo autoperpetuarsi e continuare a fare i propri comodi mi fanno schifo.In realtà sono tutte e due enti male organizzati e spreconi che non rendono conto a nessuno della propria fallimentare gestione e che assumono solo su raccomandazione politica. Ci sono autori che vendono centinaia di mgliaia di copie eppure non hanno un euro di diritti ed autori che producono pochissimo od addirittura niente che se ne vedono riconosciuti tantissimi e poi osano parlare di pirateria digitale
  • Anonimo scrive:
    Speriamo si uccidano tra di loro
    Speriamo si uccidano tra di loro devono solo fallire quelle zecche che licrano sul lavoro degli altri e per di più rompono i maroni
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo si uccidano tra di loro
      Speranza vana, ingenua.Gli Egr. Dott. Ing., in Italia, si auto-addestrano alla reciproca collaborazione a scopo di lvcrazione maxmassima ai danni del primo imbecille che passa, fin da tenera eta`.Dovrebbero essere selezionatamente sfoltiti dalla popolazione umana, magari con un virus mirato: da qualche parte dev'esserci infatti anche il gene del furbo. Trovato quello, la cosa si potrebbe fare. Anzi, a quel punto sarebbe doverosamente etico procedere senza esitazioni.
  • Anonimo scrive:
    acronimo
    siae=soldi ingiusti ad autori ed editori.sono un autore costretto a non pubblicare le mie opere per l'obbligatorietà della siae.vorrei essere più libero di farci quello che voglio con le mie opere, senza derubare chi vuole fruirne.la siae ammazza la diffusione della creatività non commerciale.
  • Anonimo scrive:
    come fare a meno della siae
    [solo x il copyright]documentate l'opera d'ingegno o creatività artistica, fotografatela, incidete il cd, fatene una copia etc, sigillate in una busta e speditela a voi stessi.Avete in mano la prova certificata dal timbro che in data tot voi eravate i legittimi detenitori dei diritti.Non mi pare così complicato.[Dal suggerimento di un avvocato.]vil.emotiv.it
    • Anonimo scrive:
      Re: come fare a meno della siae
      Oppure molto semplicemente depositi il tutto da un notaio... qualcosa costa di certo ma non sarà mai la siae.
      • Anonimo scrive:
        Re: come fare a meno della siae
        - Scritto da: Anonimo
        Oppure molto semplicemente depositi il tutto da
        un notaio... qualcosa costa di certo ma non sarà
        mai la siae.in prefettura è gratuito
        • Anonimo scrive:
          Re: come fare a meno della siae
          Piuttosto, vi iscrivete ad una società straniera per il deposito e tutela delle opere, spendete queste 20$ all'anno e mandate a quel paese i burocrati italioti.
          • Anonimo scrive:
            Re: come fare a meno della siae

            [...]vi iscrivete ad una società straniera
            per il deposito e tutela delle opere, spendete
            queste 20$ all'anno e mandate a quel paese i
            burocrati italioti.Saprebbe indicarmi qualche indirizzo web delle societa' di cui sopra?
  • Anonimo scrive:
    No Profit ?
    Ipotiziamo pure che serva un organismo come la Siae (per ogni rispettivo settore artistico, non come ora che accentra tutto... vero Profita ?)Sarebbe quasi come un ufficio brevetti che tutela opere di ingegno creativo.Il paragone non e' immediato visto che la Siae non tutela, ma deposita. Ma tutto sommato anche un brevetto viene depositato, sebbene con qualche controllo in piu' in sede di accettazione.Ma eventuali controversie sono sempre risolte in tribunale....Cmq facciamo pure che tuteli... perche' dovrebbe guadagnarci ?Nel momento in cui lo Stato rende il diritto d'autore un dovere (hehe, sembra un paradosso) questo e' un servizio (obbligatorio).Mi pare diabolico cercare di spillare quattrini (e quindi ostacolare la creativita') con un servizio che ha come obiettivo quello di garantire ed incoraggiare la creativita'.Ti do un vantaggio offrendoti delle garanzie di tutela, ma poi ti svantaggio (artista e clienti) con procedure/passaggi/bollini/tasse... percentulamente onerosi !Allora facciamo che la SIAE debba conseguire un bilancio Zero, assolutamene no profit.Il controllo sia dato tanto agli artisti quanto ai cittadini e alla politica (tipo una cooperativa) per evitare che vi siano artisti/distributori privilegiati.Il principio di base e' che questo tipo di mediazioni sono PARASSITE !Oggi giorno si fanno affare facendo intermediazioni: immobiliare, sugli appalti, sui rifiuti, compravendita, ecc...Un giorno avremo intermediari che vendono intermediari che vendono int... ASSURDO !Se e' vero che ci sono intermediazioni utili, bisogna contrastare tenacemente quelle parassite.esempio:molti negozianti oggi giorno fanno semplice compravendita.non hanno magazzini, non hanno personale per riparare/trasportare la merce, non gestiscono la garanzia ma rimandano al produttore....PERCHE' MAI dovrei rivolgermi a loro e non al produttore... con un bel 40% di sconto oltretutto!Non hanno rischio imprenditoriale, sulle spalle del produttore, non mi offrono alcun particolare servizio, e praticano margini assurdamente elevati.Questa e' un intermediazione PARASSITA che deve SPARIRE ! ... COME LA SIAE
  • Anonimo scrive:
    Siamo al bue che dice cornuto all'asino
    -nt-
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo al bue che dice cornuto all'as
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo al bue che dice cornuto all'asino...no, all'altro bue ;)KaysiX
  • Anonimo scrive:
    Dove casca l'asino
    La Siae, secondo me, non risponde più allle esigenze dei tempi che cambiano e verrà spazzata via. Al suo posto emergeranno diverse agenzie no profit, finanziate dai cittadini, che sapranno promuovere e valorizzare i talenti artistici e intellettuali delle persone.
  • Anonimo scrive:
    QUESTIONI TRA PIDOCCHI
    Non immischiamoci, tanto son destinati a sparire dalla circolazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: QUESTIONI TRA PIDOCCHI
      si vero, basterebbe fargli scomparire gli archivi tutti i nominativi e testi per farli divenire padroni della polvere ansichè delle note questi usurai...
  • Anonimo scrive:
    Scontro di Titani
    Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato ti guadagna soldi a palate non facendo un beneamato niente dalla mattina alla sera", dall'altra parte la FIMI, un'altra bella combriccola di galantuomini. Certo che c'è da ridere, prima si davano manforte tacitamente, adesso si danno addosso perchè vogliono mangiare più fette di quell'indigesta torta chiamata diritti d'autore. Una torta che gli permette di chiedere soldi a chi fa festicciole musicali in casa, e gli permette di chiedere soldi a due sposini che al loro banchetto nuziale chiamano un tizio per strimpellare due stronzate di canzoni popolari, soldi che poi finiscono in tasca a chissà chi.Io spero che facciano indigestione tutti e due, e speriamo che prima o poi qualcuno faccia saltare questa ennesima storia di furto legalizzato all'italiana, che tutto fa tranne promuovere la cultura in Italia. Togliere il 20% d'iva ed i balzelli del cazzo della SIAE dai dischi no eh?Berlusconi ha detto che se la gente trova che i prezzi siano alti, allora la suddetta gente deve rivolgersi al materiale che costa meno. DOVE BERLUSCO', DOVE!!! Qui i prezzi dei supporti digitali sono sempre quelli, non li abbassate, quindi a chi dobbiamo rivolgerci? Ok, compriamo in germania, da nierle.de e simili, però poi non rompete i coglioni con la storia che dobbiamo far girare l'economia, e non rompete con la pubblicità FIAT che "quando compriamo dai tedeschi, i tedeschi ringraziano". Siamo NOI che li ringraziamo, almeno loro non rubano e non speculano su di un disco di plastica che non costa un cazzo produrlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scontro di Titani
      - Scritto da: Anonimo
      Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato ti
      guadagna soldi a palate non facendo un beneamato
      niente dalla mattina alla sera"Questo lo dici tu, prova a vivere avendo studiato 10 anni di pianoforte..., dall'altra parte
      la FIMI, un'altra bella combriccola di
      galantuomini. E qui ci siamo: questi rappresentano solo le MULTINAZIONALI, non i piccoli editori e produttori, e sono ANNI che cercano lo scontro per farsi la loro SIAE in casa cosi' dopo ai piccoli non resta piu' una lira e il monopolio diventa REALE

      Certo che c'è da ridere, prima si davano manforte
      tacitamente,Sopportazione reciproca, si chiama. adesso si danno addosso perchè
      vogliono mangiare più fette di quell'indigesta
      torta chiamata diritti d'autore.Sara' indigesta per te, che pensi che chi fa musica debba morire di fame. Una torta che
      gli permette di chiedere soldi a chi fa
      festicciole musicali in casa, e gli permette di
      chiedere soldi a due sposini che al loro
      banchetto nuziale chiamano un tizio per
      strimpellare due stronzate di canzoni popolari,
      soldi che poi finiscono in tasca a chissà chi.Di solito a chi quelle canzoni le ha scritte, ma ci sono effettivamente delle esagerazioni.

      Io spero che facciano indigestione tutti e due, e
      speriamo che prima o poi qualcuno faccia saltare
      questa ennesima storia di furto legalizzato
      all'italiana, che tutto fa tranne promuovere la
      cultura in ItaliaLa SIAE con la cultura centra poco, serve solo a raccogliere i soldi derivanti dall'uso di opere dell'ingeno (es. musica) e a darli a chi di dovere. Togliere il 20% d'iva ed i
      balzelli del cazzo della SIAE dai dischi no eh?la siae su un disco da 20 euro sara' si e no un euro. il grano se lo ciuccia lo stato con l'IVA e i discografici (FIMI)

      Berlusconi ha detto che se la gente trova che i
      prezzi siano alti, allora la suddetta gente deve
      rivolgersi al materiale che costa meno. DOVE
      BERLUSCO', DOVE!!! Qui i prezzi dei supporti
      digitali sono sempre quelli, non li abbassate,
      quindi a chi dobbiamo rivolgerci? Ok, compriamo
      in germania, da nierle.de e simili, però poi non
      rompete i coglioni con la storia che dobbiamo far
      girare l'economia, e non rompete con la
      pubblicità FIAT che "quando compriamo dai
      tedeschi, i tedeschi ringraziano".
      Siamo NOI che
      li ringraziamo, almeno loro non rubanoper me masterizzarsi musica che non hai comprato e' rubare. e non
      speculano su di un disco di plastica che non
      costa un cazzo produrlo.Questa e' la piu' grossa idiozia che dici. ma lo sai quanto cazzo costa fare un disco? non confondere la stampa della plastica con tutto il resto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scontro di Titani
        - Scritto da: Anonimo

        Siamo NOI che

        li ringraziamo, almeno loro non rubano

        per me masterizzarsi musica che non hai comprato
        e' rubare.Io mi riferisco ai dischi vuoti. Tuttavia, masterizzare musica non comprata non è rubare, la gente che lo fa non toglie niente a nessuno fisicamente: puoi chiamarla in un altro modo, vigliaccata da pezzi di merda per esempio, son d'accordo. Ma rubare no, non usiamo i termini del cazzo inventati dai vari terroristi dell'informazioni.Per me far pagare in più passaggi i diritti d'autore sullo stesso brano è rubare. Campare 100 anni sempre grazie alla stessa canzone è rubare. Il bollino SIAE è rubare. I diritti d'autore che, al contrario di quanto affermi, non finisco all'autore, quello è rubare. Vedi, una volta un certo Gesù di Nazareth disse qualcosa a proposito del peccato, e dello scagliare la prima pietra, eccetera. E quello qualcosa della vita doveva pur averla capita...
        e non

        speculano su di un disco di plastica che non

        costa un cazzo produrlo.

        Questa e' la piu' grossa idiozia che dici. ma lo
        sai quanto cazzo costa fare un disco? non
        confondere la stampa della plastica con tutto il
        resto.
        Quando io nomino nierle.de, mi riferisco proprio ai vuoti, non il disco già bello ed inciso dei miei stivali.Scusa eh, ma invece di preoccuparti di studiare pianoforte per 10 anni come i figli di papà mentre io ero a farmi il culo da perito (maltrattato) elettrotecnico, potresti prima leggere per bene e dopo casomai azzannarmi alla gola, che dici?Non te la prendere, niente di personale per carità, siamo solo delle povere vittime di una società di merda orientata al saccheggio delle tasche del popolo: tu, io, e quegli sfigati canterini che per sfondare devono mettersi nelle mani delle major-grassatori.
        • matcion scrive:
          Re: Scontro di Titani


          Io mi riferisco ai dischi vuoti. Tuttavia,
          masterizzare musica non comprata non è rubare, la
          gente che lo fa non toglie niente a nessuno
          fisicamente: puoi chiamarla in un altro modo,
          vigliaccata da pezzi di merda per esempio, son
          d'accordo. Ma rubare no, non usiamo i termini del
          cazzo inventati dai vari terroristi
          dell'informazioni.

          Per me far pagare in più passaggi i diritti
          d'autore sullo stesso brano è rubare. Campare 100
          anni sempre grazie alla stessa canzone è rubare.
          Il bollino SIAE è rubare. I diritti d'autore che,
          al contrario di quanto affermi, non finisco
          all'autore, quello è rubare. Neanche tutta sta roba toglie niente a nessuno fisicamente. Bisogna che ti decidi.
          • The_GEZ scrive:
            Re: Scontro di Titani
            Ciao matcion !

            Per me far pagare in più passaggi i diritti

            d'autore sullo stesso brano è rubare. Campare
            100

            anni sempre grazie alla stessa canzone è rubare.

            Il bollino SIAE è rubare. I diritti d'autore
            che,

            al contrario di quanto affermi, non finisco

            all'autore, quello è rubare.

            Neanche tutta sta roba toglie niente a nessuno
            fisicamente. Bisogna che ti decidi.Ma non so che percezione hai tu del mondo, ma A ME pagare una cosa 5 o 6 volte il suo valore di mercato toglie, come hai detto tu, fisicamente soldi dalle mie tasche, per poi darli a qualcuno che con quello che io ho comperato NON C'ENTRA UNA COLOSSALE MAZZA !!!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Scontro di Titani
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato ti

        guadagna soldi a palate non facendo un beneamato

        niente dalla mattina alla sera"

        Questo lo dici tu, prova a vivere avendo studiato
        10 anni di pianoforte...a parte che lui si riferiva alla SIAE (un privato appunto), e non a quelli che hanno studiato 10 anni di pianoforte... ma poi poverini, dieci anni, mentre noi eravamo a raccogliere pomodori, poveracci, si si adesso gli do tutti i miei soldi, e poi coi diritti d'autore fra settanta anni gli campo pure i nipoti, si si dai, bella quest'idea... pure io voglio i diritti sul lavoro da manovale che faccio, per i prossimi settanta anni non voglio fare più niente.... e poi mi spendo tutto in tribunali tipo Michael Jackson & co., oppure compro forbici da 2000 euro per tagliarmi i capelli come Britney Spears (non me la sono inventata, è vero)... e che mi dici dei soldi che spillano alla gente quando si fa le feste private in casa, magari al compleanno del figlioletto? A quello non hai replicato, vero? Ma allora la prossima volta statti zitto quando parli di furti e ruberie, ma senti da che pulpito, di fronte a quelli che campano in questo modo pure il feroce Gengis Kan (o come se scrive) diventa un gran signore!!!hai cantanti non gli sta bene di essere depredati da coloro che dovrebbero difendere i loro diritti e non lo fanno? bene, allora venissero da me, che qui a cantiere una cofana pure per loro non manca mai, c'è bisogno di braccia buone, altrochè!
      • TPK scrive:
        Re: Scontro di Titani
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato ti

        guadagna soldi a palate non facendo un beneamato

        niente dalla mattina alla sera"

        Questo lo dici tu, prova a vivere avendo studiato
        10 anni di pianoforte...Immagino che quindi la musica ti faccia schifo e che tu suoni solo per i soldi.Ma se ti scegli gli hobby per i soldi che puoi guadagnare, perche' non hai pensato di fare il calciatore?
        • Anonimo scrive:
          Re: Scontro di Titani
          - Scritto da: TPK

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato
          ti


          guadagna soldi a palate non facendo un
          beneamato


          niente dalla mattina alla sera"



          Questo lo dici tu, prova a vivere avendo
          studiato

          10 anni di pianoforte...

          Immagino che quindi la musica ti faccia schifo e
          che tu suoni solo per i soldi.
          Ma se ti scegli gli hobby per i soldi che puoi
          guadagnare, perche' non hai pensato di fare il
          calciatore?Scherzi, poi a 35 anni andava in pensione e poi doveva andare ospite da Maurizio Mosca per alzare due lire. Invece il cantante imbrocca una canzone decente, e poi fino alla fine dei tempi gli piovono i soldi dei diritti dentro casa, pure dopo che è morto. Mille volte meglio che andare a prendersi lattine in testa allo stadio.
          • TPK scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TPK



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Da una parte la SIAE, ovvero "come un
            privato

            ti



            guadagna soldi a palate non facendo un

            beneamato



            niente dalla mattina alla sera"





            Questo lo dici tu, prova a vivere avendo

            studiato


            10 anni di pianoforte...



            Immagino che quindi la musica ti faccia schifo e

            che tu suoni solo per i soldi.

            Ma se ti scegli gli hobby per i soldi che puoi

            guadagnare, perche' non hai pensato di fare il

            calciatore?

            Scherzi, poi a 35 anni andava in pensione e poi
            doveva andare ospite da Maurizio Mosca per alzare
            due lire. Invece il cantante imbrocca una canzone
            decente, e poi fino alla fine dei tempi gli
            piovono i soldi dei diritti dentro casa, pure
            dopo che è morto. Mille volte meglio che andare a
            prendersi lattine in testa allo stadio.
            Certo, ma per diventare ricchi con una canzone non serve saper suonare, cantare o altro. Poteva pure risparmiare 10 anni di fatica.Almeno il calciatore deve saper fare qualcosa.Prendi come esempi nei due campi DJ Francesco e Totti...(se per caso non sai chi sia DJ Francesco, NON informarti...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: TPK
            Certo, ma per diventare ricchi con una canzone
            non serve saper suonare, cantare o altro. Poteva
            pure risparmiare 10 anni di fatica.Eheheh, è vero, a ben pensarci hai ragione.
            Almeno il calciatore deve saper fare qualcosa.
            Prendi come esempi nei due campi DJ Francesco e
            Totti...

            (se per caso non sai chi sia DJ Francesco, NON
            informarti...)Purtroppo lo conosco :|
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            Scherzi, poi a 35 anni andava in pensione e poi
            doveva andare ospite da Maurizio Mosca per alzare
            due lire. Invece il cantante imbrocca una canzone
            decente, e poi fino alla fine dei tempi gli
            piovono i soldi dei diritti dentro casa, pure
            dopo che è morto. Mille volte meglio che andare a
            prendersi lattine in testa allo stadio.
            Allora: ho studiato pianoforte per dieci anni ma nel frattempo ho lavorato per mantenermi sia in vita che agli studi, perche' i miei genitori non erano in grado.Passione, io la chiamo, se pensate che la musica sia solo un hobby (come ho letto) non avete proprio capito una Mazza.per suonare bene, non strimpellare come un idiota che sa mettere tre accordi in fila, bisogna farsi un culo che nemmeno lo immaginate, la musica, per chi decide di viverla, e' una cosa seria, non e' una cosa da una botta e via...per viverla DEVI fartene un mestiere, perche' se no diventi come quelli che si fanno il culo per la laurea e poi vanno a fare gli spazzini (senza offesa alcuna).E invece la maggior parte delle volte e' cosi', siamo una razza di persone che mette in gioco la sua vita solo per darvi qualche emozione, alla fine dei conti...Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che fanno la fame, o cambiano lavoro. La selezione naturale nel nostro campo e' molto piu' "cattiva" che in ogni altro campo lavorativo.LA differenza e' che noi ci arrangiamo, viviamo la notte perche' di giorno nessuno va nei locali o nei piano bar dove tanti nostri colleghi suonano, e mentre campiamo a malapena ( l'unico vero vantaggio e' che si scopa facile), speriamo che la nostra canzoncina faccia breccia da qualche parte per recuperare un po della vita spesa in ristrettezze con un po di gloria.Non siamo figli di papa', se conosceste veramente il mondo di cui parlate capireste che e' quasi peggio di andare in cantiere, eccetto naturalmente per quei pochi che "arrivano", a volte durano una stagione , a volte una vita, a volte addirttura la loro musica diventa quasi eterna.E ' questo il prezzo che la maggior parte di noi paga, ci siamo messi in gioco per inseguire dei sogni e vediamo che il nostro mondo viene mano a mano fatto a pezzi dalla svalutazione del valore della musica.Ho studiato 10 anni pianoforte, ho fatto 4 anni di piano bar, 8 da orchestrale e sono in pista da quando ero adolescente.La musica mi ha dato da vivere, "purtroppo" senza mai avere sfondato, ma quei 4 soldini di siae che mi arrivavano ogni 6 mesi mi aiutavno a fare il mese-Adesso che sono verso la cinquantina mi trovo di fronte ad un futuro senza pensione, (lo sapete che nei locali pagano quasi sempre in nero), sono invecchiato con il mio amore per la musica ma la devo abbandonare perche' non mi da piu' da vivere.Grazie gente,grazie per le vostre battaglie,grazie per avermi aperto gli occhi,sono stato uno sfruttatore per tutta la vita, ho preso i soldi andando a suonare nei matrimoni, hanno pure suonato delle mie canzoncine, per un po, adesso che mi resta?Seguire sul computer di mio figlio ( ah, nel frattempo ho anche messo su famiglia) pietose invettive verso chi mi ha aiutato a campare per anni mentre mi rovinavo la salute (ho 2 bypass) e cercavo di regalare al mondo una canzone che mi rappresentasse e che mi sopravvivesse, e che restasse un patrimonio per l'umanita', ma non e' successo.Sono proprio uno sfigato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            Allora: ho studiato pianoforte per dieci anni ma
            nel frattempo ho lavorato per mantenermi sia in
            vita che agli studi, perche' i miei genitori non
            erano in grado.o senti, il tuo intervento mi ha commosso, ma non e' che perche' tu ci campi io ci devo andare in galera, meglio adattare le attuali normative ai tempi correnti invece che al medio evo, o no ?se vuoi ascoltare qualche canzone che ti piace, ci riesci a comprarti i cd con quello che ti passa la siae o chiedi a tuo figlio di scaricarteli?e quelli che non hanno studiato 10 anni il piano e magari stanno in cantiere che fanno se con una famiglia si prendono anche qualche infarto?Il diritto d'autore e' stato una bella cosa per chi si e' trovato a sfruttarlo, ora non e' adeguato, e' uno zombi, sarebbe solo accanimento terapeutico a colpi di querele il tentare di tenerlo in vita.Ormai hai aperto gli occhi, lo stipendio lo prendi lo stesso, che vuoi di piu' ? e poi lo vieni a dire a gente che non prendera' la pensione e non riuscira' neanche a risparmiare qualcosa dopo mutui ventennali per la macchina e di due anni per un computer ... certo che sei stato proprio sfortunato, quasi quasi preferisco restare nei miei panni ... pero' ci devo pensare : :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            o senti, il tuo intervento mi ha commosso, ma non
            e' che perche' tu ci campi io ci devo andare in
            galera, meglio adattare le attuali normative ai
            tempi correnti invece che al medio evo, o no ?per la mia esperienza personale nessuno vuole piu' pagare la musica in nessun modo.
            se vuoi ascoltare qualche canzone che ti piace,
            ci riesci a comprarti i cd con quello che ti
            passa la siae o chiedi a tuo figlio di
            scaricarteli?mio figlio sa il culo che mi sono fatto e sa da dove viene il pane che mangia e quindi non scarica. ha un po di rispetto, perlomeno per me.
            e quelli che non hanno studiato 10 anni il piano
            e magari stanno in cantiere che fanno se con una
            famiglia si prendono anche qualche infarto?io ho fatto questa scelta per passione, ma ti garantisco che mio figlio fara' un altro mestiere, anche il cantiere e' meglio.io , ripeto, di giorno andavo a klezione e di notte andavo a suonare o consegnavo le paste col furgoncino del fornaio.
            Il diritto d'autore e' stato una bella cosa per
            chi si e' trovato a sfruttarlo, ora non e'
            adeguato, e' uno zombi, sarebbe solo accanimento
            terapeutico a colpi di querele il tentare di
            tenerlo in vita.il diritto d'autore si scontra col dovere del cittadino?
            Ormai hai aperto gli occhi, lo stipendio lo
            prendi lo stesso, che vuoi di piu' ? Non ci siamo capiti, io sto per camiare lavoro e ti garantisco che alla mia eta' non e' facile, ma una cosa la ho imparata, io che lo stipendio fisso non lo ho mai visto in tutta la vita e i mutui non me li hanno mai dati perche' non avevo lo stipendio fisso. so arrangiarmi.
            poi lo
            vieni a dire a gente che non prendera' la
            pensioneneanche io,
            e non riuscira' neanche a risparmiare
            qualcosa dopo mutui ventennali per la macchina e
            di due anni per un computer ... cCome sopra
            erto che sei
            stato proprio sfortunato, quasi quasi preferisco
            restare nei miei panni ... pero' ci devo pensare
            :
            :)Sai che quelli come me sono la maggioranza nel mondo della musica?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            per la mia esperienza personale nessuno vuole
            piu' pagare la musica in nessun modo.qua ti sbagli: ognuno vorrebbe pagare il giusto, io non compro nè in negozio nè dal marocchino. nè la scarico.mi basta la radio.una canzone non dovrebbe costare più di 10 cent.

            e quelli che non hanno studiato 10 anni il piano

            e magari stanno in cantiere che fanno se con una

            famiglia si prendono anche qualche infarto?
            io ho fatto questa scelta per passione, ma ti
            garantisco che mio figlio fara' un altro
            mestiere, anche il cantiere e' meglio.
            io , ripeto, di giorno andavo a lezione e di
            notte andavo a suonare o consegnavo le paste col
            furgoncino del fornaio.e se non ci fosse stata la siae, di certo avresti creato di più e meglio

            Il diritto d'autore e' stato una bella cosa per

            chi si e' trovato a sfruttarlo, ora non e'

            adeguato, e' uno zombi, sarebbe solo accanimento

            terapeutico a colpi di querele il tentare di

            tenerlo in vita.

            il diritto d'autore si scontra col dovere del
            cittadino?dovere di essere derubato? la tassa che pago sui cd mi darebbe il diritto di copiarci musica, ma quei pochi cd vergini che posso permettermi a causa del balzello siae li uso per scopi migliori.

            Ormai hai aperto gli occhi, lo stipendio lo

            prendi lo stesso, che vuoi di piu' ?

            Non ci siamo capiti, io sto per camiare lavoro e
            ti garantisco che alla mia eta' non e' facile, ma
            una cosa la ho imparata, io che lo stipendio
            fisso non lo ho mai visto in tutta la vita e i
            mutui non me li hanno mai dati perche' non avevo
            lo stipendio fisso. so arrangiarmi.con 10 anni di piano avresti potuto insegnare musica a scuola.
            Sai che quelli come me sono la maggioranza nel
            mondo della musica?per colpa della siae e della fimi
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            Sai che quelli come me sono la maggioranza nel
            mondo della musica?ma sai che non ti ci ha obbligato nessuno ?Pure io volevo diventare "Padrone di Mondo" ma poi ho capito che non ce la potevo fare e che dovevo ridimensionare le mieaspettative.Ti auguro di lasciarti alle spalle questo astio che ti porti dentroanche per il cuore e' meglio.Saluti
          • teddybear scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo
            per la mia esperienza personale nessuno vuole
            piu' pagare la musica in nessun modo.Nessuno? Quindi includi anche me?Mah, sai... potrei tranquillamente scaricare da internet un sacco di musica, invece preferisco comprare i CD negli States. Li pago meno della meta' (spese di spedizione comprese).A proposito, visto che difendi tanto il balzello siae, mi spieghi perche' se compro un cd di Chuck Mangione (per esempio) in italia, la SIAE vuole dei soldi? Ed a lui non va nulla?Mi speghi perche' se io suono il pianoforte un brano scritto da Chick Corea (ad esempio), la SIAE vuole dei soldi ed a lui non va nulla? Ed invece quei soldi vanno a chi ha scritto qualche altro brano? Sinceramente non mi pare molto giusto.
            io ho fatto questa scelta per passione, ma ti
            garantisco che mio figlio fara' un altro
            mestiere, anche il cantiere e' meglio.Non dirlo senza averlo provato.
            io , ripeto, di giorno andavo a klezione e di
            notte andavo a suonare o consegnavo le paste col
            furgoncino del fornaio.Io a 16 anni studiavo a scuola, al pomeriggio andavo a lavorare in un bar, ed alla sera andavamo a suonare. Suonavamo pezzi nostri e di altri, il gestore pagava sempre la siae, a noi non arrivava mai nulla. Ne dal gestore, ne dalla siae. Boh. Ci dissero che i nostri pezzi non avevano avuto abbastanza successo per entrare nelle percentuali di distribuzione. Cioe' ... io scrivo un pezzo e per suonarlo devo pagare altri che hanno avuto piu' successo?Per il resto mi spiace per la tua situazione.Tieni duro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo
            E ' questo il prezzo che la maggior parte di noi
            paga, ci siamo messi in gioco per inseguire dei
            sogni e vediamo che il nostro mondo viene mano a
            mano fatto a pezzi dalla svalutazione del valore
            della musica.
            purtroppo oggi come oggi i beni 'voluttuari ' come la musica non vendono più a causa della crisi economica ,che è trasversale a tutti i settori .la musica sarà pure cultura ,ma oggi come oggi la cultura non serve a niente , di fronte alla crisi economica . forse in un futuro (lontano) le cose cambieranno , purtroppo penso che per te sarà troppo tardi .
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani
            Allora nn vuoi la pirateria sei un autore?metti i prezzi accessibili i soldi si fanno con la quantità...Cosa numero 2 ora come ora a parte il genere metal ormai tutto il resto è fatto veramnte coi piedi cioè ma avete mai provato a sentire la musica che ci sta sotto una canzone pop house tecno o anche in alcune pank ecc ecc ma stiamo scherzando 20? per una schifezza simile basata su 2 note ripetute alla nausea e con un testo da bambino alle elementari.Il metal lo criticate tutti sarà satanico avranno delle voci orrende ma cristo sanno suonare è gente con una cultura in campo musicale
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo
            Allora nn vuoi la pirateria sei un autore?metti i
            prezzi accessibili i soldi si fanno con la
            quantità...
            Cosa numero 2 ora come ora a parte il genere
            metal ormai tutto il resto è fatto veramnte coi
            piedi cioè ma avete mai provato a sentire la
            musica che ci sta sotto una canzone pop house
            tecno o anche in alcune pank ecc ecc ma stiamo
            scherzando 20? per una schifezza simile basata su
            2 note ripetute alla nausea e con un testo da
            bambino alle elementari.
            Il metal lo criticate tutti sarà satanico avranno
            delle voci orrende ma cristo sanno suonare è
            gente con una cultura in campo musicale// i m e r d a l l a r i:D (troll4)
          • avvelenato scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo

            Scherzi, poi a 35 anni andava in pensione e poi

            doveva andare ospite da Maurizio Mosca per
            alzare

            due lire. Invece il cantante imbrocca una
            canzone

            decente, e poi fino alla fine dei tempi gli

            piovono i soldi dei diritti dentro casa, pure

            dopo che è morto. Mille volte meglio che andare
            a

            prendersi lattine in testa allo stadio.


            Allora: ho studiato pianoforte per dieci anni ma
            nel frattempo ho lavorato per mantenermi sia in
            vita che agli studi, perche' i miei genitori non
            erano in grado.

            Passione, io la chiamo, se pensate che la musica
            sia solo un hobby (come ho letto) non avete
            proprio capito una Mazza.

            per suonare bene, non strimpellare come un idiota
            che sa mettere tre accordi in fila, bisogna farsi
            un culo che nemmeno lo immaginate, la musica, per
            chi decide di viverla, e' una cosa seria, non e'
            una cosa da una botta e via...

            per viverla DEVI fartene un mestiere, perche' se
            no diventi come quelli che si fanno il culo per
            la laurea e poi vanno a fare gli spazzini (senza
            offesa alcuna).

            E invece la maggior parte delle volte e' cosi',
            siamo una razza di persone che mette in gioco la
            sua vita solo per darvi qualche emozione, alla
            fine dei conti...

            Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che
            fanno la fame, o cambiano lavoro. La selezione
            naturale nel nostro campo e' molto piu' "cattiva"
            che in ogni altro campo lavorativo.

            LA differenza e' che noi ci arrangiamo, viviamo
            la notte perche' di giorno nessuno va nei locali
            o nei piano bar dove tanti nostri colleghi
            suonano, e mentre campiamo a malapena ( l'unico
            vero vantaggio e' che si scopa facile), speriamo
            che la nostra canzoncina faccia breccia da
            qualche parte per recuperare un po della vita
            spesa in ristrettezze con un po di gloria.

            Non siamo figli di papa', se conosceste veramente
            il mondo di cui parlate capireste che e' quasi
            peggio di andare in cantiere, eccetto
            naturalmente per quei pochi che "arrivano", a
            volte durano una stagione , a volte una vita, a
            volte addirttura la loro musica diventa quasi
            eterna.

            E ' questo il prezzo che la maggior parte di noi
            paga, ci siamo messi in gioco per inseguire dei
            sogni e vediamo che il nostro mondo viene mano a
            mano fatto a pezzi dalla svalutazione del valore
            della musica.

            Ho studiato 10 anni pianoforte, ho fatto 4 anni
            di piano bar, 8 da orchestrale e sono in pista da
            quando ero adolescente.

            La musica mi ha dato da vivere, "purtroppo" senza
            mai avere sfondato, ma quei 4 soldini di siae che
            mi arrivavano ogni 6 mesi mi aiutavno a fare il
            mese-

            Adesso che sono verso la cinquantina mi trovo di
            fronte ad un futuro senza pensione, (lo sapete
            che nei locali pagano quasi sempre in nero), sono
            invecchiato con il mio amore per la musica ma la
            devo abbandonare perche' non mi da piu' da
            vivere.

            Grazie gente,
            grazie per le vostre battaglie,
            grazie per avermi aperto gli occhi,
            sono stato uno sfruttatore per tutta la vita, ho
            preso i soldi andando a suonare nei matrimoni,
            hanno pure suonato delle mie canzoncine, per un
            po,

            adesso che mi resta?

            Seguire sul computer di mio figlio ( ah, nel
            frattempo ho anche messo su famiglia) pietose
            invettive verso chi mi ha aiutato a campare per
            anni mentre mi rovinavo la salute (ho 2 bypass) e
            cercavo di regalare al mondo una canzone che mi
            rappresentasse e che mi sopravvivesse, e che
            restasse un patrimonio per l'umanita', ma non e'
            successo.

            Sono proprio uno sfigato.
            bene, meno male che te ne rendi conto, dal momento che non capisci che la presenza di un attore esclusivo nel mondo della tutela dei diritti fonografici non potrà far altro che causare alla gente come te di farti avere giusto quei quattro soldi per poter continuare a campare.quando vedo certa gente difendere la siae mi viene in mente come in alcuni paesi meridionali si sia soliti difendere la malavita, quella che sembra offrire da sola le risposte per sopravvivere. In realtà la siae (come le varie mafie) non fa altro che ostacolare la crescita e lo sviluppo di un modello nuovo nell'industria dell'entertainment dove il media non viene più collocato assieme ai prodotti di lusso, ma verrà promosso a prodotto di massa -con ovvie conseguenze sia per il prezzo sia per le tirature.se vuoi iniziare, beh, fatti fare un sito o fattelo tu stesso, schiaffaci dentro qualche tuo mp3 a qualità decente per potercisi fare un'idea, e un bel link COMPRA IL DISCO. Poi falli ascoltare in giro per il web a chi pensi possano avere gusti musicali simili.... il p2p in questo caso ti potrebbe aiutare molto.. se provi a prendere contatto con chi sta condividendo brani di autori dal genere simile al tuo, avrai maggior possibilità di successo. Ora ti dirò una cosa, però: fallo con brani nuovi o non registrati alla siae, eh! Perché altrimenti rischi di essere incriminato per pirateria! (sì, registrando i brani presso la siae le hai ceduto ogni diritto, compreso il diritto di autorizzarne la copia a chi vuoi tu)saluti.
          • The_GEZ scrive:
            Re: Scontro di Titani
            Ciao avvelenato !
            quando vedo certa gente difendere la siae mi
            viene in mente come in alcuni paesi meridionali
            si sia soliti difendere la malavita, quella cheE' questo il punto.Io posso capire che qualcuni sia contrario alla pirateria ma nessuno sano di mente e non affiliato può anche solo lontanamente essere d'accordo con la SIAE ....
            Ora ti dirò una cosa, però: fallo con brani nuovi
            o non registrati alla siae, eh! Perché altrimenti
            rischi di essere incriminato per pirateria! (sì,
            registrando i brani presso la siae le hai ceduto
            ogni diritto, compreso il diritto di autorizzarne
            la copia a chi vuoi tu)Andate a rivedere la puntata di REPORT !!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            Guarda che difendere la SIAE non ti migliora la vita. Né la SIAE migliora la tua vita di artista.
            per suonare bene, non strimpellare come un idiota
            che sa mettere tre accordi in fila, bisogna farsi
            un culo che nemmeno lo immaginate, la musica, per
            chi decide di viverla, e' una cosa seria, non e'
            una cosa da una botta e via...La SIAE difende i diritti d'AUTORE. Che tu sappia suonare o meno non cambia niente.
            Adesso che sono verso la cinquantina mi trovo di
            fronte ad un futuro senza pensione, (lo sapete
            che nei locali pagano quasi sempre in nero), sono
            invecchiato con il mio amore per la musica ma la
            devo abbandonare perche' non mi da piu' da
            vivere.E sai perchè pagano in nero? Anche (ma non solo) perchè facendo tutto in regola per ogni serata che fai dovrebbero pagare, oltre a te, pure la SIAE. Così risulta che tu non suoni mai e non ti becchi una lira di ENPALS (che poi sarebbe la tua pensione). Bell'affare eh?
            Grazie gente,
            grazie per le vostre battaglie,
            grazie per avermi aperto gli occhi,
            sono stato uno sfruttatore per tutta la vitaNo, sei stato uno sfruttato, anche da quelli che difendi.
            Sono proprio uno sfigato.Mah, mi sembra un finale un po' ad effetto. Potrei scriverci un libro ma non credere di essere l'unico deluso dalla vita.
          • Anonimo scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            http://www.report.rai.it/servizio.asp?s=82Buonasera, la Siae, cos'e' la siae? E' un ente pubblico a gestione privata che si occupa di incassare e ripartire i diritti d'autore, che non c'entrano niente con la birra i supermarket o il bigliardo, ma c'entrano nel momento in cui in questi luoghi c'è una radio o un altoparlante che diffonde musica o un televisore, perché il gestore di questi luoghi paga alla siae una tassa, che poi probabilmente scarica nei prodotti in vendita. Ma prima di capire come vengono ripartiti questi soldi e a chi vanno, vediamo di capire cos'è la legge antiparateria varata l'anno scorso, ovvero la legge che punisce tutti coloro che vendono prodotti non originali, senza il bollino, ma anche coloro che copiano cioe' che masterizzano. ................................
          • chef scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            - Scritto da: Anonimo
            http://www.report.rai.it/servizio.asp?s=82

            Buonasera, la Siae, cos'e' la siae? E' un ente
            pubblico a gestione privata che si occupa di
            incassare e ripartire i diritti d'autore, che non
            c'entrano niente con la birra i supermarket o il
            bigliardo, ma c'entrano nel momento in cui in
            questi luoghi c'è una radio o un altoparlante che
            diffonde musica o un televisore, perché il
            gestore di questi luoghi paga alla siae una
            tassa, che poi probabilmente scarica nei prodotti
            in vendita.Non solo. Se sanno che alla "festa" vendi anche bibite, vogliono una quota dei ricavi !!!Perche' non accade invece l'opposto ? Ovvero se la coca-cola viene a sapere che ad una festa si suona la musica chiede dei soldi alla SIAE.
          • The_GEZ scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            Ciao chef !
            Non solo. Se sanno che alla "festa" vendi anche
            bibite, vogliono una quota dei ricavi !!!Perchè detengono i diritti sull' ubriachezza molesta !
            Perche' non accade invece l'opposto ? Ovvero se
            la coca-cola viene a sapere che ad una festa si
            suona la musica chiede dei soldi alla SIAE.NON DARGLI DELLE IDEE !!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            - Scritto da: Anonimo
            E sai perchè pagano in nero? Anche (ma non solo)
            perchè facendo tutto in regola per ogni serata
            che fai dovrebbero pagare, oltre a te, pure la
            SIAE. Così risulta che tu non suoni mai e non ti
            becchi una lira di ENPALS (che poi sarebbe la tua
            pensione). Bell'affare eh?Lo penso anche io. Non solo. Credo che la SIAE venisse comunque pagata perche' gli ispettori girano ed un locale col pianobar non puo' non pagare regolarmente la SIAE (magari con un forfait a periodi), lo beccherebbero subito.Quindi i soldi che il gestore non dava al musicista andavano alla SIAE che poi ne girava una piccola fetta allo sfigato musicista, tenendosi il grosso del malloppo.Ed ora ha troppi soldi, troppo potere, troppe persone che non rinunceranno mai alle loro rendite di posizione.Ci vuole una rivoluzione e la rivoluzione e' l'era digitale, che vogliono controllare con leggi medievali.
          • Anonimo scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            la siae bell'affareun ristorante che a capodanno chiamava qualcuno per fare uno spettacolo con musicae' arrivato babbo natale anzi la siae che invece di portare chiede......... chiede soldi per ascoltare, per ballare la musica che si ascolta mmmmmmmmm ecc risultato il gioco non ne vale piu la candelaa capodanno non c'e' piu spettacolola siae non prende i soldic'e' meno lavoro per che poteva ragrennallare qualcosa cantando qualcosa a natalewow che guadagnoarriveranno prima o poi a multarmi perche fischietto una musichetta protetta dai diritti d'autorepoi chi dice che se scarico rubo???????se prima non compravo.... dato che i soldi non bastano maiora se scarico almeno SO' cosa mi perdose non scarico non torno di certo a comprare dite pure che ruboma se i prezzi fossero come quelli dei marocchiniloro non ci sarebbero e noi saremmo piu felici
          • Anonimo scrive:
            Re: musicista, la siae non ti difende...
            a dimenticavomeglio non vendere a 20 euro una cd e dire che per colpa di qualcosa nessuno compra che abbassare a 5 euro i prezzi e vendere 10 volte di piumeglio avere piu soldi e meno lavoro che meno soldi e piu lavoro per gli altri
          • ChiL8 scrive:
            Re: Scontro di Titani

            La musica mi ha dato da vivere, "purtroppo" senza
            mai avere sfondato, ma quei 4 soldini di siae che
            mi arrivavano ogni 6 mesi mi aiutavno a fare il
            mese-

            Adesso che sono verso la cinquantina mi trovo di
            fronte ad un futuro senza pensione, (lo sapete
            che nei locali pagano quasi sempre in nero), sono
            invecchiato con il mio amore per la musica ma la
            devo abbandonare perche' non mi da piu' da
            vivere.toccante e commovente quanto entrare in un negozio, vedere un cd (magari ti piace anke) con 13 canzonette a 30? ed uscire dal negozio perchè non te lo puoi permettere, perchè ti brontola lo stomaco ed anche un panino ha il suo peso nella giornata tipo di uno studente che entra in classe con le borse sotto gli occhi dopo aver fatto le 3 a servire birre in un pub con la speranza che quel panino diventi un giorno una buona aragosta.sentire berlusca che dice di combattere per avere prezzi più bassi......... ok caro presidente operaio combatto scaricandomi tutta la musica che mi piace..... ma non te la prendere a male caro amico musicista... anchio sono uno sfigato.
          • gerry scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo
            per suonare bene, non strimpellare come un idiota
            che sa mettere tre accordi in fila, bisogna farsi
            un culo che nemmeno lo immaginate, la musica, per
            chi decide di viverla, e' una cosa seria, non e'
            una cosa da una botta e via...Ed invece io sono uno che strimpella.Non penso che sia un tuo diritto impedirmelo, ne penso che sia giusto che la tua visione della musica debba essere universale.Io con le cose che strimpello non ci voglio campare, non ci devo fare un mutuo e non pretendo di farci dei soldi.E' possibile avere un sistema flessibile che tuteli sia me che te oppure ritieni di essere l'unico meritevole di protezione?==================================Modificato dall'autore il 10/05/2005 11.15.44
          • The_GEZ scrive:
            Re: Scontro di Titani
            Ciao gerry !
            E' possibile avere un sistema flessibile che
            tuteli sia me che te oppure ritieni di essere
            l'unico meritevole di protezione?In teoria si, nel senso che bastrebbe una legislazione che non preveda in modo specifico un unico ente (SIAE) a cui rivolgersi obbligatoriamente, ma spemplicemente specifichi le procedure con cui si "protegge" un'opera, lascindo poi al suo autore le modalità di applicazione.Certo, con questo sistema un sacco di gente non potrebbermo mangiare sulle spalle degli altri ed un autore guadagnerebbe su quello che fa e potrebbe anche decidere COME guadagnare ... già sai che però queste cose tendono a trovare strane "resistenze" ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            successo.

            Sono proprio uno sfigato.
            no sei uno che racconta 'palle' con amenita'magari pagato da qualcuno della siae...usa un tono piu' credibile la prossimavolta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scontro di Titani


        chiedere soldi a due sposini che al loro

        banchetto nuziale chiamano un tizio per

        strimpellare due stronzate di canzoni popolari,

        soldi che poi finiscono in tasca a chissà chi.
        Di solito a chi quelle canzoni le ha scritte, ...non su questo pianeta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scontro di Titani

        per me masterizzarsi musica che non hai comprato
        e' rubare.
        e non

        speculano su di un disco di plastica che non

        costa un cazzo produrlo.

        Questa e' la piu' grossa idiozia che dici. ma lo
        sai quanto cazzo costa fare un disco? non
        confondere la stampa della plastica con tutto il
        resto.
        Ma te leggi bene prima di aprire il forno ? o ti fai prendere dalle convulsioni e scrivi fesserie senza pensarci ....
      • gerry scrive:
        Re: Scontro di Titani
        - Scritto da: Anonimo
        La SIAE con la cultura centra poco, serve solo a
        raccogliere i soldi derivanti dall'uso di opere
        dell'ingeno (es. musica) e a darli a chi di
        dovereIl problema è uno solo. Se io non voglio delegare questo compito alla SIAE, sono costretto a farlo lo stesso per legge.Se non sono iscritto alla SIAE, e faccio un concertino con canzoni scritte da me, la SIAE ha sempre diritto di chiedermi dei soldi.Alcuni vedono questa cosa come leggermente vessatoria. Anche se (forse) necessaria.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scontro di Titani
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Da una parte la SIAE, ovvero "come un privato ti

        guadagna soldi a palate non facendo un beneamato

        niente dalla mattina alla sera"

        Questo lo dici tu, prova a vivere avendo studiato
        10 anni di pianoforte...

        , dall'altra parte

        la FIMI, un'altra bella combriccola di

        galantuomini.

        E qui ci siamo: questi rappresentano solo le
        MULTINAZIONALI, non i piccoli editori e
        produttori, e sono ANNI che cercano lo scontro
        per farsi la loro SIAE in casa cosi' dopo ai
        piccoli non resta piu' una lira e il monopolio
        diventa REALE



        Certo che c'è da ridere, prima si davano
        manforte

        tacitamente,

        Sopportazione reciproca, si chiama.

        adesso si danno addosso perchè

        vogliono mangiare più fette di quell'indigesta

        torta chiamata diritti d'autore.

        Sara' indigesta per te, che pensi che chi fa
        musica debba morire di fame.

        Una torta che

        gli permette di chiedere soldi a chi fa

        festicciole musicali in casa, e gli permette di

        chiedere soldi a due sposini che al loro

        banchetto nuziale chiamano un tizio per

        strimpellare due stronzate di canzoni popolari,

        soldi che poi finiscono in tasca a chissà chi.

        Di solito a chi quelle canzoni le ha scritte, ma
        ci sono effettivamente delle esagerazioni.



        Io spero che facciano indigestione tutti e due,
        e

        speriamo che prima o poi qualcuno faccia saltare

        questa ennesima storia di furto legalizzato

        all'italiana, che tutto fa tranne promuovere la

        cultura in Italia

        La SIAE con la cultura centra poco, serve solo a
        raccogliere i soldi derivanti dall'uso di opere
        dell'ingeno (es. musica) e a darli a chi di
        dovere

        . Togliere il 20% d'iva ed i

        balzelli del cazzo della SIAE dai dischi no eh?

        la siae su un disco da 20 euro sara' si e no un
        euro. il grano se lo ciuccia lo stato con l'IVA e
        i discografici (FIMI)



        Berlusconi ha detto che se la gente trova che i

        prezzi siano alti, allora la suddetta gente deve

        rivolgersi al materiale che costa meno. DOVE

        BERLUSCO', DOVE!!! Qui i prezzi dei supporti

        digitali sono sempre quelli, non li abbassate,

        quindi a chi dobbiamo rivolgerci? Ok, compriamo

        in germania, da nierle.de e simili, però poi non

        rompete i coglioni con la storia che dobbiamo
        far

        girare l'economia, e non rompete con la

        pubblicità FIAT che "quando compriamo dai

        tedeschi, i tedeschi ringraziano".


        Siamo NOI che

        li ringraziamo, almeno loro non rubano

        per me masterizzarsi musica che non hai comprato
        e' rubare.
        e non

        speculano su di un disco di plastica che non

        costa un cazzo produrlo.

        Questa e' la piu' grossa idiozia che dici. ma lo
        sai quanto cazzo costa fare un disco? non
        confondere la stampa della plastica con tutto il
        resto.
        Vedi il tuo discorso potrebbe essere corretto se nn ci fossero dei ma.....1) ma xkè un ente che protegge il diritto d'autore tassa un supporto vuoto ke di certo nn ha in se nulla x meritarsi la protezione?2) ma xkè se scarico un mp3 devo andare in galera quando gi a pago una tassa contro la pirateria?( e la pago su cd,dvd,hdd,masterizzatori, ma anke flashrom delle macchine fotografiche digitali(ma ke cazzo c'entrano???))3) ma xkè i proventi ke la siae si prende dalle discoteche vanno al genere musicale del liscio?? nn c'entra nulla che il boss della siae adora questo genere vero??4) ma xkè se a un concerto, io cantante sfinito dopo una esibizione scrivo male sul foglio di carta il nome di una mia canzone allora x quella canzone nn vado retribuito? ho milioni di testimoni ke sanno ke l'ho cantata ma questo nn importa....mi sa ke a rubare è la Siae.....mi dispiace ke a te dian 4 soldi,magari sei anke bravino,ma dovresti kiederti appunto xkè ne hai 4 e nn di piu....
        • Anonimo scrive:
          Re: Scontro di Titani

          1) ma xkè un ente che protegge il diritto
          d'autore tassa un supporto vuoto ke di certo nn
          ha in se nulla x meritarsi la protezione?perche' la maggior parte di quelli che comprano CD vuoti lo fanno per masterizzarsi musica scaricata da internet.E' ingiusto? Certo, pero' in italia "chi peccora si fa lupo lo mangia"

          2) ma xkè se scarico un mp3 devo andare in galera
          quando gi a pago una tassa contro la pirateria?(
          e la pago su cd,dvd,hdd,masterizzatori, ma anke
          flashrom delle macchine fotografiche digitali(ma
          ke cazzo c'entrano???))per lo stesso motivo.
          3) ma xkè i proventi ke la siae si prende dalle
          discoteche vanno al genere musicale del liscio??
          nn c'entra nulla che il boss della siae adora
          questo genere vero??non e' vero un c...zzo, il liscio prende i suoi soldi, e la discoteca i suoi anzi , l'incasso SIAE della serata viene diviso per il numero dei brani eseguiti e a ciascun brano viene assegnata la sua quota di denaro.leggiti le ordinanze di ripartizione della SIAE, prima di andare per luoghi comuni

          4) ma xkè se a un concerto, io cantante sfinito
          dopo una esibizione scrivo male sul foglio di
          carta il nome di una mia canzone allora x quella
          canzone nn vado retribuito? ho milioni di
          testimoni ke sanno ke l'ho cantata ma questo nn
          importa....perche' la siae , per la percentuale che si tiene, contabilizza e legge MILIONI di bollettini all'anno e l'errore ci scappa.se hai dei testimoni puoi fare ricorso e loro controllano e ti danno i tuoi soldi.

          mi sa ke a rubare è la Siae.....ma a chi...

          mi dispiace ke a te dian 4 soldi,magari sei anke
          bravino,ma dovresti kiederti appunto xkè ne hai 4
          e nn di piu....perche' e' questione di KULO.ma se non giochi non vinci...
          • TPK scrive:
            Re: Scontro di Titani
            - Scritto da: Anonimo

            1) ma xkè un ente che protegge il diritto

            d'autore tassa un supporto vuoto ke di certo nn

            ha in se nulla x meritarsi la protezione?

            perche' la maggior parte di quelli che comprano
            CD vuoti lo fanno per masterizzarsi musica
            scaricata da internet.

            E' ingiusto?

            Certo, pero' in italia "chi peccora si fa lupo lo
            mangia"




            2) ma xkè se scarico un mp3 devo andare in
            galera

            quando gi a pago una tassa contro la pirateria?(

            e la pago su cd,dvd,hdd,masterizzatori, ma anke

            flashrom delle macchine fotografiche digitali(ma

            ke cazzo c'entrano???))

            per lo stesso motivo.


            3) ma xkè i proventi ke la siae si prende dalle

            discoteche vanno al genere musicale del liscio??

            nn c'entra nulla che il boss della siae adora

            questo genere vero??

            non e' vero un c...zzo, il liscio prende i suoi
            soldi, e la discoteca i suoi anzi , l'incasso
            SIAE della serata viene diviso per il numero dei
            brani eseguiti e a ciascun brano viene assegnata
            la sua quota di denaro.
            leggiti le ordinanze di ripartizione della SIAE,
            prima di andare per luoghi comuni




            4) ma xkè se a un concerto, io cantante sfinito

            dopo una esibizione scrivo male sul foglio di

            carta il nome di una mia canzone allora x quella

            canzone nn vado retribuito? ho milioni di

            testimoni ke sanno ke l'ho cantata ma questo nn

            importa....

            perche' la siae , per la percentuale che si
            tiene, contabilizza e legge MILIONI di bollettini
            all'anno e l'errore ci scappa.
            se hai dei testimoni puoi fare ricorso e loro
            controllano e ti danno i tuoi soldi.



            mi sa ke a rubare è la Siae.....

            ma a chi...




            mi dispiace ke a te dian 4 soldi,magari sei anke

            bravino,ma dovresti kiederti appunto xkè ne hai
            4

            e nn di piu....

            perche' e' questione di KULO.

            ma se non giochi non vinci...Cosi' informato non puoi che essere della SIAE...Sei lo stesso che ha visto le interviste di Report mentre venivano registrate?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani

            Cosi' informato non puoi che essere della SIAE...
            Sei lo stesso che ha visto le interviste di
            Report mentre venivano registrate?si sono io ma non sono un dipendente SIAE, sono uno iscritto che paga la sua tassa annua alla SIAE per farsi tutelare le opere depositate e sono informato perche' pure io ho dovuto risolvermi da solo dei problemi quando non mi pagavano quello che dovevo avere.sono informato, e parecchio mio malgrado, visto che a volte ho perso molto tempo per capire certe cose.per quanto riguarda l'intervista a REPORT ero li' per caso da un editore per vedere di piazzare dlle mie canzoni e mi sono sorbito tutta la manfrina.non chiedermi chi e dove perche' non te lo dico, anche se non vengoripreso ero li' e non mi voglio sputtanare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scontro di Titani
            -
            perche' la maggior parte di quelli che comprano
            CD vuoti lo fanno per masterizzarsi musica
            scaricata da internet.
            Che non è un reato.



            2) ma xkè se scarico un mp3 devo andare in
            galera

            quando gi a pago una tassa contro la pirateria?(

            e la pago su cd,dvd,hdd,masterizzatori, ma anke

            flashrom delle macchine fotografiche digitali(ma

            ke cazzo c'entrano???))

            per lo stesso motivo.che continua a non essere un reato.
            non e' vero un c...zzo, il liscio prende i suoi
            soldi, e la discoteca i suoi anzi , l'incasso
            SIAE della serata viene diviso per il numero dei
            brani eseguiti e a ciascun brano viene assegnata
            la sua quota di denaro.
            leggiti le ordinanze di ripartizione della SIAE,
            prima di andare per luoghi comuniche non è vero, in discoteca e solo in discoteca, o se preferisci, nel "ballo con mezzo meccanico" la ripartizione avviene a campione 50% ai brani che rientrano nel campione, il resto alla classifica e liscio. e' scritto proprio sulla vostra delibera sindacale. Perchè dici cose non vere?
            perche' la siae , per la percentuale che si
            tiene, contabilizza e legge MILIONI di bollettini
            all'anno e l'errore ci scappa.
            se hai dei testimoni puoi fare ricorso e loro
            controllano e ti danno i tuoi soldi.

            che è il suo lavoro mica glielo ha ordinato il medico.il resto è comico.
  • Anonimo scrive:
    Grottesco..
    Ma alla fine si sa come finirà, probabilmente un bel cartello aggiusterà tutto.
  • Anonimo scrive:
    A cosa serve la SIAE?
    Scopo della SIAE è proteggere un opera. Il cantante va lì e deposita la sua opera. Poi lo stesso cantante va dalla major e gli dà il CD. Il cantante fa 2 passaggi, entrambi costano. Ma a che scopo? Non potrebbe occuparsene direttamente la major? O meglio ancora, non potrebbe occuparsene un notaio? Un notaio quanto può costare per una cosa del genere? 1000, 2000, 3000 euro? Una inezia rispetto al costo della SIAE. Ed un cantante già avviato non potrebbe autoprodursi? Saltando SIAE e Major il prezzo del CD può più che dimezzarsi. Un CD potrebbe essere venduto a meno di 10 euro, 10 euro che andrebbero direttamente al cantante e al negoziante. Se ben avviata una cosa del genere può davvero rilanciare la musica. Senza le major e le siae potrebbero nascere nuove realtà, gente che si autofinanzia o privati che finanziano gruppi. Maggiore concorrenza, maggiore libertà dell'artista che può decidere di andare da chiunque, maggiore vantaggio per il cliente che potrebbe avere un prodotto a prezzo migliore.Nella mia logica funziona. Sto dicendo eresie?
    • Anonimo scrive:
      Re: A cosa serve la SIAE?
      No, la SIAE non protegge opere inedite.Le deposita e basta.Le mette in un cassetto e le lascia li.Un po' come chiunque potrebbe fare a casa senza spendere nulla oltre al costo di un fracobollo.Provate a registrare un'opera inedita e leggete attentamente le clausole nell'attestato che ricevete in cambio, e vedrete a quanto poco serva la SIAE.Solo a rubare quattrini, esclusivamente a quello.E alla luce del sole.
      • Anonimo scrive:
        Re: A cosa serve la SIAE?
        Quanto e' brutta l'ignoranza...Il costo di un deposito di una canzone alla SIAE (e lo fa il compositore, non il cantante) e' quello di una raccomandata con ricevuta di ritorno.Nel caso di una controversia sulla paternita' dell'opera fa fede la data del deposito.poi la SIAE incassa denaro qundo l'opera viene utilizzata e lo distribuisce agli autori e compositori tolta la sua percentuale (oggi e' circa il 18%)la pecentuale della SIAE su un disco da 20 euro e' di circa un euro (1 euro)non mi sembra che sia eccessiva visto che chi ha composto la canzone becca solo quei soldi li' dalla vendita del disco.quello che becca il cantante e' un'altra cosa.
        • Anonimo scrive:
          Re: A cosa serve la SIAE?
          - Scritto da: Anonimo
          Quanto e' brutta l'ignoranza...

          Il costo di un deposito di una canzone alla SIAE
          (e lo fa il compositore, non il cantante) e'
          quello di una raccomandata con ricevuta di
          ritorno.No, ai tempi in cui ho provato a depositare un'opera presso la sezioen OLAF della SIA, costava 160.000 lire. Poi aumentate a 200.000.Vuoi provare?Ah, a proposito: per il deposito di un'opera letteraria inedita ti chiederanno se hai pubblicato qualcosa in precedenza. Non so se lo ritengano necessario, ma me lo chiesero. Per il mio caso era vero.
          • Anonimo scrive:
            Re: A cosa serve la SIAE?

            No, ai tempi in cui ho provato a depositare
            un'opera presso la sezioen OLAF della SIA,
            costava 160.000 lire. Poi aumentate a 200.000.si , ma per un opera letteraria, non musicale.visto che qui si parla solo di muscia...

            Vuoi provare?gia provato a suo tempo
            Ah, a proposito: per il deposito di un'opera
            letteraria inedita ti chiederanno se hai
            pubblicato qualcosa in precedenza. Non so se lo
            ritengano necessario, ma me lo chiesero. Per il
            mio caso era vero.
          • Anonimo scrive:
            Re: A cosa serve la SIAE?
            - Scritto da: Anonimo

            No, ai tempi in cui ho provato a depositare

            un'opera presso la sezioen OLAF della SIA,

            costava 160.000 lire. Poi aumentate a 200.000.

            si , ma per un opera letteraria, non musicale.
            visto che qui si parla solo di muscia...Ah, capisco.In effetti non sono un compositore e non ho mai provato a depositare uno spartito (oddio, neanche uno scrittore inteso come professionista, a ogni modo), ma resta il fatto che sulle opere letterarie la cosa assomiglia a un furto.
        • EffeElle scrive:
          Re: A cosa serve la SIAE?

          quello che becca il cantante e' un'altra cosa.Infatti, un'inezia in confronto a quello che prende la casa discografica.
        • The_GEZ scrive:
          Re: A cosa serve la SIAE?
          Ciao Anonimo !
          Quanto e' brutta l'ignoranza...Già, quindi prima di parlare informati :http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=82
          la pecentuale della SIAE su un disco da 20 euro
          e' di circa un euro (1 euro)Ovvero il 5% se ti sembra poco ...E questa è solo una INFINITESIMA parte delle entrate della SIAE.Sono solo dei mafiosi ladri ecco quello che sono, senza se e senza ma !!!!Rubano alla BENEFICIENZA !!!! ALLA BENEFICIENZA !!!!!!
    • Morpheus255 scrive:
      Re: A cosa serve la SIAE?
      - Scritto da: Anonimo
      Scopo della SIAE è proteggere un opera. Il
      cantante va lì e deposita la sua opera. Poi lo
      stesso cantante va dalla major e gli dà il CD. Il
      cantante fa 2 passaggi, entrambi costano. Ma a
      che scopo?
      Non potrebbe occuparsene direttamente la major? O
      meglio ancora, non potrebbe occuparsene un
      notaio?
      Un notaio quanto può costare per una cosa del
      genere? 1000, 2000, 3000 euro? Una inezia
      rispetto al costo della SIAE. Ed un cantante già
      avviato non potrebbe autoprodursi? Saltando SIAE
      e Major il prezzo del CD può più che dimezzarsi.
      Un CD potrebbe essere venduto a meno di 10 euro,
      10 euro che andrebbero direttamente al cantante e
      al negoziante. Se ben avviata una cosa del genere
      può davvero rilanciare la musica. Senza le major
      e le siae potrebbero nascere nuove realtà, gente
      che si autofinanzia o privati che finanziano
      gruppi. Maggiore concorrenza, maggiore libertà
      dell'artista che può decidere di andare da
      chiunque, maggiore vantaggio per il cliente che
      potrebbe avere un prodotto a prezzo migliore.
      Nella mia logica funziona. Sto dicendo eresie?Secondo me, si le stai dicendo :)L'art 180 che il Mazza vorrebbe cassare non serve a quello ma regola i diritti (e quindi anche i CONNESSI) che nascono dalle attività descritte nell'articolo per le quali la SIAE detiene (giustamente secondo me) l'esclusività di gestione.massimo
      • ChiL8 scrive:
        Re: A cosa serve la SIAE?


        Scopo della SIAE è proteggere un opera. Il

        cantante va lì e deposita la sua opera. Poi lo

        stesso cantante va dalla major e gli dà il CD.
        Il

        cantante fa 2 passaggi, entrambi costano. Ma a

        che scopo?

        Non potrebbe occuparsene direttamente la major?
        O

        meglio ancora, non potrebbe occuparsene un

        notaio?

        Un notaio quanto può costare per una cosa del

        genere? 1000, 2000, 3000 euro? Una inezia

        rispetto al costo della SIAE. Ed un cantante già

        avviato non potrebbe autoprodursi? Saltando SIAE

        e Major il prezzo del CD può più che
        dimezzarsi.

        Un CD potrebbe essere venduto a meno di 10 euro,

        10 euro che andrebbero direttamente al cantante
        e

        al negoziante. Se ben avviata una cosa del
        genere

        può davvero rilanciare la musica. Senza le major

        e le siae potrebbero nascere nuove realtà, gente

        che si autofinanzia o privati che finanziano

        gruppi. Maggiore concorrenza, maggiore libertà

        dell'artista che può decidere di andare da

        chiunque, maggiore vantaggio per il cliente che

        potrebbe avere un prodotto a prezzo migliore.

        Nella mia logica funziona. Sto dicendo eresie?il piccolo finanziatore sarà inglobato dal grande che farà la fusione con un altro grande concorrente nascerà cosi la EAIS... e tornarà tutto come adesso con il popolo piegato a 90° :(
    • Anonimo scrive:
      Re: A cosa serve la SIAE?
      - Scritto da: Anonimo
      Scopo della SIAE è proteggere un opera. Il
      cantante va lì e deposita la sua opera. Poi lo
      stesso cantante va dalla major e gli dà il CD. Il
      cantante fa 2 passaggi, entrambi costano. Ma a
      che scopo?
      Non potrebbe occuparsene direttamente la major? O
      meglio ancora, non potrebbe occuparsene un
      notaio?
      Un notaio quanto può costare per una cosa del
      genere? 1000, 2000, 3000 euro? Una inezia
      rispetto al costo della SIAE. Ed un cantante già
      avviato non potrebbe autoprodursi? Saltando SIAE
      e Major il prezzo del CD può più che dimezzarsi.
      Un CD potrebbe essere venduto a meno di 10 euro,
      10 euro che andrebbero direttamente al cantante e
      al negoziante. Se ben avviata una cosa del genere
      può davvero rilanciare la musica. Senza le major
      e le siae potrebbero nascere nuove realtà, gente
      che si autofinanzia o privati che finanziano
      gruppi. Maggiore concorrenza, maggiore libertà
      dell'artista che può decidere di andare da
      chiunque, maggiore vantaggio per il cliente che
      potrebbe avere un prodotto a prezzo migliore.
      Nella mia logica funziona. Sto dicendo eresie?
      è tutto un magnamagna, la siae non morirà mai e lucra sui cantanti, noi pirateremo sempre, il cantante non becca una lira e tutti vissero felici e contenti.
    • gerry scrive:
      Re: A cosa serve la SIAE?
      - Scritto da: Anonimo
      Scopo della SIAE è proteggere un opera.Non solo. La SIAE dovrebbe raccogliere anche i soldi per i diritti delle opere e redistribuirli agli autori.Esempio. Tu componi una canzone. Un gruppo, in una loro serata, esegue una cover di questa canzone. La dichiara nel documento SIAE. La SIAE destina una parte dei proventi che le derivano da quella serata (le tasse pagate alla SIAE per quella serata) a tuo compenso.Se non sei iscritto alla SIAE, ciccia. Le tasse vanno pagate lo stesso e i soldi finiranno a qualcun'altro.
  • Anonimo scrive:
    Aggrappattevi alla sedia!
    Aggrappattevi alla sedia, fino a che la rivoluzione digitale non vi soffiera' tutti questi iniqui guadagni facili!
    • Anonimo scrive:
      Re: Aggrappattevi alla sedia!
      La pagnottella non basta più a tutti e due, eh !
    • HotEngine scrive:
      Re: Aggrappattevi alla sedia!
      .............-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 giugno 2006 22.47-----------------------------------------------------------
  • TPK scrive:
    Dove siamo arrivati!
    Quando ci si trova a dar ragione a Mazza, vuole veramente dire che viviamo in un mondo malato!
    • The_GEZ scrive:
      Re: Dove siamo arrivati!
      Ciao TPK !
      Quando ci si trova a dar ragione a Mazza, vuole
      veramente dire che viviamo in un mondo malato! Enzo Mazza, direttore generale di FIMI, aveva chiesto nei giorni scorsi che il Parlamento mettesse mano all'articolo 180 della normativa sul diritto d'autore, articolo che in sostanza affida alla SIAE la gestione in esclusiva dei corrispondenti diritti. In questo sono d'accordo, e l' intervento che propongo è ....CESTNARE TUTTO !!!!!:@ !!!!!!!!!!!!!!Fa pena solo sentirli bambini che piangonoiocattolo è più bello e lo voglio perchè il suo giocattolo è più bello e lo voglio pure io.Il problema è che il gicatttolo sono milioni di euro di soldi che in genere sono nostri ... tranne ovviamente quando vanno a rubare i soldi dati per beneficienza ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Dove siamo arrivati!
        Attenzione, alla Siae i ladri italiani, alla Fimi i ladri delle multinazionali:si passa dalla padella alla brace.
Chiudi i commenti