Australia, fuori dalla rete chi scarica abusivamente

Ci lavora l'industria dei contenuti che ai provider lancia la sua ultima idea: tre avvertimenti scritti per gli utenti che abusano, alla quarta violazione blocco dell'accesso ad Internet

Roma – Perché sprecare tempo e soldi in costose diatribe legali quando un software può in automatico individuare sulle reti del peer-to-peer gli IP degli utenti che condividono opere protette dal diritto d’autore e spifferare il tutto ai provider Internet con cui quegli utenti si collegano?

Questa la domanda a cui la Australian Recording Industry Association (ARIA) si è ispirata per la sua ultima proposta ai fornitori di accesso australiano. Il giochino prevede che l’industria dei contenuti, individuato un utente “abusivo” nelle reti di sharing, contatti il suo provider; questi, preso atto dell’abuso, dovrà inviare al proprio utente una diffida per iscritto. Alla quarta violazione l’ISP si dovrebbe impegnate a chiudere l’account dei propri clienti incalliti scambiatori di file.

“Noi – sostiene un dirigente dell’industria – possiamo riferire ai provider l’ora e il giorno in cui un utente si è macchiato di una condotta abusiva, e quale canzone sia stata scaricata”.

Il giochino è un sogno coltivato da lungo tempo dalle major in molti paesi, non certo solo in Australia, però in quel paese le chance di trovare collaborazione nei provider sono maggiori. Ciò si deve di fatto ad un’attività di lobbying sui provider che va avanti ormai da molti mesi e soprattutto ad un “clima” attorno al P2P assai diverso a quello di altri paesi. In Australia è stato fermato Kazaa , in Australia le major godono di particolari diritti di indagine e, proprio in Australia, chi pubblica consapevolmente link a materiale pirata compie un reato .

Music Industry Piracy Investigations (MIPI) , il braccio antipirateria di ARIA, fa comunque sapere che alla proposta formalizzata nei giorni scorsi ai provider non è ancora giunta una risposta ufficiale.

Di interesse segnalare come l’ultima mobilitazione dell’industria nel paese dei canguri arrivi contestualmente alla pubblicazione dei nuovi risultati della distribuzione tradizionale di musica che, contrariamente a quello che succede nella maggiorparte dei paesi più ricchi , è un mercato, compreso quello dei CD, che continua a crescere .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rex1997 scrive:
    Che futuro...
    ci aspetta!Da una parte leggo dell'integrazione della rete spazialehttp://punto-informatico.it/p.aspx?id=1957617&r=PIqui si legge di robot guerrieri e delle regole che devono seguire...Mi sa che il " paradiso " prospettato dalla serie Terminator sia più realistico del dovuto.
  • Anonimo scrive:
    Le vere leggi della robotica
    Saranno queste:1) Un robot non farà del male al personale autorizzato, ma distruggerà i suoi obiettivi umani con estrema violenza.2) Un robot ubbidirà agli ordini dati dal personale autorizzato, a meno che questi ordini non vadano in conflitto con la legge numero 3.3) Un robot proteggerà la propria esistenza con armi di ogni tipo, perchè un robot costa un sacco di soldi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le vere leggi della robotica
      beh a questo punto sono meglio le leggi di Tilden e cioè che un robot deve a tutti i costi sopravvivere, appropriandosi del maggior numero di risorse possibili e distruggendo qualsiasi ostacolo si frapponga tra lui e l'obiettivo succitatoinchiniamoci ai nostri futuri dominatori meccanici :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Le vere leggi della robotica

        inchiniamoci ai nostri futuri dominatori
        meccanici
        :DJohn Connor ci salverà.
      • Funz scrive:
        Re: Le vere leggi della robotica


        inchiniamoci ai nostri futuri dominatori
        meccanici I, for one, welcome our new robotic overlords :Dhttp://www.catb.org/esr/jargon/html/I/I-for-one-welcome-our-new-X-overlords.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Le vere leggi della robotica
      BRAVO.....centrato il vero centro della questione....i soldi!!!!Pultroppo devo dire che ritengo tu abbia tragicamente ragione.
  • Anonimo scrive:
    Che vi stupite?
    Scusate, da un paese dove usano parole come "portare la democrazia e la pace " quando si invade e bombarda a tappeto nazioni, cosa ci si poteva aspettare ? :
    • Anonimo scrive:
      Re: Che vi stupite?
      - Scritto da:
      Scusate, da un paese dove usano parole come
      "portare la democrazia e la pace " quando si
      invade e bombarda a tappeto nazioni, cosa ci si
      poteva aspettare ?

      :Veramente ogni paese che muove guerra ad un altro si esprime con cose tipo "combattere per la pace" "eradicare il male" "uccidere i nemici crudeli" "l'ordine mondiale" ecc.Lo fanno tutti, quando muovono guerra, anche gli italiani quando sono andati in Africa ad ammazzare eritrei e libici hanno detto che andavano a portare civilita' agli ottentoti.Da chi non conosce la storia, che commenti si possono aspettare? Sciocchezze.
      • alexmario scrive:
        Re: Che vi stupite?
        - Scritto da:

        Veramente ogni paese che muove guerra ad un altro
        si esprime con cose tipo "combattere per la pace"
        "eradicare il male" "uccidere i nemici crudeli"
        "l'ordine mondiale"
        ecc.
        Lo fanno tutti, quando muovono guerra, anche gli
        italiani quando sono andati in Africa ad
        ammazzare eritrei e libici hanno detto che
        andavano a portare civilita' agli
        ottentoti.

        Da chi non conosce la storia, che commenti si
        possono aspettare?
        Sciocchezze.Si vis pacem para bellum.E' un detto latino attribuito ai Romani, che di guerra e di pace se ne intendevano.Non è una sciocchezza, un po' come il comandamento "non uccidere" del vecchio testamento.Sono affermazioni che risultano valide quando contestualizzate.La pace e la guerra, infatti, non sono valori assoluti.Spesso la gente oggi non lo vuole ammettere.Si presume che la pace sia un bene assoluto, ma così non è, perché presuppone l'accordo e la reciprocità con tutti gli altri.Questo non è sempre possibile.Detto questo, chiaramente le dichiarazioni di guerra ad altri popoli non possono essere sanguinarie, anche perché spesso e volentieri si combatte per obbiettivi concreti e anche molto limitati, intendo rispetto alle campagne mediatiche che si imbastiscono.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che vi stupite?

        Da chi non conosce la storia, che commenti si
        possono aspettare?
        Sciocchezze.Cosa significherebbe?, che uno che conosce la storia dovrebbe approvare?Non ha detto che non l'hanno fatto anche altri, ma che lo stanno facendo ora.e se è per quello, cmq, pur senza andare tanto indietro nel tempo, anche gli italiani sono impegnati in questo momento per portare la pace a fianco di chi porta la democrazia contro chi combatte per la propria libertà.Pensa che insalata.Ieri sono andato dal benzinaio e mi ha chiesto:"cosa desidera: Democrazia, Pace o Libertà?"
        • eI_barto scrive:
          Re: Che vi stupite?

          Ieri sono andato dal benzinaio e mi ha chiesto:
          "cosa desidera: Democrazia, Pace o Libertà?"(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Che stupida ipocrisia.
    I robot lanceranno fiori ?Se la risposta e no, ma dovranno distruggere installazioni, infrastrutture o altri robot, e' ridicolo pensare che possano farlo senza fare mai la bua all'umano di turno.Il problema e' la parola "distruggere".Puah.Burp
    • Anonimo scrive:
      Re: Che stupida ipocrisia.
      - Scritto da:
      I robot lanceranno fiori ?

      Se la risposta e no, ma dovranno distruggere
      installazioni, infrastrutture o altri robot, e'
      ridicolo pensare che possano farlo senza fare mai
      la bua all'umano di
      turno.

      Il problema e' la parola "distruggere".

      Puah.Il problema è che la parola "distruggere" la usano con "gli altri". Sarebbbe meglio che usassaro le loro armi su se stessi, se proprio vogliono usarle. Agli "altri" non credo faccia piacere sperimentarle.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che stupida ipocrisia.

      Il problema e' la parola "distruggere".

      Puah.

      BurpA proposito di ipocrisia.Probabilmente sei in vita perche' i tuoi antenati hanno spazzato via civilta', vinto guerre e distrutto i loro antagonisti.I tuoi nonni lanciavano fiori?
      • Anonimo scrive:
        Re: Che stupida ipocrisia.
        - Scritto da:

        Il problema e' la parola "distruggere".



        Puah.



        Burp

        A proposito di ipocrisia.

        Probabilmente sei in vita perche' i tuoi antenati
        hanno spazzato via civilta', vinto guerre e
        distrutto i loro
        antagonisti.

        I tuoi nonni lanciavano fiori?A rigor di logica tu non puoi saperlo, magari i suoi nonni le guerre le hanno subìte, magari i suoi antenati sono stati schiavi, servi della gleba, coscritti con la forza in armate di schiavi, rematori nelle galee, e chissà cos'altro.Quello su cui hai ragione è che questa società, così come si è fondata, è nata dal furto, dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad evidenziarlo. Il primo vero furto della storia, d'altronde, è stato quando una persona ha cinto uno steccato su di un prato che era di tutti, con un cartello: "PROPRIETA' PRIVATA".
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          Quanti bambinetti che girano. La vostra filosofia è basata sui bigliettini dei baci Perugina?
          • cheguev scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf? ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti tra gli umani debbano essere necessariamente violenti, di tipo predatorio ... non credi vivremmo tutti meglio se iniziassimo a mettere in discussione quest'idea, invece di accettarla come fosse un fatto inevitabile? Forse proprio la gente che pensa in questo modo è il più grande ostacolo alla realizzazione di un mondo meno violento ...Hitler scrisse Mein Kampf (La mia battaglia) durante la prigionia, nel 1924. Lo scritto, pubblicato l'anno dopo, nel luglio del '25, costituisce il manifesto del suo pensiero fatto di nazionalismo tedesco, superiorità della razza ariana, odio contro ebrei, marxisti e liberali. Proponiamo qui di seguito alcuni brani di questo libro folle e guerrafondaio, perché siano di monito a tutti.La gioventù hitleriana"Nei centri del mio nuovo Ordine verrà allevata una gioventù che spaventerà il mondo. Io voglio una gioventù che compia grandi gesta, dominatrice, ardita, terribile. Gioventu deve essere tutto questo. L'animale rapace, libero e dominatore, deve brillare ancora dai suoi occhi. I giovani debbono imparare il senso del dominio. Debbono imparare a vincere nelle prove più difficili la paura della morte". Guerra e razza"Il gioco della guerra consiste nella distruzione fisica dell'avversario. Per questo vi ho ordinato di massacrare senza pietà qualsiasi uomo, donna o bambino che non appartenga alla vostra razza. Così soltanto potremo ottenere lo spazio fisico che ci abbisogna"."Troverò qualche spiegazione per lo scoppio della guerra. Non importa se plausibile o no. Al vincitore non verrà chiesto, poi, se ha detto la verità. Nell'iniziare e nel condurre una guerra non è il diritto che conta, ma il conseguimento della vittoria".
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da: cheguev
            E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf?
            ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un
            pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di
            stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti
            tra gli umani debbano essere necessariamente
            violenti, di tipo predatorio ...CUTTutta questa sparata ti consola del fatto che presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci di riempiranno di botte e ti porteranno via i soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei cessi a testa in giù?
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            Per vivere non è necessario odiare.Penso ci sia differenza fra il sentirsi continuamente braccati e in conflitto con gli altri e il volersi semplicemente cautelare da EVENTUALI nemici...
          • cheguev scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.

            Tutta questa sparata ti consola del fatto che
            presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci
            di riempiranno di botte e ti porteranno via i
            soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei
            cessi a testa in
            giù?A mio figlio sto insegnando il rispetto di se stesso, del suo prossimo e del mondo nel quale vive ... me ne sarà grato.Tu cosa insegnerai al tuo (se ne hai uno, altrimenti se e quando ne avrai)? A girare con l'winchester? Non i miei compagnucci ma i tuoi cameratucci e quelli simili a te infestano il mondo con la propria paranoia e la propria insicurezza, rendendolo un luogo pericoloso e rendendo la vita di tutti uno schifo. Non ti pare? Se sei giovane hai ancora qualche chance per non finire i tuoi giorni in questo deprecabile stato, in caso contrario avrai serie difficoltà a venirne fuori.Auguri!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            dici queste cose mettendoti come firma il nome di uno dei peggiori assassini dell'era moderna... che controsenso...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:

            - Scritto da: cheguev

            E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf?

            ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un

            pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di

            stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti

            tra gli umani debbano essere necessariamente

            violenti, di tipo predatorio ...

            CUT

            Tutta questa sparata ti consola del fatto che
            presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci
            di riempiranno di botte e ti porteranno via i
            soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei
            cessi a testa in
            giù?I miei compagnucci che hanno provato a fare una cosa simile si sono ritrovati o impotenti o con un fiume rosso sgorgare dal naso. Essere pacifisti non vuol dire essere pirla inculoprendenti. Evidentemente te hai cessato di credere nel bene perché hai creduto che la tua esperienza personale, ovvero di prenderle, esser derubato dei soldi della merenda, ed essere appeso a testa in giù nei cessi, era l'unica dinamica ottenibile col pacifismo, e non accetti invece di essere un pistola debole in grado di difendersi solo alleandosi con il più forte (devi essere stato alle medie il classico ragazzino gracilino e stronzo che si allea col bullo per poter fare i gradassi con chi da soli non avrebbero mai osato neanche canzonare da lontano... le mie vittime preferite, per la cronaca, peccato non averti conosciuto all'epoca delle scuole medie...)ps:consiglio per la tua cultura:http://www.liberonweb.com/asp/libro.asp?ISBN=8879726455[img]http://www.liberonweb.com/images/books/8879726455.jpg[/img] Ciao sfigato! (rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          Il problema e' la parola "distruggere".





          Puah.





          Burp



          A proposito di ipocrisia.



          Probabilmente sei in vita perche' i tuoi
          antenati

          hanno spazzato via civilta', vinto guerre e

          distrutto i loro

          antagonisti.



          I tuoi nonni lanciavano fiori?

          A rigor di logica tu non puoi saperlo, magari i
          suoi nonni le guerre le hanno subìte, magari i
          suoi antenati sono stati schiavi, servi della
          gleba, coscritti con la forza in armate di
          schiavi, rematori nelle galee, e chissà
          cos'altro.
          Quello su cui hai ragione è che questa società,
          così come si è fondata, è nata dal furto,
          dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad
          evidenziarlo. Il primo vero furto della storia,
          d'altronde, è stato quando una persona ha cinto
          uno steccato su di un prato che era di tutti, con
          un cartello: "PROPRIETA'
          PRIVATA". Il solito comunistello...Questo discorso reggeva 100 anni fa, ora non più. La vostra pia illusione era, è e sarà solo un sogno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.

            Il solito comunistello...
            Questo discorso reggeva 100 anni fa, ora non più.Non reggeva neanche allora. E' ora che questa manica di frustrati si renda conto che le loro farneticazioni senza senso non hanno posto nella realtà e tragga quindi le dovute conclusioni: adattarsi o buttarsi dalla finestra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:


            Il solito comunistello...

            Questo discorso reggeva 100 anni fa, ora non
            più.

            Non reggeva neanche allora. E' ora che questa
            manica di frustrati si renda conto che le loro
            farneticazioni senza senso non hanno posto nella
            realtà e tragga quindi le dovute conclusioni:
            adattarsi o buttarsi dalla
            finestra.bha .......sono un altro ...a me fate pena voi Darwiniani convinti ....la legge del più forte ...per questo la civiltà umana ha fatto progressi ...con Platone Gandhi Heinstein M.L.Kinge non con coglioni come stalin mussolini hitler bush Bin Ladenla realtà è che i più "forti" nella civiltà umana ...spesso sono i più OTTUSI e DEBOLI !!!I have a Dream
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.

            I have a Dream

            Wake up!
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:


            I have a Dream





            Wake up!Fuck off !
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:
            per questo la civiltà umana ha fatto progressi ...

            con Platone Gandhi Heinstein M.L.KingChi è Heinstein?Il tuo nickname su Quake III Arena?Io conosco solo Einstein.
          • Alucard scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            Il solito comunistello...


            Questo discorso reggeva 100 anni fa, ora non

            più.



            Non reggeva neanche allora. E' ora che questa

            manica di frustrati si renda conto che le loro

            farneticazioni senza senso non hanno posto nella

            realtà e tragga quindi le dovute conclusioni:

            adattarsi o buttarsi dalla

            finestra.

            bha .......
            sono un altro ...

            a me fate pena voi Darwiniani convinti ....
            la legge del più forte ...




            per questo la civiltà umana ha fatto progressi ...

            con Platone Gandhi Heinstein M.L.King


            e non con coglioni come stalin mussolini hitler
            bush Bin Laden

            la realtà è che i più "forti" nella civiltà umana
            ...

            spesso sono i più OTTUSI e DEBOLI !!!


            I have a Dream

            Nemmeno con Lenin e Marx se è per questo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da: Alucard
            Nemmeno con Lenin e Marx se è per questo.Quotare fa rima con scopare.Non sara' bello uguale ma puoi sempre pur provare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          - Scritto da:
          Quello su cui hai ragione è che questa società,
          così come si è fondata, è nata dal furto,
          dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad
          evidenziarlo. Il primo vero furto della storia,
          d'altronde, è stato quando una persona ha cinto
          uno steccato su di un prato che era di tutti, con
          un cartello: "PROPRIETA'
          PRIVATA".vallo a spiegare anche ai cagnolini che pisciano sugli alberi per MARCARE IL TERRITORIO...o i gatti che si sfregano per lasciare il loro odore, non sono d'accordo ma rispetto le tue idee comuniste, pero' 2 cose:1) il concetto di proprietà privata viene PRIMA dell'homo sapiens2) non e' vero che chi non la pensa come voi è un ignorante fascista, semplicemente non la pensa come te.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            ovvero uno spazio gregario o comunitario e' comparabile alla proprieta' privata?da quando in qua?prima dell'homo sapiens... probabilmente a tal livello non ci sei ancora arrivato....hai presente la divisione tra comunita' e societa' (ampiamente trattata dalla scenza politica)
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:
            ovvero uno spazio gregario o comunitario e'
            comparabile alla proprieta'
            privata?
            da quando in qua?hai letto sola la prima riga ? dice che la società e basata sul furto e che il primo furto è stato quello di chi ha recintato e ha scritto proprietà privata.io ho risposto che la proprietà privata è la regolamentazione dei cani che pisciano e i gatti che si strusciano per marcare il territorio.e in mezzo non c'e' mai stata una società in cui tutto era di tutti!!!!
            prima dell'homo sapiens... probabilmente a tal
            livello non ci sei ancora
            arrivato....meglio fermarsi prima che come te andare oltre all'homo senza cervello proprio.
            (ampiamente trattata dalla scenza
            politica)magari se ci metti la I in SCIENZA ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Quello su cui hai ragione è che questa società,

            così come si è fondata, è nata dal furto,

            dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad

            evidenziarlo. Il primo vero furto della storia,

            d'altronde, è stato quando una persona ha cinto

            uno steccato su di un prato che era di tutti,
            con

            un cartello: "PROPRIETA'

            PRIVATA".

            vallo a spiegare anche ai cagnolini che pisciano
            sugli alberi per MARCARE IL
            TERRITORIO...
            o i gatti che si sfregano per lasciare il loro
            odore,
            vuoi paragonarti al cane e al gatto, o evolverti?io non posso sostenere che all'epoca in cui l'uomo inventò la proprietà privata esistevano alternative migliori.non voglio nemmeno osare di sostenerlo adesso.ciò che sostengo è che è comunque un furto, e che dobbiamo adoperarci perché in futuro, un giorno, possiamo scoprirla questa alternativa migliore.

            non sono d'accordo ma rispetto le tue idee
            comuniste, pero' 2
            cose:
            1) il concetto di proprietà privata viene PRIMA
            dell'homo
            sapiensciò non la rende giusta (neanche sbagliata a dire il vero. Anzi a ben vedere questo quadro mette bene in evidenza il relativismo dei concetti di "bene" e "male")
            2) non e' vero che chi non la pensa come voi è un
            ignorante fascista, semplicemente non la pensa
            come
            te.

            ciaonon ho mai dato fascista a nessuno, né mi sono definito comunista (a rigor di logica dovrei offendermi, visti i crimini che sono stati perpetrati dietro questo nome).Io ho solo una visione utopica del futuro, che condivido con molti pensatori.Ciò che ritengo sia da evidenziare è come chi adesso sbraita per la difesa della propria proprietà, quasi mai è consapevole che un tempo quella era proprietà di qualcun'altro, e quindi ad arbitrio potrebbe diventare in futuro proprietà di qualcuno ancora più forte di lui, in un regime puramente competitivo e predatorio.Colui al quale rispondevo, lo vorrei vedere se arrivassi a casa sua con un bel gruppetto di mercenari, gli dicessi "questa è casa mia perché sono più forte".Vorrei vederlo se con la forza delle armi gli prendessi sua moglie dicendo "Mi prenderò la bella Briseide affinché tu capisca che sono più forte di te".Sarebbe ancora in grado di sostenere la liceità della filosofia di depredazione?O non è che le cose sono giuste quando fanno comodo e sono sbagliate quando invece sono sconvenienti?Riflettici.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          Il problema e' la parola "distruggere".





          Puah.





          Burp



          A proposito di ipocrisia.



          Probabilmente sei in vita perche' i tuoi
          antenati

          hanno spazzato via civilta', vinto guerre e

          distrutto i loro

          antagonisti.



          I tuoi nonni lanciavano fiori?

          A rigor di logica tu non puoi saperlo, magari i
          suoi nonni le guerre le hanno subìte, magari i
          suoi antenati sono stati schiavi, servi della
          gleba, coscritti con la forza in armate di
          schiavi, rematori nelle galee, e chissà
          cos'altro.
          Quello su cui hai ragione è che questa società,
          così come si è fondata, è nata dal furto,
          dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad
          evidenziarlo. Il primo vero furto della storia,
          d'altronde, è stato quando una persona ha cinto
          uno steccato su di un prato che era di tutti, con
          un cartello: "PROPRIETA'
          PRIVATA". lo fanno pure gli animali... rassegnati è un'istinto naturale finalizzato all'evoluzione della speciei deboli muoiono, i più forti sopravvivono per perfezionare la specie
          • Anonimo scrive:
            Re: Che stupida ipocrisia.
            - Scritto da:
            i deboli muoiono, i più forti sopravvivono per
            perfezionare la
            specieNo, non e' piu' cosi' da un paio di secoli, forse non te ne sei accorto.Burp
      • Anonimo scrive:
        Re: Che stupida ipocrisia.
        - Scritto da:
        Probabilmente sei in vita perche' i tuoi antenati hanno spazzato via civilta', vinto guerre e distrutto i loro antagonisti.Ahahahhahaha, e che cavolo c'entra ?Guarda che io ho detto che e' ipocrita pensare che i robot possano "distruggere" senza fare la bua a nessuno.Ora cosa c'entra questo con quello che hanno fatto i miei avi ? Anche fossero stati tutti degli psicotici assassini ?
        I tuoi nonni lanciavano fiori?Spero solo fossero in grado di capire quel che leggevano.Burp
      • Akiro scrive:
        Re: Che stupida ipocrisia.
        magari diciamo anche grazie alla schiavitù?dai su, ragioniamo
    • ishitawa scrive:
      Re: Che stupida ipocrisia.
      e se si sviluppa una specioe di esoscheletro per soldati, come farà il robot a capire che si trova di fronte ad un suo simile o ad un essere umano? leggerà i dati vitali come in star trek?consordo sull'ipocrisia: se una cosa la si manda in guerra, li farà la guerra, che significa una cosa sola: distruggere e uccidere
      • Anonimo scrive:
        Re: Che stupida ipocrisia.
        - Scritto da: ishitawa
        e se si sviluppa una specioe di esoscheletro per
        soldati, come farà il robot a capire che si trova
        di fronte ad un suo simile o ad un essere umano?
        leggerà i dati vitali come in star
        trek?

        consordo sull'ipocrisia: se una cosa la si manda
        in guerra, li farà la guerra, che significa una
        cosa sola: distruggere e
        uccidereFinalmente uno che ragiona.Questa è solo ipocrisia! Vogliono farci credere che la guerra non distrugge e non fa del male a nessuno. La guerra si fa solo per un motivo, distruggere il nemico. In guerra non ci sono altre regole, si va e si distrugge. Punto e basta.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          - Scritto da:
          Finalmente uno che ragiona.Come uno ... e io ?Ho scritto la stessa cosa.Cattivo.Burp
      • Anonimo scrive:
        Re: Che stupida ipocrisia.
        - Scritto da: ishitawa
        consordo sull'ipocrisia: se una cosa la si manda
        in guerra, li farà la guerra, che significa una
        cosa sola: distruggere e
        uccidereNo, non è così. Il diritto di guerra stabilisce regole precise, e chi le viola è perseguibile a livello personale e di Stato. Che poi questo non sempre succeda è un altro discorso.Ad esempio non si può sparare a chi si è arreso, o ai paracadutisti in volo, oltre che naturalmente ai prigionieri e ai civili. Un robot in modalità automatica potrebbe commettere uno di questi errori, è giusto quindi che si discuta di una logica di controllo coerente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.

          Ad esempio non si può sparare a chi si è arreso,
          o ai paracadutisti in volo, oltre che
          naturalmente ai prigionieri e ai civili.Io toglierei il "non si può" e metterei un "non si potrebbe", è più realistico. La guerra è la guerra e in amore e in guerra tutto è lecito... purtroppo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che stupida ipocrisia.
          - Scritto da:
          No, non è così. Il diritto di guerra stabilisceAHAHAHAHAHAHHAHAHA! Ma per favore.
          Ad esempio non si può sparare a chi si è arresoPotrebbe fare finta, seghiamolo.
          o ai paracadutisti in voloMentre sono sull'aereo invece li puoi ammazzare tranquillamente.
          oltre che
          naturalmente ai prigionieri Tentava di fuggire portando informazioni sulla nostra posizione al nemico.
          e ai civili. E gia', i civili si bombardano solo.Burp
    • Anonimo scrive:
      Re: Che stupida ipocrisia.
      Se volete essere aggiornati sugli sviluppi della roboetica vi consiglio il sito: www.roboethics.org!
    • Anonimo scrive:
      meglio
      purtroppo gli antichi romani dicevano "se vuoi la pace preparati alla guerra" ma avevano ragione, da sempre esistono i nemici, da sempre c'è chi vuole sopraffare altri, il dovere di noi pacifici occidentali è difenderci da chi ci vuole morti per saccheggiare distruggere e sottometterci, se riusciremo a creare dei robot in grado di combattere senza mettere a rischio i nostri soldati, ben vengano, i fanatici kamkaze islamici, si ritroveranno a fare il solletico a dei robot d'acciaio
Chiudi i commenti