Australia verso la lista nera di stato

La prevede una proposta di legge sostenuta dal Governo: la polizia potrà bloccare a propria discrezione l'accesso ai siti di una blacklist. Contro la criminalità e il terrorismo. E contro le libertà degli utenti

Sydney – Potrebbero non essere più solo le famiglie, che il governo ha già equipaggiato con inefficaci filtri , a selezionare ciò che del Web può passare per gli schermi di casa. Una proposta di legge presentata in senato nei giorni scorsi, a breve distanza dalle prossime elezioni, potrebbe spianare ulteriormente la strada ad un agire censorio e repressivo, giustificato con l’ urgenza di tutelare la sicurezza dei cittadini dall’incombere del terrorismo.

Il ministro Helen Coonan La proposta di legge ” Crime or Terrorism Related Internet Content “, riporta ZDNet Australia , si configura come un emendamento al codice delle comunicazioni locale, che già prevede una blacklist di siti proibiti, gestita dall’ Australian Communications and Media Authority (ACMA) per conto dei cittadini , con la collaborazione degli ISP. La proposta presentata dal ministro della comunicazioni Helen Coonan ( in foto ), passa ora anche agli ufficiali della Federal Police : a loro la responsabilità di aggiornare e rivedere la lista di siti banditi, per proteggere i netizen dalle esternazioni dei terroristi e dalle trappole tese dai criminali informatici.

Individuato un sito sospetto, che ritiene legato ad attività criminali o a gruppi terroristi, che ” ha ragione di credere ” possa incoraggiare o facilitare il compimento di attività criminali o che ” ha ragione di credere ” sia stato messo online con questo intento, l’ufficiale di polizia potrà decretarne il bando , comunicandolo all’ACMA, che a sua volta vigilerà sull’azione degli ISP, incaricati di “prendere tutti i provvedimenti per prevenire l’accesso al contenuto da parte dell’utente”.

Le associazioni per la difesa dei diritti civili, ancora libere di esprimere il proprio parere, si sono scagliate contro la proposta. L’ Australian Privacy Foundation non esita a sottolineare come il provvedimento possa soffocare la libertà di espressione dei cittadini, le cui opinioni in Rete rischiano di essere sottoposte al vaglio della polizia, libera di censurare contenuti sgraditi. Nemmeno le sfere istituzionali restano indifferenti al bill . È la senatrice Kerry Nettle, ambientalista, a sollevare il problema sulle pagine di AustralianIT : associazioni del calibro di Greenpeace in passato sono state accusate di azioni terroristiche e potrebbero incorrere nel bando, al pari di qualsiasi organizzazione che discuta di questioni politiche e sociali in termini invisi alle autorità .

“La proposta di legge” – fa eco Electronic Frontiers Australia (EFA) in una nota – è un ulteriore passo avanti della progressiva degenerazione dell’Australia in uno stato di polizia”: alle forze dell’ordine verrebbe consegnato uno strumento censorio che potrebbe essere maneggiato con superficialità , poiché le interdizioni possono basarsi su insinuazioni o rumors e non c’è modo di appellarsi alla decisione della Federal Police e chiedere la revoca del bando.

Inoltre, osserva sul suo blog Dale Clapperton, di EFA: “Il provvedimento fa riferimento a qualsiasi reato previsto dalle leggi del Commonwealth – anche a qualcosa di insignificante come le violazioni del copyright”. Se la proposta dovesse convertirsi in legge, prospettano gli utenti di Whirpool , potrebbe dunque esser impugnata come un’arma impropria, per sbaragliare indistintamente il P2P, legale o illegale che sia.

“Il governo – soggiunge Clapperton – sta semplicemente giocando la carta del terrorismo per scansare ogni critica nei confronti della proposta.” Una lettura della situazione condivisa dai netizen , che non intendono abdicare alla libertà di accesso alla Rete in nome di una minaccia sfumata, che si vuole combattere con metodi censori ed inefficaci.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Number 6 scrive:
    IP of the Dead
    Quando non ci sarà più posto sui server, i morti cammineranno sulla terra.
  • Number 6 scrive:
    IP of the Dead
    Quando non ci sarà più posto sui server, i morti cammineranno sulla terra.
  • dioniso scrive:
    disdette post-mortem
    al di là della questione dei codici di accesso e password dei conti correnti la storia delle disdette, delle lettere e quant'altro mi sembra ben fatta invece.ricordo che mia nonnna ha passato quasi due anni (tra modifiche e ripensamenti) ad organizzare il suo dopo-morte, preparava le lettere, deleghe e documenti e biglietti vari, il tutto ha poi occupato quasi un mese di lavoro all'esecutore nominato da lei stessa nel testamento.il mercato IMHO ce l'hanno eccome.
  • dioniso scrive:
    disdette post-mortem
    al di là della questione dei codici di accesso e password dei conti correnti la storia delle disdette, delle lettere e quant'altro mi sembra ben fatta invece.ricordo che mia nonnna ha passato quasi due anni (tra modifiche e ripensamenti) ad organizzare il suo dopo-morte, preparava le lettere, deleghe e documenti e biglietti vari, il tutto ha poi occupato quasi un mese di lavoro all'esecutore nominato da lei stessa nel testamento.il mercato IMHO ce l'hanno eccome.
  • EternoSaluto scrive:
    www.eternosaluto.it
    Anche in Italia esiste un servizio post-mortem ed è un portale dedicato ai necrologi online, si chiama www.eternosaluto.itPotete trovare sia VIP che gente comune...Registrazione gratuita!Potete provare anche un tour inserendonome utente: userdemopassword: passwordwebmaster@eternosaluto.it
  • EternoSaluto scrive:
    www.eternosaluto.it
    Anche in Italia esiste un servizio post-mortem ed è un portale dedicato ai necrologi online, si chiama www.eternosaluto.itPotete trovare sia VIP che gente comune...Registrazione gratuita!Potete provare anche un tour inserendonome utente: userdemopassword: passwordwebmaster@eternosaluto.it
  • Andrea Cuomo scrive:
    Sospetto e fattibile a costo zero
    Questo sito non fa altro che registrare i tuoi dati in forma criptata e restituirli se si fornisce la password giusta.Ma allora me lo posso fare da solo, registrando e criptando le mie informazioni in un cd o dvd e allegando la pass altestamento in busta sigillata (Io, personalmente ho giá fatto una cosa simile).Questo servizio, inoltre registrerá una gran quantitá di conti cifrati, account bancari, informazioni cui **POSSONO ACCEDERE** facilmente.La sicurezza, difatti é solo illusoria: i dati vengono cifrati nei LORO computer, con la password che gli fornisco, che dovrá transitare per il loro sito e sará quindi banalmente intercettabile.Mi chiedo se non sia una grossa, paziente mega operazioneche si concluderá quando qualche migliaio di conti online, carte di credito ed account vari verranno vuotati tutti assieme.La "dimostrazione" crittografica online (chiaramente uno snake oil) non fa che rinforzare questo dubbio.--Andrea Cuomo tecnico informatico specializzato in securityhttp://www.cryptohacker.com/
  • Andrea Cuomo scrive:
    Sospetto e fattibile a costo zero
    Questo sito non fa altro che registrare i tuoi dati in forma criptata e restituirli se si fornisce la password giusta.Ma allora me lo posso fare da solo, registrando e criptando le mie informazioni in un cd o dvd e allegando la pass altestamento in busta sigillata (Io, personalmente ho giá fatto una cosa simile).Questo servizio, inoltre registrerá una gran quantitá di conti cifrati, account bancari, informazioni cui **POSSONO ACCEDERE** facilmente.La sicurezza, difatti é solo illusoria: i dati vengono cifrati nei LORO computer, con la password che gli fornisco, che dovrá transitare per il loro sito e sará quindi banalmente intercettabile.Mi chiedo se non sia una grossa, paziente mega operazioneche si concluderá quando qualche migliaio di conti online, carte di credito ed account vari verranno vuotati tutti assieme.La "dimostrazione" crittografica online (chiaramente uno snake oil) non fa che rinforzare questo dubbio.--Andrea Cuomo tecnico informatico specializzato in securityhttp://www.cryptohacker.com/
    • efdsyhhgxja z scrive:
      Re: Sospetto e fattibile a costo zero
      ci sono gli avvocati notai e i testamenti apposta...Cmq si il primo che buca quel sito solo ricattando i vari "non morti" si fa ricco.E' un americanata come tante
      • Number 6 scrive:
        Re: Sospetto e fattibile a costo zero
        - Scritto da: efdsyhhgxja z
        E' un americanata come tanteInfatti. Come Internet. Noi Europei non ne abbiamo bisogno, abbiamo il Minitel. :D
      • Number 6 scrive:
        Re: Sospetto e fattibile a costo zero
        - Scritto da: efdsyhhgxja z
        E' un americanata come tanteInfatti. Come Internet. Noi Europei non ne abbiamo bisogno, abbiamo il Minitel. :D
    • efdsyhhgxja z scrive:
      Re: Sospetto e fattibile a costo zero
      ci sono gli avvocati notai e i testamenti apposta...Cmq si il primo che buca quel sito solo ricattando i vari "non morti" si fa ricco.E' un americanata come tante
  • ... scrive:
    Ma due corna ?
    Entri in un sito web e questo candido ti accoglie con un logo "Sei crepato"Oh ma una toccatina ai gioielli ?
  • ... scrive:
    Ma due corna ?
    Entri in un sito web e questo candido ti accoglie con un logo "Sei crepato"Oh ma una toccatina ai gioielli ?
    • tizio incognito scrive:
      Re: Ma due corna ?

      Oh ma una toccatina ai gioielli ?per quella c'e' un altro sito
    • tizio incognito scrive:
      Re: Ma due corna ?

      Oh ma una toccatina ai gioielli ?per quella c'e' un altro sito
    • Antulla scrive:
      Re: Ma due corna ?
      - Scritto da: ...
      Entri in un sito web e questo candido ti accoglie
      con un logo "Sei
      crepato"

      Oh ma una toccatina ai gioielli ?si, appunto!!!sorrido, anzi no rido. Cavolo nn ci posso credere, no devo, un business in rete perchè i parenti nn si parlano, lol.per quel poco che possiedo i miei cari hanno piena libertà d'accedervi, conoscono già password e codici, daltronde potremmo tutti "evaporare" all'improvviso: se considero come sono fatta io che dico sempre "domani lo faccio" cavolo se muoio domani mica l'ho fruttato questo servizio!!!!sorrido e mi tocco anch'io i gioielli.A.
    • Antulla scrive:
      Re: Ma due corna ?
      - Scritto da: ...
      Entri in un sito web e questo candido ti accoglie
      con un logo "Sei
      crepato"

      Oh ma una toccatina ai gioielli ?si, appunto!!!sorrido, anzi no rido. Cavolo nn ci posso credere, no devo, un business in rete perchè i parenti nn si parlano, lol.per quel poco che possiedo i miei cari hanno piena libertà d'accedervi, conoscono già password e codici, daltronde potremmo tutti "evaporare" all'improvviso: se considero come sono fatta io che dico sempre "domani lo faccio" cavolo se muoio domani mica l'ho fruttato questo servizio!!!!sorrido e mi tocco anch'io i gioielli.A.
Chiudi i commenti