Banca Unipol bucata (per l'India)

Il cracker entrato nel sistema Web della Banca del Gruppo Unipol ha chiesto, dalla home page modificata del sito, che si aiuti l'India dopo il terribile terremoto. Il cracker è lo stesso di Bancagenerali.it

Roma – Il cracker Theli torna a farsi sentire sui siti di banche italiane: è stato l’autore del crack, avvenuto lo scorso venerdì notte, ai danni del sito della Banca Unipol .

Sulla home page modificata del sito, campeggiava una unica immagine su sfondo nero, qui riprodotta in scala, nella quale era scritto un appello, “Help India”, e l’indicazione di un sito, www.helpindia.com, studiato per consentire donazioni e aiuti internazionali al paese e oggi frequentato in relazione al disastroso terremoto che si è scatenato di recente nella zona più ricca del paese asiatico.

Theli non è nuovo a incursioni su siti italiani. Lo scorso dicembre aveva superato le difese del sito di Banca Generali (bancagenerali.it) e nelle settimane successive aveva colpito numerosi altri siti italiani.

Va anche detto che il sito di Banca Unipol offre attività di Internet Banking ed è dunque connesso ad un delicato sistema che consente ai correntisti il monitoraggio delle proprie attività bancarie. Ancora nessuna nota ufficiale della Banca è apparsa relativamente all’intrusione subita sul sito.

Nell’intervista rilasciata a Punto Informatico, Theli aveva sostenuto che sono molti i siti di grandi imprese e banche italiane ad essere “a rischio”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    x IBM
    Insisti su LINUX anche come Client, stavolta non ti sbagli.Alien.
  • Anonimo scrive:
    Se fossi Linuxista, mi toccherei
    Vista la fine che IBM è riuscita a far fare OS/2, Lotus Notes, Tivoli, etc. se fossi un fan di Linux prenderei le mie "precauzioni".Essendo nauseato da qualsiasi *X (tutti nati da una buona idea avuta negli anni 70, ma poi fondamentalmente invariati da allora), ma soprattutto disgustato da chi cerca di venderceli come i sistemi operativi del futuro (distruggendo peraltro il business di molti informatici), non posso che tifare IBM.
  • Anonimo scrive:
    mah...
    Chissa` perche' tutto questo, quando Linux fallira` entro quest'anno ;)
Chiudi i commenti