Banda larga per tutti in Finanziaria?

Prende forza in rete un decalogo per un'altra Finanziaria, più attenta alle esigenze delle nuove generazioni di quella in via di approvazione

Roma – L’idea è partita su GenerazioneBlog ed è un “manifesto-decalogo” che attacca la Finanziaria in fase di definizione proprio in questi giorni, perché non abbastanza attenta ai “giovani” o alle “nuove generazioni”.

Il decalogo, ripreso da diversi blog, è pubblicato su un sito ad hoc dove è possibile leggerlo e sottoscriverlo. Tra i punti chiave ci sono tre righe che, se mai diventassero realtà, sarebbero destinate a sconquassare completamente l’attuale struttura di mercato delle telecomunicazioni:

Banda larga come servizio pubblico
“Collegamenti a banda larga (BROADBAND) garantiti dagli enti pubblici. Le tariffe per tali servizi (da considerarsi “di base”) saranno adeguati alle tariffe di acqua ed energia elettrica e verranno gestiti dagli enti locali”.

Altro nodo chiave del manifesto è quello che riguarda il file sharing. Si propone infatti la: “Depenalizzazione dello scambio di file in rete (file-sharing) di opere protette da copyright. Tale misura è da intendersi solo per l’uso personale di tali files” .

“Abbiamo visto la finanziaria 2006 e ci siamo accorti di essere i nuovi poveri invisibili – si legge sul sito del decalogo – Lo sapevamo già, ma ne abbiamo avuto finalmente la conferma definitiva (…) Abbiamo stilato perciò un decalogo a favore delle nuove generazioni. Sono degli spunti, nulla di più (…) Pensiamo che non ci si possa nascondere dietro la presunta difficile fattibilità tecnica di queste proposte: le soluzioni si trovano quando c’è una chiara volontà politica”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    HP non è certo la prima in Italia
    in IBM si fa da almeno 3 anni.I risultato sono tutti da verificare ma il portale interno per il car-pooling c'e' da tempo.Andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: HP non è certo la prima in Italia
      - Scritto da:
      in IBM si fa da almeno 3 anni.

      I risultato sono tutti da verificare ma il
      portale interno per il car-pooling c'e' da
      tempo.


      AndreaMi auto-rispondo.Certo in IBM c'e' da tempo ma poi mandano i consulenti/architetti di Milano su progetti a Roma e i consulenti/architetti di Roma a Torino...Un po' come diceva Grillo anni fa riferito alle acque minerali.Andrea
      • Anonimo scrive:
        Re: HP non è certo la prima in Italia

        Un po' come diceva Grillo anni fa riferito alle
        acque
        minerali.

        AndreaGrillo quello che ha la Toyota ?Matteo
  • Anonimo scrive:
    Ma incentivare il telelavoro?
    Non si cerca mai di non far muovere il dipendente ci sono parecchi che potrebbero lavorare da casa poiche' fanno che so i programmatori o cose simili, io credo che possa essere un modo per esempio per far stare i genitori con i figli, invece solita' mentalita' italiota, ti pago se fai 8 ore mica se mi finisci cio' che ti e' stato affidato
  • misterz scrive:
    NON SOLO
    Aziende come IBM ed HP sembrano occuparsi anche molto degli aspetti umani di ogni dipendente, dalle sue disponibilità di tempo ai limiti quali situazioni famigliari, figli, fino al reperimento dei posti negli asili, o il prendere appuntamento dal medico, reperire un elettricista per un guasto in casa e via discorrendo... in poche parole e finalmente CIVILTA'.OVVIAMENTE l'azienda lo fa per un proprio tornaconto. La cosa importante in tutto questo è che finalmente c'è la netta affermazione del principio per cui, la serenità e la soddisfazione del dipendente si traduce in maggiore rendimento.
    • Anonimo scrive:
      Re: NON SOLO

      Aziende come IBM ed HP sembrano occuparsi anche
      molto degli aspetti umani di ogni dipendente,
      dalle sue disponibilità di tempo ai limiti quali
      situazioni famigliari, figli, fino al reperimento
      dei posti negli asili, o il prendere appuntamento
      dal medico, reperire un elettricista per un
      guasto in casa e via discorrendo... in poche
      parole e finalmente
      CIVILTA'.

      OVVIAMENTE l'azienda lo fa per un proprio
      tornaconto. La cosa importante in tutto questo è
      che finalmente c'è la netta affermazione del
      principio per cui, la serenità e la soddisfazione
      del dipendente si traduce in maggiore
      rendimento.buono ! licenziassero anche qualche decina di migliaia di persone in meno, tagliando gli stessi costi tramite la divisione per 10 dello stipendio dei megamanager e calando leggermente i dividendi degli azionisti sarebbe anche meglio, ma non si può avere tutto...
      • misterz scrive:
        Re: NON SOLO

        buono ! licenziassero anche qualche decina di
        migliaia di persone in meno, tagliando gli stessi
        costi tramite la divisione per 10 dello stipendio
        dei megamanager e calando leggermente i dividendi
        degli azionisti sarebbe anche meglio, ma non si
        può avere
        tutto...
        Heheheh, come si dice, nessuno è perfetto!
    • Anonimo scrive:
      Re: NON SOLO
      Se posso aggiungere..è anche evidente che finalmente si potrebbe cominciare a sfatare il mito per cui la combinazione "alto profitto"-"benessere dipendenti"-"benessere società" non possa esistere :)certo, poi ci sono milioni di aspetti su cui si potebbe lavorare (stipendi assurdi dei piani alti, sostenibilità dei materiali di produzione ecc) però già così si comincia bene.. avanti!
      • Anonimo scrive:
        Re: NON SOLO
        Sappiate però che stanno per cedere un ramo d'azienda... :@In questo modo ottimizzeranno il tragitto dei dipendenti modificandolo da casa-lavoro a casa-casa. (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: NON SOLO
        i prezzi dei manager li fa il mercato (mica stiamo in italia).Un manager serio fa entrare i soldi e le aziende se lo litigano a suon di soldoni.Qui in Italia invece se lo scaricano a suon di mazzette
        • devil64 scrive:
          Re: NON SOLO
          - Scritto da:
          i prezzi dei manager li fa il mercato (mica
          stiamo in
          italia).
          Un manager serio fa entrare i soldi e le aziende
          se lo litigano a suon di
          soldoni.
          Qui in Italia invece se lo scaricano a suon di
          mazzetteOra mi è chiaro perchè nelle aziende che seguo, gli operai sono interinali e i dirigenti arrivano, fanno caxxte e se ne vanno.OOOOOOOOOOOOOOOkeyVAAAAAAAAAAAAA beneCiuz
    • ishitawa scrive:
      Re: NON SOLO
      veramente a me che la ditta per cui lavoro metta il naso nelle mie faccende non va mica beneho persino restituito la tessera cral (circolo ricreativo aziendale) perchè mi ricorda troppo le gite fantozziane e cose simili
Chiudi i commenti