Bank of America chiude i conti con Wikileaks

L'istituto bancario non gestirà più danari per il sito delle soffiate. Violerebbe le policy. Mentre il vicepresidente Biden parla di Assange come di un terrorista

Roma – Una decisione presa a partire da “motivi fondati”: l’ormai arcinoto sito delle soffiate Wikileaks “potrebbe essere coinvolto” in attività incompatibili con le policy interne alle procedure di pagamento gestite dalla Bank of America .

L’annuncio è stato pubblicato tra le pagine online del Charlotte Observer : l’istituto bancario statunitense interromperà qualsiasi processo di trasmissione del denaro verso il sito di Julian Assange. Il blocco riguarderà persino “presunti trasferimenti di fondi” in favore di Wikileaks.

La Bank of America si è così aggiunta alla già nutrita lista di istituti finanziari che avevano tagliato tutti i ponti con il sito delle soffiate. Tra questi, Visa e Mastercard, ma anche la piattaforma di pagamenti PayPal. La reazione del team di Wikileaks è arrivata cinguettando , consigliando ai clienti della Bank of America di estinguere il proprio conto . Il denaro dovrebbe – secondo il micropost – essere trasferito verso luoghi più sicuri, in nome di un principio basilare come la libertà.

Già un anno fa, il founder Julian Assange aveva spiegato alla stampa di essere in possesso di oltre 5GB di dati riservati sulla Bank of America . Una nuova tornata di pubblicazioni dovrebbe coinvolgere proprio alcuni tra i più importanti istituti finanziari del mondo.

Assange, il tecno-terrorista?
“Un terrorista hi-tech”. Così è stato dipinto Julian Assange dal vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, recentemente intervenuto nel corso di un’intervista con il programma di NBC Meet the Press .

Secondo Biden , la massiva pubblicazione da parte di Wikileaks avrebbe messo a rischio un gran numero di vite umane, oltre ad aver reso estremamente ardui gli affari degli Stati Uniti nel resto del mondo . I vertici del Department of Justice (DoJ) sarebbero al lavoro per impedire nuovi leak da parte del sito.

Grecia, anonimi a piede libero
A pubblicare la smentita è stato il quotidiano britannico The Guardian : il web designer greco Alex Tapanaris non sarebbe mai stato arrestato , né dalla polizia locale né da quella di qualsiasi altro paese.

Precedenti voci avevano invece confermato la cattura di uno dei presunti capi del gruppo di attivisti Anonymous, già responsabili di vari attacchi di tipo DDoS contro i siti di Visa e Mastercard. Alcuni arresti sono stati effettuati in Olanda, con un sedicenne in manette per aver gestito un server IRC per il gruppo e un 19enne punito per aver messo in pratica alcuni attacchi DDoS: quest’ultimo, intervistato , ha rivendicato il proprio gesto, dichiarandosi pronto a ripeterlo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massy_73 scrive:
    Questione di cultura..
    Per "capire la notizia", imho, bisognerebbe conoscere la cultura giapponese. Gli indumenti intimi per i giapponesi maschi hanno una forte attrattiva sessuale: non è difficile trovare sexyshop che vendono mutandine usate e imbustate (con l'immagine della donna che le avrebbe indossate) anche a prezzi considerevoli.Dunque l'idea che qualcuno potesse eccitarsi vedendo la biancheria stesa ad asciugare, seppur bizzarra, non lo è così tanto come può sembrare a noi occidentali.
    • gomez scrive:
      Re: Questione di cultura..
      - Scritto da: Massy_73
      Per "capire la notizia", imho, bisognerebbe
      conoscere la cultura giapponese. Gli indumenti
      intimi per i giapponesi maschi hanno una forte
      attrattiva sessuale: non è difficile trovare
      sexyshop che vendono mutandine usate e imbustate
      (con l'immagine della donna che le avrebbe
      indossate) anche a prezzi considerevoli.
      Dunque l'idea che qualcuno potesse eccitarsi
      vedendo la biancheria stesa ad asciugare, seppur
      bizzarra, non lo è così tanto come può sembrare a
      noi occidentali.subscribe, sino a una ventina di anni fa il semplicegesto di salutare una donna giapponese stringendolela mano era considerato inaccettabile (come sarebbe da noi salutare una donna strizzandole le tette...), dovevi aspettare che si dimostrasse "europeizzata" porgendoti lei la mano: senno' giu' di inchini :-)certo che se l'intimo lo ha fotografato la google carvuol dire che era ben visibile dalla strada, quindi anche per una giapponese (e del 2010) mi sembrano fisime un po' eccessiveMauro
  • Ale scrive:
    Gargiulo
    Ma quant'è carina la Gargiulo! Complimenti! :-)
    • mutandaro scrive:
      Re: Gargiulo
      - Scritto da: Ale
      Ma quant'è carina la Gargiulo! Complimenti! :-)dove trovo le foto delle sue mutande? (chissa quanto reggera- questo post :D)
      • non sia offensivo scrive:
        Re: Gargiulo
        - Scritto da: mutandaro
        - Scritto da: Ale

        Ma quant'è carina la Gargiulo! Complimenti! :-)
        dove trovo le foto delle sue mutande?(rotfl)(rotfl)
  • bertuccia scrive:
    la foto
    ecco la foto incriminatahttp://goo.gl/RbOSIin effetti la capisco!
  • combattere le assurdita scrive:
    combattere l'assurdo
    A me invece hanno fotografato i bidoni della spazzatura con sopra i cartoni delle pizze. Ora sono terrorizzato dal fatto che tutto il mondo possa sapere che mi piace la "Quattro Stagioni": non dormo piu', non mangio piu' prendo ansiolitici e sto per essere licenziato..... ma va cagher, giapponesina schizzata!
    • alpha scrive:
      Re: combattere l'assurdo
      Guarda, la capisco perchè ho frequentato per molto tempo dei giapponesi per motivi di lavoro.Ti assicuro che vivono su un altro pianeta. Roba da non credere.Se consideri che hanno 200 modi di salutare qualcuno in base al rango, posizione lavorativa, cultura etc etc... e se sbagli saluto (provato sulla mia pelle) ti inceneriscono con gli occhi, solo perchè ho detto "Buongiorno Signore!" senza aggiungere i titoli onorifici.Una cosa così in italia ci fa solo da ridere.
      • Cavallo Pazzo scrive:
        Re: combattere l'assurdo
        Ma scusa, se appende le proprie mutande fuori dalla finestri significa che tanti problemi mica se li fa... e poi i giapponesi sai, avranno anche mille modi di salutarsi, però hanno mille modi di esporre la propria perversione e girando in internet si direbbe molte giapponesine non si fanno tanti problemi nemmeno a mostrare le proprie mutandine mentre le hanno indosso...
        • G,G scrive:
          Re: combattere l'assurdo
          - Scritto da: Cavallo Pazzo
          Ma scusa, se appende le proprie mutande fuori
          dalla finestri significa che tanti problemi mica
          se li fa... e poi i giapponesi sai, avranno anche
          mille modi di salutarsi, però hanno mille modi di
          esporre la propria perversione e girando in
          internet si direbbe molte giapponesine non si
          fanno tanti problemi nemmeno a mostrare le
          proprie mutandine mentre le hanno
          indosso...Visto come sono flashati i giappo con l'intimo, forse la tipa si preoccupava che avendole già viste su street view poi la gente non se le cagava + quando le indossa, no? :-D
        • www scrive:
          Re: combattere l'assurdo
          oppure a vederle dopo averle indossate... ci sono negozi appositi...
        • ephestione scrive:
          Re: combattere l'assurdo
          - Scritto da: Cavallo Pazzo
          Ma scusa, se appende le proprie mutande fuori
          dalla finestri significa che tanti problemi mica
          se li fa... aldilà della questione di merito, il discorso del "sì ma se si vede comunque dalla strada pubblica, non dovrebbero esserci problemi se si vede su street view" fa acqua.Un conto è che le tue mutande (o qualunque altra cosa) le vedano solo quelli che passano per quella strada ed in quel momento, ed un conto è che la foto delle tue mutande rimanga ospitata da google in modo che potenzialmente chiunque in tutto il mondo, ed in qualunque momento, possa vederle._______________http://www.reecycle.it il freecycling italiano
Chiudi i commenti