Barnes&Noble: Microsoft approfitta di Android

Si ricompatta il fronte Android anti-Microsoft: la libreria si rivolge al Dipartimento di Giustizia statunitense, mentre Google offre la sua assistenza a tutti i produttori hardware

Roma – Barnes&Noble (B&N) interviene contro Microsoft nelle vicende brevettuali che la vedono protagonista con sullo sfondo il sistema operativo mobile di Google Android.

Microsoft aveva chiesto a B&N di sottoscrivere una licenza e di pagare le royalty per cinque suoi brevetti che riteneva violati nei dispositivi Android-based Nook e Nook Color. E al rifiuto del rivenditore è ricorsa in tribunale.

L’accusa con cui ribatte ora B&N è la stessa già lanciata da Mountain View nei confronti di Microsoft: con la sua strategia brevettuale starebbe ostacolando la competizione nel mercato dei dispositivi mobile .

Ma B&N non si è limitata ad esprimere le sue critiche a parole e si è rivolta al Dipartimento di Giustizia (DoJ), cui ha chiesto di investigare sulla vicenda.

B&N ha scritto a Gene Kimmelman, consigliere alla competizione del DoJ e nella lettera ha dichiarato che Redmond attraverso le sue richieste di royalty cercherebbe di “alzare i costi dei rivali per minare la competizione”. In questo modo ostacolerebbe anche l’innovazione del settore e cercherebbe di difendere il suo monopolio nel settore dei sistemi operativi .

L’accusa della libreria va nel dettaglio: le royalty richieste da Microsoft per le tecnologie che ritiene impiegate sarebbero addirittura pari o superiori a quelle da lei stessa richieste per l’utilizzo del suo intero sistema operativo Windows Phone.

Dal momento che tali brevetti coprono secondo B&N solo elementi “non essenziali di design” dell’interfaccia utente Android, quanto richiesto da Microsoft sarebbe non proporzionale. Oppure Redmond valuterebbe ben poco il suo stesso sistema operativo.

Microsoft ha poi acquistato altri brevetti in collaborazione con Apple e con accordi specifici con Nokia e MOSAID, fattore che aumenta il rischio e la possibilità di ulteriori comportamenti simili, che hanno già spinto numerosi produttori hardware legato ad Android a concedere accordi di licenza.

Nella guerra con al centro Android, dunque, si ricompatta il fronte anti-Microsoft: oltre a B&N anche Google risponde a testa alta e ribadisce l’ intenzione di voler offrire supporto a tutte le aziende hardware che impiegano il suo sistema operativo mobile : supporto che assumerà la forma di scambio di informazioni, accesso ai brevetti Google e consulenza tecnica.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ihope scrive:
    l'aspetto positivo
    E' che forse magari tagliano pure il codice visto che c'è meno gente che lo scrive. Ero già pronto ai 5GB della prossima versione dell'Adobe Reader ...
    • sbrotfl scrive:
      Re: l'aspetto positivo
      - Scritto da: Ihope
      E' che forse magari tagliano pure il codice visto
      che c'è meno gente che lo scrive. Ero già pronto
      ai 5GB della prossima versione dell'Adobe Reader
      ...(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • max scrive:
    vi sembra normale???
    che ci siano aziende da 7500 persone che producono software??????? te credo che poi i programmi come photoshop debbano costare 900 euro!!! MA CHI PAGA 7500 stipendi a fine mese????? poi si va a piangere con lo stato quando c'e poco lavoro......ma fatemi il piacere.....non esiste e non deve esistere una cosa simile nel pianeta......meno persone in azienda e piuttosto molte piu aziende da avere cosi piu concorrenza di qualita' e varieta' di prodotti......
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: vi sembra normale???
      - Scritto da: max
      che ci siano aziende da 7500 persone che
      producono software??????? te credo che poi i
      programmi come photoshop debbano costare 900
      euro!!! MA CHI PAGA 7500 stipendi a fine
      mese????? poi si va a piangere con lo stato
      quando c'e poco lavoro......ma fatemi il
      piacere.....non esiste e non deve esistere una
      cosa simile nel pianeta......meno persone in
      azienda e piuttosto molte piu aziende da avere
      cosi piu concorrenza di qualita' e varieta' di
      prodotti......Ahò c'hai raggione. Ma sta Addobe 'ndo sta poi? Che è finanziaaata da a Regggione? Che peffa' el tarocco de Gimp c'avevano bisogno de SETEMILAAA DIPENDENTI??? Ahò ma questi stanno fori come un balcone!
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: vi sembra normale???
      contenuto non disponibile
    • Paolo T. scrive:
      Re: vi sembra normale???
      Bravo! Io farei una legge che impedisse alle aziende di assumere troppi dipendenti! Fosse mai che troppo lavoro facesse male!
      • sbrotfl scrive:
        Re: vi sembra normale???
        - Scritto da: Paolo T.
        Bravo! Io farei una legge che impedisse alle
        aziende di assumere troppi dipendenti! Fosse mai
        che troppo lavoro facesse
        male!Non si tratta di leggi... ma di soppravvivenza... se assumi troppo devi pagare troppi stipendi di conseguenza devi alzare il prezzo dei tuoi prodotti, nessuno compra e tu finisci sotto il ponte...
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: vi sembra normale???
          - Scritto da: sbrotfl
          - Scritto da: Paolo T.

          Bravo! Io farei una legge che impedisse alle

          aziende di assumere troppi dipendenti! Fosse
          mai

          che troppo lavoro facesse

          male!

          Non si tratta di leggi... ma di
          soppravvivenza... se assumi troppo devi pagare
          troppi stipendi di conseguenza devi alzare il
          prezzo dei tuoi prodotti, nessuno compra e tu
          finisci sotto il
          ponte...Quindi ora che licenziano domani troverò Photoshop lo trovo in edicola a 10 euro(newbie)
          • sbrotfl scrive:
            Re: vi sembra normale???
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: sbrotfl

            - Scritto da: Paolo T.


            Bravo! Io farei una legge che impedisse
            alle


            aziende di assumere troppi dipendenti!
            Fosse

            mai


            che troppo lavoro facesse


            male!



            Non si tratta di leggi... ma di

            soppravvivenza... se assumi troppo devi
            pagare

            troppi stipendi di conseguenza devi alzare il

            prezzo dei tuoi prodotti, nessuno compra e tu

            finisci sotto il

            ponte...

            Quindi ora che licenziano domani troverò
            Photoshop lo trovo in edicola a 10
            euro(newbie)Forse si... forse no... chi lo sa... dipende dalla strategia di adobe...
  • Paolo T. scrive:
    Previsioni finanziarie al ribasso
    La notizia rimbalzata sui notiziari di lingua inglese parla di previsioni finanziare al ribasso, a causa dei risarcimenti per i licenziamenti, e no rosee come afferma PI.Il mio commento è che non è un buon segno, e che i tanti licenziamenti difficilmente possono dipendere solo dalla dismissione di un settore marginale come quello aziendale, rimasto sempre "sperimentale". Se rallenta Adobe, rallenta tutto il settore dell'editoria e dei nuovi media.
  • Dottor Stranamore scrive:
    Altro esempio di
    industria digitale che fa aumentare il PIL e diminuire i posti di lavoro.
    • sbrotfl scrive:
      Re: Altro esempio di
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      industria digitale che fa aumentare il PIL e
      diminuire i posti di
      lavoro.Altro esempio di imprenditoria... guadagnare fregandosene degli altri
Chiudi i commenti