Bayfiles, il ritorno (legale) dei pirati

I fondatori di The Pirate Bay tentano la nuova incursione alla conquista degli armadietti digitali. La loro piattaforma sarà però al riparo da qualsiasi violazione del copyright. Con 5 GB di spazio per 5 euro al mese

Roma – Si chiama Bayfiles ed è la nuova incursione online degli ormai celebri fondatori della più temuta Baia del file sharing. Una piattaforma di file hosting annunciata dall’ex- founder di The Pirate Bay Fredrik Neij, nuova alternativa tra i sempre più vasti meandri garantiti dai cosiddetti cyberlocker .

Un armadietto digitale one-click , decisamente simile a quelli offerti da servizi (ora) competitor come Megaupload e Hotfile. Gli utenti potranno caricare i propri file e metterli automaticamente in condivisione, a partire da uno spazio gratuito di 250 MB fino ai 5 GB a disposizione di tutti quelli che spenderanno 5 euro mensili .

Nessun meccanismo basato sulle ricompense per gli upload effettuati, almeno come spiegato dallo stesso Neij. In realtà, Bayfiles intende differenziarsi da piattaforme come Hotfile, finite nel mirino legale dei grandi signori del diritto d’autore. I founder della Baia dei Pirati sembrano averne abbastanza di dispute in aula.

Pare infatti che Bayfiles sarà del tutto allineato con le esigenze imposte dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA). Un servizio legale, insomma, che provvederà a bandire tutti quegli utenti colti in violazione delle attuali leggi sul copyright . L’idea annunciata da Neij consiste in una progressiva espansione della piattaforma in stile Dropbox.

“I canali BitTorrent risultano sempre più soffocati o comunque filtrati dai vari provider – ha spiegato Neij alla testata specializzata TorrentFreak – diverso il discorso per HTTP”. Bayfiles permetterà ai suoi utenti – 45 euro la spesa per abbonarsi annualmente – di effettuare copie di backup dei file e soprattutto di ascoltare in streaming i brani su dispositivi personali.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dragon68k scrive:
    metodo 'montessori' ?
    Una possibile risposta alla domanda finale dellìarticolo potrebbe essere:"Punirne uno per educarne cento"Enrico
  • andy scrive:
    se,sé
    Il se va con l'accento, prego.
  • DemoneRosso scrive:
    una volta i migliori
    una volta la real aveva uno dei migliori codec video/audio, ma il voler far soldi con il player ha rovinato tutto, hanno sbagliato completamente strada, lo stesso motivo per cui nessuno usa quicktime come player anche lui pieno di messaggi pubblicitari e di funzioni non abilitate messe li solo x cercare di farti comprare una XXXXX di player,Solo che a differenza di quicktime real non ha un sistema operativo dietro o altri core business.
    • FridayChild scrive:
      Re: una volta i migliori
      Non capisco come mai Real esista ancora.
      • Marco Ravich scrive:
        Re: una volta i migliori

        Non capisco come mai Real esista ancora.
        ...con tutto quello che gli ha dato la Rai (e forse qualche altra TV in giro per il mondo), probabilmente ci camperanno ancora per anni ed anni !!
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: una volta i migliori
      - Scritto da: DemoneRosso
      una volta la real aveva uno dei migliori codec
      video/audio, ma il voler far soldi con il player
      ha rovinato tutto, hanno sbagliato completamente
      strada,Io mi ricordo che avevano reso open source una parte chiamata Helyx. La real fu tagliata fuori soprattutto dalla concorrenza di Microsoft che aveva il vantaggio di preinstallare i suoi codec di default.Poi è arrivato Flash che ha creato semplicemente un prodotto migliore fornendo però pessimi player per Linux e Mac
    • Sgabbio scrive:
      Re: una volta i migliori
      Quicktime PLAYER, prego.Quicktime è un fremwork multimediale in se. il Quicktime player è un lettore multimediale che usa tale framwork. Per il resto, i player multimediali "commerciali" sono da anni sotto smacco.
      • andy scrive:
        Re: una volta i migliori
        - Scritto da: Sgabbio
        Quicktime PLAYER, prego.

        Quicktime è un fremwork multimediale in se. il
        Quicktime player è un lettore multimediale che
        usa tale framwork. Per il resto, i player
        multimediali "commerciali" sono da anni sotto
        smacco.Lui mancherà anche di scrivere "player",ma se tu cadi già sugli accenti...Ah, l'itagliano...
        • Sgabbio scrive:
          Re: una volta i migliori
          Tu invece pecchi di policy, oltre che di scarsità di argomenti.
          • andy scrive:
            Re: una volta i migliori
            - Scritto da: Sgabbio
            Tu invece pecchi di policy, oltre che di scarsità
            di
            argomenti.Se non avessi risposto non me ne sarei accorto..."Fremwork" ? cos'è un fremwork?
      • Fininsvest scrive:
        Re: una volta i migliori
        come real -.-
    • Gino scrive:
      Re: una volta i migliori
      - Scritto da: DemoneRosso
      una volta la real aveva uno dei migliori codec
      video/audio, ma il voler far soldi con il player
      ha rovinato tutto, hanno sbagliato completamente
      strada, lo stesso motivo per cui nessuno usa
      quicktime come player anche lui pieno di messaggi
      pubblicitari e di funzioni non abilitate messe li
      solo x cercare di farti comprare una XXXXX di
      player,
      Solo che a differenza di quicktime real non ha un
      sistema operativo dietro o altri core
      business.E ora stanno facendo la stessa cosa con Skyfe, una bella finestra popup ad ogni avvio (Skyfe Home), non disabilitabile e priva di qualsiasi utilizzo.
  • dfghjk scrive:
    Per la redazione
    Quando ho visto le cifre in dollari ho pensato che fosse stato denunciato in america. Poi ho seguito i link e ho visto che si tratta di euro.Come vi é venuto in mente di metterci i dollari ?
  • Sgabbio scrive:
    ma sono dei dementi.
    Prima di tutto prendersela contro uno che ha messo un link su un pacchetto che ti fa usare i codec della realnetworks senza portarsi dietro quel bidone di player video...Seconda cosa, che razza di vilazione di marchio c'è nella parola Real?
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: ma sono dei dementi.
      ma... real alternative c'è da anni o.O ti consigliano di installarlo perché è pure più performante in certi casi
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma sono dei dementi.
        ehm... guarda che li uso è se non erro son sempre inclusi dai vari pacchi pieni di codec per windows che ci sono in giro!
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: ma sono dei dementi.
        - Scritto da: Jacopo Monegato
        ma... real alternative c'è da anni o.O ti
        consigliano di installarlo perché è pure più
        performante in certi
        casiQualcuno usa ancora Real Video? Saran un paio d'anni che non vedo streaming o filmati in quel formato...
        • Sgabbio scrive:
          Re: ma sono dei dementi.
          solo un paio d'anni ? Io dico solo che con l'avvento di posti come youtube e affini, certe soluzioni ne hanno pesantemente risentito.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: ma sono dei dementi.
            - Scritto da: Sgabbio
            solo un paio d'anni ? Io dico solo che con
            l'avvento di posti come youtube e affini, certe
            soluzioni ne hanno pesantemente
            risentito.Lo streaming di video in formato Real video in effetti era caduto in disuso molto tempo prima...Mi è capitato un video compresso in quel formato "appena" poco meno di 2 anni fa, ma adesso effettivamente non se ne vede più traccia...E dire che come formato era (all'epoca) piuttosto evoluto, era possibile grazie al software Realproducer creare filmati di buona qualità anche ai bitrate più bassi (perfino 56k!). Superiore senz'altro al poco flessibile ASF di MS, per certi versi anche migliore del suo sucXXXXXre (WMV), Real Networks era piuttosto amata per il suo codec, un pò meno per il suo player, un vero e proprio "elefante" per la sua pesantezza e la sua poca trasparenza! Niente di strano che tutti gli preferissero Real Alternative! Prendersela adesso, dopo tanti anni, è totalmente anacronistico...
          • Sgabbio scrive:
            Re: ma sono dei dementi.
            Infatti! Tra l'altro pure apple ruppe le palle per quicktime alternative, infatti spari nella raccolta dei codec di mezza rete...
    • Get Real scrive:
      Re: ma sono dei dementi.

      Seconda cosa, che razza di vilazione di marchio
      c'è nella parola
      Real?A loro non importa se c'è violazione o no. Loro hanno i soldi, quindi hanno sempre ragione. Se dicono che c'è violazione, tu puoi solo chinare la testa.
    • dfghjk scrive:
      Re: ma sono dei dementi.
      Mi sa che hanno deciso di prendersela con qualcuno che non avesse tanti soldi per difendersi per stabilire un principio legale in europa.Poi in altre cause potrebbero rifarsi alla sentenza di questa causa.
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma sono dei dementi.
        dipende se in quel luogo i precedenti fanno giurisprudenza o meno.Di certo un buon avvocato li sfanculerebbe.
      • Oppure scrive:
        Re: ma sono dei dementi.
        Sai che ci avevo pensato anch'io? Perchè prendersela PROPRIO con questo qua?Che sfiga per lui però!
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: ma sono dei dementi.
      - Scritto da: Sgabbio
      Prima di tutto prendersela contro uno che ha
      messo un link su un pacchetto che ti fa usare i
      codec della realnetworks senza portarsi dietro
      quel bidone di player
      video...

      Seconda cosa, che razza di vilazione di marchio
      c'è nella parola
      Real?Se hanno registrato Real potrebbe esserci la violazione, le norme che riguardano la protezione dei marchi sono cavillose. Ti ricordo che la Redhat mandò una lettera tramite i suoi legali al creatore della distro CENTOS solo perché in homepage c'era scritto che derivava da Redhat.
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma sono dei dementi.
        - Scritto da: Dottor Stranamore

        Se hanno registrato Real potrebbe esserci la
        violazione, le norme che riguardano la protezione
        dei marchi sono cavillose. Dipende dal luogo, non in tutti i posti accttano come marchio una parola di uso comunque.Ti ricordo che la
        Redhat mandò una lettera tramite i suoi legali al
        creatore della distro CENTOS solo perché in
        homepage c'era scritto che derivava da
        Redhat.fonte ?
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: ma sono dei dementi.
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: Dottor Stranamore




          Se hanno registrato Real potrebbe esserci la

          violazione, le norme che riguardano la
          protezione

          dei marchi sono cavillose.

          Dipende dal luogo, non in tutti i posti accttano
          come marchio una parola di uso
          comunque.

          Ti ricordo che la

          Redhat mandò una lettera tramite i suoi
          legali
          al

          creatore della distro CENTOS solo perché in

          homepage c'era scritto che derivava da

          Redhat.

          fonte ?Te la potevi cercare da solo non era difficile:http://www.centos.org/modules/news/article.php?storyid=66
    • Osvy scrive:
      Re: ma sono dei dementi.
      - Scritto da: Sgabbio
      Seconda cosa, che razza di violazione di marchio
      c'è nella parola Real?Fossi in loro, citerei il Real Madrid... ;-)mi pare pazzesco.. anche la spesa per i suoi avvocati è pazzesca!Ma si applica la legge americana??? non quella olandese?
    • prova123 scrive:
      Re: ma sono dei dementi.
      Più che dementi sono il solito insulto alla intelligenza della razza umana: se nel marchio c'è una parola del dizionario dovresti pagare i diritti a chi ha scritto il dizionario oppure è un caso di "prior art"...Poi il marchio è "Real Alternative" che è diverso da "RealNetwork".Se alcune aziende si sono stancate di lavorare per guadagnare facendo cause a destra e a manca consiglio di vendere tutto ed andare a giocare in borsa. Anzi al casinò potrebbe essere più divertente. Lasciando lavorare a chi ha ancora voglia di farlo.Di questo passo fra 100 anni non si potrà inventare più un marchio: se vendo elettronica per essere dicura di non violare altri marchi cosa utilizzerò "carni equine" ?
Chiudi i commenti