Belgio: libertà d'espressione a rischio?

12.500 euro di multa per Jurgen Verstrepen, esponente del partito regionalista fiammingo Vlaams Belang, bandito dai media nazionali. L'accusa ufficiale: ha usato server oltreconfine per offrire contenuti proibiti


Anversa – Un blog censurato dalle autorità è un fatto sicuramente insolito per il panorama europeo. Tuttavia è accaduto in Belgio, nel cuore dell’Unione Europea, dove la commissione di vigilanza sulle comunicazioni delle Fiandre ha comminato una multa da 12.500 euro a Jurgen Verstrepen , esponente del controverso partito regionalista Vlaams Belang .

Opinionista ed agitatore politico, Verstrepen è ben noto all’elettorato fiammingo per aver condotto una popolarissima trasmissione radiofonica chiamata ZwartofWit, Nero o Bianco . Incentrato sul dibattito tra gli elettori del partito regionalista fiammingo, spiccatamente contrario all’immigrazione musulmana, il radio talk-show venne prontamente messo al bando dal territorio nazionale perché considerato “pericoloso per la sicurezza del Belgio”.

Verstrepen decise quindi di sfruttare la natura sovranazionale di Internet per trasferire la sede operativa di ZwartofWit in altri paesi, appoggiandosi ad una infrastruttura radiofonica digitale basata su server inglesi e tedeschi. Il governo belga si adoperò per contrastare anche questa mossa, riuscendo nei suoi intenti ed incastrando la radio digitale per motivi tecnici e burocratici di varia natura.

Per niente scoraggiato, Verstrepen decise di raggiungere i propri affezionati ascoltatori grazie al versatilissimo sistema del podcasting , un canale di comunicazione asincrono e apparentemente svincolato da particolari limitazioni strutturali. Seguito da molti simpatizzanti e curiosi, il podcast raccoglie interventi telefonici di membri del Vlaams Belang riguardo temi particolarmente scottanti: lotta all’immigrazione, tutela dell’etnia belga di lingua olandese e secessione da Bruxelles.

La presenza di Verstrepen sul panorama mediatico belga, insolita e lontana dal territorio di riferimento, ha avuto il peggior effetto possibile sull’amministrazione locale: le autorità sono riuscite ad individuare un precisa violazione delle normative sulla comunicazione politica e sociale.

La diffusione di contenuti audio via Internet, anche se asincrona e condotta su scala internazionale, è stata equiparata ad una qualsiasi attività radiofonica tradizionale sul territorio: una condizione che obbliga al possesso di una apposita licenza , che naturalmente Verstrepen non possiede. Secondo le leggi in vigore nelle Fiandre “non è possibile trasmettere informazioni capaci di sovvertire l’ordine pubblico” e qualsiasi radio deve inoltre “trasmettere dalla regione o da Bruxelles”.

Sono bastati questi tre cavilli per censurare Verstrepen e condannarlo alla chiusura definitiva di ZwartofWit. Il condannato si è dichiarato innocente ed annuncia di voler continuare ad “essere presente su Internet”. “Questa è la morte della libertà d’espressione”, si legge sul blog di Verstrepen, “poiché se un podcast viene equiparato ad una radio e viene regolamentato, allora tutti i blog che fine devono fare?”.

Un futuro di censura centralizzata, alla cinese , si affaccia all’orizzonte dell’Unione Europea politicamente corretta ? “Di questo passo”, giurano alcuni lettori del blog di Verstrepen, “la soluzione cinese sarà l’unica strada possibile per evitare il tutti contro tutti”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ora della pedofilia se ne sbattono
    interessante.priorità numero 1 : soldi.Interessante che la Cina sia nel WTO e massacri i diritti umani e la democrazia, valori fondanti degli USA ... addirittura entrano "in combutta" con i (brrrr!!! buuuu!!! pauraaaaaa) COMUNISTI ...ed ora con chi ? Con i Russi!!! Buuu! Comunistiiii ... pauraaaa...no no, basta che ci caccino le royalties, vero?La cosa interessante è poi vedere spamming russo che ti dice sostanzialmente "fare sesso con i bambini in russia non è illegale" ... roba da farti inorridire, altro che porno o sessuofobia... questi fanno spamming con il CRIMINE più efferato, dicendoti semplicemente "da noi questo non è illegale, quindi le jeux son fait! vieni e divertiti!!!"(un po' come dire che qui il falso in bilancio non è un reato e quindi è proprio il caso di venire qui a commettere questa cosa immorale.)quindi niente lotta lla pedofila per far entrare la russia nel WTO ... no! rispetto del Copyright! Molto, molto più importante per la dignità umana interplanetaria che i dstributori o i detentori dei diritti di Eminem, Madonna o Alanis Morissette possano incassare ogni singolo cent, ogni singola goccettina immaginabile, piuttosto che forzare gli stati che straziano la vita umana civile a darsi un minimo di contegno, di contenere la propria barbiarie perlomeno con il bastone-carota dell'economia... o diventi civile o non giochiamo con te...ma è ormai impossibile, vero?
  • Xnusa scrive:
    Parliamo di Copyright sugli alimenti?
    Forse sarà un discorso un pò a pera, ma mi risulta che quando l'Italia chiese agli USA di rispettare i marchi alimentari italiani doc, impedendo quindi il proliferare di pecorini, parmigiani e prosciutti made in USA (ma con marchio italiano) abbiano rifiutato di riconoscere i prodotti nostrani...Quando si tratta di rispettare i copyright degli altri se ne infischiano altamente :( Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo di Copyright sugli alimenti
      - Scritto da: Xnusa
      Forse sarà un discorso un pò a pera, ma mi
      risulta che quando l'Italia chiese agli USA di
      rispettare i marchi alimentari italiani doc,
      impedendo quindi il proliferare di pecorini,
      parmigiani e prosciutti made in USA (ma con
      marchio italiano) abbiano rifiutato di
      riconoscere i prodotti nostrani...
      Quando si tratta di rispettare i copyright degli
      altri se ne infischiano altamente :(
      Ciao.questo è molto interessante!!!hai qualche link a supporto?
      • Xnusa scrive:
        Re: Parliamo di Copyright sugli alimenti
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Xnusa

        Forse sarà un discorso un pò a pera, ma mi

        risulta che quando l'Italia chiese agli USA di

        rispettare i marchi alimentari italiani doc,

        impedendo quindi il proliferare di pecorini,

        parmigiani e prosciutti made in USA (ma con

        marchio italiano) abbiano rifiutato di

        riconoscere i prodotti nostrani...
        questo è molto interessante!!!

        hai qualche link a supporto?Si tratta di una questione piuttosto vecchia della quale ho cercato tracce su Internet, ma non c'è molto...Ho trovato qualche "strascico" qui:http://notizie.parma.it/page.asp?IDCategoria=16&IDSezione=2107&ID=49497o qui: http://www.parmigiano-reggiano.it/comunicatienews_comunicatistampa_detail.cfm?id_comunicato=6856&cs_anno=2005Comunque, oltre agli USA, anche i paesi dell'Europa del nord hanno osteggiato spesso il diritto a definire Parmigiano solo quello italiano e non il Parmesan danese o olandese... :-)Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Ma Bush non si sente un fantoccio?
    Adesso MPAA e RIAA decidono l'agenda del Ministero degli Esteri USA?E se Putin giustamente gli rispondesse che è l'ultima delle sue preoccupazioni in questo periodo e che dovrebbe esserlo anche per i governi occidentali?Dopo questa uscita da burattino delle major Bush deve solo sperare che Putin tenti di essere diplomatico e gli risponda che impiegherà contro la pirateria le risorse che gli resteranno una volta dedicate quelle necessarie alla lotta al terrorismo, la mafia e la delinquenza comune.
  • ryoga scrive:
    Molto difficile che succeda...
    Purtroppo l'economia in Russia e nei paesi vicini, è a livelli abbastanza bassi ( basti pensare che uno stipendio medio si aggira sui 300-500? mensili ) e che quindi è impossibile combattere la pirateria ( nessuno potrebbe piu' acquistare prodotti informatici/musicali/audiovisivi ) dati i costi proibitivi.Puo' darsi che la situazione cambi nel giro di qualche anno ( ultimamente vedo proposte di lavoro come programmatore a 1000-1200? al mese...), ma per il momento la situazione è tutt'altro che rose e fiori (non che qui si stia meglio....anzi...mentre li c'e' una sorta di crescita economica, qui vedo solo una forte depressione ed il mercato spinge al ribasso gli stipendi )
  • Anonimo scrive:
    [OT] I manifesti del Berlusca in PDF....
    Anche il Berlusca usa software piratato!!!Pare proprio che il grafico assoldato dal berlusca sia stato beccato a impaginare i pdf con una versione di XPress, oltre che veramente obsoleta (v. 4.1), anche illegalmente KRAKKATA !!!!!leggete quihttp://socialdesignzine.aiap.it/sdz/archives/005969.php
  • Anonimo scrive:
    E se la Russia non ascolta
    Gli Usa sono pronti ad inviare gli elicotteri Apache sul Cremlino !!!MVFCpuffa
    • Anonimo scrive:
      Re: E se la Russia non ascolta
      Di piu direi...probabilmente se non comprano winzozz li bombardano come in Iraq: tanto che gli costa? Gli armamentari presunti di Saddam se non si son trovati o non c'erano mai stati o se li son FREGATI prima che arrivassero i soldati gli stessi americani, che vi credete???
  • Anonimo scrive:
    Chissa' perche'....
    si da' un ultimatum alla russia, ma in cina, dove e' peggio (andare per credere!), dove ci sono interi grandi magazzini a dieci piani zeppi di dvd copiati, l'untimatum non gli si da'.....Forse perche' ha qualche soldino in piu', qualche dollaruccio da parte, oppure perche' tantissime grandi aziende americane (e non solo) guadagnano a piene mani producendo in cina?
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissa' perche'....
      - Scritto da: Anonimo
      si da' un ultimatum alla russia, ma in cina, dove
      e' peggio (andare per credere!), dove ci sono
      interi grandi magazzini a dieci piani zeppi di
      dvd copiati, l'untimatum non gli si da'.....Veramente di moniti ne sono stati dati, e ripetutamente, anche alla Cina. Solo che la Cina può permettersi di fargli marameo. La Russia no, visti gli aiuti economici che le arrivano dagli USA.
      • mda scrive:
        Re: Chissa' perche'....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        si da' un ultimatum alla russia, ma in cina,
        dove

        e' peggio (andare per credere!), dove ci sono

        interi grandi magazzini a dieci piani zeppi di

        dvd copiati, l'untimatum non gli si da'.....

        Veramente di moniti ne sono stati dati, e
        ripetutamente, anche alla Cina. Solo che la Cina
        può permettersi di fargli marameo. La Russia no,
        visti gli aiuti economici che le arrivano dagli
        USA.Se decide la Russia di convertire tutti i $ in ? il caro $ sai che brutta fine farebbe ?Chi ha forti debiti fa da padrone sui creditori, ottenendo sempre nuovi crediti.Questa è solo propaganda !!! ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Chissa' perche'....
          - Scritto da: mda
          Se decide la Russia di convertire tutti i $ in ?
          il caro $ sai che brutta fine farebbe ?Chi ci perderebbe? I creditori. Di sicuro non gli USA. Il loro debito estero è in US dollars. La Russia è un paese fortemente indebitato.Molto più degli USA.I principali creditori USA sono: Cina, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e il Kuwait.E' difficile stabilire esattamente le cifre perchè spesso entrano in gioco intermediari.Ad es: la famiglia reale del Kuwait o un capataz del partito comunista cinese che acquistano US bonds tramite una banca tedesca.
          Chi ha forti debiti fa da padrone sui creditori,
          ottenendo sempre nuovi crediti.Da quando?
  • Anonimo scrive:
    Sono alla frutta!!!
    Bainwol " perchè abbiamo un bisogno DISPERATO di vedere risultati concreti "Buonanotte.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono alla frutta!!!
      La Cina è la prima potenza economica al mondo(non.. lo sarà.. lo E': Bush quest'anno è andato in visitain Cina 2 volte...), la Russia una potenza regionalein grande crescita (sarò visionario, ma x me nel girodi 5 anni i Russi si saranno comprati tutta l'Europa,nn solo il Chelsea), gli USA sono il paese + indebitatoal mondo, senza grosse prospettive di uscirne... è vero,sono disperati e gli (ex) alleati militari e economicigli stanno voltando le spalle... chi è disperato è pericoloso... okkio xciò!
  • Max3D scrive:
    piu che la pirateria...
    di rampante la c'e' solo la mafia... e poi hanno ancora il problema cecenia... figuratevi se si mettono a dare la caccia ai pirati (e alle streghe no?)
    • Anonimo scrive:
      Re: piu che la pirateria...
      C'è da restare stupiti della tua cultura internazionale. Come se l'Inghilterra non avesse l'IRA nell'Ulster, come se la Spagna non avesse l'ETA dei paesi baschi. Sono ugualmente terrorismi, solo non musulmani. E come se l'Italia non fosse la patria della mafia. Invece di dare questi pietosi giudizi di politica internazionale sarebbe meglio riflettere sul fatto che, dove le multinazionali americane sono deboli esiste un'altra concezione del diritto di autore. Piu volte su questo forum si è parlato del diritto d'autore russo che non coincide col diritto di editore come nella concezione americana. Gli internauti hanno sempre commentato dicendo "siamo tutti russi". La pirateria? E' un'altra storia. Se anche fosse eliminata in Russia gli USA non le consentirebbero ugualmente l'ingresso nel WTO a meno che non uniformi la sua legislazione al sistema americano.
      • mda scrive:
        Re: piu che la pirateria...
        - Scritto da: Anonimo
        C'è da restare stupiti della tua cultura
        internazionale. Come se l'Inghilterra non avesse
        l'IRA nell'Ulster, come se la Spagna non avesse
        l'ETA dei paesi baschi. Sono ugualmente
        terrorismi, solo non musulmani. E come se
        l'Italia non fosse la patria della mafia. Invece
        di dare questi pietosi giudizi di politica
        internazionale sarebbe meglio riflettere sul
        fatto che, dove le multinazionali americane sono
        deboli esiste un'altra concezione del diritto di
        autore. Piu volte su questo forum si è parlato
        del diritto d'autore russo che non coincide col
        diritto di editore come nella concezione
        americana. Gli internauti hanno sempre commentato
        dicendo "siamo tutti russi". La pirateria? E'
        un'altra storia. Se anche fosse eliminata in
        Russia gli USA non le consentirebbero ugualmente
        l'ingresso nel WTO a meno che non uniformi la sua
        legislazione al sistema americano.Credi ????, io credo che Putin abbia risposto con una pernacchia !(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: piu che la pirateria...
      - Scritto da: Max3D
      di rampante la c'e' solo la mafia... e poi hanno
      ancora il problema cecenia... figuratevi se si
      mettono a dare la caccia ai pirati (e alle
      streghe no?)che gli costa, col metodo che hanno, ne prendono 10 di quelli bravi e gli dicono "noi amiamo gli hacker, beccate quelli così e così, voi siete valorosi e questi sono dollaroni su su"poi li rastrellano tutti, compresi i 10 usati come spioni e li fanno fuori. Loro, le loro famiglie e tutti quelli che hanno visto sentito o annusato qualcosaTrac, tutti morti.Tu... Qualcosa da ridire?Ah ecco, mi sembrava.
  • Anonimo scrive:
    un bisogno disperato
    sbaglio o qualcuno ha un bisogno disperato che noi gli si cacci denaro per acquistare la roba prodotta negli US?
    • Anonimo scrive:
      Re: un bisogno disperato
      un bisogno disperato ...http://www.fas.org/man/dod-101/sys/ship/index.html
    • Anonimo scrive:
      Re: un bisogno disperato
      - Scritto da: Anonimo
      sbaglio o qualcuno ha un bisogno disperato che
      noi gli si cacci denaro per acquistare la roba
      prodotta negli US?Sei proprio un pollo! Ma cosa ti fa pensare che loro abbiano bisogno dei soldi di un pezzente come te? Bha...
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: un bisogno disperato
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        sbaglio o qualcuno ha un bisogno disperato che

        noi gli si cacci denaro per acquistare la roba

        prodotta negli US?

        Sei proprio un pollo! Ma cosa ti fa pensare che
        loro abbiano bisogno dei soldi di un pezzente
        come te?
        Bha... Da dove credi che arrivino la maggior parte dei soldi per creare gli ingenti capitali che hanno sotto le chiappe? Da altri capitalisti?
        • Anonimo scrive:
          Re: un bisogno disperato
          - Scritto da: nattu_panno_dam

          - Scritto da: Anonimo





          - Scritto da: Anonimo


          sbaglio o qualcuno ha un bisogno disperato che


          noi gli si cacci denaro per acquistare la roba


          prodotta negli US?



          Sei proprio un pollo! Ma cosa ti fa pensare che

          loro abbiano bisogno dei soldi di un pezzente

          come te?

          Bha...

          Da dove credi che arrivino la maggior parte dei
          soldi per creare gli ingenti capitali che hanno
          sotto le chiappe? Da altri capitalisti?Ma cosa vuoi capire te che lecchi il culo al tuo capo dalla mattina alla sera.! Taci e torna a dormire.
          • TurboWilly scrive:
            Re: un bisogno disperato

            Ma cosa vuoi capire te che lecchi il culo al tuo
            capo dalla mattina alla sera.! Taci e torna a
            dormire.Giusto. Torna a dormire, va. Se non sei indignato per quello che dicono e fanno quei tizi otreoceano, forse ti conviene cambiare sponda... dell'atlantico.Grato fin chè vuoi perchè hanno fatto a fette i nazisti, ma non tollero che si considerino dei fautori del volere di Dio in terra. Questi tizi usano la fede per coprire gli interessi destati dal denaro.Non so chi possa essere la bestia della peggior spece, se Bin Laden (creato da loro) o loro.Ai posteri l'ardua sentenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            Per nostra gratitudine "perchè gli americani hanno fatto a fette i tedeschi" ci sono i morti del Cermis che sono ancora in attesa di giustizia per non parlare di "prelievi" di persone da parte dei servizi segreti americani in Italia. Cose democratiche no?
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo
            Per nostra gratitudine "perchè gli americani
            hanno fatto a fette i tedeschi" ci sono i morti
            del Cermis che sono ancora in attesa di giustizia
            per non parlare di "prelievi" di persone da parte
            dei servizi segreti americani in Italia. Cose
            democratiche no?Certo Calipari DOCET ... (o meglio DECE-duto ) :s
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: TurboWilly
            Giusto. Torna a dormire, va. Se non sei indignato
            per quello che dicono e fanno quei tizi
            otreoceano, forse ti conviene cambiare sponda...
            dell'atlantico.A me indignano gia' abbastanza quello che fanno in Italia gli italiani. Tocca cambiare.
            Grato fin chè vuoi perchè hanno fatto a fette i
            nazistiPer la precisione in quella occasione hanno fatto a fette tedeschi, italiani, rumeni, bulgari, ungheresi finlandesi e giapponesi + caduti per fuoco amico.
            ma non tollero che si considerino dei
            fautori del volere di Dio in terra.Bene, adesso che lo sappiamo...
            Questi tizi
            usano la fede per coprire gli interessi destati
            dal denaro.Per forza, hanno studiato bene il modo d'agire del vaticano.
            Non so chi possa essere la bestia della peggior
            spece, se Bin Laden (creato da loro) o loro.
            Ai posteri l'ardua sentenza.Un poco ipocrita, l'hai gia' data.
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: TurboWilly


            Giusto. Torna a dormire, va. Se non sei
            indignato

            per quello che dicono e fanno quei tizi

            otreoceano, forse ti conviene cambiare sponda...

            dell'atlantico.

            A me indignano gia' abbastanza quello che fanno
            in Italia gli italiani. Tocca cambiare.


            Grato fin chè vuoi perchè hanno fatto a fette i

            nazisti

            Per la precisione in quella occasione hanno fatto
            a fette tedeschi, italiani, rumeni, bulgari,
            ungheresi finlandesi e giapponesi + caduti per
            fuoco amico.


            ma non tollero che si considerino dei

            fautori del volere di Dio in terra.

            Bene, adesso che lo sappiamo...


            Questi tizi

            usano la fede per coprire gli interessi destati

            dal denaro.

            Per forza, hanno studiato bene il modo d'agire
            del vaticano.


            Non so chi possa essere la bestia della peggior

            spece, se Bin Laden (creato da loro) o loro.


            Ai posteri l'ardua sentenza.

            Un poco ipocrita, l'hai gia' data.Bravo.Ti consiglio il modello venezuelano, magari.Invece ti troverari il tallone cinese sulla nuca.Così va il mondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo

            Bravo.
            Ti consiglio il modello venezuelano, magari.
            Invece ti troverari il tallone cinese sulla nuca.
            Così va il mondo.La rabbia fa un brutto effetto. D'altronde ti capisco, non tutti i paesi possono far parte dell'OPEC e fare affari alla pari con i cinesi.
          • Bruco scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: TurboWilly
            Grato fin chè vuoi perchè hanno fatto a fette i
            nazisti, E BASTA CON QUESTE FREGNACCE! BASTA BASTA BASTA! NON C?E? DEBITO VERSO GLI USA Era necessario farlo molto tempo fa, ma ora diventa obbligatorio affermare che non esiste alcun ?debito di riconoscenza verso gli Stati Uniti che hanno liberato l?Europa dal nazifascismo?, come si sente continuamente affermare da tutti i sostenitori della guerra all?Iraq. Gli innamorati delle stars and strips, per malafede o per ignoranza, sostengono il dovere di onorare un debito che non ha ragione di esistere. La guerra in Europa contro l?esercito nazifascista non è stata, nella sostanza, vinta dagli USA, ma dall?Unione Sovietica. Si tratta di smentire un luogo comune che vede addirittura, anche i recenti film di successo, l?ingresso nei lager nazisti di carroarmati liberatori che recano la stella bianca, quando invece i più importanti campi di concentramento, a cominciare da Auschwitz, furono, come si sa, liberati dai soldati russi.Dopo la precipitosa ritirata degli anglo-francesi da Dunquerque, fino al giugno del 1944, l?unico fronte è stato quello orientale: l?esercito sovietico ha sostenuto da solo, per tre lunghi anni (giugno 1941-giugno 1944), e al costo di oltre venti milioni di morti, l?intero peso del conflitto in Europa. Quando gli Alleati sono sbarcati in Normandia nel giugno del 1944, l?esercito tedesco era già agonizzante, pur essendo ancora capace di tremendi colpi di coda. In ogni caso a fronteggiare le armate alleate nel nord della Francia c?erano 58 divisioni hitleriane, mentre sul fronte orientale i russi ne combattevano ben 326. Vale a dire che il peso e il sacrificio di gran lunga imparagonabile per vincere la seconda guerra mondiale in Europa furono sostenuti dall?Unione Sovietica e non dagli Stati Uniti. Questi decisero lo sbarco quando l?avanzata dell?esercito rosso era già arrivata a Budapest e Varsavia. Gli Stati Uniti cioè si accorsero che se avessero atteso un altro po? l?Europa sarebbe interamente stata liberata, con le conseguenze che è facile immaginare, dagli eserciti della stella rossa. Gli Stati Uniti contribuirono alla liberazione dell?Europa, con le armi e con cospicui aiuti economici e militari, ma in cambio uscirono definitivamente dalla catastrofica crisi economica del 1929, soppiantarono nel dominio del mondo le ex potenze coloniali di Francia e Inghilterra, disseminarono di basi militari (tuttora esistenti) l?intero continente, per non parlare delle condizioni di dominio che da allora in poi il dollaro e le multinazionali americane hanno attuato qui come nel resto del mondo.Da dove dovrebbe nascere il debito di riconoscenza dell?Italia verso gli Usa? Dagli inutili (militarmente) e devastanti bombardamenti sulle nostre città, con migliaia di morti innocenti?
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            Che non esista per nulla un debito di riconoscenza non sono d'accordo, ma nell'infuocata esposizione che hai fatto hai sostanzialmente ragione: la guerra fu veramente vinta dai russi, non dagli americani. Gli americani liberarono l'Italia solo perché era la cosa piu' facile da fare -definita "il ventre molle dell'Asse- il famoso secondo fronte di Churchill non arrivava mai e quando arrivò la Germania era già ridotta a mal partito dai risuscitati militari sovietici, irriconoscibile rispetto al 1941. Dal giugno 1944, sbarco in Normandia, alla fine della guerra mancava meno di un anno. Per rendersi conto della veracità di tutto questo basta guardare il film "La Caduta", prodotto dai tedeschi stessi, che testimonia con cura di dettagli gli ultimi giorni della vita di Hitler. Tutto questo pero' non c'entra con la questione del diritto d'autore. Senza sconfinare nell'antiamericanismo pregiudiziale o ideologico, sarebbe meglio riflettere sul fatto che, dove le multinazionali americane sono deboli esiste un'altra concezione del diritto di autore. Piu volte su questo forum si è parlato del diritto d'autore russo che non coincide col diritto di editore come nella concezione americana. Gli internauti hanno sempre commentato dicendo "siamo tutti russi". La pirateria? E' un'altra storia. Se anche fosse eliminata in Russia gli USA non le consentirebbero ugualmente l'ingresso nel WTO a meno che non uniformi la sua legislazione al sistema americano.
          • Anonimo scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo
            Che non esista per nulla un debito di
            riconoscenza non sono d'accordo, ma
            nell'infuocata esposizione che hai fatto hai
            sostanzialmente ragione: la guerra fu veramente
            vinta dai russi, non dagli americani. Gli
            americani liberarono l'Italia solo perché era la
            cosa piu' facile da fare -definita "il ventre
            molle dell'Asse- il famoso secondo fronte di
            Churchill non arrivava mai e quando arrivò la
            Germania era già ridotta a mal partito dai
            risuscitati militari sovietici, irriconoscibile
            rispetto al 1941. Dal giugno 1944, sbarco in
            Normandia, alla fine della guerra mancava meno di
            un anno. Per rendersi conto della veracità di
            tutto questo basta guardare il film "La Caduta",
            prodotto dai tedeschi stessi, che testimonia con
            cura di dettagli gli ultimi giorni della vita di
            Hitler.

            Tutto questo pero' non c'entra con la questione
            del diritto d'autore. Senza sconfinare
            nell'antiamericanismo pregiudiziale o ideologico,
            sarebbe meglio riflettere sul fatto che, dove le
            multinazionali americane sono deboli esiste
            un'altra concezione del diritto di autore. Piu
            volte su questo forum si è parlato del diritto
            d'autore russo che non coincide col diritto di
            editore come nella concezione americana. Gli
            internauti hanno sempre commentato dicendo "siamo
            tutti russi". La pirateria? E' un'altra storia.
            Se anche fosse eliminata in Russia gli USA non le
            consentirebbero ugualmente l'ingresso nel WTO a
            meno che non uniformi la sua legislazione al
            sistema americano.A queste cazzate non crede nemmeno Cossutta.
          • Santos-Dumont scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo
            A queste cazzate non crede nemmeno Cossutta.Tu a cosa credi?
          • Santos-Dumont scrive:
            Re: un bisogno disperato
            Quoto.E aggiungo: qualcuno se la ricorda o no la bandiera che venne issata sul Reichtag? Propaganda, certo, ma non propaganda Made in USA .
          • Anonimo scrive:
            Re: NOOOO!!!!
            "Non so chi possa essere la bestia della peggior spece, se Bin Laden (creato da loro) o loro."Non posso più sentire ca@@ate come questa.. CREATO DA LORO.Ma perchè dovete dire delle baggianate simili..Bin L è nato stra mega ricco, ha avuto l'opportunità di studiare e vivere normalmente in un'altro paese per anni.... Nella sua vita si è creato una sua idea (ed anche grazie hai soldi che ha ed alle manie di grandezza e potere) l'ha CREATA... LUI STESSO.GRRRRRRRR :
          • Anonimo scrive:
            Re: NOOOO!!!!
            - Scritto da: Anonimo
            "Non so chi possa essere la bestia della
            peggior spece, se Bin Laden (creato da loro)
            o loro."
            Non posso più sentire ca@@ate come questa..
            CREATO DA LORO.
            Ma perchè dovete dire delle baggianate
            simili..
            Bin L è nato stra mega ricco, ha avuto
            l'opportunità di studiare e vivere
            normalmente in un'altro paese per anni....
            Nella sua vita si è creato una sua idea (ed
            anche grazie hai soldi che ha ed alle manie
            di grandezza e potere) l'ha CREATA... LUI
            STESSO.
            GRRRRRRRR :
          • Anonimo scrive:
            Re: NOOOO!!!!
            si certo, ed esiste pure babbo natale...
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: un bisogno disperato
            - Scritto da: Anonimo


            Ma cosa vuoi capire te che lecchi il culo al tuo
            capo dalla mattina alla sera.! Taci e torna a
            dormire.Guarda che i capitalisti intesi nel mio post non esistono qui in italia, quindi inutile che tiri fuori chissà quale italiota. Quà abbiamo capitalisti senza capitale, hanno solo debiti e li vendono addirittura (vedi telecom history).
  • Anonimo scrive:
    Non potete fermarci!
    Io sono un Hacker, e questo è il mio manifesto. Potete anche fermare me (potete provarci, almeno), ma non potete fermarci tutti... dopo tutto, siamo tutti uguali, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non potete fermarci!
      - Scritto da: Anonimo
      Io sono un Hacker, e questo è il mio manifesto.
      Potete anche fermare me (potete provarci,
      almeno), ma non potete fermarci tutti... dopo
      tutto, siamo tutti uguali, no?no, io sono più uguale di te
      • Max3D scrive:
        Re: Non potete fermarci!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Io sono un Hacker, e questo è il mio manifesto.

        Potete anche fermare me (potete provarci,

        almeno), ma non potete fermarci tutti... dopo

        tutto, siamo tutti uguali, no?

        no, io sono più uguale di tee dov'e' il manifesto ? (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non potete fermarci!
        Cosa sareste voi? Avete forse la villa in Sardegna? Il più uguale sono io. Cribbio!
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: Non potete fermarci!
          - Scritto da: Anonimo
          Cosa sareste voi? Avete forse la villa in
          Sardegna? Il più uguale sono io. Cribbio!Eh si, li ad Arcore l' uguaglianza si respira a pieni polmoni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non potete fermarci!
          - Scritto da: Anonimo
          Cosa sareste voi? Avete forse la villa in
          Sardegna? Il più uguale sono io. Cribbio!Leggo (finalmente) "La Fattoria Degli Animali" di Orwell...Gli animali creano sette comandamenti...Il settimo dice (tra parentesi la frasi aggiunta successivamente dai MAIALI per giustificare le loro azioni):"Tutti gli animali sono uguali. (ma alcuni sono più uguali degli altri)"http://it.wikipedia.org/wiki/La_fattoria_degli_animalihttp://it.wikipedia.org/wiki/George_Orwell
          • Anonimo scrive:
            Re: Non potete fermarci!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Cosa sareste voi? Avete forse la villa in

            Sardegna? Il più uguale sono io. Cribbio!

            Leggo (finalmente) "La Fattoria Degli Animali" di
            Orwell...

            Gli animali creano sette comandamenti...

            Il settimo dice (tra parentesi la frasi aggiunta
            successivamente dai MAIALI per giustificare le
            loro azioni):

            "Tutti gli animali sono uguali. (ma alcuni sono
            più uguali degli altri)"

            http://it.wikipedia.org/wiki/La_fattoria_degli_ani
            http://it.wikipedia.org/wiki/George_OrwellLeggiti anche 1984 di Orwell, molto bello come libro
Chiudi i commenti