Benvenuti ad Albany, frazione di Redmond

Microsoft si sta preparando a rivoluzionare il proprio sistema di distribuzione. Il software non si comprerà, sarà disponibile per un tot al mese. Quanto sia questo tot, resta un mistero

Roma – Il mondo lo conosce come Albany , ma quelli di Microsoft lo chiamano anche ValueBox . Quale sarà il suo nome commerciale non è ancora noto, ma già ora si sa cosa conterrà e che sarà presto avviata una beta del servizio tra i clienti che ne hanno fatto richiesta. E così le applicazioni di produttività di ufficio, l’antivirus, lo strumento di backup e tre servizi online, tutti targati BigM, saranno inseriti in un solo pacchetto software da ottenere dietro il pagamento di un abbonamento mensile o annuale. I costi, per il momento, restano un segreto gelosamente custodito.

Office in versione Home and Student (Word, Excel, PowerPoint e OneNote), Office Live Workspace (l’add on per il lavoro collaborativo online), Windows Live OneCare (antivirus e backup), Live Mail, Live Messenger e Photo Gallery. Tutto sarà inserito in un singolo file di installazione , in grado – secondo Microsoft – di soddisfare le esigenze minime dell’utente medio. Tutte le applicazioni saranno aggiornate all’ultima release disponibile, e qualora una nuova versione venisse rilasciata saranno automaticamente upgradate (sempre che la sottoscrizione sia ancora attiva).

“Stiamo esplorando nuovi territori, combinando assieme Office con strumenti per la sicurezza e la comunicazione, tenendo inoltre sempre aggiornati i nostri clienti con l’ultima versione disponibile” scrive Bryson Gordon, product manager di Albany. Gordon precisa comunque che Microsoft non intende abbandonare il suo metodo tradizionale di commercializzazione del software: “Albany offrirà più scelta e risponde a precise esigenze dei consumatori”. Chi lo desidera, tuttavia, potrà anche optare per l’acquisto del software completo: in quel caso pare che Microsoft preveda anche delle strategie di uscita dal sistema di sottoscrizione, che comportano l’esborso di qualche euro per l’acquisto di una licenza tradizionale, così da consentire ai clienti di continuare ad usufruire dei file creati con le applicazioni made in Redmond .

Quantificare di quali cifre si stia parlando, risulta al momento impossibile. Neppure la sempre informata Mary Jo Foley , redattrice di ZDNet e tra i massimi conoscitori delle strategie di BigM, sembra essere in grado di fare luce sulla faccenda.

ValleyWag si domanda polemicamente perché l’utente dovrebbe sborsare ogni mese dei quattrini per servizi al momento gratuiti , quali Office Live Workspace e Messenger, soprattutto visti i costi delle licenze dei prodotti coinvolti che per il mercato statunitense sono tutto sommato contenuti. Certo è che se, come suggerito , Albany sarà l’ alternativa a Google Docs , sono in molti ad avanzare delle perplessità sulle potenzialità di questo prodotto: con l’office online di BigG gratuito, pagare per un’alternativa anche se slegata dalla logica del cloud computing potrebbe sembrare comunque pleonastico.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Edo78 scrive:
    Personalmente
    io ne faccio un uso diverso, non ho nemmeno un amico tra coloro che seguo o che mi seguono, per quello uso mail o gruppi di discussione creati appositamente.twitter lo uso come canale per ricevere aggiornamenti da alcuni bot, come interfaccia d'uso per altri e come megafono per urlare insieme alla folla.Tutto da un unica interfaccia ... e tenendo contenuto il rapporto rumore/segnale lo trovo un ottimo strumento.
  • pippo scrive:
    bevete Koka Kola
    Sarà il modello di businness :D
  • aghost scrive:
    E' una boiata
    Ho provato lungamente ad usarlo, perché ne parlavano tutti e volevo capire cos'era. Dopo un lungo e faticoso apprendistato ho però concluso che era una boiata :)http://aghost.wordpress.com/2008/03/10/twitter/
    • Lorry scrive:
      Re: E' una boiata
      - Scritto da: aghost
      Ho provato lungamente ad usarlo, perché ne
      parlavano tutti e volevo capire cos'era. Dopo un
      lungo e faticoso apprendistato ho però concluso
      che era una boiata
      :)

      http://aghost.wordpress.com/2008/03/10/twitter/Fossi in te aggiungerei che è una boiata per te ;)
  • Stiv Giobs scrive:
    Autoreferenziale, come Mantellini
    Twitter e la sua comunità è autoreferenziale, si parla adosso e basta. E in questo assomiglia molto a Mantellini. Che parla di Twitter perché in realtà può parlare di se stesso.
  • Piero scrive:
    Basta con sto twitter
    Ormai se ne parla ogni giorno... cambiamo argomenti ogni tanto..
  • Anonymous scrive:
    io lo uso
    esclusivamente per comunicare con amici che sono in giro per il mondo e non ho modo di vedere molto frequentemente.In questo caso twitter e' imbattibile, so sempre cosa fanno, dove sono, come stanno, e tutto in modo veloce e immediato, senza star li' a mandarsi mail o scriversi su msn/skype.E' questo il bello (imho) di twitter, informo gli amici e vengo informato da loro costantemente ma senza perdere troppo tempo.
    • Henry pioggia di rane scrive:
      Re: io lo uso
      - Scritto da: Anonymous
      esclusivamente per comunicare con amici che sono
      in giro per il mondo e non ho modo di vedere
      molto
      frequentemente.
      In questo caso twitter e' imbattibile, so sempre
      cosa fanno, dove sono, come stanno, e tutto in
      modo veloce e immediato, senza star li' a
      mandarsi mail o scriversi su
      msn/skype.
      E' questo il bello (imho) di twitter, informo gli
      amici e vengo informato da loro costantemente ma
      senza perdere troppo
      tempo.@Anonymous: sto scrivendo su punto-informatico
Chiudi i commenti