BitTorrent Entertainment, il P2P che piace alle major

Completata la transizione della società di Cohen a strumento prediletto per la distribuzione di contenuti autorizzati. Le major hanno fatto breccia nella comunità BitTorrent. Adottando tecnologie DRM

Roma – La storia d’amore tra l’industria e BitTorrent Inc. è ormai una cosa seria, e le due parti sono infine convolate a nozze con tutti i crismi del caso: è nato il BitTorrent Entertainment Network , canale di distribuzione di video, show televisivi, film e videogiochi a pagamento. Un progetto nel quale il network sviluppato da Bram Cohen si trasforma in maniera definitiva in strumento di business per le major . Sparita ogni traccia di possibile illegalità, c’è posto anche per i vituperati DRM .

Al momento di scrivere, il portale di BitTorrent invita a rimanere sintonizzati per scoprire “un’esperienza di intrattenimento tutta nuova”, anche se in realtà di nuovo questo BEN pare avere ben poco: sarà in pratica un servizio di noleggio e vendita di contenuti digitali , inclusivi di pellicole cinematografiche, video musicali, show televisivi e la new entry dei videogame per PC. I film saranno disponibili solo a nolo, al prezzo di 2,99-3,99 dollari al titolo e se ne potrà fruire fino a 30 giorni dal download o entro 24 ore dalla prima visione.

Il catalogo dei film si presenta già abbastanza ricco, con un totale di circa 3.000 pellicole vecchie e nuove fornite da Fox, Paramount, Warner ed MGM. Per garantire la protezione ai preziosi contenuti e il funzionamento del sistema di noleggio il network usa il DRM Microsoft : una scelta che lo stesso Cohen definisce “infelice”, ma obbligatoria per venire a patti con le major. “Non siamo contenti per le implicazioni sull’interfaccia utente. È un peccato, e ci piacerebbe davvero eliminarle via del tutto” dichiara in un’intervista a Slyck.com il fondatore di BitTorrent Inc.

Nell’intervista il coder risponde a tutto tondo anche sulle critiche all’offuscamento del protocollo da lui inventato, una modalità utile a bypassare certi sistemi di controllo del traffico implementati da alcuni provider per ridurre la banda “succhiata” dall’uso di BitTorrent. Si dilunga anche sulla nuova Joost dei Kazaa people e ammette poi che i DRM fondamentalmente non funzionano per gli audiovisivi . Proteggere cose come i videogame è un conto, spiega, ma infilare le protezioni in file multimediali stand-alone è tutt’altra storia, con una lunga serie di fallimenti a comprovarne la parecchio scarsa efficacia.

“Spero di non avere contenuti con DRM su BitTorrent.com in un futuro non troppo lontano”, conclude speranzoso il programmatore, esprimendo il malcelato desiderio che i primi, incerti passi dell’industria nel mare magnum del file sharing si trasformino in un approccio più adulto e razionale a qualcosa che nei fatti è già più avanti di loro .

Sia come sia, per ora non si prevedono conversioni in massa degli incalliti bucanieri della condivisione illegittima e libera da qualsivoglia restrizione, ma persino i nuovi partner delle major sperano che queste si ravvedano e comincino a trattare i condivisori come utenti di tecnologie innovative e potenziali consumatori da rispettare, piuttosto che criminali telematici da perseguire a mezzo tribunali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Più di 7 ore per riavviare i server?
    Ah già, dimenticavo, sei sistemista Windows ;)CMQ, a parte le facili battute (si fà per ridere, via...), ammiro la tua volontà: una cosa rara per un italiano...
  • Anonimo scrive:
    ...certificazioni INUTILI
    le certificazioni m$ sono perfettamente inutili ai fini della consocenza, servono solo a m$ per raccatare soldi e a chi li prende come bollini per il curriculum dati in pasto a chi non se ne internde... poi una volta che sei al lavoro te ne dimentichi, questa scadono e avanti così...
  • Anonimo scrive:
    Ma va .....
    Ma va .....Pensa alla salute. :)
  • zap985 scrive:
    Re: "Lavoro nell'IT, 23 anni e già ..."
    Salve in risposta alla lettera "Lavoro nell'IT, 23 anni e già una carriera" vorrei esporre il mio caso.Io sono un ragazzo di 21 anni che abita in Emilia Romagna, più precisamente a Modena.E' ad quasi un'anno che sono riuscito ad entrare in una software house.Per fare ciò mi sono adattato a prendere uno stipendio veramente minimo di poche centinaia di euro che non mi coprivano neanche il rimborso spese, ma pur di riuscire far cariera mi sono adatto.Appena entrato ho cercato subito di farmi valere, studiandomi il linguaggio di programmazione che utilizzava la ditta anche fuori l'orario di lavoro fino a circa l'una di notte per potermi far valere poi sul campo lavorativo e cercare di raggiungere nel minor tempo possibile, il livello di competenza dei miei colleghi.Inoltre finchè c'ero studiavo anche la configurazione dei server, in modo di essere autonomo e di poter capire se quando eseguivo qualche test era un problema di programmazione o di configurazione.Nel giro di qualche mese, pian piano, giustamente, il mio stipendio è aumentato, fino a fermarsi ad una cifra sotto i 1000, sempre con contratto co.co.pro. e sono venuto a sapere che difficilmente sarei andato oltre quella cifra.Nella lettera precedente, si parlava di essere disponibili e di "sacrifici", e mi sembra di esserlo stato, di non essermi mai tirato indietro, disposto a trasferte, ma comunque il compenso è rimasto lo stesso.E' vero l'azienda dove lavoro non è grandissima e le trasferte sono solo in italia, ma non avrei nessun problema neanche a girare all'esterno, anzi sarebbe quello che cerco, ma non è così facile.Ho provato a fare dei colloqui a Milano, anche se in pochi mi hanno chiamato solo per incontrarmi, dato la mia poca esperienza, e visto che appena leggeranno Modena, sapranno che almeno una cifra per mantenermi il trasferimento mi servirebbe.Quindi non centra solo la disponibilità e i "sacrifici" che si fanno, ma anche trovare un'azienda che sappia riconoscere il valore del dipende, almeno questo è il mio punto di vista.Saluti.A.P.
  • Anonimo scrive:
    "L'Incredibile"?
    Nel caso ti dovesse avanzare qualche nanosecondo di gioioso e dolce far niente... hai mica provato a farti assumere anche dalla Disney?Sai, fino a qualche tempo fa erano in crisi... Visto che ogni tanto lavori gratis magari con la tua bella FAVOLA da supereroe potrebbero ricavare il concept per uno spin-off de "Gli Incredibili", non credi? ;)Un Mortale
    • Anonimo scrive:
      Re: "L'Incredibile"?
      - Scritto da:
      Nel caso ti dovesse avanzare qualche nanosecondo
      di gioioso e dolce far niente... hai mica provato
      a farti assumere anche dalla
      Disney?
      Sai, fino a qualche tempo fa erano in crisi...
      Visto che ogni tanto lavori gratis magari con la
      tua bella FAVOLA da supereroe potrebbero ricavare
      il concept per uno spin-off de "Gli Incredibili",
      non credi?
      ;)

      Un Mortale :D
  • Anonimo scrive:
    Meglio filtrare
    Come diceva mio nonno, quando parla il tale bisogna darci a metà (libera traduzione dal dialetto). Sono tutte cose (lavorare di notte, fare qualche ora di straordinario non pagato)che in qualsiasi lavoro fatto con un minimo d'impegno succedono, anche se qua mi sembrano un tantino pompate e condite con un pò di fantasia. Adesso scusatemi ma devo andare a fare l'update del firmware dello Shuttle....
  • Anonimo scrive:
    Le tue competenze sono ridicole
    Sto sbarbatello ha delle competenze ridicolein pieno stile peracottaro,non mi stupisce affatto che gente di questo calibro fa carriera in italia.I professionisti seri non vengono presi in considerazione perchè non hanno nessuna intenzione di farsi paccare il culo dalla solita BR di turno.Orari flessibiliassenza di tutele basilaricapolaratolavorare per la gloriableah
  • er meglio scrive:
    GRANDE...CONTINA COSì!!
    HO APPENA 17 ANNI...E SOGNO ESSER CM TE...GRANDE E DISPOSTO AD AIUTARE GLI ALTRI...NN PER EGOCENTRISMO MA PERCHè MI SEMBRA GIUSTO COSì!!E NN DITE KE MANCA LAVORO...PERCHè NN è VERO!!!CIAO!!!E AUGORONI X IL FUTURO!!! :]
    • shevathas scrive:
      Re: GRANDE...CONTINA COSì!!
      - Scritto da: er meglio
      HO APPENA 17 ANNI...E SOGNO ESSER CM TE...
      GRANDE E DISPOSTO AD AIUTARE GLI ALTRI...NN PER
      EGOCENTRISMO MA PERCHè MI SEMBRA GIUSTO COSì!!E
      NN DITE KE MANCA LAVORO...PERCHè NN è
      VERO!!!CIAO!!!E AUGORONI X IL FUTURO!!!
      :]potresti iniziare esercitandoti a ripare il caps lock della tua tastiera :D
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDE...CONTINA COSì!!
      Un messaggio alquanto permeato di egocentrismo, mi pare. Poi credo che l'università serva a dare un metodo, non ad insegnarti come si configura Serv-U , il che non credo che da solo possa essere visto come metro di competenza.Amico mio, nella vita conta anche il fattore C. Tu sei 1, e tutti gli altri? Eppoi non vedo perche` uno per lavorare debba essere costretto a mettersi in evidenza come stakanovista, non penso rientri nel dominio della meritocrazia. Figuriamoci poi, il discorso sulla giacca e la cravatta: conosco bizzeffe di gente che sa il fatto suo, che va a lavoro con la magliettina dei led zeppelin o dei metallica. Sono punti di vista, lo so, niente di personale, ma credo che la tua esperienza non diradi i dubbi e le mille perplessità che circondano il settore dell'IT in Italia.Con l'augurio che questo non venga preso come un attacco personale, distinti saluti e buona fortuna per il tuo lavoro.
  • Anonimo scrive:
    Proviamo a vedere la cosa da un'altra...
    ...parte.Prendiamo il professionista IT "medio" che esce da questi post, correggetemi se sbaglio:- Età: 30~35 anni- Laurea: il 50% è laureato- Ha iniziato smanettando a 12 anni con gli Home Computer- Ha vissuto il boom dell'informatica degli anni '90 (in cui si era pochi ma buoni)- Oggi prende uno stipendio definito "da fame"Mi chiedo ?E per gli altri lavori ? Che so... segretarie, impiegati, commercilai, amministrativi ecc...Stessa situazione ? Sono pagati meglio ? Lavorano meno ?Non sarà che:- da una parte l'offerta di queste figure professionali è aumentata (= il prezzo cala, legge economica)- le procedure per "informatizzare" un'azienda si sono mediamente semplificate- Non si riesce più ad essere "indispensabili"Esatto, INDISPENSABILI.Non arà che molti di noi hanno passato i primi anni della carriera ad essere visti come "maghi" anche solo per saper fare doppio click (e magari, quindi strapagati), mentre oggi, siamo come tutti gli altri lavoratori ?Non sarà che le aziende hanno anche capito che non possono lasciare in mano a chiunque la criticità della propria informatizzazione e stanno appiattendo la nostra figura professionale per non esserne schiavi ?Non so, chiedo.... che ne dite ?
    • staza scrive:
      Re: Proviamo a vedere la cosa da un'altr
      - Scritto da:
      ...parte.

      Prendiamo il professionista IT "medio" che esce
      da questi post, correggetemi se
      sbaglio:

      - Età: 30~35 anni
      - Laurea: il 50% è laureato
      - Ha iniziato smanettando a 12 anni con gli Home
      Computer
      - Ha vissuto il boom dell'informatica degli anni
      '90 (in cui si era pochi ma
      buoni)
      - Oggi prende uno stipendio definito "da fame"

      Mi chiedo ?
      E per gli altri lavori ? Che so... segretarie,
      impiegati, commercilai, amministrativi
      ecc...
      Stessa situazione ? Sono pagati meglio ? Lavorano
      meno
      ?

      Non sarà che:
      - da una parte l'offerta di queste figure
      professionali è aumentata (= il prezzo cala,
      legge
      economica)
      - le procedure per "informatizzare" un'azienda si
      sono mediamente
      semplificate
      - Non si riesce più ad essere "indispensabili"

      Esatto, INDISPENSABILI.
      Non arà che molti di noi hanno passato i primi
      anni della carriera ad essere visti come "maghi"
      anche solo per saper fare doppio click (e magari,
      quindi strapagati), mentre oggi, siamo come tutti
      gli altri lavoratori
      ?
      Non sarà che le aziende hanno anche capito che
      non possono lasciare in mano a chiunque la
      criticità della propria informatizzazione e
      stanno appiattendo la nostra figura professionale
      per non esserne schiavi
      ?

      Non so, chiedo.... che ne dite ?
      guidare un furgoncino per consegnare alimentari (catering?) dalle 8.30 alle 16.30 lun-ven 1200 netti in busta
    • ryoga scrive:
      Re: Proviamo a vedere la cosa da un'altr
      Esatto....rientro proprio nella casistica.Con un "ma".Non ho "colto" l'epoca d'oro e quindi ho iniziato con uno stipendio da fame ( 500 euro ).A 10 anni di esperienza, mi ritrovo con uno stipendio raddoppiato, ma che nei fatti è sempre "da fame".Nel contempo anche le responsabiltà e le difficoltà dei progetti sono "raddoppiati" per non dire "quadruplicati" :- Saper gestire server Windows- Saper gestire database Sql Server- Saper gestire server Web ( Iis & Apache )- Saper gestire database MySqlpotrei continuare all'infinito.Le mie esperienze "personali", sono : 1° Azienda -
      Chiusa 1 mese dopo le mie dimissioni2° Azienda -
      Chiusa 5 mesi dopo le mie dimissioni3° Azienda -
      ... Viva e vegeta :D( Pero' i progetti che curavo io, ad oggi, son rimasti fermi li.....ed erano i progetti su cui si basava tutto il marketing aziendale )Le mie conclusioni sono quindi :- Se vengo pagato una miseria, per creare e gestire procedure e programmi che permettono dei guadagni mensili stratosferici ( dove stratosferici
      = a 50 volte il mio stipendio ), mi spieghi perche' dovrei farlo?- Se senza il mio operato ( la mia assistenza e/o la mia produzione ) non sono in grado di continuare tale programma che per loro genera un business talmente alto, perche' dovrei restare se ad una richiesta di un 100 euro di aumento mi criticano e/o deridono?Sono un professionista?Bene.Vedo commerciali guadagnare piu' loro al mese che io in 4 mesi.Io "CREO" il materiale, Io "GESTISCO" il cliente, Io "CONCLUDO" il contratto ( inteso come obblighi da parte dell'azienda verso il cliente ).Non dovrei quindi esser IO ad esser pagato 4 volte il commerciale?Un contatto, tra 1000 telefonate, lo si ottiene sempre ( semplice regola statistica ), perche' pagar oro quella persona che non produce nulla e dar uno stipendio da fame a quello che invece produce,gestisce e mantiene alto il livello economico dell'azienda?( Risposta per i troll di turno : ci sono casi in cui una persona preferisce avere uno stipendio certo ogni mese piuttosto che investire in un'azienda propria. Ma "stipendio certo" non significa " stipendio da fame " ).Spero di aver chiarito un po' tutto :)
      • caviccun scrive:
        Re: Proviamo a vedere la cosa da un'altr
        Mi fanno ridere quelli che tronfi della loro laurea si dicono "io sono laureato in informatica" .Embeh? poi magari non sanno nemmeno che cosa è un IP o un DHCP o altro. Cari i miei laureati se non smanettate a livello autodidattico non me ne frega niente della vostra "LAUREA". Io non sono laureato e nemmeno diplomato, embeh? faccio un c.... così a certi laureati, io certe utility me le scrivo da solo, in delphi , e allora? io ho fatto solo la TT media, qualcosa non va? affari vostri.
        • emulman scrive:
          Re: Proviamo a vedere la cosa da un'altr
          anche io non sono laureato, ho solo un diploma di maturità scientifica ma faccio siti web dinamici in PHP 5 ad oggetti con zend framework 0.8 e ajax, gestionali web del tutto uguali ai classici gestionali Visual Basic sotto reti con la triade, apache-mysql-php e nessuno si è mai lamentato della mia mancanza. Anzi pensate che ho dato lezioni di basi di reti e di PHP a un laureando di informatica..e di certo non sto sveglio 20 ore su 24, a me importa solo avere un pò di soldi in tasca per togliermi qualche sfizio..adesso ad esempio voglio fare una bella crociera con la mia bella e sto mettendo da parte gli ultimi soldi. E per questo mica strafaccio, faccio le mie 8 (al max 10) ore lavorative al giorno...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 febbraio 2007 22.01-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Proviamo a vedere la cosa da un'altr
            - Scritto da:
            Questa storia della laurea non sussisterebbe se
            tutti si rendessero conto di quanto sia inutile
            una laurea in "informatica". Facciamo un (...)
            Morale: una volta arrivato in strada con l'auto
            commetto una strage perche` non so a chi dare la
            precedenza.
            fai un caso solo, che a mio avviso dimostra poco.Anzi continuando il tuo esempio: visto che il tipo non rispetta gli stop e fa una strage allora perchè non abolire completamente la patente ?
            nero. Eppure il software sviluppato da 2 tizi che
            hanno campato con 500 euro al mese ha fruttato
            all'azienda centinaia di miliaia di euro. Premetto che imho sono pagati poco ma,sviluppato nel senso che gli informatici hanno fatto l'analisi preliminare, si sono occupati della progettazione del software, hanno curato l'usabilità dell'interfaccia, si sono occupati della commercializzazione o hanno semplicemente scitto codice su analisi e direttive di altri ?nel primo caso sono stati pagati pochissimo e sarebbe giusto andarsene prendendo il loro khow how, nel secondo caso, pur ribadendo che sono stati pagati poco, hanno fatto un semplice lavoro di stesura del codice, niente di eccezionale.
            E
            quindi? Ad uno gli viene da pensare: a questo
            punto me la apro io la azienda. Bene, benissimo.
            Saper programmare, pero`, non vuol dire saper
            fare tutto cio` che serve per gestire un azienda.
            Per carita`, qualcuno potrebbe anche esserne
            capace, ma il resto? Questo per ritornare al
            discorso dell'amico sul
            "commerciale".
            e si torna anche al discorso dell'essere pagato per quello che vali.Se sai solo lavorare al tornio ti ammetto l'incazzo se ti pagano poco, ma non ammetto la pretesa di voler prendere quanto un manager.Molti sono ancora convinti che scrivere codice dietro analisi* e direttive fatte da altri sia una gran cosa, invece ormai è un lavoro di bassa manovalanza.*ovviamente intendo analisi precise e dettagliate non un semplice: "scrivi un qualcosa che faccia questo e quello".
  • Anonimo scrive:
    Non ho assunto nessuno..
    Ho 40 e passa anni , laurea in informatica (fra i primi laureati italiani), mastico bit dai tempi dello Spectrum etc etc .. attualmente sono un senior pagato più che decentemente: 20k euro netto all'anno + benefit.Il mese scorso la mia società doveva assumere un junior ma non troppo, insomma qualcuno con le capacità tecniche standard da affinare presso di noi.Malgrado una prima scrematura (lettura CV, telefonata) la decina di colloqui che ho fatto si sono rivelati disastrosi sia tecnicamente (ormai è indispensabile essere tuttologi, non dico che bisogna essere sistemisti Linux o DBA oracle, ma bisogna almeno conoscerli) ma soprattutto dal punto di vista umano: gente che si presenta masticando la cicca, che pronuncia "stage" all'inglese, che puzza di asociale lontano un miglio, che non riesce ad articolare 2 frasi 2 di senso compiuto... l'informatica non è solo scrivere codice ma anche ascoltare le esigenze dei clienti e dei colleghi, analizzarle, proporre soluzioni e solo DOPO scrivere codice!Insomma il famoso smanettone, anche se laureato e certificato, è totalmente invendibile se gli manca l'aspetto umano...
    • shevathas scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..
      nello specifico che profilo professionale junior cercavate ?programmatori, sistemisti, tuttologi, venditori, analisti ?e sopratutto passi per linux, che è facile da procurarsi per giocarci sopra, ma oracle non è già una richiesta un po' troppo avanzata ?
    • Hydargos scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..

      Ho 40 e passa anni , laurea in informatica (fra i
      primi laureati italiani), mastico bit dai tempi
      dello Spectrum etc etc .. attualmente sono un
      senior pagato più che decentemente: 20k euro
      netto all'anno +
      benefit.
      Scusa se sono franco... ma 20k netti/annui più benefit e sei un "senior" di 40anni laureato ?A me sembrano da fame...
      Il mese scorso la mia società doveva assumere un
      junior ma non troppo, insomma qualcuno con le
      capacità tecniche standard da affinare presso di
      noi.Appunto... quanto avreste voluto dargli a questo "junior" ?

      Malgrado una prima scrematura (lettura CV,
      telefonata) la decina di colloqui che ho fatto si
      sono rivelati disastrosi sia tecnicamente (ormai
      è indispensabile essere tuttologi, non dico che
      bisogna essere sistemisti Linux o DBA oracle, ma
      bisogna almeno conoscerli) ma soprattutto dal
      punto di vista umano: gente che si presenta
      masticando la cicca, che pronuncia "stage"
      all'inglese, che puzza di asociale lontano un
      miglio, che non riesce ad articolare 2 frasi 2 di
      senso compiuto... l'informatica non è solo
      scrivere codice ma anche ascoltare le esigenze
      dei clienti e dei colleghi, analizzarle, proporre
      soluzioni e solo DOPO scrivere
      codice!Su questo mi trovi perfettamente d'accordo. E pensa che i miei colleghi mi considerano "antico" perché a 34 anni vengo a lavorare in camicia invece che in maglietta...Io ho 34 anni, 13 di esperienza come SysAdmin Microsoft, lavoro anche su reti, sistemi Linux.Gestisco gli acquisti, ho esperienza all'estero, lavoro anche in proprio, parallelamente al lavoro dipendente, facendo assistenza a studi professionali (dove la "presenza" vale quanto la tecnica).Stipendio da dipendente 17k netti annui + benefit e reperibilitòà. Una vergogna.Ho fatto di recente un colloquio presso un'improtante gruppo italiano di moda. Ho chiesto 35k lordi annui; mi hanno riso in faccia...
      • longinous scrive:
        Re: Non ho assunto nessuno..

        Ho fatto di recente un colloquio presso
        un'improtante gruppo italiano di moda. Ho chiesto
        35k lordi annui; mi hanno riso in
        faccia...Accontentati di meno, lavora da loro per qualche mese, nascondigli nella rete qualche bomba a tempo e licenziati un ora prima che esplodano.Lo so che non si fa, ma a certa gente devi far sbattere il naso contro dei muri mooooolto duri prima che capiscano che si fanno solo del male.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ho assunto nessuno..
          - Scritto da: longinous
          nascondigli nella rete qualche bomba a
          tempo e licenziati un ora prima che
          esplodano.Etica professionale: 30 e lode. Complimenti! @^
          • longinous scrive:
            Re: Non ho assunto nessuno..
            - Scritto da:
            - Scritto da: longinous

            nascondigli nella rete qualche bomba a

            tempo e licenziati un ora prima che

            esplodano.

            Etica professionale: 30 e lode. Complimenti! @^grazie, a me hanno sempre detto che si raccoglie ciò che si semina...Ah, scusa, evidentemente vale solo per me e lui, gli altri possono prenderci e usarci cone strofinacci vecchi impunemente, perchè l'etica professionale ci impedisce di metterli nella medda.Scusa un po'.Visto e considerato che non ci viene riconosciuta una minima professionalità, mi spieghi che etica professionale dovremmo avere?Quella dei dentisti?degli avvocati?No, per sapere.Io ripago sempre la gente con la stessa moneta, o per lo meno ci provo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non ho assunto nessuno..
            l'etica professionale e' morta gia da lunga data.
    • longinous scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..
      - Scritto da:

      Ho 40 e passa anni , laurea in informatica (fra i
      primi laureati italiani), mastico bit dai tempi
      dello Spectrum etc etc .. attualmente sono un
      senior pagato più che decentemente: 20k euro
      netto all'anno +
      benefit.

      Il mese scorso la mia società doveva assumere un
      junior ma non troppo, insomma qualcuno con le
      capacità tecniche standard da affinare presso di
      noi.

      Malgrado una prima scrematura (lettura CV,
      telefonata) la decina di colloqui che ho fatto si
      sono rivelati disastrosi sia tecnicamente (ormai
      è indispensabile essere tuttologi, non dico che
      bisogna essere sistemisti Linux o DBA oracle, ma
      bisogna almeno conoscerli) ma soprattutto dal
      punto di vista umano: gente che si presenta
      masticando la cicca, che pronuncia "stage"
      all'inglese, che puzza di asociale lontano un
      miglio, che non riesce ad articolare 2 frasi 2 di
      senso compiuto... l'informatica non è solo
      scrivere codice ma anche ascoltare le esigenze
      dei clienti e dei colleghi, analizzarle, proporre
      soluzioni e solo DOPO scrivere
      codice!

      Insomma il famoso smanettone, anche se laureato e
      certificato, è totalmente invendibile se gli
      manca l'aspetto
      umano...Diciamo che ti serviva un analista-programmatore-compagnone alle prime armi che conoscesse già abbastanza bene un OS non standard e un database coi controcazzi.Si, puoi trovarlo.Dico davvero, non è ironico, lo puoi trovare, ma mi viene un dubbio: tipo di contratto e compenso (se si può sapere)?
      • Hydargos scrive:
        Re: Non ho assunto nessuno..

        Diciamo che ti serviva un
        analista-programmatore-compagnone alle prime armi
        che conoscesse già abbastanza bene un OS non
        standard e un database coi
        controcazzi.
        Si, puoi trovarlo.
        Dico davvero, non è ironico, lo puoi trovare, ma
        mi viene un dubbio: tipo di contratto e compenso
        (se si può
        sapere)?Si... ecco..appunto...Questo, da "senior" prende uno stipendio che è poco più da junior......sono curioso di sapere quanto gli hanno offerto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..
      - Scritto da:

      Ho 40 e passa anni , laurea in informatica (fra i
      primi laureati italiani), mastico bit dai tempi
      dello Spectrum etc etc .. attualmente sono un
      senior pagato più che decentemente: 20k euro
      netto all'anno +
      benefit.BhuahaahhahahahahhahahaIl tuo stipendio è ridicolo Sys-admin Senior 75mila sterlonze annualipresso una grossa banca Londinese.Laurea e master Cardiff tutto incluso 8)
      che non riesce ad articolare 2 frasi 2 di
      senso compiuto... l'informatica non è solo
      scrivere codice ma anche ascoltare le esigenze
      dei clienti e dei colleghi, analizzarle, proporre
      soluzioni e solo DOPO scrivere
      codice!Cazzata l'informatica applicativa significascrivere codice analizzare e fottersene dei clienti per quelli ci serve l'account managerche sa come trattare certe bestie.....
      Insomma il famoso smanettone, anche se laureato e
      certificato, è totalmente invendibile se gli
      manca l'aspetto
      umano...Avete sbagliato profilola prossima volta richiedi un sales manager con infarinatura informatica......
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho assunto nessuno..
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        Ho 40 e passa anni , laurea in informatica (fra
        i

        primi laureati italiani), mastico bit dai tempi

        dello Spectrum etc etc .. attualmente sono un

        senior pagato più che decentemente: 20k euro

        netto all'anno +

        benefit.

        Bhuahaahhahahahahhahaha
        Il tuo stipendio è ridicolo
        Sys-admin Senior 75mila sterlonze annuali
        presso una grossa banca Londinese.
        Laurea e master Cardiff tutto incluso 8)


        che non riesce ad articolare 2 frasi 2 di

        senso compiuto... l'informatica non è solo

        scrivere codice ma anche ascoltare le esigenze

        dei clienti e dei colleghi, analizzarle,
        proporre

        soluzioni e solo DOPO scrivere

        codice!

        Cazzata l'informatica applicativa significa
        scrivere codice analizzare e fottersene dei
        clienti per quelli ci serve l'account
        manager
        che sa come trattare certe bestie.....


        Insomma il famoso smanettone, anche se laureato
        e

        certificato, è totalmente invendibile se gli

        manca l'aspetto

        umano...

        Avete sbagliato profilo
        la prossima volta richiedi un sales manager con
        infarinatura
        informatica......
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ho assunto nessuno..
          ancora con questa storia delle societa' londinesi.. londra ha il costo della vita piu' caro del mondo dopo tokyo , l'ICI a londra costa 100/150 sterline AL MESE!!!!!!!!!! un abbonamento SETTIMANALE per la metro costa piu' di un abbo mensile a roma , dividi per 4 e vedi che ti rimane del tuo stipe farewell
          • The_GEZ scrive:
            Re: Non ho assunto nessuno..
            Ciao !
            ancora con questa storia delle societa'
            londinesi.. londra ha il costo della vita piu'
            caro del mondo dopo tokyo , l'ICI a londra costaHo "sperimentato" personalmente sia Londra che Tokyo (più Tokyo a dire la verità ...) e ti sorprenderà sapere che ... Londra è ben più cara di Tokyo !!!In effetti lavorare in Giappone (ma NON a Tokyo) non mi dispiacerebbe neppure ... ma questa è solo una mia fissa ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..
      L'aspetto umano puoi pretenderlo per quei profili professionali che sono continuamente a contatto coi clienti, altrimenti e' come licenziare l'operatrice di call center perché arriva al lavoro spettinata.Da quello che scrivi mi dai l'idea della classica azienda che cerca Un profilo professionale(1), che paga Uno stipendio (1) ma che vuole fargli fare 4-5 mestieri.
      • longinous scrive:
        Re: Non ho assunto nessuno..
        - Scritto da:
        L'aspetto umano puoi pretenderlo per quei profili
        professionali che sono continuamente a contatto
        coi clienti, altrimenti e' come licenziare
        l'operatrice di call center perché arriva al
        lavoro
        spettinata.
        Da quello che scrivi mi dai l'idea della classica
        azienda che cerca Un profilo professionale(1),
        che paga Uno stipendio (1) ma che vuole fargli
        fare 4-5
        mestieri.cercano 1 persona con almeno 2-3 profili professionali pagandola 1/3 dello stipendio che gli spetterebbe e facendogli fare dai 4 ai 9 lavori diversi (prendi le competenze ed elevale al quadrato, fai prima)
    • picchiatello scrive:
      Re: Non ho assunto nessuno..
      - Scritto da: (ormai
      è indispensabile essere tuttologi, non dico che
      bisogna essere sistemisti Linux o DBA oracle, ma
      bisogna almeno conoscerli) e gia' qua.......mi meraviglio che si siano presentati a fare il colloquio.....
  • Anonimo scrive:
    ...e poi c'era la marmottina...
    ...che le incartava una per una...Bimbo, torna coi piedi a terra. Te lo dice uno di 40 anni che ha dovuto sputare sangue per ottenere quello che tu dici di aver ottenuto a 23.Il mercato dell'IT e' in una situazione tragica, i moderni mercanti di schiavi stanno massacrando quelli della tua eta', quindi non prenderli (e non prenderti) in giro.Senza rancore e/o polemica
  • pistorum scrive:
    Fermate il mondo, voglio scendere
    Lavoro nel campo IT da 23 anni, il mio profilo professionale è medio e ho vissuto tante situazioni descritte in questi giorni di discussioni, molte cose sono vere, altre verissime comprese la "vanterie".E' vero, molte persone brave nel loro lavoro fanno le cose descritte: MA deve essere possibile avere una vita normale anche nell'IT, lavorare con onestà e impegno, dare anche più del dovuto ma deve esistere una vita privata degna di tale nome.Tanti auguri a tutti noi.
  • Anonimo scrive:
    Ma perchè ve la prendete con lui ?
    Ma perchè tutti si scagliano contro questo giovane volenteroso professionista It ? E' invidia la vostra che vi rende così acidi ? Perchè lui guadagna come un mazzo di noialtri messi insieme ? Io dico che se lo merita ! Io di notte non dormo perchè c'ho due bimbi che fanno due anni di età messi insieme, che cazzo pretendo dal mio datore di lavoro, che mi dica anche "bravo" perchè alla mattina vado al lavoro con delle cere da paura ?!?? Son certo che il nostro amico (lo dice lui stesso) ha un sacco di soddisfazione e riconoscimenti quando alla mattina si presenta al lavoro dopo una nottata "eroica" ! Ecchè, è colpa sua se lui vola a Londra un giorno sì e l'altro pure ed io vado a lavorare con la bicicletta ? Sono io che sono sfigato ! Lui invece è ganzo e dopo aver letto la sua lettera è per me diventato una specie di eroe ! Mi spiace solo non avere la sua foto, la metterei lì, tra Peter Norton con le braccia incrociate e la foto di Paolo Attivissimo !!! P.S. Tanto per dirvi com'è ganzo, io non so' 'na sega di cos'è Serv-u, per me è un servo sardo, io uso Filezilla al massimo !!! Figurati se posso capire la finezza ! Se poi uno mi dice MCSAEMCSE io gli rispondo MCCZZMNFTTM (e le vocali mettete voi) !Saluti
  • Hydargos scrive:
    Una domanda...
    ...quanto ti danno ?No, dico, seriamente.Lascia(mo) perdere chi si permette di giudicare la via altrui... è una questione di soldi e di scelte. E basta.Perché se ti danno 50k l'anno lordi, ok, fai bene e sei fortunato a trovare questa opportunità.Per meno, sinceramente, ci farei un pensierino, quantomeno a ritrattare.Insomma, per quello che fai, meno di quella cifra è un po' pochino... no ?P.S.Io sto cercando di emigrare proprio perché qui non riesco a trovare questo rapporto tra qu8alità della vita e lavoro...
  • Anonimo scrive:
    BRAVO! BRAVISSIMO!!!
    Vi faccio un esempio:Una società medio-grande è in difficoltà economiche, come a volte succede, riduce il personale e manda via persone che lavoravano da anni e che avevano famiglia.La società viene acquisita da una multinazionale che la rivaluta e prende personale nuovo.Chi credete che assumerà:1. La stessa persona che lavorava prima nella società e che ha dalla sua esperienza, conoscenza del mercato, dell'azienda e bisogno di lavorare.2. Un ragazzino che lavora gratis o quasi, non ha esperienza del mondo del lavoro, è facile da sfruttare al meglio.Devo dire che sei BRAVO!Anzi, mi correggo, un GENIO.E' grazie all'ignoranza del mercato che facciamo il favore delle multinazionali che ci guadagnano sulla nostra pelle, di persone che lavorano.Io sono solo sinceramente spaventato dal fatto che questa lettera è solo un esempio di quello che succede nel mondo del lavoro, dove nell'incoscienza totale un ragazzo si offre gratis pur di lavorare danneggiando altri lavoratori e aiutando a straguadagnare le grandi società che già ci sfruttano a dovere.
  • Anonimo scrive:
    mettiamo la parola fine
    giusto per fare chiarezza su queste favole :tempo fa ho conosciuto una persona che è stata assunta in una notissima azienda di elettronica che si occupa di cose tipo satelliti,roba per lo spazio e così via.Mandai il mio curriculum , prima di questa persona, e mi risposero che le competenze richieste erano : assembler,c e al limite c++;il tutto su piattaforme non windows (non saprei bene neanche quale sono le piattaforme che usano,penso unix-like).Bene, dopo un certo periodo , questa persona, che lavorava esclusivamente in vb e aveva avuto una breve esperienza in java, mi dice che lo hanno assunto , al che gli domando "scusa, chi ti ha raccomandato", "Nessuno!!! mi hanno assunto perchè sono bravo".Quindi , queste storie semplicemente non sono vere,o meglio, può esserci anche uno che fa carriera (anche a 18 anni),ma semplicemente perchè il padre, lo zio,il prete, la mamma, il politico lo fanno entrare.Certo , dopo qualche anno a non fare niente anche loro imparano qualcosa,ma questo è tutto.Adesso possiamo parlare tranquillamente di come il bitto si accompagni bene con un bicchiere di brunello.Ciao
  • The_GEZ scrive:
    Ma sembra solo a me ?
    Ciao a Tutti !Ormai è da un pò che l' argomento "Lavoro nell' IT" tiene banco qui su punto-informatico,anche se comunque io personalmente toglierei quel "nell' IT" e scriverei semplicemente "LAVORO", infatti più o meno in tutti i settori del lavoro dipendente la solfa è quella anche se forse nell' IT la situazione è più grave.Ma al di la di questo è sempre interessante leggere le esperienze riportate nella Home Page di PI e poi discuterne, ovviamente queste esperienze sono di tutti i tipi anche se quelle negative sono la maggioranza ... ma ogni tanto saltano fuori degli esempi particolarmente "virtuosi" come quello di oggi o questo :http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1898645&r=PIOppure questo :http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1884303Tuttavia quando questi "esempi virtuosi" saltano fuori io noto un punto che li accomuna ... in nessuno viene mai citato lo stipendio. Forse sono io all' antica, ma sapete com'è e se avete letto il mio altro mex sapete che sono un pelandrone e per giunta pretendo pure di essere pagato !Mah, sono proprio messo male !Salutoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma sembra solo a me ?
      Semmai hai il senso dell'humor, e anche buono visto che con l'argomento lavoro "riderci" è sempre più difficile. No, in effetti la tua è una piccola osservazione. Sarebbe buono anche verificare, insieme allo stipiendio, se fanno una vita autonoma (per intenderci, se vivono in famiglia, da soli, sposati, sposati con figli, sposati con figli ma lavora anche il consorte ecc.) in quanto mi sembra un punto fondamentale.
      Forse sono io all' antica, ma sapete com'è e se
      avete letto il mio altro mex sapete che sono un
      pelandrone e per giunta pretendo pure di essere
      pagato
      !
      Mah, sono proprio messo male !
      Salutoni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma sembra solo a me ?
        Perchè secondo te Barbie e Ken si fanno di questi problemi ? Chi ha scritto questa lettera non è più vero di loro
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma sembra solo a me ?
      - Scritto da: The_GEZ
      Ciao a Tutti !

      Ormai è da un pò che l' argomento "Lavoro nell'
      IT" tiene banco qui su punto-informatico,anche se
      comunque io personalmente toglierei quel "nell'
      IT" e scriverei semplicemente "LAVORO", infatti
      più o meno in tutti i settori del lavoro
      dipendente la solfa è quella anche se forse nell'
      IT la situazione è più
      grave.
      Ma al di la di questo è sempre interessante
      leggere le esperienze riportate nella Home Page
      di PI e poi discuterne, ovviamente queste
      esperienze sono di tutti i tipi anche se quelle
      negative sono la maggioranza ... ma ogni tanto
      saltano fuori degli esempi particolarmente
      "virtuosi" come quello di oggi o questo
      :

      http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1898645&r=PI

      Oppure questo :
      http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1884303

      Tuttavia quando questi "esempi virtuosi" saltano
      fuori io noto un punto che li accomuna ... in
      nessuno viene mai citato lo
      stipendio.
      Forse sono io all' antica, ma sapete com'è e se
      avete letto il mio altro mex sapete che sono un
      pelandrone e per giunta pretendo pure di essere
      pagato
      !
      Mah, sono proprio messo male !
      Salutoni.Se può consolarti, appartengo alle tue stesse categorie, quella dei pelandroni e quella dei contafagioli.Non a caso ho lasciato il mondo IT per un più ben remunerato lavoro al marketing (anche se spesso rimpiango quando mi divertivo a fare cose che mi piacevano, ma in ogni azienda che ho conosciuto bene, non molte, ma più delle dita, mi sono reso conto che non avrei mai potuto divertirmi da dipendente, con obiettivi fissati in modo totalmente slegato dalle ragioni tecniche e organizzative e sempre di basso profilo, senza innovazione ma con tanta minestra riscaldata, senza l'orgoglio di cercare di fare qualcosa di buono non solo per se, ma anche per il sistema -leggi prodotti buoni).E queste uscite mi ricordano tanto le persone che "devono" autoconvincersi di avercela fatta, di essere "sopra la media". Ormai siamo messi così male che aumentano esponenzialmente. IMHO, of course.Marlenus
    • picchiatello scrive:
      Re: Ma sembra solo a me ?
      - Scritto da: The_GEZ
      Tuttavia quando questi "esempi virtuosi" saltano
      fuori io noto un punto che li accomuna ... in
      nessuno viene mai citato lo
      stipendio.
      Forse sono io all' antica, ma sapete com'è e se
      avete letto il mio altro mex sapete che sono un
      pelandrone e per giunta pretendo pure di essere
      pagato
      !
      Mah, sono proprio messo male !
      Salutoni.Direi che oltre a non citare lo stipendio non citano ne' le ditte, ne' i clienti ne l'area di sviluppo; ok c'e' la privacy ( se si scrive cosi') ma se io fossi un imprenditore serio od un lavoratore serio se sto bene e se faccio il mio lavoro bene come minimo mi farei un piccolo spazio di "pubblicità" che PI non vieta se non erro. Poi vorrei anche piu' lettere da chi ha superato gli "anta" anche perche' vorrei ricordare che chi lavora "da dipendente" andrà in pensione verso i 70anni ( quelli di Vo laureati) se qualcuno riuscirà ad avercela la pensione.......mentre chi lavora da libero professionista andrà al lavoro direttamente con il tricliclo.
  • Anonimo scrive:
    M'è venuta la depressione
    Meno male che mia madre non usa internet e non legge PI altrimenti vedendo l'articolo avrebbe capito che non ho mai fatto una mazza, essendomi limitato a diventare un avvocato ed a lavorare dalle 9 alle alle 20 spesso week.end compresi.Sò proprio un fannullone e per non cadere in depressione dalle 19 alle 24 studierò per diventare Presidente della Repubblica.VOI INVECE SIETE SOLO INVIDIOSI E MAL PENSANTI.
    • Anonimo scrive:
      Re: M'è venuta la depressione
      - Scritto da:
      Meno male che mia madre non usa internet e non
      legge PI altrimenti vedendo l'articolo avrebbe
      capito che non ho mai fatto una mazza, essendomi
      limitato a diventare un avvocato ed a lavorare
      dalle 9 alle alle 20 spesso week.end
      compresi.
      Sò proprio un fannullone e per non cadere in
      depressione dalle 19 alle 24 studierò per
      diventare Presidente della
      Repubblica.
      VOI INVECE SIETE SOLO INVIDIOSI E MAL PENSANTI.Un mondo senza avvocati:[img]http://www.itaseinaudi.it/areastudenti/giornalino/giornalino200111/girotondo.gif[/img]
  • Anonimo scrive:
    Nottate...
    Le nottate fanno parte del lavoro di sistemista. Certo che se sei un dipendente, le fai con più rassegnazione; se sei un "consulente"/stagista/cococo/qualchealtraschifezza, no
  • Anonimo scrive:
    anche se fosse vero
    ti sembra normale che uno per trovare un impiego deve essere un genio superattivo e rinunciare alla propria vita sociale, essere disponibile 24su24cioè?! io faccio part time da 800 euro al mese in una societa IT, e mi rompo il cazzo già così.. non ho 4 cellulari probabilmente come te, ma la ragazza.inZomma ... flydown e GETTALIFE
  • Anonimo scrive:
    solite balle
    dopo aver finito l'università (ingegneria) sono stato mesi a cercare lavoro, passare tutte le ditte, mandare curriculum in cui descrivevo le mie competenze e le esperienze pratiche che avevo svolto primarisultati sono stati pessimi, specie quelle 2 o 3 volte che chiedendo come funzionava la ditta e sentendomi dire che usavano ancora windows 95 per la macchina a controllo numerico gli dicevo che esistono nuove soluzioni oggi che in caso di sostituzione del macchinario possono essere adattate al nuovo hardware, non come windows 95 che ormai va solo su pc antichipoi ho iniziato a leccare il culo al capo che incontravo nei colloqui, dire che ero ignorante ma che avrei imparato volentieri da loro la loro tecnologia e nel giro di 2 colloqui mi hanno assuntoecco come va la mia provincia del nord (premetto che non potendo permettermi un alloggio perchè a casa dei miei, pensionati, ho da cambiare la caldaia e prendermi una seconda macchina cosi ho dovuto cercare un lavoro in zona per poter avere una rimanenza mensile, se avevo da pagarmi un affitto non mi rimaneva piu di 200e al mese)ah, le agenzie a cui ho chiesto di lavorare come elettricista, magazziniere, meccanico ecc mi hanno sempre risposto che l'annuncio pubblicato non era piu valido, per poi trovarmi dopo pochi giorni sul giornale di annunci che loro cercavano ancora l'elettricista o il meccanico
  • castor007 scrive:
    Vivere per lavorare o ...
    ...lavorare per vivere questo è il dilemma.Sono diversi anni che lavoro nell'IT e non posso far altro che essere daccordo con chi sostiene che in questo settore, in Italia, NON esiste il riconoscimento della professionalità.Se 3 server si spengono contemporaneamente forse il problema sta nel progetto o nella scarsa manutenzione o nella inadeguatezza delle misure di sicurezza implementate.Fino a che c'e' gente disposta a lavorare nottetempo, magari gratis per soddisfare i bisogni della propria coscienza perchè non si è certi di avere fatto tutto il possibile per rendere affidabile una installazione allora non c'e' strada per la professionalità.Le tecnologie ci sono, ma mancano le conoscenze e cosi si finisce per vendere soluzioni sempre uguali, insicure e inaffidabili. Il cliente è "contento e coglionato" (come si dice dalle mie parti) basta che tutto abbia la "parvenza di funzionare bene".Questo è il vero problema dell'IT in italia. Tutti siamo convinti che saper fare clic e premere una sequenza di tasti "Avanti" faccia di noi un sistemista e in fondo tutti gli altri sono dei pazzi ad avere costi cosi alti!
  • Anonimo scrive:
    Mi ricorda quei film anni 70..
    .. con gli operai vessati e lo stacanovista della situazione che veniva cronometrato e i suoi tempi usati come punto di riferimento.Finché non perde un dito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi ricorda quei film anni 70..
      me lo ricordo bene il titolo era "la classe operaia và in paradiso"
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi ricorda quei film anni 70..
      - Scritto da:
      .. con gli operai vessati e lo stacanovista della
      situazione che veniva cronometrato e i suoi tempi
      usati come punto di
      riferimento.

      Finché non perde un dito.non ricordare i film di gian maria volontè è un delitto...
  • Anonimo scrive:
    Ma dobbimo tutti essere superman?
    A tutti, e non solo agli informatici, può succedere di dover affrtontare urgenze ed emergenze.A tutti può succedere dunque di dover lavorare l'intera notte.A me è successo (sono un informatico), è successo a mia moglie che lavora nel settore contabile di una media azienda, ed è successo a tanta altra gente che conosco.Ma cosa c'entra questo con la aspirazione a trovare un un lavoro che "di solito" possa essere effettuato nelle 8 ore di lavoro canoniche.Cosa c'entra questo con la ricerca di un lavoro che sia giustamente retribuito, e che soprattutto consenta di avere quelle sicurezze minime che consenta di mettere su famiglia, chiedere un mutuo in banca, fare progetti almeno per il futuro prossimo?Cosa c'entra questo con il fatto che nemmeno tu rientri nei parametri di questo annucio pubblicato ieri su un quotidiano nazionale e che riassumo:- Max 25 enne,- Laureato,- almeno 4 anni di esperienza,- DBA Oracle e SQL-Server,- Esperienza di SAP, e Document Management Perchè questo è il tema sottinteso da tutti gli interventi che riguardano il vaoro nell'IT in Italia e non la disponibilità a lavorare l'intera notte nel caso eccezzionale.
  • Anonimo scrive:
    Hanno chiamato da Kungliga Vetenskapsaka
    pare vogliano istituire il Nobel per l'informatica:sei stato candidato!
  • Anonimo scrive:
    non fatevi abbagliare
    riporto una risposta ad un altro thread :Oh buon dio del cielo !!! ma possibile che non capite e abboccate sempre all'amo !!questa è come quella dell'altra lettera ;anzi , guardate ne faccio una uguale :allora : ho 21 anni, mi sono diplomato al liceo piùmegliochecèistico con il massimo dei voti, nel mentre che dedicavo 4 ore al giorno allo studio,lavoravo (gratis) per un negozietto , poi puff !!! ,siccome ero bravo bravissimo , mi ha chiesto per favore la più meglio grande multinazionale americana di collaborare con lei,così 4 ore studiavo, 8 lavoravo , 5 ore a scuola, non dormivo, poi viaggiavo fino ad ulan bator, avanti e dietro ;ora sollevo i server con il pi.....llo, mi danno 15000 euro al mese;però li rifiuto perchè a 19 anni si deve lavorare gratis ; a proposito c'è un mio amico che ha 7 laureee ,3 mogli e 2 bimbi, guadagna 897.657 euro al mese che rende tutti indietro , però si è stufato.....vi basta ????quando arrivano queste lettere , l'unico commento dovrebbe essere :" A MANICA DE CAZZARIIIIII !!!!!!" PS:A chi mi cita esempi reali , faccio notare la vicenda di un noto imprenditore della moda(giovane),intelligentissimo che ha creato un marchio, portato ad esempio dalla stampa progressista come "gggiovane" che si è fatto da solo, salvo poi, in un inchiesta tv,intervistare il padre(notissimo imprenditore) che candidamente affermava : "bhe, isoldi del capannone li ho dati io, i materiali li ho forniti io, il marchio , bhe l'hanno creato i miei pubblicitari"......ripeto,unica risposta : A MANICA DE CAZZARIIII !!!!
  • Anonimo scrive:
    ma fate a chi la spara più grossa..?
    Non mi ero mai infilato a leggere i commenti, ma più che ai contenuti, facilmente si sparano sentenze... un pò superficiali...
  • lonehawk scrive:
    E' un caso personale
    Nulla da eccepire sul tuo lavoro, la tua voglia di impegnarti ecc...Però è un caso personale, io penso che PI dovrebbe, a questo punto, dare risalto ad una situazione a più ampio respiro, se, come pare, vuole diventare il punto nevralgico della denuncia di una situazione generale: in Italia, per tutta una serie di motivi, l'innovazione tecnologica è in ritardo e i lavoratori della tecnologia (programmatori, analisti, sistemisti, ecc...) vengono per questo sottostimati e quindi sottopagati.Ora che questo punto è appurato, ritengo che PI dovrebbe pubblicare interventi meno "soggettivi", impegnandosi piuttosto ad eviscerare le motivazioni delle problematiche (precariato, governo impermeabile alle innovazioni tecnologiche, lobbismo, ...) e a fare un po' più di giornalismo "investigativo" e un po' meno di "studioapertismo" populista (sia dal punto di vista di chi è Co.Co.Pro a 700 Euro/mese, che da quello di chi è imprenditore).Altrimenti sono tutte cose già dette ("Con l'impegno si arriva" vs. "La mia ditta mi paga una miseria").
    • lonehawk scrive:
      Re: E' un caso personale
      PS: Penso che almeno il 90% dei professionisti che scrivono qui (me compreso) abbiano, almeno una volta, fatto la notte per sistemare l'emergenza. Normale amministrazione. E' fare la notte per dare al cliente un ottimo prodotto, anche senza emergenza, che fa di te un vero eroe dell'informatica!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' un caso personale

      in Italia,
      per tutta una serie di motivi, l'innovazione
      tecnologica è in ritardo e i lavoratori della
      tecnologia (programmatori, analisti, sistemisti,
      ecc...) vengono per questo sottostimati e quindi
      sottopagati.Il tuo post è ottimo e PI dovrebbe tenerne conto.Ma la mia impressione è che i lavoratori IT verrebbero sottopagati anche se l'innovazione fosse più spinta. Sono gli imprenditori che vogliono così, non si tratta di innovazione, ma di mentalità (anche se è un'eufemismo chiamarla così).
  • Anonimo scrive:
    Domandaaaaa
    Non ho capito se questo viene adeguatamente pagato per il lavoro che fà?!?!Perchè se per queste cose si accontenta di 1000 euro al mese, bè ne conosco altri che lavorano e lavorano e lavorano e lavorano.io lavoro 10mesi l'anno con contratti a progetto, ma mi faccio pagare 1900euro netti al mese!! e mi stà bene cosi'.E poi mi sembra che a 23anni abbia già fatto un bel po' di lavori, ma le aziende forse cercano anche qualcuno che resti a lavorare da loro a lungo, e non solo qualche mese, o sbaglio!?!?!?
  • Anonimo scrive:
    Ma per favore
    Mai viste così tante banfate tutte insieme.
  • The_GEZ scrive:
    Io sono un pelandrone ...
    Ciao a Tutti !Io sono un pelandrone di prima categoria ... e probabilmente non so contare per cui vi prego di darmi una mano.Ho fatto un conto sicuramente sbagliato di questo tipo :Il tizio ha un diploma superiore che salvo incidenti di percorso si consegue a 19 anni.Dice di averne 23 ... vediamo ... se non vado errato 23 - 19 = 4 (e qui ci deve essere qualche errore) in 4 QUATTRO anni questo ha fatto :1) Si sta laureando in informatica2) Certificazione MCSA3) Certificazione MCSE4) Certificazione Citryx5) Ha lavorato in un negozio di PC6) Ha lavorato per una piccola società di supporto tecnico.7) Lavora per una società di Milano.Nei ritagli di tempo ha sistemato PC di parenti/amici/conoscenti e si è fatto un sacco di contatti che lo chiamano a qualsiasi ora del giorno e della notte.Come MIRABOLANETE ESEMPIO di "voglia di lavorare" porta il fatto di avere lavorato tutta notte gratis con la prospettiva di tornare al lavoro "normale" un ora dopo.E dulcis in findus scrive una lettera a PI cinque minuti prima di partire per Londra.Un saluto da un pelandrone.
    • Edo78 scrive:
      Re: Io sono un pelandrone ...
      Che c'è di strano ? è in linea con le richieste di personale massimo 20enne con 40 anni di esperienza e che abbia almeno 80 lauree. Titolo referenziale: single,asociale,insonne e masochista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io sono un pelandrone ...
        (rotfl) quoto
      • ryoga scrive:
        Re: Io sono un pelandrone ...
        - Scritto da: Edo78
        Che c'è di strano ? è in linea con le richieste
        di personale massimo 20enne con 40 anni di
        esperienza e che abbia almeno 80 lauree. Titolo
        referenziale: single,asociale,insonne e
        masochista.Hai dimenticato "economico" e "disponibile sempre" (rotfl)
        • Edo78 scrive:
          Re: Io sono un pelandrone ...
          - Scritto da: ryoga

          - Scritto da: Edo78

          Che c'è di strano ? è in linea con le richieste

          di personale massimo 20enne con 40 anni di

          esperienza e che abbia almeno 80 lauree. Titolo

          referenziale: single,asociale,insonne e

          masochista.

          Hai dimenticato "economico" e "disponibile
          sempre"
          (rotfl)Astenersi perditempo (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Io sono un pelandrone ...
            Semplicemente al contrario di tutti voi è uno che ha voglia di lavorare. Poi non venite a lamentarvi su PI se non ottenete lavori nel campo dell'IT
          • The_GEZ scrive:
            Re: Io sono un pelandrone ...
            Ciao Anonimo ! (anonimo)
            Semplicemente al contrario di tutti voi è uno che
            ha voglia di lavorare. Poi non venite a
            lamentarvi su PI se non ottenete lavori nel campo
            dell'ITOhh ! Finalmente uno che dice le cose come stanno !ERA ORA !Adesso vado dal salumiere e mi prendo 2 etti di prosciutto e se quel tizio quando esco vuole pure i soldi gli spiego che è solo un lazzarone che non ha voglia di lavorare !Ah, dammi il tuo indirizzo che se ha qualcosa da ridire lo mando da te così gli spieghi come gira il mondo !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Io sono un pelandrone ...
            - Scritto da:
            Semplicemente al contrario di tutti voi è uno che
            ha voglia di lavorare. Poi non venite a
            lamentarvi su PI se non ottenete lavori nel campo
            dell'ITMA vai a cagare!
          • picchiatello scrive:
            Re: Io sono un pelandrone ...
            - Scritto da: Edo78

            Hai dimenticato "economico" e "disponibile

            sempre"

            (rotfl)
            Astenersi perditempo (rotfl)Avete dimenticato con auto propria , magari meglio con aereoplano proprio.....(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io sono un pelandrone ...
      E non ha mica finito, mentre spediva la lettera via email (immagina il consumo di tempo) ha aiutato il padre adottivo e ricostruire il granaio che inavvertitamente ha bruciato con lo sguardo laser, del quale s'è servito per sistemare l'elettronica dei tre server (lì c'ha messo 6 ore perchè erano le macchine lente)
    • picchiatello scrive:
      Re: Io sono un pelandrone ...
      - Scritto da: The_GEZ
      Ciao a Tutti !

      Io sono un pelandrone di prima categoria ... e
      Manco se mi da il nome esatto , la ditta per cui dice di lavorare, i clienti e quant'altro posso credera e questa lettera, perche' affidare in toto dei prestigiosi clienti ad un 23enne manco laureato, magari assunto in nero, che va a fare dei colloqui all'estero.....
    • The_GEZ scrive:
      Re: Io sono un pelandrone ...
      Dimenticavo ...Volevo dire al tizio che se gli avanzava tempo poteva sempre prendere in considerazione qualcosa da questa lista :http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/scuola_e_universita/servizi/giovanilavoro-2/strani-lavori/strani-lavori.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Io sono un pelandrone ...
      Accidenti, quanta importanza gli date !Si vede lontano Km che è un cazzaro !
  • Anonimo scrive:
    Sei giovane ed entusiasta...
    ... bene. Come hanno già scritto altri ne riparliamo tra 15 anni.Molti di noi hanno iniziato come te. Alla tua età facevo cose che adesso mi sembrano incredibili, sia per orari (lavoravo 60 ore alla settimana) che per risultati.Vedremo più avanti. Forse ti verrà il desiderio di farti una famiglia: con quei ritmi puoi dimenticartelo. E con l'avanzare dell'età non riuscirai più a reggere quei ritmi neanche fisicamente. Ed allora dovrai operare delle scelte.Perché vedi, se a 23 anni sei già così bravo che meglio non ce n'è... che spazi di crescita professionale hai? Quando avrai 101 certificazioni ma non varrai comunque nulla in più del ragazzino 23enne entusiasta, cosa farai?Rimpiango l'entusiasmo iperbolico della gioventù. Vedrai: le cose che adesso elenchi come delle meravigliose esperienze (ed alla tua età lo sono) diventeranno delle orrende rotture di palle.Chiudo con un appunto un polemico...
    In procinto di certificarmi MCSA e MCSE
    (pochi esami mancanti) e Citrix (inizio ai
    primi di Marzo i corsi)MCSA è un subset di MCSE, c'è poco da vantarsi. E poi aspetta di avere la certificazione in mano prima di tirartela tanto. Comunque fai bene ad affiancare Citrix a Microsoft. Io ti consiglio di prendere in mano anche VMware infrastructure. Il futuro arriva sin troppo in fretta.
  • Anonimo scrive:
    scusa, mi cambi il toner?
    non mi funziona la stampante.. ho perso il link sul desktop.. già che ci sei mi svuoti il cestino? si anche quello sotto la scrivania.vai vai, laureando.
  • Bisco scrive:
    Se se, aspetta qualche anno, va
    Caro,io sono entrato a lavorare ad appena 21 anni, con contratto a tempo indeterminato. Non per falsa modestia, ma ero un fenomeno di programmatore nel boom della new economy.Poi il declino. 11 settembre. Non ci sono soldi per aumenti. Crisi italiana. Niente aumenti. Contratto a progetto. Niente aumenti e solo lavori a progetto. Il settore è in crisi. Minacce di licenziamento, ben volere di alcuni dirigenti, aumento ottenuto. Poi il nulla. Il "piattume" più totale.Ho perso speranze e fiducia in questo lavoro. In Italia non si sviluppa e non si svilupperà mai nulla di veramente interessante, all'avanguardia. Non avremo mai una società di punta. Mai.Aspetta qualche anno, e poi ne riparliamo.
  • Anonimo scrive:
    Fra 10 anni non la penserai così!!!
    Fra 10 anni non la penserai così!!!ci sono passati tutti credimi,non sei affatto speciale,come tutti hanno tante cose da fare!!!Farti non pagare per un'intervento notturno è una cazzata!!!lo imparerai presto quando metterai su famiglia!!
  • Anonimo scrive:
    genio!!!
    un altro che pensa di essere un genio perche sa fare qualche configurazione. e deve andare a londra per capire come si fa :o
  • Anonimo scrive:
    I nuovi borg!
    ...attingo dalle mie origini contadine...So figo, so beo son fotomodeo...So tuto mi... anca spusa.Perdonate il dialetto veneto ma rende.
    • lonehawk scrive:
      Re: I nuovi borg!
      - Scritto da:
      ...attingo dalle mie origini contadine...

      So figo, so beo son fotomodeo...
      So tuto mi... anca spusa.

      Perdonate il dialetto veneto ma rende.Io la seconda strofa la sapevo così:So tuto mi... anca da freschin (di pesce, ndL)Veneto anche io (anche se trapiantato) ^__^
  • beat84 scrive:
    Il sacrificio paga...
    Ho 23 anni anche io e sono pienamente d'accordo con quanto hai scritto. Il sacrificio paga sempre. Io non ho una carriera così avanzata come la tua.Ma se perdessi il mio lavoro, avrei comunque uno stipendio solo di consulenze.Ragazzi un consiglio, datevi una mossa e non pensate di uscire dall'università (che ho mollato per disperazione) pronti per lavorare.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Spero per te.........
    ..che questo atteggiamento propositivo paghi i suoi dividendi, perchè purtroppo spesso le imprese pensano solo al proprio profitto e se ne fregano della professionalità e disponibilità delle persone. Io ho sempre lavorato con questo tipo di coscienza professionale e sono stata ripagata con la cancellazione del posto di lavoro e lasciata a casa. Persone che producevano molto meno e si comportavano malissimo, ma che leccavano regolarmente, sono ancora oggi al loro posto. Spero per te che non ti succeda.
  • Anonimo scrive:
    L'ho fatto anch'io
    Si anch'io ho lavorato come freelance, giorno e notte, per anni, ammazzandomi di lavoro e facendo di tutto per non perdere mai una commessa.Cosa ho ottenuto? Non sono riuscito a mettere via una lira. Farsi pagare era sempre un'impresa: essere sempre disponibile e professionalmente ineccepibile evidentemente non esenta dal trovare sempre un cavillo per non pagare e costringerti a dare qualcosa di più gratis.Mi sono rovinato la salute: lavoravo costantemente dalle 8 alle 3 di mattina del giorno dopo, dopo qualche anno mi sono trovato a non riuscire a fare una corsa di 10 metri senza avere la lingua per terra.Infine, e ovviamente è la cosa che mi pesa di più, ho rovinato il rapporto con mia moglie.Morale: io sicuramente non avevo le capacità imprenditoriali e il pelo sullo stomaco necessari a chi lavora in proprio: probabilmente chi ce li ha può raggiungere traguardi professionali notevoli.Essere un buon tecnico sicuramente non basta.Chi intraprende questa strada fa bene, ma attenti a non strafare e a valutare i propri limiti.Gli anni che butti via non te li restituisce più nessuno.
  • XPManager scrive:
    Ma PI fa un minimo di controllo?
    Mi chiedo, PI quando decide di pubblicare lettere come quella del ragazzo 23-enne che sistema server di notte (con spegnimento simultaneo in triade), esegue un minimo di controllo della fonte? Tutto sommato PI fa giornalismo, nella sua nicchia ICT. Ha effettivamente controllato presso le aziende in cui opera il ragazzo se svolge le mansioni che dice di svolgere? O se ha acquisito le due certificazioni MS etc...?Se lo ha fatto, per cortesia lo renda pubblico.
    • XPManager scrive:
      Re: Ma PI fa un minimo di controllo?
      No no! anzi!! è molto in-topic!! perchè altrimenti chiunque può scrivere qualsiasi cosa su PI! E' necessario verificare le fonti prima di renderle pubbliche!! Le certificazioni di cui parla il ragazzo sono, secondo MS stessa, mutuamente esclusive!! Se ne consiglia di prenderne una delle due!!! non tutte e due!!Attenti perchè la prossima volta pubblicherete la lettera di una ragazzo di 13 anni certificato J2EE !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma PI fa un minimo di controllo?
      E' chiaro che PI ha visto che gli articoli sull'rgomento funzionano, e più sono "improbabili" più aumenta il numero di pagine visitate, il numero post effettuati e così via.Ogni tanto scade anche PI
      • XPManager scrive:
        Re: Ma PI fa un minimo di controllo?
        - Scritto da:
        E' chiaro che PI ha visto che gli articoli
        sull'rgomento funzionano, e più sono
        "improbabili" più aumenta il numero di pagine
        visitate, il numero post effettuati e così
        via.

        Ogni tanto scade anche PI

        Spero non sia questo l'intento di PI! La ho sempre considerata la testata giornalistica legata al mondo ICT migliore in Italia!
    • picchiatello scrive:
      Re: Ma PI fa un minimo di controllo?
      - Scritto da: XPManager
      Se lo ha fatto, per cortesia lo renda pubblico.magari anche loro prendono cantonate "ogni tanto" il dover uscire ogni giorno porta a questo.Anche se in riferimento il forum o "chiuderei" solo ai registrati.
  • Anonimo scrive:
    Cucciolo...
    Ho 36 anni e lavoro nell'IT da quasi 16 ormai...Il ragazzo e' giovane ed ha una chiara percezione onirica della vita, mi sembra di sentire me ai tempi, quando lavorare sui server telecom nel '95 mi sembrava di essere parte di una casta di eletti.Chiaro che noi, molto piu' esperti e maturi di lui, abbiamo imparato a nostre spese quanto sia una rottura di palle essere spedito come un pacco celere a Londra per un "colloquio di lavoro", oppure quanto ci sembrava avventuroso e ci faceva sentire onnipotenti stare una notte alzato a far funzionare un sistema per far vedere al capo la mattina seguente quanto eravamo stati bravi, poi col tempo, ci si rende conto che al capo non frega nulla, basta che lui guadagni il "dene'", quello che abbiamo fatto (lavorare di notte gratis) e' dovuto.Bisogno sbatterci col muso, come con le donne no? :)Lasciatelo fare esperienza su, povero cucciolo...
  • drizzt84 scrive:
    MCSA e MCSE?
    Scusa una cosa tu sei un classico omino del PC, uno di quelli che monta PC e leva virus e ti consideri lavoratore IT con una carriera? Ma ammazzati
    • Anonimo scrive:
      Re: MCSA e MCSE?
      - Scritto da: drizzt84
      Scusa una cosa tu sei un classico omino del PC,
      uno di quelli che monta PC e leva virus e ti
      consideri lavoratore IT con una carriera? Ma
      ammazzatileggendo il tuo messaggio si comprende bene perchè in italia alcuni "appassionati" di informatica finiscono sotto i ponti: ottusità, ignoranza, presunzione, arroganza, inezia, fancazzismo...
      • drizzt84 scrive:
        Re: MCSA e MCSE?
        - Scritto da:
        leggendo il tuo messaggio si comprende bene
        perchè in italia alcuni "appassionati" di
        informatica finiscono sotto i ponti: ottusità,
        ignoranza, presunzione, arroganza, inezia,
        fancazzismo...Io ho fatto quel lavoro per 1 anno ma non mi sono mai considerato un lavoratore IT e soprattutto per fare carriera me ne sono dovuto andare (ora faccio il programmatore embedded)
        • Anonimo scrive:
          Re: MCSA e MCSE?
          muahahahaha... il programmatore embedded...ammazzati con le malloc allora.un: MCSE, MCSA, MCDBA, MCT, CCDA, CCNA e qualche altra certificazione che ho dovuto SUDARMI
          • drizzt84 scrive:
            Re: MCSA e MCSE?
            - Scritto da:
            muahahahaha... il programmatore embedded...

            ammazzati con le malloc allora.

            un: MCSE, MCSA, MCDBA, MCT, CCDA, CCNA e qualche
            altra certificazione che ho dovuto
            SUDARMIA parte che le malloc in embedded è preferibile non usarle (anzi SIL4 [uno standard di sicurezza ferroviario] vieta l'utilizzo delle malloc).Per il fatto che hai 1000(!) certificazioni non vuol dire nulla, la CCNA si può comprare sottobanco, le altre non lo so ma non credo che sia molto diverso.
  • teddybear scrive:
    Dare e Ricevere
    Esempio concreto di voglia di lavorare è stato poco meno di tre settimane fa: 3 server alle h 23.40 si sono riavviati inavvertitamente (causa dolosa... L). In quanti si sarebbero messi da casa, non pagati teoricamente, a sistemare le cose entro la mattina successiva? Non lo so, personalmente l'ho fatto, rimanendo in piedi fino alle h.6.20, con la sveglia già puntata alle h.7.30. Bravo. Complimenti per la voglia. Anche io l'ho fatto, spesso. Purtroppo capita (quasi sempre) che domani, si PRETENDE che tu fai di nuovo quello che hai fatto... senza pagarti una lira in più.Purtroppo sono le persone come te, che lavorano molto extra senza farsi pagare, che abbassano la disponibilità dell'offerta monetaria che i datori di lavoro sono disposti a dare.Io sono disposto a lavorare, talvolta, un po' di extra. Ma se io sono disposto a dare, sono anche "disposto" a ricevere. E non parlo solo di "soldi". Parlo anche di rispetto, di esigenze, di orari "flessibili". Perchè, se per fare a te, datore di lavoro, un favore quando ne hai bisogno, devo stare alzato tutta la notte, e quando io, lavoratore, ho bisogno di uscire 10 (dico DIECI) minuti prima per un mio problema personale devo prendere mezza giornata di ferie (se ho finito i permessi ad ore), nonostante, forse, oltre ad essere entrato alle sei di mattina, sempre per il tuo ca**o di problema, mi hai pure fatto saltare la pausa pranzo?Non è questione di farlo ogni tanto. È questione che il dare e ricevere è sempre un DARE tutto, e ricevere pedate nel c..o
    • Anonimo scrive:
      Re: Dare e Ricevere
      Quoto in pieno. Io di anni ne ho quasi 38 e sono nel settore da quando ne avevo 24. Di notti insonni ne ho fatte ormai più di un centinaio a sistemare server che non andavano presso aziende (probabilmente più piccole di quelle frequentate dall'autore ma comunque con uguale estensione geografica... problema del nanismo delle aziende del NordEst). Qual'era il problema ? Fatta la notte qualcuno pretendeva che la mattina dopo tu fossi REGOLARMENTE in ufficio alle 8.30. E REGOLARMENTE nessuno tutt'ora ti ringrazia per aver passato la notte a ripristinare un servizio. Io ad un certo punto, non molto tempo fa, mi sono stancato di dare e non ricevere. Quando lo farà l'autore dell'articolo ? Quando avrà forse una sua famiglia che ti richiederà più tempo per essere seguita ? Forse.
    • picchiatello scrive:
      Re: Dare e Ricevere
      - Scritto da: teddybear

      Non è questione di farlo ogni tanto. È questione
      che il dare e ricevere è sempre un DARE tutto, e
      ricevere pedate nel
      c..oQuoto tutto...per non parlare che se hai come riferimento ditte piccole TI TOCCA anticipare delle spese che competono ad esse magari ricevendo i soldi delle note spese con mesi di ritardo.
      • teddybear scrive:
        Re: Dare e Ricevere
        - Scritto da: picchiatello
        Quoto tutto...per non parlare che se hai come
        riferimento ditte piccole TI TOCCA anticipare
        delle spese che competono ad esse magari
        ricevendo i soldi delle note spese con mesi di
        ritardo.Quando lavoravo per le piccole ditte, i soldi delle note spese li prendevo sempre il mese dopo, massimo due mesi dopo.Nella ditta grossa, per via di assurde burocrazie, sto ancora aspettando il rimborso di 36 euro di un albergo di cui ho usufruito tre anni fa. Il tutto perchè l'albergo non è tra quelli convenzionati con la azienda. Ovviamente il fatto che ho speso 36 euro in un albergo di Napoli, piuttosto che i soliti 95 che spendono gli altri colleghi, deve far pensare a che razza di posto avevo scelto per risparmiare.Da quel giorno, sempre solo alberghi convenzionati... e vado sempre in coppia... e faccio sempre pagare gli altri. Che si fottano.
  • Anonimo scrive:
    ci lavoro anche io da 15 anni.....
    Almeno... ho iniziato come lui, ne ho prese di bastonate, e ne ho visti di raccomandati. forse, e dico forse, ha una vita piena di lavoro, ma tutto si paga. Detta in maniera spicciola, fà poco sesso. nel senso che a 23 anni non si è proprio uomini da giacca e cravatta. Per carità, ci sono le eccezzioni, ma ripeto, tutto si paga, in vita privata inesistente per lavoro osannato, o una gran vita privata per un lavoro dignitoso. Se sei rimasto sveglio tutta la notte per ritirare su 3 server, hai fatto il tuo dovere, basta. Se non ti sei fatto pagare per questo, hai fatto del male al nostro lavoro. La prossima volta si stentiranno autorizzati a pretenderlo, a poco prezzo. 5 anni fà Sono rimasto anche io sveglio fino alle 5:30 di mattina, dopo 4 ore di fila per ritirare su il sito CNN italia dopo che i gran sistemisti di roma avevano nascosto su un server di milano un redirect senza informare nessuno, ma è finita che ho lasciato quel posto perchè non sono stato preso in considerazione abbastanza per il lavoro svolto. purtroppo mi trovo ancora in una società che richiede servizi e lavori per cui non vuole pagare la mia formazione, a cui devo provvedere io in prima persona, rischiando la mia faccia, prendendo il mio tempo anche oltre le 8 ore, quel tempo si chiama vita privata che richiede una famiglia. Pagato sempre allo stesso modo. A 23 anni non hai una famiglia, ma io una piccola famiglia ce l'ho, e non posso più madare a quel paese chi non paga il giusto, e allora sono qui con un compromesso. Ma se hai fatto "a gratise" quello che è semplicemente il tuo dovere se ti danno delle responsabilità, hai fatto del male al nostro settore.....
    • Anonimo scrive:
      Re: ci lavoro anche io da 15 anni.....
      Eccezioni si scrive con una "z" e "fa" (5 anni fa) non richiede l'accento.Come vuoi che un'azienda ti prenda sul serio se non sei neanche capace di scrivere due parole in italiano senza commettere qualche errore?
    • Anonimo scrive:
      Re: ci lavoro anche io da 15 anni.....
      Ecco perche' CNNItalia ha chiuso... colpa tua?
      • Anonimo scrive:
        Re: ci lavoro anche io da 15 anni.....
        No... colpa di imprenditori che pensano di ravanare soldi a palate da progetti inconsistenti, e da 200 dipendenti circa, o giu di lì, si è poi passati a 60.
  • stefdragon scrive:
    Non resisterai a lungo
    E ti accorgerai ben presto di fare a 23 anni la vita di un 45enne. Quando poi avrai sul serio 45 anni (e ti auguro di arrivarci, magari senza 3 bypass) non ci sarà più passione che tenga, sarai fisicamente e mentalmente distrutto, e se forse ti sarai riuscito a fare una famiglia, avrai visto i tuoi figli 3 volte, perchè le altre sarai dovuto correre a ripristinare un DOWNSYSTEM da uno dei tuoi infiniti clienti. Avrai 3 cellulari che squilleranno simultaneamente, giorno e notte. E questa è solo una previsione ottimistica! :DA parte gli "scherzi", io sto facendo più o meno quello che fai tu da 4 anni, ma quando inizi a non avere più il tempo per andare a casa a mangiare o andare a pagare il bollo della macchina, ti rendi conto che forse c'è qualcosa che non va...
  • stefdragon scrive:
    Non resisterai a lungo
    E ti accorgerai ben presto di fare a 23 anni la vita di un 45enne. Quando poi avrai sul serio 45 anni (e ti auguro di arrivarci, magari senza 3 bypass) non ci sarà più passione che tenga, sarai fisicamente e mentalmente distrutto, e se forse ti sarai riuscito a fare una famiglia, avrai visto i tuoi figli 3 volte, perchè le altre sarai dovuto correre a ripristinare un DOWNSYSTEM da uno dei tuoi infiniti clienti. Avrai 3 cellulari che squilleranno simultaneamente, giorno e notte. E questa è solo una previsione ottimistica! :DA parte gli "scherzi", io sto facendo più o meno quello che fai tu da 4 anni, ma quando inizi a non avere più il tempo per andare a casa a mangiare o andare a pagare il bollo della macchina, ti rendi conto che forse c'è qualcosa che non va...
  • Anonimo scrive:
    Bravo!
    Meno male che in Italia c'è ancora qualcuno che si da' da fare per costruirsi un avvenire.Troppo comodo aspettare i soldini di papà e il posto in banca sotto casa da 7 ore al giorno con la quattordicesima.Fregatene degli invidiosi e dei fannulloni che ti criticano, perché quando noi ci saremo costruiti un futuro, loro avranno accumulato solo tanta invidia!BUON LAVORO A TUTTI!
  • epikuros scrive:
    Basta con l'Universita'
    Per piacere. Smettiamola di dire cazzate sull'universita'.Possibile che tutte queste (ridicole) lettere ultimamente pubblicate abbiano sempre come denominatore comune il vilipendio degli studi universitari? Pensate che l'universita' non funzioni? NON FATELA!!Non ho capito che corso di studi faccia il tizio della lettera... ma probabilemente sono solo indietro con i nuovi nomi delle lauree.Comunque, e' ovvio che senza la passione nessun corso di studi possa servire! Come e' anche ovvio che senza cultura generale nella vita non si combina nulla (anche se si e' bravi tecnici).La gente ha perso il concetto di cultura, per via di famiglie ignoranti, scuole dell'obbligo permissive e scuole superiori che promuovono tutti per dimostrare che sanno "formare". ecco che poi gli studenti arrivano all'universita' aspettandosi che sia un corso di formazione tipo certificazione MS e rimangono delusi perche' si pretende che imparino l'algebra o la logica o le nozioni di sintassi/semantica dei linguaggi artificiali (solo per citare alcuni vistosi esempi!)Volete imparare a smanettare? Risparmiate le tasse e andate su tldp.org! Ma non criticate l'universita'... Sarebbe come andare a fare ingegneria meccanica e lamentarsi perche' non vi fanno lavorare al tornio o economia e chiedere quando vi danno la macchinetta che conta le banconote!!
    • shevathas scrive:
      Re: Basta con l'Universita'
      - Scritto da: epikuros
      Per piacere. Smettiamola di dire cazzate
      sull'universita'.

      Possibile che tutte queste (ridicole) lettere
      ultimamente pubblicate abbiano sempre come
      denominatore comune il vilipendio degli studi
      universitari? Pensate che l'universita' non
      funzioni? NON
      FATELA!!
      sacrosanto, stranamente tutti quelli che non fanno altro che sputare veleno sull'università spesso è gente che non c'è riuscita.La solita storiella della volpe e dell'uva.Chiariamoci l'università ha seri problemi qui in italia, non neghiamo l'evidenza ma neanche è vero che sia inutile.
      La gente ha perso il concetto di cultura, per via
      di famiglie ignoranti, scuole dell'obbligo
      permissive e scuole superiori che promuovono
      tutti per dimostrare che sanno "formare". ecco
      che poi gli studenti arrivano all'universita'
      aspettandosi che sia un corso di formazione tipo
      certificazione MS e rimangono delusi perche' si
      pretende che imparino l'algebra o la logica o le
      nozioni di sintassi/semantica dei linguaggi
      artificiali (solo per citare alcuni vistosi
      esempi!)
      straquoto, non c'è peggior ignorante di chi è convinto di sapere.
      Volete imparare a smanettare? Risparmiate le
      tasse e andate su tldp.org! Ma non criticate
      l'universita'... Sarebbe come andare a fare
      ingegneria meccanica e lamentarsi perche' non vi
      fanno lavorare al tornio o economia e chiedere
      quando vi danno la macchinetta che conta le
      banconote!!Riquoto, hai centrato il punto alla perfezione.
      • epikuros scrive:
        Re: Basta con l'Universita'
        Grazie! Solo un cieco potrebbe dire che l'universita' italiana e' un paradiso. Ma per dire tutte le cattiverie che ho sentito ultimamente, ci vuole di certo mala fede e probabilmente risentimento (come fai giustamente notare!)Io, per inciso, ho trovato il mio primo lavoro (part-time, durante gli studi) proprio grazie ad un corso seguito all'universita'...- Scritto da: shevathas
        Riquoto, hai centrato il punto alla perfezione.
        • Morloi scrive:
          Re: Basta con l'Universita'
          mah.io dell'università ho un pessimo ricordo e molto veleno da sputare.penso di avere una cultura decisamente sopra la media; il grosso rammarico è che l'università non ha assolutamente contribuito alla mia formazione.Badate. Sono arrivato a 4 esami dalla laurea in Scienze dell'informazione, e ho abbandonato per nervoso: avere a che fare con un sistema assolutamente non meritocratico e con una manica di incompetenti tende ad innervosire.Probabilmente ho sbagliato, avrei dovuto fare filosofia.Lavoro nell'IT da 10 anni, con alti e bassi, e con le mille difficoltà che caratterizzano questo paese così poco lungimirante e totalmente disabituato al merito.Ho fatto il docente in Master post universitari (inutili anche quelli...) e corsi di formazione di varia natura e importanza.Rimango dell'idea che l'università italiana sia una disgrazia.Per fortuna ho frequentato un ottimo liceo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: Morloi
            mah.
            io dell'università ho un pessimo ricordo e molto
            veleno da
            sputare.
            penso di avere una cultura decisamente sopra la
            media; il grosso rammarico è che l'università non
            ha assolutamente contribuito alla mia
            formazione.
            Badate. Sono arrivato a 4 esami dalla laurea in
            Scienze dell'informazione, e ho abbandonato per
            nervoso: avere a che fare con un sistema
            assolutamente non meritocratico e con una manica
            di incompetenti tende ad
            innervosire.
            Probabilmente ho sbagliato, avrei dovuto fare
            filosofia.
            Lavoro nell'IT da 10 anni, con alti e bassi, e
            con le mille difficoltà che caratterizzano questo
            paese così poco lungimirante e totalmente
            disabituato al
            merito.
            Ho fatto il docente in Master post universitari
            (inutili anche quelli...) e corsi di formazione
            di varia natura e
            importanza.
            Rimango dell'idea che l'università italiana sia
            una
            disgrazia.
            Per fortuna ho frequentato un ottimo liceo.Si, ma è la tua esperienza.Generalizzare e dire che l'università italiana è una disgrazia è un errore a mio avviso.Io per esempio ho trovato lavoro grazie all'università; ho fatto uno stage (con tesi annessa) e dopo la laurea mi hanno assunto (anche se a tempo determinato).Purtroppo non tutti hanno la stessa fortuna, ma dire che tutta l'università è marcia non è corretto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'

            Badate. Sono arrivato a 4 esami dalla laurea in
            Scienze dell'informazione, e ho abbandonato per
            nervoso: avere a che fare con un sistema
            Ho fatto il docente in Master post universitari
            (inutili anche quelli...) e corsi di formazione
            di varia natura e
            importanza.Forse non e' chiaro a me...ma come hai fatto a fare il docente di un master senza una laurea ? saluti
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            in effetti il dubbio era venuto pure a me, ma credevo di essere il solo ignorante :(
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            non è necessario avere una laurea per fare il docente ad un master, puoi essere un professionista "del campo", con riconosciuti meriti.
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:
            non è necessario avere una laurea per fare il
            docente ad un master, puoi essere un
            professionista "del campo", con riconosciuti
            meriti.Ah, ok.Era tanto per sapere, grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta con l'Universita'

      Possibile che tutte queste (ridicole) lettere
      ultimamente pubblicate abbiano sempre come
      denominatore comune il vilipendio degli studi
      universitari? Pensate che l'universita' non
      funzioni? NON
      FATELA!!Il guaio è che non forma in modo diretto. Il corso d'ingegneria informatica per esempio, ha solo la metà, circa, di corsi informatici. No, il fatto è che non sono stato sufficientemente informato sulla sua utilità o meno. E si finisce, più o meno, con la prospettiva del "pezzo di carta".
      • shevathas scrive:
        Re: Basta con l'Universita'

        Il guaio è che non forma in modo diretto. Il
        corso d'ingegneria informatica per esempio, ha
        solo la metà, circa, di corsi informatici.provocatoriamente, quali corsi secondo te sarebbero inutili e per quale motivo ?
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Basta con l'Universita'

          provocatoriamente, quali corsi secondo te
          sarebbero inutili e per quale motivo ?Beh, col N.O. le cose sono leggermente migliorate da questo punto di vista (segno che un problema c'era), ma ripensando al V.O. ancora mi sfugge l'utilità di Fisica Tecnica, Chimica o Controlli Automatici... Specialmente considerando che qui in Italia non è che normalmente ci mettiamo a fare software scientifici specifici di queste materie...TAD
          • mikeUS scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            Fisica tecnica.Io, terzo anni di ingegneria informatica al PoliMi, iniziero' fisica tecnica tra 2 lunedi'.Essendo un corso di "ingegneria", la cosa non mi disturba piu' di tanto, ma metterla al secondo semestre del terzo anno come corso obbligatorio (leggi: potenzialmente prima della fine degli studi, per chi si ferma alla triennale).......non so mi da l'idea di un corso "left over" da chi costruiva il piano di studi all'epoca della creazione del NO...del tipo "occacchio, fisica tecnica! Vuoi mica fare un ingegnere che non sa cos'e' un ciclo rankine! Infilacelo li', va, ultimo semestreConcordo comunque sul fatto che l'univ non da conoscenze, ma metodi. E' una diatriba vecchia quanto il mondo.Scommetto che qualche ateniese cacciato dalla scuola di atene (dal cui dipinto di Raffaello e' tratto il logo del politecnico di milano) andava postando sui forum ateniesi berciando sulla universita' :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: mikeUS
            Fisica tecnica.
            Scommetto che qualche ateniese cacciato dalla
            scuola di atene (dal cui dipinto di Raffaello e'
            tratto il logo del politecnico di milano) andava
            postando sui forum ateniesi berciando sulla
            universita'
            :)L'unica, fondamentale, differenza è che ad Atene non mi risulta che le lauree avessero valore legale. L'unico valore riconosciuto era l'autorevolezza del docente e quella dei suoi discepoli... Certo bisognerebbe chiedersi se l'autorevolezza può essere data da chi non mastica la materia, come spesso vedo fare in giro, in pratica riducendo l'autorità ad essere appena un poco più avanti al branco, e marginalizzando chi è un po' più avanti di così...Uno studente di fisica al primo anno, può giudicare se è preferibile seguire le lezioni di Einstein o no? O seguirà il branco, il sentito dire, l'opinione della maggioranza (che per definizione, non può che essere indietro, perchè l'innovazione comincia da pochi, da sparute minoranze!)Filosofia....
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta con l'Universita'
          Vediamo... chimica (cosa c'entra?), meccanica (fisica meccanica insegnata senza alcun approccio informatico), Calcolo 1 e 2 (che sarebbe analisi matematica senza una minima finalità informatica fatta da matematici che è già tanto se sanno accendere un pc),Algebra lineare e geometriaricerca operativa I e II (calcoli complicatissimi per problemi molto di nicchia tipici dell'ing.civile),Elettricità e magnetismo/Elettrotecnica/elettronica (guarda che bisogna sapere programmare un PC mica costruirne l'alimentatore!)Progettazione assistita da calcolatore (col cavolo che insegnano AUTOCAD!)Segnali/Telecomunicazioni (austuta rietichettatura di teoria dei segnali certi e aleatori)NON FATEVI INGANNARE DAI NOMI!!! SONO SOLTANTO FORMULE SULLA LAVAGNA E NON V'INSEGNERANNO UNA RIGA DI SISTEMI INFORMATICI!- Scritto da: shevathas

          Il guaio è che non forma in modo diretto. Il

          corso d'ingegneria informatica per esempio, ha

          solo la metà, circa, di corsi informatici.

          provocatoriamente, quali corsi secondo te
          sarebbero inutili e per quale motivo ?

          • shevathas scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:
            Vediamo...
            chimica (cosa c'entra?), poco, questo si
            meccanica (fisica meccanica insegnata senza alcun
            approccio informatico),ing informatica è legata principalmente all'elettronica orientata all'automazione industriale, una conoscenza delle basi di meccanica potrebbe essere utile.
            Calcolo 1 e 2 (che sarebbe analisi matematica
            senza una minima finalità informatica fatta da
            matematici che è già tanto se sanno accendere un
            pc),quindi niente analisi di fourier per analizzare lo spettro di un segnale, niente teoria del campionamento, nessuna modellizzazione di sistemi dinamici...
            Algebra lineare e geometriaa cosa servono i vettori o capire cosa sono le rototraslazioni e come si formalizzano matematicamente, ad esempio a gestire la grafica dal punto di vista informatico, senza algebra lineare si hanno maggiori difficoltà a capire concetti come punto di vista, cambio fra coordinate locali (riferite ad un oggetto) e globali del mondo virtuale...
            ricerca operativa I e II (calcoli complicatissimi
            per problemi molto di nicchia tipici
            dell'ing.civile),o problemi di logistica dove la competenza dell'informatico nel risolverli spesso non è richiesta ma quando è presente è molto gradita.
            Elettricità e
            magnetismo/Elettrotecnica/elettronica (guarda che
            bisogna sapere programmare un PC mica costruirne
            l'alimentatore!)spiegami senza quelli come potresti progettare componentistica hw oppure sistemi di controllo di processo, con sensori e sistemi operativi in real time.
            Progettazione assistita da calcolatore (col
            cavolo che insegnano
            AUTOCAD!)
            Segnali/Telecomunicazioni (austuta
            rietichettatura di teoria dei segnali certi e
            aleatori)

            NON FATEVI INGANNARE DAI NOMI!!! SONO SOLTANTO
            FORMULE SULLA LAVAGNA E NON V'INSEGNERANNO UNA
            RIGA DI SISTEMI
            INFORMATICI!per quello che desidervi l'uni non ti serve, avresti risparmiato tempo e denaro seguendo un corso di programmazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:
            Vediamo...
            chimica (cosa c'entra?),
            meccanica (fisica meccanica insegnata senza alcun
            approccio informatico),

            Calcolo 1 e 2 (che sarebbe analisi matematica
            senza una minima finalità informatica fatta da
            matematici che è già tanto se sanno accendere un
            pc),
            Algebra lineare e geometria
            ricerca operativa I e II (calcoli complicatissimi
            per problemi molto di nicchia tipici
            dell'ing.civile),
            Elettricità e
            magnetismo/Elettrotecnica/elettronica (guarda che
            bisogna sapere programmare un PC mica costruirne
            l'alimentatore!)
            Progettazione assistita da calcolatore (col
            cavolo che insegnano
            AUTOCAD!)
            Segnali/Telecomunicazioni (austuta
            rietichettatura di teoria dei segnali certi e
            aleatori)
            Servono a farvi acquisire la forma mentis dell'ingegnere. Il che mi sembra un'impresa disperata, a quanto vedo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'

            BRAVO! HAI SCOPERTO COS'E' L'UNI: UN POSTO DOVE
            TI INSEGNANO IL METODO PER APPRENNDERE IL
            CONCETTO E NON IL CONCETTO FINE A SE
            STESSO!
            (te lo scrivo in grande, così magari capisci)
            SCRIVILO IN GRANDE ANCHE ALLE IMPRESE CHE ASSUMONO COSI' CAPISCONO ANCHE LORO! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:


            BRAVO! HAI SCOPERTO COS'E' L'UNI: UN POSTO DOVE

            TI INSEGNANO IL METODO PER APPRENNDERE IL

            CONCETTO E NON IL CONCETTO FINE A SE

            STESSO!

            (te lo scrivo in grande, così magari capisci)



            SCRIVILO IN GRANDE ANCHE ALLE IMPRESE CHE
            ASSUMONO COSI' CAPISCONO ANCHE LORO!
            :Dcapiscono che l'ingegnere sa lavorare solo spostando numeri in quanto nella pratica uscendo dall'università non sa fare nulla... è un0affermazione volutamente provocatoria, ma purtroppo molte volte gli ingegneri vengono messi in posti in cui prendono decisioni basandosi solo sulla teoria che hanno imparato ma senza alcuna nozione pratica. Inutile dire che chi poi subisce queste decisioni lavora per nulla perchè poi il lavoro va rifatto perchè sbagliato dal principio. Ah... la gavetta... dov'è finita?
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            BRAVO! HAI SCOPERTO COS'E' L'UNI: UN POSTO
            DOVE


            TI INSEGNANO IL METODO PER APPRENNDERE IL


            CONCETTO E NON IL CONCETTO FINE A SE


            STESSO!


            (te lo scrivo in grande, così magari capisci)






            SCRIVILO IN GRANDE ANCHE ALLE IMPRESE CHE

            ASSUMONO COSI' CAPISCONO ANCHE LORO!

            :D
            capiscono che l'ingegnere sa lavorare solo
            spostando numeri in quanto nella pratica uscendo
            dall'università non sa fare nulla... è
            un0affermazione volutamente provocatoria, ma
            purtroppo molte volte gli ingegneri vengono messi
            in posti in cui prendono decisioni basandosi solo
            sulla teoria che hanno imparato ma senza alcuna
            nozione pratica. Inutile dire che chi poi subisce
            queste decisioni lavora per nulla perchè poi il
            lavoro va rifatto perchè sbagliato dal principio.
            Ah... la gavetta... dov'è
            finita?Difatti un neo-laureato quasi mai ricopre un ruolo dirigenziale. Nessuna azienda con un responsabile competente lo farebbe senza aver prima formato il laureato.Non ho mai sentito di neo-laureati che ricoprono ruoli dirigenziali e che al contempo non hanno gavetta alle spalle. (salvo metodi tutti "italiani")
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: [CUT] Non ho mai sentito di neo-laureati che ricoprono
            ruoli dirigenziali e che al contempo non hanno
            gavetta alle spalle. (salvo metodi tutti
            "italiani")e qui dove siamo, scusa?A Bora-bora?
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: longinous
            e qui dove siamo, scusa?
            A Bora-bora?Perchè, in caso di raccomandazioni la conseguente inesperienza è colpa dell'università?
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:

            - Scritto da: longinous


            e qui dove siamo, scusa?

            A Bora-bora?

            Perchè, in caso di raccomandazioni la conseguente
            inesperienza è colpa
            dell'università?Quale parte di:"Non ho mai sentito di neo-laureati che ricoprono ruoli dirigenziali e che al contempo non hanno gavetta alle spalle. (salvo metodi tutti "italiani")"seguito da un laconico commento mio non è chiara?Tu, in pratica, hai detto che uno, siccome è raccomandato, non ha esperienza (quindi inesperienza legata alla raccomandazione) e che io sostengo che questo è dovuto all'università.Io ho solo detto che, a differenza sua, io ho sentito di queste storie.Poi esperienza o non esperienza dovuti o meno all'università non entrano nel mio discorso, ce li hai infilati tu.
        • longinous scrive:
          Re: Basta con l'Universita'
          - Scritto da: shevathas

          Il guaio è che non forma in modo diretto. Il

          corso d'ingegneria informatica per esempio, ha

          solo la metà, circa, di corsi informatici.

          provocatoriamente, quali corsi secondo te
          sarebbero inutili e per quale motivo ?

          Chimica (necessita un commento?)Economia (come sopra)Fisica (ahhh... sapere la traiettoria di un case lanciato dalla finestra. questo si che è importante - 3 esami solo questo!)Probabilità e statistica (in cui l'unico modo per passare l'esame è tirando una moneta e cercando di capirne le oscillazioni quantico-probabilistiche)poi devo darti ragione per quanto riguarda l'algebra e l'analisi.me ne rendo conto bene ora che sto studiando ELF e la sua implementazione di OGRE, ma resta il fatto che mi sto studiando ciò che mi serve da solo, perchè quei corsi non mi hanno dato nemmeno le basi per iniziare ad apprendere.
          • shevathas scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: longinous

            - Scritto da: shevathas


            Il guaio è che non forma in modo diretto. Il


            corso d'ingegneria informatica per esempio, ha


            solo la metà, circa, di corsi informatici.



            provocatoriamente, quali corsi secondo te

            sarebbero inutili e per quale motivo ?




            Chimica (necessita un commento?)no, credo sia l'unica materia sulla cui inutilità siamo tutti concordi.
            Economia (come sopra)non direi, conoscere come funziona e come ragiona un azienda può essere molto utile visto che commerciale != smanettone, anche perchè per conquistare clienti è essenziale capire cosa pensano e cosa desidererebbero avere.Pensa poi se devi modellare il sistema informativo aziendale o dedicarti alla progettazione di gestionali che non sia: prendiamone uno già pronto, mettiamo i colori che piacciono al cliente e diamoglielo.
            Fisica (ahhh... sapere la traiettoria di un case
            lanciato dalla finestra. questo si che è
            importante - 3 esami solo
            questo!)Di diretto informatico informatico non è che serva molto, diverso se si ammicca più all'hardware e all'elettronica.
            Probabilità e statistica (in cui l'unico modo per
            passare l'esame è tirando una moneta e cercando
            di capirne le oscillazioni
            quantico-probabilistiche)Imho è un esame molto utile, sia perchè un infarinatura di statistica ti consente di valutare e confutare certe statistiche "allegre" preparate dai commerciali, sia perchè quando devi andare a dimensionarti un sistema devi fare un po di statistiche tipo: numero medio di accessi, valore di picco...
            poi devo darti ragione per quanto riguarda
            l'algebra e
            l'analisi.
            me ne rendo conto bene ora che sto studiando ELF
            e la sua implementazione di OGRE, ma resta il
            fatto che mi sto studiando ciò che mi serve da
            solo, perchè quei corsi non mi hanno dato nemmeno
            le basi per iniziare ad
            apprendere.mi spiace, questo significa che quei corsi hanno fallito, che non ti hanno dato il bagaglio culturale che ti avrebbero dovuto dare, purtroppo.
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: shevathas

            Economia (come sopra)
            non direi, conoscere come funziona e come ragiona
            un azienda può essere molto utile visto che
            commerciale != smanettone, anche perchè per
            conquistare clienti è essenziale capire cosa
            pensano e cosa desidererebbero
            avere.Si, forse, ma... formule economiche?Teorie economiche?Per capire un cliente?I clienti vogliono una cosa sola: fare niente in poco tempo spendendo il meno possibile.A questo riguardo ti rimando a qualcuno che ha più esperienza di me in questo campo.http://www.soft-land.org/commenti/radsono sicuro che trovi il passaggio incriminato in due secondi ;)
            Pensa poi se devi modellare il sistema
            informativo aziendale o dedicarti alla
            progettazione di gestionali che non sia:
            prendiamone uno già pronto, mettiamo i colori che
            piacciono al cliente e
            diamoglielo.In quel caso (essendo il corso di puro nozionismo di base) mi dovrei prendere un libro di economia e iniziare a cercare le formule ne più ne meno.Purtroppo è un corso un po' del menga.

            Fisica (ahhh... sapere la traiettoria di un case

            lanciato dalla finestra . questo si che è

            importante - 3 esami solo

            questo!)
            Di diretto informatico informatico non è che
            serva molto, diverso se si ammicca più
            all'hardware e
            all'elettronica.l'unico accenno all'hardware e all'elettronica che c'è stato è quello che ti ho riportato.

            Probabilità e statistica (in cui l'unico modo
            per

            passare l'esame è tirando una moneta e cercando

            di capirne le oscillazioni

            quantico-probabilistiche)

            Imho è un esame molto utile, sia perchè un
            infarinatura di statistica ti consente di
            valutare e confutare certe statistiche "allegre"
            preparate dai commerciali,il solo fatto che un documento sia stato sfornato da un commerciale basta a confutarlo, ma volendo andare più nel dettaglio: io cosa dovrei essere?Un tecnico (analista-programmatore-quelcheè) o un politico (commerciale-nonmenevengonoaltri)?Io sono un tecnico e propongo soluzioni tecniche (che solo per questo fatto sono SEMPRE realizzabili e chiare nelle specifiche, se non sono un cazzaro...).Non mi perdo dietro alle 4 cazzate all'ultima moda cercando di implementare un megaportalone con l'ultimo Oracle, l'ultimo ASP.NET e l'ultimo IIS con WS2003 per far girare un sito fatto di 4 pagine statiche!Ok, l'esempio era un po' estremo, ma ti assicuro che NON è estremizzato.
            sia perchè quando devi
            andare a dimensionarti un sistema devi fare un po
            di statistiche tipo: numero medio di accessi,
            valore di
            picco...per quello basta dare un occhio ai grafici e sapere cos'è il system load...

            poi devo darti ragione per quanto riguarda

            l'algebra e

            l'analisi.

            me ne rendo conto bene ora che sto studiando ELF

            e la sua implementazione di OGRE, ma resta il

            fatto che mi sto studiando ciò che mi serve da

            solo, perchè quei corsi non mi hanno dato
            nemmeno

            le basi per iniziare ad

            apprendere.

            mi spiace, questo significa che quei corsi hanno
            fallito, che non ti hanno dato il bagaglio
            culturale che ti avrebbero dovuto dare,
            purtroppo.Già... peccato, anni buttati, visto che devo rifare da capo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: longinous


            sia perchè quando devi

            andare a dimensionarti un sistema devi fare un
            po

            di statistiche tipo: numero medio di accessi,

            valore di

            picco...

            per quello basta dare un occhio ai grafici e
            sapere cos'è il system
            load...eheh. mi fai tenerezza, spero che nessuno ti dia mai il compito di analizzare e dimensionare un sistema.non hai veramente capito niente di quello che ti hanno insegnato.

            Già... peccato, anni buttati, visto che devo
            rifare da
            capo.non è necessario che rifai l'università, fermati pure all'istruzione superiore. il mondo è pieno di lavori per cui saresti adatto.
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da:
            - Scritto da: longinous





            sia perchè quando devi


            andare a dimensionarti un sistema devi fare un

            po


            di statistiche tipo: numero medio di accessi,


            valore di


            picco...



            per quello basta dare un occhio ai grafici e

            sapere cos'è il system

            load...

            eheh. mi fai tenerezza, spero che nessuno ti dia
            mai il compito di analizzare e dimensionare un
            sistema.
            non hai veramente capito niente di quello che ti
            hanno
            insegnato.Non per rompere, ma non sai cosa mi hanno insegnato... o non insegnato, quindi, caro il mio saputello, se ho sbagliato qualcosa, dimmi cos'è, che poi almeno lo so, o tappati le labbra, che di commenti sterili così non ha bisogno nessuno.



            Già... peccato, anni buttati, visto che devo

            rifare da

            capo.

            non è necessario che rifai l'università, fermati
            pure all'istruzione superiore. il mondo è pieno
            di lavori per cui saresti
            adatto.Mi pare di scorgere un velato (nemmeno troppo) insulto.Mi sai dare anche un esempio di lavori per cui sarei adatto?Così, per curiosità, mi interessa sapere che impressione ti ho dato.
          • shevathas scrive:
            Re: Basta con l'Universita'


            sia perchè quando devi

            andare a dimensionarti un sistema devi fare un
            po

            di statistiche tipo: numero medio di accessi,

            valore di

            picco...

            per quello basta dare un occhio ai grafici e
            sapere cos'è il system
            load...
            purtroppo non basta, sopratutto se devi pianificare prima acquisti di licenze oppure di apparati.Spesso in azienda è più facile avere un autorizzazione alla spesa di 900 che due alla spesa di 500 l'una, o un altro rischio è di esaurire i fondi con l'acquisto di un sistema eccessivamente sovradimensionato.In tal caso non puoi "misurare" dopo ma cercare di prevedere in anticipo.Queste, come quelle in economia, non sono competenze richieste in maniera determinante ma, imho, dovrebbero far parte del bagaglio tecnico di chiunque miri a diventare qualcosa di più di un semplice scrittore di codice.
          • longinous scrive:
            Re: Basta con l'Universita'
            - Scritto da: shevathas


            sia perchè quando devi


            andare a dimensionarti un sistema devi fare un

            po


            di statistiche tipo: numero medio di accessi,


            valore di


            picco...



            per quello basta dare un occhio ai grafici e

            sapere cos'è il system

            load...


            purtroppo non basta, sopratutto se devi
            pianificare prima acquisti di licenze oppure di
            apparati.
            Spesso in azienda è più facile avere un
            autorizzazione alla spesa di 900 che due alla
            spesa di 500 l'una, o un altro rischio è di
            esaurire i fondi con l'acquisto di un sistema
            eccessivamente
            sovradimensionato.
            In tal caso non puoi "misurare" dopo ma cercare
            di prevedere in
            anticipo.
            Queste, come quelle in economia, non sono
            competenze richieste in maniera determinante ma,
            imho, dovrebbero far parte del bagaglio tecnico
            di chiunque miri a diventare qualcosa di più di
            un semplice scrittore di
            codice.In pratica bisogna essere un po' programmatore e un po' sysadmin (per semplificare).Programmatore perchè sa di che cosa ha bisogno per fare una certa cosa e sysadmin perchè ha le conoscenze e/o l'esperienza per quanto riguarda il dimensionamento delle macchine.La questione è piuttosto: su che dati si basa la previsione?perchè ce la possiamo raccontare finchè vogliamo, ma su qualcosa si saranno basati (o avranno interpellato il mago Otelma(rotfl)) e, in tal caso, leggere i grafici è piuttosto intuitivo.Cavolo, mi basta guardare le statistiche d'accesso al mio blog per capire cosa piace e cosa no e quando è il caso di fare nuovi post o no (orario) per avere l'affluenza desiderata.Poi parlamo di statistica in percentuali o in assoluti?Come vedi è molto relativo.
          • shevathas scrive:
            Re: Basta con l'Universita'

            In pratica bisogna essere un po' programmatore e
            un po' sysadmin (per
            semplificare).non è così semplice
            Programmatore perchè sa di che cosa ha bisogno
            per fare una certa cosa e sysadmin perchè ha le
            conoscenze e/o l'esperienza per quanto riguarda
            il dimensionamento delle
            macchine.No, mi hai frainteso, avere competenze trasversali è utile, ma io ti avevo fatto degli esempi nei quali un informatico si trova a dover usare la statistica ed il calcolo delle probabilità.Comunque anche un programmatore può trovarsi a fare dei dimensionamenti, ad esempio quante connessioni alla base dati devono essere svolte oppure quanto ad un dato si dovrà accedere in lettura e quanto in scrittura, questo serve ad esempio per decidere se conviene o meno eliminare delle rindondanze nelle tabelle della nostra base dati.
            La questione è piuttosto: su che dati si basa la
            previsione?dati che tu devi in parte ricavarti dallo studio della situazione aziendale: quanto è importante quella tabella, mediamente quanti dipendenti dovrebbero accederci, come andavano le cose con la vecchia applicazione, facendo tu previsioni: quanta banda potrebbe servire ad un singolo utente, quanti utenti connessi contemporaneamente dovrei avere in media,
            perchè ce la possiamo raccontare finchè vogliamo,
            ma su qualcosa si saranno basati (o avranno
            interpellato il mago Otelma(rotfl)) e, in tal
            caso, leggere i grafici è piuttosto
            intuitivo.ma un grafico non può rispondere a tutte le domande.Ti faccio un esempio accademico semplice (i numeri sono messi a caso): la società XYZ vende il software ABC, sapendo che in media ogni 40 utenti vengono svolte 6 chiamate all'ora per l'assistenza tecnica e sapendo che sono il numero degli utenti è di 10.000 fissare il numero di addetti alla risposta del call center di supporto in modo che alle chiamate venga risposto in media entro 3 minuti e che al 95% delle chiamate venga risposto entro 8 minuti. E' stato un esercizio che ho trovato all'esame di calcolo delle probabilità, e non credo sia facile risolverlo solo misurando, visto che per risolverlo bisogna anche ricorrere alla teoria delle code.
            Cavolo, mi basta guardare le statistiche
            d'accesso al mio blog per capire cosa piace e
            cosa no e quando è il caso di fare nuovi post o
            no (orario) per avere l'affluenza
            desiderasono casi semplici e stai misurando a posteriori, se sbagli l'orario del blog non hai grandi perdite, in azienda purtroppo in certi casi quel modo di procedere è semplicemente da suicidio visto che sei vincolato a stretti limiti di budget, per la serie se costa X euro o meno conviene comprarlo, se costa di più invece conviene cercare soluzioni alternative.Che capita se ti accorgi di aver sottodimensionato il sistema, e magari per dimensionarlo correttamente serve spendere un Z tale che Z+X
            Y. ?Cosa pensi che ti succeda... :D ?
            Poi parlamo di statistica in percentuali o in
            assoluti?Servono entrambi i tipi di dato, visto che dagli uni si possono agevolmente ricavare gli altri, questa tua domanda matematicamente non ha senso.
      • epikuros scrive:
        Re: Basta con l'Universita'
        - Scritto da:
        Il guaio è che non forma in modo diretto. Il
        corso d'ingegneria informatica per esempio, ha
        solo la metà, circa, di corsi informatici.Nessun corso di laurea in informatica ha solo esami informatici!!Ing. Informatica e' nata come un ibrido di Ing. Elettronica, invece di mettere esami di informatica nel piano di studi di elettronica, snaturandola, si sono inventati Ing. Informatica. E dentro vi hanno lasciato un bel po' di elettronica. Poi un esame di meccanica, uno di chimica, piu' roba di economia ed organizzazione (mi pare si salvino dal disegno e dalle costruzioni...)Poi c'e' Informatica nelle facolta' di Scienze MFN. Li' ci sono piu' esami di informatica vera e propria (perche' mancano quelli di eletronica), ma non pensare neanche per un attimo che ti insegnino a usare Word! C'e' matematica fino alla nausea (sai che ci sono le *dimostrazioni* nel primo esame di programmazione del primo anno?), un paio di esami di economia, un paio di ricerca operativa. E molti degli esami che hanno un titolo "informatico" trattano in realta' metodologie di progettazione e di organizzazione (applicabili al campo informatico, ma non solo...)Insomma, stiamo parlando di corsi di laurea!! Quando esci non devi essere una scimmia ammaestrata, ma un professionista capace di organizzare, progettare, attuare e dirigere! E' ovvio che il primo impiego non sara' per nessuno il Project Manager... ma in teoria, prima o poi...Se guardi i dirigenti di grossi gruppi, le persone con ruoli importanti, scoprirai che vengono dagli ambiti piu' diversi e che spesso le professionalita' si sovrappongono, perche' la cosa piu' importante che la gente vuole da un laureato e' la flessibilita' mentale e la capacita' di dare uno sguardo d'insieme ai problemi. A nessuno importa se hai dato un esame sul capitolo N di un certo libro!!! Per configurare il server X con il SO Y, c'e' la scimmia!
        No, il fatto è che non sono stato
        sufficientemente informato sulla sua utilità o
        meno. E si finisce, più o meno, con la
        prospettiva del "pezzo di
        carta".Informato?? Ma ti sei iscritto tirando i dadi o hai letto i programmi dei corsi? E passi... molte universita' si fanno piu' belle per attirare studenti, ma ora che hai capito, rimedia: cambia corso di laurea o fai un piano di studi il piu' consono possibile a te oppure (cosa molto utile) ogni semestre scegli il corso che ti pare piu' bello e approfondiscilo fino alla morte! Intendo oltre le lezioni: studia libri, fai esperimenti privati, etc. Il risultato sara' (forse) un 30 e (di sicuro) un bagaglio da usare (e magari ti fai un'idea del lavoro che vuoi fare o almeno trovi un argomento per la tesi!)Stiamo parlando di studio e di professioni intellettuali: piu' studi e piu' soddisfazioni avrai! La passioni bisogna coltivarle!!
      • Uby scrive:
        Re: Basta con l'Universita'
        - Scritto da:

        Il guaio è che non forma in modo diretto. Il
        corso d'ingegneria informatica per esempio, ha
        solo la metà, circa, di corsi informatici.


        No, il fatto è che non sono stato
        sufficientemente informato sulla sua utilità o
        meno. E si finisce, più o meno, con la
        prospettiva del "pezzo di
        carta".Ingegneria Informatica e Informatica sono 2 corsi di laurea diversi, hanno scopi diversi e formano figure diverse.Molti sono attratti da quel "Ingegneria" prima di Informatica e optano per questo corso senza conoscere le reali differenze.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta con l'Universita'
      http://esbn.burioni.it/2006/200609/200609_10.htmlce ne sono altre se non ti fidi di questa
  • Anonimo scrive:
    ma infatti il lavoro c'è
    Il lavoro c'è, nessuno l'ha mai negato.Meglio ancora se uno è disponibile a fare reperibilità e lavoro di notte.Quel che manca è quel dettaglio che si chiama stipendio, sai com'è...Sei la rappresentazione della degradazione dell'IT italiano e non te ne rendi conto: gente professionale, certificata, e tutto quello che vuoi, NON pagata e con lavori da schiavo.Se a te piace così, libero di farlo. Se ci devi mantenere una famiglia, capisci che già le cose sono diverse...E poi di che carriera parli, scusa? Manco ti pagano gli straordinari, e sei qui a parlarci di carriera.
  • Anonimo scrive:
    MCSA e MCSE?
    MCSA: MiCroSoft AddictedMCSE: Must Consult Someone ExpertGhhhh!!!!! (troll)
  • Anonimo scrive:
    kuntakinte veniva trattato meglio
    capisco sacrificarsi per il lavoro ma in definitiva... che vita di merda fai? Io a 23 anni mi divertivo come un porco :D Concerti, ragazze, viaggi e se proprio dovevo far tardi era solo per passare una serata in un pub. Ora ho 34y e lavoro nell'IT, sono ben pagato e non mi lamento. Mi sento di consigliarti di non esagerare con la disponibilita' perche' il datore di lavoro si prende non il braccio ma tutto il corpo e se potesse farebbe sperimenti di clonazione umana, tutto questo ridendo alle tue spalle (fidati) e dietro quelli che magari sono piu' bravi e vorrebbero fare il tuo mestiere a ritmi normali. Goditi la vita, il lavoro e' un'invenzione della nostra societa', cosi' come il denaro... lavora per averne quanto basta per star bene ma non lasciare che sia l'unico scopo della tua vita o a 30y ti ritroverai depresso e un rottame umano my 2c
  • leobo scrive:
    Senior e junior...
    Ciao,Io ho qualche anno di più, e anche io ormai finisco nella categoria dei senior.E ho fatto più o meno la stessa strada che fai te fino ad ora, forse un po' meno con look da 'manager' e un po' pù con look da tecnico (anche io ho fattonottate su nottate).Con impegno e sacrificio, si trova il tipo di lavoro che stai mettendo in mostra te. Ma è un lavoro senza crescita. Continui a fare la "prostituta informatica", pagato ad ore, chiamato nella notte quando qualcuno ha bisogno di un servizio, e dopo 10 anni scopri che non piaci più perchè semplicemente il nuovo neolaureato o laureando costa meno.Io personalmente mi sono stufato di fare questa vita, per il semplice motivo che dopo i soliti 10 anni di cui sopra, il tuo amico che non è in grado di accendere il pc con windows ti chiamerà per farti fare una consulenza, nella sua veste di mega dirigente di un gruppo informatico di successo, e te ti chiederai com'è che lui nel frattempo si è sistemato, ha la sua pensione, le sue ferie, i suoi benefit aziendali, e te continui a correre su e giù per il mondo a risolvere i casini creati da lui e da gente come lui.
    • Anonimo scrive:
      Re: Senior e junior...
      - Scritto da: leobo
      Ciao,
      Io ho qualche anno di più, e anche io ormai
      finisco nella categoria dei
      senior.
      E ho fatto più o meno la stessa strada che fai te
      fino ad ora, forse un po' meno con look da
      'manager' e un po' pù con look da tecnico (anche
      io ho fattonottate su
      nottate).
      Con impegno e sacrificio, si trova il tipo di
      lavoro che stai mettendo in mostra te. Ma è un
      lavoro senza crescita. Continui a fare la
      "prostituta informatica", pagato ad ore, chiamato
      nella notte quando qualcuno ha bisogno di un
      servizio, e dopo 10 anni scopri che non piaci più
      perchè semplicemente il nuovo neolaureato o
      laureando costa
      meno.
      Io personalmente mi sono stufato di fare questa
      vita, per il semplice motivo che dopo i soliti 10
      anni di cui sopra, il tuo amico che non è in
      grado di accendere il pc con windows ti chiamerà
      per farti fare una consulenza, nella sua veste di
      mega dirigente di un gruppo informatico di
      successo, e te ti chiederai com'è che lui nel
      frattempo si è sistemato, ha la sua pensione, le
      sue ferie, i suoi benefit aziendali, e te
      continui a correre su e giù per il mondo a
      risolvere i casini creati da lui e da gente come
      lui.Parole sante.. anche io dopo anni di smattimento tra server pc stampanti terminali programmi ecc ho cerctao di sganciarmi da questo tipo di lavoro e sto provando a fare il consulente SAP proprio per cercare di sistemarmi e di avere una vita "quasi" normale nel mondo informatico..
  • Anonimo scrive:
    Così distruggi la tua vita e degli altri
    Ovviamente, con una vita così, una famiglia te la fai per corrispondenza (o divorzi dopo due anni).Forse, diventerai il capo di qualche società e ti comporterai come il capo di "il diavolo veste prada". Si può vivere anche così, ma i conti si vanno a 50 anni quando ti guardi intorno e trovi gente che ti odia, per i tuoi ritmi disumani.Ovviamente poi distruggi la categoria in quanto i vari capetti dicono "vedi", c'è ne uno che fa così, ne voglio uno come lui.... Sperare poi di non stare mai male, altrimenti l'azienda ti mette da parte (avanti, sotto un altro).Confronta la tua vita con quella degli impiegati statali del catasto, motorizzazione, agenzia entrate, forestali, ministeriali (non i precari, quelli assunti) e poi dimmi... dove corri ? per chi ?
  • Edo78 scrive:
    ... e se fosse vero ?
    Ragionando per assurdo proviamo a far finta per un attimo che quanto scritto nell'articolo corrisponda a verità.Anche se non si trattase di Peter Parker ma di Clark Kent sono pronto a scommettere quello che volete che se continua a lavorare così (facendo nottate del genere) e per pura fortuna riesce ad arrivare a 30 anni senza un esaurimento di sicuro ci arriva solo come un cane.Non parlo di una moglie e dei figli (anche se io a 28 sono sposato e a settembre diventerò padre :) ) ma nemmeno una fidanzata e degli amici perchè puoi scegliere se vivere la tua vita e lavorare per mantenerla o crearla o puoi scegliere di lavorare in questo modo e dire ciao ciao al resto.Se accolgono la mia richiesta di prolungare le giornate a 96 ore allora ne potremmo riparlare (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: ... e se fosse vero ?
      Possiamo ipotizzare che a scrivere il messaggio non sia un lavoratore reale, ma un imprenditore che non vuole che la protesta si alzi più di tanto. Far sentire "incapaci" le altre persone per poi prenderle a meno è una tattica tipica della pseudo-imprenditoria attuale.Stessa cosa per articoli simili nei giorni passati.
      • Edo78 scrive:
        Re: ... e se fosse vero ?
        Poi è bellissimo quando dice:"I clienti che seguo (per privacy non posso citarne i nomi) sono società molto grandi e ben conosciute, in cui mi sono fatto conoscere ed apprezzare per le mie conoscenze informatiche."Quale privacy ? Si vergognano di avere a che fare con te ? Oltre al fatto che se segue dei clienti evidentemente non è assunto (un dipendente non ha clienti) e questo spiega perchè deve correre di notte al lavoro, o così o la mattina dopo poteva evitare di andarci (rotfl)Ma quando arriva a dire:"Mi piace molto questo lavoro, e non lo cambierei mai con nessun altro." è proprio l'apoteosi ...Gli asociali esistono e non desiderando una vita sociale possono dedicarsi completamente al lavoro e ottenere risultati eccellenti ma se non sei dipendente alla prima notte che salti dopo averli abituati così bene ti lasciano a casa senza grossi problemi quindi non sarai tu a cambiare lavoro ma il lavoro a cambiare schiavo (rotfl)Può capitare di avere lavori del genere, io non ostante la terza media ho lavorato per 7 mesi in trasferta a genova presso l'ospedale San Martino per conto del CIC (un consorzio). Ero co.co.pro. e prendevo 1800 netti al mese e avevo appartamento aziendale in centro a Genova. Ovvio che se succedevano casini in ospedale tu alzi il culo e corri ma fortunatamente ho fatto solo due nottate di passione in 7 mesi.Unica pecca, il lunedì mattina salutavo mia moglie per rivederla venerdì sera (negli ultimi mesi ero riuscito a ottenere che il venerdì lavorassi da casa e quindi tornavo giovedì sera), mi sono rotto e li ho salutati, adesso sono dipendete a 1300 netti a 15 minuti da casa.Guadagno decisamente meno ma vivo molto di più ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: ... e se fosse vero ?
      - Scritto da: Edo78
      Ragionando per assurdo proviamo a far finta per
      un attimo che quanto scritto nell'articolo
      corrisponda a
      verità.Vivete sulla luna, c'è gente che a 17 anni faceva il provider, gente che oggi gestisce magazine e sistemi di marketing online. C'è chi puo' e c'è chi non può smettetela di piangervi addosso
      • Edo78 scrive:
        Re: ... e se fosse vero ?
        - Scritto da:
        Vivete sulla luna, c'è gente che a 17 anni faceva
        il provider, gente che oggi gestisce magazine e
        sistemi di marketing online. C'è chi puo' e c'è
        chi non può smettetela di piangervi
        addossoScusa, forse non sono stato molto chiaro, non è assolutamente mia intenzione piangermi addosso (se leggi anche l'altro mio messaggio puoi vedere uno spaccato delle mie esperienze e scelte).Il fatto è che si, esistono alcuni fortunati, non lo nego ma questi dovrebbero capire di essere dei privilegiati e che lavori di quel tipo non ne esistono molti, la maggior parte dei lavoratori IT somigliano più a schiavi che a ricconi strapagati, non ostante spesso facciano orari estenuanti per paura di perdere il lavoro precario.Per come è scritto questo articolo sembra essere così scollegato dalla realtà da credere che tutti possano avere tali opportunità o che lui possa reggere tali ritmi ancora per molti anni (infatti sostiene di non voler cambiare lavoro).Sarà duro il suo risveglio quando tra qualche anno quando il cellulare squillerà alle 3 della mattina per un server da sistemare e lui non avrà nemmeno la forza per alzarsi o la lucidità mentale per sistemare la questione o , dio non voglia, si sia fatto una famiglia e la moglie vorrà chiedere il divorzio perchè lui passa più tempo al lavoro che non con lei ...Esistono i fortunati, io mi ritengo tale, ma mi rendo conto che per molti non è così, anche io ho passato periodi lunghi da disoccupato (ed ero già sposato), per disperazione ho accettato lavori part-time da skifo e poi ho avuto la svolta, competenza e la fortuna di avere le conoscenze tecniche giuste al momento giusto hanno iniziato ad aprirmi molte porte e adesso pur non sguazzando nell'oro vivo una vita più che decorosa e ho una famiglia con cui riesco a passare molto tempo.L'ultima cosa che faccio è piangermi addosso, al massimo rido della sventatezza di questo 23enne.
        • HeroProtagonist scrive:
          Re: ... e se fosse vero ?
          I miei due cent:si può immaginare la vita personale-professionale come sviluppata su tre assi a sottendere un'area in uno spazio tridimensionale; su uno degli assi i soldi, sull'altro la soddisfazione professionale, sul terzo la qualità della vita. Qualsiasi risultato differente da un triangolo equilatero implica dei sacrifici. Questi sacrifici sono tanto maggiori tanto maggiore è l'asimmetria. Per brevi periodi si può certamente accettare una situazione sbilanciata (esempio: tanti soldi, tanta soddisfazione, bassa qualità di vita; oppure: pochi soldi, tanta soddisfazione, bassa qualità di vita) ma alla lunga viene a creare tensioni personali tali per cui la situazione non è più sostenibile. Date retta a me a tutto c'è un limite, se a vent'anni fati una vita del genere, essa implica di rinunciare a tante cose di cui poi sentirai la mancanza a trenta o quaranta e la personalità risulterà sbilanciata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 febbraio 2007 12.19-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    E INTANTO I CINESI VANNO DAI NEGRI
    A patto che sia vero l'articolo,intanto i cinesi vanno dai negri dell'africa a fare nuovi schiavi,chiamali stupidi!E noi finiremo uguale con le persone che trattano il loro corpo cosi
    • Anonimo scrive:
      Re: E INTANTO I CINESI VANNO DAI NEGRI

      A patto che sia vero l'articolo,intanto i cinesi
      vanno dai negri dell'africa a fare nuovi
      schiavi,chiamali
      stupidi!
      E noi finiremo uguale con le persone che trattano
      il loro corpo
      cosistrano che tu non abbia detto "i musi gialli"sì, i cinesi vanno nel darfour, pagano il petrolio il doppio di noi, costruiscono 10 volte le infrastrutture che costruiamo noi, danno formazione ai "negri" come li chiami tu e non hanno agenzie che mirano a mettere dittatori filooccidentali al governo (nè con metodi militari nè con "rivoluzioni colorate"), inoltre i cinesi adesso tutto hanno meno che i problemi di manodopera a buon mercato e anche storicamente non sono mai partite navi cariche di schiavi dalla costa d'avorio dirette verso beijing
      • Anonimo scrive:
        Re: E INTANTO I CINESI VANNO DAI NEGRI
        la speranza è che collassino prima che collassimo noi...ma è proprio una speranza remota!!!ci salviamo se ogni giorno ne inventiamo una nuova,ma il problema che questi sono tanti,troppi e anche loro pensano!!e copiano!!
  • Anonimo scrive:
    neanche questo dice il guadagno
    E neanche questo, come Elisabetta, ci dice quanto guadagna...Cos'è, avete paura di dire che lavorate 24 ore al giorno per due soldi?Siete ridicoli!
    • Anonimo scrive:
      Re: neanche questo dice il guadagno
      Non hai capito, questi non lavorano, non esistono proprio sono solamente la visione ideale di come dovrebbe essere un lavoratore, (per l'imprenditore) ovvero un pupazzo, uno schiavo.Il fatto che si parli di IT è solo perchè stiamo su PI
  • Anonimo scrive:
    Hai mai letto la costituzione?
    Esempio concreto di voglia di lavorare è stato poco meno di tre settimane fa: 3 server alle h 23.40 si sono riavviati inavvertitamente (causa dolosa... L). In quanti si sarebbero messi da casa, non pagati teoricamente, a sistemare le cose entro la mattina successiva? Non lo so, personalmente l'ho fatto, rimanendo in piedi fino alle h.6.20, con la sveglia già puntata alle h.7.30.Alle h.8.30 ho iniziato a ricevere una marea di telefonate dall'estero e dall'Italia chiedendo spiegazioni in merito a ciò che era successo, poiché alcuni loro dipendenti non erano stati in grado di collegarsi per alcune ore durante la notte. Alle 10.00 avevo un appuntamento di lavoro da un cliente e alle 17.00 avevo un esame. Art. 36.Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hai mai letto la costituzione?
      La nostra costituzione è (nonostante le modifiche) una delle meglio scritte. Peccato che è una delle meno osservate. :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Hai mai letto la costituzione?
        scusate l'ignoranza, ma se mi capita che mi fanno alvorare fuori orario senza retribuzione adeguata(oppure senza retribuzione) posso sbattergli in faccia la costituzione e citarli in tribunale per avere un risarcimento per danno psico-fisico o qualcosa del genere?non stò facendo dell'ironia voglio solo capire bene questa cosa
        • Anonimo scrive:
          Re: Hai mai letto la costituzione?
          Non sono un giurista, ma da quanto ho capito la costituzione è una direttiva sul quale basare leggi e provvedimenti. E non a caso, sovente si parla di leggi e provvedimenti anticostituzionali.- Scritto da:
          scusate l'ignoranza, ma se mi capita che mi fanno
          alvorare fuori orario senza retribuzione
          adeguata(oppure senza retribuzione) posso
          sbattergli in faccia la costituzione e citarli in
          tribunale per avere un risarcimento per danno
          psico-fisico o qualcosa del
          genere?
          non stò facendo dell'ironia voglio solo capire
          bene questa
          cosa
  • Anonimo scrive:
    L'università non sforna sistemisti
    se vai all'università per diventare sistemista stai perdendo solo tempo.
  • carpigjan scrive:
    Ok.. ma la tua retribuzione??
    Ok, ci hai spiegato nel dettaglio che hai un lavoro importante e che ti da un sacco di soddisfazioni.. ma la tua retribuzione?è adeguata?Perchè guarda che quelli che gestiscono le risorse umane nelle aziende, sanno che devono cercare di rendere ognuno responsabile di qualcosa, farlo sentire soddisfatto, fiero e appagato dal proprio lavoro e piu difficilmente avranno a che fare con richieste di aumento di stipendio..nottate, viaggiare, alberghi pagati, etc .etc, si insomma sacrificio, ma comunque una bella vita.. ma che però potrebbe essere anche solo uno specchietto per le allodole nel caso poi tu non fossi retribuito adeguatamente.. (e con un contratto adeguato..)
  • Anonimo scrive:
    Chi è l'informatico?
    http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1035120&m_id=1035130&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è l'informatico?
      Adesso lo si spieghi a tutte quelle azienducole che cercano 20enni supertuttosoiosoltanto
    • liberx scrive:
      Re: Chi è l'informatico?
      - Scritto da:
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1035120&m_iMa infatti è la definizione uno dei grandi problemi imho
  • Anonimo scrive:
    Faccio qui, faccio là...
    Un momento prima stai ad aggiustare non uno ma tre server di notte, poi neppure un paio d'ore di sonno e sei di nuovo pronto per fare altro, poi c'hai il colloquio di lavoro, poi tieni l'esame, tra una cagata ed una pisciata ti spari un paio di certificazioni, poi questo, quello, ecc.ecc.ecc...Chi ti passa il caffè ? il druido panoramix ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Faccio qui, faccio là...
      - Scritto da:
      Un momento prima stai ad aggiustare non uno ma
      tre server di notte, poi neppure un paio d'ore di
      sonno e sei di nuovo pronto per fare altro, poi
      c'hai il colloquio di lavoro, poi tieni l'esame,
      tra una cagata ed una pisciata ti spari un paio
      di certificazioni, poi questo, quello,
      ecc.ecc.ecc...

      Chi ti passa il caffè ? il druido panoramix ?Ahaha... Noooooo, tu no!! Ci sei caduto da piccolo!!! (rotfl) (rotfl) (rotfl)http://www.asterixweb.it/trio2.gif
    • Anonimo scrive:
      Re: Faccio qui, faccio là...

      Chi ti passa il caffè ? il druido panoramix ?Lapo
    • Anonimo scrive:
      Re: Faccio qui, faccio là...
      Mi sa che si doppa ; corrisponde al classico ragazzo egocentrico e pineo di se , potrei fare nome e cognomi di molti del mio paese , che si avvalgono di avere chissà quali conoscenze e di fare chissà quali cose .La realtà è ben altra io lavoro tutti i giorni per guadagnarmi da vivere e studio all'università , quando arrivo a sera talvolta le mie forze sono easuste , questo dorme 1 ora a notte sistema server fa esami ma per piacere svegliati e cerca di vedere la vera realtà e non quella che ti autocostruisci.(linux)
      • Dirk Pitt scrive:
        Re: Faccio qui, faccio là...
        - Scritto da:
        Mi sa che si doppa ; corrisponde al classico
        ragazzo egocentrico e pineo di se , potrei fare
        nome e cognomi di molti del mio paese , che si
        avvalgono di avere chissà quali conoscenze e di
        fare chissà quali cose
        .
        La realtà è ben altra io lavoro tutti i giorni
        per guadagnarmi da vivere e studio all'università
        , quando arrivo a sera talvolta le mie forze sono
        easuste , questo dorme 1 ora a notte sistema
        server fa esami ma per piacere svegliati e cerca
        di vedere la vera realtà e non quella che ti
        autocostruisci.(linux)Giudizi sommari su realtà e persone che non conosci...Consolati, siete in molti a farlo.dillatutta.com - perchè la verità... funziona
      • Anonimo scrive:
        Re: Faccio qui, faccio là...
        - Scritto da:
        Mi sa che si doppa ; corrisponde al classico
        ragazzo egocentrico e pineo di se , potrei fare
        nome e cognomi di molti del mio paese , che si
        avvalgono di avere chissà quali conoscenze e di
        fare chissà quali cose
        .
        La realtà è ben altraLa tua?
        io lavoro tutti i giorni
        per guadagnarmi da vivere e studio all'università
        , quando arrivo a sera talvolta le mie forze sono
        easuste ,Tu sei mica tutti.
        questo dorme 1 ora a notte...esagerato... ha raccontato un espisodio eccezionale.Adesso sei tu che ti autocostruisci le cose per poterle biasimare.Vegognati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Faccio qui, faccio là...
      - Scritto da:
      Un momento prima stai ad aggiustare non uno ma
      tre server di notte, poi neppure un paio d'ore di
      sonno e sei di nuovo pronto per fare altro, poi
      c'hai il colloquio di lavoro, poi tieni l'esame,
      tra una cagata ed una pisciata ti spari un paio
      di certificazioni, poi questo, quello,
      ecc.ecc.ecc...

      Chi ti passa il caffè ? il druido panoramix ?CHI NON SA FARE, CRITICA!!
  • Anonimo scrive:
    MI fai vedere il tuo culo ?
    Scommetto che è bello largo Di la verità te lo hanno spanato per bene vero 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: MI fai vedere il tuo culo ?
      quoto pienamente!! cel'avrà almeno come quello di un elefante!!e per colpa di gente com elui gli altri fanno la fame!!
  • Xseven scrive:
    Milano..
    ..è Milano, se non succedessero almeno lì di questi rari miracoli... tutti a zappare...
  • Anonimo scrive:
    I Classici puntini sulla I
    Io credo che te stia confondendo la tua passione (i corsi e l'uni etcc...)con uno status da pseudo manager che ti fa sentire "importante", vedi caro io ho risposto ad un utente che ha parlato con sconsideratezza di ragazzini appassionati perchè la passione è una bellissima cosa e va assecondata e coltivata, ma non credo che ti vesti in giacca e cravatta per passione, neanche che fai la notte a fare cose fatte e rifatte, e neanche vai a londra per passione, la passione coltivala ma fatti pure qualche sana scopata come cristo comanda e nopn ti scoppiare erchè 23 anni non tornano più......fidati te lo dice uno che quegli anni se li è praticamente bruciati......
  • longinous scrive:
    domandina facile facile
    Esempio concreto di voglia di lavorare è stato poco meno di tre settimane fa: 3 server alle h 23.40 si sono riavviati inavvertitamente (causa dolosa... L). In quanti si sarebbero messi da casa, non pagati teoricamente, a sistemare le cose entro la mattina successiva? Non lo so, personalmente l'ho fatto, rimanendo in piedi fino alle h.6.20, con la sveglia già puntata alle h.7.30.Alle h.8.30 ho iniziato a ricevere una marea di telefonate dall'estero e dall'Italia chiedendo spiegazioni in merito a ciò che era successo, poiché alcuni loro dipendenti non erano stati in grado di collegarsi per alcune ore durante la notte. Alle 10.00 avevo un appuntamento di lavoro da un cliente e alle 17.00 avevo un esame. Alla fine ti hanno pagato il disturbo?O sei andato gratis et amoris?Se è buona la prima bè... faticaccia, ma può succedereSe è buona la seconda, in cui però sei tu che ha deciso di tua sponte di fermarti fino all'ora che è stata e non perchè il tuo capo lo vedeva come un tuo obbligo, sei un pirla che mette nella $roba_fetida_marrone noialtri.Io ho un contratto co.co.pro e prendo 700 al mese (più 100 per il rimborso pasti benzina... più o meno un terzo di quello che spendo in effetti!).Nel mio contratto è specificato chiaramente che i miei doveri sono assicurare:almeno 3(tre) ore di lavoro al giornoal massimo 8(otto) ore di lavoro al giornoRealtà: mai meno di nove-dieciSperanza: mi verrà riconosciuto il buon lavoro svolto e mi verrà dato il famoso aumento di cui si parlava DUE MESI FA.Realtà: BWAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!! (pensiero del mio capo)Inoltre l'ho sentito lamentasi di noi (siamo in un bel po' con questo contratto a queste condizioni) con un nostro collega "senior" che si, lavoriamo bene, ma non abbiamo molta voglia di fermarci oltre l'orario di lavoro, o nel week-end.Quindi, dopo che ha comprato carne, sangue, ossa, cervello e anima per quattro soldi, la domanda è: che cazzo vuole ancora quell'uomo?Le nostre figlie in sacrificio?(non sono sposato e non ho figli, era per dire)
    • Anonimo scrive:
      Re: domandina facile facile
      è molto semplice la risposta, il tuo capo è una di quelle persone che non alvora per vivere, nono lui vive per il lavoro, e come lui purtroppo in italia ce ne son osempre di più, per quello vi ha fatto quelle critiche, sicuramente lui si porta il lavoro a casa, ma il brutto affare è che non ha capito che LUI DEVE portarselo a casa il lavoro perchè è il CAPO e quindi se non vuole andare a palle all'aria lui e la sua azienda DEVE portarselo a casa il lavoro, menter VOI DOVRESTE lavorare solo quanto DESCRITTO DA CONTRATTO!!!
    • epikuros scrive:
      Re: domandina facile facile
      Gratis et amoris?? Forse "gratis et amore"...- Scritto da: longinous
      Alla fine ti hanno pagato il disturbo?
      O sei andato gratis et amoris?
      • longinous scrive:
        Re: domandina facile facile
        - Scritto da: epikuros

        Gratis et amoris?? Forse "gratis et amore"...

        - Scritto da: longinous

        Alla fine ti hanno pagato il disturbo?

        O sei andato gratis et amoris?non so il latino.facile che sia giusto come dici, i miei hanno sempre detto così, ma nemmeno loro sapevano il latino.però aveva una bel suono, credo sia per questo che me l'hanno sempre storpiato.
    • Anonimo scrive:
      Re: domandina facile facile
      - Scritto da: longinous

      Realtà: mai meno di nove-dieci

      Realtà: BWAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!! (pensiero del mio
      capo)Non per niente dopo due giorni che mi son fatto lì ho preso i miei due e mi son messo alla ricerca d'altro...Vattene al volo, ti assicuro che di persone serie nella nostra zona se ne trova qualcuna ;)
  • Anonimo scrive:
    Mio cuggino
    Mio cuggino lavora per la nasa mio cuggino mio cuggino @^
  • Anonimo scrive:
    altro che gioventu bruciata!
    IO INVECE SCOPO COME UN DANNATO E VIVO SULLE SPALLE DEI MIEI GENITORI.AH AH AH IL LAVORO E' PER DEMENTI
  • Anonimo scrive:
    anche a me...
    Io non lavoro in campo informatico epro' penso che la mia storia possa essere di aiuto o di conforto a quanti come me si trovano nella mia stessa situazione.Sono uno studente universitario che vive in una grande citta' del nord, mi sono dovuto trasferire qui nel paese dove sono nato non posso proseguire gli studi in modo soddisfacente. Studio lettere all'universita', ma nel tempo libero invece di andarmi a divertire come fanno molti miei coetanei faccio dei piccoli lavoretti per raccimolare un po' di denaro, così da non pesare troppo sulle spalle di mia zia, la quale molto gentilmente mi ha accolto a casa sua.Ultimamente ho accantonato il lavoro di consegna pizze a domicilio, per un posto come giornalista freelancer in un quotidiano nazionale di discreta imposrtanza. E' un lavoraccio, conciliare lo studio con il lavoro e' qualcosa di impossibile, considerando inoltre che devo salvare il mondo si e no' almeno due volte a giorno.Peter Parker
    • Anonimo scrive:
      Re: anche a me...
      - Scritto da:
      E' un lavoraccio, conciliare lo studio con il
      lavoro e' qualcosa di impossibile, considerando
      inoltre che devo salvare il mondo si e no' almeno
      due volte a
      giorno.

      Peter Parker(rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: anche a me...
      - Scritto da:
      Io non lavoro in campo informatico epro' penso
      che la mia storia possa essere di aiuto o di
      conforto a quanti come me si trovano nella mia
      stessa
      situazione.
      Sono uno studente universitario che vive in una
      grande citta' del nord, mi sono dovuto trasferire
      qui nel paese dove sono nato non posso proseguire
      gli studi in modo
      soddisfacente.

      Studio lettere all'universita', ma nel tempo
      libero invece di andarmi a divertire come fanno
      molti miei coetanei faccio dei piccoli lavoretti
      per raccimolare un po' di denaro, così da non
      pesare troppo sulle spalle di mia zia, la quale
      molto gentilmente mi ha accolto a casa
      sua.

      Ultimamente ho accantonato il lavoro di consegna
      pizze a domicilio, per un posto come giornalista
      freelancer in un quotidiano nazionale di discreta
      imposrtanza.


      E' un lavoraccio, conciliare lo studio con il
      lavoro e' qualcosa di impossibile, considerando
      inoltre che devo salvare il mondo si e no' almeno
      due volte a
      giorno.

      Peter ParkerCiao Peter, volevo dirti che Mary Jane è a casa mia e sto per ciulamerla ! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: anche a me...
      - Scritto da:
      Io non lavoro in campo informatico epro' penso
      che la mia storia possa essere di aiuto o di
      conforto a quanti come me si trovano nella mia
      stessa
      situazione.
      Sono uno studente universitario che vive in una
      grande citta' del nord, mi sono dovuto trasferire
      qui nel paese dove sono nato non posso proseguire
      gli studi in modo
      soddisfacente.

      Studio lettere all'universita', ma nel tempo
      libero invece di andarmi a divertire come fanno
      molti miei coetanei faccio dei piccoli lavoretti
      per raccimolare un po' di denaro, così da non
      pesare troppo sulle spalle di mia zia, la quale
      molto gentilmente mi ha accolto a casa
      sua.

      Ultimamente ho accantonato il lavoro di consegna
      pizze a domicilio, per un posto come giornalista
      freelancer in un quotidiano nazionale di discreta
      imposrtanza.


      E' un lavoraccio, conciliare lo studio con il
      lavoro e' qualcosa di impossibile, considerando
      inoltre che devo salvare il mondo si e no' almeno
      due volte a
      giorno.

      Peter ParkerPeter, io sapevo che eri un fotografo, non un giornalista.E studiavi scienze, non lettere.Ma probabilmente è una questione di omonimia... Per caso porti sempre quella buffissima calzamaglia rosso-blu sotto i vestiti? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: anche a me...
      huahahaah giuro che stavo per crederci, se non leggevo le ultime righe ci cascavo di brutto, huahah comlpimentissimi davvero ben scritto (rotfl)
  • shevathas scrive:
    Scusa se faccio il polemico
    ma non saprei giudicare bene la tua storia, di prima botta ho pensato al solito smanettone entrato nel giro delle body rentall.Da quello che scrivi sembra che la tua sia una posizione ideale, ma ci sono alcuni punti che mi lasciano leggermente perplesso. Mano a mano ho tenuto contatti su contatti (tutti leciti, senza conoscenze o altre vie "italiane"), telefono sempre acceso, disponibilità, conoscenza dell'inglese, predisposizione a viaggiare e presentabilità (giacca e cravatta in molte situazioni, anche se a 23 anni sembra inconcepibile...). strategia ottima, spero però che ti sia fatto pagare per questa disponibilità.Mi spiego meglio la reperibilità 24/24 costa, ed è giusto farla pagare a chiunque la chieda. In procinto di certificarmi MCSA e MCSE (pochi esami mancanti) e Citrix (inizio ai primi di Marzo i corsi), ottima cosa il migliorare le tue competenze tecniche con certificazioni e riscontri, sicuramente renderesti più appetibile il tuo CV oltrechè ad integrarlo con le tue esperienze. lavoro come sistemista presso una società di Milano, che, dopo aver visto per caso come lavoravo, ha deciso di farmi collaborare con loro! (no CV, colloquio, nulla di nulla... niente parole, solo fatti).I clienti che seguo (per privacy non posso citarne i nomi) sono società molto grandi e ben conosciute, in cui mi sono fatto conoscere ed apprezzare per le mie conoscenze informatiche. questa è la parte che più mi puzza di body rentall, bene o male finisci sempre rigirato a grossi clienti.sarei curioso di sapere come sei venuto in contatto con quella società, hai fatto qualche intervento presso di loro per conto terzi ?strano che non ti abbiano chiesto un CV oppure fatto un colloquio, almeno per facciata.Credo che la società sia una società abbastanza piccola, altrimenti o ti accozzava un direttore generale oppure ti sarebbe toccato fare tutta la trafila, tanto per non farla troppo sfacciata. A questo punto vorrei riprendere la lettera di (...)Per chi capisce la finezza, c'è da avere paura per il futuro! mi sa che dell'università hai capito poco, l'uni non dovrebbe insegnarti come si configura il software X o il database Y, dovrebbe fornirti gli strumenti per autoapprendere con facilità quelle informazioni.Evita di pensare all'università come un fornitore di pappe pronte, ed eviti molte delusioni. Esempio concreto di voglia di lavorare è stato (...)situazioni come eventualità da tenere in considerazione! allora se la reperibilità e lo straordinario erano previsti nel contratto e sono stati giustamente pagati ti dico che hai fatto bene, sopratutto perchè i clienti che pagano, pagano anche per l'affidabilità.Se invece hai agito così per carità cristiana, beh, credo che abbia fatto una cavolata colossale.Perchè magari i clienti sono convinti che nei soldi che ti danno sono compresi anche quei servizi supplementari e pretendono di averli per due lire dal professionista contattato.Non sono d'accordo, io sono disponibile quanto vogliono, purchè paghino il giusto per la mia disponibilità, non ho la minima voglia di fare loro regali, visto che dall'altra parte se ne fanno pochi.Spero almeno abbia fatto "pesare" la tua disponibilità in sede di aggiornamento di contratto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusa se faccio il polemico

      allora se la reperibilità e lo straordinario
      erano previsti nel contratto e sono stati
      giustamente pagati ti dico che hai fatto bene,
      sopratutto perchè i clienti che pagano, pagano
      anche per
      l'affidabilità.
      Se invece hai agito così per carità cristiana,
      beh, credo che abbia fatto una cavolata
      colossale.Perchè magari i clienti sono convinti
      che nei soldi che ti danno sono compresi anche
      quei servizi supplementari e pretendono di averli
      per due lire dal professionista
      contattato.
      Non sono d'accordo, io sono disponibile quanto
      vogliono, purchè paghino il giusto per la mia
      disponibilità, non ho la minima voglia di fare
      loro regali, visto che dall'altra parte se ne
      fanno
      pochi.
      Spero almeno abbia fatto "pesare" la tua
      disponibilità in sede di aggiornamento di
      contratto.Esatto...concordo completamente.Secondo me non e' tanto trovare il lavoro (il lavoro c'e' eccome visto i guai combinati dai cosidetti "informatici"), ma essere pagati il giusto.In Italia e' normale essere pagati anche 1000 euro al mese per un lavoro che non e' il semplice togli-hard-disk-metti-hard-disk (tra l'altro anche quello richiede certe conoscenze), mentre all'estero (dove capiscono l'importanza di un lavoro) ti pagano almeno il doppio.Se uno accetta di essere pagato sempre 1000 euro al mese, non smette mai di lavorare, sicuro al 100%. Poi che tu non vivi con 1000 euro al mese...P.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusa se faccio il polemico
        Voglio vedere te, quando avrai una famiglia da mantenere, come ti stanno stretti quei 1000 euro...
      • Hydargos scrive:
        Re: Scusa se faccio il polemico

        In Italia e' normale essere pagati anche 1000
        euro al mese per un lavoro che non e' il semplice
        togli-hard-disk-metti-hard-disk (tra l'altro
        anche quello richiede certe conoscenze), mentre
        all'estero (dove capiscono l'importanza di un
        lavoro) ti pagano almeno il
        doppio.Straquoto!Infatti io mi sono stufato e sto chiedendo il visto per andarmene...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusa se faccio il polemico


        Spero almeno abbia fatto "pesare" la tua

        disponibilità in sede di aggiornamento di

        contratto.

        Esatto...concordo completamente.
        Secondo me non e' tanto trovare il lavoro (il
        lavoro c'e' eccome visto i guai combinati dai
        cosidetti "informatici"), ma essere pagati il
        giusto.
        In Italia e' normale essere pagati anche 1000
        euro al mese per un lavoro che non e' il semplice
        togli-hard-disk-metti-hard-disk (tra l'altro
        anche quello richiede certe conoscenze), mentre
        all'estero (dove capiscono l'importanza di un
        lavoro) ti pagano almeno il
        doppio.
        Confermo.Proprio pochi giorni fa, parlando con un mio collega qui in Francia, dopo avergli detto che in Italia il compenso medio per un informatico (da quello che si legge sui vari forum e newsgroup) si aggira sui 1000E ha sgranato gli occhi e mi ha chiesto se stavo scherzando.Inoltre l'Universita` non deve essere un centro dove ti insegnano a configurare Serv-U. Io trovo perfettamente lecito che il collega non sappia configurare Serv-U. All'universita` ti insegnano cos'e` un protocollo, cos'e` un'architettura client-server, etc.Serv-U poi e` una semplice e stupida istanza. Con 30 minuti ed un manuale uno studente che ha queste nozioni e` in grado di imparare abbastanza velocemente (se ha ben studiato, ovviamente).Poi possiamo anche aprire un dibattito sul fatto che l'universita` non insegna "bene" neanche le cose che dovrebbe, ma l'universita` *non* deve insegnare come configurare Serv-U o chi per lui. Questi sono tecnicismi specifici che si apprendono quando servono. My 2 cents.
    • Dirk Pitt scrive:
      Re: Scusa se faccio il polemico
      - Scritto da: shevathas
      allora se la reperibilità e lo straordinario
      erano previsti nel contratto e sono stati
      giustamente pagati ti dico che hai fatto bene,
      sopratutto perchè i clienti che pagano, pagano
      anche per
      l'affidabilità.
      Se invece hai agito così per carità cristiana,
      beh, credo che abbia fatto una cavolata
      colossale.Perchè magari i clienti sono convinti
      che nei soldi che ti danno sono compresi anche
      quei servizi supplementari e pretendono di averli
      per due lire dal professionista
      contattato.
      Non sono d'accordo, io sono disponibile quanto
      vogliono, purchè paghino il giusto per la mia
      disponibilità, non ho la minima voglia di fare
      loro regali, visto che dall'altra parte se ne
      fanno
      pochi.
      Spero almeno abbia fatto "pesare" la tua
      disponibilità in sede di aggiornamento di
      contratto.Se il tuo credo è quello e lavori nel mondo IT, le ragioni sono solo due:- sei un GENIO indispensabile;- hai iniziato grazie a raccomandazioni robuste e insindacabili e ora lavori per un'azienda leader di mercato.Non che le ultime siano da scartare, se si ha la possibilità di averle, ben vengano.Ma penso che l'idea "mi paghi per ogni minuto che sto qui" sia concettualmente "non in linea" con il mercato.Spesso lo sforzo gratuito viene apprezzato e ripagato nel tempo. Chiaro che poi viene il momento di far valere i propri diritti, ma sempre con calma. In fondo non sei il solo esperto.dillatutta.com - perchè la verità... funziona
      • shevathas scrive:
        Re: Scusa se faccio il polemico

        Se il tuo credo è quello e lavori nel mondo IT,
        le ragioni sono solo
        due:
        - sei un GENIO indispensabile;
        - hai iniziato grazie a raccomandazioni robuste e
        insindacabili e ora lavori per un'azienda leader
        di
        mercato.
        ne l'uno e ne l'altro.
        Non che le ultime siano da scartare, se si ha la
        possibilità di averle, ben
        vengano.
        Ma penso che l'idea "mi paghi per ogni minuto che
        sto qui" sia concettualmente "non in linea" con
        il
        mercato.e cosa dovrebbe essere in linea ? ti pago per ogni minuto che sto qui ?quello che imho deve essere in linea con il mercato è semplicemente: mi paghi per il mio lavoro, le cui condizioni sono scritte nero su bianco sul contratto di collaborazione.Il contratto si limita solo alla configurazione dei server e al passaggio di consegne, benissimo lo faccio e me ne vado.Mi chiami per un emergenza extracontratto? disponibile ma quanto mi dai?
        Spesso lo sforzo gratuito viene apprezzato e
        ripagato nel tempo. Chiaro che poi viene il
        momento di far valere i propri diritti, ma sempre
        con calma. In fondo non sei il solo
        esperto.
        per questo ho espresso l'augurio che abbia fatto "pesare" la sua buona volontà.Ma a dirla tutta c'è anche il caso di chi prima chiede la buona volontà e poi la ricambia con un calcio nel...Magari perchè ha trovato uno con più buona volontà.
        • Dirk Pitt scrive:
          Re: Scusa se faccio il polemico
          - Scritto da: shevathas

          Spesso lo sforzo gratuito viene apprezzato e

          ripagato nel tempo. Chiaro che poi viene il

          momento di far valere i propri diritti, ma
          sempre

          con calma. In fondo non sei il solo

          esperto.


          per questo ho espresso l'augurio che abbia fatto
          "pesare" la sua buona
          volontà.
          Ma a dirla tutta c'è anche il caso di chi prima
          chiede la buona volontà e poi la ricambia con un
          calcio
          nel...
          Magari perchè ha trovato uno con più buona
          volontà.Infatti ho scritto "Spesso", non "Sempre". Comunque la politica della rigidità non paga nei rapporti cliente/fornitore. Mai.dillatutta.com - perchè la verità... funziona
          • Edo78 scrive:
            Re: Scusa se faccio il polemico
            Durante un mio co.co.pro (dove aveo anche il cartellino da timbrare) mi hanno chiesto di non fare "orari da farmacista" (presumo si riferissero a non essere troppo fiscale) subito dopo avermi fatto notare che i miei orari erano troppo elastici ed avermi gentilmente richiamato all'ordine.Per la serie: non azzardarti a fare meno delle 8 ore, anzi cerca di farne di più.Io mi fermerei anche ma poi perdo il treno (rotfl)
          • longinous scrive:
            Re: Scusa se faccio il polemico
            - Scritto da: Edo78
            Durante un mio co.co.pro (dove aveo anche il
            cartellino da timbrare) mi hanno chiesto di non
            fare "orari da farmacista" (presumo si
            riferissero a non essere troppo fiscale) subito
            dopo avermi fatto notare che i miei orari erano
            troppo elastici ed avermi gentilmente richiamato
            all'ordine.

            Per la serie: non azzardarti a fare meno delle 8
            ore, anzi cerca di farne di
            più.

            Io mi fermerei anche ma poi perdo il treno (rotfl)Cavolo, di la verità: tu sei me tra un po' di tempo e sei tornato nel passato per postare su PI.
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusa se faccio il polemico

          Ma a dirla tutta c'è anche il caso di chi prima
          chiede la buona volontà e poi la ricambia con un
          calcio
          nel...O semplicemente perchè a)non gli importa o non sa valutare l'importanza di queste cose b)è convinto che uno preso dalla strada faccia le stesse cose e magari anche meglio c)non lo fa per partito preso dato che qua in Italia se non sei almeno dirigente non hai diritto ad avere uno stipendio decente.
    • ryoga scrive:
      Re: Scusa se faccio il polemico
      Quoto tutto.Cmq IMHO il ragazzo 23n è stato anche _molto_ fortunato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusa se faccio il polemico
      Ne deve fare ancora di esperienza questo ragazzo. Mi sembra che non abbia capito molto di come vanno le cose nel settore. Questa lettera mi sembra una 'banfata statopica'.Forse confonde il lavoro con il divertimento (anche a me a volte capitava quando ogni intervento lo trasformavo in una sorta di sfida personale).
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusa se faccio il polemico
      mi sa che dell'università hai capito poco, l'uni non dovrebbe insegnarti come si configura il software X o il database Y, dovrebbe fornirti gli strumenti per autoapprendere con facilità quelle informazioni.Evita di pensare all'università come un fornitore di pappe pronte, ed eviti molte delusioni.e allora come mai il suo collega di universita' non ha autoappreso ma ha cercato la pappa pronta ?
      • shevathas scrive:
        Re: Scusa se faccio il polemico

        e allora come mai il suo collega di universita'
        non ha autoappreso ma ha cercato la pappa pronta
        ?si apprende anche chiedendo alle persone più esperte, dove sta scritto che dall'università escano solamente esperti in tuttologia applicata.
  • Anonimo scrive:
    Si, Si, ..Ci crediamo!!!
    Come no! Uno smanettone che toglie virus e trojanozzi agli amici e che in dopo qualche anno passa a lavorare in Grande Azienda Multinazionale come super Sistemista!Ma dico non dormite la notte per inventarvi queste belle storielle? Peccato che la realtà sia un'altra...e purtroppo chi lavora davvero e si fa il mazzo dalla mattina alla sera sa a che sfascio sta andando l' IT!
    • Anonimo scrive:
      Re: Si, Si, ..Ci crediamo!!!
      Infatti su questo portale passano solo cose per fare scena. La realtà è ben diversa. Qui c'è una volontà di disinformare la gente.Ma facci il piacere. A 23 anni ne hai di fantasia. Vieni un po' dove si lavora davvero e dove nn ti danno oltre i 900 EUR al mese a vita. Cambieresti idea. La volontà e la voglia passano dopo essere stati per davvero in un azienda di IT. Dobbiamo ringraziare gente come te che salvi il mondo delle IT. Mi riferisco al tizio che ha pubblicato la sua lettera di super eroe delle TLC a 23 anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Si, Si, ..Ci crediamo!!!
      - Scritto da:
      Come no! Uno smanettone che toglie virus e
      trojanozzi agli amici e che in dopo qualche anno
      passa a lavorare in Grande Azienda Multinazionale
      come super
      Sistemista!

      Ma dico non dormite la notte per inventarvi
      queste belle storielle?Idem. Ho cominviato a 15 anni, ho tolto virus, installato PC, scritto codice per divertimento per anni.Ora scrivo codice per lavoro e credo di ritenermi anni luce avanti dal 80% di chi lo fa pretendendo un pacco di soldi e abbassando la media dell'IT.Quindi da una passione nasce SEMPRE qualcosa di superiore. PUNTO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si, Si, ..Ci crediamo!!!
        Penso anch'io che nell'articolo si riportino fatti non corrispondenti al reale.Non lo dico per invidia o per voler scatenare qualche flame, piu' semplicemente la realta' e' altra cosa rispetto a quanto riportato.Stare sveglio tutta la notte, dormire magari 1 ora e dopo farsi 12 ore tra viaggi, colloqui (con tutto il carico psicologico di stress che comportano) ore lavorative, pause pranzo con panino rancido, etc... e' davvero improponibile.Una persona gia' in ottima salute, con il fisico non provato dal sonno e dallo stress potrebbe resistere al massimo 1 o 2 mesi (e gia' siamo sulla strada dell'esaurimento).Vita sociale azzerata (hai 23 anni...) vita di coppia...mah.La paga dici che e' buona, ma quanto mai sei disposto, negli anni, a sacrificare della TUA vita, per poi magari trovarti a 50 anni con uno stipendio nella media, ottime conoscenze e i 1000 lavori che nessuno ti accredita ?Forse chi ha scritto l'articolo e' un'eccezione che conferma la regola, ma io, che sono una persona realistica e che da parecchio giro nel mondo universitario e del lavoro, credo che gente cosi' semplicemente non possa esistere :Dopo qualche anno, anche il piu' determinato viene "stroncato" dal sistema.ciao e buona fortuna con il lavoro.
  • Anonimo scrive:
    Gli schiavetti del compiuter
    Ecco perché l'informatica va male, perché ci sono troppi appassionati, ci sono troppi ragazzini e quando le due cose si incontrano in una persona sola abbiamo gli schiavetti del "compiuter", a cui manca soltanto l'"ano filettato per inserimento strumenti pulizie locali".Per la precisione a fare la differenza è lo stipendio. Ma gli appassionati, i ragazzini e gli appassionati ragazzini nel 95% dei casi non lo sanno chiedere e pretendere.Ho un amico 20-e-rotti-enne che ha accettato un lavoro informatico senza chiedere quanto lo avrebbero pagato. Assurdo, eppure se guardo il panorama italiano del mondo del lavoro it capisco che non devo stupirmene, è solo la punta dell'iceberg.Troppa facilità di accesso agli strumenti informatici, quindi troppa gente, poi troppa passione, troppa voglia e contemporaneamente incapacità di pretendere quello che è giusto.Ecco perché va male l'it in italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli schiavetti del compiuter
      - Scritto da:
      o mio dio un'altro che non sà tenere la bocca
      chiusa e riempe di immondizia la rete.....ma io
      mi chiedo come cavolo fai a sparare stronzate di
      si notevole immensità.....tu mi stai dicendo che
      la passione è un male? che il prepararsi bene nel
      proprio lavoro è un male? che la professionalità
      è un male? è un male non farsi pagare il giusto, è un male non farsi pagare le alzate notturne per far irpartire i server, è un male non farsi pagare gli straordinari......è un male non unirsi in un sindacato...
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli schiavetti del compiuter
      - Scritto da:
      Ecco perché l'informatica va male, perché ci sono
      troppi appassionati, ci sono troppi ragazzini e
      quando le due cose si incontrano in una persona
      sola abbiamo gli schiavetti del "compiuter", a
      cui manca soltanto l'"ano filettato per
      inserimento strumenti pulizie
      locali".

      Per la precisione a fare la differenza è lo
      stipendio. Ma gli appassionati, i ragazzini e gli
      appassionati ragazzini nel 95% dei casi non lo
      sanno chiedere e
      pretendere.

      Ho un amico 20-e-rotti-enne che ha accettato un
      lavoro informatico senza chiedere quanto lo
      avrebbero pagato. Assurdo, eppure se guardo il
      panorama italiano del mondo del lavoro it capisco
      che non devo stupirmene, è solo la punta
      dell'iceberg.

      Troppa facilità di accesso agli strumenti
      informatici, quindi troppa gente, poi troppa
      passione, troppa voglia e contemporaneamente
      incapacità di pretendere quello che è
      giusto.

      Ecco perché va male l'it in italia.In Italia va male xche' tutti vogliono pretendono uno stipendio senza saper fare.Il tizio qui ha tirato fuori un lavoro dalla passione, voi pretendete un lavoro ben pagato senza saper fare la meta' della meta' di lui (e magari solo xche' avete una laurea).
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli schiavetti del compiuter
      Non è questo.Se tirare fuori un lavoro dalla passione è solo un GRANDE pregio, essere eccessivamente disponibili magari a prezzi irrisori (parlo per ipotesi visto che il buon 23enne non ha specificato questo) ROVINA DAVVERO il mercato, portando alla situazione attuale. Situazione di cui si parlava tempo fa in cui le aziende cercano persone da pagare una miseria, o che a 20 anni sappiano fare di tutto (e chiunque abbia un minimo di cognizione di causa SA che a 20 anni non si può sapere tutto di tutto... non a livelli estremamente professionali)E' questo i lpunto, far si che si venga pagati il giusto e persone così, se apprezzabili nell'ottica dell'impegno, non lo sono nell'ottica del mercato. tutto qui.
  • Trollone scrive:
    hahahahahhaha
    OK PI puoi pure togliere l'articoloL'ho scritto io per gioco e non pensavo lo avreste preso in considerazione :D
  • Anonimo scrive:
    Un paio di appunti...
    3 server alle h 23.40 si sono riavviati inavvertitamente (causa dolosa... L). In quanti si sarebbero messi da casa, non pagati teoricamente, a sistemare le cose entro la mattina successiva? Non lo so, personalmente l'ho fatto, rimanendo in piedi fino alle h.6.20, con la sveglia già puntata alle h.7.30 .Tanto di cappello, senza ironia. Io faccio i miei piccoli sacrifici, mi è capitato di fare un paio di nottate per ritirare su il server dell'azienda schiattato ma a questi livelli non ci arrivo. Un paio di appunti però:1) Immagino tu non abbia famiglia. Prova a fare una vita così quando sarai sposato, avrai figli etc e tua moglie ti manderà a fare in culo nel giro di due mesi.Non sto esagerando, è successo ad un mio collega. Mi è dispiaciuto moltissimo per lui ma la moglie non aveva tutti i torti, praticamente viveva con uno sconosciuto in casa.2) Sei ancora giovane e ritmi del genere li puoi sopportare, ma già tra 4-5 anni comincerai a non farcela più.A quel punto, sei sicuro che non ti sostituiranno con un altro 23enne, che può fare le 5 del mattino per l'azienda?Pensaci bene, prima di criticare chi si lamenta: il nostro è una lavoro, non una vocazione sacerdotale. Si lavora per vivere, non si vive per lavorare (almeno io no).Poi se sei particolarmente dotato tanto di cappello ancora: però ci sarebbero anche i comuni mortali, che molto onestamente mirano a portare a casa la pagnotta, non a pretendere chissachè.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un paio di appunti...
      - Scritto da:
      A quel punto, sei sicuro che non ti sostituiranno
      con un altro 23enne, che può fare le 5 del
      mattino per
      l'azienda?mi fai pensare ad un mio caro amico. Ha 24 anni (da compiere fra qualche mese) e lavora da due per un'importante azienda.Contratto fantastico: 4500 Euro netti al mese, alloggio in appartamento a roma, trasferte in aereo roma-londra pagate, macchina aziendale, etc... Ma mi ha detto giorni fa: "sai, qui si sta bene. Si lavora tanto, si guadagna tanto. Ma presto mi sostituiranno con un altro ragazzo. Mi hanno messo a fare formazione a due ragazzi, sono sicuro che mi sostituiranno con loro. Non ho piu' la forza di fare tutte queste trasferte, voglio stare con la mia ragazza e loro se ne sono accorti".
      • Anonimo scrive:
        Re: Un paio di appunti...
        - Scritto da:
        Contratto fantastico: 4500 Euro netti al mese,
        alloggio in appartamento a roma, trasferte in
        aereo roma-londra pagate, macchina aziendale,
        etc... Ma mi ha detto giorni fa: "sai, qui si sta...son sempre io......lo invidio :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Un paio di appunti...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        A quel punto, sei sicuro che non ti
        sostituiranno

        con un altro 23enne, che può fare le 5 del

        mattino per

        l'azienda?
        mi fai pensare ad un mio caro amico. Ha 24 anni
        (da compiere fra qualche mese) e lavora da due
        per un'importante
        azienda.

        Contratto fantastico: 4500 Euro netti al mese,
        alloggio in appartamento a roma, trasferte in
        aereo roma-londra pagate, macchina aziendale,
        etc... Ma mi ha detto giorni fa: "sai, qui si sta
        bene. Si lavora tanto, si guadagna tanto. Ma
        presto mi sostituiranno con un altro ragazzo. Mi
        hanno messo a fare formazione a due ragazzi, sono
        sicuro che mi sostituiranno con loro. Non ho piu'
        la forza di fare tutte queste trasferte, voglio
        stare con la mia ragazza e loro se ne sono
        accorti".

        Mi sembra strano che paghino così tanto un ragazzo sostituibile da due ragazzi, senza considerare la perdita secca in corsi di formazione ed esperienza.4500 netti al mese significa ad occhiometro almeno 9000 lordi/mese uno stipendio da dirigente oppure da impiegato fulltime 24/24 7 su 7.(newbie)
        • Anonimo scrive:
          Re: Un paio di appunti...

          Mi sembra strano che paghino così tanto un
          ragazzo sostituibile da due ragazzi, senza
          considerare la perdita secca in corsi di
          formazione ed
          esperienza.
          4500 netti al mese significa ad occhiometro
          almeno 9000 lordi/mese uno stipendio da dirigente
          oppure da impiegato fulltime 24/24 7 su
          7.
          (newbie)Infatti sono solo sparate: 4500 euro al mese non li prende neanche un Quadro con vent'anni di anzianità.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un paio di appunti...
            - Scritto da:


            Mi sembra strano che paghino così tanto un

            ragazzo sostituibile da due ragazzi, senza

            considerare la perdita secca in corsi di

            formazione ed

            esperienza.

            4500 netti al mese significa ad occhiometro

            almeno 9000 lordi/mese uno stipendio da
            dirigente

            oppure da impiegato fulltime 24/24 7 su

            7.

            (newbie)


            Infatti sono solo sparate: 4500 euro al mese non
            li prende neanche un Quadro con vent'anni di
            anzianità.Col cavolo.Ho colleghi che prendono tra stipendio e premi produzione oltre 100.000 euro all'anno.Uno di questi ha dato le dimissioni: ha detto che suo figlio non lo riconosce più e, quando lo vede, piange spaventato.In 4 anni ha passato con lui solo 2 mesi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un paio di appunti...

            Col cavolo.
            Ho colleghi che prendono tra stipendio e premi
            produzione oltre 100.000 euro
            all'anno.
            Uno di questi ha dato le dimissioni: ha detto che
            suo figlio non lo riconosce più e, quando lo
            vede, piange
            spaventato.
            In 4 anni ha passato con lui solo 2 mesi.potete anche non crederci, ma e' cosi'. In parte lo invidio per i soldi che ha, ma se guardo la vita che fa... beh, io a 25 anni mi diverto 1000 volte di piu'.Sempre in viaggio, sempre a lavoro. La sera non esce perche' e' stanco. E' stressato e sotto pressione.Sono due anni che fa questa vita e gia' dice di non farcela piu'.PS: esistono molti fenomenti strapagati, nell'azienda dove lavoravo avevo due colleghi che prendevano circa 2800 euro al mese + macchina aziendale, cellulare, nota spese.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un paio di appunti...
            Col cavolo, mica tanto.Vai a vederti i dati Istat sulle retribuzioni.O vuoi dirci che esistono degli imprenditori benefattori?
      • Anonimo scrive:
        Re: Un paio di appunti...
        - Scritto da:

        - Scritto da:
        Contratto fantastico: 4500 Euro netti al mese,
        alloggio in appartamento a roma, trasferte in
        aereo roma-londra pagate, macchina aziendale,
        etc...Sono l'autore del post iniziale... domanda cretina, ma invece di far lavorare come un ossesso uno a 4500 euro, farne lavorare 2 a 2250? Scusate la divisione sempliciotta.Tantissima gente valida firmerebbe per un compenso del genere. E non ci sarebbe bisogno di prendere uno a 23 anni e buttarlo a 30 perchè è scoppiato o perchè giustamente ha anche una vita sociale...Sono troppo ingenuo? (immagino di si)
        • Anonimo scrive:
          Re: Un paio di appunti...

          Sono troppo ingenuo? (immagino di si)Temo di no.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un paio di appunti...

          ..... Tantissima gente valida firmerebbe per un
          compenso del genere. E non ci sarebbe bisogno di
          prendere uno a 23 anni e buttarlo a 30 perchè è
          scoppiato o perchè giustamente ha anche una vita
          sociale...

          Sono troppo ingenuo? (immagino di si)Oh buon dio del cielo !!! ma possibile che non capite e abboccate sempre all'amo !!questa è come quella dell'altra lettera ;anzi , guardate ne faccio una uguale :allora : ho 21 anni, mi sono diplomato al liceo piùmegliochecèistico con il massimo dei voti, nel mentre che dedicavo 4 ore al giorno allo studio,lavoravo (gratis) per un negozietto , poi puff !!! ,siccome ero bravo bravissimo , mi ha chiesto per favore la più meglio grande multinazionale americana di collaborare con lei,così 4 ore studiavo, 8 lavoravo , 5 ore a scuola, non dormivo, poi viaggiavo fino ad ulan bator, avanti e dietro ;ora sollevo i server con il pi.....llo, mi danno 15000 euro al mese;però li rifiuto perchè a 19 anni si deve lavorare gratis ; a proposito c'è un mio amico che ha 7 laureee ,3 mogli e 2 bimbi, guadagna 897.657 euro al mese che rende tutti indietro , però si è stufato.....vi basta ????quando arrivano queste lettere , l'unico commento dovrebbe essere :" A MANICA DE CAZZARIIIIII !!!!!!"
        • Anonimo scrive:
          Re: Un paio di appunti...
          - Scritto da:
          - Scritto da:



          - Scritto da:

          Contratto fantastico: 4500 Euro netti al mese,

          alloggio in appartamento a roma, trasferte in

          aereo roma-londra pagate, macchina aziendale,

          etc...

          Sono l'autore del post iniziale... domanda
          cretina, ma invece di far lavorare come un
          ossesso uno a 4500 euro, farne lavorare 2 a 2250?
          Scusate la divisione
          sempliciotta.

          Tantissima gente valida firmerebbe per un
          compenso del genere. E non ci sarebbe bisogno di
          prendere uno a 23 anni e buttarlo a 30 perchè è
          scoppiato o perchè giustamente ha anche una vita
          sociale...

          Sono troppo ingenuo? (immagino di si)No, solo non ti hanno circonciso alla nascita.Per cui ti sembra immorale sfruttare il prossimo.
    • Anonimo scrive:
      Wow
      E' la prima volta che leggo che un impiegato scrive: "Si lavora per vivere, non si vive per lavorare"Io questa frase l'ho sentita quando facevo l'operaio, turno di notte e vapori bollenti di olio.Fino ad ora credevo che fossero tutti coglioni i programmatori, che stà cambiando la cultura???
      • Sgabbio scrive:
        Re: Wow
        - Scritto da:
        E' la prima volta che leggo che un impiegato
        scrive: "Si lavora per vivere, non si vive per
        lavorare"

        Io questa frase l'ho sentita quando facevo
        l'operaio, turno di notte e vapori bollenti di
        olio.

        Fino ad ora credevo che fossero tutti coglioni i
        programmatori, che stà cambiando la
        cultura???Oppure con l'avvento ci contratti inumani come i Co co co e i co co pro, la gente ne ha forse le sfere piene?
      • Anonimo scrive:
        Re: Wow
        beh, io prendo 5000 euri al mese e quando mi hanno offerto l'aumento ho scelto di mettermi all'80% e lavorare solo dal lunedì al giovedì.... vedi che i programmatori la sanno lunga?
  • Anonimo scrive:
    Gesù
    ma ti chiamano gesù cristo?
    • emulman scrive:
      Re: Gesù
      io lo definirei solo1) un gran culo2) un raccomandatoio ho 41 anni e sono consulente informatico, sono ttto il giorno in giro in cerca di affari, cerco di avere clienti come ha fatto lui e non ci riesco..allora è davvero qustione di culo e/o di conoscenze????
      • Anonimo scrive:
        Re: Gesù
        - Scritto da: emulman
        io lo definirei solo

        1) un gran culo
        2) un raccomandatoVabbè piantiamola di pensare perforza che chi ha successo è perforza fortunato/raccomandato.Esiste anche chi è particolarmente dotato, non siamo tutti uguali. Con il massimo dell'umiltà riconosco di non far parte della schiera degli eletti, non me ne vergogno, faccio il mio onesto lavoro, avrei solo a pretendere un onesto stipendio...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gesù

        io ho 41 anni e sono consulente informatico, sono
        ttto il giorno in giro in cerca di affari, cerco
        di avere clienti come ha fatto lui e non ci
        riesco..allora è davvero qustione di culo e/o di
        conoscenze????Forse no, ma vivere nel milanese potrebbe aiutare non poco, almeno rispetto ad altri posti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gesù
      - Scritto da:
      ma ti chiamano gesù cristo?No, Lapo
Chiudi i commenti