BlackBerry ha i conti ancora in rosso

Il fatturato piange rispetto all'anno scorso, ma il futuro non è nero. Le perdite sono molto inferiori rispetto alle aspettative. Forse c'è una luce in fondo al tunnel

Roma – Blackberry continua a registrare numeri negativi nella sua ultima trimestrale e, anche se si tratta di cifre molto migliori rispetto al recente passato, le fanno chiudere l’anno fiscale con una perdita di 5,8 miliardi di dollari .

L’azienda che ha mutuato il suo nome dal prodotto di punta, Blackberry, continua ad annaspare, ma quantomeno sembra stia trovando il modo per iniziare a galleggiare in attesa del salvagente: la vera novità dell’ultima trimestrale della canadese è che la perdita, che comunque c’è stata, è risultata di dieci volte inferiore al periodo precedente .

Nell’ultimo trimestre, infatti, ha registrato un fatturato di 976 milioni di dollari che, pur essendo meno 64 per cento rispetto ai 2,7 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso, ha generato una perdita pari a 423 milioni di dollari, molto meno rispetto ai 4,4 miliardi di dollari del precedente periodo.

Il CEO John Chen, anche per questo, ha espresso ottimismo e ha detto di essere “compiaciuto, perché il dato ben rappresenta la riorganizzazione delle operazioni” che gli ha permesso di raggiungere la riduzione delle spese prefissata. I mezzi con cui imboccare la risalita sono quelli su cui il nuovo CEO ha basato fin dall’inizio la sua gestione: rimpasto manageriale, ristrutturazione della struttura amministrativa, vendita delle proprietà immobiliari canadesi e la partnership con Foxconn .

Sul lato dei device, sono principalmente due i prodotti con cui conta di risalire BlackBerry: Z3, frutto della collaborazione con il produttore cinese e l’annunciato Q20, presentato al Mobile World Congress di Barcellona e dispositivo che intende incarnare la continuità con il design classico di BlackBerry, la tastiera fisica incorporata in primis.

Senza seguire la moda dei dispositivi completamente touchscreen, d’altronde, la tastiera hardware dei suoi decvice mobile sembra essere d’altronde il marchio su cui BlackBerry vuole continuare a puntare, come dimostra l’intenzione di riproporre BlackBerry Bold, un device già portato sul mercato nel 2011, e la causa portata avanti nei confronti di Typo, azienda che produce tastiere hardware da collegare ad iPhone e contro cui ha già ottenuto un’ingiunzione preliminare per presunta violazione brevettuale.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Vediamo un po' questi brevetti...
    Vediamo un po' quali mirabolanti invenzioni Samsung è accusata di copiare. Dall'articolo del Guardian linkato, visto che per PI é troppa fatica rinfrescarci la memoria: In the upcoming case, Apple claims Samsung took a tap-from-search technology that allows someone searching for a telephone number or address on the web to tap on the results to call the number or put the address into a map. Minchia! Questa sì che è un'innovazione! Mai più foglietti di carta o copiancolla da un'app all'altra! It also points to a Google Quick Search Box in the Android-powered Galaxy Nexus steals from patented technology used by virtual assistant Siri to answer queries in the iPhone. Quale sarebbe questa tecnologia brevettata? Suppongo qualche tipo di riconoscimento vocale (che esiste da decenni), di cui puoi semmai brevettare l'implementazione ma sicuramente Apple rivendica l'escusività del concetto stesso... solita storia, insomma. It also claims patents on autocorrection when words are typed. Quella cosa che c'è in MS Word dal millennio scorso?Ah, ma su uno smartphone, allora cambia tuuuutto! In addition, Apple says Samsung copied "Slide to Unlock," which allows users to swipe the face of their smartphone to use it. Qui si resta senza parole di fronte a quanto Apple ritenga cretini i propri clienti (oltre che i giudici) e all'imbec!||!tà di chi gli dà retta...
Chiudi i commenti