Blitz antipedofilo nella Venezia online

Per la prima volta coinvolta anche una donna. Don Fortunato di Noto parla della necessità di una nuova cultura, di imperialismo pedofilo e di una rete che lo globalizza


Venezia – Sono 7 gli arrestati dalla Polizia delle Telecomunicazioni di Venezia nell’ambito di una vasta operazione che ha portato anche alla denuncia di altre 62 persone che gli inquirenti ritengono coinvolte in un ring di abuso pedofilo online. Per la prima volta tra gli arrestati è finita anche una donna.

Attraverso internet, hanno spiegato gli inquirenti, i membri di questo “circolo” scambiavano e diffondevano immagini di pornografia infantile. Le indagini, partite lo scorso settembre, hanno avuto il loro culmine in 19 perquisizioni domiciliari concluse con il sequestro di 115 videocassette, 28 PC, 19 hard disk, 190 Cd-ROM e 1177 floppy disk. Gli inquirenti hanno spiegato che si tratta di supporti che contengono immagini di minori nudi o ritratti in posture oscene.

Dopo l’annuncio del blitz della Polizia, si è pronunciato su quanto accaduto anche don Fortunato di Noto, da sempre in prima fila contro la pedofilia, in particolare quella che sfrutta internet, e da tempo consigliere speciale del ministero delle Comunicazioni. Secondo Di Noto, gli arresti e tutto quello che in questi mesi si è riusciti a fare non basta.

“La battaglia culturale – ha affermato Di Noto – è quella che deve vedere in campo una nuova strategia di contrasto che ribalti efficacemente la perversa libertà di giustificazione che organizzazioni pedofile impunemente e indisturbate promulgano da anni con ostentazione, e che giustificano i rapporti sessuali con adulti e bambini”.

Il sacerdote ha parlato di cinque organizzazioni italiane che spingono per “il diritto ad essere pedofili e il diritto dei bambini di poter scegliere i loro partner”. “Non bisogna abbassare la guardia – ha continuato – e l’attenzione deve essere altissima contro un fenomeno non più isolato ma globalizzato per mezzo di internet”. Di Noto ha poi concluso affermando che ci vuole “una sinergia di impegno nel territorio, dove ognuno ponga in essere elaborazioni e progetti contro l’imperialismo pedofilo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mah
    Questo dà l'idea di quanto siano attendibili certi siti come c/net...Comunque 3 anni per il porting mi sembrano troppi, manderebbero la suite decisamente fuori mercato. Per fortuna c'è Appleworks che fa le stesse cose meglio...
    • Anonimo scrive:
      Re: mah
      - Scritto da: kiss
      fuori mercato. Per fortuna c'è Appleworks
      che fa le stesse cose meglio...Se fosse stato così, non sarebbe successo questo:[...]In ogni caso Apple si è mostrata ben disposta a sostenere gli sforzi di OpenOffice.org[...]Apple ha già quei 5/6 programmi più famosi ed ora può starsene seduta in poltrona ad aspettare tranquilla gli sforzi della comunità OpenSource che pensa al resto... ma guai a chiamarla Opensource perchè in realtà è APPLE PUBLIC SOURCE!! senza contare l'OS che si vantano di avere uno Un*x like quando il loro OS prende tanto dalla comunità OpenSource e non da indietro nulla ma si vantano ugualmente...Diciamoci la verità, anche la M$ sotto questo punto di vista fa schifo ma l'opportunismo di JOB$, gate$ se lo sogna...E tutti gli adepti che non si limitano mai nel pubblicizzare darwinOS e tutti pronti a dire che cè anche per X86 quando poi non fa girare le applicazioni scritte per OS-X, quindi è un OS fine a se stesso ma vorrebbero che questo parente di MacOS-X prendesse piede anche su X86... mi ricorda qualcuno che ha un monopolio ma non mi viene in mente chi è al momento... :)
Chiudi i commenti