Breivik si è addestrato con Call of Duty

Il massacratore di Utoya avrebbe imparato a sparare grazie al videogame. Si riapre la polemica sulla correlazione videogiochi/violenza

Roma – Nel suo quarto giorno di processo Anders Behring Breivik ha dichiarato di aver perfezionato il suo tiro attraverso Call of Duty Modern Warfare . In particolare, Breivik avrebbe comprato per il gioco un “dispositivo olografico di mira” grazie al quale si sarebbe letteralmente esercitato a colpire i bersagli .

Breivik, 33 anni, è sotto processo per aver commesso quello che viene definito il più sanguinoso attentato in Norvegia dai tempi della Seconda Guerra Mondiale: l’uccisione di 69 ragazzi che si trovavano in un ritiro del partito laburista sull’isola di Utoya e la morte di otto persone in seguito all’esplosione di un’autobomba a Oslo.

Breivik ha affermato che Call of Duty offre una vasta gamma di metodi per imparare a sparare con precisione e che, grazie alla visione olografica, anche “vostra nonna sarebbe diventata una grande tiratrice”, in quanto il videogame “è progettato per essere usato da chiunque”.

Oltre a Call of Duty, il massacratore di Utoya era anche un appassionato di World of Warcraft , al quale avrebbe dedicato un anno intero della sua vita, tra il 2006 e il 2007, giocando fino a 16 ore al giorno. I pubblici ministeri hanno ipotizzato che la sua ossessione per WOW fosse un segno di instabilità , ma Breivik ha affermato che il videogame “non ha nulla a che fare con il 22 luglio”, non è affatto un “gioco violento” e che si trattava semplicemente di un modo per nascondere i suoi intenti fingendo una dipendenza da World of Warcraft.

Si riapre dunque la polemica sui videogame violenti e su quanto possano incidere sui comportamenti umani. L’ultimo caso che mette sotto i riflettori, ancora una volta, Call of Duty arriva dalla Georgia: subito dopo aver giocato al famigerato videogame, un bambino di 12 anni ha sparato e ucciso il suo amico di dieci anni.

Eppure sarebbero circa dieci milioni in tutto il mondo i giocatori di Call of Duty e finora nessuna ricerca ha evidenziato la correlazione tra videogame violenti e criminalità. In compenso, molti studi hanno rilevato che il comportamento antisociale e violento deriva sopratutto da un ambiente familiare problematico e dalla povertà.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • collione scrive:
    mah
    Page che dice "di android non me po fregà de meno"Allison che dice "per me java è come il klingon"spero che il giudice non sia Jerry Lewis (rotfl)
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: mah
      - Scritto da: collione
      Page che dice "di android non me po fregà de meno"

      Allison che dice "per me java è come il klingon"

      spero che il giudice non sia Jerry Lewis (rotfl)Beh, Page in realtà ha detto: "I BELIEVE ANDROID WAS VERY IMPORTANT FOR GOOGLE. I WOULDN'T SAY IT WAS CRITICAL."Che è un bel pò differente da dire che di Android non gliene frega nulla!
      • bubba scrive:
        Re: mah
        - Scritto da: Mela avvelenata
        - Scritto da: collione

        Page che dice "di android non me po fregà de
        meno"



        Allison che dice "per me java è come il klingon"



        spero che il giudice non sia Jerry Lewis (rotfl)

        Beh, Page in realtà ha detto: "I BELIEVE ANDROID
        WAS VERY IMPORTANT FOR GOOGLE. I WOULDN'T SAY IT
        WAS
        CRITICAL."
        Che è un bel pò differente da dire che di Android
        non gliene frega
        nulla!Poi pure il resto e' abbastanza approssimato ... la famigerata mail di Timothy Lindhom presa fuori contesto puo sembrare una bomba... ma non lo e' molto. Lindhom e' un coder -importante ,era in sun e aveva lavorato su java- e NON e' un avvocato .. quindi un suo parere (legale) in una mail privata ha molto meno peso di quel che sembra... e sopratutto era una draft UNSENT mail... e tra l'altro in quel periodo si discuteva del trademark di java e il senso/leggitimita' di figurare compatibili con la JVM di sun...Personalmente le ragioni di Oracle mi convincono MOLTO poco... e' una SCO con piu' soldi.
        • collione scrive:
          Re: mah
          Ellison ha sbagliato su un punto e cioè infilarsi nel vespaio del copyright sulle apimolto probabilmente ci saranno pressioni sui giudici e la giuria da parte di molte aziende informatiche, che non vogliono che si apra un simile vespaioparadossalmente ms si troverebbe tra queste, perchè nella sua foga dell'embrace, extend, extinguish, ha sempre copiato le api altrui e le ha rese più fruibilidel resto spesso ha proprio copiato idee complete e violato brevetti :D
      • benkj scrive:
        Re: mah
        - Scritto da: Mela avvelenata
        Beh, Page in realtà ha detto: "I BELIEVE ANDROID
        WAS VERY IMPORTANT FOR GOOGLE. I WOULDN'T SAY IT
        WAS CRITICAL."Ucci ucci sento odor di Mariucci
Chiudi i commenti