Canada, poliziotti a cavallo contro pirati

Un'indagine canadese ha portato a un arresto e al sequestro di attrezzatura utile per modding e pirateria videoludica. In Canada, pare, la legge vieta la modifica di console e computer, pena la gattabuia

Roma – Al di là dell’Ontario la pirateria videoludica è una cosa dannatamente seria. Talmente seria che i poliziotti a cavallo, in attesa che il parlamento approvi modifiche in senso restrittivo alla legge sul copyright, sono impegnati in raid a tappeto nel tentativo di porre un freno al fenomeno. Ci va di mezzo anche un ignoto pirata che ha avuto l’ardire di vendere giochi contraffatti a mezzo Internet .

Il pirata, individuato e arrestato il mese scorso nella sua abitazione di Roberval, nel Quebec, è stato trovato in possesso di centinaia di dischi contraffatti oltre a dispositivi utili a “moddare” console videoludiche e facilitare la copia dei giochi. Naturalmente la situazione del modder è peggiore per via della sua propensione all’advertising in rete, una pratica che salta subito all’occhio quando si tratta di materiale contraffatto.

Il pirata rischia ora 10 anni di galera per via della Sezione 342.1 del codice penale canadese, che definisce “un atto illegale” la modifica di console o computer, come la gendarmeria a cavallo tiene a precisare. In realtà la legge in oggetto dice molto di più, e prevede comunque che ci sia “un intento” di commettere un atto illegale associato al modding vero e proprio.

Qualche che sia l’interpretazione della legge data dal corpo di polizia, resta il fatto che il pirata è stato arrestato e dovrà ora avvalersi dei servigi di un avvocato per alleggerire la propria posizione di fronte alle autorità. Sarà dunque interessante valutare le conseguenze del prevedibile processo, se sarà giudicato colpevole di semplice infrazione del copyright o anche dell’apparentemente molto peggiore delitto di aver modificato una console.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fetente scrive:
    come i vecchi "IBM-compatibili"
    Veramente un passo avanti, mi tornano in mente i vecchi cassoni ibm-compatibili dei tempi del 286 e 386, tutti con il mitico tastino "Turbo" sul frontale. Si perdeva molto più tempo a riavviarli ogni volta che si piantavano, rispetto al tempo guadagnato con il "turbo".
    • mcguolo scrive:
      Re: come i vecchi "IBM-compatibili"
      Veramente quelli funzionavano al contrario... rallentavano il proXXXXXre se non erano premuti, e servivano a far funzionare i vecchi programmi che crashavano con proXXXXXri troppo veloci...
  • ciuffo scrive:
    errorino per la redazione
    3° paragrafo, 2° riga -
    > c'è scritto "overloccare", forse si intende overcloccare
Chiudi i commenti