Can't get you out of my web

Kylie Minogue lancia il suo social network. La pop singer australiana alla conquista del web. Per costruire un nuovo tipo di business?

Roma – Dopo aver aperto la propria vetrina su MySpace e Facebook , la regin ett a del pop non si è fermata: in rete c’è spazio anche per KylieKonnect.com , un social network tutto kappa pensato per far intrecciare relazioni ai suoi fan di tutto il mondo.

Kylie Minogue Chissà se Kylie trova davvero il tempo di vampirizzare i suoi friends su Facebook, o se sia lei in persona a mantenere i contatti con 22mila e rotti amici nella sua lista su MySpace . Dividersi tra un nuovo album, una nuova fragranza per il suo prossimo profumo, i video, la promozione e i concerti non deve essere affatto facile. Sta di fatto che chiunque può scrivere alla sua beniamina, e aspettare fiducioso che un dipendente dell’ufficio pubbliche relazioni lei stessa risponda personalmente alla missiva.

Per iscriversi a KylieKonnect non basta scegliere username e password: bisogna anche inserire il proprio numero di cellulare. Non è ben chiaro, almeno al momento, a cosa potrà servire questo sito e quali saranno le funzioni offerte: pare sarà possibile inserire le proprie foto dei concerti di Kylie per condividerle con gli altri appassionati, leggere le confessioni della cantante e ammirarla in pose ammiccanti.

KylieKonnect.com I più informati sostengono si tratti in realtà di un nuovo modello di business: sfondi del desktop e suonerie in vendita, con news in esclusiva a fare da civetta per attirare la clientela. Che sia tutta una strategia per rendere le major sempre più “superflue”? Con il world wide web , la promozione ce la si può fare da soli , senza l’aiuto di nessuno. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Idefix Ercolino scrive:
    i libri li compro ancora alla grande
    io i libri li compro ancora e alla grande.il problema è avere una copia della cronaca ... quando spariranno i giornali cartacei.la cronaca è fondamentale nella documentazione storica. Così si rischia un effetto 1984: notizie cambiate in tempo reale e cancellate dopo 2 giorni: zero permanenza, zero documentazione.Per QUESTO tipo di informazione sono d'accordo con la copia depositata in biblioteca.
Chiudi i commenti