Carlo: evvai coi thin-client

L'erede al trono del Regno Unito, Charles di Windsor, ritiene i thin-client una benedizione: aiutano a consumare di meno

Roma – Da sempre attento alle tematiche ambientali, il principe Carlo di Windsor ha avuto l’occasione di ribadire i suoi interessi nel corso della Second May Day Business Summit sul cambiamento climatico, insistendo in particolare sull’importanza dell’adozione di dispositivi “thin”. I thin-client sono a suo dire una benedizione dal punto di vista dell’ecologia.

il principe “Molti dei case study che abbiamo ricevuto – ha dichiarato – sottolineano i vantaggi industriali nello sviluppo e integrazione di strategie per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, non ultimi i risparmi reali, tangibili, definitivi che renderebbero felice persino il cuore del più gelido amministratore finanziario. La società di recruiting Reed per esempio – ha evidenziato – ha ridotto il suo uso di energia per il computing dell’80 per cento, rimpiazzando 4.500 PC e 400 portatili con terminali thin-client. È incredibile! Non avevo mai sentito niente del genere fino ad oggi”.

L’opinione del Principe non è condivisa da tutti: pur rappresentando un chiaro risparmio sul fronte client, c’è chi ritiene che la soluzione thin-computing non faccia altro che spostare il problema energetico dalla periferia al centro della rete.

Al termine del suo intervento, rivolgendosi alle imprese britanniche, Carlo ha dichiarato: “Non corro più il rischio di essere noioso, sono noioso! Cos’altro posso dire se non chiedervi con insistenza a voi, capitani di industria, di fare tutto ciò che è possibile per rendere più sostenibile la vostra attività. Mi sono stancato a forza di ripetere che non c’è davvero tempo da perdere”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marietto2008 scrive:
    Re: trovare un equilibrio e' difficile.
    la tua e' una provocazione insulsa, dal momento che non puoi generalizzare una religione con un singolo numero di soggetti che travisano. Certo l'islamismo ha un certo numero di contraddizioni, ma di base se si legge il Corano, le cose principali designano la religione come una religione d'amore. Se poi certe interpretazioni e certe persone travisano e si comportano in modo errato, bhe, sono cose che capitano e vanno criticate e combattute.
    • Emanuele Ciriachi scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.

      "erto l'islamismo ha un certo numero di contraddizioni, ma di base se si legge il Corano, le cose principali designano la religione come una religione d'amore."Rispettosamente, dissento. E probabilmente non sei a conoscenza del fatto che il Corano - che da solo è privo del contesto storico necessario a interpretare correttamente il suo significato - non è l'unica fonte legislativa per l'Islam, ma lo è anche l'universo più variegato della Sunna, le tradizioni circa gli insegnamenti e la vita di Muhammad (Maometto).Non voglio cominciare un mega-thread in cui spiego dettagliatamente il perché di questa mia convinzione, dico soltanto che dopo aver studiato seriamente e attentamente la dottrina Islamica, trovo anacronistica l'affermazione secondo cui l'Islam sia una "religione di pace".
  • Ekleptical scrive:
    Ricovero coatto
    Ricovero coatto nella più lontana clinica psichiatrica.L'unico rimedio possibile per il talebano.
  • ... scrive:
    Esseri sottosviluppati
    Il titolo parla chiaro, questa gente è MALATA!!!
  • Troll Corp. scrive:
    Perchè lucchettare Rambo e i Talebani?
    Questo è un fatto:http://en.wikipedia.org/wiki/Rambo_III "Rambo è mandato dagli ammerigani a combattere i russi a fianco dei talebani che lo aiutano in afganistan" É una verità tanto imbarazzante da dover esser lockata?bah 8)/thread
    • .... scrive:
      Re: Perchè lucchettare Rambo e i Talebani?
      - Scritto da: Troll Corp.
      Questo è un fatto:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Rambo_III

      "Rambo è mandato dagli ammerigani a combattere
      i russi a fianco dei talebani che lo aiutano in
      afganistan"

      É una verità tanto imbarazzante da dover esser
      lockata?
      bah 8)

      /threadin effetti non si spiega provate a guardare rambo 3 a chi non ci crede li i talebani erano alleati e presentati come un popolo amichevole
      • soulista scrive:
        Re: Perchè lucchettare Rambo e i Talebani?
        - Scritto da: ....
        - Scritto da: Troll Corp.

        Questo è un fatto:

        http://en.wikipedia.org/wiki/Rambo_III



        "Rambo è mandato dagli ammerigani a
        combattere

        i russi a fianco dei talebani che lo aiutano in

        afganistan"



        É una verità tanto imbarazzante da dover esser

        lockata?

        bah 8)



        /thread

        in effetti non si spiega provate a guardare rambo
        3 a chi non ci crede li i talebani erano alleati
        e presentati come un popolo
        amichevolePossono distruggere le prove storiche, ma Rambo 3 rimarrà per sempre...
        • Pignoletti scrive:
          Re: Perchè lucchettare Rambo e i Talebani?
          Ahem, mujahiddin != talebano.
          • .... scrive:
            Re: Perchè lucchettare Rambo e i Talebani?
            i mujahiddin del film erano i talebani di oggi tribu addestrate e armate spesso dagli americani per contrastare i sovietici... come Osama bil laden addestrato dalla cia al terrosismo perchè gli USA potessero arrivare in libano...Non si può dire che non abbia imparato bene... A saddam hanno dato loro le armi chimiche solo che dopo lui si è rotto di stare sotto di loro...
  • Bastard Inside scrive:
    Ritorcergliela contro
    Si potrebbero usare le suonerie per attirare i talebani in posti isolati e farli fuori (idea)
  • gomez scrive:
    vorrei un talebano...
    ...in tutti i bus i tram i treni, dove devi sorbirti senza poter fuggire l'ultima puttanata polifonica del cellidiota di turno che ha sepolto il telefonino in fondo allo zainetto e ravana mezz'ora per ripescarlo e farlo tacere.... :-DMauro
    • W BeOS scrive:
      Re: vorrei un talebano...
      Io te lo metterei in casa un talebano e bada che ci mette meno del pesce a puzzare :D
      • gomez scrive:
        Re: vorrei un talebano...
        - Scritto da: W BeOS
        Io te lo metterei in casa un talebano e bada che
        ci mette meno del pesce a puzzare
        :Dpuzzano di piu' i cellidioti :-D :-D
    • GANZOLO scrive:
      Re: vorrei un talebano...
      Attento che se vedi un talebano su un autobus stai all'occhio che magari da li a poco si fa esplodere...
      • gomez scrive:
        Re: vorrei un talebano...
        - Scritto da: GANZOLO
        Attento che se vedi un talebano su un autobus
        stai all'occhio che magari da li a poco si fa
        esplodere...sarebbe il modo definitivo per far tacere le suonerie... :-D
  • Mmm scrive:
    Hanno ragione
    Sinceramente, meglio un regime dittatoriale che sentir squillare "Bella Topolona"...
    • GANZOLO scrive:
      Re: Hanno ragione
      Il mondo è pieno di regimi dittatoriali, perché non alzi il culo e vai a vivere, che so... In IRAN e la smetti di dire cagate!? W Bella topolona!
      • Troll Corp. scrive:
        Re: Hanno ragione
        - Scritto da: GANZOLO
        Il mondo è pieno di regimi dittatoriali, perché
        non alzi il culo e vai a vivere, che so... In
        IRAN e la smetti di dire cagate!? W Bella
        topolona!regime dittatoriale l'Iran?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)[img]http://punto-informatico.it/images/emo/rotfl.gif[/img]
    • ppp ppp scrive:
      Re: Hanno ragione
      - Scritto da: Mmm
      Sinceramente, meglio un regime dittatoriale che
      sentir squillare "Bella
      Topolona"...QUOTONE!
    • AmigOS scrive:
      Re: Hanno ragione
      .... e cos'è che ti vieta di fare un bel viaggetto di sola andata in uno di questi paesi ?
      • Sbull scrive:
        Re: Hanno ragione
        - Scritto da: AmigOS
        .... e cos'è che ti vieta di fare un bel
        viaggetto di sola andata in uno di questi paesi
        ?Perchè ci piace soffrire. E il sapere di vivere nella stessa tua nazione è abbastanza doloroso.Cmq viva le suonerie pubblicizzate e fatte pagare 2888 euro per la gioia dei genitori.Viva tutti i numeri a pagamento.Viva le strisce blu.E viva una vita vissuta in un paese dove a fine mese ti ritrovi coi debiti per mille motivi.Sai perchè stiamo peggio di quelli dei paesi che "nomini"?Perchè tra poco staremo come loro, ma senza la loro abitudine alla vita dura.Ci risentiremo tra un paio d'anni!
  • W BeOS scrive:
    Ma sti telebani
    Ma perche' non se ne stanno nelle loro case fatte di sterco di porco appiccicate alle rocce a farsi crescere la barba a non lavarsi e a puzzare come le bestie che sono ?E non ci lasicano vivere in pace che no le nostre belle suonerie di Brtiney Spears porco Maometto !!! ?Cosa di "non rompeteci il cazzzo" non riescono a capire ?Biasimo anche gli USA per non averli ancora spazzati via dalla faccia del cosmo
    • GANZOLO scrive:
      Re: Ma sti telebani
      GrandeChe bruciassero tutti sti barboni puzzolenti...
    • Darshan scrive:
      Re: Ma sti telebani
      Si ma evita di bestemmiare.io biasimo gli usa di essersi accorti di loro solo dopo l'11 settembre-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 maggio 2008 19.37-----------------------------------------------------------
  • dubbioso scrive:
    Perchè avete spostato la notizia?
    Stamani la notizia era in fondo alla pagina (dove doveva stare una cavolata del genere)Ma adesso campeggia a metà pagina di PI.Perchè?Forse perchè attira decine di troll con flame inutili (vedi sopra) e aumenta i contatti?A pensar male...(newbie)
  • VE LO DICO IO scrive:
    Libertà, solo una bella parola..
    tutti ad attaccare la mancanza di libertà di una semplice suoneria...Io mi e vi domando, ma NOI democratici siamo veramente liberi?Siamo liberi di girare alle 20 di sera?Siamo liberi di fare la professione che ci piace?Siamo liberi di curarci dove e come vogliamo?Siamo liberi di comprare il cibo che vogliamo?Siamo liberi di creare una famiglia?Siamo liberi dalla droga?Siamo liberi dal clientelismo?Siamo liberi dalle raccomandazioni?Siamo liberi di comportarci con etica?Siamo liberi perchè circondati da persone responsabili?Siamo liberi da informazioni mirate?Siamo liberi di scegliere la politica?Siamo liberi dall'omertà?Siamo liberi di decidere NOI popolo il bene del nostro paese?Siamo liberi di andare da mediaworld e chiedere un PC senza SO?Ci sentiamo veramente liberi?Apparentemente si, perchè c'è troppa libertà ma ognuno di noi non si rende conto che questa è solo anarchia... è per questo che noi in un certo senso ci sentiamo liberi... liberi di fare ciò che vogliamo, ma non credete che di anarchia qui ce ne sia troppa? non credete che ci deve essere qualcuno che faccia ripettare le regole?certo noi ci sentiamo liberi, ma dall'alto della piramide qualcuno ci priva della vera libertà, quella che finisce dove inizia la TUA!Sicuramente siamo più liberi di determinati paesi, ma in fin dei conti è solo il meno peggio, ma non ce ne rendiamo conto, perchè abituati a scegliere il meno peggio (vedi ultime elezioni). (rotfl)
    • shezan74 scrive:
      Re: Libertà, solo una bella parola..
      - Scritto da: VE LO DICO IO
      tutti ad attaccare la mancanza di libertà di una
      semplice suoneria...

      Io mi e vi domando, ma NOI democratici siamo
      veramente liberi?

      Siamo liberi di girare alle 20 di sera?No... ieri sera sono entrato in un pub alle 19.50 e sono uscito alle 23.30, stonfo di birra... Alle 20 non giravo per la strada. Però quando sono uscito non mi hanno sgozzato. E' già positivo...
      Siamo liberi di fare la professione che ci piace?Si, ma l'ultimo provino per fare la controfigura di Siffredi non è andato come prevedevo... Nonostante questo mi sono tolto le mie soddisfazioni, e ho ancora 2 testicoli attaccati...
      Siamo liberi di curarci dove e come vogliamo?Si, tra l'altro la farmacista vicino casa è proprio figa e ogni volta che vado a comprare i preservativi ci faccio un pensierino... Mi ritengo anche fortunato, perchè i preservativi che trovo sono in plastica, e non in interiora di capra annodati alla fine.
      Siamo liberi di comprare il cibo che vogliamo?No, solo quello che troviamo nei negozi o nei supermercati, o direttamente dai contadini. Non riesco però a trovare l'Haggis scozzese da nessuna parte. Proverò su internet...
      Siamo liberi di creare una famiglia?Si, e anche di comprarci una casa... ma lo vogliamo davvero? vive la liberté !!!
      Siamo liberi dalla droga?Assolutamente si, e ne sono orgoglioso. Certo la birra è una droga, ma tutto sommato meglio che ammazzarsi di pippe...
      Siamo liberi dal clientelismo?Sono un lavoratore dipendente, molto indipendente. Si.
      Siamo liberi dalle raccomandazioni?Nessuno mi fa pressioni per alcunchè. Tuttavia conservo la possibilità di raccomandare qualcuno o qualcosa quando mi fa comodo. E' normale in ogni società civile. Tu dai qualcosa a me, io do qualcosa a te. Vuoi una caramella? dammi tua sorella! :)
      Siamo liberi di comportarci con etica?Si, ma dipende da te, e da quante palle hai di fare la cosa giusta. Se non la fai è solo colpa tua.
      Siamo liberi perchè circondati da persone
      responsabili?Questa non l'ho mica capita...
      Siamo liberi da informazioni mirate?Internet ci ha resi molto più liberi di prima. Andare oltre le apparenze è difficile, ma possibile. Solo a coloro che lo vogliono però...
      Siamo liberi di scegliere la politica?No, ma siamo capaci di mandare a casa chi non ci piace (si veda l'eccezionalità di queste ultime elezioni, a destra e a sinistra...). Questo mi fa riprendere fiducia nella capacità degli italiani di tirar fuori un po' di palle.
      Siamo liberi dall'omertà?Il prezzo talvolta è la morte. Non è sempre facile, ma a meno che tu non sia li a dover scegliere tra fare la cosa giusta e crepare o farti i fatti tuoi, mi pare poco sensibile il fatto che si possa giudicare.Certo la cosa giusta è davanti agli occhi di tutti. Tutti quelli che non rischiano di crepare. Rispetto.
      Siamo liberi di decidere NOI popolo il bene del
      nostro paese?Si, con l'impegno politico e la gavetta puoi arrivare ovunque. Ammesso che le tue idee valgano.
      Siamo liberi di andare da mediaworld e chiedere
      un PC senza SO?Questo mi fa capire che forse ho scritto 10 minuti per il caxxo...
      Ci sentiamo veramente liberi?Vabbè...
      Apparentemente si, perchè c'è troppa libertà ma
      ognuno di noi non si rende conto che questa è
      solo anarchia... è per questo che noi in un certo
      senso ci sentiamo liberi... liberi di fare ciò
      che vogliamo, ma non credete che di anarchia qui
      ce ne sia troppa? non credete che ci deve essere
      qualcuno che faccia ripettare le regole?

      certo noi ci sentiamo liberi, ma dall'alto della
      piramide qualcuno ci priva della vera libertà,
      quella che finisce dove inizia la
      TUA!

      Sicuramente siamo più liberi di determinati
      paesi, ma in fin dei conti è solo il meno peggio,
      ma non ce ne rendiamo conto, perchè abituati a
      scegliere il meno peggio (vedi ultime elezioni).
      (rotfl)Portaci un esempio di vera libertà. Vedrai che anche nella più totale libertà ci devono essere delle regole.nessuna regola = distruzione
      • lucianino scrive:
        Re: Libertà, solo una bella parola..
        QUOTO completamente ! Potevi evitare di buttare 10 minuti del tuo tempo.
      • VE LO DICO IO scrive:
        Re: Libertà, solo una bella parola..
        - Scritto da: shezan74
        - Scritto da: VE LO DICO IO

        tutti ad attaccare la mancanza di libertà di una

        semplice suoneria...



        Io mi e vi domando, ma NOI democratici siamo

        veramente liberi?



        Siamo liberi di girare alle 20 di sera?

        No... ieri sera sono entrato in un pub alle 19.50
        e sono uscito alle 23.30, stonfo di birra... Alle
        20 non giravo per la strada. Però quando sono
        uscito non mi hanno sgozzato. E' già
        positivo...Certo, poi quando ti stuprano qualcuno della tua famiglia vorrei vedere se andrai ancora ad ubriacarti...


        Siamo liberi di fare la professione che ci
        piace?

        Si, ma l'ultimo provino per fare la controfigura
        di Siffredi non è andato come prevedevo...
        Nonostante questo mi sono tolto le mie
        soddisfazioni, e ho ancora 2 testicoli
        attaccati...Hai visto che non la puoi fare? Neanche li riesci a farti raccomandare....


        Siamo liberi di curarci dove e come vogliamo?

        Si, tra l'altro la farmacista vicino casa è
        proprio figa e ogni volta che vado a comprare i
        preservativi ci faccio un pensierino... Mi
        ritengo anche fortunato, perchè i preservativi
        che trovo sono in plastica, e non in interiora di
        capra annodati alla
        fine.Problemi di sessualità? Due risposte basate sul sesso... fatti un giro in rete e ti accorgerai come si è veramente liberi di curarsi secondo le nostre esigenze e non quelle delle case farmaceutiche...


        Siamo liberi di comprare il cibo che vogliamo?

        No, solo quello che troviamo nei negozi o nei
        supermercati, o direttamente dai contadini. Non
        riesco però a trovare l'Haggis scozzese da
        nessuna parte. Proverò su
        internet...Strano che non hai messo in mezzo la patata pubblicizzata dal tuo amico Rocco....


        Siamo liberi di creare una famiglia?

        Si, e anche di comprarci una casa... ma lo
        vogliamo davvero? vive la liberté
        !!!Si?? io con 900 al mese ancora no... quando vorrai vivere da solo capirai... tranquillo...


        Siamo liberi dalla droga?

        Assolutamente si, e ne sono orgoglioso. Certo la
        birra è una droga, ma tutto sommato meglio che
        ammazzarsi di
        pippe...
        Si?? Vieni da Marte?? L'oppio in afganistan ti dice niente??

        Siamo liberi dal clientelismo?

        Sono un lavoratore dipendente, molto
        indipendente.
        Si.Si come no... questa è la birra di ieri eh!!


        Siamo liberi dalle raccomandazioni?

        Nessuno mi fa pressioni per alcunchè. Tuttavia
        conservo la possibilità di raccomandare qualcuno
        o qualcosa quando mi fa comodo. E' normale in
        ogni società civile. Tu dai qualcosa a me, io do
        qualcosa a te. Vuoi una caramella? dammi tua
        sorella!
        :)Ho capito, qualche malattia sessuale, inutile provare a farti capire il senso del mio post.... salutami Rocco... ciaooooooo!


        Siamo liberi di comportarci con etica?

        Si, ma dipende da te, e da quante palle hai di
        fare la cosa giusta. Se non la fai è solo colpa
        tua.


        Siamo liberi perchè circondati da persone

        responsabili?

        Questa non l'ho mica capita...


        Siamo liberi da informazioni mirate?

        Internet ci ha resi molto più liberi di prima.
        Andare oltre le apparenze è difficile, ma
        possibile. Solo a coloro che lo vogliono
        però...


        Siamo liberi di scegliere la politica?

        No, ma siamo capaci di mandare a casa chi non ci
        piace (si veda l'eccezionalità di queste ultime
        elezioni, a destra e a sinistra...). Questo mi fa
        riprendere fiducia nella capacità degli italiani
        di tirar fuori un po' di
        palle.


        Siamo liberi dall'omertà?

        Il prezzo talvolta è la morte. Non è sempre
        facile, ma a meno che tu non sia li a dover
        scegliere tra fare la cosa giusta e crepare o
        farti i fatti tuoi, mi pare poco sensibile il
        fatto che si possa
        giudicare.
        Certo la cosa giusta è davanti agli occhi di
        tutti. Tutti quelli che non rischiano di crepare.
        Rispetto.


        Siamo liberi di decidere NOI popolo il bene del

        nostro paese?

        Si, con l'impegno politico e la gavetta puoi
        arrivare ovunque. Ammesso che le tue idee
        valgano.


        Siamo liberi di andare da mediaworld e chiedere

        un PC senza SO?

        Questo mi fa capire che forse ho scritto 10
        minuti per il
        caxxo...


        Ci sentiamo veramente liberi?

        Vabbè...


        Apparentemente si, perchè c'è troppa libertà ma

        ognuno di noi non si rende conto che questa è

        solo anarchia... è per questo che noi in un
        certo

        senso ci sentiamo liberi... liberi di fare ciò

        che vogliamo, ma non credete che di anarchia qui

        ce ne sia troppa? non credete che ci deve essere

        qualcuno che faccia ripettare le regole?



        certo noi ci sentiamo liberi, ma dall'alto della

        piramide qualcuno ci priva della vera libertà,

        quella che finisce dove inizia la

        TUA!



        Sicuramente siamo più liberi di determinati

        paesi, ma in fin dei conti è solo il meno
        peggio,

        ma non ce ne rendiamo conto, perchè abituati a

        scegliere il meno peggio (vedi ultime elezioni).

        (rotfl)

        Portaci un esempio di vera libertà. Vedrai che
        anche nella più totale libertà ci devono essere
        delle
        regole.
        nessuna regola = distruzione
    • ndr scrive:
      Re: Libertà, solo una bella parola..
      Uè raga'!E' arrivato il MESSIA!
    • MegaLOL scrive:
      Re: Libertà, solo una bella parola..
      [img]http://uploads.neowin.net/forum/post-108813-1136869006.jpg[/img]
  • Fabri scrive:
    Animali!!!
    è l'unica cosa che mi viene in mente
  • history scrive:
    re:
    in realtà è divertente, se ci pensi
  • Bars scrive:
    Io sto con Rambo, io sto coi talebani
    Non mi interessano queste notizie filo sovietiche che gettano discredito sui valorosi guerrieri afgani. Mi basta sapere che Rambo ha lottato con loro, condividendo i loro ideali. E se gli americani li ritengono amici, sono anche amici miei.W i guerriglieri afgani! No all'oppressore sovietico! USA! USA!
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Io sto con Rambo, io sto coi talebani
      - Scritto da: Bars
      Non mi interessano queste notizie filo sovietiche
      che gettano discredito sui valorosi guerrieri
      afgani. Mi basta sapere che Rambo ha lottato con
      loro, condividendo i loro ideali. E se gli
      americani li ritengono amici, sono anche amici
      miei.
      W i guerriglieri afgani! No all'oppressore
      sovietico! USA!
      USA!Bon, hai fatto la trollata delle 10:00.
    • soulista scrive:
      Re: Io sto con Rambo, io sto coi talebani
      - Scritto da: Bars
      Non mi interessano queste notizie filo sovietiche
      che gettano discredito sui valorosi guerrieri
      afgani. Mi basta sapere che Rambo ha lottato con
      loro, condividendo i loro ideali. E se gli
      americani li ritengono amici, sono anche amici
      miei.
      W i guerriglieri afgani! No all'oppressore
      sovietico! USA!
      USA!Bentornato!spero che questi 20 anni di coma dopo quel brutto incidente non abbiano provocato danni al cervello perchè devo spiegarti due o tre cose.Ti sei seduto?Allora: c'era una volta un amico dell'America, di nome Saddam Hussein che...
      • MegaLOL scrive:
        Re: Io sto con Rambo, io sto coi talebani
        C'era una volta un nemico dell'America che si chiamava Germania. Da molto tempo è un alleato.Le cose cambiano.Certo, per chi ha vissuto solo 5 anni e ha ancora bisogno del pannolino queste cose sono incomprensibili.
  • Nome e cognome scrive:
    suonerie? solo quelle esplosive!
    Già, loro i cellulari sono soliti ad usarli per tutt'altro scopo e senza suonerie. :s
  • albe scrive:
    secondo me..
    secondo me si sono rotti delle pubblicità assurde delle suonerie sparate tuto il giorno e dei dialer che infestano internet facendoti pagare 50 euro a suoneria...
    • proskilled scrive:
      Re: secondo me..
      anche secondo me...
    • kattle87 scrive:
      Re: secondo me..
      quoto
    • Zarbon scrive:
      Re: secondo me..
      - Scritto da: albe
      secondo me si sono rotti delle pubblicità assurde
      delle suonerie sparate tuto il giorno e dei
      dialer che infestano internet facendoti pagare 50
      euro a
      suoneria...Quelle pubblicità esistono perchè c'è gente altrettanto idiota che le compra credendo di essere "alla moda" :P prenditela con quei bimbi-minkia!
    • ilmassi scrive:
      Re: secondo me..
      è la selezione naturale...il bimbo-minkia è destinato dalla natura a spedere l'intera paghetta in cazzate oroscopi e videopoker.
      • MegaLOL scrive:
        Re: secondo me..
        Uccidiamo i bimbiminkia.Rompiamo loro le ossa a martellate. Torciamo loro le braccia fino a rompere i legamenti. Tagliamo via le loro facce con rasoi spuntati. Cospargiamoli di diluente per vernice e bruciamoli.
  • marietto2008 scrive:
    trovare un equilibrio e' difficile.
    ma ragazzi,voi non vedete il comportamento dei talebani nell'ottica giusta. Loro non applicano le loro misure censorie perche' sono dittatori spietati,ma perche' non vogliono che il loro paese si incammini sulla strada del capitalismo. Sono mossi dall'odio verso gli americani e verso tutto quello che sa di americano e verso coloro che appoggiano gli americani (lo stesso succede a cuba,castro si comporta a grandissime linee allo stesso modo dei talebani). Quest'odio e' facilmente spiegabile : non vogliono che il loro paese diventi un paese guerrafondaio come e' quello americano. Loro stanno solo cercando di difendere le loro origini,le loro tradizioni,la loro religione dall'invasione del business americano,dalla loro imposizione di una falsa democrazia e dai loro giochi di potere. In un certo senso li capisco. Pensano che concedere troppa liberta' al popolo,quando il popolo non e' cosi' maturo dal riuscire a gestirla bene,sia un male. Io sono d'accordo su questo. Il troppo stroppia,e lo si puo' vedere ovunque,la troppa liberta' crea problemi sociali in ogni parte del mondo. Ma e' anche vero che gli stessi problemi sono causati dalla troppa poca liberta' e i talebani stessi ne concedono veramente troppa poca e qui non sono affatto d'accordo. Anche se trovare un punto di equilibrio e' veramente difficile.
    • Anonimo scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      La Nokia è finlandese (cit.) :D
    • Mahji scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      - Scritto da: marietto2008
      ma ragazzi,voi non vedete il comportamento dei
      talebani nell'ottica giusta. Loro non applicano
      le loro misure censorie perche' sono dittatori
      spietati,ma perche' non vogliono che il loro
      paese si incammini sulla strada del capitalismo.
      Sono mossi dall'odio verso gli americani e verso
      tutto quello che sa di americanoPalle.Sono contro perfino alle musiche tradizionali del loro paese.e verso coloro
      che appoggiano gli americani (lo stesso succede a
      cuba,castro si comporta a grandissime linee allo
      stesso modo dei talebani). Quest'odio e'
      facilmente spiegabile : non vogliono che il loro
      paese diventi un paese guerrafondaio come e'
      quello americano. Loro stanno solo cercando di
      difendere le loro origini,le loro tradizioniC'e' modo e modo. Un conto e' divulgare e tenere vive le tradizioni come avviene in tutti i paesi del mondo, un conto e' aggredire ed uccidere.Si chiamano crimini e se sei d'accordo sei un complice. E ricorda che non si sgozzano i musicisti per volere che il proprio paese non diventi un paese guerrafondaio...
      loro religione dall'invasione del business
      americano,dalla loro imposizione di una falsa
      democrazia e dai loro giochi di potere. In un
      certo senso li capisco. Pensano che concedere
      troppa liberta' al popolo,quando il popolo non e'
      cosi' maturo dal riuscire a gestirla bene,sia un
      male.Non sta ai talebani giudicare la maturita' delle persone, tanto meno di interi popoli, se tu sei d'accordo con questo allora devi accettare che io decida per te se sei maturo per leggere PI o per guardare un film.
      • pippo scrive:
        Re: trovare un equilibrio e' difficile.

        Non sta ai talebani giudicare la maturita' delle
        persone, tanto meno di interi popoli, se tu sei
        d'accordo con questo allora devi accettare che io
        decida per te se sei maturo per leggere PI o per
        guardare un
        film.O per NON votare silvio...
    • ndr scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      Ma va là, a chi credi che vendano la droga per finanziarsi? Non è capitalismo questo?
    • sdadss scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      - Scritto da: marietto2008
      ma ragazzi,voi non vedete il comportamento dei
      talebani nell'ottica giusta. Loro non applicano
      le loro misure censorie perche' sono dittatori
      spietati,ma perche' non vogliono che il loro
      paese si incammini sulla strada del capitalismo.
      Sono mossi dall'odio verso gli americani e verso
      tutto quello che sa di americano e verso coloro
      che appoggiano gli americani (lo stesso succede a
      cuba,castro si comporta a grandissime linee allo
      stesso modo dei talebani). Quest'odio e'
      facilmente spiegabile : non vogliono che il loro
      paese diventi un paese guerrafondaio come e'
      quello americano. Loro stanno solo cercando di
      difendere le loro origini,le loro tradizioni,la
      loro religione dall'invasione del business
      americano,dalla loro imposizione di una falsa
      democrazia e dai loro giochi di potere. In un
      certo senso li capisco. Pensano che concedere
      troppa liberta' al popolo,quando il popolo non e'
      cosi' maturo dal riuscire a gestirla bene,sia un
      male. Io sono d'accordo su questo. Il troppo
      stroppia,e lo si puo' vedere ovunque,la troppa
      liberta' crea problemi sociali in ogni parte del
      mondo. Ma e' anche vero che gli stessi problemi
      sono causati dalla troppa poca liberta' e i
      talebani stessi ne concedono veramente troppa
      poca e qui non sono affatto d'accordo. Anche se
      trovare un punto di equilibrio e' veramente
      difficile.hai scritto una marea di cavolate.nessun umano, nessun governo, nessuno ha il diritto naturale di decidere delle libertà degli altri.In questo mondo non esiste paese dove ci siano uomini liberi.PEr questo non c'è differenza tra afghanistan, usa, italia, cina, finlandia etcc'è solo un paese meno peggio a seconda dell'ambito che si prende in considerazione.Tutte le persone che cercano di limitare la libertà altrui hanno solo un serio problema di mente. Purtroppo su 6 miliardi di umani la maggioranza ha questo desiderio ed è pure d'accordo nel vedere limitata la libertà che la natura le ha concesso.
    • HAL scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      Per fortuna che non hai dovuto chiedere a nessuno se tu fossi sufficientemente maturo per scrivere su PI. A dire che gli individui siano mediamente sciocchi (per non dir di peggio) si scopre l'acqua calda, ma affermare che l'eccesso di libertà nuoce gravemente alla salute, beh, non mi fa dubitare se tu faccia parte della media della popolazione.
      • Bastard Inside scrive:
        Re: trovare un equilibrio e' difficile.
        - Scritto da: HAL
        Per fortuna che non hai dovuto chiedere a nessuno
        se tu fossi sufficientemente maturo per scrivere
        su PI.

        A dire che gli individui siano mediamente
        sciocchi (per non dir di peggio) si scopre
        l'acqua calda, ma affermare che l'eccesso di
        libertà nuoce gravemente alla salute, beh, non mi
        fa dubitare se tu faccia parte della media della
        popolazione.Io mi aspettavo che scrivesse anche "Ah, quando c'era Lui , caro lei"! :D
    • ilmassi scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      dai cambia pusher...non vogliono che diventi un paese guerrafondaio? e tirano giù aerei fanno saltare treni e decapitano abitanti nello stadio...!? impediscono alle donne di studiare per tenerle in uno stato di schiavitù e inferiorità...poi non sono guerrafondai...? devo continuare?
    • KeS scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      Leggiti un po di corano...il comportamento dei talebani è nell'otticadi convertire tutto il mondo all'islamcon qualsiasi mezzo e punire gli infedeli.Ma perchè nessuno ha il coraggio didire che l'islam è una religione basata sull'odio?
      • marietto2008 scrive:
        Re: trovare un equilibrio e' difficile.
        Loro applicano la legge del taglione e puniscono solo quelle persone che hanno legami con gli americani e con la loro amministrazione locale o quelle persone che non rispettano la loro religione e le loro tradizioni. Quando questo avviene,c'e' la prova inconfutabile che il reato sia stato commesso,con tanto di testimoni oculari o rei confessi. Inoltre la gravita' della pena comminata e' proprorzionale alla gravita' tipo di reato commesso,non una quantum. Questa la chiamo giustizia,giustizia rozza,ma giustizia. Preferisco questo tipo di giustizia a quella americana,dove molto spesso i processi vengono influenzati da potenti avvocati pagati da tizi che si possono permettere di spendere un mare di soldi per cavarsela e dove esiste la pena di morte,in una nazione che si proclama la piu' democratica della terra. E' stato detto che nessun umano, nessun governo, nessuno debba avere il diritto naturale di decidere delle libertà degli altri. In questo mondo non esiste paese dove ci siano uomini liberi. Questo andrebbe bene se il popolo e chi lo governa siano arrivati ad un livello culturale,morale e sociale talmente elevato dal riuscire a gestire tanta liberta',ma non e' mai stato cosi',e da quando esiste l'uomo ci sono state le gerarchie,persone piu' intelligenti di altre che hanno creato leggi proprio per limitare le liberta' degli altri e non far cadere la popolazione nel caos piu' totale. Tirano giu' aerei se sono americani o fanno saltare treni se contengono armi che gli americani useranno per attaccarli e privarli del loro territorio,allo scopo di prendere il controllo di zone strategiche e quindi di tenere il controllo del loro paese per poter permettere alle loro multinazionali di far affari d'oro vendendo droga o creando societa' petrolifere per rubare il loro petrolio. Il comportamento dei talebani è nell'ottica di PRESERVARE l'integrita' del mondo islamico con qualsiasi mezzo e punire chi abbraccia ideali capitalistici.Per quanto riguarda le donne,non mi dite che preferite vedere sempre le solite ragazzotte che vendono il loro corpo in tv,senza nessun pudore,o tanto peggio lo vendono per strada. Le donne talebane hanno quanto meno un modo di vestire molto piu' sobrio. E l'islam e' una religione d'amore,anche se ci sono degli estremisti che non si regolano. :-)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 maggio 2008 13.59-----------------------------------------------------------
        • Brown scrive:
          Re: trovare un equilibrio e' difficile.
          BWAHAHAHAHAHHAHHHAAAAAAAAAAAAAA
        • hahah scrive:
          Re: trovare un equilibrio e' difficile.
          Visto che l'islam è una religione d'amore, perché non vai a farti amare da qualche bel mahgrebino in astinenza?
        • KeS scrive:
          Re: trovare un equilibrio e' difficile.
          ROTFL!Certo perchè se una donna decide di non portareil burka và punita perchè:è colpa degli Americani...è colpa del Governo...è colpa del Capitalismo...è colpa della Società......non so se ridere o piangere...
          • marietto2008 scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            la tua e' una provocazione insulsa, dal momento che non puoi generalizzare una religione con un singolo numero di soggetti che travisano. Certo l'islamismo ha un certo numero di contraddizioni, ma di base se si legge il Corano, le cose principali designano la religione come una religione d'amore. Se poi certe interpretazioni e certe persone travisano e si comportano in modo errato, bhe, sono cose che capitano e vanno criticate e combattute.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 maggio 2008 20.38-----------------------------------------------------------
          • KeS scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            Si, l'amore di ammazzare gli infedeli....
          • marietto2008 scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            confucio diceva che non c'e' niente di piu' corrotto e corruttibile di una donna. i talebani la penseranno come lui...
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            Confucio lo PENSAVA, mentre l'Islam come sistema politico rende mandatorie delle restrizioni basate solo su un'opinione religiosa; in particolare:-una Musulmana non può sposare un non-Musulmano;-la sua testimonianza in tribunale vale la metà di quella di un uomo;-se catturata in guerra, può essere lecitamente trattenuta come schiava sessuale (verso 4:24 e hadith associate);Tanto per mostrare la differenza tra i due punti di vista, Muhammad PENSAVA che la donna vale la metà di un uomo perché è deficiente in intelligenza e deficiente in religione perché non può pregare bene durante le mestruazioni.Mi sembrano differenze di una certa rilevanza.
          • marietto2008 scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            tu puoi rabbrividire quanto vuoi,puoi criticarli,ma ci sono delle cose che non puoi fare :1) insultarli2) costringerliperche' loro lottano per quello in cui credono cosi' come fai tu. sono solo due sistemi sociali diversi e in ogni sistema sociale ci sono lati positivi e lati negativi,dato che la perfezione non esiste. Quello che non si puo' assolutamente fare e' imporgli con la forza il tuo concetto di democrazia,sia perche' questo e' un atto di arroganza e di presunzione,sia perche' la democrazia vera e' un concetto utopico,non esiste. Chi e' senza macchia scagli la prima pietra.
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            Ah, la classica obiezione relativista.C'è da dire che la tua risposta non è banale, e in altre circostanze può essere anche accettabile; però non consideri la differenza fondamentale tra i due punti di vista: e cioè che gli Islamisti combattono e credono in un sistema che discrimina la libertà degli altri sulla base di convinzioni religiose personali e indimostrabili, mentre io, anche se sono Cristiano, difendo la libertà individuale di fare qualsiasi cosa che non danneggi il prossimo e la società ("Golden Rule").La Golden Rule è giusta, perché nessuno che sia sano di mente vorrebbe vedere la propria libertà limitata se non in difesa di quella degli altri. La Golden Rule deve essere implementata con ogni mezzo necessario, e coloro che intendono sistematicamente violarla messi in condizione di non nuocere. Io sono contrario all'Islamismo non perché lo ritengo falso, ma perché è _pericoloso_ - c'è un mondo di differenza in questo.Infine: io non insulto, perché è inutile e controproducente. Io critico razionalmente sulla base di quanto detto. Infine circa il costringerli si, sono dell'idea che occorre costringere chi intende violare la libertà e la dignità degli altri a non farlo. Anche se questo implicasse il passare per le armi n-mila talebani fondamentalisti.
        • Al Gore scrive:
          Re: trovare un equilibrio e' difficile.
          - Scritto da: marietto2008 Questa la chiamo
          giustizia,giustizia rozza,ma giustizia.
          Preferisco questo tipo di giustizia a quella
          americanaSei proprio un povero mentecatto, come tutti gli estremisti di sinistra. Siete pronti a giustificare chiunque, basta che sia contro "l'Amerika". Fate solo schifo.
      • Emanuele Ciriachi scrive:
        Re: trovare un equilibrio e' difficile.
        KeS,quoto in pieno.Il problema è che molti cosiddetti "paladini dei diritti umani" hanno visto quello che è successo a Theo Van Gogh, e preferiscono prendersela con chi, pur con un'opinione diversa dalla loro, non sgozza chi li critica.Sono gli stessi che proclamano che tutte le ideologie e le religioni sono sullo stesso piano, ma poi non sanno in cosa consiste la dottrina religiosa Islamica. A dar retta ai relativisti, anche Hitler stava soltanto mettendo in pratica la sua personale visione del mondo.E' il momento di chiamare spade le spade e spighe le spighe - tantopiù che per provare che l'Islam è una religione di odio non occorre andare oltre le sue scritture "sacre".
        • marietto2008 scrive:
          Re: trovare un equilibrio e' difficile.
          prima di tutto io non mi appiccico etichette,non sono cristiano,musulmano,relativista o altro,sono solo me stesso,ho idee e principi in cui credo e lotto per difenderli. poi,lascia perdere hitler,perche' e' stata una persona affetta da una grave psicosi/psicopatia,con perdita della ragione,che ha commesso atti insensati e sconsiderati. Se dici che gli Islamisti combattono e credono in un sistema che discrimina la libertà degli altri sulla base di convinzioni religiose personali e indimostrabili (che non e' vero,perche' quella religione e' una religione d'amore,tu fai di un erba un fascio,non puoi criticare un intero credo per via di un numero esiguo di estremisti che tra l'altro non potendo affrontare il nemico in casa propria in maniera diretta perche' e' piu' forte,non possono fare altro che affrontarlo come meglio possono) io ti dico che anche gli americani combattono e credono in un sistema che discrimina la liberta' degli altri sulla base di convinzioni economiche personali ed errate,ma c'e' una differenza : gli americani impongono con la forza delle armi i loro credi e le loro idee (che si sono rivelate sbagliate (basti guardare gli effetti negativi causati dal capitalismo - cattiva distribuzione della ricchezza,ove in certe zone ce n'e' di piu',mentre in altre manca proprio - o ideologie e credi che vanno contro l'umanita',come la pena di morte),i paesi islamici si difendono e cercano di preservare la loro identita' che gli americani stanno cercando di strappargli via in nome del business,per un proprio arricchimento personale e non si sogneranno mai di ammetterlo,ovviamente,sparando un enormita' di bugie (come quella che l'iraq e' stato attaccato perche' saddam possedeva le armi di distruzione di massa,che pero' non sono mai state trovate). troppo comodo ammettere di essersi sbagliati a guerra vinta,quando gia' controllavano i pozzi di petrolio degli altri.
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: trovare un equilibrio e' difficile.
            Leggi la mia risposta a "..." nel thread precedente, e' rilevante anche circa a questo tuo intervento.
    • pippuzzo scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      cucuzza è romano
      • pippuzzo scrive:
        Re: trovare un equilibrio e' difficile.
        uei cicciobello ma dove sei nato, quelli sono tutti figli di un cane da impalare!
    • Al Gore scrive:
      Re: trovare un equilibrio e' difficile.
      - Scritto da: marietto2008
      ma ragazzi,voi non vedete il comportamento dei
      talebani nell'ottica giusta. Loro non applicano
      le loro misure censorie perche' sono dittatori
      spietati,ma perche' non vogliono che il loro
      paese si incammini sulla strada del capitalismo.Ma vai a cagare, tu e i talebani insieme... come cazzo si fa a giustificare delle BESTIE simili? Solo la mente malata di un estremista di sinistra può giustificare questi criminali solo perché odiano gli USA.
  • Al Faqhir S ul Ki hod scrive:
    che dice la sharia contro la musica?
    ma che dice la legge esattametne contro la musica?ma che schifo di vita...
    • Mullah Nah Pippah scrive:
      Re: che dice la sharia contro la musica?
      - Scritto da: Al Faqhir S ul Ki hod
      ma che dice la legge esattametne contro la musica?
      Non lo so, ma probabilmente non lo sa neanche la maggior parte dei talebani, che studia il Corano a memoria in una lingua che non conoscono e prendono per buona l'interpretazione dei loro scrausi mullah.Però come l'interpretano è sempre con lo stesso finale, tutto quello che è anche lontanamente "leggero" è peccato mortale: è successo spesso di musicisti che suonavano strumenti e melodie tradizionali ai matrimoni sgozzati, uno addirittura davanti agli occhi del figlio piccolo, è successo anche di donne sfregiate con lame o acido per essersi truccate e non essersi velate abbastanza, insomma, un'interpretazione della religione che a quanto pare trova ogni minimo pretesto per consentire sfoghi di violenza bestiale.
      ma che schifo di vita...Ma i talebani hanno la vita che si meritano, però la vita come l'intendono loro non la merita nessun altro...
      • Mahji scrive:
        Re: che dice la sharia contro la musica?

        Non lo so, ma probabilmente non lo sa neanche la
        maggior parte dei talebani, che studia il Corano
        a memoria in una lingua che non conoscono e
        prendono per buona l'interpretazione dei loro
        scrausi mullah.Un meccanismo analogo e' un voga anche da noi, la gente non sa un tubero fritto delle scritture e si adagia su quello che gli viene detto.Ad esempio la chiesa condanna la masturbazione, ma su che base?Il passo della bibbia che parla di Onan parla chiaramente della sua punizione per aver infranto la legge del levirato (quando un uomo sposato moriva, i fratelli scapoli dovevano sposare la moglie del fratello deceduto e i figli nati dalla nuova coppia venivano attribuiti al defunto).Onan pratico' il coitus interruptus per non dare figli al fratello e dio lo fulmino'.Questo dice la bibbia ma come l'interpreta la chiesa è sempre con lo stesso finale, tutto quello che è anche lontanamente "leggero" è peccato mortale.I talebani sono delle bestie e come tali li riconosci subito, da noi hanno messo il doppiopetto ma sono copevoli delle medesime interpretazioni a loro uso e consumo dei testi sacri.
        • ndr scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          Quotone!Pippe a parte siamo qualche secolo in ritardo grazie ai veti della chiesa su scienza, medicina e simili. La religione deve agire nelle chiese e nelle case di chi la sceglie. Non possono permettersi di influenzare anche la mia vita, a quel punto sul serio il discorso "talebani" è paragonabile. Che si facciano la loro vita, ma che non lo impongano a me.Pessimismo e fastidio.
          • Passim al fastid scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: ndr
            Quotone!
            Pippe a parte siamo qualche secolo in ritardo
            grazie ai veti della chiesa su scienza, medicina
            e simili.

            La religione deve agire nelle chiese e nelle case
            di chi la sceglie. Non possono permettersi di
            influenzare anche la mia vita, a quel ...bravo. Ma quanti sostenitori ATTIVI dello stato laico credi che siano rimasti in giro? guardati attornola Chiesa sta riprendendo piede come PRIMA dell'unità d'Italia!!!!e ovviamente usa la tecnica "noi non diciamo allo stato cosa fare, ma quando un Cattolico fa il suo dovere di cittadino lo deve fare seguendo il suo credo";)tattico no? :)
          • Bastard Inside scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Siamo indietro per i veti della Chiesa in ALCUNI secoli, soprattutto dopo la controriforma, quando la Chiesa, spaventata da alcune direzioni del progresso, puntò i piedi.Ma nei secoli cosiddetti "bui" la Chiesa, soprattutto nei monasteri, preservò la cultura e la scienza e fu anche fra i motori del progresso, mentre negli ultimi secoli del Medioevo si macchiò di nefandezze, spesso piegando la fede agli interessi del re di Francia, come nella crociata degli Albigesi o nel processo ai Templari. Ma poi, dal '400 fino all'involuzione della controriforma, la Chiesa ebbe papi che furono fra i governanti più illuminati del mondo nella loro epoca.Questi alti e bassi ci sono stati in tutti i paesi e in tutte le religioni, però non mi risulta che attualmente da noi ci siano lapidazioni e roghi.Premesso questo, considerato il periodo difficile per l'economia, soprattutto delle famiglie, i Talebani dovrebbero venire qua a lapidare i bimbiminkia che sputtanano la paghetta, a volte arrivando anche a prostituirsi quando è finita, per acquistare da numeri a pagamento da rapina suonerie e sfondi da cerebrolesi, se le famiglie proteggono simili scarti genetici, occorre controbilanciare dando un aiuto esterno alla selezione naturale e fare il possibile per evitare che arrivino a riprodursi O) Poi, una volta che abbiano esaurito il loro compito, eliminare anche i Talebani, et voilà, due piccioni con una fava, ho trovato il modo di salvare Italia e Afghanistan, no, non ringraziate, dovere! (idea) O) O) O)
        • io me scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          non diciamo cazzate per favore!fatti tutte le pippe che vuoi, nessuno dei "cattolici" ti taglierà la gola.certo che per paragonare i talebani ai cattolici ci vuole molto coraggio.
          • ndr scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?

            fatti tutte le pippe che vuoi, nessuno dei
            "cattolici" ti taglierà la
            gola.

            certo che per paragonare i talebani ai cattolici
            ci vuole molto
            coraggio.Ce ne vuole altrettanto per rifiutarsi di capire. I mezzi sono diversi ovviamente, ma il fine è lo stesso: condizionare le vite altrui secondo i propri valori, che gli altri li condividano o meno.Poi puoi continuare a girare con il paraocchi, scelta tua...perchè mi rifiuto di credere che tu non sia invece in grado di capire.
          • ...... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            se davvero ti da fastidio influenzare la vita altrui inizia a sprecare meno a non comprare prodotti che non vengano prodotti senza sfuttare gli altri, lotta per abolire i consumi e tolgliere i contributi ai biocarburanti... prova tu a spiegare ai genitori del terzo mondo che non posso non più dar da mangiare ai loro figli perchè noi possiamo andare in macchina.... vi fate tante seghe mentali perchè qualcuno vi fa un pò di predica o perchè qualche fondamentalista ha fatto qualche vittima... iniziate a contare li vittime per colonialismo vecchio e nuovo, per gli embarghi verso popolazioni "incivili" per il profitto e quelle per lo comodità che avete oggi in tavola o in salotto.... è bello vivere senza influenzare le vite degli altri....
          • sdadss scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: io me
            non diciamo cazzate per favore!
            fatti tutte le pippe che vuoi, nessuno dei
            "cattolici" ti taglierà la
            gola.

            certo che per paragonare i talebani ai cattolici
            ci vuole molto
            coraggio.leggiti i libri di storia per vedere i crimini PLATEALI commessi dalla chiesa.informati sul presente per scoprire i crimini NASCOSTI commessi dalla chiesa nelle ultime decadi.
          • Mahji scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: io me
            non diciamo cazzate per favore!Giusto, allora non condanniamo la masturbazione, perche' dio non l'ha mai vietata ok?
            fatti tutte le pippe che vuoi, nessuno dei
            "cattolici" ti taglierà la gola.Solo perche' gli stati nazionali risorgimentali fondati sui principi dei diritti sono subentrati all'amministrazione giudiziaria della chiesa.Nell'Europa governata da papi e principi cattolici, si veniva messi ai ferri e bruciati per aver contraddetto la chiesa. La cazzata e' tua e si chiama aver dimenticato Giordano Bruno.
            certo che per paragonare i talebani ai cattolici
            ci vuole molto coraggio.A non vedere invece la somiglianza ci vuole ottusta'.
          • carlo scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?

            Solo perche' gli stati nazionali risorgimentali fondati
            sui principi dei diritti sono subentrati
            all'amministrazione giudiziaria della chiesa.E ti pare poco ? E' proprio qui il punto chiave, in occidente siamo riusciti a disgiungere la religione dall'amministazione della cosa pubblica. Cosa inconcepibile per un talebano visto che per loro la sharia e' *LA* legge, l'unica.Questo e' avvenuto anche perchè (ma non solo) evidentemente la religione cattolica ha dei principi diversi da quella musulmana. Stesso discorso per la religione ebraica. Evidentemente la religione musulmana, di cui sono ignorante, ha dei principi che all'atto pratico la rendono + 'integralista'... un parallelo storico e' il comunismo: i principi del comunismo non sono sbagliati in se, e' la loro applicazione pratica che e' stata uno sfacelo totale.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            ecco un esempio tipico di ragionamento religioso: "la mia religione è la meglio, a morte chi non la professa" complimenti per l'ipocrisia, da bravo cattolico
        • hohahola scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          Non conoscere le sacre scritture perche scritte in un altra lingua ricorda la religione cattolica fino qualche decennio fa. Se paragoniamo i cattolici con altre religioni cristiane,i piu "colti" sono i protestanti perche hanno l'abbitudine di leggere la bibbia per conto proprio.
        • Lucianino scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          Quoto in parte ciò che hai scritto. Nella Chiesa non mi pare ci siano però tutte le imposizioni che sono presenti nella cultura di popolazioni come i Talebani.Ci sono dei consigli morali che uno è libero di seguire o meno.Al di la del parere personale credo che comunque sia necessario rispetto per il punto di vista altrui. Rispetto che comincia con lo scrivere Bibbia e Dio esattamente come è stato scritto Corano ovvero in maiuscolo.
          • er pecoraro scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?

            Quoto in parte ciò che hai scritto. Nella Chiesa
            non mi pare ci siano però tutte le imposizioni
            che sono presenti nella cultura di popolazioni
            come i
            Talebani.Non ci sono oggi ma ci sono state per secoli.Per "Chiesa" cosa intendi? Cristianesimo in generale? Cattolica romana? Protestanti? testimoni di Geova? Un credo religioso si misura sulla base delle restrizioni che impone ai fedeli?Ti rendi conto che le imposizioni che ti vengono fatte da quando sei nato sono parte stessa della tua cultura tanto da non rendertene nemmeno conto?Ora farne una lista sarebbe lungo e fuori tema, te ne dico solo una: ruolo subalterno della donna, mi sembra che basti no?
            Ci sono dei consigli morali che uno è libero di
            seguire o
            meno.Perchè siamo in uno stato -che dovrebbe essere- laico, se al potere ci fossero i testimoni di geova, per esempio, non saremmo messi tanto peggio che con i talebani!
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: er pecoraro

            Quoto in parte ciò che hai scritto. Nella Chiesa

            non mi pare ci siano però tutte le imposizioni

            che sono presenti nella cultura di popolazioni

            come i

            Talebani.

            Non ci sono oggi ma ci sono state per secoli.
            Per "Chiesa" cosa intendi? Cristianesimo in
            generale? Cattolica romana? Protestanti?
            testimoni di Geova?Durante la preistoria l'uomo mangiava la carne cruda, poi ha scopertto il fuocoe le cose sono cambiate. Dubito che ci siano persone che ogni volta che si cucinanoqualcosa pensano a quando l'uomo non aveva tale possibilità.Il medioevo è passato da qualche lustro ma le realtà descritte nell'articolo sono attuali.

            Un credo religioso si misura sulla base delle
            restrizioni che impone ai
            fedeli?
            Ti rendi conto che le imposizioni che ti vengono
            fatte da quando sei nato sono parte stessa della
            tua cultura tanto da non rendertene nemmeno
            conto?
            Ora farne una lista sarebbe lungo e fuori tema,
            te ne dico solo una: ruolo subalterno della
            donna, mi sembra che basti
            no?Forse non sono stato chiaro. Quello che sto dicendo è che nessuno vienein casa tua per dirti che la donna va frustata o nascosta sotto ad un velo o trattata al pari delle bestie. Dubito oltretutto che ci siano persone chesi comportano in questo modo per seguire i precetti della Chiesa.Chi si comporta così è da condannare e basta.


            Ci sono dei consigli morali che uno è libero di

            seguire o

            meno.

            Perchè siamo in uno stato -che dovrebbe essere-
            laico, se al potere ci fossero i testimoni di
            geova, per esempio, non saremmo messi tanto
            peggio che con i
            talebani!Credo che con i se e i ma il mondo non vada avanti.Credo anche che se non ci fossero i Talebani non saremmo qui a discutere di questo argomento. Ma i Talebani ci sono.
          • Mahji scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: Lucianino
            Al di la del parere personale credo che comunque
            sia necessario rispetto per il punto di vista
            altrui. Rispetto che comincia con lo scrivere
            Bibbia e Dio esattamente come è stato scritto
            Corano ovvero in maiuscolo.E' stato scritto in maiuscolo, ma non da me, a che pro l'"esattamente"?Il maiuscolo lo assegno alle cose che meritano rispetto, ma purtroppo le leggi tribali di pastori che ci dicono di lapidare le persone, figli compresi, o l'epiteto di una divinita' inventata e mai dimostrata, non possono rientrare tra le cose che meritano simile attenzione, spiacente.
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: Mahji
            - Scritto da: Lucianino


            Al di la del parere personale credo che comunque

            sia necessario rispetto per il punto di vista

            altrui. Rispetto che comincia con lo scrivere

            Bibbia e Dio esattamente come è stato scritto

            Corano ovvero in maiuscolo.

            E' stato scritto in maiuscolo, ma non da me, a
            che pro
            l'"esattamente"?

            Il maiuscolo lo assegno alle cose che meritano
            rispetto, ma purtroppo le leggi tribali di
            pastori che ci dicono di lapidare le persone,
            figli compresi, o l'epiteto di una divinita'
            inventata e mai dimostrata, non possono rientrare
            tra le cose che meritano simile attenzione,
            spiacente.Ognuno può scegliere ciò che gli fa più comodo per esaltare o demonizzare gli argomenti di proprio interesse. Sicuramente, inquadrare e catalogare il Cristianesimocon le quattro frasi che hai scritto sopra è riduttivo .Non credo che parlare con persone della tipologia "se vedo ci credo" sia produttivo.E' una cosa DIMOSTRATA che l'illuminismo, con il materialismo che lo ha contraddistinto, è stato un fallimento sotto il profilo umano.P.S. Lo sai che i comunisti mangiano i bambini ?
          • MegaJock scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: lucianino" sia
            produttivo.
            E' una cosa DIMOSTRATA che l'illuminismo, con il
            materialismo che lo ha contraddistinto, è stato
            un fallimento sotto il profilo
            umano.Gli illuministi erano mica quelli che negavano l'esistenza delle comete perchè nulla poteva esistere al di fuori dell'atmosfera? :)
            P.S. Lo sai che i comunisti mangiano i bambini ?No, li masticano e poi li sputano.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            se tu oggi sei vivo e puoi dire tutte ste cazzate, è grazie a delle persone che hanno detto "oh quel famoso tizio in cielo non esiste" e hanno scoperto che per guarire da una TOSSE non serve pregare e flagellarsi con un cilicio, ma basta curarsi con delle medicinela religione è stata inventata per spiegare fenomeni che non si conoscevano, una volta spiegati, non ha più senso di esistere, infatti il 99% delle religioni che spiegano fenomeni naturali sono scomparse (o c'è qualcuno che crede ancora in zeus?), sono rimaste quelle che riciclano denaro e controllano il mondo (cristiani, ebrei e musulmani)cosa pensi che fa il vaticano? sai che è lo stato più ricco? hai idea di quanti soldi passano per le banche vaticane?scusa cosa pensi che facciano vescovi e cardinali dentro il vaticano, INDISTURBATI tutto il giorno? non lo sai? ti do un consiglio, vediti "Salò, o le 120 giornate di Sodoma" di uno dei pochi GENI del cinema italiano (Pasolini), poi ne riparliamoma tanto sto post verrà cancellato, pure qua hanno potere, che tristezza...
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: ...
            se tu oggi sei vivo e puoi dire tutte ste
            cazzate, è grazie a delle persone che hanno detto
            "oh quel famoso tizio in cielo non esiste" e
            hanno scoperto che per guarire da una TOSSE non
            serve pregare e flagellarsi con un cilicio, ma
            basta curarsi con delle
            medicine

            la religione è stata inventata per spiegare
            fenomeni che non si conoscevano, una volta
            spiegati, non ha più senso di esistere, infatti
            il 99% delle religioni che spiegano fenomeni
            naturali sono scomparse (o c'è qualcuno che crede
            ancora in zeus?), sono rimaste quelle che
            riciclano denaro e controllano il mondo
            (cristiani, ebrei e
            musulmani)

            cosa pensi che fa il vaticano? sai che è lo stato
            più ricco? hai idea di quanti soldi passano per
            le banche
            vaticane?

            scusa cosa pensi che facciano vescovi e cardinali
            dentro il vaticano, INDISTURBATI tutto il giorno?
            non lo sai? ti do un consiglio, vediti "Salò, o
            le 120 giornate di Sodoma" di uno dei pochi GENI
            del cinema italiano (Pasolini), poi ne
            riparliamo

            ma tanto sto post verrà cancellato, pure qua
            hanno potere, che
            tristezza...Ognuno è libero di credere e di aver fede in ciò che vuole. Non saranno certo lerighe che hai scritto a cambiare ciò che pensano e ciò in cui credono milioni di persone.Parlare della religine come un'invenzione che serve per spiegare fenomeni naturali e basta significa essere piccoli a livello umano.Dei piccoli non bisogna aver paura ne tantomeno ascoltare le quattro cose scontateche blaterano relativamente al Vaticano o altro..Come vedi nessuno ha cancellato il tuo post e, francamente, non ne vedo il motivopoichè non dici nulla di interessante ma ti scagli solamente contro le istituzioniecclesiastiche che nessuno, oltretutto , ha nominato.Il fatto di ritenere che Pasolini sia "il verbo" è un pensiero come ce ne sono tanti...Il fatto che a qualcuno interessi è un altro.Hai contabilizzato tutto scendendo nello scontato, parlando di soldi, di ricchezze di banche .I concetti erano altri ma no mi aspetto che tu li comprenda. Pensa ciò che vuoi...la sera e la luce del giorno arriveranno comunque...con atei scontati o meno.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            ma che sei un prete?no spiegami a che serve la religione allora, visto che il 99% dei preti NON SONO CREDENTI per loro stessa ammissione (basta parlarci un po'), ma lo fanno solo per convenienza, ma tu pensi veramente che il papa crede in dio? andiamo su, il papa crede nel bastone in oro massiccio che ha, nella macchina da 2 milioni di euro, nelle sue banche in cui circolano svariati miliardi di eurola religione è per gli ignoranti che non sono in grado di pensare con la loro testa e hanno bisogno di sentirsi parte di qualcosa, non a caso le persone religiose sono sempre quelle meno inteligenti, infatti tutte le persone illuminate della storia erano atei, e non venirmi a dire che Newton era religioso, perché lui sfruttava la sua posizione per eliminare i suoi avversari politici, c'entra poco con la religionele persone religiose attenzione, non i preti, loro sono furbi perché fregano gli altri senza problemiscusa ma se il valore non sono i soldi, mi SPIEGHI perché la gente che va a trovare un pupazzo di gomma (perché se non l'hai notato stanno esponendo un pupazzo di gomma come padre pio) gli fa donazioni di 10-20 e anche 50 euro? gente che non ha soldi, spende così 50 euro SPERANDO di avere un miracolo, bisogna PAGARE per un miracolo?
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            "la religione è per gli ignoranti che non sono in grado di pensare con la loro testa e hanno bisogno di sentirsi parte di qualcosa"Pensa a Karol Woytila e a quanto sei preseuntuoso e ignorante tu.Mi fai pena perchè vedi solo i soldi nella tua vita e credi che tutto sia fattoin funzione di quello. Poveraccio."bisogna PAGARE per un miracolo?"Tu non credi alla religione e quindi, questa domanda, non dovresti nemmeno portela come non dovresti nemmeno prendere in considerazione i miracoli .Fai parte di quella categoria di persone polemiche che sparano a zero su tutto a seconda delle mode. Pensa a te stesso e al fatto che nella vita, mosso dagli "ideali" che ti hanno inculcato non combinerai mai un caxxo di buono.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            salti le domande scottanti eh, da bravo religioso daltrondea me nessuno mi ha mai inculcato niente, io uso la mia testadimmi, perché BISOGNA pagare per avere un miracolo? perché la gente butta 20 euro addosso ad un pupazzo di gomma? ho come il sospetto che aspetterò la risposta in eterno... e soprattutto perché hanno esposto un pupazzo di gomma? rispondi pure a questo se puoi (o vuoi)ma tanto non lo farai, il bello della religione è evitare le domande ponendone altre senza senso oppure rispondendo con frasi che possono significare qualsiasi cosa (perché dio non si fa vedere? eh è un mistero, CHE RISPOSTA !!!)
          • .... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            se credi che il credo sia buttare 20 euro su un pupazzo di gomma per un miracolo penso che abbia sempre saltato anche l'ora di religione a scuola...Se poi qualcuno lo fa è un idiota....
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            lo fanno tutti i fedeli di padre pio, che sono religiosi...è da quando esiste la religione, che i preti vanno a dire "pagateci che vi assolviamo dal peccato", è sempre stato così, ora è diventata una cosa automatica, quindi le persone sono convinte che per ottenere un miracolo devono pagaremi piace questa religione fondata su VERI valori, invece io ateo (quindi comunista mangia bambini, non scordatevelo mi raccomando), devo venir bruciato in piazza, perché NON uccido la gente in nome di dio, NON violento le donne, NON faccio l'usuraio, e soprattutto, più grave di tutte, NON pregoviva i valori del cristianesimo!scusate mi dite un ateo famoso che è stato incriminato (non dalla chiesa, sennò è troppo comodo, diciamo dalla legge)? nessuno vero? lo sapete invece che il 100% dei serial killer, mafiosi, ecc... sono religiosissimi? ma guarda un po'...lo sapete che c'è chi uccide il proprio figlio perché è convinto che sia posseduto?aprire gli occhi ogni tanto no vero?
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Stai facendo dei legami assurdi fra serial killer e religiosi, mafiosi e figli posseduti.Hai parecchia confusione in ciò che scrivi , dovresti fare un pò di ordine mentale. La differenza è proprio questa forse. Io non parlo male degli atei. E' una libera scelta che va rispettata.Tu hai scritto pagine di astio e rabbia nei confronti della Chiesa e dei Cristiani.Ciò dimostra debolezza e null'altro.Per quanto mi riguarda puoi scrivere per tutta la notte frasi insensate e qualunquiste che dimostrano solo la forza del "sentito dire" nelle persone ignoranti.Ne è pieno il mondo di persone "atee" (che oltretutto oggi come oggi fa "figo",sembrerebbe una moda) che sul finire dei loro giorni non sanno a chi appellarsi e la bandiera dell'ateismo sventolata per tutta la vita va a finire nel cesso.Rifletti su ciò che hai scritto. Non è mai troppo tardi per capire che "qualcuno lassù che ti ascolta c'è nei momenti di difficoltà".
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?

            Ne è pieno il mondo di persone "atee" (che
            oltretutto oggi come oggi fa "figo",sembrerebbe
            una moda) che sul finire dei loro giorni non
            sanno a chi appellarsi e la bandiera dell'ateismo
            sventolata per tutta la vita va a finire nel
            cesso.
            Rifletti su ciò che hai scritto. Non è mai troppo
            tardi per capire che "qualcuno lassù che ti
            ascolta c'è nei momenti di
            difficoltà".ed è qui che ti volevo!! ahahahaha, vedi dimostri tutto ciò che dicevo, credi solo perché speri che morendo avrai un posto in paradiso (alla destra del padre tante volte) e speri che pentendoti dei tuoi peccati verrai ricompensato, credi quando HAI BISOGNO di credere, non credi perché sei credente, preghi quando qualcosa va male, preghi quando stai male, NON PREGHI quando stai bene o quando sei pieno di soldi, infatti chi ha i soldi e sta bene non è credente :) le persone più credenti tipicamente si trovano nelle zone in cui regna la povertà e l'ignoranza, gente appunto che non ha quasi speranze, quindi si autoconvince che pregando qualcuno prima o poi li farà ricchiesempio che spiega in modo brillante ciò che dico: un dottore fa un operazione, va male, il dottore è incapace, se va bene, è un miracolo, ma MAI che sia stata bravura del dottore, no, per carità, solo dio può salvare, non un dottore bravo che studia per 15 annivediamo un po', cos'altro porterai ora per smontare le mie tesi? di solito voi religiosi dopo un po' smettete di rispondere per paura di fare brutta figura, oppure iniziate ad insultare oppure iniziate a minacciarepeccato perché a me piace discutere, ma con i credenti è impossibile perché dopo un po' tentano di bruciarti perché sei indemoniato :)ma daltronde la base della religione è non farsi domande, altrimenti crollerebbe tutto ciò su cui è fondata, l'importante è non farsi MAI domande, ma seguire come capre quello che dice qualcun altro, perché lui SA la verità
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Non ho interesse a smontare le tue tesi. Sono tue e tu , per quanto mi riguarda, sei solamente una persona che esprime un parere come io posso esprimere il mio e altri il loro. Hai preso la discussione come una sfida su chi ha ragione e chi non la ha.E' impossibile arrivare ad una soluzione anche perchè io non ho interesse a "smontare" come dici tu ma al limite a riflettere sulle cose.Nessuno ha tutte le risposte, ne tu ne la scienza. Non è una battaglia. Non ci saranno vincitori ne vinti.Nessuno può avere ragione o torto. Sono punti di vista sulle cose. Io sono credente, ne vado fiero e sono orgoglioso di non considerare TUTTO ciò che ci circonda come una formula empirica la cui dimostrazione è la verità.Non si arriverà mai ad una conclusione perchè ne io ne te abbiamo le chiavi della verità. Potremmo colloquiare per anni mantenendo i medesimi punti di vista.Di questo ne sono contento.Per ciò che riguarda le brutte figure da come ne parli sembreresti tu più timoroso di me.Potresti parlare per ore di darwin ed io di una mela e di una costola e con questo ?Dovrei vergognarmi ?Ci faccio una risata sopra. Sono ben altre le cose di cui vergognarsi.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            la differenza è che io posso dimostrare ciò che dico in modo oggettivo e inconfutabile, tu noquesta è la differenza che c'è tra religione e scienza, un religioso CREDE perché è ignorante, uno scienziato STUDIA E DIMOSTRA quello che dice, non fa un atto di fedela religione e la scienza non sono punti di vista, bisogna capire questo, una ti dice "è così punto", l'altra ti dice "è così PERCHE'", la prima si basa sul NULLA, la seconda su FATTI DIMOSTRATInon è ne filosofia, ne un punto di vista, ne una mia opinioneun religioso non accetta la scienza perché è ignorante e non è in grado di capire quello che gli viene detto, non ci sono altri motivi, mentre uno scienziato non accetta la religione semplicemente perché si rende conto delle panzanate che gli vengono dette ed ha i mezzi cerebrali per capirlopurtroppo finché la gente continuerà a credere in un dio (non dimentichiamolo, sempre migliore del dio degli altri, infedeli) ci saranno guerre, fame, distruzione, quando la gente smetterà di credere nel NULLA ma inizierà a credere in valori VERI e non campati per aria, forse l'umanità conoscerà un periodo di pace, ma dubito arriverà mai quel momento
          • lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Parlavi di credenti che quando non sanno cosa dire iniziano ad insultare o a non dare più nessuna risposta ma,in questo caso, è il contrario . Ti permetti di dare dell'ignorante alle persone che sono credenti. Vedi a cosa mi riferivo ?Il tuo ateismo ti porta all'arroganza e alla presunzione.Se ti rende felice puoi andare nelle piazze e DIMOSTRARE su carta concetti come amore amicizia oppure coscienza e fratellanza.Rimane da capire se e quanti ti ascolteranno.Vai pure, sbraita urla e fai ciò che ritieni opportuno.Credi veramente che in Italia ci siano milioni di persone ignoranti (magari analfabete) perchè credono in Dio ? Poveretto.
        • Emanuele Ciriachi scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          Il paragone tra integralismo Islamico e Cristiano non ha davvero senso, e trasdisce una conoscenza superficiale delle due dottrine. In particolare, la macro-differenza che il Cristianesimo non prescrive delle leggi secolari e ammetta uno Stato separato dalla Chiesa, mentre l'Islam si, e non ammette altre leggi oltre alle proprie.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            ehm...scusa mi spieghi cosa è successo nel medioevo durante le crociate? sai, i cristiani siccome la loro era la religione più bella hanno ucciso, distrutto, stuprato, ecc.. intere civiltàhai idea di perché i talebani si fanno saltare per aria? è disperazione, perché li non hanno nemmeno i soldi (di cui tu probabilmente ne hai tanti) per comprare il PANE, quando si fanno saltare per aria, nel 70% dei casi è perché hanno promesso di aiutare la famiglia del suicida, pochi lo fanno per religione credimi, così come i crociati non andavano in guerra per religione, ma per poter rubare tutto quello che trovavano, ma daltronde si sa, la fede si paga, quindi dove si conquista si prende tuttodue parole: CHE SCHIFO
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Caro ...,stai facendo una gran confusione.Prima di entrare nel merito, vorrei farti notare che il tuo argomento è irrilevante - le crociate non cambiano il fatto che la guerra, così come qualsivoglia altra decisione politica, non è regolamentata da nessun precetto religioso Cristiano - a prescindere da quanti religiosi abbiano ricoperto ruoli di potere.Poi, le Crociate come guerra di aggressione: questa è la bugia più colossale di tutte, e la madre di tutte le altre. Come si può in buona fede dimenticare che prima della I crociata l'Islam da più di 300 anni conduceva una campagna di aggressione e conquista territoriale nei confronti della Cristianità? Che la gran parte dei territori Musulmani erano Cristiani fino alla conquista e alla conversione forzata (difficilmente vedo in maniera diversa da una forzatura il fatto che i non-Musulmani avessero diritti inferiori nei territori sottomessi)? E che solo Carlo Martello aveva fermato l'espansione verso l'Europa?In ogni caso non è realistico nè logico inquadrare le crociate al di fuori dello stato di guerra più o meno costante in atto tra l'europa Cristiana e gli stati Musulmani, essenzialmente ininterrotto dal VII secolo fino alle porte del XIX, quando la supremazia tecnologica e militare europea era divenuta insostenibile per i sempre più decadenti paesi Islamici. Sarà pure retorico invocare l'assedio di Vienna come novella Poitiers, ma rimane il fatto storico di un espansionismo Islamico costante e pericoloso nei secoli, di fronte al quale fanno un po' ridere quelli che invocano le crociate come offesa e aggressione all'Islam, che quindi si vorrebbe pacifista, quasi gandiano ante-litteram.Al di là degli eccessi e delle violenze compiute in esse, la motivazione principale delle crociate era di difesa, sia territoriale che della propria religione. Ritengo le uno dei maggiori contributi che la Chiesa Cattolica abbia dato all'Europa e all'Occidente.Infine, la disperazione come motivo degli attentatori suicidi. Anche qui vorrei farti notare come nessun Ebreo durante la Seconda Guerra Mondiale si sia mai fatto saltare in aria in mezzo ai tedeschi. E che la stessa Hamas si -VANTA- di arruolare ragazzi che non intendono suicidarsi, e di indottrinarli al punto da fargli cambiare idea per "morire nella causa di Allah".Il terrorismo ha sempre origine nell'ideologia, politica o religiosa che sia, non nella fame.
          • ... scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            tipico ragionamenti da chi ha la mente ottenebrata dalla religione, e la difende ad ogni costo....uhm... ma allora nei paesi del nord, quando i cristiani sono andati la a distruggere tutto e ad "importare" il cristianesimo, erano musulmani pure li? non sapevo che odino era un dio dell'islam...mi raccomando vai ogni domenica in chiesa da bravo cristiano, sennò poi muori e vai all'inferno...poi si può uccidere, torturare, violentare, distruggere, ecc..., l'importante è ANDARE in chiesa a chiedere perdono e a fare un offerta, tanto con i soldi sicuramente ottieni il perdono (quei cojoni che vanno da padre pio e buttano banconote da 10-20 euro sperando di ottenere un miracolo... SIAMO NEL MEDIOEVO)
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            In sostanza non hai risposto alla sostanza del mio discorso se non con divagazioni, attacchi personali e altre fallace logiche assortite.Guarda, non è questione di dogmi o di voler difendere a tutti i costi la religione. Si tratta di mettere in relazione l'espansionismo militare Islamico e le reazioni delle popolazioni direttamente minacciate da esso.L'espansionismo Islamico non è un dogma della Chiesa, è storia documentata. La conquista di buona parte del Medio Oriente non è stata certo fatta chiedendo per favore - soprattutto tenendo conto che il sistema della "dhimmitudine" aveva lo scopo di sradicare la cultura delle popolazioni conquistate e di islamizzarle forzosamente.La conquista dell'Egitto, delle odierne Palestina, Iraq e penisola Araba; l'espansionismo ai danni dell'impero Bizantino, la conquista della SPAGNA oltre 300 anni PRIMA della 1° crociata sono fatti consultabili da chiunque, anche su Wikipedia. E prima ancora, la conquista di Mecca, di Khaybar, il genocidio degli Ebrei di Medina e l'aggressione alle carovane di mercanti. Ma probabilmente chiedo troppo nel pretendere una conoscenza dei fatti di base e una discussione sugli stessi, così a occhio e croce avrai letto sui nostri libri di storia marxisti e su qualche articolo di indymedia che le crociate erano brutte e cattive, e tanto basta.
          • Emanuele Ciriachi scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            Le lettere accentate sono sparite dal mio post...
    • enrico scrive:
      Re: che dice la sharia contro la musica?
      Religione = oppio dei popoliCiao
      • ndr scrive:
        Re: che dice la sharia contro la musica?
        Talebani = piantagioni di oppio:-D
        • Marco scrive:
          Re: che dice la sharia contro la musica?
          Oddio come si fa a paragonare la nostra chiesa (con la c minuscola) ai talebani ahah, muoio dal ridere.Bellissimo poi chi dice che la chiesa ancora oggi ci governa e guida le nostre azioni...ma quando mai? Forse 200 anni fa o durante il medioevo...ma adesso chi se la c*** più.Io mi sono sempre spipettato senza problemi, alla faccia di chi mi diceva che andavo all'inferno (anche se in realtà nessuno mi ha mai detto questo, nemmeno il prete).Dire che non ci sono differenze fra talebani e chiesa mi fa morire dal ridere veramente: vuoi vedere le differenze? Prova ad entrare in una chiesa e comincia a masturbarti...al massimo vieni arrestato dalla polizia per atti osceni in luogo pubblico, e il prete di tira qualche anatema. Ora vai in una moschea e inizia a masturbarti...se va bene ti ritrovi senza testa...
          • Lucianino scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: Marco
            Oddio come si fa a paragonare la nostra chiesa
            (con la c minuscola) ai talebani ahah, muoio dal
            ridere.Bravo ridi, ridi.

            Bellissimo poi chi dice che la chiesa ancora oggi
            ci governa e guida le nostre azioni...ma quando
            mai? Forse 200 anni fa o durante il medioevo...ma
            adesso chi se la c***
            più.Forse dovresti documentarti prima di scrivere.

            Io mi sono sempre spipettato senza problemi, alla
            faccia di chi mi diceva che andavo all'inferno
            (anche se in realtà nessuno mi ha mai detto
            questo, nemmeno il
            prete).Probabilmente, anche il prete, ti ha considerato come caso umanoda isolare e a cui non dare molto credito.

            Dire che non ci sono differenze fra talebani e
            chiesa mi fa morire dal ridere veramente: vuoi
            vedere le differenze? Prova ad entrare in una
            chiesa e comincia a masturbarti...al massimo
            vieni arrestato dalla polizia per atti osceni in
            luogo pubblico, e il prete di tira qualche
            anatema. Ora vai in una moschea e inizia a
            masturbarti...se va bene ti ritrovi senza
            testa...Uno che arriva anche solo a pensare il concetto che tu hai scrittoha seri problemi mentali e non etici.Auspico che tu decida per la moschea e che le cosa vadano per cometu le hai descritte.
          • ndr scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?

            Bellissimo poi chi dice che la chiesa ancora oggi
            ci governa e guida le nostre azioni...ma quando
            mai? Forse 200 anni fa o durante il medioevo...ma
            adesso chi se la c***
            più.Prova a fare una legge sull'aborto, poi ne riparliamo...Prova poi magari a fare ricerca sulle cellule staminali......prova a pensare piuttosto che a spippettarti accettando luoghi comuni e qualunquismo.
          • nemo scrive:
            Re: che dice la sharia contro la musica?
            - Scritto da: Marco
            Oddio come si fa a paragonare la nostra chiesa
            (con la c minuscola) ai talebani ahah, muoio dal
            ridere.Non c'è nessuna differenza, sempre è religione (cosa diversa da fede, ma vengono sempre accumunate) ed è sempre fonte di grane.Perché, per esempio, dopo secoli di polemiche si è scelto nella liturgia attuale di rifarsi ai vangeli che citano "pace in terra a coloro che lui ama" invece che a quello che cita "pace in terra agli uomini di buona volontà" (da notare che per questa sciocchezza l'inquisizione ne ha fatte di tutti i colori)?Perchè si parla di divieto all'aborto quando la patristica considera il feto privo di anima prima dei sei mesi di gestazione e non se ne parla nei testi sacri? Forse perchè qualcuno ha detto "crescete e moltiplicatevi"?Semplificando molto fede è credere o meno in dio, credere che c'è stato il diluvio universale etc; religione è credere che l'interpretazione che la tua chiesa o la tua setta fanno di quelle scritture è l'unica, senza darti pena di consultarle o di leggerle criticamente o sospettare che forse tra traduzioni di traduzioni e trascrizioni le scritture possano non essere del tutto originali.Sarebbe religione anche credere alle fandonie degli esperti di turno
            Bellissimo poi chi dice che la chiesa ancora oggi
            ci governa e guida le nostre azioni...ma quando
            mai? Forse 200 anni fa o durante il medioevo...ma
            adesso chi se la c***
            più.certo, certo. I parroci che hanno il diritto di violare la legge elettorale facendo proclami dal pulpito mentre le votazioni sono in corso, la chiesa che ha il diritto di fare pubblicità menzognera sul 5 per mille (solo una parte è destinata alla opere di carità, è stata denunciata più volte ma nessun provvedimento viene preso) porci politici che si scagliano contro l'aborto e chiedono l'inclusione della religione nella costituzione europea e via dicendo.Qualcuno si ricorda del cardinale Marcincus? Ha mai affrontato un processo come "possibile" mandante di omicidio? Che fine ha fatto?
            Io mi sono sempre spipettato senza problemi, alla
            faccia di chi mi diceva che andavo all'inferno
            (anche se in realtà nessuno mi ha mai detto
            questo, nemmeno il
            prete).Perchè è come la festa del papà (san Giuseppe era un santo come gli altri finchè non fu usato per una pubblicità di cravatte o portafogli e la chiesa si accodò nel promuovere il santo), fino al secolo scorso nessuno ci faceva caso.Curiosità: il famoso dottor kellog (c'è un film di alan parker che ironizza sull'argomento) pubblicizzava dei cereali come soluzione contro la masturbazione perchè a detta sua faceva male. Non ricordo se è stato uno degli iniziatori della crociata anti-pippe o qualcuno che si è accodato con opportunismo ma di certo chi pratica l'astinenza assoluta ha alte probabilità di essere afflitto dalla cd fimosi serrata e dover ricorrere al medico sul serio.
            Dire che non ci sono differenze fra talebani e
            chiesa mi fa morire dal ridere veramente: vuoi
            vedere le differenze? Prova ad entrare in una
            chiesa e comincia a masturbarti...prova ad entrare in una riunione di CL e parlare male di chiesa ed affini, finisci pestato e nessun giudice ti condanna (è successo ad un giornalista tempo fa).
            al massimo vieni arrestato dalla polizia per atti osceni in
            luogo pubblico, e il prete di tira qualche
            anatema. Ora vai in una moschea e inizia a
            masturbarti...se va bene ti ritrovi senza
            testa...paragone assurdo. Mi sa che sei un bimbominkia ciellino travestito. 8)
      • MegaLOL scrive:
        Re: che dice la sharia contro la musica?
        Marxismo = crack dei popoli.
    • Emanuele Ciriachi scrive:
      Re: che dice la sharia contro la musica?
      Esistono alcune (due) Hadith "Sahih" (cioè considerate attendibili, corrette) che attestano come Muhammad (Maometto) abbia parlato male della musica; per la precisione sono Abu Dawud vol.2 pg.519 e Bukhaari vol.2 pg.837. Non ho il tempo di cercare i link specifici.Questo è quello che riporta la Sunna (non è necessario che sia il Corano a vietare qualcosa - nell'Islam anche la Sunna, per quanto non allo stesso livello, è fonte di dottrina E legge politica).Molti Musulmani ignorano questo precetto, ma esiste.Concordo con l'autore del topic. Non ricordo quale filosofo aveva detto che il grado di civiltà di una cultura può essere inteso dalla musica che produce. Per l'Islam, certamente ci aveva azzeccato.
Chiudi i commenti