Cassandra Crossing/ Odio contro la Rete

di M. Calamari - Perché venire ad e-privacy il 23 e 24 giugno a Lucca? Perché le iniziative targate Odio in Rete, Fake News e Cyberbullismo sono strumentali a nuove e gravi censure contro la Rete

Roma – A febbraio di quest’anno un grosso convegno , di cui si è molto parlato, introduceva così l’argomento del cosiddetto “Odio in Rete”: “La ferita provocata da una parola non guarisce”. È divenuto il proverbio di riferimento per la sensibilizzazione contro “l’ostilità delle parole in Rete”.
Certo, la Rete dà la parola a tutti , anche a “legioni di imbecilli” (Umberto Eco), e permette che le idee dei suoi utenti, senza distinzione di classe, educazione e ceto sociale, vengano condivise e trasmesse senza filtri.

Come non essere d’accordo? La Rete lo permette, e permetterlo a tutti è il suo “fiore all’occhiello”, cosa per cui val bene la pena sostenere qualche secondario aspetto negativo.
Ma guarda caso, senza che la cosa apparentemente sembri pericolosa, si demonizzano proprio i tratti distintivi della Rete , che è diventata quella di oggi solo grazie alla gratuità e alla libertà di espressione che l’ha sempre caratterizzata.

Non è certamente un caso che da allora, dopo prese di posizione se non altro molto chiare di personaggi pubblici quali Laura Boldrini o Enrico Mentana, le campagne denigratorie contro la Rete siano state un tormentone sia sui media tradizionali che nelle istituzioni.
Travestite da iniziative contro Cyberbullismo e Fake News, che sono problemi sì reali, ma tranquillamente contrastabili con le leggi esistenti, abbiamo ascoltato in questi mesi le più folli eresie censorie contro la Rete, demonizzata con nuove categorie di “cattivi”, visto che probabilmente i vecchi ” pedoterrosatanisti “, tanto abusati in passato, non fanno più paura a nessuno.

Ma tutti i grossi nomi che tuonano, spesso con la bava alla bocca, contro la Rete sono, non dimentichiamolo mai, gli ultimi arrivati : personaggi che si trovano, strumentalmente o inconsciamente, a difendere ruoli e posizioni.

Non ci stiamo. Non accettiamo che gli ultimi arrivati, anche quelli che hanno buone intenzioni, decidano il futuro della Rete.
Pur assolutamente d’accordo che le comunità sociali e il web marketing abbiano riempito la Rete di legioni di imbecilli, siamo certi che il problema non è la Rete in sé ma il modo perverso in cui governi, aziende ed agenzie “triletterate” la stanno usando.

Per parlare di questi problemi, con un programma veramente interessante, ci ritroveremo a Lucca questa settimana, il 23 e 24 Giugno, per la XXI edizione di e-privacy .
Avremo modo di parlare e discutere su questa situazione di “Odio contro la Rete” mediaticamente ed istituzionalmente indotto, e di studiare insieme un modo costruttivo di reagire.

Registratevi gratuitamente qui . Come sempre, quest’anno grazie al prezioso supporto logistico del Comune di Lucca , e-privacy è un convegno aperto e gratuito per tutti, senza sponsor commerciali e a budget zero.

A presto.

Marco Calamari @calamarim

Le profezie di Cassandra: @XingCassandra
Videorubrica “Quattro chiacchiere con Cassandra”
Lo Slog (Static Blog) di Cassandra
L’archivio di Cassandra: scuola, formazione e pensiero

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bradipao scrive:
    c'è qualcuno?
    "Mountain View avrebbe favorito il suo servizio di comparazione delle offerte sui siti di e-commerce nelle ricerche degli utenti, ..."Ma c'è veramente qualcuno che ha mai usato quella funzione?
    • bertuccia scrive:
      Re: c'è qualcuno?
      - Scritto da: bradipao

      "Mountain View avrebbe favorito il suo servizio
      di comparazione delle offerte sui siti di
      e-commerce nelle ricerche degli utenti,
      ..."

      Ma c'è veramente qualcuno che ha mai usato quella
      funzione?magari in USA funziona meglio, in italia è abbastanza inutile
      • sveglia piccino scrive:
        Re: c'è qualcuno?
        Stiamo parlando di UE.
        • bertuccia scrive:
          Re: c'è qualcuno?
          - Scritto da: sveglia piccino

          Stiamo parlando di UE. <i
          "Ma c'è veramente qualcuno che ha mai usato quella funzione?" </i
          è una domanda piuttosto generica
          • coma profondo scrive:
            Re: c'è qualcuno?
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: sveglia piccino



            Stiamo parlando di UE.

            <i
            "Ma c'è veramente qualcuno che ha mai
            usato quella funzione?" </i



            è una domanda piuttosto genericaL'articolo on è affatto generico:" UE vs Google , multa miliardaria in arrivo"
          • bertuccia scrive:
            Re: c'è qualcuno?
            - Scritto da: coma profondo

            L'articolo on è affatto genericonon commentavo l'articolo, rispondevo alla domanda di bradipao
    • Chicken scrive:
      Re: c'è qualcuno?
      Mah, abbastanza una cagata.
    • Izio01 scrive:
      Re: c'è qualcuno?
      - Scritto da: bradipao
      "Mountain View avrebbe favorito il suo servizio
      di comparazione delle offerte sui siti di
      e-commerce nelle ricerche degli utenti,
      ..."

      Ma c'è veramente qualcuno che ha mai usato quella
      funzione?No. Se cerco un articolo qualsiasi, mi appaiono i vari siti di comparazione prezzi di terze parti, quelli che si lamentano.[img]http://i.imgur.com/nGn2yTU.png[/img]Ma la UE ha bisogno di batter cassa, quindi questi sono dettagli secondari.
  • paolo anca scrive:
    vecchiaia
    " Google non ha rispettato le regole della concorrenza in seno al mercato del Vecchio Continente ".Si, è proprio un vecchio continente anzi, un vecchio incontinente.Talmente vecchio che l'unica cosa che sa fare è ingessare ogni cosa con una burocrazia nauseante e l'imposizione di tasse su tasse ad aziende (estremamente furbe, non ci piove) che nascono in un posto giovane, dove c'è dinamicità e rischio, tipici dei giovani, con tassazioni che sono una frazione delle nostre.Non discuto sulla furbizia di Google e simili, ma sulla distruttività di un continente che produce ben poco di nuovo ed è capace di fare torti vergognosi alla gente che abita i Paesi che lo compongono, come la Grecia.E' tempo di morire...
    • 658afa786ac scrive:
      Re: vecchiaia

      ed è capace di fare torti
      vergognosi alla gente che abita i Paesi che lo
      compongono, come la Grecia.Già avevi iniziato male, ma qui ti sei proprio sputtanato.
    • Izio01 scrive:
      Re: vecchiaia
      - Scritto da: paolo anca
      " <i
      Google non ha rispettato le regole della
      concorrenza in seno al mercato del Vecchio
      Continente </i
      ".

      Si, è proprio un vecchio continente anzi, un
      vecchio
      incontinente.
      Talmente vecchio che l'unica cosa che sa fare è
      ingessare ogni cosa con una burocrazia nauseante
      e l'imposizione di tasse su tasse ad aziende
      (estremamente furbe, non ci piove) che nascono in
      un posto giovane, dove c'è dinamicità e rischio,
      tipici dei giovani, con tassazioni che sono una
      frazione delle nostre.

      Non discuto sulla furbizia di Google e simili, ma
      sulla distruttività di un continente che produce
      ben poco di nuovo ed è capace di fare torti
      vergognosi alla gente che abita i Paesi che lo
      compongono, come la Grecia.

      E' tempo di morire...Eh, il lato negativo dei paesi giovani e dinamici è il darwinismo sociale portato all'estremo. Soldi pubblici regalati alle multinazionali, mentre chi è in difficoltà rimane abbandonato a se stesso.Però è vero, non possiamo confrontarci alla pari. Quelli sono squali, abituati a nuotare veloci e ad essere cattivi, noi ci siamo adagiati. Abbiamo una migliore qualità della vita (mio modesto e personale parere, altri possono non essere d'accordo) ma siamo inevitabilmente più deboli.L'Europa lenta e pachidermica in fondo esprime questo nostro pretendere garanzie dall'autorità, invece di combattere come se non ci fosse un domani.
    • iRoby scrive:
      Re: vecchiaia
      Il protezionismo andrà di pari passo con la Glocalization. Ossia l'abbandono della globalizzazione selvaggia.Vorrei ricordare che gli USA sono diventati una nazione ricca e potente proprio grazie al protezionismo contro i prodotti inglesi. Adam Smith voleva per esempio il liberalismo spinto.Magari lo avessero fatto, sarebbero una colonia produttrice di cotone e non esporterebbero democrazia ignorante a suon di bombe...
Chiudi i commenti