Cento milioni di OpenOffice

di Fabrizio Bartoloni - Alla OOoCon 2009, i successi e gli insuccessi del progetto open source. L'Italia detiene il primato dei download. L'intervista al presidente PLIO Italo Vignoli

Roma – “Cento Milioni”, questo il titolo scelto per l’edizione 2009 dell’ OOoCon , la conferenza annuale di OpenOffice.org svoltasi al 3 al 6 Novembre nei palazzi del centro storico di Orvieto, proprio a sottolineare l’importante traguardo di download dal rilascio della versione 3 di questa suite.

La migrazione ad OOo del Comune di Bologna è stato il primo dei casi studio in esame: un progetto privo di precedenti per dimensioni nel nostro paese in cui 3.600 PC coinvolti hanno dovuto far fronte a una licenza di Office97 giunta ormai a fine vita. “Avremmo dovuto comprare altrettante nuove licenze a prezzo pieno, 300 euro l’una, invece migrare ad OpenOffice 2.4.2 l’intero parco macchine è stato possibile spendendo un totale di 80mila euro in due anni suddivisi tra una borsista della locale università e la consulenza e formazione da parte di Yacme , una azienda privata del campo OSS” ci spiega al termine del suo intervento l’Ing. Massimo Carnevali, responsabile ICT del capoluogo felsineo. “Il Comune ha speso 580mila euro di licenze software nel 2006, le previsioni per il 2010 sono di 400mila euro grazie all’open source” aggiunge. Una metà delle workstation ha compiuto una transizione completa, delle restanti, complice la ragnatela di circa seicento applicativi in gioco (Lotus Domino, SAP etc), 900 hanno dovuto optare per la coesistenza delle due soluzioni e in altre 900 c’è stato un upgrade parziale (Office97 è installato ma invisibile all’utente). Per fine anno si prevede di completare il processo transitivo una volta risolte le dipendenze binarie dalle DLL di Domino e dalle funzioni peculiari di MS Office. Anche l’opera di formazione del personale sul nuovo pacchetto di ufficio sembra aver dato frutti positivi, il sistema di feedback su un campione di 300 dipendenti comunali ha rilevato un tasso di gradimento compreso tra 3.5 e 4 su un massimo di 5. Il piano successivo, nelle intenzioni di Carnevali, è di migrare anche il sistema operativo ad una soluzione open source, nella fattispecie Linux.

Il secondo caso studio si svolge a Roedovre, città danese di meno di 40mila abitanti. La municipalità si trova ad abbandonare Office 2003 in maniera graduale, la gestione dei documenti passa da una forzata integrazione tra MS Word e Notes in cui si può gestire solo un documento alla volta, dove troppi messaggi di errore affollano lo schermo e la pubblicazione online avviene manualmente. Leif Lodahl, project manager a Magenta ApS e coordinatore per la Danimarca di OOo, ne racconta la dinamica: “Siamo partiti dalla soluzione dei problemi, abbiamo creato una applicazione dummy il cui unico scopo fosse di mostrare come li avevamo risolti e quali migliorie avessimo apportato. 300 template sono stati convertiti, sono state create estensioni e configurazioni personalizzate, inoltre ora Notes e OpenOffice.org sono ora molto più vicini di quanto accadesse col vecchio pacchetto Microsoft. L’esperienza utente è migliorata quanto la produttività, sono spariti i messaggi di errore e i documenti sono al sicuro dal rischio di sovrascrizione involontaria”. Questo in 1-2 anni allocando 180mila euro di spesa.

Chi invece è dovuta tornare sui suoi passi è stata l’ Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica . Massimiliano Falcinelli, systems engineer presso la stessa, riferisce di un ambiente quantomeno sui generis con uffici e laboratori sparsi su tutto il globo attraverso ogni fuso orario, necessità di reazione tempestiva ai problemi e di sicurezza massima cui sinora solo la casa di Redmond sembra poter rispondere con una assistenza adeguata, nonostante le direttive generali delle Nazioni Unite, da cui l’AIEA dipende, impongano di adottare l’OSS ovunque sia possibile. Se aggiungiamo l’ostilità degli scienziati coinvolti renitenti al cambiamento, abbiamo OpenOffice installato su davvero poche postazioni in ambiti molto limitati e marginali. Nei quattro giorni dei lavori congressuali gran parte degli interventi era ad uso e consumo degli sviluppatori, eppure non sono mancati spunti d’interesse per il vasto pubblico di utenti. Abbiamo incontrato Italo Vignoli, responsabile marketing di OpenOffice.org e presidente PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org, rivolgendogli alcune domande.

PI: Questo è il primo OOoCon dopo l’acquisizione da parte di Oracle, ciò ha comportato qualche cambiamento finora?
Italo Vignoli: No, o meglio, non ancora, l’Unione Europea ha al momento congelato tutto per ragioni di antitrust come ben sapete ma la dichiarazione d’intenti rilasciata ad aprile di voler aumentare l’investimento nel nostro progetto ci fa ben sperare.

PI: Da un lato OOo lotta per garantire la massima compatibilità con MS Office, dall’altro sembra voler cercare una propria identità, distinguendosi grazie a soluzioni originali ( OpenOfficeMouse , OOo4Kids o le varie incarnazioni semi-proprietarie): in che modo sta riuscendo o meno in quest’ultimo compito?
IV: È doveroso distinguere tra la comunità e l’azienda. Tra le attività collaterali Renaissance e Performance sono nate all’interno della comunità, mentre RedFlag e IBM Lotus Symphony sono cresciute grazie ad un apporto misto delle multinazionali IT e dei volontari e non rappresentano per forza il senso evolutivo di OpenOffice, il discorso è ancora più vero se parliamo di OOo4Kids nato da un solo personaggio che non gode di grande popolarità all’interno della comunità, anche perché vuole imporre le sue idee al resto del mondo (e quando c’è riuscito ha creato dei danni che nel caso della versione nativa per Mac sono ancora visibili). Si formano delle fazioni contrapposte tra loro che insistono per inserire il loro codice nel fork principale senza prima seguire i protocolli ufficiali di sviluppo mettendo a rischio la stabilità dell’intera suite.

PI: Qual è la situazione di OOo in Italia?
IV: Non è un caso che Orvieto abbia battuto Pechino ed Helsinki nella lizza per aggiudicarsi l’OOoCon 2009, stranamente (sic, ndr) l’Italia è il paese dove è più diffuso. Siamo l’unica nazione in cui i suoi download superano il numero di PC venduti, ben otto milioni di copie scaricate, superando quindi il 10 per cento dei parlanti il nostro idioma quando lingue molto più diffuse a livello internazionale quali francese e tedesco sono ferme all’8 per cento. A Settembre abbiamo toccato il record sfondando quota 855.000 in un mese.

PI: Quali sono i rapporti con Microsoft, data la presenza di loro rappresentanti all’evento, Pier Paolo Boccadamo (Platform Strategy Director, ndr) tra il pubblico e Doug Mahugh tra i relatori?
IV: Tra PLIO e Microsoft vige il rispetto reciproco, una condizione che ha attirato accuse di collaborazionismo da parte dell’area più estremista del progetto. All’atto pratico un muro contro muro riguardo l’interoperabilità dei formati e temi simili non giova a nessuna delle due parti in causa e men che meno all’utenza, la prima ad esserne danneggiata. Le polemiche sorte attorno agli errori supporto ODF in MS Office su cui tanto si sono imbufaliti esponenti di aziende ed enti internazionali, pronti a gridare al sabotaggio, non ci trovano concordi, sarebbe contro il loro interesse mutilare la propria suite.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • edo scrive:
    tele2 e i filtri
    Cavolo che XXXXXXXX... Io ho tele2 e mi trovo malissimo, viaggio a 2 mega e sono filtrato 24/24. L'unico modo per aggirare in parte i filtri ècambiare DNS.Ciao a tutti :)
  • Ginorra scrive:
    è risaputo...
    Si sa che le connessioni di Tele2 fanno ridere... e di Tiscali idem... e che infostrada filtra !!!Se gli utenti hanno il cervello foderato con la lonza, fissati daventi a quello scatolo che si chiama televisione e rimangono abbaglati dalle pubblicità... c'è poco da fare.... Il problema si risolve non abbonandosi ai servizi di questi operatori. Che per 4 o 5 euro al mese di risparmio, non vale la pena !!!
    • curioso scrive:
      Re: è risaputo...
      - Scritto da: Ginorra
      Si sa che le connessioni di Tele2 fanno ridere...
      e di Tiscali idem... e che infostrada filtra
      !!!

      Se gli utenti hanno il cervello foderato con la
      lonza, fissati daventi a quello scatolo che si
      chiama televisione e rimangono abbaglati dalle
      pubblicità... c'è poco da fare....


      Il problema si risolve non abbonandosi ai servizi
      di questi operatori. Che per 4 o 5 euro al mese
      di risparmio, non vale la pena
      !!!E con chi dovrei abbonarmi? Con Telecom forse?No grazie... l'ho abbandonata in toto 4 anni fa e sono rinato. La mia connessione non fa una piega e guarda un po' e' una delle 3 che hai citato.
  • aid85 scrive:
    ridicola la agcom
    a parte che se oggi esiste una tariffa a tempo è quello lo scandalono che uno lascia il router acceso e paga... quello non è colpa di tele2 o chi per essocosè il gestore deve anche controllare con cosa il cliente si connette a internet... router... modem pc interno... ipcam... ecc... ????Però le multe dell'agcom sono una "tassa a delinquere".Vuoi truffare gli italiani? bene il 5% di quello che ci guadagni lo dai a noi?260 mila euro è la multa che prende un gelataio se mette latta scaduto nei gelati... cos'è per una società con capitale sociale illeggibile?Una presa per il XXXX nei confronti degli abbonati che non si vedono restituire NULLA ...
  • ExTrEmE scrive:
    E' quasi ridicolo...
    E' palese da anni che gli operatori fanno i furbi.. 20 mega qua, 20 mega là, 8 mega sopra, 10 mega sotto.Alla fine tutti gli utenti si ritrovano una connessione a X mega.. navigando come se avessero una 640.. se non peggio.Tutti lo sanno, uno sproposito di persone protesta.. mail, raccomandate, telefonate inferocite.. risultato ZERO."eehhhhh ma quella è la velocità massima mica è garantito che sia quella.. dipende dal traffico, dai server [si si certo].. "Qualcuno si intestardisce, si rivolge all'autorità.. E' vero, avete ragione !!! [ma va?!!]Brutti operatori cattivi!! Vi faccio una bella multona da.... da.... da... DUECENTOSESSANTAMILA euro DIVISO 3!?!?!?Ennesima presa per il XXXX.In altri paesi gli avrebbero fatto un c*lo come uan capanna.. ma del resto siamo in itaGlia... :-/
    • bibbio scrive:
      Re: E' quasi ridicolo...
      Perfetti gli ultimi interventi ! Grazie per aver esposto così bene la situazione della disponibilità di banda in Italia.TISCALI adesso fa un'offerta di pochi mesi a 5 euro di meno della precedente. Chi ha aderito alla precedente è stato di fatto penalizzato dall'adesione, perchè ora pagherebbe meno ! Vi rendete conto come si comportano? Non so come spiegarlo, ma questa mi sembra condotta commerciale scorretta.
  • Luigi Quintavall e scrive:
    Banda larga
    Se un operatore "vende" connessioni ad internet, vuol dire che deve possederne. Se un operatore annovera 500.000 utenti con connessione a 6 Mbit, vuol dire che deve averne acquistati altrettanti (500.000 * 6 Mbit = 3.000.000 Mbit). Dimostrare di averne a disposizione significa correttezza commerciale, non averne significa TRUFFA!!Ebbene si, TRUFFA, vendere un qualcosa che non si possiede, in Italia si chiama TRUFFA!!
    • Gino Gini scrive:
      Re: Banda larga
      - Scritto da: Luigi Quintavall e
      Se un operatore "vende" connessioni ad internet,
      vuol dire che deve possederne. Se un operatore
      annovera 500.000 utenti con connessione a 6 Mbit,
      vuol dire che deve averne acquistati altrettanti
      (500.000 * 6 Mbit = 3.000.000 Mbit). Dimostrare
      di averne a disposizione significa correttezza
      commerciale, non averne significa
      TRUFFA!!
      Ebbene si, TRUFFA, vendere un qualcosa che non si
      possiede, in Italia si chiama
      TRUFFA!!beh si, pero' anche voi che abboccate alle offerte di certi operatori ... ormai sono passati anni e dovremmo saperlo tutti che certi operatori sono peggiori di altri
  • Mc Hollyons scrive:
    Re: E i filtri di Infostrada?
    perfetto ! quanto costa infostrada ??ho sempre cercatoun provider che murasse il peer to peerr per navigare piu veloce va veloce almeno
    • Conformista informatico scrive:
      Re: E i filtri di Infostrada?
      - Scritto da: Mc Hollyons
      perfetto ! quanto costa infostrada ??
      ho sempre cercatoun provider che murasse il peer
      to peerr per navigare piu veloce va veloce almeno
      ci sono altri provider che filtrano il peer to
      peer? :D al peggio non c è limite!se a te sembrano tanti 500 kbps massimo al download....accomodati!!
  • Il Gargilli scrive:
    niente di nuovo quindi..
    L'articolo parla chiaro, ma non specifica una cosa importante. Cosa che nel nostro paese avviene da molto tempo, anche per uqello che riguarda tariffe/offerte telefoniche.E' il solito gioco di "offrire" un servizio nascondendone altri /che inevitabilmente useremo, spesso senza saperlo) a pagamento.Non volgio dilungarmi su tutto quello che si sono inventati in questi anni, anche perchè non basterebbe un pomeriggio intero, ma mi soffermerò su una cosa che, personalmente, ho notato già da parecchi mesi (se non qualche annetto) riguardante le famose "velocità" di navigazione offerte dai vari ISP.Tecnicamente parlando avviene questo: (e invito chiunque a provare)- Mettete a scaricare un file da un portale con un server stabile e veloce, e spesso noterete che la velocità non supera mai una certa soglia.- Ora mettete a scaricare 2 o 3 file contemporaneamente...Probabilmente ora, e solo ora, avrete raggiunto la velocità dichiarata nel vostro contratto. Questo avviene perchè (molto probabilmente) sono applicati dei limiti al singolo download. Limiti che vengono superati solo se si sommano altri download. Come dire: io ti vendo un'automobile "dichiarata" a 200Km/orari, ma li raggiungerai solo in determinate situazioni.. Ovvio che, a saperlo prima, magari qualcuno ci penserebbe prima di fare l'acquisto, senza contare chi l'automobile la usa per lavoro o comunque necessità.Niente di nuovo quindi... E' una delle tante fregature che subiamo a danno della collettività prima ancora che dell'utente finale, perchè ricordiamoci che non esiste solo il digital-divide dovuto a mancanza di infrastrutture... Anche quello sopra menzionato, se vogliamo, è una forma di digital-divide, forse anche peggiore e più subdola.Aloha!
  • atamata scrive:
    risarcimento
    Distribuite gli uri delle multe ai cittadini truffati
  • attonito scrive:
    E' dimostrato: il crimine paga!
    come da oggetto.
  • attonito scrive:
    260K€ e' come dargli un premio
    260mila Euro di multa? ma Wind e soci se la stanno ancora ridendo!Pr fare un paragone, e' come togliere 5 punti sulla patente ad uno che ha ammazzato il vicino di casa... sai quanto gliene puo' XXXXXXX....
  • vday scrive:
    Re: E i filtri di Infostrada?
    Io li avrei INVIATI a cag.... e gli avrei chiesto un CORPOSO RISARCIMENTO!!!!(Tra l'altro anche perchè rompono i cosiddetti con la loro pubblicità continua, schifosa ed ingannatrice!!!!) :@
  • Gianfranco Magri scrive:
    Riduzione velocità ADSL con Tele2
    Milano 11/11/2009.Il 12 giugno 2008, per cambio contratto, mi è stata modificata la velocità ADSL da 2 a 7 Mbit/s. Fino ai primi di settembre 2008 il tutto è funzionato correttamente. Poi si interrompeva la connessione con elevata frequenza. Per risolvere il problema, TELE2, mi ha ridotto la velocità a 4 Mbit/s adducendo la seguente motivazione:in seguito alla lavorazione già conclusa, abbiamo appurato un eccessiva distanza dalla centrale, pertanto, si è reso necessario riportare la velocità della Sua linea Adsl a 4-Mega, al fine di garantirLe la stabilità del servizio.Desideriamo confermarle che, qualora il suo doppino telefonico non supportasse la velocità di 4 Megabit/s, le verrà comunque attivato il servizio alla maggiore velocità possibile.Le ricordiamo inoltre che i motivi per cui il doppino telefonico non supporta la velocità di 4 Megabit/s possono essere numerosi e non dipendono in alcun caso dal fornitore della connessione ADSL, per questa ragione il suo contratto non subirà alcuna variazione economica ed amministrativa.Cordiali saluti.G. Magri
  • p4bl0 scrive:
    Re: E i filtri di Infostrada?

    certo con il P2P a meno di non
    scaricare file con molte fonti fatico a tenere
    medie di 100Mbyte/s... magari faticassi anch'io a tenere medie di 100Mbyte/s.. ;)
  • Ricky scrive:
    Punizioni inadeguate
    Le multe commissionate dal garante rispondono ad una casistica ferrea, lui spesso ha menzionato i limiti delle multe,ribadendo che e' necessario cambiare il tetto massimo per rendere queste multe un vero e proprio DETERRENTE.Adesso sono solo bazzecole e non servono certo afermare il sistema perverso.La vera notizia e' che le telco continuano ad essere multate,le motivazioni spaziano dall'infrmazione ingannevole alla limitazione coatta di banda, alla gestione "pittoresca" dei call center e via dicendo...E' una continua storia infinita.Questo la dice lunga sulla qualita' e sulla SERIETA' delle nostre societa' di punta.
    • Valeren scrive:
      Re: Punizioni inadeguate
      Quante di quelle sanzioni poi sono state pagate?No, perché i ricorsi al TAR vengono fatti e vinti...
    • attonito scrive:
      Re: Punizioni inadeguate
      - Scritto da: Ricky
      Le multe commissionate dal garante rispondono ad
      una casistica ferrea, lui spesso ha menzionato i
      limiti delle multe,ribadendo che e' necessario
      cambiare il tetto massimo per rendere queste
      multe un vero e proprio
      DETERRENTE.
      Adesso sono solo bazzecole e non servono certo
      afermare il sistema
      perverso.
      La vera notizia e' che le telco continuano ad
      essere multate,le motivazioni spaziano
      dall'infrmazione ingannevole alla limitazione
      coatta di banda, alla gestione "pittoresca" dei
      call center e via
      dicendo...
      E' una continua storia infinita.
      Questo la dice lunga sulla qualita' e sulla
      SERIETA' delle nostre societa' di
      punta.mi stanno bene anche multe piccole, pasta comminarle giornalmente. ovvure in funzione di ogni segnalazione ricevuta. 35 segnalazioni? ok, 35 multe.
  • Guido La Vespa scrive:
    Gli utenti chi li rimborsa?
    A parte come già detto da altri la multa è ridicola...Ma gli utenti chi li rimborsa per il danno subito?Evidente che il sistema così non può funzionare...
    • Valeren scrive:
      Re: Gli utenti chi li rimborsa?
      Non è previsto che tu venga rimborsato, questo è il problema.
      • DarkOne scrive:
        Re: Gli utenti chi li rimborsa?
        - Scritto da: Valeren
        Non è previsto che tu venga rimborsato, questo è
        il
        problema.No, il problema è che non esistono le class-action.
        • Paride scrive:
          Re: Gli utenti chi li rimborsa?
          - Scritto da: DarkOne
          - Scritto da: Valeren

          Non è previsto che tu venga rimborsato, questo è

          il

          problema.

          No, il problema è che non esistono le
          class-action.E se no come farebbero ad intascare le mazzette per le "sontuose" multe che gli comminano?
        • ruppolo scrive:
          Re: Gli utenti chi li rimborsa?
          - Scritto da: DarkOne
          No, il problema è che non esistono le
          class-action.No, il problema è che l'Art.1 della Costituzione dice che "La sovranità appartiene al popolo", il popolo VUOLE la class action e la class action NON c'è. Allora significa che la Costituzione è CARTA STRACCIA.
  • Nome e cognome scrive:
    In cu*o a Tele2
    ... i loro commerciali chiamano a casa MINIMO due volte al giorno, agli orari più improbabili, cercando di convincermi che le loro offertone sono più convenienti rispetto al mio abbonamento con Telecom Italia.Non passerò mai al maiale maledetto!
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: In cu*o a Tele2
      - Scritto da: Nome e cognome
      ... i loro commerciali chiamano a casa MINIMO due
      volte al giorno, agli orari più improbabili,
      cercando di convincermi che le loro offertone
      sono più convenienti rispetto al mio abbonamento
      con Telecom
      Italia.

      Non passerò mai al maiale maledetto!E fai bene! Gli operatori di Tele2 poi sono fra i più scorretti del mercato, promettono e affermano cose che poi non mantengono... qualsiasi cosa ti dicano non gli credere, devono inviarti tutto via mail o fax, altrimenti ti fregano!
      • Valeren scrive:
        Re: In cu*o a Tele2
        E' ancora più difficile abbandonarli.Mia madre per lasciare Tele2 e passare ad Alice ha fatto un delirio (meglio: ho dovuto farlo io) e per circa due mesi è stata senza linea ma a Telecom il numero non arrivava.Rimbalzavano persino l'avvocato O_OAlla fine ha dovuto cambiarlo - certo, non è un megaproblema ma l'aveva da quasi trent'anni.
  • Nome e cognome scrive:
    Re: E i filtri di Infostrada?
    Il blocco indiscriminato di determinati protocolli o applicativi, così come fatto da Libero, deve essere assolutamente condannato.
    • ruppolo scrive:
      Re: E i filtri di Infostrada?
      - Scritto da: Nome e cognome
      Il blocco indiscriminato di determinati
      protocolli o applicativi, così come fatto da
      Libero, deve essere assolutamente
      condannato.Concordo, ma se vai a protestare con gli argomenti di Conformista Informatico ottieni (giustamente) un bel giro di vite.
      • Joe Tornado scrive:
        Re: E i filtri di Infostrada?
        Io condivido diverso materiale relativo all'informatica ed ai videogiochi di tanti anni fa, per garantirne conoscenza e preservazione: mi spieghi cosa faccio di così malvagio da "essere trattato in questo modo" ?
      • attonito scrive:
        Re: E i filtri di Infostrada?
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Nome e cognome

        Il blocco indiscriminato di determinati

        protocolli o applicativi, così come fatto da

        Libero, deve essere assolutamente

        condannato.
        Concordo, ma se vai a protestare con gli
        argomenti di Conformista Informatico ottieni
        (giustamente) un bel giro di
        vite.io col mulo posso scaricare iso di debian/ubuntu/fedora, mareriale audio/video in CC, ed altro.Mica tutti sono dei pirati eh!
  • ruppolo scrive:
    Multe oltraggiose
    Una emerita presa per il XXXX ai danni dei cittadini.Una multa che possa chiamarsi tale, per queste aziende, deve partire dal 5% del fatturato annuo. E poi a salire, fin quando imparano. Si deve procedere a colpi di milioni di euro, non di spiccioli.
    • Valeren scrive:
      Re: Multe oltraggiose
      Seee, contaci :DTanto ricorrono al TAR e vengono annullate, oppure rientrano come "sovvenzioni".
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Multe oltraggiose
      - Scritto da: ruppolo
      Una emerita presa per il XXXX ai danni dei
      cittadini.

      Una multa che possa chiamarsi tale, per queste
      aziende, deve partire dal 5% del fatturato annuo.
      E poi a salire, fin quando imparano. Si deve
      procedere a colpi di milioni di euro, non di
      spiccioli.Tiscali è già mezza fallita, non trovo utile comminare multe miliardarie che alla fine o non vengono pagate, o vengono pagate dal consumatore, oltre al danno la beffa!Troverei molto più utile un risarcimento diretto del consumatore danneggiato, cosa estremamente semplice da realizzarsi nel caso degli abbonati allle varie Telco, basta scontarli sulle successive fatture!Hai un beneficio, finalmente, per il consumatore danneggiato e hai una multa non simbolica che tuttavia l'azienda può pagare, diluendola nelle fatture fatte alla clientela!
      • DarkOne scrive:
        Re: Multe oltraggiose
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Tiscali è già mezza fallita, non trovo utile
        comminare multe miliardarie che alla fine o non
        vengono pagate, o vengono pagate dal consumatore,
        oltre al danno la
        beffa!
        Troverei molto più utile un risarcimento diretto
        del consumatore danneggiato, cosa estremamente
        semplice da realizzarsi nel caso degli abbonati
        allle varie Telco, basta scontarli sulle
        successive
        fatture!
        Hai un beneficio, finalmente, per il consumatore
        danneggiato e hai una multa non simbolica che
        tuttavia l'azienda può pagare, diluendola nelle
        fatture fatte alla
        clientela!E come fai a capire chi è il danneggiato? Ti ricordo che non esistono le class-action qui in italia, quindi una soluzione del genere è improponibile.Altrimenti tutta l'italia si alzerebbe e chiederebbe di essere indennizzata. Vai a dimostrare caso per caso che non è così...fai prima a fallire e riaprire.Utile sarebbe, invece, dare finalmente una regolamentazione all'erogazione dei servizi internet. Se fate caso sui contratti nuovi di Alice adsl, c'è specificato "Velocità minima garantita: 0 kbs". Andate a vedere il contratto e sbalorditevi.Questa è una cosa assurda che andrebbe regolamentata e controllata, non me ne frega niente di non pagare la prossima bolletta. Io pago, voglio il servizio così come me lo pubblicizzate e non che nelle "aree di digital divide" mi vendete una "Alice 7 Mega", che poi viaggia a 800kbs.Ma per favore.
        • Valeren scrive:
          Re: Multe oltraggiose
          - Scritto da: DarkOne
          Velocità minima garantita: 0 kbsZero vuol dire che sono fermo: è una mancanza di velocità, non una velocità!Vuol dire che possono portarmi il router e non perderenemmeno tempo a collegarmi in centrale.La velocità minima la raggiungo!Pagliacci, ho giurato che mai mi sarei attivato con loro e per fortuna riesco a mantenere la promessa.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Multe oltraggiose
            BMG sta per Banda Minima Garantita e rappresenta l'effettiva velocità minima che un provider garantisce di dedicare alla nostra ADSL.Finchè tutto funziona correttamente, dovremmo essere in grado di navigare alla velocità garantita 24/7/365, e potere richieder un rimborso nel caso il servizio non rispetti questi parametri.Si tratta di un acXXXXXrio costoso, in Italia come nel resto del mondo, e la maggior parte dei providers non lo offre abbinato a linee residenziali.Questo non significa che una velocità di 0 KB/s sia accettabile, per il cliente come per l'operatore: nel caso di Alice, mi pare che la soglia perchè venga aperta una segnalazione di guasto corrisponda a 1.5 Mb/s.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Multe oltraggiose
            Diverso il discorso dell'overselling; tutte le linee che ho attivato in zona vanno comunque a 7,5 Mb/s effettivi nel caso dell'ADSL e 19/20 Mb/s effettivi nel caso dell'ADSL 2+. :)
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Multe oltraggiose
          - Scritto da: DarkOne
          - Scritto da: Enjoy with Us

          Tiscali è già mezza fallita, non trovo utile

          comminare multe miliardarie che alla fine o non

          vengono pagate, o vengono pagate dal
          consumatore,

          oltre al danno la

          beffa!

          Troverei molto più utile un risarcimento diretto

          del consumatore danneggiato, cosa estremamente

          semplice da realizzarsi nel caso degli abbonati

          allle varie Telco, basta scontarli sulle

          successive

          fatture!

          Hai un beneficio, finalmente, per il consumatore

          danneggiato e hai una multa non simbolica che

          tuttavia l'azienda può pagare, diluendola nelle

          fatture fatte alla

          clientela!

          E come fai a capire chi è il danneggiato? Ti
          ricordo che non esistono le class-action qui in
          italia, quindi una soluzione del genere è
          improponibile.Come faccio a capire chi è il danneggiato? Ma se l'autority emana multe in ragione di comportamenti commerciali scorretti, mi pare ovvio che il danneggiato sia chi ha subito tale comportamento scorretto!Ossia se il garante ad esempio trova una pubblicità ingannevole, invece di comminare la solita multa potrebbe obbligare la Telco a risarcire con X euro tutti quegli utenti che hanno attivato il servizio incriminato durante la messa in onda di quella pubblicità, di poter rescindere senza costo il contratto ecc... Non mi sembra cosa difficile da attuare e non è in rapporto alla class action!

          Utile sarebbe, invece, dare finalmente una
          regolamentazione all'erogazione dei servizi
          internet. Se fate caso sui contratti nuovi di
          Alice adsl, c'è specificato "Velocità minima
          garantita: 0 kbs". Andate a vedere il contratto e
          sbalorditevi.Questo è un'altra cosa, che non è in relazione al discorso delle multe, ne le sostituisce, si tratta di esigere un livello minimo di servizio, la cosa incredibile è che non sia già richiesto per legge!
        • ruppolo scrive:
          Re: Multe oltraggiose
          - Scritto da: DarkOne
          Se fate caso sui contratti nuovi di
          Alice adsl, c'è specificato "Velocità minima
          garantita: 0 kbs". Andate a vedere il contratto e
          sbalorditevi.Io gli manderei indietro il contratto firmato con una postilla: "Canone minimo garantito: 0."
  • Wolf01 scrive:
    Troppo pochi soldi
    Continuano a non far pagare delle vere multe.Come se fermassero uno perchè va a 90 in centro abitato e gli facessero 36 di multa senza neanche decurtare i punti.E intanto questi continuano a dire sempre e solo quello che vogliono loro.Ma sinceramente perchè non obbligano a mettere una bella tabellona nella pubblicità dove si scrive velocità massima possibile, velocità minima garantita, tipo di profilo, costo orario (se a consumo) o mensilePoi possono mettere anche la tabella di confronto con i competitori che comunque non è sempre valida in quanto prendono ad esempio sempre la tariffa meno conveniente del competitore.
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    260.000 euro di multa?
    ma dai non é neanche un caffè per azienda di queste dimensioni. E' come dire: continuate pure a fare come volete tanto quello che ci guadagnate a fare i furbi é sempre superiore a quanto vi faro io, stato italiano, di multa.
    • MeX scrive:
      Re: 260.000 euro di multa?
      mi hai rubato il post dalla tastiera!Sarebbe come mettere la multa del divieto di sosta in centro a 1
      • Wolf01 scrive:
        Re: 260.000 euro di multa?
        Magari, mi costerebbe meno che fare il biglietto per il parchimetro :D
        • MeX scrive:
          Re: 260.000 euro di multa?
          appunto :)Le compagnie telefoniche sanno che la multa gli costa molto meno dei guadagni che ottengono agendo da furbi :(
      • infern0 scrive:
        Re: 260.000 euro di multa?
        Lui ti ha "rubato" solamente il post, mentre gli ISP e qualsiasi operatore di telefonia continuano a frodare i loro clienti su servizi essenziali per le relazioni sociali e il mondo del lavoro.I contratti stipulati continuano ad essere pieni di clausole e disposizioni predisposte per privilegiare la posizione del fornitore del servizio rispetto alla tutela rilasciata, solo a parole, all'utente finale.Ci si vuole distaccare dai pessimi servizi offerti da Telecom Italia? Bene, la pubblicità ingannevole può condurre verso operatori che non possono garantire quanto offre la stessa ex monopolista.Allora dove sta il problema? Si parla di digital divide e della volontà di garantire a tutti una banda minima di navigazione sul web e lo si fa in una nazione come l'Italia che invece, a detta di chi ci governa, è tra gli Stati più ricchi e potenti al mondo.Le strutture sulle quali si appoggiano i servizi di telefonia analogica sono fatiscenti ed eppure si continua a pagare moltissimo solo per la loro manutenzione. E si paga troppo anche per quello che gli operatori non sanno garantire.Le soluzioni potrebbero esserci, ma si pagano anche quelle. Qualcuno dovrà pure arricchirsi, se qualcuno continuerà a pagare.
        • MeX scrive:
          Re: 260.000 euro di multa?

          Le strutture sulle quali si appoggiano i servizi
          di telefonia analogica sono fatiscenti ed eppure
          si continua a pagare moltissimo solo per la loro
          manutenzione. beh questo non é un controsenso, anzi, di solito piú una cosa é vecchia piú costa mantenerla... solo che come dici piú avanti...
          Le soluzioni potrebbero esserci, ma si pagano
          anche quelle. Qualcuno dovrà pure arricchirsi, se
          qualcuno continuerà a
          pagare.investire in nuove infrastrutture é un investimento "lungimirante" e la lungimiranza manca da un po' sul suolo italico, e anche la luccicanza ;)
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: 260.000 euro di multa?
        - Scritto da: MeX
        mi hai rubato il post dalla tastiera!

        Sarebbe come mettere la multa del divieto di
        sosta in centro a
        1ti stupirà, ma a Monaco di Baviera, se non esponi il biglietto del parchimetro, la multa è di 5
        • MeX scrive:
          Re: 260.000 euro di multa?

          ti stupirà, ma a Monaco di Baviera, se non esponi
          il biglietto del parchimetro, la multa è di 5
          implica che devi provare che avevi il biglietto ma non era esposto, non penso sia la multa nel caso in cui tu proprio non abbia pagato il parcheggio ;)Come la multa di 10 se non hai con te l'abbonamento mensile/annuale del bus peró devi dimostrare di avere l'abbonamento sennó paghi la multa intera ;)
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: 260.000 euro di multa?
            - Scritto da: MeX
            implica che devi provare che avevi il biglietto
            ma non era esposto, non penso sia la multa nel
            caso in cui tu proprio non abbia pagato il
            parcheggio
            ;)no, la multa è proprio quella, non c'è da provare nulla.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 novembre 2009 16.17-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: 260.000 euro di multa?
            dubito, hai giustamente scritto se non esponi il biglietto, non se non hai il biglietto, son due cose molto diverse ;)
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: 260.000 euro di multa?
            - Scritto da: MeX
            dubito, hai giustamente scritto se non esponi il
            biglietto, non se non hai il biglietto, son due
            cose molto diverse
            ;)certo, ma per l'agente che ti lascia la notifica sotto al tergicristallo non fa nessuna differenza, dato che non ha modo di sapere se il posteggio non l'hai proprio pagato, o se il tagliandino te lo sei tenuto in tasca. ;)
          • MeX scrive:
            Re: 260.000 euro di multa?
            si ma ameno che non te lo fai dare da qualcuno che ha pagato il bigliettino non puoi mostrarlo...Suppongo che l'amico non la racconti tutta...Ti fanno la multa piena, se dimostri di avere il biglietto paghi solo 5
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: 260.000 euro di multa?
            - Scritto da: MeX
            Suppongo che l'amico non la racconti tutta...
            Ti fanno la multa piena, se dimostri di avere il
            biglietto paghi solo
            5non parlo per sentito dire.
        • jnz scrive:
          Re: 260.000 euro di multa?
          Una volta a Cannes mi sono messo a correre perche' la mattina si iniziava a pagare molto presto, l'ho scampata per un pelo perche il vigile era all'inizio della strada... poi ho visto la multa .. 11.. n.c.
      • ullala scrive:
        Re: 260.000 euro di multa?
        - Scritto da: MeX
        mi hai rubato il post dalla tastiera!

        Sarebbe come mettere la multa del divieto di
        sosta in centro a
        1Magari più che la multa sarebbe bene costringerli a modificare l'offerta (in modo che sia chiara) e fare restituire i soldi a quelli che hanno aderito alla offerta scorretta lasciandogli la scelta se confermare la offerta emendata ridotta di un x%Non succederà mai... ma in quel caso è più che sicuro che gli passerebbe la voglia!altro che il costo del caffè...Per fare un esempio un solo passaggio pubblicitario in "prime time" costa molto di più della "multarella"...Figurati che gliene frega!
    • Valeren scrive:
      Re: 260.000 euro di multa?
      Il problema è che la multa è probabilmente inferiore agli interessi su quanto hanno guadagnato con le "informazioni incomplete".Più che una sanzione è un incentivo.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: 260.000 euro di multa?
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      ma dai non é neanche un caffè per azienda di
      queste dimensioni. E' come dire: continuate pure
      a fare come volete tanto quello che ci guadagnate
      a fare i furbi é sempre superiore a quanto vi
      faro io, stato italiano, di
      multa.Il problema non sono le multe è a chi vanno!Perchè devono andare allo stato se il danneggiato è il consumatore?Tu garante multi l'operatore per una offerta scorretta... benissimo, fai restituire all'operatore il maltolto a tutti i clienti aderenti a quell'offerta... più semplice e giusto di così!
      • Il Gargilli scrive:
        Re: 260.000 euro di multa?

        Il problema non sono le multe è a chi vanno!
        Perchè devono andare allo stato se il danneggiato
        è il
        consumatore?
        Tu garante multi l'operatore per una offerta
        scorretta... benissimo, fai restituire
        all'operatore il maltolto a tutti i clienti
        aderenti a quell'offerta... più semplice e giusto
        di
        così!Parole sante Enjoy.. parole sante..Anche perchè (visto il paese dove ci troviamo) viene da pensare che lo facciano apposta..
    • fiertel91 scrive:
      Re: 260.000 euro di multa?
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      ma dai non é neanche un caffè per azienda di
      queste dimensioni. E' come dire: continuate pure
      a fare come volete tanto quello che ci guadagnate
      a fare i furbi é sempre superiore a quanto vi
      faro io, stato italiano, di
      multa.Giusto che è meglio trasgredire e chiedere perdono, piuttosto che comportarsi correttamente fin dall'inizio.
Chiudi i commenti