Chiavette USB al sapore di Sugar

Il fork dell'interfaccia grafica di XO inizia la sua corsa fuori dal progetto OLPC. Per tentare di resuscitare vecchi PC offrendo agli studenti gli strumenti per imparare

Roma – Walter Bender, ex-presidente del progetto OLPC e fondatore dell’organizzazione non profit Sugar Labs , vuole che ci sia un po’ di Sugar in ogni vecchio PC da adattare a scopo educativo. L’interfaccia originale della Children’s Machine, di cui Sugar Labs porta avanti un fork da quando Bender ha abbandonato Negroponte a causa dell’introduzione di Windows nell’orbita di OLPC, è stata trasformata in un sistema operativo esterno da caricare su stick USB , pronto a dare nuova vita alle macchine obsolete.

“Quello che stiamo provando a fare – dice Bender – è prendere un mucchio di vecchie macchine che a malapena riescono a far girare Windows 2000, e trasformarle in qualcosa di interessante e utile essenzialmente a costo zero”. Rinominato Sugar on a Stick , l’OS basato su Linux è disponibile per il download gratuito sul sito del progetto , e una volta installato su PC (vecchi e nuovi) offre a educatori e ragazzi l’interfaccia standard della Children’s Machine (espressamente pensata per tale ambito di utilizzo) più applicazioni a corredo.

Applicazioni che ammontano a 40 diverse possibilità di impiego, inclusi software base come Read, Write, Paint ed Etoys. La dotazione software può essere eventualmente arricchita attraverso i download accessori , molti dei quali pensati per far risaltare la collaborazione e la condivisione tra studenti e giovani informatici.

È presente inoltre la possibilità di lavorare con una configurazione client-server , dove i client Sugar possono connettersi al sistema che funziona da server (grazie a un pacchetto da scaricare a parte) per la condivisione dei file, il backup dei dati, il filtraggio dell’accesso a Internet e altro ancora.

Se Negroponte sostiene che utilizzare Windows permette alla Children’s Machine di aumentare enormemente il suo bacino di utenza, Sugar Labs è altresì convinta di dover seguire l’approccio open al problema dell’educazione informatica dei ragazzi che non possono permettersi un notebook di ultima generazione. Un approccio che desta interesse anche negli istituti educativi statunitensi come nel caso della scuola elementare di Boston Gardner Pilot Academy , a cui Sugar Labs ha fornito il suo software dietro la concessione di 20mila dollari da parte della Gould Charitable Foundation .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    I robot questi aiutanti fantastici!!!!
    Ma, di robot che hanno sostituito gli umani ce ne sono a miliaia, pensate solo alle catene di montaggio delle auto, saldano, trasportano, verniciano, montano automobili praticamente senza la necessità dell'intervento umano, se invece ci si riferisce alla sostituzione anche parziale in un abiente domestico, con riconiscimento degli abitanti, degli oggetti fragili o semplicemente degli animali domestici, allora forse vedranno qualcosa di rudimentale i nostri figli, i nostri robot attuali sono dei cassoni, lenti, ingombranti, senza autonomia di energia, fondalmentamente dei grossi giocattoli, i filmato sopra postato, è di una tristezza incomensurabile, già lo ha filmato un deficiente, poi le espessioni sono mal fatte, ho visto delle bambole,che con tre soli movimenti del viso sono più espressive di quella lattina.Che aggiungere....
  • Mattia scrive:
    Terminator
    Chissà se vedrò mai il giorno del giudizio con sti robottini da quattro soldi!!! :-)
  • Por scrive:
    Ma daiii
    Robot con espressioni facciali ne esistono già, a decine (anche se molti non tanto "belli" da vedere), dove è la notizia?
  • Tonino Guerra scrive:
    GIAAANNIIIIIIII!
    L'ottimishmo è il profumo della pheega!!!Vieni anche tu all'UniEuro!Ci sono robot che sorridono! Cucine a gas che vendono la droga!!!
  • Samuele C. scrive:
    robot sostituiranno gli umani?
    "I suoi creatori, della Waseda University di Tokio, non escludono che robot come KOBIAN possano iniziare a sostituire gli umani nei compiti più faticosi."fin ora ho visto solo dei frullatori che sorridono, accrocchi che stanno in piedi per miracolo, sono veramente penosi, aibo il piu promettente è un progetto morto la.Prima di sostituire un umano in compiti domestici dovremo vedere milioni di miliardi di migliorie eppure nonstante questo ogni volta che un nuovo robot/tostapane antropomorfo fa la sua apparizione scrivono che potrebbe sostituire gli umani!!... Puah! ridicolo, sostituire gli umani! senza neanche chiamare in campo l'int. artificiale che di certo non hanno, questi cosi a malapena deambulano senza rompere oggetti per casa..
    • r1348 scrive:
      Re: robot sostituiranno gli umani?
      Al massimo questo sostituisce gli emo...
      • Noncicloped ia scrive:
        Re: robot sostituiranno gli umani?
        - Scritto da: r1348
        Al massimo questo sostituisce gli emo...Impossibile, per avere un robot sfigato che sappia piangersi addosso ci vorranno almeno altri cent'anni!!! :-P
    • Funz scrive:
      Re: robot sostituiranno gli umani?
      - Scritto da: Samuele C.Fallo tu un robot perfetto se sei capace.a me farebbe comodo uno che fa il bucato, stira, carica la lavastoviglie, pulisce la casa, fa la differenziata, lava i vetri, lava la macchina, eccetera eccetera.Per ora mi accontento del roomba, che già di suo è unaXXXXXta :)
Chiudi i commenti